Home / ComeDonChisciotte / RENZI PARLA AGLI IDIOTI
15199-thumb.jpg

RENZI PARLA AGLI IDIOTI

DI MARCO DELLA LUNA

marcodellaluna.info

Renzi sta dicendo: “Il Pil aumenta quest’anno: per la prima volta dopo molti anni, l’Italia è ripartita grazie alle mie riforme. Questo mi legittima ad andare avanti riformando la costituzione per concentrare il potere dello Stato nelle mani del Primo Ministro.”

Però solo un pubblico di cretini può interpretare come ripartenza strutturale, come una manifestazione di ritrovata vitalità, anziché come un rimbalzo, come il salto del gatto morto, un misero aumento dello 0,5% dopo molti anni di recessione – uno 0,5% che lascia l’Italia ultima in europa e nell’OCSE. Ultima, con una disoccupazione giovanile dirompente, un continuo scivolamento del Meridione verso condizioni africane, e una crescente fuga all’estero di capitali e cervelli.

Se inoltre si considera che in questo periodo abbiamo goduto di uno straordinario insieme di fattori esterni, indipendenti dalle riforme di Renzi, fattori estremamente favorevoli per la crescita economica (ossia il fortissimo risparmio sul petrolio, la svalutazione dell’euro, tassi e spread è favorevoli, il quantitative easing, la compressione dei salari e dei diritti dei lavoratori, il deprezzamento delle materie prime), e che ne abbiamo tratto solo uno 0,5%, allora è evidente che quel mezzo punto percentuale, in questo contesto, è indice non di ripresa, ma di peggioramento strutturale e di conferma della non funzionalità del sistema-paese. Risponda Renzi: che cosa succederebbe al Pil italiano qualora quei fattori esterni, o anche solo uno di essi, vengano meno?

E’ evidente che, quando proclama che con le sue riforme ha fatto ripartire il Paese, Renzi calcola di rivolgersi a una base elettorale composta da idioti. Esattamente come quando promette un taglio sostanziale della pressione fiscale mentre è vincolato a clausole di salvaguardia per 60 miliardi pronte a scattare l’anno prossimo sull’Iva e su altre imposte.

Marco Della Luna

Fonte: http://marcodellaluna.info

Link: http://marcodellaluna.info/sito/2015/09/01/renzi-parla-agli-idioti/

2.09.2015

Pubblicato da Davide

  • marztala

    …e non dimentichiamo che nel taroccato +0,5% di pil, nel conteggio, da quest’anno, sono state inserite anche le attività criminali, il contrabbando, la prostituzione….senza questo "aiutino" il nostro pil sarebbe al -3%…..se Squinzi si lamenta, vuol dire che queste attività sono state iscritte alla confartigianato e non alla confindustria.

  • clausneghe

    E quanti ne trova…

    Hai voglia di quanti ne trova.
    Sono tutti attorno a noi.
    L’Italia è piena di Italioti.
  • andriun
    Vogliamo fare una riforma vera?

    Donne a casa! salvo particolari mansioni a loro più congeniali relative all’assistenza medica, servizi, lavori di segreteria, imprenditoria se l’impresa è di loro proprietà. Fuori da esercito, e da tutte li istituzioni militari o paramilitari se non ricoprono ruoli precedentemente espressi, nonchè dalla politica. Eliminazione delle quote rosa, ripristino della figura del capofamiglia, lasciando alla donna di decidere se accettarla o no, e nel caso non venga accettata allontanamento da nucleo famigliare, con ovviamente l’eliminazione di ogni forma di sostegno coercitivo di tipo economico a seguito di divorzio specie se tale richiesta provenga da parte di lei. 

