Home / ComeDonChisciotte / SONO FRA NOI
14793-thumb.jpg

SONO FRA NOI

DI ALBERTO BAGNAI
goofynomics.blogspot.it
A parte l’occhiale démodé, voi rabbrividireste se un signore con tali fattezze si sedesse accanto a voi in metropolitana?
Credo di no, non ce ne sarebbe particolare motivo. Del resto, su questa riflessione è stato scritto un libro importante. Il fatto è che stiamo vivendo in una psicosi collettiva, e quelli che la alimentano, i responsabili di questa pericolosa ventata di irrazionalità (e quindi di repressione della democrazia), non vengono da un altro pianeta: sono in mezzo a noi, sono persone “normali”, qualche volta anche piacevoli: genitori premurosi, coniugi esemplari (su questo non entro), lavoratori scrupolosi.

Ma eseguono gli ordini.
L’ordine, ormai esplicito, è: smantellate la democrazia, perché costa. Del resto, costava anche negli anni ’30, motivo per il quale le centrali finanziarie dell’epoca (che poi sono le attuali) plaudirono all’avvento di Hitler e Mussolini, salvo poi toglierseli di torno quando l’etica dell’austerità aveva avvitato il mondo in una spirale deflattiva che poteva essere risolta solo con una energica manovra keynesiana: la II Guerra Mondiale.
Ma tranquilli… Io ogni tanto mi pongo serie domande sulle persone che incontro, su certe coincidenze, su certi percorsi, e poi mi dico che la storia non si ripete…

La SStoria però sì.

Alberto Bagnai

Fonte: http://goofynomics.blogspot.it

Link: http://goofynomics.blogspot.it/2015/05/sono-fra-noi.html

18.05.2015

Pubblicato da Davide

  • Leo_Pistone

    Come fa uno che nel suo piccolo ha completamente abolito la democrazia, sia pure per motivi diversi dai costi, a lanciare un allarme perché la stessa cosa sta accadendo a livello più ampio, per non dire globale?
    Non si accorgono i seguaci della contraddizione stridente tra le parole e le opere del Grande Professore? 
    Egli in questo modo non fa altro che rinchiuderli in un frame, del quale essi stessi sembrano accettare di buon grado l’essere prigionieri. Agitando lo spauracchio dell’abolizione della democrazia su scala globale li abitua sempre più, al punto che per loro diviene naturale, vivere in uno spazio virtuale in cui ogni elemento di democrazia è stato abolito e l’opinione ammissibile è una sola, quella del "Grazie Prof!"

  • Oxymen

    Stai commettendo l’errore madornale di mettere sullo stesso piano prassi e morale. Forse non ti sei accorti che i guru della controinformazione (salvo le dovute eccezioni) vivono una vita schizofrenica; ampi e condivisibili discorsi su come siamo ridotti male conditi da abbondanti dimostrazioni di egoismo al limite della persecuzione personale (che poi è l’accusa che muovono principalmente verso l’establishment, reo di averli ignorati). Prova a postare un commento come questo sul blog di Bagnai e vedi come va a finire…..alla faccia della democrazia!
    Di buone intenzioni sono lastricate le strade dell’inferno, ci ammonica Marx.

  • Abrazov

    Incredibile che vi si debba ancora spiegare la differenza tra un Blog e un Forum.

    Su di un Forum ( spazio aperto ) puoi anche scrivere poesiole come Er Ducetto di Pescara.
    Su di un Blog ( giornale interattivo personale ) er Ducetto ( proprietario e amministratore del blog ) si comporta di conseguenza e ti banna in quanto persona non gradita ( o portatrice insana di cazzate ) .
    In sostanza, la democrazia su un Blog non esiste !
  • PinoRossi

    Leggendo controinformazione si rischia di lasciarsi andare un po’ alla demenza, pretendendo perfezione dall’altrui, dimenticando il se che siede dietro lo schermo. Bagnai sul suo blog ha il diritto di fare come gli pare, e se qualcuno provoca o scrive accuse, giustamente lui banna e cancella. Però no, ha osato cancellare un mio commento, Dio lo fulmini.

    Sveglia, egocentrici da tastiera.
  • Leo_Pistone

    Se fatti oggetto di critiche le si accetta e si risponde nel merito, preferibilmente senza tentare di delegittimare pretestuosamente l’interlocutore a suon di insulti e nomignoli, segno evidente di assenza totale di argomenti, lasciandogli il diritto di replica.

    Sveglia seguaci cerebrolesi delle chiromanti in preda a frenesia da scalata sociale sulle spalle dei propri adepti!
    E accettare la pretesa che nel suo spazio uno possa fare quello che gli pare, ovvero praticare l’assolutismo più ostinato e retrivo, lanciando nello stesso tempo allarmi per l’abolizione della democrazia da parte altrui è la prova migliore che quanto appena detto è una triste realtà.
  • Toussaint

    E ti pareva! Mo’ si scatena
    il CSB, il Club degli Sfanculati da Bagnai, che si è formato su questo sito. Ne
    leggeremo delle belle.

    Per
    restare sul tema proposto da Bagnai e rilanciato da Davide, ed analogamente a
    quanto la Arendt pensava di Eichmann, vedo anch’io nei “difensori” dell’euro
    più che una forte stupidità, una sorta di leggerezza, un’incapacità ad
    elaborare un pensiero critico indipendente.

    Ed ancora, è all’interno di questa leggerezza che il male assoluto, l’euro, è
    diventato una cosa banale, quasi scontata, invece di essere interpretato per
    quello che è: il tentativo delle oligarchie finanziarie mondiali di abolire
    innanzitutto la democrazia, per cancellare subito dopo lo stato nazionale e
    quindi lo stato sociale, in un’orgia ordoliberista che aprirà la strada
    all’obiettivo ultimo, così caro ai malthusiani – la drastica riduzione della
    popolazione mondiale.

    Cos’è
    la “banalità del male” – sosteneva la Arendt – se non la struttura che permette
    all’etica di svanire e al cieco conformismo di prendere il sopravvento? Essa è,
    in una qualche misura, la cruda obbedienza che allontana la responsabilità dal
    colpevole e trasforma il genocidio eurista (tale lo considero) quasi in un’operazione
    meccanica. 

