Home / ComeDonChisciotte / SE LA CINA NON COMPRA PIU' DOLLARI
12500-thumb.jpg

SE LA CINA NON COMPRA PIU' DOLLARI

DI VALERIO LO MONACO
ilribelle.com

Molto semplicemente, con una scelta sovrana, la Banca Centrale cinese ha dichiarato senza mezzi termini che “accumulare riserve in valute estere non raccoglie più i favori della Cina”.

Tutte le valute, naturalmente, ma in modo particolare, e certamente preoccupante per gli Stati Uniti, a essere oggetto di questa decisione è il biglietto verde.

Si tratta della notizia più importante, a livello macroeconomico e geopolitico, delle ultime settimane. La stampa internazionale non le ha dato grande risalto, quella interna italiana non ne ha parlato proprio: tutta presa, come è da mesi e mesi, a commentare le quisquilie interne. Ivi inclusa la grottesca battaglia attorno ai 2 miliardi di euro per abolire la seconda rata dell’Imu nello stesso momento in cui l’Italia ne spende 1600 all’anno e ne dovrà trovare ulteriori 50 nel corso del 2014 per rispettare il Fiscal Compact sottoscritto a suo tempo. Come se in una qualunque famiglia si discutesse all’infinito per trovare il denaro per andare a mangiare una pizza in quattro a fronte di tutte le altre spese del bilancio.

Tornando alle cose che contano, invece, questa della Banca Centrale cinese è veramente una sorta di bomba. Le riserve, ancora al quarto trimestre del 2013, ammontavano a circa 3,66 trilioni di dollari.

L’accumulo da parte della Cina di moneta statunitense avviene da anni e anni, operazione messa in piedi per tenere alto il livello del dollaro e allo stesso tempo basso quello dello yuan, onde rendere quest’ultimo estremamente competitivo per le esportazioni cinesi. Ma la musica sta cambiando. Già da un po’. E dunque, con questa decisione, si imprime una nuova accelerazione alla strategia già in atto da tempo di dismissione delle riserve in valuta statunitense.

Sono già anni, ormai, che l’acquisto di titoli di Stato Usa è calato da parte della Cina. E ora calerà ulteriormente.

Gli Usa dovrebbero tremare. Ancora di più rispetto a quanto già dovrebbero aver iniziato a fare da tempo. Perché se in primo luogo la politica economica cinese ha favorito le aziende interne a sfavore di tutte le altre nel resto del mondo (cosa che riguarda anche noi, beninteso) il fatto che oggi si dichiari che la Cina non trae più alcun beneficio dall’accumulo di valute estere significa una cosa sopra ogni altra: lo yuan è pronto a invadere il mondo. Ovviamente sostituendo, via via, le altre valute internazionali usate per gli scambi. Dollaro in primo luogo.

Dal punto di vista prettamente statunitense, la cosa è di portata enorme. Per avere dei prestiti gli Usa dipendono fortemente da chi acquista, e dunque ne sottolinea e mantiene il valore, i titoli di Stato. Ma se questi iniziano a non essere più graditi, oltre al fatto di non riuscire più a piazzarli agli stessi interessi di prima, il problema è molto più ampio, perché gli Usa soprattutto hanno nella politica del “debito di Stato” la loro unica motivazione di reggersi ancora in piedi. Se i titoli di Stato Usa non vengono più acquistati, il dollaro, di fatto, inizia a non valere più nulla.

Già ora, malgrado siano riusciti a tenere la propria moneta in vita contro tutte le logiche economiche e persino meramente aritmetiche, gli Usa non riescono a far quadrare i propri conti, vedi i fatti recenti dello Shutdown federale e del Fiscal Cliff, peraltro rimandato, quest’ultimo, a metà febbraio 2014. Cioè praticamente a dopodomani. Ma tutto si regge, da sempre, sulla “promessa” del valore della sua moneta. Ecco, se ora questa moneta non è più apprezzata tanto che il primo acquirente mondiale inizia sul serio a disdegnarla, è facile immaginare quali potranno essere i contraccolpi oltre Atlantico. E, beninteso, per tutte le altre economie legate a vario titolo alla tenuta del dollaro. Europa inclusa.

Cresceranno probabilmente i tassi di interesse che gli Usa dovranno concedere per vendere i propri titoli. Il che, oltre ad aprire degli enormi ulteriori insormontabili problemi all’amministrazione statunitense, disvela anche lo scenario ulteriore che abbiamo accennato: iniziare a usare lo yuan come valuta di riserva internazionale e soprattutto come moneta di scambio per materie importanti per ora appannaggio esclusivo del dollaro. Petrolio in testa.

Alla Borsa di Shanghai, secondo la Reuters, si inizierà prestissimo a quotare i diritti di acquisto (futures) sul greggio in yuan. A cosa servirà più dunque il dollaro? E a cosa “serviranno” più gli Usa? Come si terranno in piedi? Dalle sconfitte internazionali delle politiche neocons di Iraq e Afghanistan alla crisi dei subprime agli schiaffi presi giorno per giorno dalla Russia sul caso Siria e Iran sino a questo ulteriore pugno in pieno volto proveniente da Shanghai: l’Impero sta per cadere in ginocchio.

