Home / ComeDonChisciotte / SCALFARI E QUELLA CENA COSI’ STRANA E INQUIETANTE
12302-thumb.jpg

SCALFARI E QUELLA CENA COSI’ STRANA E INQUIETANTE

DI PAOLO GUZZANTI
ilgiornale.it

Mancava soltanto Francesco, il Papa. Lo aspettavano per il caffè ma poi ha dato buca. Tutti gli altri erano lì: il signor presidente della Repubblica, il signor presidente del Consiglio dei ministri, il signor presidente della Banca centrale europea.

Quanto all’anfitrione non poteva che essere lui: Eugenio Scalfari, l’uomo di gran lunga più onnipotente di Dio, cui non crede ma da cui ha comunque ottenuto un voucher per l’eternità – just in case – proprio dal commensale assente, il papa argentino. Non conosciamo la disposizione dei commensali (anche se immaginiamo Giorgio Napolitano a capotavola) e ignoriamo tutto del menù. Non ci sembra invece difficile indovinare i temi della conversazione, dato il consesso e lo stato delle cose, ovvero la situazione politica.Pur giocando a mosca cieca con i dettagli, ci sono un paio di considerazioni che vorremmo fare.

Il presidente della Repubblica è la più alta istituzione di garanzia del Paese. È il garante dei garanti, il super partes fra i super partes, un equilibrista in equilibrio. O, almeno, dovrebbe. E da chi va a cena? Dal venerando Eugenio Scalfari, creatore e signore di ebdomadari e gazzette quotidiane di gran successo, nonché di teorie sulla latente esistenza sia di Dio che del suo Io (cui dedicò con successo un suo libro) ma più che altro il campione incontrastato dell’antiberlusconismo, benché gli sia capitato nella sua lunga vita persino di intrattenersi ad Arcore alternandosi al pianoforte con l’odiato Cavaliere.

Insomma, al di là della scelta dei vini e dei contorni, quel che colpisce di questo simposio (rivelato ieri dal Fatto Quotidiano) è che almeno due figure centrali per il loro ruolo di garanzia – Napolitano e Draghi – piluccavano e sorseggiavano nella magione del principe e decano dell’antiberlusconismo più militante e quasi militare.

Dunque, non era certo in campo neutro che il garante della Costituzione e quello della Banca centrale si sono trovati insieme al presidente del Consiglio, il quale ultimo, pur non essendo un garante istituzionale è tuttavia un garante di fatto visto che concentra in sé la funzione di una alleanza in atto, che sostiene un governo non ancora sfiduciato. Non vorremmo essere nei suoi panni, ma i suoi sono comunque i panni di un garante.

Garante l’uno, garante l’altro e garante l’altro ancora: eccoli lì tutti a cena da Eugenio. Domanda ai lettori: c’è per caso qualcosa che non va, che non suona bene in questa faccenda? Sì, d’accordo, Scalfari si può permettere l’ego smisurato che ha, e si nutre soltanto di ospiti adeguati alla sua dieta. Ma gli altri? Perché il capo dello Stato, garante della Costituzione, era a discutere di politica – e di che cos’altro sennò? – con un giornalista schierato su uno dei due fronti politici? E che cosa ci faceva Mario Draghi? E che cosa Enrico Letta, in partenza per gli Usa? Non ci vuole molta fantasia: Eugenio dirigeva l’orchestra non facendo mancare la sua devozione a Napolitano; Draghi parlava poco e annuiva molto, Letta non poteva frenarsi dall’esprimere la sua esausta frustrazione.

Provando a immaginare la cena, ecco che un’altra immagine ci si è parata davanti: quella del panfilo Britannia a bordo del quale nella primavera del 1992 – annus horribilis di Falcone, Borsellino, Tangentopoli e molto altro ancora – fu avviata la svendita dell’Italia.

Così almeno vuole la vulgata, solida e ben fondata. Ventuno anni fa a bordo di quel naviglio c’era anche il giovane Mario Draghi, allora direttore delegato del ministero del Tesoro, Beniamino Andreatta (sponsor e mentore di Enrico Letta) e tanti altri banchieri, affaristi, venditori, acquirenti, maneggioni e speculatori d’ogni risma. Dopo quell’allegra crociera il 48 per cento delle aziende italiane passò di mano ad aziende straniere, la lira svalutò e il Paese si avviò in un declino pilotato.