    Analogamente ad Eichmann,
    anche i sostenitori dell’euro sono vittime delle stesse reazioni istintive. E
    così, invece di pensare “che cose orribili stiamo facendo alle nostre
    popolazioni!”, alla BCE e all’Eurogruppo si cullano nel pensiero
    auto-consolatorio del: “che orribili cose dobbiamo fare per adempiere ai nostri
    doveri, che compito terribile grava sulle nostre spalle!" (qualcuno
    ricorda le lacrime della Fornero?).

    Saranno tutti vomitati dalla
    storia (speriamo).

  • Leo_Pistone

    Per
    me chiunque voglia avere un minimo di credibilità deve essere prima
    di tutto coerente con le proprie posizioni. Pertanto quello che tu
    valuti come un errore è per me un punto irrinunciabile e la base su
    cui opero le mie valutazioni.

    Dunque
    per quanto mi riguarda il Prof. è la persona meno credibile cui si
    possa pensare e vedo che questa opinione sta inevitabilmente
    diffondendosi. 

    Quanto
    al postare commenti in quel sito mi sembra del tutto inutile.

    Dato
    che si tratta di uno spazio che adopera come strumento di
    proselitismo, arrampicata sociale e acquisizione di visibilità,
    dunque per i suoi scopi personali volendo passare invece per strenuo
    difensore della parte più vulnerabile della collettività. E ben
    noto poi che in esso esegue una sistematica opera di censura per
    quanto non aderisca perfettamente alla sua ortodossia personale, che
    oltretutto cambia come il mutare del vento, o sia anche lontanamente
    a rischio di mettere in discussione il ruolo di protagonista assoluto
    e indiscusso dell’antieurismo, che vuole soltanto per sé.

    Del
    resto è proprio per questo motivo che ho scritto il mio commento
    precedente

  • Oxymen

    In democrazia la differenza che tu enuclei è ridotta a poca roba. Invece nel delirio autoreferenziale attuale fa poca differenza tra un messaggio sms ed un blog, considerati "propietà privata" a tutti gli effetti anche se di pubblica esposizione.
    Nessuno può negare agli amministratori di CDC il diritto di bannare chiunque sia a loro sgradito, esattamente come in un qualsiasi blog o forum. Fatto sta che qui succede raramente, mentre nel blog del prof succede molto spesso e, cosa ben più grave, esiste un filtro che setaccia tutti gli interventi reputati sconvenienti. Senza parlare degli attacchi ad hominem che sono il suo fiore all’occhiello.

  • Leo_Pistone

    Dunque, dal luogo in cui si è deciso unilateralmente di non applicare la democrazia in base alle proprie convenienze personali, si possono lanciare allarmi riguardo all’abolizione della stessa, che naturalmente è causata soltanto dagli altri!

    Opinione davvero stravagante.
  • Leo_Pistone

    ESATTO!!!

  • alsalto

    Adolf Eichmann come tanti altri non e’ che abbia spiccate caratteristiche somatiche al fine di poterlo "annusare" come folle…

    Anche perche’ quanto e se siano folli le gesta di tizio o di caio dipende da che parte sta chi ne fa lettura e si sa che chi vince scrive la storia e quindi JFK e’ un santo, nonostante il vietnam…consiglio lettura di "Alla corte di re artu’" di Chomsky se interessati nel merito.
  • albsorio

    http://it.wikipedia.org/wiki/Adolf_Eichmann

    Sono troppo stupido per capire Bagnai… Che c’azzecca questo nazista lo ha capito solo lui, bho.
  • Vocenellanotte

    Della persona Bagnai non me ne frega niente, non sarà un simpaticone, ma è libero di dire, fare, offendere chi gli pare e piace e pagare o far pagare come e quanto vuole. Non me ne frega niente neanche dei suoi seguaci, si sa che l’uomo debole per sua natura è felice solo da schiavo.

    Perciò la diatriba pro contro è sterile e strumentale nel coprire le assurde banalità delle sedicenti teorie di Bagnai che altro non sono che compitini da bravo scolaretto.
  • clack

    Sei stato più volte invitato a osservare le regole minime di educazione e civiltà quando decidi di commentare qui.

    Dato che qui non sei su goofynomics.
    Ma tu niente. 
    Evidentemente la tua urgenza di dimostrare il livello tipico dei seguaci di quel sito è incontrollabile.
    Se avessi un minimo di cervello, caso in cui non saresti un sostenitore del sito pippesco, comprenderesti che "sfanculare" qualcuno come dici non è segno di superiorità e nemmeno di avercelo più lungo, cosa che il Prof. dimostra perennemente tanta necessità di dimostrare, ma solo di povertà umana, incapacità interlocutoria e assenza di argomenti.
    Anche questo te l’ho già spiegato, ma proprio non ti ci entra. 
    Ecco allora che per sostituire il comprendonio che evidentemente ti fa difetto, ti affidi al tuo fanatismo. 
    Del quale per contro dimostri di essere fornito in grande abbondanza.
    Fanatismo che è ulteriormente suffragato dal fatto che tacci di essere euro-entusiasta chiunque si azzardi a criticare il tuo beniamino. 
    Ottimo esempio di sillogismo che suffraga ulteriormente, anche se non ce ne sarebbe alcun bisogno, le tue lacune intellettive.
  • clack

    Dal
    mio punto di vista il Grande Professore è un piccolo borghese, ma
    molto piccolo, che ha enormi problemi irrisolti di personalità ed è
    divorato da un’ambizione ancora maggiore. Quella di effettuare una
    scalata sociale che lo porti ai vertici, ma sempre della categoria
    dei maggiordomi. Che se ne renda conto o meno.

    Queste
    sono le motivazioni alla base del suo arrogarsi il ruolo di
    preminenza assoluta nello schieramento euroscettico, in funzione del
    quale esercita un’azione sistematica di delegittimazione nei
    confronti di chiunque sospetta possa in qualche maniera infastidirlo.

    Riguardo
    alla scalata che sta effettuando, invece di basarsi sulle proprie
    forze, probabilmente perché sa che non sarebbero sufficienti, ha
    deciso di costruirsi un seguito di fedeli, così da potersi più
    facilmente arrampicare sulle loro schiene.

