Home / ComeDonChisciotte / QUELLI CHE NON CONDANNANO IL NAZISMO
14065-thumb.jpg

QUELLI CHE NON CONDANNANO IL NAZISMO

FONTE: RT.COM

USA, Canada ed Ucraina votano contro la risoluzione anti-nazi russa all’ONU

La Terza Commissione dell’assemblea generale dell’ONU ha approvato una risoluzione proposta dalla Russia che condanna i tentativi di glorificare l’ideologia nazista e di negare i crimini di guerra della Germania nazista. Gli USA, il Canada e l’Ucraina sono stati gli unici paesi a votare contro.

La risoluzione e’ passata Venerdì scorso dalla commissione, che ha come obbiettivo affrontare questioni di natura sociale e di abusi dei diritti dell’uomo, con 115 voti a favore contro 3 e con 55 astensioni, secondo quanto riferisce l’agenzia Tass.

A seguito: “Quelli che non condannano il nazismo” (Giulietto Chiesa, megachip.globalist.it);

Il documento esprime preoccupazione circa l’aumento dei crimini di natura razzista nel mondo e dell’influenza che ottengono i partiti con agende estremiste.

Si appella per l’adozione della Convenzione Internazionale per l’Abolizione di Tutte le Forme di Discriminazione Razziale. Molte nazioni tra le quali gli USA, il Regno Unito, la Cina e l’India, hanno firmato la Convenzione ma non hanno riconosciuto un meccanismo capace di affrontare i reclami individuali che stabilisce, cosa che rende la convenzione non applicabile nelle loro giurisdizioni.

Inoltre la convenzione condanna i tentativi di mascherare i collaboratori dei nazisti dipingendoli come combattenti di movimenti di resistenza nazionalista e, come tali, di onorarli.

La risoluzione ha condannato ogni forma di negazione dei crimini di guerra nazisti, Olocausto degli Ebrei incluso.

La Russia, che ha presentato la bozza della risoluzione, ha dichiarato di essersi dispiaciuta per la sua mancata adozione unanime.

Ogni anno Mosca propone simili documenti all’Assemblea Generale dell’ONU, ma gli Stati Uniti ed il Canada stanno votando costantemente contro. L’Ucraina e’ una nazione nuova nel gruppo dei contrari in quanto fino all’anno scorso si asteneva.

Il rappresentante di Kiev alla seduta, Andrey Tsymbalyuk, ha detto che malgrado l’Ucraina condanni il nazismo ed il neonazismo, non può adottare la risoluzione russa, perché non ha sofferto solo a causa del nazismo nel passato ma anche a causa dello stalinismo.

“Finché lo stalinismo ed il neo-stalinismo non saranno condannati con la stessa forza come il nazismo ed il neonazismo come anche ogni altro tipo di odio, l’Ucraina non potrà sostenere questo documento,” ha dichiarato il diplomatico.

La risoluzione sarà adottata formalmente dall’organo deliberante dell’Assemblea Generale dell’ONU il prossimo Dicembre.

Fonte: http://rt.com

Link: http://rt.com/news/207899-un-anti-nazism-resolution/

22.11.2014

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da GEORGIOS

Ndr

Il titolo del presente articolo è stato preso dall’articolo di Giuletto Chiesa pubblicato nei commenti

Pubblicato da Davide

  • Tao

    NEWS 224603All’ONU la Russia propone una condanna del nazismo. Ucraina, USA e Canada votano contro. L’Italia si astiene, assieme all’Europa. Capire dove si sta andando

    Una commissione delle Nazioni Unite ha esaminato recentemente un documento di condanna della glorificazione del nazismo.

    Qui di seguito il testo: daccess-ods.un.org [daccess-ods.un.org]

    Il voto finale ha prodotto questo risultato: 115 voti a favore, 55 astenuti, 3 voti contrari. I tre voti contrari sono stati quelli di Ucraina, Stati Uniti e Canada. L’Italia – nella sua qualità di presidente di turno dell’Unione Europea –  ha dichiarato la propria astensione, trascinandosi dietro tutti i paesi europei.
    La dichiarazione di voto italiana merita di essere qui riportata in base al resoconto sintetico che ne ha fatto lo stesso uffico stampa dell’ONU:

    “Spiegando il voto, ad avvenuta votazione, il rappresentante dell’Italia, che parlava a nome dell’Unione Europea, ha detto che l’Unione è impegnata a combattere il razzismo, la discriminazione razziale, la xenofobia e le correlate intolleranze, mediante sforzi generali a livelli nazionali, regionali e internazionali. I singoli stati sono stati liberi di decidere il contenuto del testo della risoluzione, tuttavia l’Unione ha avuto dubbi circa la sincerità del testo, visto che il sostenitore principale della risoluzione ha violato i diritti umani”.

