Home / ComeDonChisciotte / RESET FINANZIARIO IN ARRIVO ? LA VALUTA CINESE SI AVVICINA ALLO STATUS DI VALUTA DI RISERVA MONDIALE
14840-thumb.jpg

RESET FINANZIARIO IN ARRIVO ? LA VALUTA CINESE SI AVVICINA ALLO STATUS DI VALUTA DI RISERVA MONDIALE

DI MARC SLAVO

activistpost.com

Il Mondo si sta avviando verso una nuova realtà globale con enormi implicazioni: lo Yuan Cinese e’ sulla buona strada per essere riconosciuto come valuta di riserva mondiale.

Come chiaro segno dei tempi, il Fondo Monetario Internazionale ha respinto le proteste USA di presunta manipolazione valutaria da parte della Cina, affermando al contrario che la valuta Cinese ‘’non e’ piu’ sottovalutata’’, praticamente concedendo approvazione a un processo interno che qualcuno ha definito ‘’covare una valuta di riserva mondiale’’ da parte della Cina.

La valuta cinese, lo Yuan, che Washington ha a lungo sostenuto essere manipolata, ‘’non è più sottovalutata’’, così ha affermato l’FMI lo scorso martedì.

Il valore dello Yuan, noto anche con il nome di Renminbi, per diversi anni e’ stato fonte di tensione, con i maggiori partner commerciali cinesi, USA in testa, che accusavano Pechino di mantenere il valore artificialmente basso per garantire agli esportatori cinesi un vantaggio competitive scorretto, accuse che Pechino ha sempre respinto.
“La nostra valutazione attuale e’ che il consistente ed efficace apprezzamento nel corso dell’ultimo anno ha portato a un tasso di cambio che non e’ più da ritenersi sottovalutato’’, ha dichiarato il FMI dopo una missione di consultazione in Cina.

Con la persistente opposizione Americana alla promozione dello statuto della valuta cinese, la decisione della FMI attesa era vista come il maggior ostacolo da superare per raggiungere lo status di valuta di riserva mondiale. La valutazione positiva ottenuta consente alla Cina un gigantesco passo in avanti verso l’entrata nello status di valuta di riserva mondiale e a nuove norme finanziarie per gli Americani, come SHTF riporta già da tempo.

La decisione evidenzia un più ampio spostamento nell’asse di potere globale; indubbiamente ci sono serie crepe nelle fondamenta dell’egemonia USA, dal momento che il petrodollaro sta perdendo terreno come egemone tra le valute di riserva.

Gli alleati Americani sono stati conquistati con facilità nell’accettare e associarsi con la Banca Asiatica di Investimento Infrastrutturale (Asian Infrastructure Investment Bank), segnando una nuova era della finanza globalizzata. La nuova valuta entra nel contesto di una offerta mondiale di cui la Cina e’ parte.

Che caratteristiche avrà la nuova moneta Cinese, e sarà davvero una realtà ? Un dirigente minerario ha spiegato la manipolazione sotterranea del prezzo dell’oro, sollevando la necessità di un valore di riferimento comune negli scambi che sta spingendo la Cina ad accumulare oro velocemente, in maniera da arrivare a possedere riserve equivalenti a quelle che gli Stati Uniti dichiarano di detenere:

“Credo quello che succederà e’ un reset dell’industria finanziaria…’’.

‘’Ritengo anche che gli Stati Uniti stanno consentendo volontariamente alla Cina di accumulare riserve auree…. Credo che occorra che la Cina possieda riserve almeno equivalenti a quelle USA, affinché questo reset di cui parlo possa accadere. Ritengo ci sia qualche genere di accordo dietro le quinte tra tutte le Banche Centrali e questo spiega perché tutti i Governi hanno aumentato gli sforzi per acquistare il metallo’’.

‘’Credo ci sarà una qualche nuova valuta che sarà creata con aggancio, anche indiretto, all’oro. Una valuta’ che sarà un mix di valute, forse per mezzo del SDR (Special drawing rights, ‘’diritti speciali di prelievo’’), o qualche meccanismo analogo; ad ogni modo direi che stiamo andando verso questa direzione’’

Rappresenterebbe una forte scossa a tutte le regole precedenti a cui Americani ed Europei si sono abituati, ma oltre questo, la valuta sarebbe in ultima istanza digitale. Ci sono forti probabilità che a un certo punto la valuta cartacea verrà bandita per promuovere il controllo e tutti i pagamenti saranno autorizzati e sorvegliati. Attraverso una nuova ondata di tasse bancarie e tassazioni sui depositi privati, la gente comune finirà per essere colpita su ogni fronte dello scambio monetario, attraverso valuta opportunamente svalutata e manipolata.

“La Federal Reserve ed i suoi proprietari, ossia le maggiori banche di Wall Street, non aspettano di meglio che poter importi il pagamento di un interesse per il privilegio che ti concedono di depositare i tuoi fondi. Il problema e’ come fartelo accettare’’.

La griglia digitale senza moneta cartacea diventerà uno strumento completo di controllo bancario, globale nella sua portata e supportato alla sua radice da una pianificazione centralizzata da parte delle banche centrali sostenuta da un Sistema di totale sorveglianza sul comportamento del consumatore, che si applicherà ad acquisti, scambi e a qualunque altra forma di transazione.

Marc Slavo

Fonte: www.activistpost.com

Link: http://www.activistpost.com/2015/05/financial-reset-coming-chinas-currency.html

28.05.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di CONZI

Pubblicato da Davide

  • albsorio

    "Ritengo anche che gli Stati Uniti stanno consentendo volontariamente alla Cina di accumulare reserve auree….Credo che occorra che la Cina possieda riserve almeno equivalenti a quelle USA, affinche’ questo reset di cui parlo possa accadere. Ritengo ci sia qualche genere di accordo dietro le quinte tra tutte le Banche Centrali e questo spiega perche’tutti i Governi hanno aumentato gli sforzi per acquistare il metallo’’ 

    Non credo che i governi americani o di altri  c’entrino qualcosa, la sanguisuga dell’1% abbandona l’occidente… per l’oriente, quando avverrà i campi ferma e eurogendforce avranno un senso, decrescita felice o manganello.
  • albsorio

    FEMA

  • Hadrian

    USA leggasi Unione Sovietica Americana

  • FlavioBosio

    ‘’non e’ piu’sottovalutata’’

    Semplice effetto collaterale dei QE della FED e della BCE.
  • temuchindallaCina

    Vivendo in Cina da anni, mi considero una persona ben informata sul paese del Dragone e non solo confermo che le riserve auree sono notevoli, ma addirittura, quando verrà fuori la reale quantità, molti salteranno sulle sedie. Sono anni che zitti zitti i cinesi, oltre che scambiare i dollari e altra moneta con l’oro, hanno comprato moltissime miniere di oro in tutto il mondo. Questo è uno dei tanti motivi per i quali gli "amerikani" sono terrorizzati dall’ascesa asiatica.

  • lucamartinelli

    Aggiungerei anche che non penso che gli Usa posseggano ancora tutto l’oro, compreso quello che hanno preso in Germania, Italia e Giappone come bottino di guerra. Infatti non restituiscono nemmeno quello che gli alleati hanno depositato da loro a vario titolo. Temo che se lo siano venduto.