Home / ComeDonChisciotte / PUTIN SPARA UN COLPO DI AVVERTIMENTO ALLE BANCHE
13422-thumb.jpg

PUTIN SPARA UN COLPO DI AVVERTIMENTO ALLE BANCHE

zerohedge.com

Con un cessate il fuoco su un terreno infido, come l’ Ucraina, e con una guerra per procura in corso tra Stati Uniti e Russia ( guerra accesa in Siria), che continua di giorno in giorno ad aumentare di intensità, sembra che Putin abbia sparato un colpo di avvertimento significativo per tutto l’occidente. La Reuters riporta che la Russia sta considerando di vietare, alle compagnie di stato e ad altre aziende strategicamente importanti, di tenere i loro conti presso banche di proprietà estera. Come fa presente Mike Krieger di Liberty Blitzkrieg se questo dovesse avvenire realmente, sarebbe un affare molto importante e certamente una escalation della frizione tra queste due nazioni cruciali nella geopolitica globale.

Leggiamo sulla Reuters:

MOSCA , 24 Giugno(Reuters) – La Russia sta considerando di vietare alle compagnie statali e ad altre aziende strategicamente importanti di tenere conti bancari in banche di proprietà estera – è quanto ha appreso la Reuter, lo scorso martedì, da una fonte governativa ben informata.

“Questa è un’idea che circola, ma non è stata presa ancora nessuna decisione” ha detto la fonte.

Gli analisti dubitano che si possa adottare questo intervento, perché potrebbe essere fortemente dannoso per gli investimenti in Russia e perché INCONTREREBBE UNA FORTE OPPOSIZIONE dalle compagnie più importanti.

Martedì mattina il giornale della Camera di Commercio della Russia ha riportato che il Ministro delle Finanze aveva studiato degli accorgimenti legali che potrebbero bloccare sia le compagnie di stato che molte altre aziende private di importanza strategica.

Il Ministro delle Finanze ha declinato ogni commento.

Secondo quella proposta, tutte le compagnie statali potrebbero avere conti solo presso le banche di proprietà dello stato russo o presso banche russe a capitale privato, con un capitale di almeno 16.5 miliardi di rubli (US$483 million), secondo quanto riporta il Kommersant.

Le restrizioni sarebbero applicate anche alle compagnie private che abbiano una rilevanza per la Russia dal punto di vista della difesa o della security, come stabilisce una legge vigente sugli investimenti stranieri nelle compagnie strategiche.

“Definitivamente questo farebbe abbassare l’interesse degli investitori esteri nel settore bancario, perché una gran parte delle compagnie russe sono ritenute sempre più strategiche” ha detto Vladimir Osakovsky, Economista Capo della Bank of America Merrill Lynch.

“Vediamo se lo approveranno o no. Io penso che non sia vantaggioso, perché questa è , comunque, una mossa negativa dalla prospettiva del clima degli investmenti.”

La Russia ha rimuginato parecchio per ridurre la sua vulnerabilità provocata dalle sanzioni occidentali dovute alla crisi Ucraina, e dal timore che l’Occidente avrebbe potuto congelare gli asset-economici russi all’estero.

Sia per tutte le implicazioni negative che per l’economia globale e quella della Russia in particolare, dubito che questo provvedimento verrà adottato nel prossimo futuro. Comunque, solo il fatto che questa idea abbia cominciato a circolare, è un fatto importante in se stesso.

L’articolo integrale si puo leggere qui.

Fonte: http://www.zerohedge.com

Link : http://www.zerohedge.com/news/2014-06-25/putin-fires-warning-shot-russia-may-bar-firms-using-foreign-banks

25.06.2014

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario.

Pubblicato da Bosque Primario

  • spadaccinonero

    ci vorrebbe un Putin anche da noi…

  • lucamartinelli

    Vedremo. Putin è un ottimo giocatore di scacchi e non fa mosse avventate. Che, come dice l’articolista, l’evitare le banche yankee & co. sia un rischio per la Russia è tutto da dimostrare. Putin ha mandato a casa Visa e Mastercard e non sembra che la Russia abbia avuto danni.

  • Cataldo

    Non cambia molto il senso della faccenda, in realtà, ma veramente  sono state Mastercard e Visa ad interrompere le operazioni con Rossiya, Sobinbank, SMP Bank e InvestKapitalBank, ed altre banche, ed a chiudere i flussi con la Crimea, poi parzialmente ripresi, e non il contrario.
    Putin, appunto perchè è un buon scacchista, non fa mosse avventate che possano ancora di più metterlo all’indice della propaganda atlantica.
    I danni derivanti dall’uso dell’arma delle sanzioni finanziarie sono potenzialmente enormi per la Russia, specie se si determina un ruolo politico per la SWIFT. altro che VIsa 🙂 Ma sarebbe un’arma a doppio taglio per gli atlantici, già il fatto che è stata ventilata la possibilità di tagliare la Russia dall’interbancario ha costretto Putin a mettere in cantiere una serie di contromosse, tutte costosissime e di lunga gittata.

  • makkia

    D’altra parte però Putin è nell’invidiabile posizione di poter bilanciare i contraccolpi finanziari molto meglio dell’occidente.
    USA ed EU sono impastoiati dal fatto che le proprie élite finanziarie farebbero fallire (direttamente o per aggiramento) delle manovre troppo onerose.
    Putin può *ordinare* manovre pesantissime che danneggiano (temporneamente) le sue élite, e quelle possono ululare di rabbia, ma se lui vuole *davvero*… non possono che guaire e mettersi a cuccia.

  • alvise

    D’accordo, io sono per distruggere l’egemonia del dollaro sui mercati, ma tutto  va ben analizzato, e "simulato", come qualunque strategia di guerra. Perchè mi torna in mente l’Argentina, che quando ha voluto staccarsi dalla schiavitù del dollaro, adesso, a poche ore dall’evento del rimborso del debito, sta per essere distrutta economicamente. E non è che l’Argentina sia proprio povera di materie prime. Dico questo perchè si potrebbe non vederne un giusto paragone con la Russia. E’ vero anche che, Russia Cina Iran, potrebbero fregarsene del dollaro, visti i think tank per l’uso del remimbi, quindi un certo vantaggio sull’Argentina ce l’ha.Però non sono un economista, e forse mi sfugge qualcosa.