Home / ComeDonChisciotte / QUALCUNO SI STUPISCE ?
13020-thumb.jpg

QUALCUNO SI STUPISCE ?

DI CLAUDIO MARTINI
il-main-stream.blogspot.it

Non si sa esattamente come commentare il voto “municipale” francese. Il vero vincitore della giornata, l’UMP, non è però il protagonista dell’evento politico che si è consumato in questi giorni. I protagonisti reali sono il Partito Socialista e Marine Le Pen. Ci si chiede se sia più notevole la vittoria dell’una o la disfatta dell’altro. La sconfitta di quest’ultimo è infatti impressionante, e trascina con sé tutta la multiforme sinistra francese. I socialisti, con un’opportuna alleanza con i Verdi, riusciranno probabilmente a conservare il governo di Parigi.

Ma Parigi non è la Francia. Nella provincia francese la sinistra perde ovunque. E spesso la sua disfatta coincide con la crescita dei gruppi di Le Pen. In particolare a Marsiglia e nel Sud la sconfitta è rovinosa: sugli otto arrondissement in cui si divide la metropoli portuale, uno è stato conquistato al primo turno dal UMP, in due il ballottaggio è tra UMP e PS, e il primo è in vantaggio, mentre in quattro il ballottaggio è tra Fronte Nazionale e UMP. Solo in un settore cittadino si registra un vantaggio del PS; ma la somma dei voti delle destre è ben maggiore rispetto ai suffragi del partito di Hollande.

Quest’ultimo fenomeno è una costante dei risultati elettorali, in ogni angolo del paese. Ci sono molti casi di vittoria al primo turno del UMP, come Bordeaux, Le Havre, Nizza, Orleans, Tolone, Amiens (e negli ultimi quattro casi il secondo classificato è il FN, non il PS). Ma anche nei luoghi dove il PS è competitivo, come a Lione, Lille, Dieppe o Rouen, è probabilissimo che i voti delle destre si sommino al secondo turno, determinando la sconfitta del partito di governo. Sono pochi i casi in cui è plausibile che la sinistra prevalga al ballottaggio, ed è significativo che dove ciò accade (Tolosa, Nantes e Montpellier) è perché è fortemente radicato il partito ecologista. Ma la regola, in quasi tutti i territori, è la prevalenza dell’UMP. Persino nelle roccaforti di Arras, Brest, Lens, La Rochelle, il PS non riesce a vincere al primo turno.

Insomma, una catastrofe. Il paese ha divorziato dal governo. Ed è probabile che il voto francese vada letto come un voto anti-Hollande, più che anti-euro: altrimenti non si spiegherebbe la messe di consensi guadagnata da un partito ultra-europeista come l’UMP. Semplicemente, Hollande ha fallito. E il suo partito non riesce ad attirare fiducia e mobilitazione, strappandoli ad una astensione dilagante (in queste elezioni il non voto nella fascia tra i 18 e 24 anni ha superato il 60%).
Ciò non significa che il partito anti-euro per eccellenza non abbia raccolto un grande successo. Anzi, un successo molto più grande di quel che appare. Marine Le Pen ha schierato 600 candidati nei 36000 comuni nei quali si votava (in molti dei quali si è presentato un unico candidato, eletto con la totalità dei voti). Concentrandoci solo sulle realtà più importanti, vediamo che il FN ha conquistato la maggioranza relativa ad Avignone, a Perpignano, a Frejus, in gran parte dell’Alta Savoia. I dirigenti del PS hanno immediatamente proposto a quelli dell’UMP di fare fronte comune per impedire che il FN prevalga al ballottaggio, e questi hanno risposto picche (segnale molto importante); il che significa che queste importanti città (insieme ad alcuni altri centri minori) saranno con tutta probabilità amministrati dagli esponenti del gruppo di Le Pen. Qualcuno potrebbe commentare: perché la vittoria in una percentuale piccolissima dei 36000 comuni francesi dovrebbe rappresentare un grande trionfo? Per la stessa ragione per cui anche le municipali del 1995 furono considerate come una vittoria del Fronte; eppure in quel caso Le Pen conquistò solo tre sindaci.
Il fatto è che, fino a ieri, il FN godeva di un radicamento territoriale scarsissimo. Il sostegno all’estrema destra è sempre stato visto come un voto d’opinione, da esprimere preferibilmente alle elezioni presidenziali. Il 18% conquistato da Marine Le Pen alle elezioni presidenziali non era un evento rivoluzionario nella vita politica francese: suo padre nel 2002 era arrivato al ballottaggio con il 17. Ma i francesi che votavano il candidato presidente FN, fino a ieri, non ripetevano la stessa scelta nemmeno per elezioni legislative. Questo fenomeno, insieme alla sostanziale chiusura del sistema politico francese (determinata in primo luogo dalla legge elettorale maggioritaria), ha per anni fatto sì che il Fronte godesse di una rappresentanza parlamentare assolutamente trascurabile; e il discorso si ripeteva, moltiplicato, per le elezioni per gli enti locali. Tanto per fare un paragone, alle ultime elezioni municipali del 2008 (in Francia la carica di sindaco dura 6 anni) Marine Le Pen presentò metà delle liste rispetto ad oggi, e non riuscì a eleggere nemmeno un sindaco.
Un successo oltre ogni aspettativa, dunque. La sinistra dell’euro è riuscita nell’intento di dare al FN un vero radicamento territoriale. Ora si può dire che Le Pen dispone di basi più solide per conquistare il governo del paese. Complimenti.
Claudio Martini
Fonte: http://il-main-stream.blogspot.it
Link: http://il-main-stream.blogspot.it/2014/03/qualcuno-si-stupisce.html
24.03.2014