Lungi da noi l’idea che l’abitazione di Scalfari galleggi e bordeggi come un panfilo e non sarà certo qualche elemento di continuità, come la presenza allora e oggi, di Mario Draghi a farci velo e indurci a similitudini forzate. Ma conosciamo i nostri polli a cominciare dal variopinto gallo Scalfari. E possiamo essere sicuri che nel corso del sobrio banchetto (persone d’età, stomaci delicati) si sia parlato più di futuro che di passato e che si siano gettate le basi sul da farsi prossimo venturo. La crostata a casa Letta (Gianni in questo caso) a confronto era una minestra della Caritas.

Ora, uno può invitare a casa sua chi vuole e chiunque è padrone di accettare qualsiasi invito. Ma la densità, la qualità e l’attualità delle persone concentrate davanti alla stessa tovaglia imbandita ci dice che è proprio il fatto in sé ad apparire improprio, criticabile e fuori dalle regole, specie considerando che quei quattro commensali sono persone che fanno del rispetto delle regole una ragione di vita. Ecco quindi che qualsiasi cosa sia accaduta, qualsiasi cosa sia stata detta in quella cena per il solo fatto che si sia svolta nella casa privata di un campione politico, oltre che giornalistico, impone uno stato d’allarme. Il capo dello Stato, il capo del governo e il capo della Bce hanno accettato di riunirsi sotto la tenda del canuto maresciallo di uno dei due eserciti in battaglia per brindare e fare piani. Nessuno dica dunque che non è accaduto nulla: non basterà un digestivo per digerire questo inquietante simposio…

Paolo Guzzanti
Fonte: www.ilgiornale.it
Link: http://www.ilgiornale.it/news/interni/quante-trame-casa-scalfari-letta-napolitano-e-draghi-954053.html
28.09.2013

Pubblicato da Davide

  • andyconti

    Lo chieda ai lettori di Repubblica e del Sole 24 ore, agli elettori del Pd, ai sostenitori della Costituzione piu’ bella del mondo, agli elettori del Pdl che magari non sanno che Ennio Doris e’ un entusiasta di Draghi….

  • giop

    Sono daccordo con il commento precedente, questa caratteristica di smarcarsi dalle ombre dei potenti per gonfiarsi il petto davanti ai cittadini e mostrarsi loro paladini, per poi ritornare a fare il mestiere di sempre cioè nulla, è tipica di noi italiani.

  • alvise

    Tra questi personaggi chi mi fa più (irripetibile) è l’Omotetia di napolitano.Da comunista incitatore di carriarmati russi, a difensore di berlusconi (vedi indulto – amnistia)

  • Vocenellanotte

    Certo l’ego di Guzzanti non sfigura.
    Articolo inutile: occasione sprecata per porsi delle domande serie invece di fare gossip acido in prosa pompa.

  • neutrino

    “… eserciti in battaglia …”
    Ma ci faccia il piacere, Guzzanti!
    Ah…… se lo avessero laciato lavorare……!

  • Rumble_Fish

    Cioè, ora si pubblicano pure gli articoli di Guzzanti dal Giornale… Più in basso di così non potevate scendere.

  • Deck85

    Bell’articolo. Finalmente qualcosa di originale su Comedonchisciotte.

  • Pellegrino

    assieme a quello (minimale) de il fatto è l’unico che ne parla. Questo “argomento” fa ridere

  • terzaposizione

    Per Tua conoscenza Napolitano negli ’40 fu fervido sostenitore dell’invasione nazista della Russia, pubblicando sulla rivista dei GUF di Padova, struggenti articoli che inneggiavano l’impresa tedesca e spronando il Regime a sostenerla.

  • giu42su

    Scalfari: l’editorialista che non azzecca una analisi politica o sociale che sia una; un pallone gonfiato pieno di niente.

  • lucamartinelli

    Alvise, meglio definire Napolitano finto-comunista.In realtà ha seguito la strada del suo mentore politico, Giovanni Amendola, liberale massone. Giusta l’osservazione di Terzaposizione. Si conferma così che i massoni vestono la giacca rossa o nera a seconda della bisogna. E’ anche sospettato di essere agente Cia.