Home / ComeDonChisciotte / REGENI? CE L'HANNO MANDATO. IN BALLO LO STERMINIO ARABO
16100-thumb.jpg

REGENI? CE L'HANNO MANDATO. IN BALLO LO STERMINIO ARABO

DI FULVIO GRIMALDI

fulviogrimaldi.blogspot.it

“Ci sono due modi per essere presi per i fondelli. Uno è di credere ciò che non è così, l’altro di rifiutare di credere ciò che è così”. (Kierkegaard, filosofo danese)

Ultima ora: Dopo Regeni e l’attentato al consolato italiano in Egitto, due italiani uccisi in Libia a Sabrata, città sotto controllo islamista. E l’Italia si appresta a partire in armi contro la Libia. La domanda è: i Fratelli Musulmani e chi li manovra fanno tutto questo perché ci vogliono, o NON ci vogliono, in Libia?

Contro Erdogan e Saud

Turchi

regeni

Le vedete queste due foto? Roma, pochi giorni fa. Una è di trenta persone davanti all’ambasciata turca, cioè di quel paese Nato che, oltre a massacrare i suoi cittadini, turchi o curdi che siano, è il massimo artefice dell’Isis e delle sue nfandezze in Siria e Iraq (nella colonna di destra del blog, sotto “Interventi di Fulvio Grimaldi”, ne parlo alla tv iraniana), l’altra, di una cinquantina, davanti a quella d’Egitto. I trenta sono attivisti del Comitato No Guerra No Nato e dell’associazione No War. Quattro gatti che, imperterriti, alla faccia dei numeri, li trovi ovunque ti aspetti invano di trovare una manifestazione oceanica contro i crimini della globalizzazione bellica degli Usa, della Nato, della “comunità internazionale” e dei suoi mercenari. Piccoli fuochi, certamente non fatui, dove ignavia, ignoranza, panciafichismo, codardia, opportunismo, fanno mancare l’incendio. Un battaglione di poliziotti e carabinieri li hanno tenuti fuori dalla portata di sputo e di slogan dall’ambasciata turca..

Contro l’Egitto

Gli altri sono dell’internazionale dei diritti umani come li interpretano la “comunità internazionale” (leggi: l’Occidente imperialista), Amnesty International (leggi Dipartimento di Stato), Avaaz (leggi Wall Street) e Human Rights Watch (leggi George Soros e Sion). Li ho visti, tali e quali, alle chiassate dei ratti anti-Serbia, anti-Iraq, anti-Libia, anti-Siria. Eccellenze filo-israeliane quali Erri De Luca, equilibristi come Un Ponte per, Signori del pacifismo clerico-istituzionale come Flavio Lotti della Tavola della Pace solita marciare con chi bombarda Belgrado, gli anticomunisti del “manifesto”, i corifei di ogni nefandezza doppiogiochista Arci, Acli, Cgil, Cisl, Uil, gli ambiguoni del Partito Umanista che ronzano attorno alle sinistre da anni, filopalestinesi passati sotto l’ala del despota Fratello musulmano del Qatar. Più il solito corredo di alternativi fuori tempo massimo, fighi e fighette delle sfilate non-violente all’ombra degli sfracelli dei violenti di Stato.
Di uno Stato e di una “comunità internazionale” dal più alto tasso di criminalità da un secolo in qua, che di queste coperture falso-dirittoumaniste si compiace assai. Sinistri e destri uniti e cinti d’affetto da media e potere. Onnipresenti sui Tg e sul “manifesto”. Cultori di tutte le rivoluzioni colorate, sudditi di teocrazie di segno occidentale che anatemizzano “dittatori sanguinari”, confusi, complici, cretini, infiltrati, amici del giaguaro. Non c’è verso che gli scappi una sola delle bufale e False Flag lanciate dall’Impero. Non c’è verso che li trovi anche a una sola manifestazione che nomini un responsabile delle guerre, che so, davanti a poligoni sardi da cui partono gli sterminii dei popoli e degli abitanti della zona.. Nessun poliziotto o carabinieri gli ha impedito di strusciarsi ai muri di cinta dell’ambasciata egiziana. Antropologia e classe sociale separano i primi dai secondi.