    Si noti che il rappresentante italiano ha evitato accuratamente di nominare il nazismo. E si capisce bene perché, avendo l’Unione Europea stretti rapporti con un governo  – quello ucraino – che include forze apertamente inneggianti al nazismo.  L’argomentazione usata è, del resto, non solo puerile, ma completamente ridicola perfino sul piano diplomatico. Se il voto di una qualsivoglia risoluzione fosse subordinato all’accertamento della buona fede del proponente, con ogni evidenza, non vi sarebbe nessun voto possibile in nessun consesso internazionale. In questo caso il proponente era, evidentemente, la Russia, non la potenza che tiene aperto il campo di prigionia di Guantánamo.
    Impressionante lo schieramento dei tre voti contrari, con Stati Uniti e Canada principali e unici sponsor dell’Ucraina.
    E particolarmente pregnante la dichiarazione di voto del rappresentante ucraino. Il quale ha dichiarato il voto contrario in questo modo:

    “Lo stalinismo (sic) ha ucciso molte persone nei Gulag, e ha condannato Stalin e Hitler come criminali internazionali. Ha invitato la Federazione Russa a smetterla di glorificare e di incrementare lo stalinismo. Per queste ragioni ha detto di non poter appoggiare il documento. Ogni intolleranza va affrontata in modo  equilibrato e appropriato. E’ errato manipolare la storia in favore della propria agenda politica. La Federazione Russa sta sostenendo gruppi neo-nazisti e nazionalisti in Crimea. Annuncia il voto contrario dicendo che la risoluzione contiene un messaggio errato.”

    Chiunque può trarre le sue conclusioni da queste dichiarazioni che coprono di vergogna, almeno storicamente parlando, l’Occidente.
    Ma, per  provare vergogna, occorre conoscere i fatti. E i fatti resteranno sconosciuti ai più. Infatti questa notizia, insieme ai particolari che qui abbiamo fornito, è stata ignorata da tutti i quotidiani italiani e da tutte le televisioni italiane.

    Giulietto Chiesa

    Fonte: megachip.globalist.it [megachip.globalist.it]

    24.11.2014

  • thepatriot87

    condannare un’idea non è mai positivo

  • thepatriot87

    condannare un’idea non è mai positivo

  • MarioG

    Non che, in generale, possiamo dirci a corto di condanne del nazismo. Ormai e’ tutta una reductio ad hitlerum

  • GioCo

    Non so se è più patetico Chiesa che religiosamente pensa ancora vi sia residua vergogna da spendere tra le le umane menti demoniocratiche del "caga-consuma-crepa", ingurgita tecnologia e osanna le slot-machne dell’aulica finanza dei pupazzi politico-satanici e una CinoRussia soridente che gioca a fare il buon padre con una crosta cleptocratica mafiocentrica che spera in un "dividiamoci tra amici la torta-mondo". Comunque senza risparmiare troppo i pezzenti.

    A volte penso che se fosse vivo Voltaire, il Candido lo avrebbe scritto pensando allo stereotipo del "buonismo per disperazione" alla Giulietto Chiesa.

    Viviamo nel centro di una catastrofe sociale e la viviamo come se tutto fosse scontato, fluttuando tra un limbo fatalista e un’incoscienza che rasenta l’innaturale. A volte mi sveglio e mi chiedo in che razza di pianeta sono atterrato, poi mi ricordo di non essere mai partito e allora realizzo che devo essere caduto nel buco del bianconiglio di notte, in uno di quei momenti in cui avrei voluto solo raggiungere il cesso.

    Allora mi viene voglia di battute ironiche scontate.

