Home / ComeDonChisciotte / POTEVAMO ESSERCI NOI
16162-thumb.jpg

POTEVAMO ESSERCI NOI

FONTE: GOOFYNOMICS (BLOG)

(…ricevo da un amico che tutte le mattine prende la metro a Maelbeek – vedi alla voce: siamo ovunqueSta cercando di capire perché è ancora vivo, cosa della quale mi sono premurato di accertarmi immediatamente – ho un cuore anch’io – ma una cosa, intanto, l’ha già capita, e vorrebbe condividerla con voi. Visto che il fatto è successo a Bruxelles, l’opinione di un abitante di Bruxelles mi sembra rilevante…)

Potevamo esserci noi
Non sappiamo ancora chi è morto, chi è rimasto ferito, negli attentati di questa mattina a Bruxelles.
È probabile che ci siano nostri amici o conoscenti; potevamo benissimo esserci noi.
Ci chiediamo come sarebbe stata usata la nostra morte, se fosse toccato a noi oggi.
Speriamo che nessuno strumentalizzi quanto accaduto, né per fomentare odio, né per far passare subdolamente alcun messaggio politico.
In occasione degli attentati di qualche mese fa a Parigi, ne approfittarono tutti:
coloro i quali volevano giustificare la caccia all’immigrato; coloro i quali volevano invece giustificare le loro “politiche di integrazione”; coloro i quali volevano una spinta di odio contro i musulmani; coloro i quali volevano criticare l’emarginazione dei musulmani; coloro i quali volevano in fin dei conti giustificare l’intolleranza verso i più poveri; coloro i quali volevano far credere che i poveri sono solo “gli altri”, gli stranieri; coloro i quali usarono quei morti per criticare il processo di integrazione europea; coloro i quali usarono quei morti per zittire le obiezioni al processo di integrazione europea; coloro i quali cercavano un pretesto per limitare le libertà di espressione dei cittadini; coloro i quali in buona sostanza non ebbero scrupoli.
Se fosse toccato a noi morire oggi, avremmo voluto evitare di essere strumenti inconsapevoli nella battaglia politica.
Anonimo bruxellois

(…inutile dire che questo pio auspicio non verrà rispettato. Il progetto europeo nasce dalla paura e di paura si nutre, come uno dei suoi massimi artefici ci ricordò per tempo, senza che noi ci rendessimo conto di cosa stava dicendo: “Un altro fenomeno che viene percepito come minaccia esterna, e che sta spingendo l’Europa verso una maggiore integrazione, è la minaccia immigrazione”. Naturalmente non sto dicendo che la bomba a Maelbeek l’abbia messa lui! Sto solo dicendo che da parte di un blocco di potere che ha teorizzato la paura come strumento lecito di integrazione (il fine giustifica i mezzi) non ci si farà alcuno scrupolo di strumentalizzare questo eccidio, come, del resto, è stato strumentalizzato l’incidente accaduto in Spagna, a un tal punto da spingere alcuni giornalisti a violare l’omertà. Se non altro, dovrebbe essere questa mancanza di scrupoli a farci capire che siamo in guerra. E non mi riferisco – solo – ai terroristi, che sono oggettivamente un problema e le cui motivazioni, lo confesso, a me sfuggono nella loro complessità, quanto – soprattutto – all’uso che del loro prodotto, il terrore, viene fatto dai nostri governi, le cui motivazioni invece mi sono fin troppo chiare. Forse noi, che siamo italiani, abbiamo un ulteriore vantaggio comparato nell’analisi dell’integrazione europea: oltre a essere cittadini di un’unione monetaria che non è un’area valutaria ottimale, oltre ad avere avuto governanti che ci hanno detto in faccia a cosa serviva la moneta unica, oltre a essere concittadini dei sommi sacerdoti dell’austerità espansiva, abbiamo anche vissuto, almeno quelli della mia generazione, la strategia della tensione, e siamo quindi in grado di riflettere con maggiore accortezza su certe dinamiche…)

Fonte: http://goofynomics.blogspot.it

Link: http://goofynomics.blogspot.it/2016/03/potevamo-esserci-noi.html

22.03.2016

Pubblicato da Davide

  • permaflex

    Come non ci sono strumenti economici atti all’analisi geopolitica della situazione ma dai?Odo un velato lamento riguardo al fomentare l’odio eppure sei andato (e vai?) a braccetto con la Lega e hai sostenuto apertamente Berlusconi,questi sono i risultati,vai tranquillo,fomentare l’odio è la piattaforma di lancio per giustificare tutte le schifezze che ci verranno fatte digerire:dalla necessità dell’intervento armato alla restrizione delle libertà personali.Taccia è meglio continui a giocare a monopoli,non sbordi.

  • olmo

    Concordo con le opinioni del Bagnai.

  • Xeno

    Anch’io concordo con Bagnai 

  • rossland

    pure io…

  • lanzo

    Meglio che morire di cancro in un ospedale di provincia italiano dove gli infermieri  vendono la morfina ai pushers e a te ti fanno iniezioni di acqua fresca.

  • makkia

    potevamo benissimo esserci noi. Ci chiediamo come sarebbe stata usata la nostra morte, se fosse toccato a noi oggi.
    Speriamo che nessuno strumentalizzi quanto accaduto,[omissis] Se fosse toccato a noi morire oggi, avremmo voluto evitare di essere strumenti inconsapevoli nella battaglia politica.

    Non so… c’è qualcosa che mi disturba in questo articolo… che mi suona stonato.

    Forse il fatto che se cerco di mettermi al posto di una vittima non mi sembra che l’uso che faranno della mia morte violenta sarebbe il primo pensiero. Anzi, il sospetto è che (posto un aldilà e una sopravvivenza della coscienza) non me ne fregherebbe davvero un granché.

    Il primo pensiero è invece per lo strazio che causerebbe a chi mi vuole bene.

    Il secondo è più egoistico: per l’ingiustizia della mia morte. Ma non l’ingiustizia "di essere strumentalizzato". L’ingiustizia del fatto che colpevoli e mandanti reali non si sapranno mai. O si potranno al massimo, pasolinianamente, "sapere ma non avere le prove, nemmeno gli indizi".

    Questo appello a non strumentalizzare mi sa di vuoto discorso di circostanza. E’ un tantino "politically correct", per così dire, di borghesotta leggerezza di pensiero, di condoglianza un po’ piddina.

    Insomma: strumentalizzate pure, se volete o dovete, ma cercate la verità, cazzo.

    Non so esattamente perché ma sento fasulli tanto l’anonimo "bruxelloise" (ma che carino metterlo in francese, così di classe), quanto il professore al quale le motivazioni dei terroristi "sfuggono" (non interessano, magari?) e di striscio ci linka la Bonfiglioli e la sua promozione un po’ viscida di un’ennesimo "right to protect" in Egitto (guarda caso strumentalizzando un’altra tragedia, quella dell’Erasmus).
    Mah…