Home / ComeDonChisciotte / SEGNALI OSCURI DI UN COLPO DI STATO IN SPAGNA
11472-thumb.jpg

SEGNALI OSCURI DI UN COLPO DI STATO IN SPAGNA

FONTE: TESTOSTERONE.PIT

La Spagna è al limite. La disoccupazione è quasi al 26%, di cui quella giovanile al 55%. Il governo è al centro di uno scandalo per corruzione. L’economia va verso un brusco stop. Il 23 gennaio, l’assemblea catalana ha dichiarato che la regione costituisce “un’entità sovrana politica e legale”. Un altro passo verso la secessione. E poi un generale ha fatto un discorso.

Sta venendo alla luce solo ora (1), ma è successo il 6 febbraio, secondo coloro che hanno assistito ad una conferenza sulle Forza Armate e la Costituzione al Gran Peña, un club di Madrid luogo di incontro preferito di ufficiali militari in pensione. La discussione è stata moderata da José Antonio Fernández Rodera, editore della rivista militare Revista Jurídica Militar.

Nella foto: Il generale di divisione Juan Antonio Chicharro, a San Fernando (Cádiz) nel 2009Tra i partecipanti c’erano Ángel Calderón, Presidente della Corte Suprema della Camera Militare, ed il generale Juan Antonio Chicharro, fino al 2010 comandante dei Corpi della Marina ed ora fra le riserve. Il pubblico contava circa 100 persone.

Tutto è filato normale finché non è intervenuto il generale Chicarro. All’inizio, ha chiarito che non si trattava di un discorso improvvisato. Secondo vari presenti, si è scusato: avrebbe voluto rifiutare l’invito a parlare, ha detto, ma l’attuale “offensiva separatista e secessionista” in Catalogna lo ha obbligato a farsi avanti.

Nelle forze armate, “c’è un generale senso di preoccupazione, paura, incertezza e confusione” sull’argomento, ha detto. Si è rammaricato del licenziamento del generale José Mena nel 2006, dopo che aveva pubblicamente suggerito che forse c’era bisogno di un intervento militare per contrastare le richieste della Catalogna per una maggiore autonomia.

Ha criticato i separatisti catalani per la loro interpretazione distorta della Costituzione con riferimento alla secessione ed ha offerto la sua personale interpretazione di due articoli: l’art. 8.1, che incarica le Forze Armate di difendere la Spagna e la sua integrità nazionale, e l’art. 97, che scandisce la subordinazione dei militari al governo civile. Il primo, ha detto, fa parte del nucleo duro della Costituzione. Il secondo è stato rimosso in un secondo momento, con meno forza.

Così, usando condizionali e trasformando affermazioni in domande, ha imbastito una teoria su quando i militari sarebbero giustificati per rovesciare il governo. Il problema si presenterebbe, ha detto, “se quelli responsabili della difesa della Costituzione non si comportassero nel modo richiesto dal loro ruolo”.

Ha chiesto ai suoi ascoltatori di immaginare cosa succederebbe se il Parti Popolare (PP) perdesse la sua maggioranza assoluta alle prossime elezioni e I nazionalisti catalani
Dovessero chiedere, in cambio del loro sostegno, una modifica della Costituzione per smantellare la dottrina della “unità indissolubile” della Spagna.

“Quindi che faranno le Forze Armate?”, si è chiesto, ma senza dare una risposta. “Le regole sono una cosa, la pratica è un’altra,” ha detto in modo enigmatico. “Se il meccanismo della difesa dell’ordine costituzionale non funziona, per atto o per omissione, allora…” . non ha completato la frase. “Il Paese è più importante della democrazia”, ha detto. “Il patriottismo è un sentimento e la Costituzione non è nient’altro che legge”.

Applausi, standing ovation, grida di “Bravo! Bravo!”. Le domande del pubblico sono andate anche oltre al discorso del generale, finché il cancelliere González-Trevijano ci ha dato un taglio: “L’alternativa alla Costituzione è il suicidio collettivo”, ha detto.

Quando la storia è iniziata a trapelare, Diego López Garrido, il portavoce socialista al Parlamento per le questioni di difesa, ha fatto pressione sul Ministero della Difesa affinché agisse immediatamente contro il generale; era ancora soggetto al codice disciplinare militare, che disapprova l’esortazione al colpo di Stato – in pubblico. Giovedì, il Ministero ha dichiarato di aver aperto un’indagine preliminare (2) per determinare cosa avesse detto esattamente il generale e se fosse in contrasto con qualche legge.

Forse messo in guardia dal generale, il governo sta adottando la linea più dura contro l’ambizione secessionista della Catalogna. Sempre giovedì, il Consiglio di Stato ha emesso un parere che indicava che c’erano basi legali insufficienti per contestare la dichiarazione dell’assemblea catalana. Venerdì, il premier Mariano Rajoy ha annunciato che il governo avrebbe sfoderato la sua arma legale più grande (3). Avrebbe portato la dichiarazione di fronte alla Corte Costituzionale basandosi sul fatto che avesse violato la Costituzione.

Ora è scoppiato uno scandalo per spionaggio politico, soprattutto in Catalogna, spargendo frammenti ed accuse di riciclaggio di denaro in lungo e largo. Leggete…  “Un Vasto Scandalo di Spionaggio Politico Completa il Sordido Scandalo per Corruzione in Spagna (4)”.