    Questi sono alcune proposte politiche che potrebbero certamente migliorare sia la condizione sociale sia il lavoro. Non solo, ma non escludo nemmeno che anche la sfera psicologica/sessuale del maschio quando della femmina, se ne avvantaggerebbe finalmente restituendo loro un ruolo più vero e quindi più naturale di quello presente nella società attuale. 
    Da qui otterremo certamente più figli e non avendo la donna altra possibilità di soddisfazione che quella di essere madre anche famiglie più stabili. Quindi non una finta madre, come per lo più avviene oggi, che pensi solo a farsi mettere incinta e a spillare soldi sia allo Stato che al povero disgraziato effeminato, per poi separarsene con una scusa o con un’altra, ma una madre che proprio a causa di una minore tutela a cui oggi si è abituata e che inevitabilmente la indotta al vizio, senta l’esigenza di appoggiarsi anche al padre con cui ha voluto unirsi per crescere il proprio bambino. Questo a mio avviso checchè ne dica la scienza moderna e non a caso lo dice, anche un impatto psicologico positivo sul nascituro che non vedrebbe in tal caso due soggetti dello stesso sesso, come potrebbe accadere oggi, ma finalmente due soggetti di sesso opposto.
    In questo modo credo e sono per lo più convinto si ridurrebbero anche i casi di femminicidio in quanto non vi sarebbe più ragione, salvo per alcuni effeminati che soffrono la mancanza di affetto proprio perchè così sono stati maldestramente educati dalla donna, di agire in codesta maniera, in caso di divorzio. Della serie: vuoi andare vai! 
    Questo resta e potrebbe essere un inizio di proposta che comunque richiederebbe nuove integrazioni, ma il nocciolo resterebbe quello da me espresso.
  • lanzo

    @ Andrium

    Se ti sentisse Parolisi o i suoi cloni, che vorresti impedire alle donne di arruolarsi nell’esercito…
  • EnolaGay

    La sinistra (se mai tale è stata) è caduta tanto in basso un tempo si vantava di essere l’intellighenzia del paese la parte culturalmente avanzata, oggi è composta da scimmioni incapaci di formare un semplice ragionamento logico e renzi ne è un degno rappresentate. Purtroppo questo paese politicamente è zero perchè ovunque ti giri non ti rimane che piangere. Ma questo ci riporta sempre al punto di partenza siamo sicuri che di democrazia trattasi, siamo sicuri di poter chiamare un paese occupato militarmente da oltre 60 anni democrazia, di poterlo considerare libero di agire e che la nostra classe dirigente tutta di destra e sinistra ma anche l’apparato capitalista operino da italiani oppure siano sudditi dell’occupante. Perchè troppo spesso diciamo che il potere è anglomaericano ma poi ricominciamo con la storia renzi ha sbagliato, berlusconi ha sbagliato, tizio non fa bene i compiti ma se partiamo dall’assunto che è un paese occupato, non sono loro quelli che comandano, sono gli occupanti.

  • andriun

    Se ci aspettiamo che donna collabori a qualcosa che solo apparentemente la penalizza ma che lei(la donna) non ha le capacità di comprendere, beh, allora stiamo freschi come lo siamo sempre stati da quando nel lontano 1970 proprio perchè rappresentava un corpo statale troppo maschilista, le donne hanno messo piede nell’esercito. 

    Poi se vengono catturate durante le missioni più o meno pericolose, tutti a farsi in quattro per salvarle. Ma poi ce le vede le donne di cui non sto a ricordare quì la loro problematiche non ultimo quello ciclico mensile, che devono sbalzare tra fango in condizioni igieniche precarie.
    Ovviamente resta ovvio che la donna sia nelle istituzioni militari che in politica non ha portato grandi migliorie tali da far pensare che una sua mancanza potrebbe essere destabilizzante. 
    Paesi decisamente maschilisti hanno ottenuto fino ad oggi risultati più o meno simili ai nostri anche senza la donna. La Russia che ha introdotto la donna in marina solo da l’anno scorso ha operato comunque anche senza di lei. Ora lasciare che la donna acceda ai servizi militari è un errore di logica oltre che garantire la decadenza stessa del servizio offerto, in quanto come risaputo la donna non è portata alla disciplina. Quindi la donna nell’esercito può essere presente solo alla condizione inequivocabile di snaturare a proprio vantaggio il corpo stesso, portandolo al proprio livello, ovvero operando un adattamento verso il basso.
  • mago

    Se non parlasse del futuro dei miei figli…la prederei come una barzelletta..ma come persona semiseria chiederei per questo signore una perizia..a voi decidere quale.Vedremo a dicembre.