    A
    costoro, resi più più creduli dalle conseguenze della moneta unica
    che patiscono in prima persona, egli
    prospetta l’avvenire radioso che a suo dire si verificherà in modo
    automatico all’uscita dalla moneta unica. Comportandosi così alla
    stessa stregua di una chiromante che abbindola deliberatamente i
    propri sventurati clienti.

    Egli
    infatti tralascia sistematicamente di rilevare che se esiste una
    classe sociale che è stata in grado di attrarre a sé tutti i
    benefici determinati dalla moneta unica, mai e poi mai rinuncerà ad
    essi, qualunque siano le condizioni che si verificheranno nel
    prossimo futuro. 

    Se possibile, invece, approfitterà di qualsiasi
    emergenza per poterne acquisire di ulteriori, come quella
    rappresentata dall’uscita dalla moneta unica. 

    Ecco perché egli
    spinge con tanta sistematicità al riguardo, tralasciando che in
    mancanza di un adeguato predominio politico, che non sono mai state
    così lungi dall’esercitare, le classi subalterne saranno destinate a
    un ulteriore bagno di sangue. Che consisterà in ulteriore
    compressione dei salari, abbattimento delle tutele, smantellamento
    del welfare e aumento del costo della vita che i ceti più influenti
    a livello politico non avranno difficoltà a imporre.

    Questo è il motivo per cui egli non tollera di sentir parlare di uscita dall’euro da
    sinistra e neppure di moneta collaterale: il suo obiettivo è quello
    di causare lo scenario appena descritto, servendosi proprio degli
    strati sociali che già sono stati colpiti maggiormente dalla moneta
    unica e ora lo sarebbero di nuovo dal suo abbandono. 

  • Valdo

    Sarebbe ora che anche il Prof prendesse atto che si sta affermando l’opinione che lui sia un antidemocratico anche tra coloro che pure ne condividono l’analisi economica. E ogni giorno di più, col risultato che con lui rimangono solo fan adoranti senza alcun amor proprio. Ma non lo farà mai. La sua mancanza di obiettività e il suo ego sono patologici.

  • Valdo

    Sarebbe ora che anche il Prof prendesse atto che si sta affermando
    l’opinione che lui sia un antidemocratico anche tra coloro che pure ne
    condividono l’analisi economica. E ogni giorno di più, col risultato che
    con lui rimangono solo fan adoranti senza alcun amor proprio. Ma non lo
    farà mai. La sua mancanza di obiettività e il suo ego sono patologici.

  • Leo_Pistone

    Esatto. Se poi aggiungiamo la sua violenza verbale nei confronti di chi calcola che non gli serva, cui contrappone un azzerbinarsi davanti ai potenti oltre i limiti dell’umana vergogna, si materializza un ritratto di grande tristezza.

    Che certo il movimento anti-euro, per quanto variegato e composto da numerosi personaggi di affidabilità opinabile, certo non merita
  • Primadellesabbie

    Gli ambienti sono sicuramente gli stessi che hanno ispirato e finanziato quegli esperimenti, o strettamente contigui o generati da quelli.

    "…salvo poi toglierseli di torno quando l’etica dell’austerità aveva avvitato il mondo in una spirale deflattiva che poteva essere risolta solo con una energica manovra keynesiana: la II Guerra Mondiale. …"

    Questo é possibile, tenendo presente però, che le cose sono andate come sappiamo per un cambiamento di campo di una delle parti (e di uno dei protagonisti), di cui difficilmente scopriremo mai le ragioni e le modalità.

    Sintetizzato dall’esclamazione di quella sentinella, al telefono: "Winston is back".

     
  • permaflex

    Dovrebbe costruire due liste di commenti sul blog,l’una ad accesso libero l’altra moderata.Giusto per dimostrare che servono,per discutere un argomento,coerenza un minimo di competenza ed onestà intelettuale.

    P.S. giusto per curiosità,notato che scesi all’interno della polemica l’argomento di discussione scompare? 

  • clack
  • clack

    Curiosità per curiosità, magari sarebbe il caso di verificare chi ha commentato criticamente ma argomentando le proprie tesi e chi invece si è rivoltato caricando a testa bassa con il solo intento di delegittimare chiunque si azzardi a non genuflettersi al grido di Grazie Prof! 

  • Leo_Pistone
    @ Toussaint
    Il tuo commento, in sostanza, taccia i critici del prof. di essere livorosi e rancorosi.
    Argomento fin troppo abusato dal tuo prediletto.
    Combinazione, ciò equivale in tutto e per tutto a quello che faceva il berlusca dei tempi migliori, quando liquidava regolarmente i suoi detrattori con l’accusa di essere invidiosi.
  • IVANOE

    Bagnai… SEMPLICIMENTE BELLISSIMO !!!
    E’ la sintesi di miliardi di pensieri sul perchè sul come ci troviamo così…devo dire io ci sono arrivarto tardi ma ci sono arrivato… e devo dirti che mi sono commosso…
    Grazie Bagnai.

  • Neriana

    Al netto di chi lo dice…la frase " sono fra noi" è un assurdo. Al contrario, siamo noi a non avere mai capito la democrazia. Mi pare che è impossibile smantellare la democrazia in quanto realmente non è mai esistita.   Le società democratiche possono esistere solo con democrazia diretta, e quindi la democrazia puo’ vivere solo nel contesto di un villaggio e nemmeno in una città. 

     Vizioli  in un suo scritto  fa emergere la perplessità di Constant e Tocqueville : 
    Paradossalmente, con l’affermazione dei regimi politici liberali e democratici che avrebbe dovuto rappresentare la vittoria sul dispotismo, la storia del concetto si arricchisce di contributi nuovi e inquietanti: Benjamin  Constant [www.swif.uniba.it] mette in guardia contro "il dispotismo dei moderni" che prende forma di un potere oppressivo esercitato questa volta "con l’autorità e a nome di tutti"; Alexis de  Tocqueville [www.swif.uniba.it] individua nella società democratica un dispotismo "di nuova specie", un "potere immenso e tutelare" che "avvilisce gli uomini senza tormentarli"; John Stuart  Mill [www.swif.uniba.it] denuncia il dispotismo dell’opinione pubblica che manipola le idee e, diversamente dalla tirannia, non opera solo sulle azioni ma anche sulla mente.

