Home / ComeDonChisciotte / RITORNANO I PACCHETTI. NO, NON QUELLI DI NATALE. INIZIATE A PIANGERE
15289-thumb.jpg

RITORNANO I PACCHETTI. NO, NON QUELLI DI NATALE. INIZIATE A PIANGERE

DI PAOLO BARNARD

paolobarnard.info

La Commissione UE sta preparando la tua prossima, ennesima, agonia, imprenditore/famiglia. E non sto affatto esagerando. Sai chi è Jonathan Hill (nella foto)?

Puntate precedenti (spiegate alla nonna di Antonio Maria Rinaldi e anche a Rinaldi).

A) Quando una banca presta denaro, richiede sempre all’indebitato una garanzia, chiamata collaterale. Quando una banca chiede denaro a creditori, questi gli chiedono una garanzia, chiamata collaterale. Il guadagno di una banca è al 90% i prestiti che fa, i quali sui libri contabili della banca appaiono da una parte come dei passivi (i soldi che la banca presta sul cc del Sig. Bianchi e glieli deve) e come attivi (i soldi che Bianchi gli deve con interessi). La banca guadagna sugli interessi e altri ammennicoli.

B) C’erano una volta le banche USA, che nella fotta di prestare soldi e quindi di figurare bene nei libri contabili, prestarono fidi, crediti e mutui anche a Pippo Pluto e Paparini in America, a gente cioè che era ovvio non avrebbero mai potuto ripagare (crisi subprime). Quando poi ste banche americane si trovarono a dover dare del collaterale a chi gli prestava soldi, cosa hanno fatto? Hanno preso i crediti marci putrefatti di cui sopra e li hanno IMPACCHETTATI in prodotti finanziari con la patina lucida, della serie: “Ciao sono la Banca di Minneapolis, caro tizio che mi presti i soldi, in garanzia di offro sti pacchetti di crediti che un sacco di gente mi deve. Così se per caso io Banca di Minneapolis non ti pago, tu riscuoti quei miei crediti. Mi dai i soldi ora?” Ma erano sempre pacchetti di crediti marci putrefatti venduti a Pippo Pluto e Paparini in America, a gente che era ovvio non avrebbero mai ripagato (crisi subprime). Lo sapevano le banche, ma non chi gli prestava o gli dava soldi! Infatti i fessi che prestavano ci cascarono nel 99% dei casi, anche grazie a delle agenzie chiamate Agenzie di Rating, il cui lavoro sarebbe quello di giudicare proprio quanto affidabili sono le banche, ma che sono pagate dalle banche… per cui ci arriva anche Nonna Papera a capire che quelle Agenzie di Rating giuravano su Dio che i PACCHETTI di crediti marci erano invece “squisitamente affidabili”… (tripla AAA in gergo del mestiere).

C) Le banche USA con in mano sti PACCHETTI di crediti marci putrefatti di cui sopra, ne pensarono anche un’altra: vendiamoli in giro per il mondo a dei coglioni (come ad es. il Comune di Milano e molti altri) dicendogli che se ci comprano quei pacchetti faranno un guadagno favoloso in interessi. I coglioni come il Comune di Milano, ma anche in decine di altri Paesi, ci cascarono, e sempre incoraggiati dalle Agenzie di Rating. Quindi la banca SE NE LIBERAVA, e al coglione rimaneva in mano la bomba a orologeria. Ma erano sempre pacchetti di crediti marci putrefatti venduti in America, a Pippo Pluto e Paparini, gente che era ovvio non avrebbero mai ripagato.

D) Poi arriva il giorno dei nodi al pettine: i Pippo Pluto e Paparini in America, gente che era ovvio non avrebbero mai ripagato, infatti non ripagarono un cazzo. Ma intanto le banche americane si erano liberate di una bella massa di sti crediti marci, e mezzo mondo li aveva nelle mani. E adesso? E adesso niente soldi, cari coglioni. Ecco il collasso finanziario nel 2007, da cui non ci siamo più risollevati, in mezzo Pianeta. (semplificato)

E) Questo processo di permettere a ste banche, ma anche a privati, di IMPACCHETTARE CREDITI PIU’ O MENO SOLIDI IN PRODOTTI FINANZIARI CHE SARANNO USATI A GARANZIA (COLLATERALE) PER AVERE DENARO, O CHE SARANNO VENDUTI A TERZI SEMPRE IN CAMBIO DI SOLDI, SI CHIAMA IN TERMINI TECNICI SECURITIZATION. Tenetevelo a mente. Ripeto: SECURITIZATION.