  • spadaccinonero

    andriun FOR PRESIDENT 

    (:
  • donjuan

    Se ti sentono le Guerriere Peshmerga…

  • lopinot

    Dear Marco Della Luna capisco la nausea, il disgusto e anche una certa forma di raccapriccio che viene naturale quando anche solo di sfuggita capita di parlare con qualcuno dei servorenzi.
    Io in tutta sicerità al lavoro evito accuratamente di portare il discorso su temi politici come era uso fare qualche anno fa.
    E’ davvero uno spettacolo deprimente vedere gente rinunciare al proprio passato, alla propria storia e ragliare all’infinito i peana al rignanese vincente.
    Sto parlando di gente con cui si sono gettati via milioni (delle vecchie lire) in scioperi a sostegno dell’art 18, contro le inique e mortifere riforme Maroni sulle pensioni, senza dimenticare le lotte contro i blocchi dei contratti, of course.
    Bene ora questi assurdi individui parlano in modo anche più molesto di Marchionne e berciano contro lavoratori, studenti, oppositori in genere in toni e termini da gestapo.
    Credo che mai si sia vista tanta gente gettare nel cesso dignità, storie familiari, ideologia e pensieri per andare sotto le puzzolenti vesti della Merkel e di Draghi.
    Ma forse siamo noi a pretendere troppo dai nostri concittadini, dopo tutto un popolo che si è coccolato per svariati decenni un filotto di Andreotti, Craxi, Berlusconi, Monti non poteve perdersi la ciliegina sulla torta.

  • andriun

    le guerriere valgono certo meno dei guerriglieri. Fa parte della propaganda femminista(un contentino da dato pure a loro) attribuire a questi corpi militari femminili meriti speciali. Poi sono convinto che in caso di cattura l’isis saprà certamente come divertirsi prima di ucciderle. 

    Ricorderà sicuramente il chiasso mediatico che ha prodotto la favola relativa all’Angelo di Kobane che una certa letteratura voleva rappresentare come l’eroina che poteva vantarsi di aver ucciso  un sacco di guerriglieri nemici. Alla fine sì rivelata solamene una studentessa simpatizzante arruolatasi di fresco. 
  • bysantium

    <i>E’ evidente che, quando proclama che con le sue riforme ha fatto
    ripartire il Paese, Renzi calcola di rivolgersi a una base elettorale
    composta da idioti. Esattamente come quando promette un taglio
    sostanziale della pressione fiscale mentre è vincolato a clausole di
    salvaguardia per 60 miliardi pronte a scattare l’anno prossimo sull’Iva e
    su altre imposte.</i>

    Le cose, Renzi o non Renzi, stanno sempre così nelle democrazie rappresentative.

  • Gil_Grissom

    RENZI e’ un  grande punto e basta.

  • pasa

    dico a Matteo Renzi:

    mi può far sapere a quanto ammonta il suo stipendio?
    e mi spiega perchè non dice agli Italiani che se suo figlio non lavorerà , come suo diritto acquisito ( cioè acquisitoi da Lei, Renzi) avrà a vita il suo vitalizio?
    noi ed i nostri figli siamo" figli di p…….?"….eppure avevo una madre così pura, così bella e così umana , cos ì  indigena.
    Mi chiedo: Ma la Sua mamma, quando Lei era infante l’ha amata?
  • ilsanto

    come no, magari mettiamogli anche il velo e ripristiniamo le pene corporali, ma va a ciapà i ran .

  • andriun

    e no ci mancherebbe!!! checchè meglio la situazione di oggi. Ma va a ciapal in tel c..ul…

    Spero almeno che non sia uno tra quelli che si lamenta, ma che sia per lo meno un filo-governativo così anche se non si può certo parlare di intelligenza(le risulta che sua madre o sua nonna portassero il velo quando lei è nato?) le si potrebbe almeno riconoscere un minimo di coerenza con se stesso.
  • ilsanto

    Bah dire che siamo occupati vuol dire che non è colpa nostra, è l’estrema deresponsabilizzazione in un paese dove non è mai colpa di nessuno ? Io dico il contrario, cominciamo a sbattere fuori chiunque è responsabile anche solo se manca la carta igienica in una scuola di periferia, e chi ruba allo stato lo mettiamo ai lavori forzati per costruire opere pubbliche a vita. Riprendiamoci il senso dello stato, della cosa pubblica, del bene comune, della vita, dell’etica, fermiamo questa deriva dove conta solo l’egoismo, il proprio interesse, il potere, la ricchezza, almeno in chi è assunto a vita dallo stato, per curare il bene di tutti.