  • oriundo2006
    Vorrei resuscitare a questo proposito alcune vecchie nozioni filosofiche, ovvero vorrei di questa diatriba scindere la questione NOMINALISTICA, ovvero il ‘nazismo’ è un movimento STORICO nato, cresciuto e morto negli anni 20 e 45 del secolo scorso ( mai dimenticarlo ), dalla opposta questione ‘concettualistica’, secondo la quale il ‘nazismo’ è una forma assoluta del ‘male’  e pertanto applicabile al di là del tempo e delle modalità in cui si è estrisencato ( da Wiki: ”.. forme di portata generale che posseggono un’esistenza in un mondo di astrazioni indipendente dal mondo reale ” ).
    Dunque, sulla base di quali concetti di ‘nazismo’ e di storia umana si vuole trattare ?
    Vogliamo far riferimento alla storia ed a quanto è successo nei fatti OPPURE vogliamo continuare nella saga ( negativa ) del ‘male assoluto’ inemendabile PERCHE’ ASTRAZIONE CONCETTUALE CREATA A PRIORI dalla ‘morale’ dei vincitori, tanto che si potrebbe addirittura e paradossalmente parlare di ‘nazismo’ anche per Gengis Khan o per altri infiniti e terribili massacri della storia umana ( tranne naturalmente per quelli dei vincitori, evidentemente mondi da ogni ‘male’… )?
    I fatti:
    – USA, Canada ed Ucraina votano no alla risoluzione. Usa e Canada sono tra i Paesi vincitori. Ucraina, dilaniata allora da una guerra civile, lo fu solo in parte. Tutti e tre i Paesi hanno piccoli gruppi che si autodefiniscono ‘nazisti’. I primi non lo condannano in teoria perchè è sufficiente per loro averlo sconfitto pragmaticamente sul terreno. Perciò se ne possono servire come comodo alibi per rivestire di un alone ‘nazista’ mitizzato una squallida prassi omicida di bande di tagliagole, perchè così facendo sanno di non rischiare a livello ideale un bel nulla ( idem per l’Isis ). Conclusione: il loro ‘nazismo’ è solo opportunismo politico senza basi sociali degne di nome. Al buon momento ( se avverrà ) i ‘nazisti’ banderiani si tramuteranno in ‘fascisti’ in doppiopetto e marsina, che discuteranno di indici di borsa, interessi bancari e annate di champagne. Quelli che non saranno d’accordo saranno eliminati ( è già successo con il loro capo ucraino ).
    – La Russia, erede dell’Urss, prima fece un patto con i nazisti e poi, attaccata, contribuì in modo determinante alla loro sconfitta. Anch’essa oggi ha piccoli gruppi di ‘nazisti’ che inneggiano alla ‘fratellanza bianca e ariana’ contro i ‘caucasici’ ( ironia vuole che secondo la Gimbutas gli indoeuropei sono originari proprio di lì…) ma anch’essi contano relativamente poco ( ma sono stati ‘attenzionati’ dal potere politico perchè passibili di utilizzo ). 
    La Storia ha peraltro emesso il suo inappellabile verdetto. Il nazismo appartiene ai movimenti sociali defunti ‘manu militari’. Oggi solo in Ucraina appare rivivere una seconda giovinezza, se così si può dire, ma senza alcun vero riferimento ideologico con la PROPAGANDA DI ALLORA, e senza alcun’altra giustificazione se non l’odio anti-russo.  Prova ne è che i nazisti filomajdan sono comandati da esponenti politici ebrei, massoni ed altri con passaporto americano, ed inquadrati da ufficiali Nato polacchi e baltici, tutti quanti EREDI di persecuzioni ai loro danni da parte dei nazisti d’antan.
    Se ne può concludere che condannare i tentativi di  ”.. glorificare l’ideologia nazista ..” paiono fuori luogo SE rapportati ai fatti ucraini, talmente evidenti sono le storture e le manipolazioni ( queste sì  ideologiche ) da parte dei sedicenti nazisti di colà che di ‘nazista’ non hanno proprio nulla se non il loro desiderio di ricollegarsi all’odio antislavo della Germania di 70 e passa anni fa. E basta.
    Quanto ai tentativi di ”.. negare i crimini di guerra ..” mi pare che NESSUNO oggi neghi i fatti che accaddero, atteso che il ‘revisionismo’ riguarda i campi di concentramento e ciò che si svolse là e che la ‘negazione’ dei crimini di guerra è solo relativa al farli rientrare come prassi normale di tutti gli eserciti in tempo di guerra.  Se i russi di oggi hanno qualche dubbio al riguardo su come l’Armata Rossa si comportò con i civili tedeschi E DI ALTRE ETNIE, ebbene che si riguardino quanto accadde ai territori della Prussia dell’Est:  seicentomila, forse anche più di settecentomila civili massacrati dai bombardamenti e dalle esecuzioni sommarie ( dopo torture atroci ) che subirono dalle truppe comandate dai Commissari del Popolo ( con la longa manus dei soliti ).  Senza parlare delle deportazioni staliniane di cosacchi e altri popoli minoritari considerati ‘inaffidabili’.
    Dunque PERCHE’ cadere da parte dei Russi nella trappola ideologica dei ‘concettualisti’, elevando il nazismo a fatto talmente importante da  esser sempre necessario RICORDARLO per condannarlo ab aeterno e con ciò facendo esponendosi a contraddizioni evidenti ? Nella ‘prova dei fatti’ NON NE HANNO BISOGNO: lo hanno sconfitto. Dal punto di vista ideologico neppure, anzi dovendo – per coerenza – ANCHE CONDANNARE QUEL REGIME CHE PRIMA FECE CON LORO IL PATTO e poi li sconfisse. E con ciò, levando parecchia fascina dal sacro fuoco della Grande Guerra Patriottica. Sempre che la coerenza nell’ideologia abbia importanza.
    Morale. Reiterare continuamente il passato questo è veramente contraddittorio.  E’ in fondo volersi ingigantire di fronte alle sfide PASSATE. Quanto alle presenti, cosa può servire loro il ricordo passato ? Conta vincerle le sfide: oggi. E il ‘nazismo’ non è certo una ‘sfida’ per la Russia di Putin. E’ solo ammettere di aver bisogno del proprio nemico per essere ‘russi’. Il che è assurdo. Pertanto, ritengo che all’opera vi sia la solita ‘manina’ che ordisce a suo buon grado la trama che poi zelanti esecutori faranno propria. Cave canem…
  • MarioG