Pubblicato da Davide

  • Simec

    Il popolo bue, per quanto bue, comincia a capire cos’è il regime della Troika, una dittatura finanziaria senza precedenti che sta massacrando le genti d’Europa.
    QUESTA EUROPA E’ FINITA.
    Solo Grillo e i suoi adepti non lo hanno capito. Ma quella di Grillo è la democrazia di baciare il culo al capo, nella migliore tradizione fascista italiana…
    Il popolo invece comincia a capire che i suoi governanti sono i principali CRIMINALI, che i suoi parlamentari proni ai bankieri stanno portando la società al macello.
    Lo si è capitop un pò tardi, è vero, ma il popolo è, per definizione, ignorante e facile preda della propaganda governativa. E’ sempre stato così.
    L’euro ci sta ammazzando. Solo i pennivendoli criminali di Repubblica, Corriere della serVa e compagnia cantante di Tv e mainstream vari, si ostinano a negarlo.
    Ma quando non hai i soldi per il pane ai tuoi figli, li mandi a cagare quei pennivendoli di merda.
    La verità è che servirebbe una Norimberga per bankieri, politici asserviti e giornalisti bugiardi complici, i veri responsabili di questo disastro epocale.
    E forse dopo la Guerra civile prossima ventura che ci attende, ci arriveremo.
    La vittoriia dell’unica formazione francese che vuole a chiare lettere USCIRE DALL’EURO è solo la punta dell’iceberg di cio che accadrà alle prossime elezioni europee. Che saranno inutili come tutte le altre, ma che daranno una vittoria schiacciante a coloro che vogliono dire basta alla dittatura dell’euro.
    Io, personalmente, se mai andrò a votare (cosa che non faccio + da anni, vista l’inutilità di tale istituto nelle attuali plutocrazie occidentali) voterò certo la Lega, unica formazione che odia questa Europa.
    Si lo dico chiaro IO ODIO QUESTA EUROPA CAINA E BASTARDA DEI BANKIERI.

  • pierodeola

    L’unico sistema ancora disponibile per uscire dall’EURO.

  • yago

    Questa europa è finita ma i nostri politici fanno finta di non crederci.

    Quando pero sarà ora di salire sul carro dei vincitori , cambieranno casacca in un attimo.

  • MartinV

    In Francia, il PS (Partito Sion… pardon Socialista) è oramai allo stadio del PD italiano, ossia un partito che ha come riferimento il potere finanziario, una cordata di potere distinta ma non differente da quella della destra tradizionale. Le promesse elettorali (di sinistra) di Hollande si sono sgonfiate una ad una…

    Il FN recupera i delusi che non si sono astenuti (astensione record) o forse è meglio dire che i delusi che non hanno pregiudiziali ideologiche sono passati dal voto socialista a quello FN.