    Nonostante la sua indubbia novità nella storia dei regimi politici, il totalitarismo che ha dominato la scena del Novecento ha in comune con il dispotismo la capacità di estendere il dominio fino alla coscienza: il suddito docile è tale non perché non può ribellarsi ma perché non vuole ribellarsi e addirittura si identifica nel capo.

    C’è da chiedersi perché tirannia e dispotismo non sono più parole chiave del nostro linguaggio politico, vista la continuità storica che i due studi mettono in evidenza. Fra le varie risposte possibili la più inquietante è che le forme contemporanee della tirannide e del dispotismo del nostro tempo sono diventate talmente scaltre da cancellare i nomi che le descrivono e al tempo stesso le condannano senza appello quali modi perversi di dominio.


    http://www.swif.uniba.it/lei/rassegna/021016a.htm [www.swif.uniba.it]

  • Rosanna

    E’ vero sono tra noi:

    sono tra noi i "guru" della scienza economica che si spacciano per salvatori della patria, e invece ne sono i traditori …

    sono tra noi i "sepolcri imbiancati" che affermano la veridicità della "scienza economica", e invece ne mutano le teorie ad ogni battito di spread …

    sono tra noi i "bloggers fascinosi" che mostrano le fatidiche formule della loro dottrina, calcolo dopo calcolo, naturalmente solo agli eletti più adoranti …

    sono tra noi gli "sciamani del no-euro", che ne predicavano il collasso già nel 2012, ed ora cercano fabule alchemiche per prorogarne la fine …

    e infine sono tra noi "i profeti disarmati", che si arrampicano sugli specchi dell’arrivismo istituzionale,  per difendere una fantomatica democrazia morta e sepolta …

    ha ragione il "grande prof" … sono tra noi

    quindi non resta che "ballare coi Lupi e con gli Alemanni" …

  • Oxymen

    Hai perfettamente ragione sul piano filologico, ma non su quello del senso comune. I due piani si  sono intersecati per diversi motivi (primo di tutti la necessità di dotare il potere mercantile di un aspetto diverso dalla gerarchia divina del feudalesimo)  e si sono quindi separati quando il capitale ha assunto le forme odierne: la finanza (capitalismo casinò o neoliberismo come preferisci) non ha più bisogno di democrazia in quanto la parziale distribuzione dei redditi (quindi quella forma di pseudo uguaglianza) non è più un valore. Stiamo inesorabilmente scivolando verso una junta, al punto da farci rimpiangere il vecchio capitalismo produttivo ed apparentemente democratico (vi inquino tutto ma vi pago anche).
    Una volta demonizzate parole come tirannia e despotismo ed instaurate democrazie al loro posto…beh Libia e Iraq docunt

  • Valdo

    Bagnai può fare quel che vuole nel suo blog, ma che non pretenda di essere considerato democratico se di fronte alle osservazioni o alle opinioni altrui, invece di rispondere nel merito, censura o insulta. Che un soggetto che si comporta così possa ergersi a difensore del popolo o della libertà di opinione fa proprio ridere.

  • Neriana

    Infatti….Libia, Iraq e Siria dimostrano che non si deve temere la forma di Nazismo, che puo’ piacere o non piacere, ma al pari della democrazia ha per oggetto l’interesse della Nazione, mentre il Capitalismo dei Bankster vuolo solo demolire le Nazioni come soggetto che fa interesse collettivo .

  • Valdo

    Club molto vasto, visto che nell’ambiente economico-politico cui egli aspira ormai il tuo guru è considerato una macchietta. E poi mandare a fanculo il prossimo perché semplicemente fa una osservazione (non si sta parlando di attacchi pretestuosi, eh, ma di semplici osservazioni o puntualizzazioni fatte con buona educazione e argomenti logici) a te pare una cosa irrilevante per uno che si vanta di essere alfiere della democrazia e accusa gli altri di fascismo? Vedi Toussant, se a te sta bene dare sempre ragione ai palloni gonfiati e eleggere un capetto con l’ego di cristallo a tuo eroe, sei liberissimo. Però non puoi dare del coglione a chi si rifiuta di iscriversi al Club dei Fanatici Masochisti (CFM), di cui devi essere tessera numero 1 o 2.

  • Valdo

    Bravissima Rosanna

  • Toussaint
    Avete visto? Che vi dicevo? Scatenatissimi.

    Gente della vostra statura morale e culturale, comunque, uno come Cattelan lo conosce senz’altro. Avete presente il monumento di questo artista posto davanti alla Borsa di Milano? Ecco …

    Clack: Lei è il mio stalker mediatico preferito. Affanculo ce l’ho già mandata, uno psicologo glie l’ho già consigliato, che altro? 
    Valdo: Guardi che un paper di Bagnai ha appena ricevuto l’OK per una pubblicazione sulla London School of Economics (mi pare). C’è stato un post al riguardo. Una macchietta semmai sarai tu.
    Leo Pistone: Guardi che le critiche che fate, non vanno mai alla sostanza di quello che il Prof. sostiene (anche perché non dice niente di particolarmente originale, divulga solo argomenti della scuola keynesiana, se posso semplificare un po’). Vi lamentate solo perché a volte qualcuno viene trattato male. Ed allora dategli del cafone … ma dell’ignorante, della macchietta, questo proprio no! Se lo difendo è perché, in questo momento, volenti o nolenti il Prof. è una delle punte di diamante della lotta all’euro, e non si sente affatto il bisogno che venga denigrato. Non in questo momento, almeno. Dovrebbe al contrario essere sostenuto, chi vuole anche tappandosi un po’ il naso. Io non lo tappo affatto. Anzi, lo ringrazio per il lavoro che ha fatto, sia su Goofynomics che su a/simmetrie, di cui francamente c’era bisogno, per non finire nelle mani dei Giavazzi & Alesina. 
  • Abrazov

    [ MODE CIRCOSPETTO ON ]

    E’ vero, hai ragione…esiste un filtro … una tennologgia avanzatissima …
    Cerca, setaccia ed individua particelle anche infinitesimali di Illinois ….
    e le elimina, al di là dei contenuti sicuramente pregnanti e centratissimi,  che nemmeno la Rocchetta …plin…plin
    [ MODE CIRCOSPETTO OFF ]
    Il sospetto che l’autore del blog attui direttamente una moderazione  ? E di conseguenza decida cosa pubblicare e cosa no ? 
    Naaa…guarda tu che vado a pensare ….
  • Toussaint

