TELEPD

DI CLAUDIO MARTINI
il-main-stream.blogspot.it

Tutti i genovesi che hanno vissuto (e sofferto) le cinque giornate di sciopero dei lavoratori del trasporto pubblico (AMT) ricordano bene come, sia pur in un contesto di grande disagio, la solidarietà per la lotta degli autisti fosse assolutamente egemone. La pagina Facebook di sostengo ai lavoratori ha raggiunto le ventitremila adesioni. Le principali squadre di calcio cittadine hanno espresso la loro solidarietà.

Giovanni Floris, uno dei principali Marescialli del PUDE, decide di documentare la vicenda su Ballarò. Lo fa a modo suo. Manda un inviato, che trova per strada una vecchina. “Che ne pensa dello sciopero?” “È uno schifo”. “È veramente una vergogna”. >
Ed ecco che, con una intervista assolutamente casuale (si fa per dire), i telespettatori di tutta Italia si sono fatti un’idea equilibrata dell’opinione pubblica genovese. La parola ora passa all’esperto. Chi intervisterà Ballarò per avere un’opinione sugli aspetti economici della vicenda AMT? Fra tutti, non trova di meglio che interrogare Carlo Stagnaro, che è di Genova, ma sopratutto è super-liberista. D’altronde Ballarò è una trasmissione di sinistra, è normale che i pareri li chieda ai fanatici delle privatizzazioni.

Gran finale: intervista al Mercato Orientale. Per chi non lo sapesse, un luogo storico della città, dedicato al commercio ortofrutticolo. L’inviato si avvicina ad una negoziante con un approccio assolutamente super-partes: “lo sciopero l’ha danneggiata?” “tantissimo, le vendite sono crollate del 70%. Le cose stavano andando meglio, ma lo sciopero è stato una vera mazzata”. Segue una sommaria quanto commovente esposizione di tutte le magagne che rendono impossibile la vita dell’odierno commerciante; la signora non ce la fa più, e prorompe in lacrime a pochi centimetri dal microfono.

Riassumendo: i lavoratori AMT hanno commesso una vera porcata, facendosi odiare dalla cittadinanza, rovinando la vita della gente per bene, e tutto per difendere sprechi-inefficienze-ruberie ecc.  che sono il portato inevitabile dell’intervento della mano pubblica in economia. Ecco come Floris ha pensato di raccontare le cinque giornate di Genova.


Ancora una volta, Rai 3 si dimostra l’epicentro dello schifo televisivo. Questo è il canale televisivo semi-ufficiale della sinistra di questo paese. Ridateci Emilio Fede, allora. Emilio Fede, allora.

Claudio Martini
Fonte: http://il-main-stream.blogspot.it
Link: http://il-main-stream.blogspot.it/2013/11/tele-pd.html
26.11.2013

Pubblicato da Davide