    In Italia, dove la destra, perfino quella che si pone all’estremo (Fratelli d’Italia) non è altro che un pendant della destra liberale, è il M5S che riesce a catalizzare la protesta politica…

  • Kovacs

    La lega?…..quella che per 20 anni ha "governato" come un buon cagnolino il padrone Berlusconi?? bhaabahahauaahahahahahahahahaha….la stessa lega che i trattati Ue non li ha mai contrastati?….non basta una nuova faccia e sbraitare NO Euro per ritrovare la verginità 

  • Tonguessy

    Domanda: come rendere credibile la destra, ovvero il movimento storicamente in mano ai padroni?

    Risposta: basta rendere irricevibili le politiche della sinistra, movimento storico di difesa dei lavoratori. 
    La sconfitta della sinistra (in Francia, ma non solo) corrisponde perfettamente alla cocente delusione di chi non riesce più a sostenere programmi politici che li danneggi. L’altro dato che conferma questa tesi è l’inarrestabile percentuale dei non-votanti (che pure da destra cominciano a vederci chiaro sul ruolo di questa democrazia…).
    Se l’attuale trend continua si prevedono percentuali bulgare di non-votanti e quei 4-5 voti rimasti andranno ai vari PN, Albe Dorate et similia. Perchè ormai è chiaro a tutti che le vecchie ideologie sono morte, ne servono di nuove. Che i più scafati conoscono fin troppo bene. 
    Ah, che deja vu….!
  • dana74

    @tonguessy

    "Risposta: basta rendere irricevibili le politiche della sinistra, movimento storico di difesa dei lavoratori. "

    ancora sta barzelletta? Per fortuna i francesi non sono idioti, bisogna vedere gli italiani.

    Quando la sinistra ha difeso i lavoratori e gli ultimi?
    Magari quando ha approvato il decreto Bankitalia difendeva i deboli???

    Ma pensa alla credibilità della sinistra vai invece di dar la colpa agli altri
  • dana74

    @ tonguessy quindi contro la globalizzazione la sinistra cosa fa?

    La sponsorizza perché metter dazi e far protezionismo è da razzisti.
    Contro le banche che fa? 
    E la Nato? La Le Pen vuole uscire, la sinistra italiana che fa?
    Patetico il tentativo di accomunare i due partiti per poter dire la destra è il partito dei padroni.
    Il Partito della Le Pen è di estrema destra che è anni luce da quella schifezza del partito di  Sarkò.

    La sinistra, aggredendo i partiti di estrema destra fingendo di contestare la xenofobia ed altre calunnie inventate, DIFENDE L’ELITE che è contraria ad ogni limitazione del capitale, compreso quello umano, a favore di globalizzazione e delle guerre.
  • Tonguessy

    Prima di scagliarti così a testa bassa basta che ragioni un poco. Sinistra è quella che ha svenduto i gioielli di famiglia nel Britannia? No, mi spiace. Quella è già destra mascherata da sinistra. Sinistra è quella degli scioperi per i diritti, ad esempio qui:

    Si va dalla strage di Portella della Ginestra per scongiurare le rivendicazioni della terra (PCI e CGIL)  fino all’approvazione dello statuto dei lavoratori, passando per le proposte di nazionalizzazioni (oggi a destra e manca si parla solo di privatizzazioni…vedi un po’ tu).
    Chi conosce già la Storia difficilmente si lascia abbindolare  dalle tue barzellette, o quelle ancora più ilari di Marine.
    Basta studiare un poco, la Storia. Da qualche decennio (diciamo almeno da quando D’Alema ha bombardato il Kossovo?) la sinistra è stata fagocitata della destra. Al punto che oggi chi non  ha ben chiaro le storiche distinzioni  fatica non poco a fare distinzioni. Ma tu sai distinguere benissimo, vero?
  • Tonguessy

    Lascia il tuo storico livore fuori da questa discussione. Tutte queste domande retoriche le hai già fatte ai tuoi camerati, che ti hanno spiegato benissimo come stanno le cose. Se sai già tutto, perchè fai domande?

