Home / ComeDonChisciotte / PIDDINI SI NASCE…
15174-thumb.jpg

PIDDINI SI NASCE…

DI ROSANNA SPADINI

comedonchisciotte.org

“Il precettore Pangloss era l’oracolo di casa, e il piccolo Candido ascoltava i suoi insegnamenti con la fiducia propria dell’età e del suo temperamento. Pangloss insegnava la metafisico-teologo-cosmologo-scempiologia. Egli dimostrava mirabilmente che non c’è effetto senza causa, e che questo era il migliore dei mondi possibili … è provato, diceva, che le cose non potrebbero andare altrimenti: essendo tutto quanto creato in vista di un fine, tutto è necessariamente inteso al fine migliore. I nasi, notate, son fatti per reggere gli occhiali: e noi infatti abbiamo gli occhiali… Ne consegue che coloro i quali hanno affermato che tutto va bene, han detto una castroneria. Bisognava dire che meglio di così non potrebbe andare.” (Voltaire, Candide, ou l’optimisme)

Candide dunque, Candide sempre, l’antenato archetipico del piddino doc, che oggi spopola su social network, huffington post, repubblica, giornalettismo, facebook, twitter, insomma su tutte le bibbie piddine virtuali e non.

Una novellistica sconfinata, con i suoi aneddoti particolarmente edificanti, dove il Candido piddino sproloquia inesorabilmente, fino a rasentare dimensioni metafisiche catartiche e altezze sublimi di lucidità critica abissale.

Quando per i nuovi incarichi ai musei, Franceschini nomina i direttori dei 20 musei pubblici più importanti:
“7 sono stranieri, ed Eike Schmidt direttore degli Uffizi di Firenze. Il cambio che farà forse più clamore arriva per gli Uffizi, dove lo storico direttore Antonio Natali deve cedere il passo ad un esperto di arte fiorentina che arriva da Friburgo in Germania, Eike Schmidt, 47 anni.” Allora le nostre giovani marmotte come commentano? Ignare della sfiga mondiale cui il cambio fisso ci ha condannati e del nichilismo antropologico delle nostre leve negoziali verso l’Eurogroup?

Piddino 1: Michele Trapanaro · Di stranieri, a cominciare dai tedeschi, l’Italia ne ha bisogno eccome e andrebbero chiamati anche e soprattutto per sopperire all’incapacità dei burocrati della PA. Arrivo a sostenere che l’Italia per poter diventare un paese prospero e più giusto debba necessariamente abiurare la propria cultura nazionale, la sua identità cattolica. Altrimenti anche il più lodevole degli sforzi del miglior partito italiano risulterà vano se non a tamponare le vistose falle di un sistema che non si può evolvere più di quanto le sue preindustriali sovrastrutture gli consentono.

Piddino 2: Giorgio Pisetta · Una volta anche i generali venivano arruolati senza badare alla provenienza: l’importante era che facessero vincere le battaglie! O preferisci un incompetente che si pieghi alle balle sindacali, dei dipendenti dei musei anche sulle piccole faccende organizzative, solo per il fatto di essere “italiano”?

Piddino 3: Moreno Lupi · Sfugge, meglio si fa finta di non capire, che l’operazione, nomina direttori museali, nel suo insieme è finalizzata a rompere la consorteria dei direttori di museo. Finora tutto era ristretto ad un numero esiguo di persone. Quattro italiani che lavoravano all’estero sono stati richiamati e inclusi, gli stranieri scelti hanno le carte in regola per competenza culturale e professionale. Si tratta di un’iniziativa politica? Bene, sarebbe l’ora che la politica ci mettesse, in proprio la faccia. Decidendo e assumendosi l’onere della decisione. Ma al solito, le correnti delle lobby insorgono.

I Candidi piddini, dall’alto delle loro analisi politologiche così dense di cultura, si candidano inesorabilmente ad utili capre espiatorie del sistema, foraggiando così le oligarchie criminali che stanno occupando i posti dirigenziali di assets finanziari ed aziende pubbliche, praticando quell’occupazione economica che oggi sostituisce l’occupazione territoriale dei secoli scorsi, facendo dell’Italia terra di conquista ineluttabile, destinata a sprofondare nel futuro di un’economia di sussistenza.

Quando il commissario alla revisione della spesa Yoram Gutgeld, intervistato da Repubblica, conferma che l’obiettivo della spending review consiste nel tagliare 10 miliardi alla sanità: Spending review, Yoram Gutgeld: “Taglieremo sulla sanità, così risparmieremo 10 miliardi”. Allora i nostri fenotipi servi del potere turbo-capitalista, che ha il preciso compito di privatizzare beni di stato e servizi, come reagiscono?

Piddino 4: Emiliano Caruselli · Lei lo sa che Cottarelli oggi è al FMI e come compito ha avuto valutare la situazione economica dell’Italia? E che ha promosso il paese e le riforme del governo Renzi a pieni voti?

Piddino 5: Valter Fiore · Intervenire sulla medicina preventiva sarebbe una cosa sacrosanta. La stima dei costi di questa stortura è dell’ordine di diversi miliardi che potrebbero essere risparmiati senza alcuna ricaduta negativa sulla salute pubblica. PS la medicina difensiva è quella pratica per cui si prescrivono esami superflui utili solo a scopo “difensivo” in caso di controversie legali.

Poi il premier sull’Unità, difende la nuova dirigenza di viale Mazzini: “Abbiamo indicato per la prima volta al vertice figure che vengono dalla televisione”. Elenca le riforme fatte e sottolinea: “C’è ancora molto da fare. Però queste cose sono state fatte. E per me sono cose di sinistra” – repubblica.it/. I Candidi piddini si ritrovano a sguazzare nel loro habitat naturale, e come spigole impazzite nelle acque di Repubblica, sono subito pronti a farsi sfilettare, spinare e spellare vivi per un buon piatto alla catalana:

Piddino 6: valumar · Bravo Matteo Renzi; Su queste basi ti abbiamo delegato ed a queste ti sei attenuto perfettamente. Coraggio Matteo, Noi democratici del PD stiamo facendo per le nostre Famiglie e per quelle degli altri cose straordinarie, mai neppure immaginate appena 18 mesi fa, mai sperate durante l’era dei Bersani D’Alema Fassina Civati Bindi Mineo D’Attorre, dove per un provvedimento e non parliamo di Riforme ci voleva mezza legislatura e poi, dopo 3 anni, con la loro famosa frase “ora occorre approfondire”, si ricominciava da capo mentre le ns. Famiglie annegavano. Coraggio Segretario e non discostarti mai da quello che giornalmente ti chiedono i Democratici, che stiamo realizzando la più grande politica di SX Democratica di tutti i tempi, e non ti preoccupare delle puerili ostruzioni né dei 500.000 (pensa un po’) emendamenti delle 3 Destromanie. Chi pretende le magie si rivolga agli altri.