  • ilsanto

    Certo che è meglio oggi, ma se non l’ha capito, temo non si siano speranze, spero che le risponda una donna in vece mia, io posso solo dirle che la condizione delle donne prima era di totale sottomissione, e di casalinghe frustrate, deluse, piangenti, sole, abbandonate, tradite, battute io ne ho conosciute, forse lei è solo troppo giovane. 

  • jake

    Marco Della Luna…. okkio che ti oscurano il sito!

    A proposito… come mai nessuno dice nulla della scomparsa dal web del sito di Paolo Barnard e CDC non pubblica nulla???
    Grazie per le eventuali risposte! (e scusate l’OT!)
  • jake

    Sorry… vedo ora i post sul forum!

  • andriun

    ah, certo che meglio oggi per loro, è da un po’ di tempo che lo vado scrivendo, evidentemente non ha seguito i miei post. Ma questo è solo un meglio apparente. Forse una volta venivano "punite dal marito"(quando erano del tutto fuori controllo, ma non certo ammazzate) e se non ci fosse l’idea che la donna per essere intelligente, ha bisogno di mostrarsi solo dominante, ne vedrebbe a iosa di testimonianze che ringraziano di aver subito quella battuta. Ma aspettarsi una testimonianza di tale tipo, vorrebbe anche dire che la donna è intellettualmente onesta il che come sappiamo non è così.

    Quello che è certo è che se venisse fatta una tale affermazione sarebbe per lei(la donna) come ammettere di aver sbagliato tutto, ovvero di essere finita alla deriva rispetto alla direzione che avrebbe voluto prendere. IO, quando ero più giovane ricordo che la donna in famiglia era la regina(LA SIGNORA) della casa, non si muoveva foglia, se lei non voleva, ma nello stesso tempo la curavano la casa, senza pretendere nulla dal marito e avevano delle mansioni specifiche da cui non prescindevano. Inoltre potevano far affidamento sul capofamiglia la cui parola era sì insindacabile, ma questo faceva parte del "gioco" e certamente comportava anche l’aver scelto bene al momento opportuno, di certo preferendo un UOMO al posto di un effeminato dal momento che il primo avrebbe saputo essere un buon padre oltre che un buon MARITO. 
    Oggi la donna più che la moglie fa da madre a suo marito. Le posso raccontare delle storielle molto divertenti in proposito, che involontariamente i miei ex-colleghi hanno confidato pubblicamente, facendole apparire goliardiche, ma che in verità dimostrano solo la loro sottomissione più o meno voluta alla moglie.
    Quindi secondo il suo ragionamento l’uomo anche se sottomesso alla donna va bene, la donna sottomessa all’UOMO stona. Ma va dal via i ciapp.
    Sembra proprio che lei non abbia capito la vera natura della donna e quanto sia maestra nel raggirare i buoni di cuore/ingenui come lei, quelli che IO bonariamente chiamo gli effeminati(combattono contro se stessi, per la libertà della donna convinti di puntare alla parità). 
    Certo è innegabile che lei(la donna) piange e lo fa proprio perchè ha capito che può trovare conforto e comprensione(oltre che come sfogo emotivo che ovviamente gli effeminati sono portati a fraintendere), ma da qui al dire che cambierebbero qualcosa della vita che stanno facendo accanto ad un UOMO, ce ne vuole caro lei. Ora dicevo, se non ha capito questo allora il giovane tra noi due è solo lei, e questo a prescindere dall’età anagrafica che può avere. 
  • marcoferro

    eccolo qua il pupazzetto, la macchietta pingue che si crede premier. che ridere, ma tu guarda che faccia da bambacione. se è riuscito lui a diventare premier c’è possibilità per tutti. paolo barnard lo defini il coccige della merkel, allora speriamo che mangi tanti fagioli.