    Gentile Signora Rosanna,

    mi perdoni, ma ho i miei limiti culturali e di comprendonio. Capisco "falso guru che si spaccia per salvatore della patria", capisco "traditore" (di che?), "sepolcro imbiancato" che cambia idea ad ogni battito di spread (???), "blogger fascinoso " (macché, l’ho conosciuto di persona, giusto un minuto, e non è ‘sto gran che, intendo dire fisicamente) che mostra la sua dottrina solo agli "eletti adoranti" (due libri con decine di migliaia di copie vendute, milioni di clic sui blogs, ‘sti eletti sembrerebbero un po’ troppi per essere tali), "sciamano del no-euro" (in buona compagnia, eh?, non c’è nobel all’economia che non sia d’accordo!) alla ricerca di "fabule alchemiche", "profeta disarmato che si arrampica sugli specchi dell’arrivismo istituzionale", "grande Prof" dev’essere stato un lapsus …
    Dicevo, capisco tutto, ma con "ballare coi lupi e con gli alemanni", cosa diamine intende dire?
  • Rosanna

    Beh, se l’alternativa è di passare dalle mani di Giavazzi & Alesina a quelle di Alemanno, Salvini, Giuliano Ferrara, La Malfa, Meloni e com…

    Bella prospettiva!!
  • ROE

    No. Hasta la victoria siempre. È l’unica possibilità.

  • clack

    @ Toussaint

    Che tu fossi affetto da una grave sindrome di fanatismo era evidente.
    Ma dato che parli di psicologia dimostri di essere affetto anche da evidenti sintomi di proiezione.
    Quella appunto che ti spinge a proiettare sugli altri i tuoi personalissimi problemi.
    Vuoi essere un seguace del Prof. che infatuato dai suoi metodi da chiromante rifiuta istericamente di vede le sue enormi incongruenze?
    Benissimo, non farai altro che suffragare che Goofynomics ha anche grandi meriti.
    Primo fra tutti quello di aver dimostrato che il piddinismo non è una questione politica manifestata attraverso il sintomo che colpisce esclusivamente gli elettori e i sostenitori del PD, ma uno stato mentale, che tra i seguaci di goofynomics ha diffusione endemica. 
  • Rosanna

    http://it.m.wikipedia.org/wiki/Balla_coi_lupi

    Gentile signor Toussaint, 
     guardi che io stavo parlando del film "Balla coi lupi" del 1990, interpretazione e regia di Kevin Costner
  • Toussaint

    Commento pretestuoso, tanto per fare una battuta (coraggio, di solito lei ne fa di migliori). Mi difende i teorici delle "restrizioni espansive?. Leo Strauss, un tipaccio, chissà se lei sa chi sia stato, parlava di "Reductio ad Hitlerum". Coraggio, qualche clic su Internet e anche una come lei ne capirà il senso (capiamoci, però, se c’è una persona che detesta Leo Strauss questa sono io).

  • Moreno

    Bel commento , brava .

  • Toussaint

    Aiuto! Non ce la faccio più a star dietro ai commenti suoi e della Sig.ra Rosanna. Vi mando un po’ della Melissa del mio orto? Come ho già detto in un altro commento, oltre che facilitare il sonno, aiuta anche a non dire cazzate (coraggio, un uomo di mondo come lei non si scandalizzerà di certo per parole con qualche zeta di troppo. Altrimenti le chiedo sia venia che pietà. Ho una certa età, posso dire tre parolacce al giorno senza essere rimproverato).

  • Toussaint

    Ammetterà che questa volta era stata un po’ criptica. Bel film, comunque.

  • Valdo

    Toussaint esulta perché la London School of Economics pubblica un papier al suo guru, come se fosse il Nobel dell’Economia o come se l’avesse scritto Toussaint stesso. Che pena! Ma sei capace di aderire alle idee di una persona senza doverne fare un idolo o hai bisogno del padrone cui dedicare anima e corpo? Bagnai è un eccellente divulgatore e un preparato economista (anche se per nulla originale, come lui stesso riconosce, del resto non può non riconoscerlo) ma come stratega politico non ne ha azzeccata una. Pazienza, capita, non si può essere bravi in tutto, se non che chi anche solo osa fargli notare qualche limite o qualche contraddizione, nel modo più pacato possibile, e aprendosi al dialogo, viene bannato o insultato. Un tipo così è da usare per quel che serve e tenere però a debita distanza. Se un gran numero di lettori di Bagnai si sono resi conto di questo enorme limite (i più brillanti se ne sono andati a gambe levate, capendo benissimo che costui usa questa strategia di proposito, in modo che chi rimane è solo chi non ha idee e carattere) vuoi che non se ne siano accorti molti suoi colleghi economisti e quei volponi dei politici? Ceeerto che se ne sono accorti, caro Toussaint, le voci girano in politica! E sarebbe ora che te ne rendessi conto anche tu.

  • Toussaint

    Sono troppo anziano e troppo scafato, signorino Valdo, per esultare nei riguardi di chicchessia. Vedo però che lei non ha capito una mazza, quindi "pena" la farà lei. Bagnai proprio quello che lei ha detto vuole essere, un buon divulgatore ed un buon economista.