Ci sono o ci fanno?

E’ una vita che mi interrogo su due megadubbi: Lotta Continua era un’operazione spuria fin dall’inizio, o lo è diventata dopo? “Il manifesto” è venuto, o ce l’hanno mandato? Parto dalla prima questione, lacerante per me che ne sono stato militante e direttore del giornale (150 processi, un mandato di cattura). E sarei arrivato alla conclusione che la metempsicosi da rivoluzionari in gaglioffi ( non certo delle decine di migliaia di compagni che vi hanno impegnato il lavoro, i soldi, la professione, la vita, e in molti li perdettero), è avvenuta da un certo momento in poi ed è stata coronata, alla chiusura dell’organizzazione per decisione del “capo carismatico”, dal passaggio del gruppo dirigente armi e bagagli nel campo dell’ex- nemico e ora munifico datore di lavoro e fama. Lo stesso al quale si possono intestare i compagni uccisi a vent’anni. Forse il momento di svolta coincide con l’omicidio Calabresi e con i relativi ricatti.
Divennero illustrissime e remuneratissime mosche cocchiere del menzognificio Cia-Mossad gli altri suoi compari. Sono idealmente tutti lì, davanti all’ambasciata d’Egitto. E che le ricompense per aver ringalluzzito, con i propri scilipotismi, il dominio dei farabutti, dopo le vicissitudini che lo avevano scombiccherato per una decina d’anni, scendano per li rami lungo le dinastie è stato ultimamente ribadito dalla nomina alla direzione di Rai3 di Daria Bignardi, scadente gossipara da angiporto televisivo, ma nuora di Sofri e dunque maritata a un Signor Sofri-Bignardi. Quello del lecca-lecca “Bravo Capo, ottima, ottima intervista!”, dopo che i borborigmi della consorte avevano lustrato le chiappe a Renzi.

Sul “manifesto” è svanito ogni dubbio in occasione delle guerre contro i “dittatori sanguinari” invisi a Wall Street.

Con la Jugoslavia del “despota Milosevic e della pulizia etnica in Kosovo” (copyright Tommaso De Francesco), è diventato l’house organ della multinazionale pentagoniana dei diritti umani a uso bellico, a dispetto di residuali firme rispettabili che stanno lì, o perché non si accorgono di chi gli scrive accanto, o perché hanno olfatti resistenti ai peggiori miasmi, o perché ritengono utile farsi utilizzare a copertura delle nefandezze altrui. E magari hanno pure ragione.

Per quanto a me paia che certe nefandezze non le copri neanche se allaghi di lacrime tutti e 5 i milioni di palestinesi, o ti batti e sbatti in difesa di Ugo Chavez, o colmi di indignazione coloro che allo tsunami di milioni di profughi oppongono barriere. Nefandezze come il riciclo di ogni detrito decrepito di una sinistra ottusa e consociativa spiaggiata sui gradini del “manifesto”, per lanciarla contro l’unica opposizione vera oggi viva, attiva e davvero fastidiosa per il sistema; o come il marchio DOC offerto gratuitamente, dalla veneranda vegliarda Rossanda e a scendere fino ai ragazzi di bottega, agli attentatori dell’11 settembre e, a seguire, a tutti gli altri fino al Bataclan, ai brigatisti assassini di Moro per mandato Cia-Mossad (“l’album di famiglia”, ricordate?), ai tagliagole del Qatar e mercenari Nato in Libia insigniti dell’Ordine dei Cavalieri della Rivoluzione, alle prostitute delle Ong e della “società civile” e ai lenoni del relativo regime-fantoccio al servizio del violentatore imperiale dell’Afghanistan… Non si finirebbe mai a elencare le imprese da infamoni di questo giornale, perennemente in sincrono con le demonizzazioni del cattivo di turno ordite da falsari che pagano il tuo cervello portato all’ammasso con la moneta di Giuda. Slotmachine che con il barluccichio dell’azzardo vincente ti fregano anche gli ultimi scampoli di verità. Falsari quaquaraquà sbocciati nell’orticello del “manifesto”, ma poi giunti a rigogliosa fioritura nelle vaste monoculture dei grandi media. Pensate a Riotta, Annunziata, Barenghi, Tiziana Maiolo, Menichini, Teresa De Santis, Cimini….

