Home / ComeDonChisciotte / SAPELLI: LA TECNOCRAZIA EUROPEA VUOLE SVENDERCI
12474-thumb.jpg

SAPELLI: LA TECNOCRAZIA EUROPEA VUOLE SVENDERCI

DI PIETRO INVERNIZZI
ilsussidiario.net

«Le privatizzazioni del governo Letta sono una mossa che può condurre a pesanti errori. Le quote di Eni non vanno vendute, ma vanno aumentate le dimensioni dell’impresa attraverso il ricorso a dei fondi d’investimento stranieri». Lo afferma Giulio Sapelli (nella foto), professore di Storia economica all’Università degli studi di Milano, aggiungendo che «pensare di ridurre un debito pubblico da 2mila miliardi con alienazioni da 12 miliardi è soltanto una presa in giro». Tra le società coinvolte dalle cessioni pubbliche non c’è solo Eni, ma anche Sace, Grandi Stazioni, Enav, Stm, Fincantieri, Cdp Reti e il gasdotto Tag.
 

Professor Sapelli, perché la mossa del governo Letta non la convince?

La privatizzazione di Eni è stata concepita fin dall’inizio in modo sbagliato. Eni non ha bisogno di essere privatizzata in modo classico, ma di avere un aumento del suo capitale attraverso gli investimenti dei soci stranieri. La società deve accrescere le sue dimensioni per affrontare le nuove sfide che si aprono a livello globale nel campo della ricerca “oil & gas”.

 
Che cosa dovrebbe fare il governo?

Il governo dovrebbe favorire l’investimento di grandi gruppi, merger o fondi d’investimento, per aumentare il volume di Eni e farla diventare più grande. Il problema non è cambiare la forma di proprietà privatizzando, ma aumentarne le dimensioni. Eni ha un ruolo fondamentale perché rifornisce di petrolio e di gas l’intera nazione e varrebbe quindi la pena attuare un aumento della partecipazione statale, anche se purtroppo non è possibile.

 

Gas ed elettricità sono strategici per il Paese?

Sì, e le liberalizzazioni dell’energia negli ultimi dieci anni hanno prodotto effetti disastrosi. Il prezzo del gas è aumentato, abbiamo un’over-supply, abbiamo avuto consolidamenti di piccole imprese che sono diventate grandi e sono ancora più dominate dalla politica di quanto non fosse un tempo.

 

Lei privatizzarebbe anche Ferrovie dello Stato, Poste Italiane e Anas?

Privatizzare la rete ferroviaria è impossibile, si potrebbero piuttosto vendere le Grandi stazioni. Per quanto riguarda Poste Italiane, avrebbe senso privatizzarle a condizione di trasformarle in un grande gruppo di logistica. In questo momento però manca un disegno industriale, e lo documenta il fatto che sono un’entità ibrida a metà tra le poste e una banca.

 

E quindi?

Parlare di privatizzazioni in questo momento è soltanto una concessione al pensiero dominante che ha distrutto la crescita del nostro Paese. Gli effetti delle privatizzazioni negli anni ‘90 sono stati la spartizione di un bottino e l’indebolimento del nostro settore industriale.

 

Le privatizzazioni attuate dal governo Letta sono sufficienti per ridurre il debito pubblico?

Cercare di fare passare un’idea di questo tipo è soltanto una presa in giro. L’Italia ha un debito pubblico da 2mila miliardi, e 12 miliardi non sono certo sufficienti a cambiare le cose. I dividendi di queste imprese partecipate dallo Stato sono molto più utili a ridurre gli squilibri di bilancio. Mi domando come si possa credere a una manovra illusionistica come quella che sta facendo il governo.

 

Per quale motivo il suo giudizio è così duro?

Enrico Letta ha delle pesanti responsabilità storiche, perché è stato lui insieme a Pier Luigi Bersani ad attuare la liberalizzazione dell’energia elettrica e del gas, in modo errato anche dal punto di vista tecnico. Il premier ora si trova costretto a privatizzare perché da un lato è messo sotto pressione da parte di Saccomanni, che non risponde agli interessi dell’Italia ma a quelli della tecnocrazia europea. Letta non ha la forza, né il coraggio di battersi per cambiare la linea europea in politica economica, che sta producendo effetti suicidi. Non a caso Francia e Germania, che si rifiutano di applicare i diktat europei, stanno subendo una decrescita meno pesante rispetto al nostro Paese.

Pietro Vernizzi
Fonte: www.ilsussidiario.net
Link: http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2013/11/23/PRIVATIZZAZIONI-Sapelli-la-tecnocrazia-europea-vuole-svenderci-/2/446270/
23.11.2013

Pubblicato da Davide

  • ericvonmaan

    cit. “ridurre un debito pubblico da 2mila miliardi con alienazioni da 12 miliardi è soltanto una presa in giro” … vero. Strano che nessuno ma proprio nessuno di questi soloni parli di COME si sia formato questo debito pubblico e di come dipenda esclusivamente dal sistema della moneta-privata-venduta aggli stati-con interessi-e che gli stati-pagano con emissione di titoli-dati in pasto ai mercati finanziari.
    Strano che nessuno, ma proprio nessuno, dica che basterebbe che lo stato emettesse la sua moneta, senza debito, per non avere alcun debito e per avere quanto necessario per far prosperare al meglio l’econimia nazionale. Nessuno, proprio nessuno.

  • biancorosso

    “LETTA E’ COSTRETTO….LETTA NON HA LA FORZA….”
    MA SIAMO SU SCHERZI A PARTE? AL MIO CARO SAPELLI… MANCA LA VISIONE MASSONICA-MAFIOSA DELLA SITUAZIONE.
    CHE DIO LO AIUTI.