    Un buon politico mai, dico mai, ha voluto esserlo. Ha sempre rifiutato, almeno fino ad ora, qualsiasi appartenenza partitica. Se ha un po’ di onestà, deve ammetterlo. Egli ha sempre detto che si deve agire nella società civile, che l’appartenenza ad un qualsiasi partito è negativa, bisogna convincere le persone, se necessario una ad una.
    Riguardo le posizioni critiche sull’euro, devo fare la lista? Kaldor, Stiglitz, Sapir, Krugman, Evans-Pritchard, Dornbush etc. ….. ma anche gli stessi Friedman e gli "austriaci", seppur dalle loro posizioni ordoliberiste. Lo stesso Mundell, padre delle AVO, interrogato da Palast (CdC ha pubblicato l’articolo), ha sostenuto che l’euro non ha niente a che vedere con la creazione di una buona moneta.
    Se difendo Bagnai, ma adesso mi son rotto veramente le scatole, è perché in questo momento il movimento non può prescindere dal Prof. Tutti gli attacchi che conducete su questo sito mi sembrano pretestuosi ed inaccettabili, minano solo a distruggere la sua credibilità, senza alcuna proposta alternativa. Magari ne faceste, almeno si discuterebbe di qualcosa.
    Non per fanatismo, quindi (non sono nemmeno "iscritto" al sito). Lei, signorino Valdo, non mi conosce, altrimenti non lo penserebbe nemmeno. Fra l’altro, avrei postato un commento riguardo l’oggetto dell’articolo, che è l’euro e la "banalità del male". Ci fosse stato un solo commento al riguardo, oltre al mio e a quello di un altro.
  • adriano_53

    Vado: "Sarebbe ora che anche il Prof prendesse atto che si sta affermando
    l’opinione che lui sia un antidemocratico anche tra coloro che pure ne
    condividono l’analisi economica".

    si può tentare di stare sull’articolo, ma di fronte a commentatori di tal genere, uno più concretamente dovrebbe chiedersi: "Chi sono i frequentatori di CDC?".
    Di fronte a molti di costoro, rappresentati da questo Valdo, da Clack,da Neriana, da Rossana, anche il pidiellino medio, sembra avere la Cosituzione degli Ateniesi e La Repubblica come livres de chevet.

  • Rosanna

    E allora viene da chiedersi:

    Chi sono i frequentatori di goofynomics?

    fedeli fondamentalisti, con gli occhi foderati di lardo?
    vorrei anche ricordare che il sopraddetto "guru" si è alleato con i famigerati pidiellini medi, come volevasi dimostrare:

    Bagnai sta a Salvini

    come Salvini sta a Belrusconi

    anche mutando l’ordine degli addendi, la somma non cambia

  • Toussaint

    Più che giusto. Quindi, tanto per citarla, non ci resta che "ballare coi Lupi e con gli Alemanni" …

    Lei preferisce il Wiskey o  il Bourbon? Se gradisce maggiormente quest’ultimo le consiglierei il Wild Turkey. A mio parere è migliore del Jack Daniels. E poi lo si regge di più. Che la notte le sia lieve, Signora Rosanna, e che sia lieve anche per me.
  • Giovina

    E dire che tu glielo hai foderato di post il blog di Bagnai.
    Scrivevi e scrivevi lenzuola di logorroici commenti.

    Bagnai e’ un buono e ti ha tollerato parecchio prima di metterti un tappeto all’uscita. Se io fossi, e bada bene, se io fossi, ma non lo sono, e Truman fa QUEL CHE GLI PARE, se fossi il gestore di Donchisciotte ti bannerei, e’ un semplice parere. Un blog se lo gestisce COME GLI PARE il proprietario. Invece qui si parla di come dovrebbe Bagnai gestire il SUO blog. Ma chi e’ antidemocratico e fascista? Ecco, voglio usare ‘sto termine abusato, voglio proprio usarlo, dalle mie labbra sara’ uscito una o due volte nella mia vita. Io sono una di quelle che ha gli occhi foderato di lardo bella cara. Attenta che non coli mentre passi, potresti scivolare e romperti un osso del tuo aristocratico scheletrino.

    Adesso dedicami una poesia di Dante, Professoressa. Dai usa il tuo bel linguaggio aggraziato per descrivere quanto sono seguace e senza personalita’ per leggere ogni giorno nel Blog di uno dei pochissimi veri Italiani che si fa un mazzo cosi’ per spiegare e aiutare la gente a capire.

  • idea3online

    Non esiste la democrazia, ma esistono miliardi di uomini sospesi nell’Universo, che navigano intorno a miliardi di stelle, a centinaia di pianeti, e questi miliardi di uomini dipendono dalla stella sole. 

    Siamo tutti in viaggio, due cose tengono in vita questi miliardi di uomini, il sole e le piante autotrofe. Nessuna struttura umana potrebbe esistere senza il sole e le piante verdi. Tutto è governato dalla Teocrazia ma per adesso non l’umanità. Ma Gesù il Messia, 

    Sacerdote in eterno dell’Ordine di Melkisedek

    ripristinerà il programma originale…

    Genesi 14:18

    Melchisedec, re di Salem(Gerusalemme), fece portare del pane e del vino. Egli era sacerdote del Dio altissimo.


    Ebrei 5:6

    Altrove egli dice anche:
    «Tu sei sacerdote in eterno
    secondo l’ordine di Melchisedec
    ».

    Salmi 110:4

    Il SIGNORE ha giurato e non si pentirà:
    «Tu sei Sacerdote in eterno,
    secondo l’ordine di Melchisedec».



  • Rosanna

    Che la notte sia lieve a voi anime belle e generose …

    sono così
    i fondamentalisti, credono ciecamente ai loro dogmi, e sono pronti a
    dilaniare chiunque osi sollevare una critica verso il loro guru …

    ma
    del resto la storia insegna … quante guerre di relgione sono state
    fatte nell’arco dei tempi, ed ora il nuovo culto del postmoderno, cafone
    e virtuale, costruisce una paradossale metafisica a suon di dogmi e
    misticismi, tanto ammalianti quanto problematici. E poi cosa dire della
    trinità, figlia del liberismo smithiano e mai realmente
    confutata da nessun economista “rispettabile”, costituita da
    mercato-efficienza-progresso.

    Elementi che non hanno di per
    sé una connotazione necessariamente negativa, però assumono una natura
    sinistra nel momento in cui vengono consacrati come strumenti
    salvifici tout court. Una salvezza che non viene più dall’apertura e
    dalla relazione con
    il Trascendente, come nel Cristianesimo nel quale l’Occidente affonda le
    sue
    radici, ma che comunque si rinnova nella fedeltà assoluta, totale,
    incondizionata dei fedeli nei confronti del loro sciamano di turno.

    A quando i riti sacrificali umani?