  • EnolaGay

    Se ho dato l’idea di voler dereponsabilizzare gli italiani mi cospargo il capo di cenere, gli italiani si meritano ben poco e quindi questo non era il senso di ciò che volevo dire. Il fatto che siamo occupati non è un opinione è un dato oggettivo, una verità, l’Italia dopo la seconda guerra mondiale che ha perso è stata occupata militarmente dagli americani. Se un paese ha nel suo suolo un esercito straniero credo che si possa definire ben poco libero, più voglio ricordare che in particolare l’Italia grazie ai suoi vili condottieri ha firmato per mano di tal Badoglio un armistizio in realtà trattasi di resa incondizionata che non ha pari da nessuna parte e di cui gli accordi come tipico della democrazia sono ben secretati e il cittadino idiota non ne può e deve sapere nulla. Se non fossi stato chiaro quindi sostengo che tutto quello che è avvenuto in questo paese dal dopo guerra ad oggi è stato per volontà americana terrorismo, attentati, omicidi di pezzi grossi, mafia nello stato, tangentopoli, compromesso storico e via di seguito (per alcuni di questi eventi ho anche le mie spiegazioni, senza prove, ma la ragione e la logica mi portano a supporre i motivi che li hanno causati) questo non è scaricare le responsabilità perchè in quanto colonia indico nel mio padrone non renzi ma gli americani renzi è un maggiordomo e così per il passato. Le basi militari saremo daccordo tutti che non sono stazioni balneari, sono qui a far cosa, a tenerci compagnia, a studiare la cultura italiana, è un pezzo di suolo italiano non più italiano, in mano agli americani dove loro detengono armamento di ogni sorta compreso sicuramente quello nucleare. Gli americani dopo aver vinto la guerra e speso vagonate di quattrini qualcuno pensa che abbiano detto e ora godetevela vi abbiamo liberato ora è tutto vostro noi ce ne andiamo. Non ho in mente di assolvere il ridicolo popolo italico che si merita ciò che ha, infatti dubito ci siano al mondo tanti altri popoli così pietosi, ma ciò non cancella lo status di colonia italiana e ciò porta a concludere senza dubbio che il potere in questo paese non lo esercitano gli italiani. Questo sia chiaro vale a differenti livelli sostanzialmente per tutta l’europa, sconfitta e invasa dagli Usa, i francesi non l’hanno vinta la guerra erano dalla parte giusta ma erano occupati dai tedeschi e sono stati gli americani a liberarli. E infatti non penso sia un caso che dal dopo guerra ad oggi con tempistiche differenti tutti gli stati europei diversissimi tra loro hanno imboccato la strada della trasformazione in società clone di quella americana, con le individuali resistenze okey, ma oggi se ci vediamo intorno quanto siamo simili all’america: la cultura, il cinema, i libri, i fumetti, la tv, l’economia, la politica, la società, i costumi certo in maniera imperfetta, non siamo l’originale infatti siamo una copia, ma anche in maniera imperfetta tutti in europa ogni giorno fanno un piccolo passo verso quel modello e le differenze tra decine di stati che prima erano enormi si stanno assottigliando. In nessun modo e su questo sono pronto a metterci la mano sul fuoco se gli americani non ci avessero occupato con la seconda guerra mondiale le decine di stati europei avrebbero subito una trasformazione, tra l’altro così veloce, di tale portata copiando il modello americano se è successo e succede significa che loro comandano. Quando mai nella storia una nazione libera si è completamente e di sua spontanea volontà appiattita in ogni settore ad un modello di uno stato estero? Quando mai nella storia un intero continente lo ha fatto? Mai, salvo se invaso e occpuato.

    Allora cosa bisogna fare qual è la nostra responsabilità semplice prima anche di andare a votare prima di ogni cosa l’unica via per riprenderci il nostro destino come italia o come europa è l’espulsione degli americani l’uscita dalla nato, dall’onu e da ogni organismo americano, possibile in italia o europa, sinceramente credo più possibile che l’uomo atterri su Nettuno domani. Ho paura che dovremo attendere la naturale consunzione che per leggi di natura e fisica, dato oggettivo, prima o poi tocca a tutti, la ruota gira si nasce si cresce e poi si muore anche gli imperi fanno questa fine, purtroppo se l’impero sovietico è durato qualcosa di più di mezzo secolo quello romano è durato un migliaio di anni e quindi non è dato sapere quanto quello americano reggerà.