Allora, molto chiaramente: la Cina è pronta per diventare il punto di riferimento per tutta l’Asia, in sostituzione degli Stati Uniti e, complice anche la decadenza costante dell’Euro, a questo punto non si vede altra moneta mondiale, e altra potenza commerciale, in grado di contrastarla. Da Oriente a Occidente.

Tempi. Non brevissimi, naturalmente. Questa della dismissione di dollari è politica in atto ormai da anni, e la tappa relativa al commercio di petrolio in yuan necessita di passaggi successivi. Ma la direzione è quella.

Conseguenze. Le merci acquistate dagli statunitensi, dopo la caduta del dollaro, costeranno molto di più. E il tenore di vita tenuto artificiosamente alto, o almeno a galla, dopo lo scoppio dell’ultima crisi, è destinato a crollare sensibilmente. La falsa – e cieca – prosperità degli Stati Uniti appare arrivata al termine e a presentare i conti.

Ma la domanda da porsi, più importante, è quanto e come gli statunitensi reagiranno a un declino repentino del loro Paese e al crollo delle condizioni di consumo e vita. Sono lontanissimi i tempi in cui Bush dichiarava senza mezzi termini che «il tenore di vita degli americani non può essere messo in discussione». Ora in discussione lo è eccome. E si tratta di capire come si comporteranno la popolazione e lo Stato.

Perché una cosa è certa: a una azione di questo calibro della Cina non potrà che esserci una reazione Usa.

Valerio Lo Monaco

www.ilribelle.com
27.11.2013

Per gentile concessione de “La Voce del Ribelle”

La Voce del Ribelle è un mensile – registrato presso il Tribunale di Roma,
autorizzazione N° 316 del 18 settembre 2008 – edito da Maxangelo
s.r.l., via Trionfale 8489, 00135 Roma. Partita Iva 06061431000
Direttore Responsabile: Valerio Lo Monaco
All rights reserved 2005 – 2008, – ilRibelle.com – RadioAlzoZero.net
Licenza SIAE per RadioAlzoZero n° 472/I/06-599
Privacy Iscrizione ROC – Registro Operatori della Comunicazione – numero 17509 del 6/10/2008

Pubblicato da Davide

  • Tao
  • Arcadia

    Bellissimo art.
    Complimenti all’autore.

  • mimmogranoduro

    Faranno come hanno sempre fatto,con fare maramaldesco,tirando dentro il progetto, l’europa,diranno che la globalizzazione ,cosi come si è manifestata è un mostro e quindi va ripensato-in conclusione,dopo aver portato l’europa allo stesso livello di disagio socio-economico USA,chiederanno di reintrodurre ,dazi,frontiere e valute nazionali, dove loro ovviamente con accordi di mercato internazionali,cercheranno di tagliare le gambe alla economia cinese-i servi tecnocrati europei si occuperanno di rieducare il popolo europeo a un ritorno alle radici nazionali-

    L’unica incognita di questo progetto?quale sarà la strategia Russa nei confronti di tale progetto-

  • TheChoice
  • cavalea

    Se tornano le frontiere e i dazi doganali, tornano anche i milioni di posti di lavoro dislocati temporaneamente in Cina e nel terzo mondo.
    Varranno gli innumerevoli brevetti industriali legati alle altissime tecnologie di cui sono depositari, e si apriranno altre prospettive e opportunità, per chi è ancora in grado di opporre autorità e sovranità allo strapotere degli USA.
    Ah, per i servi e i camerieri, cambia nulla.

  • GioCo

    AAAhhhh cavoli! Ma quando la finiamo con questi toni da “combattenti” d’altri tempi?!?
    Gli USA sono comandati da una cricca di sudici manipolatori dell’economia, ok. Quindi? Quindi basterà loro cambiare corso legale della moneta, chiamarla in un altro modo e renderla pubblica allargata a più stati (Canada e Messico?!).
    Ecco, già fatto: le riserve mondiali di dollari domani valgono … la carta igenica su cui sono stampate. Ah, dimenticavo, siccome è denaro virtuale … beh, manco ci si potranno più pulire il didietro i Cinesi …
    Vedete, è vero che gli USA hanno perso molta influenza e molto potere e che questo è dovuto a una serie infinita di manovre economiche troppo azzardate, ma l’economia è fatta di questo: manovre azzardate e oltre al danno (e alla beffa) ciò che si è realizzato veramente è un avvicinamento strutturale socio-economico USA e UE a quello Cinese. Perfetto! Adesso hanno bilioni di poveracci sfruttabili come in Cina. Ancora possiamo pensare Bernake o Summers o qualun’anltro diversamente che dei Geni (Satanici ma Geni)? Cambiando corso legale alla moneta si darà spinta a una nuova economia: certo gli USA hanno perso influenza ma nessuno sta comandando entro i loro confini … beh, se si esclude una fetta non indifferente di personaggi ambigui legati a Israele ovviamente …