Altra perla è quella di Lucia Annunziata riportata da huffingtonpost.it: «Quel che Tsipras ha capito (e Renzi no) sul voto del popolo – Le elezioni, come dimostra la abilità con cui le manovra Alexis Tsipras, sono la migliore arma di rapporto con il popolo, e la loro efficacia sminuisce a strumenti vicari anche tv, web, twitter e tutti i media insieme. Cosi, oggi, sulla scorta di quel che è successo in Grecia, si potrebbe immaginare quanto diverso sarebbe stato l’itinerario politico di Renzi, e quanto più solido.» La parola ai Candide:

Piddino 7: Leonardo Recchia · Lucia Annunziata, ma per caso il suo professore di filosofia si chiamava Fausto Bertinotti? E no, perché mi deve spiegare: lei fa le pulci a Renzi quando vince Syriza, poi di nuovo quando va di moda Varoufakis, poi ancora quando Tsipras indice il Referendum, ora anche quando Tsipras si dimette. Comunque vada la sua opinione è W Tsipras abbasso Renzi. Ma non le viene il timido sospetto che Grecia e Italia siano 2 cose diverse, che in Italia andare a votare con il Porcellum poteva significare altri 5 anni di instabilità, che il PD (quindi Renzi) ha vinto le Europee con il 42% percentuale MAI raggiunta dalla sinistra in Italia (Berlinguer si fermò al 35%), che sono state avviate svariate riforme (anche se alcune non piacciono ad alcuni) ecc.ecc.? Purtroppo l’estrema sinistra eccelle in due cose: uccidere i propri leader e fare i maestrini, come fa lei.

Piddino 8: Tom Best · “Da comunista convinto, Napolitano credeva che le masse italiane non fossero “mature” per votare in tempi tanto tumultuosi” Mi scusi: ma chi è lei per sapere cosa Napolitano credesse o non credesse? Lei crede che Napolitano credesse. Io credo che Napolitano, sia stata una delle poche persone, tra cui Mario Draghi, Obama e la Merkel, ad avere la corretta percezione delle conseguenze che ci sarevvero state, per l’Italia, ma anche per il resto del mondo, se la speculazione finanziaria si fosse nuovamente accanita contro l’Italia, anche in considerazione della composizione di un nuovo parlamento. Immagino che lei sia “la democrazia innanzitutto”, persino, a costo di radere al suolo il paese, e l’Europa. Io no: non finirò mai di ringraziare Giorgio Napolitano per la fermezza, la determinazione e la lucidità che ha avuto negli anni della sua presidenza.

Piddino 9: Vittorio Marchi · Ma vogliamo piantarla con questa storia dei fans? Qui nessuno è stato fulminato sulla strada di Damasco. Ci sono solo italiani preoccupati per lo stato di un paese in bancarotta e sotto tutela. Di Renzi faremo anche a meno se la politica offrisse alternative credibili. Ma questa è l’Italia e l’alternativa porta il nome di Grillo e di Salvini ? Quali garanzie democratiche offrono questi ? lei intanto si preoccupi dello stato del suo Veneto che negli anni ci ha graziato di cosucce come la Liga Veneta e l’attuale omofobo sindaco di Venezia che offrono al mondo uno spettacolo indecente.

Piddino 10: Paolo Moretti · Il PD nel suo programma originale proponeva: modifiche costituzionali, riforma delle scuola, della pubblica amministrazione, del lavoro e altre di vitale importanza per il nostro Paese. Bersani vince le elezioni (di pochissimo) ma non ha l’energia sufficiente per mettere insieme una maggioranza solida, per di più facendosi insultare da Grillo, ci prova Letta e anche lui fallisce (anche se appoggiato da parte della destra). A questo punto senza una legge elettorale Renzi ha preso in mano il timone e (bene o male) ha avviato le riforme, ricordando che solo per le riforme costituzionali ha chiesto la collaborazione di tutte le forze politiche le altre leggi le ha fatte il PD e i suoi alleati di governo.

Infine huffingtonpost.it: Giorgio Napolitano scrive a Eugenio Scalfari “Riforma del Senato non minaccia la democrazia”. Allora i Forrest Gump nostrani, ignari di essere stati travolti da eventi epocali e crisi storiche, ingannati dalle consuete bufale metanarrative, e condannati dai loro leaders catartici ad un futuro collaborazionista di miseria, che cosa osano dire?

Piddino 11: Marco Anzilotti · Vediamo quanto ci metteranno i soliti tromboni a dispensare insulti al nostro Presidente Emerito che ha osato rispondere a Scalfari che criticava il suo (sacrosanto) intervento sulla NON eleggibilità del Senato!

Piddino 12: Beatrice Peveri · Il senato era stato introdotto, come le due polizie, con la paura di una nuova dittatura. Oggi non è efficiente ed é troppo costoso avere due organi che decidono sulle stesse cose e che hanno oltretutto sistemi elettorali diversi e quindi maggioranze diverse.

Piddino 13: Prome Teo · Se aggiungiamo anche la rigorosa analisi di Sabino Cassese, sul Corriere di una settimana fa, nella quale ugualmente ridicolizzava i pericoli (sic) per la democrazia e citava come contrappesi: Costituzione-Corte Costituzionale-Presidente della Repubblica-Comunità europea-Magistratura-Corte dei Conti-Libertà di Stampa ecc allora si può mettere un bel tappo al vaso di Pandora delle stupidità scalfariane. Il fatto è che Napolitano rappresenta la compiuta testimonianza del lungo travaglio politico che il pensiero laico e cattolico democratico, che si era avviato sull’evidenza critica delle debolezze intrinseche dell’impianto della nostra Carta, figlia del suo tempo e delle reciproche diffidenze fra De Gasperi e Togliatti. La Costituzione è afflitta dalla Sindrome del Tiranno e perciò è tesa a costruire un groviglio di bilanciamenti (architrave il mostro del bicameralismo perfetto) che dovevano di fatto impedire il potere politico della volontà popolare. Il risultato è stato disastroso per il nostro paese e meraviglioso per le corporazioni che dovevano limitare la sovranità popolare. 60 governi in sessant’anni ci hanno reso ridicoli nel mondo; ci hanno portato all’irresponsabilità di un debito mostruoso, a una classe politica clientelare e corrotta di partitini famelici di sottopotere. Non ci basta?

