Home / ComeDonChisciotte / RICONQUISTATA HOMS…LA VITTORIA DI ASSAD E' ANCORA PIU' VICINA
13254-thumb.jpg

RICONQUISTATA HOMS…LA VITTORIA DI ASSAD E' ANCORA PIU' VICINA

DMITRY MININ

strategic-culture.org

Mentre l’attenzione del mondo si concentra sull’Ucraina, gli eventi in Siria potrebbero influenzare in modo significativo la situazione in Medio Oriente e nel mondo. Le forze di Bashar Assad hanno completamente liberato Homs, la terza città più grande del paese con una popolazione di un milione di abitanti, dove la rivolta era iniziata circa tre anni fa. Secondo l’accordo, circa duemila militanti hanno lasciato la città, portandosi via armi di piccolo calibro, devono essere armati per respingere eventuali attacchi da parte delle forze degli Stati islamici di Iraq e Siria (ISIS) che li accusano di tradimento. In cambio i civili tenuti in ostaggio sono stati liberati ed è stato concesso il permesso di assistere i civili ancora sotto assedio nelle zone più popolose della città. Alla scadenza dell’accordo, mentre i militanti lasciavano la città, hanno subito un attacco con il lancio di missili: ci sono stati molti morti, tra cui il comandante in capo Abade Rahman.

Le due brigate dell’esercito che hanno liberato la città dovrebbero essere reimpiegate nel nord del paese, dove sta per iniziare la battaglia decisiva per Aleppo. Le forze governative hanno riconquistato la parte orientale di Guta, un sobborgo di Damasco. Recentemente sono arrivati rinforzi dalla regione di Qalamoun, dove l’esercito governativo ha appena vinto una battaglia. Ci sono sufficienti motivi per credere che, al momento delle elezioni presidenziali previste per il 3 luglio le forze regolari del governo avranno ripreso il controllo in una parte del paese dove vive almeno l’85% della popolazione.

Washington ha già detto che la prevista vittoria di Bashar Assad, il candidato favorito tra i tre candidati, sarà comunque illegittima, perché infuria una guerra civile e i candidati non hanno tutti pari opportunità. La posizione USA non è molto convincente, visto che hanno già riconosciuto come legittime le elezioni presidenziali che si terranno prossimamente in Ucraina in circostanze più o meno analoghe.

Non è l’unica situazione che accomuna la Siria e l’Ucraina. Il gioco della grande scacchiera fa intrecciare i loro eventi malgrado la grande distanza che esiste tra i due paesi. Gli esperti dicono che Washington potrebbe aver provocato la crisi ucraina nel tentativo di distogliere l’attenzione da una umiliante sconfitta subita nella scacchiera siriana. Gli atti terroristi di Volgograd sono stati ricollegati a militanti islamici in Siria (dislocati nei pressi di Homs). Molti si aspettavano che la Russia (per questo) intensificasse il suo sostegno per Damasco e che arrivasse a perseguire i colpevoli. Se questa versione fosse esatta, le forze anti-russe arrivate al potere a Kiev avrebbero dovuto distrarre Mosca, tra l’altro, anche da tutte le manovre che l’Occidente stava facendo per rovesciare il regime siriano. Se questo fosse vero, allora i piani sarebbero tutti falliti clamorosamente.

Gli USA non possono avere mano libera in Siria, approfittando del coinvolgimento della Russia in Ucraina. Gli errori strategici li hanno messi di fronte a una “zugzwang” una vera mossa obbligata. Qualsiasi intervento americano in Siria dà alla Russia un maggior impulso per poter intensificare i suoi sforzi in Ucraina.

Un suo coinvolgimento diretto comporterà un aumento degli aiuti russi a Bashar Assad, che oggi è molto più vicino alla vittoria di quanto lo sia il governo ad interim di Kiev, che ha aspettative tanto alte che né USA né l’Europa sono pronte a soddisfare. Sui giornali francesi si legge: «Non c’ è nessun segnale a Damasco che il regime di Bashar Assad stia per cadere. Le sue vittorie sono incredibili e nemmeno gli annalisti più perspicaci riescono a spiegarsi come abbia potuto raggiungere certi successi». I giornalisti francesi dicono che gli Stati Uniti hanno evitato un coinvolgimento diretto perché Assad godeva dell’appoggio di Vladimir Putin.

Arabia Saudita e Qatar hanno fatto un “errore madornale” restando accecati dal loro odio per il presidente siriano. Hanno fornito fondi a Al -Qaeda che era legata a gruppi islamici radicali. L’Occidente ha ignorato questo fatto, ma il resto del mondo ne era ben consapevole. Un motivo in più per il successo di Assad è stato il fallimento del tentativo di mettere zizzania tra chi gli era vicino, per indebolire la sua squadra.