“Il manifesto” è un giornaletto sovvenzionato dalle più virtuose espressioni del capitalismo da planeticidio, Eni, Enel, Telecom, Coop, e dai contributi all’editoria di un regime che sa bene quale “sinistra” coltivare. Non solo quella collateralista sul piano della globalizzazione armata, ma, altrettanto sincronica, quella culturale dove, tra un’astruseria e l’altra del supplemento Alias, riservata, se va bene, ai famigliari dell’autore, ma finalizzata a far sentire imbecille il proletariato, arrivano anche formidabili siringate di veleno. Tanto depistante olocausto ebraico mentre è in corso quello arabo; un aedo della violenza insegnata al pupo, come tale Ercoli, che s’inebria della perfezione artistica e tecnologica dei più brutali videogiochi sfornati dagli specialisti Usa per diffondere il verbo che uccidere è bello, uccidere di più è più bello; o come quella corrispondente da New York che tanto si è immedesimata nelle manipolazioni, occulte ma neanche tanto, della Cia, da elevare peana perfino alla fiduciaria dell’agenzia, Kathryn Bigelow, e al suo “Zero Dark Thirty”, fetida opera di glorificazione del falso assassinio del falso Osama bin Laden.

Alla mensa di cadaveri e balle

E così siamo arrivati al caso Regeni. Ancora una volta. Anche perché il “manifesto” non desiste, anzi rilancia, più di tutti gli altri del giro USraeliano. I quali in buona parte o hanno detto “passo”, o si limitano al “cip”, rendendosi conto dell’assurdità e strumentalità della versione unica basata, a priori, sulla “prova provata” che Regeni era un militante pericoloso alla dittatura e che sia stato eliminato dagli sgherri di Al Sisi. Di militanti fastidiosi, molto, ma molto di più dell’accademico italiano, ce ne sono al Cairo e bizzeffe e si manifestano e sono vivi e vegeti e scrivono sui media e social network. Il fastidio creato al governo egiziano dalle frequentazioni dell’allievo del capo dei servizi inglesi e dal serialkiller John Negroponte, è niente rispetto alla catastrofe d’immagine e di agibilità internazionale venutagli dall’uso che hanno fatto del ritrovamento del corpo seviziato nel giorno della firma dei megaccordi tra Egitto e Italia, gli utili idioti e amici del giaguaro. Più che un dittatore sanguinario, il presidente egiziano sarebbe un cretino matricolato, impegnato a picconarsi le gonadi.

E a proposito di Negroponte, inventore degli squadroni della morte e dei Contras, e dell’ex-capo delle spie di Sua Maestà, Colin McCole, che erano i datori di lavoro e dirigenti di Regeni in Oxford Analytica, non sarebbe forse del tutto spropositato argomentare che siano stati loro a incaricare il giovane italiano a occuparsi di “sindacati indipendenti”? Magari per farne buon uso contro l’inaffidabile Al Sisi, partner di Putin e dell’Eni, che rompe le scatole nella ricolonizzazione della Libia da tripartire, come s’è fatto manipolando e pervertendo la primavera araba? Negroponte convitato di pietra