Piddino 14: Marco Pix · Le parole di un Presidente che ha salvato l’Italia dalla fine della Grecia vanno rispettate e meditate. Sono convinto che molti degli attuali dissidenti della sinistra PD, dopo queste parole, dovranno rivedere le loro posizioni. Risulta infatti insuperabile l’obiezione a un senato elettivo che non voti la fiducia. Molto efficaci anche i richiami ad importanti voti del partito democratico a sostegno dell’ipotesi del premierato, che mostrano la natura chiaramente strumentale dei timori di un eccesso di concentrazione di poteri. Contiamo poi che l’Italia sta in Europa, non in qualche paese oltre i confini del mondo civile! Aggiungerei a tutto questo l’impegno preso solennemente dalla parte responsabile del parlamento con il Presidente Napolitano a varare al più presto le troppo attese riforme. Ripartire da capo sarebbe un palese tradimento di quell’impegno. Discorso chiuso.

Insomma, per concludere, piddini si nasce … intelligenti forse si diventa. Ecco perché vivono felici e beati nella loro realtà parallela, un mondo alternativo, un’isola che non c’è, dove abitano Hitler scampato alla capsula di cianuro, Moana Pozzi rediviva, Michael Jackson sopravvissuto in una camera iperbarica, ed Elvis Presley alimentato artificialmente dai suoi fans … e come casi umani, creature inquietanti della terra di mezzo, convivono con i loro fantasmi democratici, sproloquiando ancora di diritti, costituzione, lavoro, istituzioni, libertà, welfare, categorie definitivamente morte e stravolte dalla barbarie neoliberista.

Dove vivere in contraddizione con la propria ragione, sembra loro la morale più tollerabile …

Rosanna Spadini

Fonte: www.comedonchisciotte.org

26.08.2015

http://www.repubblica.it/politica/2015/08/11/news/rai_renzi_difende_le_nomine_basta_retorica_societa_civile_-120792484/

http://www.huffingtonpost.it/2015/08/11/giorgio-napolitano-scrive-a-eugenio-scalfari_n_7969302.html

http://www.huffingtonpost.it/lucia-annunziata/tsipras-capito-renzi-no-su-voto_b_8018870.html?utm_hp_ref=italy

http://www.huffingtonpost.it/2015/08/18/eike-schmidt-uffizi-direttore_n_8002496.html

http://pauperclass.myblog.it/2015/08/21/ne-le-elezioni-ne-la-rivoluzione-ci-salveranno-eugenio-orso/

http://www.huffingtonpost.it/2015/08/22/sondaggio-agosto-pd_n_8024264.html

http://www.huffingtonpost.it/2015/07/26/gutgeld-spending-review-sanita_n_7873330.html

http://pauperclass.myblog.it/2015/07/27/spigolature-piddine-socialisti-sociopatici-alceste/

https://www.facebook.com/groups/PDufficiale/?fref=ts

Pubblicato da Davide

  • Leo_Pistone

    Pezzo eccellente, Rosanna, e i miei complimenti per il coraggio con cui ti sei immersa nelle cloache maleodoranti da cui hai tratto i commenti riportati!

  • Rosanna

    Beh … nel frattempo mi sono anche divertita, tante sono le scempiaggini che vengono sostenute, con fanatismo e ardore servizievole, verso gli esponenti della Troika, che stanno al governo …

    E’ inutile profetizzarne l’arrivo … infatti la Troika è già arrivata e sta procedendo nel suo compito infame di distruzione di ogni sovranità possibile …

    Quindi è stato sì un divertimento, ma anche piuttosto amaro …

  • Hamelin

    Mi sta venendo da vomitare .

    Il caso dei Pidioti è irrisolvibile .

    Percepiscono la realtà in base ai loro desideri in un mondo fantasioso e distorto tutto loro .

    E evidente soprattutto dal punto di vista della loro comunicazione .

    Narrano fatti ed eventi che non sono di questo mondo ma derivano dalla visione distorta ed utopistica che essi hanno del mondo .
    Credono fermamente che continuando a ripetere che il PIL crescerà questo magicamente possa crescere realmente Ex Nihilo….

    Non avendo contatto con il mondo reale e non volendolo avere non riescono ad avere una contraddizione con la propria ragione .

    E per questo che tanti sono in buona fede e sciorinano carrettate di puttanate senza riuscire nemmeno rendersi conto di quello che dicono .

    Sono i piu’ Utili Idioti che l’Elitè Europea possa avere a servizio .

  • Rosanna

    Infatti Hamelin , io sono circondata da piddioti, sono anni che li studio, cerco di dialogare con loro, cerco di convincerli che le cose non stanno come loro pensano, ma niente da fare …
    al che ho rinunciato a discutere perché non trovo alcun rimedio per farli ragionare

    probabilmente la loro formazione culturale è talmente dipendente dal compromesso ideologico, dall’accettazione passiva della realtà, dalla mancanza di autonomia di giudizio, che impedisce loro di guardarsi intorno e di cercare una possibile causa al disastro sociale in atto.

    Purtroppo però la loro dabbenaggine sta trascinando nel baratro milioni di italiani.

  • tersite
    Una preziosa raccolta dei delirii di chi vive troppo lontano dalla realtà quotidiana per accorgersi di ciò che combina e dei danni che fa.

    Ma la domanda che mi pongo più spesso in questo periodo è:  meritiamo di meglio? Parecchi ancora li voterebbero, poi ci sono i legaioli, i fascicoli e quelli che non vedono alcuna differenza tra la vecchia politica e la nuova, i5stelle. Chi è rimasto? il papa? Possibile che ancora ci troviamo a questo punto?…il mondo di mezzo o i sicari della finanza, non c’è alternativa.(?)
  • andriun

    I miei complimenti per essere riuscita ancora una volta a distogliere l’attenzione dal vero problema: donne/effeminati. Anche se si continua a girarci attorno(per l’ovvia ragione dettata dal conflitto di interesse), considerata l’enorme massa di effeminati presenti in Italia, alla fine si "berranno" anche questo ennesimo depistaggio. Come dire: meglio di così non poteva andare.

  • Rosanna

    ahahahahaah … andriun sei grande !! ti aspettavo al varco, sì è vero ho deviato l’attenzione dal vero problema che angoscia la società italiana: donne/effeminati.
    Cercherò di far meglio la prossima volta, diversamente so che tu veglierai con attenzione, quindi prima o poi dovremmo riuscire a fare un’analisi più giusta e calzante …

  • Rosanna

    tersite, se la popolazione di spettatori viene continuamente ingannata dai mezzi di distrazione di massa, come fa a capire quello che sta succedendo? In ogni periodo della storia la propaganda sostenuta dal potere è sempre stata mendace e contraffatta, dunque appare molto difficile uscire da quella bolla ipnotica che ci impediscie di vedere, bisognerebbe invece essere dotati di spirito critico, e capacità di giudizio autonomo.

