Home / ComeDonChisciotte / PUTIN SPINTO ALLA GUERRA. DALLA NATO E ORA, DAI SUOI
16272-thumb.jpg

PUTIN SPINTO ALLA GUERRA. DALLA NATO E ORA, DAI SUOI

DI MAURIZIO BLONDET

maurizioblondet.it

“2017 War with Russia”: è il titolo del saggio apparso da mercoledì nelle librerie di Londra. L’autore che prevede la guerra alla Russia per il 2017 non è veggente. Peggio: è il generale Richard Shirreff, che è stato (2011-14) il vice-comandante supremo d’Europa, il comando NATO in Europa (SACEUR). Il generale è preciso: nel 2017, precisamente a maggio, le truppe russe invaderanno i paesi baltici, a cominciare dalla Lettonia, e l’Ucraina. Il motivo? L’annessione della Crimea ha rotto la stabilità post-guerra fredda; sentendosi accerchiata dalla NATO [chissà perché], la Russia aprirà un passaggio terrestre con la Crimea occupando terre ucraine.

Non è un esercizio ozioso, ma una precisa volontà. “Qualcuno davvero vuol provocare la guerra alla Russia?”, si è domandato angosciato in diretta-radio qualche giorno fa Stephen Cohen. Docente di studi russi a Princeton, autorevole columnist, Cohen (non inganni il nome) è una delle poche voci che in America si alza per dire che Putin ha ragione: la NATO accerchia davvero la Russia, la minaccia direttamente. Il recentissimo posizionamento di sistemi missilistici NATO in Polonia, Romania, stati baltici, è giustamente visto da Mosca come l’apparato che ha lo scopo di azzerare la sua deterrenza nucleare (rendendo possibile il primo colpo nucleare), e infrange il Trattato INF del 1987, che vietava il posizionamento di missili da crociera a raggio medio. Nel ’62, quando Krusciov provò a dispiegare missili a Cuba, l’America si sentì minacciata perché le testate erano “a sole 92 miglia dagli Usa; oggi truppe americane sono ammassate a un tiro di sasso dalla Russia”.

http://www.thenation.com/article/slouching-toward-war-with-russia/

In Siria, ha rincarato Cohen, gli Usa hanno fatto solo finta di accedere alla tregua e alla collaborazione offerta da Mosca, mentre in realtà armano i jihadisti e dànno loro la possibilità di recuperare il terreno perduto: in pura malafede approfittando della buonafede di Putin, che ha teso la mano ad Obama.

http://www.thenation.com/article/is-war-with-russia-possible/

Il fatto grave, ha aggiunto, è che – novità angosciante – questo punto di vista è stato espresso ad alta voce da una importante personalità militare di Mosca: il generale Aleksandr Bastrykin, capo della Commissione Investigativa (un organo di vertice giudiziario-militare) ha scritto un articolo su Kommersant in cui dice: l’Occidente si prepara davvero alla guerra contro la Russia; anzi la sta già sferrando; una guerra “geo-finanziaria” è in atto, e la Russia non è preparata. Anzi, la dirigenza della Russia non sembra cosciente del pericolo in cui si trova la patria.

Bastrykin non accusa direttamente Putin, quanto piuttosto il governo Medvedev, ritenuto non da oggi troppo servile verso il Washington Consensus (specie la banca centrale); ma il dibattito che è seguito all’articolo, Putin è stato chiamato in causa direttamente.

Questa componente “nazionalista”, sta ora dicendo a Putin che deve sfuggire alle trappole di Kerry in Siria; che l’America fa’ finta di collaborare, ma sta solo riuscendo a impantanare le forze russe (e i suoi alleati sul campo) in una guerra senza fine; che Kerry continua a sostenere che “Assad must go”. Washington continua a sabotare l’economia con le sanzioni; ad ammassare mezzi bellici nell’ex Patto di Varsavia; anche in Ucraina agisce con doppiezza e malafede; e la sua propaganda interpreta ogni reazione difensiva di Mosca come “aggressione”.

NATO vuol far saltare i nervi

Il guaio è che questa valutazione dei “nazionalisti” è vera. Putin ovviamente conosce benissimo la malafede e le provocazioni e insulti che riceve dall’Occidente. Solo che – nervi d’acciaio – sta guadagnando tempo per il rafforzamento della Russia insistendo per coinvolgere l’Occidente a cooperare in una soluzione politica per la Siria, e cercando di dividere i vassalli europei dal bellicismo dei neocon che ancora dominano l’amministrazione Obama.

E’ qui che libri come quello del generale Shirrer, o gli articoli del Washington Post che (parole di Cohen) “ogni giorno ci ripete che mai, mai in nessun caso il criminale Putin sarà un partner strategico degli USA”, in appoggio tattico alla doppiezza di Obama e Lavrov, mostrano il loro maligno potere bellico: vogliono far saltare i nervi ai “nazionalisti” russi, evidentemente meno forti di quelli putiniani, e spingere i nazionalisti a sentirsi con le spalle al muro e compiere qualche atto inconsulto, che dia alla NATO il pretesto “morale” per l’intervento: un intervento che (credono loro) schiaccerebbe le forze armate russe. O più probabilmente, a Washington si dà per scontato che Mosca – consapevole della sua inferiorità – si piegherà, accettando l’umiliazione e la scomparsa come attore geopolitco.