  • MATITA

    La lega????? quella cosa che per vent’anni ha catalizzato e incanalato il malcontento del nord con l’unico scopo l’evitare che prendesse una deriiva volta a un vero cambiamento? quella che ha governato per anni con berlusconi e firmato buona parte delle porcate che ora ci opprimono?quella che per venti anni ha sbandierato il federalismo e che non ha mai portato a casa nulla se non privilegi personali? quale quella che adesso che si son resi conto che hanno perduto consenso cavalcano il cavallo del no euro e no banche ?per venti anni cosa ha fatto? bastava dire che si faceva il governo solo se in pochi mesi si estendevano i privilegi delle regioni autonome a tutte le altre regioni ede ecco fatto il federalismo….non si poteva fare? e allora si statava all’opposizione…….Quella stessa lega che di recente a una 

    proposta del m5s di abrogare il fiscal compact ha votato contro?  MHA credo che leggendo i vari commenti ben si comprende come i veri padroni se la ridono grassamente
  • Simec

    la stessa lega che i trattati Ue non li ha mai contrastati? (QUOTO)

    n 1 prima di dire sciocchezze informati!
    http://tv.ilfattoquotidiano.it/2012/07/12/fiscal-compact-lega-nord-protesta-senato/201469/

    n 2 forse non hai capito che la Lega mi fa schifo ma meno schifo dei bankieri.
    Tu cosa proponi? L’assalto al parlamento con le pistole ad acqua? Ti ricordo allora che gli sbirri a difesa del regime hanno pistole vere e sono tanti.

    Questo paese di merda non è ancora pronto (purtroppo) per la rivoluzione. possiamo solo provare a danneggiarli questii bastardi come possiamo. anche e soprattutto votando chi non vorrebbero mai,
    Anche Churchill si alleò con Stalin, per fare la guerra a Hitler. Oggi, contro la Troika è lo stesso.
    Ma criticare senza proporre è il classico blocco dei professorini un tanto al Kilocs…

  • Simec

    e anche a te chiedo cosa proponi? cosa proponi? COSA PROPONI?
    E’ veramente penoso vedere quale sia il grado di subalternità al pensiero unico dominante toccato dal popolino inebetito dai mainstream?
    ci salverà il tuo PD- L servo delle banke?
    ci salverà l’ennesimo governo fantoccio della Tv
    Ripeto: io sono anni che non voto, perchè ritengo che le elezioni in una plutocrazia siano una presa per il culo.
    Ma a questo punto, a parte la Rivoluzione che qui non si fa mai, cosa altro si può fare per danneggiare le oligarchie, se non appoggiare, per protesta, per nausea, per odio, quelli che sono CONTRO?
     ps
    dove te la sei sognata la legge del M5S contro il fiscal compact?
    i parlamentari M5S, come tanti burattini, ripetono a pappagallo quel che gli dice il capo. sono dei poveri servi sciocchi, che alle prossime elezioni perderanno il 50 % dei voti. e si sveglieranno

  • Simec

    la cosiddetta "sinistra" oggi è solo l’altra faccia della plutocrazia, del monopartitismo competitivo che spacciano per democrazia. e il bello è che qualcuno che se la beve lo trovano ancora

  • MATITA

    io da venti anni. … venti anni non voto un partito di governo ne di finta opposizone…. sono passato da estremi di sinistra a estremi di destra fino a votare per "il bene comune" arrivando al m5s alle ultime politiche .se la maggioranza fosse consapevole del disastro da tempo e avesse fatto come me il sistema si sarebbe rotto per tempo ………..

    Comunque alle ultime ho votato m5s e lo rivoterò perche è l’unico in grado di rompere il sistema corrotto e colluso…. che poi sia in buona fede, chi vi sia dietro realmente e cosa voglia,,, che non prenda una posizione netta su banche euro e europa ben lo vedo… purtroppo non vi sono alternative e poichè non ho la possibilità di votare ne per l’arcangelo gabriele ne per san francesco o un serio politico di destra o sinistra libero, onesto e carismatico occorre adattarsi e correre il rischio….. vediamo poi che succede anche perchè ormai una deriva peggiore non credo possa esserci….la lega, il pd. il pdl in tutte le sue scissioni, ecologisti vari e pseudo comunisti alla vendola sono chiaramente in mala fede e corrotti…. vediamo Grillo alla prova d fatti…. da quel che seguo il m5s il parlamento sta
      facendo e battendosi come vero partito d’opposizione e con proposte serie e concrete….. occorrerebbe provarlo al governo ma se non lo si vota sulla base di pregiudizi mai lo sapremo….con tutti  i se e i ma proviamo e vediamo cosa pensa e fa realmente…. tanto che alternativa abbiamo?
  • sovranista

    Condivido i tuoi dubbi, e come te penso che sia comunque l’unica scelta possibile. In alternativa solo l’astensione. 

  • Kovacs

    cosa propongo?…..CASAPOUND…..ecco cosa propongo

  • dino23

    Stare con Putin ! (…. se volete cuocere i maccheroni)