    Ma lo spirito è stato depotenziato dalla nostra stessa storia, che è stata quella di un popolo non maturo, che si è ritirato nella sua realtà alternativa, credendo che sia l’unica possibile verità …
    non credo poi che nessuna forza politica possa avere la forza di uscire dall’Ue, anche se lo sbandierano ai quattro verdi.

  • dancingjulien

    Cazzo non sono riuscito a finirlo questo pezzo, troppo il nervoso da farti venire le ulcere allo stomaco.

    Ci vorrebbe un piddino a portata di insulto.
    Cmq questo pezzo se acconsentì mi permetto di postarlo sulla mia pagina Facebook 
  • Rosanna

    Certo volentieri, se mi chiedi anche l’amicizia Fb, ci possiamo passare le informazioni del caso …

  • tersite

    andriun sei veramente un grande! posso chiederti una cosa,la scietà è troppo effeminata rispetto a che? Cioè mancano i muscoli, i testicoli, cosa? 

  • andriun

    E’ la classe dirigente che rispecchia il populino, non è mai il contrario. Quello che mi stupisce(ma conoscendo la psicologia della donna, nemmeno più di tanto) e che nonostante alcune soggetti stiano meglio di altri, possano poi lamentarsene facendo in modo di apparire alla massa, certamente effeminata, come antagonista, piuttosto che complice, del sistema in essere. Mentre tutti sappiamo, ma ovviamente in pochi hanno ancora il coraggio di dirlo, non è così. 

    Piuttosto è vero che questo "star bene" anche per quel che vi riguarda è solo un effimero effetto  temporaneo, destinato a fallire nel lungo periodo(anche se ancora non se conosce il prezzo) e che proprio per la vostra incapacità di gestire tali problematiche sociali, andrebbe anche a vostro vantaggio sostenere una politica più logica e quindi anche più al maschile, ma qui occorrerebbe qualcuno dotato di onestà intellettuale e la donna, si sa, in questo non è certamente brava ad autogestirsi. 
    Guardi che non sto dicendo che è solo colpa sua, la colpa è certamente di altri, che pur avendo gli strumenti ed il potere per farlo, per ovvie ragioni di opportunismo, non agiscono di conseguenza dando da "bere" al populino ignorante, ancora queste giustificazioni. 
    Ma come diceva una famosa canzone anche se collocata altri contesti certamente più nobili "…finchè la barca va lasciala andare". 
    Quindi le rinnovo i miei complimenti.  
  • dancingjulien

    certamente appena mi collego su facebook ti chiedo l’amicizia! 🙂

  • Toussaint

    Piddini si nasce … e Grillini si diventa.

    Questo è il titolo dell’articolo: 
    PROFESSIONE GRILLINO! LA DEPUTATA CINQUESTELLE SERENELLA FUCKSIA SPIEGA LA FILOSOFIA DEI PARLAMENTARI DI BEPPEMAO: “DOPO DUE LEGISLATURE TORNEREMO AL NOSTRO LAVORO. TRANNE CHI IL LAVORO NON CE L’AVEVA, E ALLORA MAGARI FARÀ IL POLITICO A VITA”…
    Questo è il link:
    Franza o Spagna …..
  • mago

    Fondiamo un movimento…..

  • andriun

    No tersite, il cervello. Manca la logica di distinguere le cose futili da quelle utili. Manca la logica di analizzare i problemi e selezionare la soluzione che potrebbe essere più impegnativa, ma non per questo la meno giusta; manca la capacità di agire pensando al tornaconto, ma non solo a quello; manca la volontà di comandare come quella di saper ubbidire; manca una disciplina perchè solo la parola richiama alla mente aspetti negativi dovuti alla psicologia al femminile che ha trovato spazio guarda a caso nella società moderna. 

    Una società meno effeminata non approverebbe mai le quote rosa, non approverebbe mai la legge sul femminicidio, non approverebbe mai l’assegno divorzile coatto, non approverebbe mai che una donna ti denunci per violenza, quando il rapporto è stato dapprima consenziente spedendo ad es. l’imprenditore di turno e con cui ha stilato un tacito accordo, in galera a proprio piacimento uscendone come "falsa vittima" linda e pulita in onore del decoro femminile, non approverebbe mai che un marito nonchè capofamiglia, venga allontanato da casa propria per errori che ha commesso la moglie e dalla quale non può che accettare vizi/caos senza poter in alcun modo reagire se non chiedendole il divorzio e quindi penalizzandosi ancora più pesantemente che se stesse zitto; un non effeminato non accetterebbe mai di modificare il vocabolario italiano, per trovare delle forme che poi ovviamente richiedono continuamente di essere riviste e modificate(al punto che non è escluso che si possa tornare alla forma originale), senza per questo aver offerto una soluzione concreta la problema(vedi ad es. il termine handicappato). 
    Potrei continuare ancora(visto che un centinaio di pagine le ho scritte su queste amenità tipiche della società moderna, e riconosciute come tali e non a caso da molti filosofi), ma se l’aspetto risulta poco chiaro già adesso, non è certo portando altri esempi di pari o maggiore gravità, che potrei sperare di migliorarne l’apprendimento. D’altro canto si sa che chi non vuol vedere non vede nemmeno se dovesse avere gli occhi aperti e spalancati. 
    Da qui risulta chiaro e palese, che l’aspetto fisico, quanto le tendenze sessuali/perversioni, non sono segni identificativi dell’effeminato(anche se certamente un gay non sarà mai contro gli  interessi delle donne, che alla fine collimano con i propri), in quanto all’effeminato piace scop..are esattamente come, se non di più degli altri soggetti non effeminati. Ricordo solo che Giulio Cesare come altri nella storia, sono stati famosi bisessuali, pur rimanendo degli incontratati dominatori. Quello che fa la differenza tra un UOMO e un effeminato e che l’effeminato gode ad essere comandato ed umiliato dalla donna e quindi non fa nulla per contrastarla, ma tutto per favorirla anche perchè teme la sua reazione(lo spaventa il solo sentirsi chiamare maschilista). Quindi alla fine risulta completamente dipendente/succube da tutti i suoi capricci. 
    Come un rapporto di simbiosi il però anche in questo caso l’azione è duplice perchè, di contro la donna ha tutto l’interesse ad eleggere a modello maschile questo tipo di uomo "zerbino" facendolo apparire moderno e utilizzandolo nella sua operazione di propaganda mediatica specie quando lo trascina nelle piazze. L’opportunismo, l’essere psicologicamente debole e poco propensa sia alla disciplina quanto al ragionamento però, non la esime molte volte ad agire persino contro se stessa(al limite dell’autolesionismo). 
    Quindi come si vede tutte le denunce che provengono e fatte verso la classe politica, hanno un’ unica matrice la donna/effeminato. Ma se vi piace così, che così sia.
  • Rosanna