Il fatto assolutamente scandaloso che il manifesto continui a occultare quanto è urlato da mille pagine di google e ora anche da qualche giornale meno disonesto, e mai smentito, che il giovanotto era impiegato a tempo pieno da quella consorteria di spioni e terroristi che è Oxford Analytica, con amministratore delegato John Negroponte, ambasciatore Usa e un autentico primatista delle stragi, delle torture, di ogni immaginabile nefandezza, in America Latina e Medioriente, toglie ogni minimo sospetto che Acconcia e compari possano essere in buonafede. Che possano arrivare a giurare che Regeni non aveva avuto contatti con persone equivoche, che la sua vita era tutta di studi e lunghe chat con la fidanzata operatrice ONU a Kiev(!). Ma per questi infingardi e mentitori, Negroponte e McCole che cosa sono, probi educatori di giovani perbene alla democrazia e ai diritti umani? Siccome, con ogni evidenza, non lo sono, meglio stralciarli dalla vicenda Regeni.

Quelli della Diaz

Che i genitori del dottorando abbiano illecitamente sottratto agli inquirenti egiziani il computer di Regeni, potenziale rivelatore di cosa intercorresse tra il dipendente e i suoi capi a Oxford Analytica, getta ombre su come vengono condotte le indagini da parte italiana, altro che depistaggi e insabbiamenti degli investigatori del Cairo! Se non c’è da fidarsi è proprio di coloro che in Italia si occupano del caso. Forse al Cairo quei buzzurri sottosviluppati da Terzo Mondo lavorano con metodo, hai visto mai, e forse i civilissimi maestri italiani del diritto, gli eurocampioni della correttezza e incorruttibilità investigativa, la categoria de luxe del giornalismo cane da guardia del potere, stanno rimestando nel torbido? Impossibile?

Ma certo, visto come siamo usciti splendidamente trasparenti ed efficienti dalla trattativa Stato-mafia del ’92-’93, dal massacro di centinaia di inermi alla Diaz e Bolzaneto, da Piazza Fontana e Ustica, dai seviziati a morte Mogherini, Cucchi, Aldrovandi, Uva, dal sequestro di Abu Omar, dalle centinaia di morti della “meglio gioventù” anni ’70 sparati o schiacciati dalle camionette, dal Ros di Mori che impiccia con la mafia di Riina e poi impiega il brigatista Morucci, dalle torture per cui ci siamo beccati la reprimenda di Strasburgo?

Si capisce bene perché al Cairo il potere giudiziario, che diversamente dalle narici otturate dei nostri cronisti, percepisce forte il tanfo di un complotto per destabilizzare l’Egitto, il suo ruolo in Libia, i suoi rapporti con l’Italia e altri paesi infidi, la gestione del suo gas e del suo Canale, esiti a consegnare ai colleghi italiani atti, analisi, risultanze. Visto il pre-giudizio strumentale alla cui pressione mediatica e politica questi colleghi sono sottoposti da ancor prima che la notizia del ritrovamento fosse stata resa pubblica. Stellare deontologia giornalistica e giudiziaria. Impervia a ogni contraccolpo, come quando si aggrappò alla fola che Regeni era stato prelevato intorno alle 17 del 25 gennaio da due tizi dei servizi, quando poi appare che scambiò telefonate tranquille con gli amici fino a poco prima delle 20. O quando dal fatto che il giovane sarebbe stato torturato in maniera scientifica si deduce l’aporìa granitica che “allora non possono che essere stati i servizi del regime”. Sorvolando sulle perizia, collaudata e comprovata, dei torturatori olimpionici Cia, Mossad, ma anche nostrani, fattisi le ossa sui genitali di donne e uomini in Somalia.