    Disamina ineccepibile. Ovviamente la Russia tenta di capitalizzare la saga del ‘male assoluto’ a proprio vantaggio. D’altra parte i Russi sono quelli che a suo tempo ci lasciarono piu’ morti. Cio’ non toglie che la diatriba sulla cosiddetta glorificazione dell’ideologia nazista sia il solito teatrino. E certi  spettatori, come il Chiesa, che si sentono un po’ troppo coinvolti e fanno mostra di sdegno, somigliano a teatranti essi stessi. 

  • Georgios

    Albert Einstein: « Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana. Della prima non sono sicuro »

    Carlo Cipolla: « lo stupido e’ una persona che causa un danno ad un’altra persona o
    gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o
    addirittura subendo una perdita
    »

  • thepatriot87

    bella analisi

  • giannis

    il comportamento delle forze dell ordine negli USA e’ da nazisti-razzisti , bene le rivolte degli afroamericani negli USA , gli USA devono esplodere nel loro interno

  • dana74

    è una rivoluzione colorata COME QUELLE ARABE.

    Allora, seguendo la stessa logica si dovrebbe condannare tutto l’Islam perché la sua componente radicale HA FATTO DA GALOPPINI ALLA CIA?
    E poi le altre fazioni EUROPEE ADDITATE DI ESSERE NAZISTE sono CON PUTIN
    Come la mettiamo quando le etichette non si conformano alla strumentalizzazione politica che si intende propagandare??????
  • cdcuser
  • cardisem

    Mah! Io sono molto scettico quando si abbandonano i canoni della scienza e si tenta di costruire demoni…
    Mi chiedo se veramente a 70 anni dalla fine della guerra Mosca e washington apriranno i loro archivi…
    Un noto storico ha detto pubblicamente che se ciò avverrà assisteremo probabilmente a una riabilitazione di Hitler…

    Credo che la vera genesi della Prima guerra mondiale stia nella reazione soprattutto della Gran Bretagna davanti alla crescente potenza economica e militare della germania che si andava affermando sul continente europeo…

    Dalla Prima alla Seconda guerra mondiale il passo è breve ed è sbagliato pensare a due guerre distinte: è la stessa guerra che inizia nel 1914 e finisce nel 1945 con la sconfitta non solo della Germania (nazista o non nazista), ma dell’intera Europa…

    Si ricordi che nel 1914 gli Imperi coloniali europei si estendevano a quasi tutta la superficie del globo…
    Oggi gli stati europei NON hanno più nessuna sovranità e sono zone di occupazione milita degli USA (a loro volta sotto forte influenza della lobby ebraica)…

    Poiché la comunicazione è oggi una parte importante, fondamentale, nell’esercizio del dominio, ecco che si ha un regresso dalla scienza alla demonologia: di volta in volta si sceglie chi indicare come il Demonio, il Diavolo (che magari esiste pure, salvo indovinare dove si nasconde e quali panni assume), o meglio il "Male Assoluto”….

    Brutti tempi per quanti pensano di poter fare libero uso della propria testa.

  • amaryllide

    anche a me vengono in mente battute scontate, tipo "chi è il tuo spacciatore che ti dà roba così buona da farti credere che Chiesa sia un buonista?"

  • amaryllide

    "Un noto storico ha detto pubblicamente che se ciò avverrà assisteremo probabilmente a una riabilitazione di Hitler…"
    sarebbe interessante conoscere il nome di questo noto "storico"-indovino, visto che è un po’ difficile sapere cosa c’è scritto in documenti che non si sono mai letti.