    Il M5S è formato da monadi impazzite che dicono tutto e il contrario di tutto, finora però è stata la maggioranza a decidere, e ha sempre deciso secondo le regole del movimento … anche Pizzarotti ha cercato di fare il furbo, ha fatto polemica con Grillo, tentando di rompere il movimento, ma ora  sembra rientrato nei ranghi (la madre dei cretini però è sempre incinta …) …

    il M5S però ultimamente ha fatto alcune cose molto significative:

    1) rifiutare il finanziamento pubblico dei partiti ed ha infatti restituito 42 milioni di euro di rimborsi elettorali
    2) per il viadotto crollato in Sicilia, apre la trazzera finanziata da M5S

    https://www.youtube.com/watch?v=kkVCp-on2dM

    https://www.youtube.com/watch?v=7F4mYLQm0jY

    https://www.youtube.com/watch?v=0MTS5fDpKno

    https://www.youtube.com/watch?v=ICtgQaTn1b8

  • omega86

    PD o M5S sono entrambi finanziati dagli americani.
    Come lo erano Iran e Iraq durante la loro guerra fratricida.

    Cosi Marino, come Pizzarotti, volano negli USA ogni volta che hanno qualche giorno a disposizione.

    La mia domanda è: a far che?

  • TonyConcilianti
    Boh .. sarò io che non ho capito nulla di come la pensa Rosanna ..
    Allora , va bè.. “i piddini” sono un bersaglio facile .. e fin qui ci siamo ( ma “grillini” e “salviniani” no ? sinceramente io non saprei chi è messo peggio  : lasciando pur perdere i leghisti , se si facesse un post sui grillini ci sarebbe da ridere per mesi.. ) .. ma comunque diciamo che fino a qui ci siamo … OK …

    Dopo però vado a leggere gli argomenti della Rosanna e non mi ci trovo più .. cioè , ricordo male o ricordo bene quando ricordo Rosanna che critica Bagnai , o il neoliberismo  o il razzismo dei fascisti/leghisti ? Se sono io che ricordo bene , perché Rosanna critica i “piddini” con l’ Argomento di Bagnai ( “giovani marmotte ignare della sfiga mondiale cui il cambio fisso ci ha condannati” ) ? … se il problema è che Bagnai sia o non sia un ignorante in storia o filosofia , o che si auotopromuova o no come una cocacola … che problema è ?….  O il problema è che Bagnai ha invitato a votare per Borghi , Salvini o la Meloni ? ma perché no , se Salvini porta avanti le stesse idee di Rosanna : la svalutazione della moneta , aree valutarie ottimali ( cioè , questo è Milton Friedman , ci siamo no ? ..e poi magari leggo Rosanna che se la prende con il “neoliberismo” ) … poi l’Italia agli italiani , San Marino ai sanmarinesi , piazza Navona ai piazzanavonesi ecc.. ?
    Cioè , in conclusione , sono io che faccio casino e che non ho capito un cacchio di come la pensa Rosanna , o stringi stringi il messaggio è :  le idee di Salvini sono giuste , ma la Lega non è credibile per portarle avanti ?

  • mago
    Manchurian candidate ? prendiamo la via di mezzo…..
  • Rosanna

    Come ho detto prima, Pizzarotti è entrato in conflitto con Grillo, è stato negli Usa in giugno, e la cosa è molto sospetta infatti, si è montato la testa e vuole spaccare il movimento, o forse sostituire Grillo o Casaleggio nel prossimo futuro … però a me sembra che non ne abbia le competenze e comunque c’è il Direttorio che fa capo a Grillo, che ne ostacolerà i progetti della frangia politica ribelle … vedremo i risvolti

  • andriun

    Dire che il movimento M5S ha fatto qualcosa di significativo perchè ha fatto il suo dovere è davvero il massimo che la propaganda grillina poteva fare. E’ come dire che se un enologo non taglia il vino con il metanolo, ha fatto una cosa significativa piuttosto che dire che ha fatto semplicemente quello che è previsto dalla sua professione fare. 

    Un altro esempio di tipica stortura del linguaggio, quanto del pensiero logico maschile. 
    Osservo poi, che In quest’ottica puramente propagandistica, sia la targa "via dell’onestà" quanto il contributo di 300 mila euro(certamente non stanno morendo di fame), che non era di loro competenza, ma nemmeno richiesto, non stona minimamente. 
  • FlavioBosio

    Certo è strano, se un italiano viene chiamato a dirigere un importante museo in Europa sono tutti contenti ma se un tedesco viene chiamato a dirigere un museo italico scoppiano polemiche ed insurrezioni.

    Eppure anche la Ferrari anni fa chiamò un pilota tedesco con ottimi risultati se non ricordo male, e pure un bassotto francese..
    Peró guai a toccare la PA… loro hanno vinto ‘o concorso..
  • Rosanna

    Allora cerchiamo di fare ordine, io ho seguito per due anni il blog di Bagnai, letto tutto quello che si poteva leggere di lui e condivido le sue teorie economiche per l’uscita dall’euro, però … c’è un però … ad un certo punto Bagnai non si è limitato a fare analisi economiche, ed ha cominciato a fare analisi politiche, ed anzi in occasione delle europee del 2014 ha consigliato caldamente di votare Lega, naturalmente attivando altre alleanze politiche con personaggi molto inquietanti, elogiati sul suo blog: Salvini, Alemanno, Meloni, La Malfa, Ferrara …

    Quindi io ho iniziato a criticare queste scelte che mi sembravano demenziali, perché sappiamo che la Lega è stato uno dei partiti di governo con Berlusconi, è stato responsabile delle firme ai trattatati, responsabile della politica eurista ed ha parecchi scheletri nell’armadio … quindi non mi sembra credibile quando ora si presenta come la risoluzione dei problemi, cavalcando il progetto no-euro …

    un partito truffa, che ha molte responsabilità per la demolizione delle sovranità che stiamo subendo ora, e Salvini non ha fatto altro che risuscitare alle europee, aiutato da Borghi e Bagnai che gli hanno fatto direttamente la respirazione bocca a bocca, per riesumarlo dal coma profondo in cui versava il partito ….

    a proposito, ma l’euro non doveva implodere già nel 2012? siamo nel 2015, mi sembra …
    per di più se leggi il Manifesto di solidarietà europea, ti accorgi che Bagnai non chiede per niente l’uscita dall’euro, ma più Europa ed una forma di Sme, sperando che sia la Germania ad andarsene …

    ahahahahahahaha …

  • lanzo

    Evidentemente – o uomini di poca fede – se hanno deciso di far dirigere il tal museo da Bongo Bongo – avranno avuto le loro ragioni, che magari saranno pure cosi’ sottili che manco ci immaginiamo.