Ok. Eccoci a oggi. Dal 2007 fino a quando il polverone della catastrofe finanziaria si è adagiato sulle vostre partite di calcio, cotolette alla fontina, vacanze, I-Phones, e ignoranza crassa facendo danni incredibili, tutti parlavano di questa Securitization come la peste bubbonica. Poi si sa, la gente dimentica, c’è la Champions, il compleanno dell’amica, I Grammy Awards, e cazzate spegni-cervello ovunque. La gente è un po’ stupidina, scusate. Ed ecco che i furboni del quartierone (io mi occupo di questi, che rovinano interi continenti. Travaglio si occupa dei furbetti del quartierino, quelli che rovinano suo cugino e forse altri 20 in Italia), i furboni del quartierone EU, dicevo, si stanno riorganizzando per rilanciare alla grande la SECURITIZATION, i PACCHETTI di cui sopra. Ohi, ohi, potete distrarvi da Facebook Chat per 60 secondi?

Sapete che la UE è in una crisi storica proprio per le criminose politiche monetarie scaturite dagli interessi criminosi delle elites finanziarie, che si possono riassumere nell’esistenza di questa Moneta Unica Euro, che fu voluta da Francia e Germania 40 anni fa perché pensavano di usarla per distruggere le concorrenze commerciali come, in primo luogo, quella dell’Italia. (si legga il mio ‘Il Più Grande Crimine 2011’ per approfondimento). Ora, questa crisi UE ha anche e soprattutto la seguente caratteristica: che il sistema bancario europeo è in pratica fallito, anche se tenuto vivo come un comatoso attaccato al respiratore dalla BCE di Draghi.

Uno dei problemi però di avere banche strafallite in tutta la UE è che prestano pochissimo alle aziende/famiglie, e queste senza ossigeno non lavorano, licenziano, e questo crea crisi perché la gente non compra a sufficienza, deve evadere per sopravvivere e altro. Ma la crisi fa paura alle stesse banche che quindi prestano ancora di meno ecc., un bel cane che si morde la coda su cui ho scritto più di Dante nella Divina. Quindi è di oggi la notizia che la UE ha fatto una gran pensata per rimediare alla mancanza di prestiti alle aziende/famiglie! E cioè?…………………..

SECURITIZATION! Yahoooooooooo!

La Commissione Europea, che è il governo di tutti noi in UE perché ha molto più potere delle leggi dei singoli governi/Parlamenti, sta studiando una legge dove si parla esplicitamente di espedienti per consentire alle aziende di rivolgersi anche a canali extra-bancari per trovare crediti. Il tizio che sta scrivendo la legge si chiama Jonathan Hill. E Hill ci ricorda che il mercato dei crediti europei è “un terzo di quello Americano”, per cui dobbiamo svilupparci.

Naturalmente il signor Hill ci dice che la nuova Securitization “deve essere sicura, come prima del 2007ma anche più rilassata nelle regole”. Certo, come mettere delle dinamite in mano a un milione di persone e sperare che a nessuno venga una cattiva idea. Hill ci dice che oggi in UE i controllori saranno più severi, ok, ma chi sono? Tu li conosci? Sai con chi escono a cena o chi gli ha pagato il nuovo appartamento a Ibiza? No, non lo sai, ma neppure te ne frega un cazzo caro imprenditore, dai, diciamo la verità. Stai a badare a Renzi o Grillo, e ti rifiuti di capire che il tuo destino è in mano a Mr Hill, non a Matteo o a Di Battista (quanto fiato ho sprecato per questo!!). Poi quando lo prendi in c.. (finisce per ulo) sbraiti da Paragone. Vabbè… Ora caro imprenditore e caro Comune e care famiglie, vi ribeccate tutti la SECURITIZATION. Per legge europea! Auguri.

Ok, e peggio. Come sempre in queste leggi della Commissione UE ci si infilano anche le grandi inc…(finisce per ulate) per milioni e milioni di noi. Tipo? Ma il mercato delle pensioni private! Hill lo vuole lanciare alla grandissima qui. Ovvio no? Vogliamo sempre fare gli ‘ammmaracani’ anche noi, da 60 anni, e finiremo con milioni di pensionati che per colpa di una quindicina di speculatori (come Joseph Cassano) perdono tutta la pensione di una vita in 20 giorni. Bè, è accaduto in USA solo 2 anni fa. Scrive Forbes Magazine nel 2013, sulla cui autorevolezza essendo organo dei ricchi non vi sono dubbi: “Gli americani oggi sanno che le pensioni aziendali private sono praticamente azzerate, e che le poche rimanenti pensioni sia private che governative sono in pericolo”.

