Home / ComeDonChisciotte / PROTESTE A BRUXELLES…I VERI MOTIVI DELLA DEPRESSIONE EUROPEA
13988-thumb.jpg

PROTESTE A BRUXELLES…I VERI MOTIVI DELLA DEPRESSIONE EUROPEA

FONTE: ZEROHEDGE.COM

Giovedì (6 novembre, ndr) durante una protesta di massa contro il governo che progetta una riforma del sistema sociale del Paese, la polizia antisommossa si è scontrata a Bruxelles contro i manifestanti. Questo avviene sulla scia delle violente proteste giovanili francesi, italiane e spagnole avvenute nelle ultime settimane, perché i cittadininon-germanici” della Unione Europea condannano lausterità che li sta schiacciando.

“I cittadini europei sono stati truffati di tutti i vantaggi che avrebbero potuto godere per effetto di tassi di interesse estremamente bassi, bloccati dalla BCE che ha permesso ai suoi miseri leader di emettere debito a loro piacimento e far aumentare gli oneri delle nazioni, con una legislazione burocratica di appropriazione indebita”.

C’è da meravigliarsi che l’Europa sia in fiamme?

Ciò che risulta strano però, visto da fuori, è che non c’ è stata nessuna austerità’ contro l’aumento del debito che ha portato il rapporto debito/PIL a livelli da record nella maggior parte di queste nazioni.

Allora, dove è lo scollamento tra un popolo sempre più sofferente per la pressione finanziaria e un sovrano che emette, a suo piacimento, sempre più debito? The Telegraph ha trovato una risposta sorprendente: una audit, pubblicata questa mattina, ha rivelato che su un totale di 117 miliardi di sterline, spesi dalla UE nel 2013, ben 109 miliardi erano affetti da errori materiali rilevanti”. I conti di Bruxelles per 19 anni consecutivi non hanno liberato i soldi che dicevano di aver distribuito. In altre parole, Brussels, ogni anno, ‘ha sottratto’ miliardi di euro e vorrebbe recuperarli con l’ austerità.

C’è da meravigliarsi che l’Europa sia in fiamme?

Questo è quello che è successo… Più di 100.000 hanno marciato a Bruxelles (ieri) …

Ed è finita male …

Quando i capi rubano … (dal The Telegraph )

Secondo la relazione annuale della Corte dei Conti europea, vista da The Telegraph, 5,5 miliardi di sterline del bilancio dell’Unione Europea, lo scorso anno, sono state sprecate per effetto di controlli sulla spesa, che gli esperti ritengono solo parzialmente efficaci”.

La audit, pubblicata stamattina, ha verificato che 109 miliardi di UK£ su un totale di 117, spesi dalla UE nel 2013 erano “affetti da errori materiali”.

Questo significa che i conti di Bruxelles non hanno distribuito quello che avrebbero dovuto per 19 anni di seguito.

Fonti del Tesoro dicono che queste rivelazioni mostrano la vera “urgenza” delle riforme di cui ha bisogno la UE.

“Si può e si deve fare molto di più per assicurarsi che il denaro sia speso secondo quanto è previsto dalle regole” ha detto la fonte.

Tra gli esempi di misspent-cattiva gestione della spesa è stato rilevato che il denaro è servito a sovvenzionare l’acquisto di elicotteri per aiutare la Spagna a difendere i confini europei dagli immigranti illegali.

“[Gli Auditors] hanno esaminato un progetto per la Spagna che consiste nell’acquisto di quattro elicotteri, da usare per sorvegliare e controllare i confini della UE per il 75% del loro tempo operativo. Ma solo il 25% del loro tempo operativo è stato dedicato a questa finalità” si legge nel rapporto.

...

In un altro caso, la commissione aveva a disposizione 1.4 milioni di UK£ per finanziare lo sviluppo sociale della Moldova “ma i fondi non sono stati erogati”.

“Una parte troppo grande del bilancio dell’UE continua ad essere spesa per progetti di scarsa qualità e con scarso controllo. Questo non è solo uno spreco, ma una vera mina per il consenso all’intero progetto europeo , ha detto Christopher Howarth, analista del think-tank.