Mogadiscio

Il vertice della perspicacia e rettitudine giornalistica il “manifesto” (trainato da Acconcia che ora è costretto a dividersi tra l’infame Egitto e il meraviglioso “Iran restituito dalla vittoria dei moderati alla comunità internazionale”) l’ha raggiunto quando, con una frode da magliaro, sentenzia che “Regeni fu interrogato per 5 o 7 giorni durante i quali subì ripetute violenze a intervalli di 10-14 ore”. Chi lo dice? Ma la Procura di Giza, ovviamente, tutt’a un tratto diventata fonte di verità incontrovertibili. E tutto ciò significa che lo stavano interrogando per ottenere informazioni. Chi è perché? Anche qui nessun dubbio: gli sgherri di Al Sisi, per estrarre dal militante sindacalista notizie sui complotti dell’opposizione.
Invece no. Tutto falso. Con un residuo di sensibilità deontologica, perfino i media nelle grinfie della lobby, che fin lì avevano sparato editoriali al cianuro contro Al Sisi, nella cronaca dei fatti ammettono che la storia è fondata sul nulla. L’ha diffusa l’agenzia Reuters pretendendo che fosse la verità giudiziaria, della Procura di Giza, sull’autopsia del corpo di Regeni. Due dirigenti del Dipartimento di Medicina Legale del Cairo avrebbero valutato l’esame autoptico. Immediata smentita della Procura e il sottosegretario alla Giustizia definisce la notizia falsa e priva di ogni fondamento e annuncia procedimenti contro chi l’ha pubblicata e la pubblicherà. A sua volta, la Reuters, coda tra le gambe, ammette che la bufala le è stata rifilata da due fonti anonime.

Patatrac. Ma non per Acconcia, che invece attribuisce la storia proprio a chi l’ha smentita, cioè direttamente alla Procura di Giza, diventata di colpo credibilissima, da sentina di imbrogli e frodi che era fin lì. Mi farei una soddisfatta risata se l’Interpol, su mandato del Cairo, lo prendesse per le orecchie e gli facesse almeno sborsare un po’ dello stipendio malguadagnato.

Al Sisi brutto? Occidente orrendo.

Quello che è da sempre il primo quotidiano egiziano e di tutto il mondo arabo, Al-Akhbar, il cui prestigioso direttore Hassanein Heikal, grande amico di Nasser, deceduto proprio pochi giorni fa, ebbi il privilegio di intervistare per il Nouvel Observateur, mi ha confortato nell’ipotesi che ho avanzato in articoli precedenti.

Verosimilmente – scrive – Regeni è stato tradito da uno dei responsabili della sua attività presso il think-tank angloamericano Oxford Analytica che ha voluto sbarazzarsi di lui dopo aver sfruttato le informazioni che aveva inviato”. Per esperienza e logica credo più a Al Akhbar, alla Procura egiziana, che dai tabulati telefonici e dai contatti di Regeni desume un ruolo dei Fratelli Musulmani nell’operazione, che ad Acconcia, anche se così andrei a infrangere la certezza razzista degli eurocentrici per i quali qualsiasi manifestazione del pensiero e dell’azione sotto il 38° parallelo (quello che taglia la Sicilia) è inficiata da inferiorità genetica.

Eppure a me e credo perfino ai tanti colleghi che sono più intelligenti di me, parrebbe di importanza primordiale e quasi risolutrice dell’intero garbuglio, il dato, abbastanza sconcertante, che il militante dei diritti dei lavoratori lavorasse per fetecchie sanguinarie di della portata e importanza del capo spione britannico, McCole, e del padrino degli squadroni della morte Negroponte.. Perlopiù, in un paese che stava facendo di tutto per farsi detestare. Insopportabili in Israele e in Occidente la sua ricchezza energetica, il suo rapporto privilegiato con l’ENI, il suo ruolo in Libia, alternativo all’irruzione bellica dei neocolonialisti, la sua lotta ai terroristi Fratelli Musulmani, quinta colonna del sion-imperialismo nella regione. Gente, primatista mondiale delle provocazione False Flag, che a effettuare un rapimento-tortura-uccisione e attribuirlo al soggetto da destabilizzare non ci ha mai messo niente e non ci ha probabilmente messo niente neanche stavolta. Grazie anche al depistaggio degli Acconcia and company. Insomma, per isolare e stroncare questo grande e influente stato nazionale arabo si è scatenata una virulenta campagna terroristica di segno FM, si è abbattuto un aereo di linea russo da Sharm el Sheik uccidendo 224 passeggeri, si è attaccato il consolato italiano. Non vi pare di vedere uno sgargiante filo rosso?

