Home / ComeDonChisciotte / RITORNO A PIAZZA S. GIOVANNI

RITORNO A PIAZZA S. GIOVANNI



DI TRUMAN BURBANK
Comedonchisciotte

La chiusura a Roma dello tsunami tour

Anni fa (ottobre 2010) ero in questa stessa piazza per la manifestazione della FIOM-CGIL, a guardare il popolo in piazza per esprimere il proprio malessere di vivere in un paese devastato.
Il popolo senza partito” avevo chiamato questa folla spaurita e smarrita.

Oggi la devastazione è andata avanti, le facce sono ancora più stanche e preoccupate.

Ma ci sono importanti cambiamenti: uno sono i giovani. Essi sembravano spariti dalla politica, adesso sono in piazza con gli altri. Noto anche diversi cani. Aumentano il senso di comunità e familiarità della piazza.
L’altro importante cambiamento è che adesso il partito c’è. Compare la speranza.
E’ la prima volta che non mi sento impotente” afferma un oratore sul palco.

Dal palco risuonano in continuazione articoli della Costituzione: Artt. 2, 3 , 11, illustrati con riferimento alla vita delle persone. Senza le istrionerie di un Benigni si raccontano le nostre leggi fondamentali e la loro applicazione. E la gente ascolta con calma.

A guardare la TV si sarebbe pensato ad un furibondo show di Grillo, invece si vedono oratori tranquilli e gente che ascolta con attenzione.
Alle 19.30 la piazza è piena con le vie laterali.

Nel frattempo i candidati espongono le loro idee. Molte buone intenzioni e pochi programmi. Spesso si sentono frasi brevi con tono di slogan. Certamente il tempo a disposizione di ciascuno è breve.
Va notato che a Roma si vota anche per la regione, il che conferisce particolare importanza al voto, anche per un possibile effetto di sinergia tra il voto statale e quello regionale.

Alle 20.30 ancora Grillo non si vede. Arriva finalmente alle 20.50.

Parla bene, forse urla troppo, ma la piazza apprezza. Una frase in particolare mi sembra degna di nota: “La politica deve essere una visione a due generazioni, non a due legislature”, intendendo che il politico deve pensare a come vivranno i suoi figli e al Paese che lascerà loro. Questo dice l’antipolitico Grillo.

Va bene, molte persone hanno ormai deciso, hanno abbandonato il vecchio partito, le vecchie convinzioni, a volte diverse amicizie, e si sono imbarcati nell’avventura.

Alea iacta est”. Si marcia su Roma.

Truman
23.02.2013

Pubblicato da Truman