    Infine per me la nostra responsabilità di italiani e europei è la codardia, la viltà è chiaro che ribellarci richiede sacrifici e notevoli rinunce, addio iphone e internet, addio videogames, addio comodità materiali (perchè le parole sono belle ma l’azione è sporca e dura e quando si arriva ai fatti tutti fanno un bel passo indietro), sicuramente per un bel periodo sarà dura e bisognerà ricominciare tutto da capo, nessuno questi sacrifici li vuol fare quindi il resto è aria. Ma una cosa è certa con o senza rivoluzioni, e forse peggio senza aspettando la fine dell’impero, le conseguenze saranno drammatiche quando qualcosa di elefantiaco collassa porta giù con se distruzione e morte che segue anche dopo la sua fine ma tanto questo non ci riguarda, tutt’al più riguarderà i nostri figli nipoti… per chi li ha, e possiamo tutti dormire sogni tranquilli senza libertà.

  • Vocenellanotte

    Caro Andriun, la cultura non la scrive la legge. Anzi è vero il contrario e cioè la legge la scrive la cultura. In tutte le società, sia quella patriarcale, che quella effeminata. E in questo non c’è nulla di male. È nell’ordine naturale delle cose. Come i gas che si prendono lo spazio che gli viene concesso.

    Quindi dobbiamo cambiare la cultura, ma quale cultura? Perché in verità oggi convivono innumerevoli culture. La società in Italia è diventata schizofrenica. Personalmente non saprei dove cominciare.
    Allora torno a un vecchio scritto di Pasolini "Io so" apparso 40 anni fa sul Corriere che continua ancora oggi a martellarmi il cervello.
    L’uomo sa, la donna sente. In questa meravigliosa asincronia dobbiamo innescare il nostro pensiero di uomini. Necessariamente.
  • venezia63jr

    Ragazzi, vedo che avete gia’ conosciuto ANDRIUN, Andriun e’ rimasto orfano di Blondet, Blondet, vecchia barbaccia gli ha fatto il dispetto di chiudergli i commenti sul suo sito e lui poveretto ha pensato bene di unirsi a noi, il suo stile e’ inconfondibile, appena entrato lo avete battezzato.
    Trattatelo bene, perche’ cosi’ avete con chi sfogarvi senza essere bannati, cosi’ dimenticherete altri di questo sito che in confronto sono una spanna sopra.

  • Valdo

    Sono sostanzialmente d’accordo con Andrun.

  • andriun

    Per l’appunto quello che io poi ho definito complementarietà che va in antitesi con il concetto di  sostituzione(molto in voga oggi e che, se vogliamo dirla tutta è solo uno dei sintomi del caos in cui stiamo vivendo). 