Qualcuno obietta, ma come, quell’ Al Sisi non ha forse chiuso il passaggio per Gaza e allagato i tunnel tra Egitto e la Striscia contribuendo così al genocidio israeliano? Non è dunque sodale di Israele e, per la proprietà transitiva, anche di Usa, Nato e tutto il cucuzzaro? Non ha aderito alla campagna saudita contro lo Yemen (a parole, non c’è un soldato, un mezzo egiziano, in Yemen)? Cari amici, non ricordate un vecchio discorsetto che ci parlava di tattica e strategia? Di contraddizione principale e contraddizioni secondarie? Della complessità di ogni quadro di amicizie-inimicizie? E se quella barriera serviva a bloccare i Fratelli musulmani, di cui Hamas è la costola di Gaza e che stanno conducendo una campagna di stragi terroristiche dal Sinai all’Alto Egitto per sabotare il turismo e l’economia del paese che ha scelto di preferire il generale laico, brutto o bello che sia, all’integralista islamico, alla sua Sharìa, alla sua repressione degli operai e oppositori?

Con i mercenari jihadisti Nato dalle varie sigle in difficoltà in Siria e Iraq sotto l’urto dei combattenti in difesa dei propri paesi assistiti dalla Russia, ecco che, grazie all’agenzia di collocamento e dei trasporti turca, l’Isis si materializza in Libia e va a sostituire i rivoluzionari democratici cari a Rossanda, prima, gli scafisti dei Fratelli ricattatori di Tripoli poi, come pretesto per lo sbarco sul bel suol d’amore e di petrolio.

Grandi reclutatori di manovalanze, gli americani. Scatenate le vittime delle loro devastazioni su un’Europa in ginocchio che, disperata, si blinda contro i disperati con barriere e muri, Washington-Wall Street ora consente ai subalterni europei di fare il suo lavoro sporco in Libia, sotto la guida – ahahahah – della Pinotti.

Per sopravvivere da Stato arabo sovrano, unitario, laico, quando sei circondato da mostri che gli Stati arabi sovrani e laici li sbranano uno dopo l’altro, quando vuoi dare una mano alla Libia – da Stato arabo, sempre meglio che gli eredi del genocida maresciallo Graziani – perché non torni nella fauci dei cannibali coloniali (che infatti fanno a gara per arrivare prima e tagliare fuori l’Egitto via Regeni), tocca muoversi con spregiudicatezza, facendo cose che a molti non piacciono. Ma stiano zitti coloro di cui il famoso giornalista della Frankfurter Allgemeine Zeitung ci ha raccontato che all’80 per cento sono sul libro paga della Cia.

Fulvio Grimaldi

Fonte: http://fulviogrimaldi.blogspot.it

Link: http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2016/03/regeni-ce-lhanno-mandato-in-ballo-lo.html

3.03.2016

Pubblicato da Davide

  • Servus

    Eh si, il filo rosso si vede bene.

  • ilcomplottista

    Fulvio, a distanza di 40 anni mi hai aperto un mondo. Poco più che ventenne non riuscivo a capire cosa ci facesse un agente dell’allora SID col Manifesto e Lotta Continua in bella mostra sapientemente piegato in tasca e che faceva discorsi di estrema sinistra.  E io che credevo che fosse una trappola per identificare "i sovversivi" e invece oggi credo di aver capito che volessero reclutare a loro insaputa dei soggetti da infiltrare. In fondo, chi più chi meno, pur avendo commesso orrendi crimini con la giustizia se l’è sempre cavata a buon mercato. Regeni e tanti altri sono stati presi al laccio così, mettendosi al servizio (inconsapevolmente) di chi combattevano con i propri ideali.