“La UE dovrebbe riformare radicalmente il focus che il suo budget mette su certe aree dove un intervento della UE apporterebbe un vero add-on-un aumento di valore.”

* * *

La linea di fondo è che i cittadini europei sono stati truffati di tutti i vantaggi che avrebbero potuto godere per effetto di tassi di interesse estremamente bassi, bloccati dalla BCE che ha permesso ai suoi miseri leader di emettere debito a loro piacimento e far aumentare gli oneri delle nazioni, con una legislazione burocratica di appropriazione indebita che va avanti allo stesso modo da decenni.

Fonte: http://www.zerohedge.com

Link: http://www.zerohedge.com/news/2014-11-06/while-brussels-burns-anti-austerity-riots-here-real-reason-europes-depression

6.11.2014

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario

Pubblicato da Bosque Primario

  • ilsanto

    Non vorrei cominciare sta discussione, ma dico io ci rendiamo conto della realtà o no ?

    Nel giro di cento anni o poco più siamo passati dall’80% di addetti al settore primario (agricoltura-allevamento) al 75-80% di addetti ai servizi !. con un marginale 20% (o meno ) di industria e del 5% ( o meno ) in agricoltura?.
    Ci rendiamo conto che con la globalizzazione si sono messe in competizione paesi sviluppati come USA, Giappone, Europa con Cina, India, Vietnam ?
    Che le multinazionali NON pagano le tasse ? che gli stati sono morti ? che il sistema è finito ?
  • Albertof

    ci vuole un meteorite di una decina di km quadrati. cosi liberiamo l’universo della nostra fastidiosa presenza.

  • Quantum

    Solo il 5% nell’agricoltura meccanizzata.

    Ma mentre in occidente puoi spostare nei servizi chi non lavora più la terra a causa della meccanizzazione, nei paesi poveri la gente che non ha più le sue terre per sopravvivere è costretta a spostarsi nei centri urbani formando enormi bidonville.
    La meccanizzazione sposterà dalle loro terre l’85% della popolazione mondiale.
    Siccome il capitalismo non prevede certo di spartire con queste persone i proventi della coltivazione, si arriverà al punto che queste enormi masse cercheranno di rivoltarsi contro il sistema.
    Che alternativa prevede il capitalismo oltre al genocidio?
  • ilsanto

    Scusami mi rendo conto di essere stato troppo conciso non era la metafora del capitalismo,

    anzi il contrario volevo dire che il sistema di merda che si chiama capitalismo ha spostato milioni di persone dalla terra, ove erano padroni di se stessi, verso l’industria rendendoli proletari, poi i loro figli tutti laureati sbattuti nel terziario sempre inseguendo il "sogno" ed ora precari o disoccupati perchè intanto al capitalismo oramai multinazionale non servono più tante braccia bastano pochi "manager" ( strapagati ) e tanta informatica e robot e qualche schiavo magari cinese o indiano o vietnamita o qualcuno ancora più in basso. Solo che ora quando nasci in questo "Sistema" o sei figlio di Agnelli o devi arrangiarti perchè tutto e tutte le posizioni sono già di qualcuno ed ovviamente per legge non puoi fare nulla.
    Ora considerando che le maggiori multinazionali ( mi sembra le prime 100 ) fanno il 25% del PIL mondiale con circa 120 milioni di lavoratori è ovvio che siamo nella merda.
    Ma forse un sistema un po diverso dove non esiste la proprietà privata ……..
  • Georgios

    Beh.. che siano dei ladri anche nel senso del codice penale lo si sapeva già.

    La cosa meravigliosa e’ che la protesta e’ arrivata fuori dai portoni del palazzo. Letteralmente. In un paese che non e’ che sia particolarmente famoso per la tradizione di lotta sociale. Fino a non molto tempo fa il Belgio si distingueva per un altro tipo di conflitti.

    Ma il palazzo e’ riuscito a metterli tutti d’accordo. E ora dalle finestre di cristallo guardano la strada e si stanno facendo la pipì addosso.

    Com’è che si diceva in un vecchio film di Mel Brooks? "Heads will roll!"