     Ci starei a privatizzare Pompei – sembra facile – ma chi se lo prende ? L’acquirente sa che dietro c’e’ la camorra con parecchi di loro al Governo e quindi – tenetevela Pompei !  
  • Rosanna

    Non è questo il problema, soprattutto se avessimo la nostra sovranità, monetaria ed economica, purtroppo le nomine straniere rimarcano immediatamente la svendita di assets economici e servizi che le privatizzazioni in atto impongono al paese Italia, che ormai è chiaramente una colonia sottoposta a svendita di beni pubblici, welfare, diritti e democrazia …

  • dancingjulien

    Beh abituati come siamo a politici che non fanno il proprio dovere osservare che è c’è qualcuno che invece finalmente lo fa beh già solo questo per me è significativo 

  • TonyConcilianti
    Si Rosanna , conosco il Manifesto di solidarietà europea… e conosco le politiche votate dalla Lega con Berlusconi … ma non ci siamo capiti Rosanna …
    Ti riformulo la domanda tirando via il discorso Lega .. cioè al posto di Salvini immagina chi vuoi tu , che dice ora le stesse cose di Salvini senza avere il passato della Lega ..
    La domanda è : perchè te la prendi sempre con fascisti o neoliberisti se la pensi come loro ( l’Italia agli italiani , la Garbatella ai garbatellesi , San Marino ai sanmarinesi , …oppure aree valutarie ottimali ecc. ) ? Cioè tu condividi quelli idee ma vorresti solo qualcuno più credibile per portarle avanti ? 

  • andriun

    Certo, abituarmi non ci penso nemmeno, ma rassegnarmi a doverlo sentire ancora a lungo, questo certamente sì, non posso evitarlo. Restano comunque di fatto una stortura sia i 300 mila euro versati dai 14 deputati, che la targa intitolata "via dell’onestà" se escludiamo come obiettivo quello di ottenere una manipolazione mediatica del populino. 

  • Toussaint

    Mi permette, Sig. Flavio, una piccola obiezione? Quando Schumaker arrivò in Ferrari era già stato due volte campione del mondo di F1.

    Questi qui, invece, non hanno vinto nemmeno la coppa del nonno. Il problema, allora (oltre a quelli enunciati dagli altri commentatori) è forse anche di inadeguatezza dei curricula. 
    Oltre al problema/non problema della nazionalità, il servilismo si evince anche da questo. Quattro poveri cristi messi lì solo per far vedere che non siamo provinciali, che siamo europeisti. Tanto valeva estrarre qualche nome a sorte dall’elenco telefonico.  
  • tersite

    Ah! Ora ho capito. Secondo te la nostra è’ una società poco virile?(ma non è virile o meglio maschile anche proteggere la donna?) posso anche essere d’accordo. Però non vedo perché identificare nel genere femminile la mancanza di coraggio, di praticità e tutte le cose che hai elencato. Eppure sono un uomo. 

  • tersite

    Per onestà mi tocca pure ammettere che per un paio d’anni, in passato, sono stato affetto da una certa misoginia.

  • Rosanna

    Scusa TonyConcilianti, forse io non mi sono spiegata bene, ma certo faccio una netta distinzione tra teorie economiche e ideologie politiche, le teorie economiche di Bagnai mi stanno bene fino a quando lui dice che bisogna riprendersi la moneta, la sovranità economica, quella politica, uscire da questa UE criminale, difendere il welfare, scuola pubblica, sanità pubblica, pensioni, promuovere politiche keynesiane che riducano drasticamente la disoccupazione …

    queste mi sembrano idee sensate, logiche ed espressione anche della carta costituzionale, che ha messo al primo articolo la difesa del lavoro … non mi sembrano idee fasciste, anzi direi decisamente di sinistra …

    poi però Bagnai non si ferma lì, prosegue tra parecchie ipocrite prese di posizione politiche, poco credibili e assolutamente non condivisibili, perché allora si traducono in posizioni di destra: Salvini, e tutta la compagnia nominata prima, decisamente poco raccomandabile, perché sono i diretti responsabili del disastro economico in cui ci troviamo ora …

    Timeo Danaos et dona ferentes ….
    Temo i Danai, anche quando portano i doni …

    "l’Italia agli italiani , la Garbatella ai
    garbatellesi , San Marino ai sanmarinesi , …oppure aree valutarie
    ottimali ecc. ? Cioè tu condividi quelli idee ma vorresti solo
    qualcuno più credibile per portarle avanti ? "

    In pratica sì … condivido quelle teorie economiche, che mi sembrano più di sinistra che di destra, perché difendono appunto il benessere sociale e la spesa pubblica (Keynes) … però

    "L’Italia agli Italiani" non mi sembra un’affermazione fascista, se mai nazionalista, ma il nazionalismo che difende il benessere sociale è un nazionalismo sacrosanto …

    L’AVO è una teoria economica, cosa c’entra con il fascismo?

    Ti ricordo che viviamo in un’epoca postmoderna, in cui le ideologie si sono confuse insieme, creando disordine mentale, ma anche e soprattutto sociale …

  • andriun

    poco maschile. La nostra società in particolare quella italiana perchè se guardiamo ad oriente anche solo alla Russia, si nota una sostanziale differenza rispetto la nostra. Ciò non toglie che anche la società al maschile possa avere le sue pecche, ma certamente minori se ad oggi guardiamo a quel Paese con una sorta di ammirazione/invidia e verso il suo popolo. Quel che è certo che non si può elogiare la Russia e criticare il suo stato sociale di fatto maschilista, non sarebbe intellettualmente onesto o pretendere di prendere solo la parte più superficiale che più ci fa comodo. 

    Se il modello funziona va assunto in toto specie nelle sue fondamenta altrimenti si guarda in altre direzioni se ve ne sono. Se non ve ne sono significa che l’eccezione conferma solo la regola ma non la contraddice.
    Proteggere la donna da se stessa, è certamente un atto virile oltre che di amore che oggi nessuno è più in grado di fare, in quanto sono tutti "zerbini" al servizio della donna, ma questi poveri soggetti effeminati sono convinti di potersi chiamare ancora uomini dalle loro stesse donne che ovviamente hanno tutto l’interesse a mantenere lo status quo.
  • SanPap

    qui un campionario scelto con cura

    http://www.video.mediaset.it/video/dallavostraparte/full/martedi-25-agosto_556485.html [www.video.mediaset.it]

  • andriun

    Non è un caso il isolato. Però attenzione che agire per il bene della società, non significa essere necessariamente misogini. Questa è la classica accusa che viene rivolta dalla donna ad un UOMO  quando non ha argomenti per giustificare le anomalie che lei stessa non riesce ad accreditare valide/giuste, ma che comunque le fa comodo, ovviamente, mantenere invariate. Ecco perchè, se lo status quo non cambia anche per questi aspetti, non ci potrà essere nessun vero cambiamento radicale, ma solo fuffa buona appunto per gli effeminati che si accontentano delle apparenze o di qualche termine opportunamente modificato: tipo parità al posto di società effeminata. 