Ma vogliamo essere moderni anche noi? E cosa c’è di più emozionante per una futura signora Ilda di 87 anni che svegliarsi tutte le mattine e guardare Bloomberg per vedere se ha ancora la pensione? Quindi Hill nella nuova legge proposta ci ficca anche l’apertura su scala massiccia della UE al mercato delle pensioni private, quelle investite nei Capital Markets, Money Markets, Equity Funds, Fix Income Funds, e… e… nella SECURITIZATION …. ;))

Guardate, nella bozza di Hill c’è anche altro. Ma questo è l’essenziale. Io ve l’ho detto. Ora leggete la Boschi mi raccomando!

Paolo Barnard

Fonte: www.paolobarnard.info

Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1290

25.09.l2015

Pubblicato da Davide

  • SanPap

    deve essere sicura, come prima del 2007ma anche più rilassata nelle regole

    Mi hai fatto venire in mente quando il 1 Ottobre 1973 ho aperto il mio primo conto corrente bancario presso il San Paolo di Torino. L’addetta mi ha chiesto delle garanzie; ero assistente precario all’Università di Roma alla Facoltà di Matematica, mi pagavano quando ne avevano voglia e se gli girava bene, vivevo in una casa in affitto, la mia unica fonte certa di sostentamento era la mia famiglia; alla domanda non ho risposto e ho fatto spallucce; allora l’addetta "ma non ce l’ha la macchina fotografica ?", ho risposto di si e lei in garanzia ha scritto "Macchina fotografica". Una Nikkormat con un 50mm.

    Altri tempi, altre garanzie.

  • natascia

    Bello questo aneddoto, ci riporta a quando eravamo umani.

  • pasa

    il nostro Barnard ha proprio ragione, tempi duri per le famiglie e gli imprenditori.

    E ciò che è triste è la rassegnazione che famiglie ed imprenditoria sembrano mostrare.
     Non un atteggiamento di rivolta sociale, non una reazione concreta, assenza  d’azione da parte dei giovani,
    ognuno piange il suo morto in casa da solo, dove tira la cinghia per arrivare a coprire tutti i buchi.
    Dove è finita la solidarietà sociale?
    Allora "dividi et impera" devo dire funziona alla grande!
    Si, il potere è riuscito a dividerci .
    Solo il tempo , non vedo reazioni  in giro, si porterà via questa fetiscente realtà.
    Sono molto pessimista , vedo un futuro di squallida carta, squallidi umani.
    Non vedo l’Amore ma la distruzione dei valori con i quali ho vissuto la mia vita.
    Io non voglio perdermi in  ciò per questo cercherò nella poca bellezza che riesco a cogliere
    ristoro.
    Grazie a Barnard che ci avvisa sempre in modo dettagliato dei rischi.
    Lo so che la soluzione esiste ma come ho già detto questa soluzione passa attraverso uomini 
    non in grado di capire che però sta in postucci di potere.
    Il problema grosso è : COME FARE A SCARDINARLI?
    non con le chiacchere on-line
  • Gibilee

    I coglioni come il Comune di Milano, ma anche in decine di altri Paesi, ci cascarono, e sempre incoraggiati dalle Agenzie di Rating.

    Pertanto i responsabili amministrativi del Comune di Milano o sono degli incompetenti o dei collusi. Tertium non datur.
    Si deduce che l’amministrazione economica del Comune di Milano sia in ottime mani.
    Si sa quanto è l’ammontare complessivo dei Derivati ‘conservati’ nelle casse del Comune ??

  • SanPap

    Nel 1977 E. Fromm si chiedeva pensoso "Avere o Essere ?"

    La risposta è stata un coro unanime di Avere.

    Bene, abbiamo avuto quello che abbiamo chiesto.

     

  • pasa

    si in effetti abbiamo scelto l’avere ed anche di pessima qualità

    E’  tempo di ritornare al poco materiale e riprendersi l’ESSERE.
    La povertà ci aiuterà.
     L’aspetto con gioia
  • pasa

    dalla preoccupazione si intravede la tua appartenenza al comune di milano.