  • Giovina

    Dilaniare!……. La Madonna Addolorata! La martire! Tanto per rimanere in tema, ma che insegni pure reigione?
    E tu invece tu puoi scattare come una tarantola ogni qualvolta viene postato qualcosa di Bagnai, offenderlo e dare del paranoico a chiunque lo stimi. Lo hai dichiarato in uno dei commenti a un post nel forum di questo sito, su Bagnai. Tu usi le tue parole dall’alto della tua cattedra e noi cretini "paranoici dagli occhi foderati di lardo, seguaci" di Bagnai dovremmo strisciare e vergognarci e rimanere in silenzio.

    La passione e’ un stimolo per far muovere e mandare avanti il mondo e non per soddisfare il proprio amor proprio e lenire i propri rancori. Usi i versi di Dante per esprimere il tuo personale disprezzo per coloro che non sentono le tue grida di "sfanculata" da Bagnai, fai rivoltare i nostri Vati nella tomba.

    Ecco, la paranoica seguace del ducetto di Pescara ti ha dilaniato, stigmatizzata!
    Corri dal preside e dai tuoi colleghi "professori" e fammi espellere dalla tua "scuola".
    Tanto lo sapevo che l’interrogazione mi sarebbe andata male.

  • Veron

    ma che ti sei fumato stamattina ?

  • Primadellesabbie

    É da molto che guardo con deciso sospetto chi sostiene che le signore promuoverebbero la pace (poi la guerra la fanno fare ad altri, anche per vedere di cosa sono capaci, in passato assistevano ai tornei e premiavano o sposavano il vincitore, ma questo é un altro discorso).

    Ma qui si offre anche un ripasso del mondo delle sette.
    Ricomponiamoci, il tema potrebbe essere mal posto, forse una provocazione, la solita riduzione all’economico, ma sembra potabile.
  • Giovina

    "É da molto che guardo con deciso sospetto chi sostiene che le signore promuoverebbero la pace (poi la guerra la fanno fare ad altri, anche per vedere di cosa sono capaci, in passato assistevano ai tornei e premiavano o sposavano il vincitore, ma questo é un altro discorso)."

    Vuoi dire che questi altri sarebbero dei fessi ?

    "Ma qui si offre anche un ripasso del mondo delle sette."

    Vuoi dire che qualcuno si e’ "fissato" su una immaginaria setta o che questa setta vi sia, e qualcun altro vi appartenga?

    "Ricomponiamoci, il tema potrebbe essere mal posto, forse una provocazione, la solita riduzione all’economico, ma sembra potabile."

    "Potrebbe", "forse", "la solita riduzione all’economico"………..

    Se non hai le idee precise…….. oppure se "riduci la questio"……
    Poi non e’ che ho chiamato qualcuno a fare una qualche guerra 🙂
    Un bel Nobel per la pace te lo meriti.

  • Primadellesabbie

    Non hai chiamato, sei scesa in campo con la lingua la scimitarra spianata.

    Beh, se quella che si dispiega sopra non é mentalità settaria…le sette non sono ancora state inventate.
    Non sono io che "riduco la questio", é il testo in causa, ed anche in modo molto esplicito. La cosa non mi scandalizza nemmeno, oramai ho fatto il callo.
    Chi ha detto fessi? Forse sprovveduti o ingenuotti renderebbe meglio l’idea.
    Le idee le ho abbastanza precise, ma mai definitive, per praticità.
  • Giovina

    Ora sei stato chiaro.

    E bene! Mi fa piacere che la mia lingua si sciolga quanto quelle piu’ nobili e forbite di cert’altre persone.

    Ci sarebbe da ventilare il dubbio che non hai capito il succo della questio che ho risollevato, che magari quello si’, si puo’ ridurre, a educazione non solo di forma, ma di sostanza, e non a testi eventuali.  Non rivendico per me capacita’ melliflue linguistiche e culturali a rivestire contenuti di dubbia eleganza e dubbio spirito critico, contenuti di antipatie e rancori personali: lascio tale rivendicazioni ad altri.

  • permaflex

    Sinceramente non riesco a capire come non faccia ad apprezzare le innate doti di modestia simpatia e amabilità del professore

  • Primadellesabbie

    Giovina:  "il dubbio che non hai capito il succo della questio che ho risollevato, che magari quello si’, si puo’ ridurre, a educazione non solo di forma, ma di sostanza, e non a testi eventuali"


    Nessun dubbio, non ho capito e non voglio capire. E perché dovrei?

    Qui sopra c’é un brevissimo articoletto che attende di essere commentato, appena cessa il lancio di pomodori tra fedeli ed infedeli.


  • Giovina

    E che aspetti a commentarlo tu nel frattempo, o la tua cronaca della singolar tenzone te lo sta impedendo? O qualche pomodoro ti ha colto nella foga della battaglia e ti ha imbrattato la punta della penna?

  • IVANOE

    Dai su ragazzi Adriano voleva farsi un pò di pubblicità con la polemichina…
    Su su cerchiamo di capirlo chi di noi non cerca ogni tanto un pò di notorietà ?

  • Primadellesabbie

    Sei talmente accecata…alza gli occhi. No, non al cielo!

    Ciao Giovina.
  • Giovina

    Per fortuna che ci sono i tuoi di occhi limpidi e anti riflesso. Uniti ad altri senza sabbia fastidiosa sono la salvezza di questo sito.

  • Giovina

    Un po’ d’oppio dei popoli? 🙂

  • Primadellesabbie

    Giovinotta, il commento, che mi invitavi a fare anziché impicciarmi dei tuoi regolamenti di conti, é sopra.

    Hai perso il controllo, bada di evitare apprezzamenti personali se ti rimane un poco di buon senso.
  • Giovina

    Avevo letto il tuo commento, ma devi riconoscere che hai perso il filo che ti sei lasciato trascinare nell’off topic che critichi, ci avrai una immunita’ pure tu. Commenti personali i miei? Assieme ai tuoi o a quelli di altri non ci stanno bene? Poi non mi pare che in altre faide del sito ti sei mai premurato di rimbrottare qualcun altro in tal maniera e foga. Avrai avuto i tuoi oggettivi motivi. La chiudo qui e ti lascio la chiosa se ti va. Ci siamo conosciuti bene o abbastanza, possiamo cordialmente evitarci in futuro. Cordialmente.

  • Primadellesabbie

    Ti rileggerai quando sarai tornata in te, alla fine della bravata?