    Inoltre se la donna è complice del sistema e il sistema non funziona, non è certo da lei che ci si deve aspettare una qualsiasi forma di aiuto, ma dovrebbe essere l’UOMO a provvedere con o senza il suo consenso. Purtroppo ad oggi anche questa è pura utopia. 
    Quindi non lamentiamoci o sarebbe meglio dire non lamentatevi di quello che abbiamo alla fine ottenuto, perchè non poteva essere altrimenti. 
  • TonyConcilianti

    L’AVO non c’entra nulla con il fascismo : c’entra con Milton Friedman , uno dei padri del neoliberismo … che non era per niente "keynesiano" …

    Con il fascismo c’entra invece "l’Italia agli italiani e San Marino ai SanMarinesi" ( come saprai la nostra costituzione promuove l’accoglienza e i diritti di cittadinanza e non lo ius sanguinis … e d’altro canto molte imprese italiane e molti italiani con il sangue doc dal 1861 fanno profitti lavorando con e in tutto il mondo )

    Sarà vero che viviamo in un epoca "postmoderna" .. ma , se permetti , c’è chi "confonde le ideologie" e chi no … comunque ho capito , mi hai risposto..
     

  • Rosanna

    In economia internazionale un’area valutaria ottimale (AVO, o area monetaria ottimale, AMO – in inglese optimum currency area o optimum currency region, OCA o OCR)
    è un gruppo di paesi per i quali, vista la stretta integrazione per
    quel che riguarda gli scambi internazionali e la facilità nel movimento
    dei fattori produttivi, conviene creare un’area di cambi fissi o un’unione monetaria. Il concetto di area valutaria ottimale fu inizialmente proposto dal premio nobel Robert Mundell. 

    E’ stato sostenuto da Milton Friedman, ma anche da Paul Krugman, e comunque è una teoria economica critica nei confronti dell’Eurozona, che appunto non è un AVO …

    è poi vero che il nazionalismo è stato di matrice più di destra, mentre la sinistra è stata più rivolta ad un universalismo umanitario, tipo Boldrini, accogliamo tutti quelli che arrivano senza se e senza ma …

    non credi che il problema dell’immigrazione sia un problema di enorme impatto sociale, economico culturale sul fragile equilibrio socio/economico italiano? non credi che vada governato meglio? nessuno vuol impedire il lavoro estero di tante associazioni, però il business che ruota intorno all’immigrazione è piuttosto inquietante.

    Per di più torna comodo anche al capitale avere una manovalanza sempre più disposta ad offrirsi a prezzi stracciati, e probabilmente il giro di affari delle multinazionali ha bisogno di dipendenti sempre meno coscienti dei propri diritti.

    Le ideologie poi si dovrebbero adattare al contesto, diversamente rischiano do tradursi in fanatismi  … sia a destra che a sinistra … non parlo di te naturalmente, di cui ho condiviso molti commenti nel forum

  • FlavioBosio

    Che li regalino pure i suddetti beni pubblici, se il loro mantenimento ci continua a costare un pozzo di soldi all’infinito.

    In fondo siamo soppravvissuti anche alla vendita di Alitalia o no?
    Il libero mercato fará il resto attraverso una selezione naturale, gli incapaci falliranno portando i libri in tribunale ed i capaci ripartiranno dalle loro ceneri.
    Mantenere orde di fannulloni statalisti non ha mai giovato ad alcuno tranne a loro stessi, quindi ben vengano le svendite.
  • Rosanna

    Non è così purtroppo, te lo hanno fatto credere, ma non è la verità … l’Italia ha sempre mantenuto una spesa pubblica nella media europea, per di più al nord abbiamo una delle sanità migliori tra i paesi occidentali …. questa crisi è stata proprio pilotata dagli oligarchi per tradurre tutto ciò che è pubblico in privato … quindi la sanità deve diventare privata … insieme alla scuola e al sistema pensionistico

    http://scenarieconomici.it/spesa-pubblica-italiana-qualche-dato-ufficiale-dal-2000-2011/ [scenarieconomici.it]

    http://goofynomics.blogspot.it/2013/03/la-spesa-pubblica-futura-memoria.html [goofynomics.blogspot.it]

  • TonyConcilianti

    Certo Mundell , non Friedman  …  Bagnai prende pari pari Milton Friedman ( Essays on Positive Economics ) quando esalta i cambi flessibili che permetterebbero di raggiungere l’equilibrio esterno anche dove i prezzi interni rimanevano fermi….che , se mi concedi il francesismo , è una gran cazzata , perché a svalutarsi è il lavoro… come è aria fritta la teoria delle zone monetarie ottimali di Mundell … cioè Rosanna tu giustamente vuoi un ritorno del welfare state nato dopo Bretton Woods , ma per costruire gli accordi di Bretton Woods sono stati usati argomenti contro i cambi flessibili … e sono stati proprio i Friedman a iniziare a distruggerlo… quindi la tua definizione dei “piddini” come “giovani marmotte ignare della sfiga mondiale cui il cambio fisso ci ha condannati” , oltre ad essere di un arroganza che non su po’ gurdà , è un elogio al neoliberista Milton Friedman .. poi le tue idee sull’immigrazione sono come quelle di Salvini … va be , lasciamo perdere …. volevo solo capire come la pensavi …

  • Rosanna

    TonyConcilianti, mi sa che fai un po’ di confusione, infatti quando in Europa era in vigore la flessibilità del cambio, il lavoro non era mica svalutato, anzi,  invece comincia ad essere svalutato proprio con il cambio fisso … e visto che sei uno di sinistra convinto, leggiti "La trappola dell’Euro", scritta da un comunista convinto quasi come te, Marino Badiale, che dice le stesse cose che sostiene Bagnai, il quale è "de sinistra" in origine, poi naturalizzato leghista … però la sua impostazione teorica niziale è giusta …