Fonte: www.testosteronepit.com
Link: http://www.testosteronepit.com/home/2013/3/1/dark-rumblings-of-a-coup-detat-in-spain.html
1.03.2013

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ROBERTA PAPALEO

NOTE:

1) http://politica.elpais.com/politica/2013/02/27/actualidad/1361994938_586044.html
2) http://politica.elpais.com/politica/2013/02/28/actualidad/1362053346_223767.html

3) http://elpais.com/elpais/2013/03/01/inenglish/1362146073_275808.html
4) http://www.testosteronepit.com/home/2013/2/15/now-a-vast-political-espionage-scandal-to-top-off-the-sordid.html

Pubblicato da Davide

  • andyconti

    Cataluña: culla della lotta antifascista e del progresso economico, invisa alla Spagna clerico-feudale. Che faranno i cittadini delle altre regioni?

  • RicBo

    Chi ha scritto sto pezzo certo non vive in Spagna. E’ troppo preziosa la conquista della democrazia e della libertà (pur con tutti i suoi difetti), troppo vicino il ricordo della dittatura, perchè gli spagnoli possano accettare un altro colpo di stato come quello di Franco del ’36. Il popolo reagirebbe e i militari non durerebbero un giorno. Senza contare che la stessa UE non lo permetterebbe, non è più tempo per colpi di stato, la sottomissione di un popolo ora si ottiene in altri modi.

  • Tanita

    Neanch’io credo possibile un colpo di Stato stile classico in Spagna. Degli altri invece capitano con frequenza; l’ultimo in Europa credo abbia avuto luogo in Italia.

    Comunque tutti questi crimini che si portano avanti in forma quotidiana contro i popoli dei paesi cosidetti PIIGS stanno avendo come conseguenza una situazione insostenibile. Chissá come andrá a finire.

    Ció che mi stupisce e che non ci sia comunicazione tra le societá civili, movimenti, organizzazioni, ecc. dei diversi paesi, come se ognuno fosse rinchiuso nella propria crisi che invece é la stessa, é comune. Questo fatto é alquanto sorprendente.

  • andyconti

    E purtroppo anche gli spagnoli memori della dittatura soccombono alle sottili arti golpiste della Ue.

  • RicBo

    Ció che mi stupisce e che non ci sia comunicazione tra le societá civili, movimenti, organizzazioni, ecc. dei diversi paesi, come se ognuno fosse rinchiuso nella propria crisi che invece é la stessa, é comune. Questo fatto é alquanto sorprendente.

    Non è così, in realtà i movimenti e molti partiti della sinistra europea internazionalista si incontrano continuamente per cercare di organizzare una rete che porti ad una strategia comune. Ci sono continue riunioni ad esempio tra IU, Die Linke e Syriza, i partiti più forti della sinistra europea, ma anche tra inglesi, francesi, ungheresi. Gli indignados spagnoli e portoghesi si riuniscono costantemente con gli islandesi, in ragione di ciò che questo piccolo popolo ha ottenuto.
    Il problema è che le forze (ed i soldi) sono quelle che sono e la sinistra di un paese chiave come l’Italia è del tutto assente.
    Ma il problema più grave è che l’informazione è talmente controllata da rendere questo lavoro del tutto invisibile.
    Si visibilizza come ideologia antisistema solo ciò che esce dalla borghesia antieuropeista alla Le Pen o Farage, tutta roba di destra, tutta roba che rappresenta l’ideologia della borghesia obsoleta, quella legata alla produzione fordista legata al territorio e per questo nazionalista, ma perdente di fronte all’oligarchia del nuovo capitalismo finanziario transnazionale. Oppure si sostiene e si spaccia come antisistema la crescita di fenomeni come il grillismo, che fa della non scelta di campo una bandiera, definendosi “nè di destra, nè di sinistra”, senza rendersi conto del pericolo intrinseco a questa non scelta.
    E’ un conflitto tutto interno al capitalismo quello che si mostra, mentre chi mette in discussione questo modello economico viene invisibilizzato.
    Guarda questo sito, si fanno tanto belli con la storia della pluralità e dell’alternativa all’informazione mainstream, ma se guardi bene, oltre ad essere infestato da sciachimisti e complottisti (il che sarebbe niente) fa propaganda a senso unico, a parte poche eccezioni.

  • Tanita

    Infatti, sono molto preoccupata. E poi ho i ricordi a fior di pelle. Noi siamo stati ad un soffio, un soffio soltanto di fare analoga fine, (salvando le distanze, le particolaritá, ecc.). Anche da noi la “destra democratica” era diventata (e lo é tutt’ora) piú funzionale agli interessi del Potere, rassegnando tutte le bandiere e la propria ragion d’esistere. Alla fin raccolgono in ogni elezione il 2, 3% che é ció che capiterá al PD (o il nome che ne risulti di future alleanze e trasformazioni) se non ritornano all’origine.

    Dove si potrebbe trovare qualche informazione sulle riunioni di cui parli?

  • makkia

    Neanche bisogno del popolo: sarebbe una buffonata come il putsch del Col. Tejero. Fanno il casino, offrono la “nuova Spagna” al Re, il quale alza il sopracciglio e dice “ma chi vi ha chiesto niente?”