    Accidenti, che mondo !!!!
  • AlbertoConti

    Se la sinistra è il PD, la sinistra radicale non può che essere quella descritta da Grimaldi. Sinistra sinistrata, che altre prove occorrono?

  • Stalin2

    Analisi encomiabile. E aggiungo io: Il rapimento è avvenuto il venticinque gennaio, anniversario, guarda caso, della rivoluzione colorata di piazza Tahrir. Come se ci fosse l’intento di legare la sparizione di Regeni all’autoritarismo di Al Sisi, il quale dunque sarebbe colpevole di aver sedato i "festeggiamenti" in occasione della ricorrenza utilizzando metodi brutali. Difatti questo è la versione propagandata dalla spazzatura Atlantista autoctona, basti leggere un qualunque articolo del summenzionato Manifesto. Curioso, inoltre, che il rinvenimento del corpo sia avvenuto proprio il giorno in cui Federica Guidi, a capo di una delegazione composta dalle principali aziende Italiane, stava recandosi al Cairo per stipulare accordi di cooperazione bellica ed economica con il governo Egiziano. L’omicidio del ragazzo e le conseguenti scatarrate dirittociviliste disseminate dagli agenti del Trotskismo, dunque, erano evidentemente finalizzate a scongiurare accordi bilaterali Italo-Egiziani e destabilizzare l’attuale classe dirigente capitanata da Al Sisi. Il resto è paccottiglia a stelle e strisce, capovolgimento della realtà e lobotomizzazione taqfiroislamofila.

  • Sven

    Che dire..
    Toni accesi, analisi approfondita, interpretazione indignata..
    Molte cose condivisibili, ottimo inquadramento dell’ "internazionale antagonista" alla quale anni fa un noto e bistrattato autore (ma solo dai "sinistri") come Blondet ha dedicato un bel libro…
    E la Scuola Hyperion? E l’eterodirezione delle BR, per la quale anche il Corriere (con recensione) e qualche autore (con recente libro) si affannano a costruire una versione "alternativa" ed anticomplottista, nonostante le risultanze giudiziarie?

    Eppure Grimaldi cade..scivola: io mi domando se le multinazionali dell’Italietta o ciò che ne resta, essendo ora partecipate anche da altro, tanto invise (guardacaso) anche a Report, come ENI, ENEL, ecc. siano davvero così pericolose come altre (HULLIBURTON, IBM, MONSANTO, SHELL, EXXON, ecc.) che il potere e il sostegno militare ce l’hanno sul serio..oppure se anche qua, in mezzo a tante belle chiacchiere da applausi, non si cerchi di addossare il "planeticidio" ai rimasugli di industria e "colosso" economico italiano, nel più classico dei copioni angolofili. Un riferimento che stona parecchio e personalmente odora di marcio, in questo articolo, ma probabilmente mi sbaglio.
    valga da spunto di riflessione.
    Consiglio ad ogni modo per gli scettici il bel libro di Cereghino-Fasanella "Colonia Italia", fondato su documenti d’archivio britannici esaminati a Kew Garden..Si scopre che Renato Mieli dirigeva L’Unità, un po’ come forse Lotta Continua e Il Manifesto sono stati fucina di altri "opinion leader" o "agenti di influenza". I burattinai sono in genere sempre sul Tamigi.

  • whugo

    Tendo a credere alla buona fede di Grimaldi anche se anch io pur essendo un abituale frequentatore del suo blog e avendo partecipato ad alcune conferenze mi trovo qualche volta in disaccordo su alcune tesi, certe volte sembra di scorgere un po’ di superficialità in un oceano di conoscenza delle più svariate situazioni internazionali, quelle cose che in mezzo a tanta competenza sviluppata in anni e anni di esperienze stonano ancora di più, pur non scorgendoci "il dolo".

    Interessante comunque il tuo intervento.