  • Giovina

    Ah, ma continui l’off topic. Non e’ gentile lasciare inevase domande cosi’  carine.
    Vedo che hai speranze su di me. Nella misura in cui ti rileggerai tu sicuramente. Ci tengo a contrabbiare la fiducia. In gamba.

  • Chigi

    Grande Toussaint.

    In quanto ai quattro stronzi che cercano notorietà attaccando Bagnai che dire?

    Mai una volta che dicano: Bagnai sbaglia perchè il grafico che ha esposto non è corretto…quello che ha detto è sbagliato perchè in realtà…..etc. etc.

    Quindi sono quattro stronzi e basta…non val la pena discuterci, perchè oltre che stronzi sono pure deficiiienti e si rischia di scendere al loro livello e perdere…

  • Chigi

    Sei una degli sfanculati da Bagnai? Vero?

    Come ti trovi con il democratico Grillo?

  • Chigi

    "Perciò la diatriba pro contro è sterile e strumentale nel coprire le
    assurde banalità delle sedicenti teorie di Bagnai
    che altro non sono che
    compitini da bravo scolaretto."

    Che tu sapevi già ben prima che Bagnai le esponesse, vero?

  • Chigi

    "Questo è il motivo per cui egli non tollera di sentir parlare di uscita dall’euro da
    sinistra e neppure di moneta collaterale"

    Compagni alle armi!!!

    L’Euro ci sta distruggendo, Bagnai è uno stronzo borghese, aspettate che RENZI ci porti fuori da sinistra, o Bertinotti, o Civati, o chi cazzo non lo so, ma aspettate che dobbiamo uscire da sinistra.

    Aspettate a chiudere le fabbriche, a suicidarvi, a morir di fame, a ravanare nei cassonetti, perchè dobbiamo uscire da sinistra e lo stronzo è Bagnai, chiaro?

    Ricordatevelo.

    P.S.; quanti stronzi ha partorito la sinistra sinistra….fanculo teorici da tastiera.

  • Chigi

    Tu che ovviamente non sei un seguace di Bagnai, quanto prendi per scrivere cazzate?

    Riesci a rispondere nel merito o non hai ancora ricevuto le istruzioni?

    Poveraccio…

  • cipperimerlo

    Per caso sei il moderatore?

  • cipperimerlo

    Se l’alternativa è affidarsi a Casaleggio, con la Spadini che danza con gli spiriti del vento…

  • cipperimerlo

    Non è poi così preparato: conosce la lezioncina che recita in aula, scritta su qualsiasi libro di testo.

    Non mi sono chiari i suoi scopi, ma la sua hidden agenda deve essere stata frustrata, ed ultimamente comincia a confessarlo (a suo modo).
    Nonostante affermi il contrario, è abbastanza irrilevante sul piano informativo e politicamente ininfluente. Penso che, a breve, sparirà.
  • cipperimerlo

    Se mio figlio si drogasse, pretenderei che si disintossicasse da sinistra.

    Altrimenti niente! Mica scherziamo…
  • cipperimerlo
    Per 4 anni ha raccontato la favoletta che la Germania avrebbe segato il ramo su cui è seduta, pontificando e insultando chi osava contraddirgli che non l’avrebbe fatto. Salvo oggi pubblicare sul sito della sua associazione che la Germania non sta segando il ramo su cui è seduta (e da prima che aprisse il blog).
    Per 4 anni ha raccontato che gli Stati Uniti si sarebbero stancati della Germania e avrebbero affossato l’euro. E guai a dirgli che gli Stati Uniti hanno usato il loro euro in giro per il mondo. Adesso ci ha ripensato: gli Stati Uniti hanno inventato l’euro e vogliono fare il TTIP per fare politiche mercantilistiche, come la Germania, magari con la parità euro-dollaro 1:1. Peccato che già adesso l’eurozona ha un abbondante surplus commerciale con gli Stati Uniti: se si dovesse arrivare alla parità questi verrebbero probabilmente sbriciolati.
    Raccontava che, per la valutazione dei cambi si usa la teoria della parità relativa dei poteri d’acquisto e che la lira avrebbe svalutato del 20%. Adesso, però, sembra che si svaluterà del 30%, nonostante lo scarto d’inflazione cumulata con la Germania si sia ridotto. E poi, la parità dei poteri d’acquisto la usano i trader. Peccato che l’inflazione è misurata mensilmente, con un ritardo anche di un mese: come fanno a fare valutazioni affidabili con così tanto ritardo?
    Continuiamo?
  • Toussaint

    C’era una volta Come Don Chisciotte. Ora è diventato il Club degli Sfanculati. Proporrei alla redazione di non pubblicare più articoli di Bagnai. Finisce sempre così. Con gli sfanculati che impediscono qualsiasi dibattito.

    E dire che l’articolo proponeva un parallelo parecchio interessante. Ci sarebbe stato parecchio da scrivere. Pazienza. Viva l’euro, viva Eichmann e viva le vostre sorelle. Non meritate nemmeno che uno s’incazzi. 
  • Giovina

    Credo Che Truman faccia del suo meglio. Nonostante i pareri negativi di Bagnai su questo sito, nella home e’ fisso il link a un articolo del professore. Tempo fa, stanca dei continui spunti anti Bagnai e relativi strappi di vesti, sul forum, chiesi che venissero messi in home ogni tanto degli articoli suoi, per non dare adito a dubbi su eventuali partigianerie. Ma forse hai ragione tu. E non vale la pena incazzarsi, sebbene a volte le misure si colmino. Non mi riferisco solo a Bagnai, che e’ un caso come altri di prese di posizioni alquanto discutibili dal punto di vista della oggettivita’. Comunque qui ci sono utenti che hanno avuto a che fare con Bagnai lo stesso ma non perdono certo tempo a rinnovare le ferite, e nemmeno scrivono stupidaggini su discussioni e argomenti vari. Per il tema dell’articolo postato hai ragione, se ne sarebbe potuto discutere in maniera interessante, ma il trollismo, alla fine io credo involontario e incoercibile di alcuni, fa finire sempre tutto a tarallucci e vino. Sono il lato naturale negativo dei forum, qualcuno la chiama democrazia, io piu’ semplicemente una perdita di tempo ad andargli dietro, non si finisce mai di imparare. Ciao.