Il leader siriano ha assolutamente ragione quando ribadisce che la popolazione ha costituito il fattore decisivo per influenzare gli eventi che sono accaduti e che si sono volti favorevolmente per il governo. Il popolo è stanco della violenza e dei tanti gruppi militanti che operano nel territorio del paese. Credono che solo quelli che sono oggi al governo possano essere in grado di stabilire la pace, la legge e l’ordine nel paese. E’ importante notare che dopo i tanti tradimenti e dopo la perdita dei tanti fratelli-d’armi, Bashar Assad si sia circondato di persone che gli sono fedeli, che sono in grado di compiere le missioni più difficili e malgrado le importanti perdite subite durante la guerra, l’esercito siriano è diventato il più efficace e più fedele in tutto il Medio Oriente.

Rosso e rosa = forze governative e curde — Verde = Esercito Libero Siriano filo-occidentale —
Grigio = Forze Islamiche di Jabhat-al-Nusra e degli stati Islamici di Iraq e Siria
La Casa Bianca avrebbe potuto onestamente ammettere il fallimento della sua strategia in Siria e avviare dei colloqui costruttivi sulla normalizzazione della situazione in un paese devastato dalla guerra, invece continua nei suoi tentativi di fermare la ruota della storia che è fuori dal suo controllo. Durante la battaglia strategica per Qalamoun e durante gli aspri combattimenti per il controllo di Homs, Stati Uniti e Turchia hanno lasciato che una grande formazione dell’opposizione siriana invadesse la provincia di Latakia. Ora si sta cercando di lanciare una controffensiva da sud. La missione è impedire la liberazione dei sobborghi di Damasco e ostacolare le forze governative, che hanno appena ottenuto la vittoria a Homs, in modo che non possano raggiungere Aleppo.
Per questo motivo, gli Stati Uniti hanno preparato un gruppo ben armato (anche di armi pesanti), formato da nove milizie e posizionato in prossimità del confine giordano – israelo-siriano. Allo stato attuale questa forza si muove lungo il confine israeliano verso la città di Quneitra nel Golan, per strapparla all’esercito siriano, togliendo così alla Siria uno degli ultimi punti di accesso al confine con Israele. Il piano d’azione si basa sul presupposto che le forze siriane eviteranno l’uso dell’artiglieria perché Israele potrebbe rispondere al fuoco. Per lo stesso motivo Damasco ha rinunciato all’uso dell’aviazione, le difese aeree israeliane possono colpire ovunque si trovino forze militari.
Il nome dell’operazione è “La fuga del Profeta” ma suona falso in un’ottica di collaborazione degli israeliani con gli islamisti. Per questo le forze governative hanno rinforzato tutta la zona intorno al centro di Damasco, per essere pronti a contrastare l’offensiva. Se hanno avuto successo a Latakia, non ci dovranno riuscire a Quneitra. Le attività dei militanti e dei loro sostenitori occidentali assomigliano a una lunga agonia, ormai non possono più cambiare niente e l’unica cosa che fanno è prolungare la sofferenza della popolazione.
Gli analisti già stanno facendo le loro congetture sulla futura correlazione tra le forze in Medio Oriente dopo la inevitabile vittoria di Bashar Assad, che è ormai prossima. Le previsioni sono preoccupanti per Washington. L’asse emergente Teheran -Baghdad-Damasco -Beirut è un incubo che, grazie alle goffe politiche messe in atto dall’ex Presidente George Bush e dal Presidente in carica Barack Obama, sta per avverarsi. Hanno fatto del loro meglio per farlo realizzare.
In linea generale la Casa Bianca si sta comportando allo stesso modo anche in Ucraina e anche in Ucraina la sua politica riuscirà a finire allo stesso modo.
Dmitry Minin

Fonte: http://www.strategic-culture.org

Link: http://www.strategic-culture.org/news/2014/05/15/homs-taken-back-bashar-assad-victory-close-never-before.html

15.05.2014

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario.

Pubblicato da Bosque Primario

  • Notturno

    Stamattina, su RaiNews una headline sosteneva che gli inglesi hanno stanziato altri 20 milioni di euro per finanziare i ribelli siriani.

    Poi un’altra cosa che nell’articolo sembra trascurata: da quel che avevo letto sembrava che l’Ucraina fosse una manovra per indebolire la Russia, aprendo un fronte "vicino" e consentire agli USA di intervenire in Siria malgrado il "niet" di Putin.

    Non mi sembrava peregrina….

  • lucamartinelli

    Grande Assad! Onore al glorioso popolo siriano e al suo valoroso esercito: sono degli eroi!!!!

  • Gioia_di_Vivere

    USA e UE = VERGOGNA.

    Parlate di democrazia ma seminate solo sangue e miseria.
    Le falsità che raccontate con i vostri mezzi di comunicazione prezzolati non vi porteranno alla vittoria.
  • albsorio

    Quando gli USA all’ONU non sono riusciti ad imporre la no fly zone i mercenari occidentali erano morti che camminano, senza il controllo dell’aria sei finito specie in un paese quasi desertico, se si aggiungiungono le info dei satelliti russi si capisce perche Assad vince, tra l’altro gioca in casa. L’Europa, meglio chi la comanda dovrebbe chiedere perdono al popolo siriano.