Home / ComeDonChisciotte / SE LA FED SI COMPRA L'EUROPA
11854-thumb.jpg

SE LA FED SI COMPRA L'EUROPA

DI VALERIO LO MONACO
ilribelle.com

La notizia è uscita molto in sordina qualche giorno addietro, e l’abbiamo commentata immediatamente in trasmissione su Raz24: la Fed, Banca Centrale Usa, starebbe pensando seriamente di intervenire sui mercati per acquistare dei titoli di Stato dei Paesi europei in difficoltà. 

Mentre in Europa si discute a non finire sull’operato della Banca Centrale Europea in merito agli “aiuti” indiretti agli Stati per calmierare l’ascesa dei tassi di interesse, proprio mediante l’acquisto di parte del debito pubblico dei vari Paesi, ora parrebbe che anche la Fed stia per intervenire in “nostro” soccorso.

Tutto parte, e per ora finisce, da una frase pronunciata da Ben Bernanke un po’ di tempo addietro. Questa: «La Fed ha l’autorità per acquistare sia debito pubblico nazionale sia debito pubblico straniero»

In Italia è stata riportata pochissimo a suo tempo, ma ora iniziano alcune timide analisi in concomitanza con le turbolenze europee proprio su questo tema. Al di là della possibilità o meno che tale operazione possa avere inizio in grande stile, visto che è difficile che la Fed, una volta presa la decisione, lo faccia con interventi a basso profilo, è però tema che va analizzato a fondo. Perché nel caso le implicazioni per i Paesi europei sarebbero enormi.

Intanto chiariamo un punto: al momento, noi, non abbiamo ulteriori conferme dell’operazione, dunque invece di dare la cosa per certa salvo poi fare finta di nulla ove il tutto non dovesse concretizzarsi, preferiamo invece dedicarci ad alcune supposizioni in punta di logica. Anche perché queste, da sole, come vedremo sono più che sufficienti per avvalorare la tesi e le parole di Bernanke.

La cosa ha più di qualche reale possibilità, chiariamolo. Intanto perché la Federal Reserve, oltre alle operazioni monstre interne, cioè l’immissione di enormi masse di liquidità in Usa, già è attiva e praticamente da sempre sui mercati esteri. Poi perché, come cercheremo di spiegare, l’operazione rientra in una logica cristallina. 

Già a suo tempo la Fed intervenne in Europa concedendo denaro a varie Banche in difficoltà. Ma il passaggio ipotizzato verso un intervento anche sui titoli di Stato apre diversi altri scenari. Un conto è intervenire per acquistare parte delle Banche, un conto differente, come si intuisce, è invece andare ad acquistare parte dei debiti sovrani degli Stati. Questi ultimi, tra i quali il nostro, si troverebbero di fatto a essere “posseduti”, quota parte, proprio dalla Fed. Nel momento in cui firmiamo delle cambiali, cioè, nello specifico, dei titoli di Stato, diventiamo debitori verso qualcuno, il che di fatto ha enorme influenza su di noi.

Prima sintesi parziale: se la Fed acquista il nostro debito pubblico, a meno che un giorno, o prima o poi, per un verso o per un altro, con un meccanismo o un altro, non decidiamo di ripudiarlo (cosa assai improbabile, vista la classe politica che ci governa e la cittadinanza che la vota) ciò significa che diveniamo in quota parte proprietà degli Stati Uniti d’America, attraverso la Banca Centrale Usa. Basta questo per far capire l’importanza di questa indiscrezione?

Detto dell’urgenza del tema, resta ora da capire, ma non è difficile farlo, il motivo per il quale la Federal Reserve sarebbe ben pronta a intervenire in Europa. Una volta snocciolati i vari motivi per i quali sarebbe in procinto di farlo non ci si stupirà più nel prendere tale indiscrezione come, in realtà, una operazione ormai già messa in cantiere.

Che motivi e benefici avrebbe dunque la Fed ad acquistare debito pubblico europeo? 

Tanti. Differenti. Importanti. E alla fine dei conti, decisivi.