    Quello che bisognerà fare è fare pagare i derivati a chi li ha siglati.
    I debiti non li abbiamo contratti i cittadini , noi non dobbiamo pagarli, chiaro?
    scoviamo la masnada di infami.
  • SanPap

    Non c’è bisogno di diventare poveri, ma un po’ più attenti all’Essere che all’Avere

    verso il 2002 avevo 5 conti correnti bancari, con relative carte di credito e bancomat, ecc. Perché ? Boh !

    ne ho chiuso uno, poi un altro, ora ne ho uno solo e se potessi chiuderei anche quello; nel frattempo le carte di credito sono state sostituite da carte per accedere alle biblioteche, ne ho tre. Sono diventato più povero ? con quello che risparmio di spese bancarie direi che ci sto guadagnando.

    qui forse puoi trovare qualcosa che ti interessi

    http://www.oikonomia.it/index.php/it/19-oikonomia-2012/febbraio-2012/79-approcci-al-dilemma-della-poverta-estrema-tra-sviluppo-sostenibile-e-decrescita-felice [www.oikonomia.it] 

  • pasa

    non mi riferivo alla povertà nel senso vero, la mia era una forma di ironia nei confronti del "mostro dalle sette teste".

    I consumisti anelano ai consumi,
    la cultura fa spostare gli interessi verso forme che nutrano l’essere.
    Anch’io non stacco più assegni e se devo prelevare vado in banca, perchè mi piace comunicare con gli impiegati e perchè, quando c’è confusione leggo e stranamente mi rilasso, osservo gli umani o chiacchero con loro.
  • makkia

    I coglioni del Comune di Milano sono come i genitori coglioni che comprano i giocattoli/scarpe/zainetti che vuole la pubblicità TV.

    Mi spiego: un genitore può TENTARE di combattere contro la forza d’inerzia conformista che mettono in moto le pubblicità. Ma in realtà non sta combattendo contro il semplice conformismo cosumistico. Ma contro plotoni di esperti in comunicazione e persuasione occulta, Programmazione neuro-linguistica, psicologia di massa e quant’altro. E sono i migliori del settore, i meglio pagati (ad esempio Microsoft, Apple e simili spendono in marketing 3 volte quello che investono in ricerca e sviluppo per creare i prodotti veri e propri).
    Ed è da solo: non può contare – chessò – sulle organizzazioni dei consmatori o simili, perché non ci sono violazioni di legge.
    Ed avrà contro i suoi stessi bambini, i genitori degli altri bambini, ecc… si sentirà anche stupido a fare un casino contro l’Invicta o il Mulino Bianco o le Nike.

    Ora, i derivati.
    Stessa cosa. Tutti li consiglia[va]no. Sono contratti incomprensibili persino per gli esperti del settore (e parliamo di quelli privati, da 500€ l’ora, non gli esperti contabili che può permettersi un comune).
    Ma il bilancio è in crisi e l’emissione/acquisto di bond comunali è a rischio procedura UE. Gli fanno balenare l’idea che possono "mettere in moto" la parte immobilizzata del loro capitale e tirare su dei soldini, oltre ai sempre più magri trasferimenti statali e alle tasse locali che li fanno odiare dai cittadini. Basta essere "più dinamici e moderni". Lo fanno tutti quelli un po’ più svegli! Suvvia: leggi i giornali economici (tutti favorevoli a queste "creatività finanziarie", all’epoca). Come non fidarsi del prestigioso Sole24ore… è l’organo della Confindustria, ce li avrà bene degli esperti con le p@lle!
    Gli inesperti contabili e commercialisti comunali non ci capiscono una sega di quei contratti, ma a dirlo ci fanno brutta figura. E poi, chi glielo spiega, all’assessore entusiasta (magari con l’amico "che ci ha i contatti in Nomura"), che il contratto non ti convince ma che non sai spiegare dov’è la magagna, puoi solo offrirgli il tuo istinto che nessuno regala niente… Ché, ne sai più del Sole? E allora il povero revisore dei conti si lava pilatescamente le mani e all’assessore gli dice che forse, se il Sole e l’amico della Nomura pensano che sia una buona idea…

    Tertium datur. I derivati sono truffe BEN congegnate. I responsabili sono i legislatori che non chiamano i derivati col loro nome (gioco d’azzardo) e non lo proibiscono. Alcune nazioni (e regioni italiane) hanno proibito agli enti pubblici di acquistarli.

    p.s.: i derivati non si "conservano nelle casse". Sono una specie di assicurazione (o di scommessa) che si rinnova all’infinito.
    I derivati, a te che non sei una banca, ti "staccano la cedola" mensilmente o semestralmente. Solo che la cedola può avere il segno + o -.
    Quando ti accorgi della fregatura, hai ormai un contratto VALIDO che nessuno vuole rilevare (vendere sul mercato): o continui a pagare la cedola (sempre al negativo) o rescindi il contratto pagando la relativa penale.