Le spese militari Usa Le spese militari Usa a confronto con gli altri

L’ambasciatore Usa presso la NATO, Douglas Lute, ha ripetuto che “la Russia ha buttato via il manuale delle regole” e dunque la NATO “deve rispondere”, aumentando il dispiegamento militare ai confini della Russia. Una irresponsabilità insistita, che ha una precisa origine.

Maurizio Blondet

Fonte: www.maurizioblondet.it

Link: http://www.maurizioblondet.it/putin-spinto-alla-guerra-dalla-nato-ora-dai-suoi/

20.05.2016

Pubblicato da Davide

  • giannis

     forse visto che l’ occidente e’ un ammasso di viziati senza palle un po’ di guerra non ci farebbe male

  • sotis

    Speriamo così l’europa si farà molto male cosa che mi farà enorme piacere. Tanto la bomba atomica non la usa nessuno.

  • PietroGE

    Dunque, gli USA che, nonostante le pressioni della famosa lobby, non hanno avuto il coraggio di attaccare l’Iran, andranno l’anno prossimo ad attaccare la Russia, la quale, al contrario dell’Iran, è una potenza nucleare.

    Con quale scopo? Quello di suicidarsi e lasciare ai cinesi il dominio incontrastato delle macerie fumanti? Neanche Blondet riesce a spiegarlo tant’è che deve prendere in prestito i "nazionalisti" russi (ma Putin cos’è, un internazionalista?) i quali, stanchi del "pacifismo" di Putin decidono l’attacco preventivo contro la NATO. Una specie di Operazione Barbarossa all’incontrario.

    Gli articoli "putiniani" di Blondet sono veramente i più brutti.

  • AlbertoConti

    "nel 2017, precisamente a maggio, le  truppe russe invaderanno i paesi
    baltici, a cominciare dalla Lettonia, e l’Ucraina.  Il motivo?
    L’annessione della Crimea ha rotto  la stabilità post-guerra fredda; 
    sentendosi accerchiata dalla NATO,  la Russia aprirà un passaggio terrestre con la Crimea occupando terre ucraine."

    Non è una previsione, è un piano strategico made in NATO, cioè USA, che fa di tutto perchè si avveri, a cominciare dal golpe nazistoide in Ucraina (causa dell’indipendenza della Crimea).
    Il problema di questi "strateghi" è che ragionano con la loro testa, pensando che sia la stessa testa di chiunque altro, in particolare degli avversari. O forse fanno solo finta di crederlo, per ragioni carrieristiche (bisogna pur "convincere" il contribuente che gli paga i lauti stipendi da mercenari).
    In ogni caso c’è una forte similitudine tra queste "logiche" militari e quelle finanziarie, nel principio delle "previsioni che si autoavverano". Dal tavolo del monopoli a quello del risico la regola è sempre quella, un modello fondato non sulla realtà ma sulle rappresentazioni della realtà che si presume appartengano ai "giocatori", unificati ad un solo modo di ragionare, ad una sola testa (di cazzo).

    Il nostro problema è che tenere la testa sotto la sabbia sta diventando molto pericoloso: l’alleanza difensiva occidentale non è più quella di una volta, è diventata un contratto capestro che ci vincola a piani agressivi demenziali e suicidi dettati dalla disperazione di un impero morente che si vede franare la terra sotto i piedi. La "logica Sansone" degli americani si può ancora rifiutare, ma non per molto. Questo tizio, persona ben informata sui fatti, ci da un anno esatto da oggi. Forza struzzi, impediamo l’armageddon!

  • Eshin
  • annibale51

    Mi auguro che, qualora la Russia decida di attaccare, qualcosa di specifico sia riservato ai pazzi oligarchi del mondo occidentale che la guerra l’hanno decisa. In qualunque parte del mondo siano.

  • makkia

    Una puntualizzazione: i nazionalisti russi esistono. Non sono un’invenzione di Blondet.

    Sono una componente della società russa, con una voce piuttosto forte, la loro tendenza è isolazionista e paranoica verso l’esterno.
    Putin ha una visione totalmente diversa. Per lui la cooperazione internazionale fra le forze "ragionanti" è l’unico modo di sbloccare la situazione mondiale.

    Ad esempio, i nazionalisti hanno spinto per occupare il Donbass. Dando a Putin del "traditore" dei loro "connazionali" in terra Ucraina.
    Finora Putin ha dimostrato ampiamente di saperne più di loro, su come si conducono gli affari internazionali. Pubblicamente.
    Ma ogni "contrattempo" (intendo il Donbass, Minsk II, l’aereo abbattuto da Erdogan, l’altro fatto esplodere sui cieli egiziani, la tregua siriana, ecc) è un’occasione per i nazionalisti, perché la "pancia" dei russi vorrebbe reazioni pronte e decise: e Putin deve ogni volta dimostrare che le sue mosse, più pacate, sono quelle vincenti. Anche se non le più gradite nell’immediato, si devono dimostrare le migliori. E devono farlo nel breve termine. La popolazione deve rimanere convinta che le facili "ricette" dei nazionalisti, anche se più attraenti, sono meno efficaci.

    Ogni problema che insorge è una sfida seria per Putin e un succulento tentativo di insidiarne la leadership per i nazionalisti.

  • RenatoT

    … io intanto mi sono spostato alle canarie.. mica per caso.. 

  • patrocloo

    Brutti o non brutti ma sono documentati.

    Poi ognuno tira le sue conclusioni…