Intanto per fare spese da noi dovrebbe acquistare Euro, visto che non potrebbe comperare direttamente in Dollari. Questo non solo non è un problema per la Fed, visto che può stampare Dollari secondo necessità, ma diventa anche un beneficio diretto. Dopo aver fatto un accordo di swap con la Bce per proseguire con l’operazione, semplicemente stamperebbe denaro per andare ad acquistare Euro che poi userebbe per comperare i titoli di Stato. Il beneficio diretto, sempre per loro, sia chiaro, è quello che così facendo si creerebbe una situazione di ulteriore aumento di circolazione per il Dollaro, peraltro senza creare, in questo caso, problemi inflazionistici. Aumentare la circolazione del Dollaro, ricordiamolo, gli sarebbe utile per evitare che salgano troppo i prezzi delle materie prime e del petrolio, che è un altro problema che al momento si trova a dover fronteggiare. Potrebbe, in tal caso, ridurre un po’ il pompaggio interno di liquidità, che enormi pericolosità comunque le ha, e allo stesso tempo mantenere alto il valore di cambio delle altre monete rispetto al Dollaro. Ergo, gli Usa sarebbero, come effetto indiretto, avvantaggiati nelle esportazioni, con i benefici connessi all’economia interna.

Ma c’è anche il lato geopolitico, prima di passare a quello prettamente economico, finanziario e predatorio.

Andiamo per ordine. Gli Usa, soprattutto oggi, hanno assoluto bisogno che l’Europa non collassi economicamente e politicamente. La situazione attuale europea, disastrata dal punto di vista dell’occupazione e dunque della società nel suo complesso, è un problema enorme per gli Usa nel caso in cui essi dovessero intervenire militarmente in tanti scenari di guerra che si stanno aprendo, o che intende aprire per continuare a perseguire interessi da noi e in Medio Oriente. 

Rammentiamo cosa è successo con la Libia, ad esempio, o in Mali, dove complici le situazioni non felici dei Paesi europei ci sono state adesioni piuttosto timide agli interventi di fatto decisi dagli Usa. Ecco, ciò gli Stati Uniti non possono permetterselo. E ancora meno possono permettersi che l’Europa diventi a guida prettamente tedesca come in pratica avviene già da anni.

Per gli Usa l’Europa deve essere in buona salute e stabile, sia per essere utilizzata come mercato di sbocco per i prodotti statunitensi sia per essere usata alla bisogna come alleato strategico per perseguire gli interessi a stelle e strisce nel vecchio continente e ancora più a Oriente.

Dal punto di vista economico e finanziario, inoltre, le cose sono ancora più chiare. E più spietate, ovviamente: in Europa gli Usa possono venire a fare un mucchio di denaro. L’economia statunitense è alla strenua ricerca del rilancio e dell’aumento dell’occupazione. Ora, aprendo e tenendo vivi i mercati europei, sostenendo i debiti pubblici acquistando i titoli di Stato come ventilato da Bernanke, gli Usa beneficerebbero di milioni di nuovi posti di lavoro in patria. Da loro si produce di più, e si crea occupazione, perché l’Europa può iniziare nuovamente ad acquistare. Chiaro, no?

Ma non solo. Il punto dirimente, e pericoloso, è un altro. Questo: se la Fed “ci compera”, allora la finanza statunitense può attivarsi ancora di più nella gestione delle nostre economie. Ribadiamolo: se il nostro debito pubblico è in loro mani, sono quelle mani che ci inizieranno a guidare sempre più direttamente. Da noi c’è da fare enormi affari a prezzi di saldo: le sofferenze bancarie e quelle immobiliari, ad esempio, sono note. E su queste si avventerebbero ancora di più gli Usa. Ma ancora: entrando a gamba tesa nel nostro continente, e facendolo forti dell’aiuto concessoci con l’acquisto dei titoli di Stato, gli Usa avrebbero gioco facile a imporsi presso di noi rispetto la deriva del momento. Spieghiamo: al momento tra Fondi sovrani arabi e investitori cinesi e russi, l’Europa sta finendo spacchettata nelle mani orientali. Gli Usa non solo non vogliono permetterlo, ma vogliono partecipare alla spartizione e fare fuori gli altri il più possibile.

Tradotto in parole semplici: gli Usa, mediante la Fed, userebbero come moneta di scambio, o meglio come ricatto, il fatto di sostenerci con l’acquisto dei titoli di Stato dei Paesi di difficoltà. E noi ci caleremmo le braghe su tutto il fronte.