    Ci preoccupiamo del PD di Renzi e di pinco pallino senza capire che quelli sono gli effetti non la causa del male italiano.
    Le cause sono da ricercare proprio nel caos e non nemmeno difficile se si presta un po’ di attenzione alla realtà che ci circonda. 
    Qualcuno potrebbe dire: ma così torniamo indietro. E se fosse la soluzione tornare un po’ indietro per poi procedere correttamente il resto del percorso, che male ci sarebbe? Se abbiamo fatto degli errori dove si nasconderebbe il problema nel considerare obbiettivamente da quando questo ha avuto il suo inizio. Solo così potremmo mettere sulla bilancia senza falsi moralismi, quale dei due era il male peggiore: la società patriarcale di un tempo o quella effeminata di oggi. 
    E poi non è forse vero che in tutti i settori lavorativi, nonchè nei sistemi informatici, quando vengono riscontrati degli errori la procedura corretta da seguire e sempre quella di procedere a ritroso per comprenderne le cause e quindi poi intervenire correttamente affinchè quell’errore non abbia più a ripetersi, ma nello stesso tempo garantire tonicità all’architettura nel suo complesso? 
    Certo è vero che possiamo velocemente anche mettere delle "pezze" se ad esempio il sistema mi restituisce un valore errato del tipo picche e io mi aspettavo cuori, nessuno di vieta di modificarlo al volo forzando la procedura, ma questo presuppone comunque una conoscenza del problema pena l’instabilità dell’intera architettura: che un po’ quello che avviene nella società odierna attraverso leggi leggine controlleggine e via dicendo.
    Ora appurato che questo è il modo corretto di procedere perchè non lo applichiamo anche nella politica e nella vita sociale. 
    Una volta scoperto il problema gli adattamenti sono sempre possibili, ovviamente evitando di ripetere il medesimo errore che ha generato l’anomalia altrimenti chiamarsi fessi è ancora poco.
    Il fatto che questo non si faccia e non si voglia fare, mi lascia solo convinto una volta di più che qualcuno, in questo caso la donna o per lo meno un tipo di donna, ha coscienza sporca.
  • andriun
    "…dimenticherete altri di questo sito che in confronto sono una spanna sopra
    A parte il fatto che non ho mai scritto su Blondet e quindi, se pur ammetto di essere stato bannato su altri siti(e non è difficile immaginare il perchè visto le cose che dico), come dal posto di lavoro(perchè femministi/effeminati possono esserlo tutti, maschilisti no). come minimo mi sta scambiando per un’altra persona, con cui però, se è vero ciò che lei dice, mi devo pure complimentare. 
    Poi chissà perchè leggendola e rileggendola ho come la sensazione di percepire una puntina di invidia…che comunque ci sta, ci mancherebbe! Nietzsche scriveva: "Più di tutti è odiato chi vale".
    Mi stia bene.
  • raniran

    La "condizione" delle donne prima era di essere madre e moglie e padrona del focolare, portava avanti la casa e l’uomo procacciava all’esterno PUNTO. Giudicata questa condizione con occhi post-moderni lei la vede sottomessa ecc…è il lavaggio del cervello che questo sistema attua per creare caos fra i generi, inserendo pure le variabili impazzite dei gaylesbiche….ora se a lei piace tal situazione sociale ove le figure di riferimento e i Veri Valori della Famiglia sono ogni giorno buttati in cesso nel nome di una sempre nuova emancipazione femminile vada pur avanti così.

    Andriun ha colto nel segno essendo l’unico che parla fuori dai denti senza temere di passare da maschilista e misogino.
    Bravo Andriun!
  • Cataldo

    Carissimo Andriun  quando mi parli di "sfera psicologica/sessuale" mi sembri invischiato nel pieno delle misticherie castranti  della psiconalasi, stai attento che il femminino ti divora da dentro 😉

  • andriun

    Ad ognuno il suo mestiere. Non sono un medico, mi limito ad osservare il mondo che mi circonda utilizzando i sensi di cui il mio corpo(ma credo anche il suo) è dotato, lasciando la mente scevra da false ipocrisie e quindi a produrre delle supposizioni/pensieri che siano in linea con una certa logica.

    Se lei può sconfessare queste mie supposizioni, portando dati concreti lo faccia: chi mi conosce anche solo virtualmente sa che non ho mai negato a nessuno il confronto dialettico.
    In ogni caso si tranquillizzi, mi conosco troppo bene per temere qualcosa che provenga me stesso. 
  • raniran

    La donna non è fatta per combattere PUNTO

    le "guerriere delmenga" sono li perchè ometti più o meno zerbinati e/o troppo attaccati al proprio tornaconto le hanno messe/addestrate
           e soprattutto sovvenzionate (vi dicono nulla le femen, le post-moderne e sulla boccaditutti combattive guerriere , belle emancipate intelligenti praticamenteperfette)…
    Vabbè
  • raniran

    ..forse è il caso che sia tu a chiedere ad Andriun di trattarti bene…

  • bstrnt

    No, ci sono pure i PDioti!

  • lanzo

    Io apprezzo i commenti di ANDRIUM e li leggo con piacere anche se non sempre li condivido al 100% ma almeno non e’ uno che: "sto co’ i frati e zappo l’orto".

  • lanzo

    Errata corrige – mi scuso con ANDRIUN – enne finale e non emme.

  • raniran

    poveretto