Altro aspetto, anzi due, collegati all’operazione. Il primo: se si realizzasse questo scenario, tutto il rigore tedesco andrebbe a farsi benedire e la Germania sarebbe fatta fuori, dal punto di vista politico ed economico, rispetto allo scenario europeo che invece adesso domina. Resteranno calmi, dalle parti del Bundestag? Difficile crederlo. Il secondo: potrebbe innescarsi una “corsa all’aiuto”. Perché mai, di fronte alle spese della Fed, dovrebbero rimanere ferme invece la Cina o il Giappone? E che effetti avrebbe una nuova corsa a sostenerci sull’economia interna?

Facile: tornerebbe una sorta di euforia e gli europei tornerebbero a fare acquisti felici, contenti e soprattutto ignari. Inconsapevoli di aver subito un nuovo piano Marshall, magari a doppia tenaglia – Usa e Cina – e questa volta con effetti definitivi sulla propria sovranità.

Ultima cosa, en passant. Non perdiamo di vista un punto cardine: la Fed starebbe per venire a fare acquisti in Europa con una operazione estremamente semplice e indolore per gli Usa e invece molto dolorosa per noi. Loro ci comprerebbero semplicemente stampando moneta dal nulla. Come le banconote del Monopoli, mentre noi saremmo legati a quel punto mani e piedi molto di più rispetto a quanto già non siamo adesso, dopo l’invasione europea della seconda guerra mondiale.

Valerio Lo Monaco

www.ilribelle.com
11.06.2013

Per gentile concessione de “La Voce del Ribelle”

La Voce del Ribelle è un mensile – registrato presso il Tribunale di Roma,
autorizzazione N° 316 del 18 settembre 2008 – edito da Maxangelo
s.r.l., via Trionfale 8489, 00135 Roma. Partita Iva 06061431000
Direttore Responsabile: Valerio Lo Monaco
All rights reserved 2005 – 2008, – ilRibelle.com – RadioAlzoZero.net
Licenza SIAE per RadioAlzoZero n° 472/I/06-599
Privacy Iscrizione ROC – Registro Operatori della Comunicazione – numero 17509 del 6/10/2008

Pubblicato da Davide

  • alvise

    E come no.Gli basta un QE di carta straccia, che politici corrotti accetteranno. e così la moneta di riferimento la farà ancora franca.Intanto i più del popolo italiano ne sanno molto di calcio piuttosto che di QE

  • amensa

    una frase del genere dimostra solo quanta ignoranza circoli ,,,,
    “…Intanto per fare spese da noi dovrebbe acquistare Euro, visto che non potrebbe comperare direttamente in Dollari. Questo non solo non è un problema per la Fed, visto che può stampare Dollari secondo necessità, ma diventa anche un beneficio diretto. Dopo aver fatto un accordo di swap con la Bce per proseguire con l’operazione, semplicemente stamperebbe denaro per andare ad acquistare Euro che poi userebbe per comperare i titoli di Stato. Il beneficio diretto, sempre per loro, sia chiaro, è quello che così facendo si creerebbe una situazione di ulteriore aumento di circolazione per il Dollaro, peraltro senza creare, in questo caso, problemi inflazionistici….”
    dopo essersi riempito la bocca con la parola “swap” dovrebbe spiegare anche cosa se ne farebbe la BCE di dollari oltre quelli che già possiede, quando tutti gli altri possessori di dollari nel mondo cercano di disfarsene. Ecome potrebbe aumentare la circolazione del dollaro restando chiuso nelle casseforti della BCE ? o pensa forse che la BCE metterebbe in circolazione i dollari assieme agli euro ? sarebbe a tutti gli effetti un acquisto della BCE mascherata da conversione in dollari.

  • amensa

    questa intenzione di Bernanke mostra solo la disperazione della FED che non sa più bene a chi rifilare i suoi stupidi pezzi di carta verde, ed allora cerca di crearsi un fronte europeo, chiaramente prendendoci per i fondelli.

  • albsorio

    Quello che dobbiamo capire è che la FED certamente può stampare dollari, comprare titoli e in qualche modo “controllarci”, cosa peraltro fatta anche dai fondi di investimento cinesi, ma che ci dobbiamo difendere. —- Come possiamo noi cittadini europei difenderci? —- Dobbiamo riprenderci la proprietá della moneta e la sovranitá monetaria. —- La moneta deve essere emessa dagli Stati europei senza debito, attraverso una BC di Stato, impedire la riserva frazionaria, altro modo per creare denaro fiat e trarne vantaggio a scapito della collettività. —- Tutto il resto è noia.

  • roberto4321

    Il problema della Fed e della finanza in generale è che la Merkel non può autorizzare Draghi a “stampare” sia per le regole della BCE ma soprattutto perchè tra due mesi si vota in Germania.
    Ci aveva provato il Giappone a tirare fuori tutti d’impaccio con l’abenomics ma questa si è schiantata contro il -10% e i vari -5% che il nikkei ha visto nei giorni scorsi. Quindi ora probabilmente la Fed sarà obbligata a fare quanto detto nell’articolo, ma ci sarà un MA grosso come una casa: il cambio Eur/Usd a quel punto andrà a 1.40 proseguendo il percorso che in questi ultimi giorni lo ha visto andare da 1,29 a 1,33. Questo riuscirà a farci probabilmente arrivare a settembre con uno spread non sopra i 400pts ma con un cambio eur/usd sopra 1,17 secondo uno studio Deutsche Bank l’economia italiana è già in affanno, immaginiamoci a 1.40, quindi dopo o la BCE stampa alla grande oppure facciamo BUUM come ha detto Grillo.

  • yago

    Intanto mentre tutti vogliono svalutare per rendere competitivi i loro prodotti , l’euro continua a rivalutarsi. Questa è follia scellerata e dimostra che se non si esce dall’euro non c’è scampo.

  • Shivadas

    l’obiezione mi pare corretta, occorre però tenere presente un aspetto fondamentale. Per gli USA è indispensabile la presenza di un Euro forte e sarebbero disposti a fare qualunque cosa per evitare un deprezzamento dell’Euro. Un forte indebolimento dell’Euro farebbe crollare il castello di carta e il dollaro da un lato rischierebbe di diventare carta straccia (per altro potrebbe essere utilizzata in modo intelligente visto l’enorme quantità di $ in circolazione) dall’altro creerebbe scompensi inimmaginnabili, fino al rischio che le materie prime potrebbe essere acquistate non più in $ (ricatti dei los americanos permettendo). Meglio morire in piedi che vivere in ginocchio

  • ejgejames

    No, la Fed si compra l’Europa perchè se l’economia europea vacilla, vacilla il commercio internazionale. E se vacilla il commercio internazionale vacilla il dollaro che lo adopera. E se vacilla la platea planetaria del dollaro vacilla la possibilità della Fed di stampare senza generare inflazione in patria.
    Se la Fed non può più stampare come una forsennata, non c’è modo di inondare il mondo con la liqudità necessaria per rendere convertibili i Cds e i derivati in scadenza, il che in un mondo di derivati che ha raggiunto la dimensione di 30 volte (!) il Pil annuo del mondo, è un rischio neppure da ventilare, mentre la Fed si dimostra impotente a rallentare un’emissione di
    derivati delle banche americane che ha ripreso a crescere senza sosta.

    Far stampare alla Fed per tutto il mondo, per spegnere anche il minimo focolaio di incendio, non è essenziale ad una dominazione americana dell’Europa, quanto a preservare il delicatissimo equilibrio americano, che definire come una passeggiata su un burrone sopra un filo di cacca sarebbe un eufemismo gentile.
    Il progetto della Fed è semplicemente estrema autosalvaguardia del dollaro e della finanza USA dal crollo prossimo venturo, poichè basta che solo l’1% dei possessori dei derivati, per un evento improvviso ma psicologicamente trainante, decida di richiedere la monetizzazione dei derivati alla loro scadenza, che il pagamento assorbirebbe tutti i dollari circolanti sul pianeta, il che significherebbe il crollo senza ritorno del dollaro e la guerra civile in America. A questo servono infatti i progetti dlla NSA che emergono: a fronteggiare la guerra civile prossima ventura.