    "È
    importante infatti sapere che l’esistenza di un rapporto consequenziale
    fra la rinuncia alla flessibilità del cambio valutario e la
    realizzazione di una vera e propria macelleria sociale in termini di
    aggressione ai diritti e ai redditi dei ceti medi e popolari, era stata
    chiaramente prevista già tre decenni fa. Agganciare la valuta della
    Germania a quella di Paesi economicamente più deboli e con inflazione
    più alta, senza prevedere meccanismi certi ed automatici di riequilibrio
    fra i Paesi in surplus e quelli in deficit, non poteva non determinare
    la costruzione di un rapporto asimmetrico: da una parte la Germania e i
    Paesi forti nel ruolo di leaders, dall’altra i Paesi più deboli nel
    ruolo di followers, impossibilitati a recuperare competitività e
    sostanzialmente costretti a riprodurre le politiche economiche e sociali
    tedesche, con le conseguenze che vediamo oggi, dopo dieci anni di
    moneta unica (la quale rappresenta il caso “estremo” di sistema
    valutario a cambi fissi): deflazione, spinta al ribasso dei diritti e
    dei salari dei ceti medi e popolari, innalzamento della disoccupazione,
    politiche di rigore destinate a portare il Paese ad avvitarsi in spirali
    recessive. Ma vediamo allora alcune delle discussioni svoltesi negli
    anni Settanta. Dopo la fine del sistema di Bretton Woods, i Paesi forti
    dell’Europa, come la Francia e soprattutto la Germania Ovest, iniziano a
    spingere per la creazione di un sistema a cambi fissi tra i Paesi del
    vecchio continente. Il primo esperimento, il cosiddetto “serpente
    monetario” non ottiene grande successo. Agli inizi del 1978 inizia ad
    essere progettato il Sistema Monetario Europeo. A gestire i confronti
    fra i Paesi europei, e l’eventuale ingresso dell’Italia nel nuovo
    sistema, è il governo Andreotti IV, un monocolore DC tenuto in vita
    dall’appoggio esterno del PCI. In quella fase, il partito di Berlinguer
    è quindi un interlocutore importante per i ministri che partecipano
    alle fasi di preparazione dei vertici europei che porteranno alla
    nascita dello SME.All’interno del PCI vi sono posizioni diverse, ma in
    sostanza il partito esprime ben presto la propria netta adesione ad un
    sistema europeo che porti a cambi fissi tra le valute. Lo stesso fa la
    CGIL di Lama, nonostante siano chiare le conseguenze per i lavoratori
    che tale scelta comporta.Il PCI tenta di mitigare i prevedibilissimi
    effetti nefasti del “vincolo esterno” costituito dall’appartenenza allo
    SME, ponendo alcune condizioni, che inizialmente lo stesso governo
    democristiano assume come proprie. …


    Era
    chiaro che né il PCI, né la CGIL intendevano fare le barricate contro
    lo SME, così come iniziava ad apparire evidente che tentare di
    “mitigarne” gli effetti era impossibile: i Paesi più forti non avevano
    nessuna intenzione di concedere meccanismi di riequilibrio fra gli Stati
    in surplus e quelli in disavanzo (esattamente come oggi), ed i ceti
    dirigenti dei Paesi più deboli non avevano nessuna intenzione di
    insistere, perché sapevano che la rigidità del sistema avrebbe aperto
    loro la possibilità di distruggere i diritti del lavoro, abbassare i
    salari, privatizzare ogni cosa (appunto quello che succede oggi).Tutto
    divenne ancora più nitido nel periodo successivo: in primo luogo, il PCI
    fu allontanato dall’area di governo. In secondo luogo nel 1981 avvenne
    il “divorzio” fra Tesoro e Banca d’Italia, che privò il nostro Paese
    dell’effetto calmierante sui tassi di interesse sul debito costituito
    dall’acquisto dei titoli stessi da parte della Banca Centrale, con
    l’ovvio effetto di imbrigliare ancora di più la nostra economia e di
    obbligare il nostro Paese ad affidarsi totalmente al mercato per
    finanziarsi, costringendolo a seguire le scelte dei Paesi più forti
    dell’area SME, cosa che porterà alla crisi del 1992. In terzo luogo
    venne attaccata con successo la “scala mobile” al fine di abbattere le
    barriere alla moderazione salariale. …"

    http://il-main-stream.blogspot.it/p/la-trappola-delleuro.html [il-main-stream.blogspot.it]

  • TonyConcilianti
    Ti spiego perchè ho scritto che sugli immigrati secondo me usi gli stessi argomenti di un Salvini : la polemica sui sette direttori stranieri è di uno sciovinismo che non si può sentire .. ripeto che con la stessa logica bisognerebbe insultare tutti gli italiani con il sangue doc dal 1861 che fanno profitti con e in tutto il mondo ..
    Poi secondo me se noi fossimo immigrati , ci comporteremmo tuttu come loro …  scapperemmo per venire qui dove comunque in un modo o in un altro guadagneremmo di più del luogo da dove si scappa , e dove c’è più speranza di vita …  poi certamente si crea lotta tra poveri , non lo nego… ma i poveri si dovrebbe unire , non dividersi in base a stronzate razziste come vogliono i fascioleghisti … o sbaglio ? … e anche se non ci si unisce , anche se si rimane divisi come vuole la propaganda neofascista a cui tutti ( anche quelli che si dicono di sinistra ) partecipano … come dire .. chissenefrega .. se fossimo migranti verremmo lo stesso … perchè se la ricetta sono le cagate neofasciste tipo "aiutiamoli a casa loro" e "con le ricette di Milton Friedman" … noi , se fossimo immigrati , risponderemmo giustamente con un bel gesto dell’ombrello …

  • Rosanna

    Quanto agli immigrati, non sono della stessa posizione idealistico utopistica della Boldrini, per cui accogliamoli tutti poverini, ma con un tono e un rispetto diverso da Salvini, io sostengo che l’immigrazione dovrebbe essere governata a livello europeo, dato che è un problema di tutti … perché l’Europa se ne infischia? proprio perché trae vantaggio da questa immigrazione selvaggia, che gli permette di fare dumping salariale … quanto a "uniamoci e combattiamo tutti insieme" è un’altra utopia, perché non è mai avvenuto nella storia che la classe proletaria si sia organizzata per resistere o ribellarsi … l’ha fatto solo una volta in Russia nel 1917, e per di più anche lì si era divisa i due fazioni, menscevichi e bolscevichi, dove vinse quella minoritaria, ma più preparata …

    se poi riuscissero a governare il flusso migratorio con accordi incrociati tra gli stati e controlli più severi, non credi che diminuirebbero anche i morti annegati nel Mediterraneo?
     

  • TonyConcilianti

    Ma che “di sinistra” , ma che “comunista” … questo che hai citato è comunisa come Almirante … ma dai … ripeto , consiglio di ritornare a rileggersi le argomentazioni CONTRO i cambi flessibili che vennero usate per costruire il sistema di Bretton Woods. … non sono un dogmatico ma ha ragione Lenin riguardo il secolare scontro tra libero scambio e protezionismo…. nè libero scambio , nè protezionismo , bensì monopolio dello stato sul commercio estero :  mutatis mutandis questo discorso vale anche per i relativi cambi monetari …  esattamente come il ruolo della Banca Centrale non può essere indipendente, anche la dinamica dei cambi deve essere subordinata alle priorità delle politiche economiche e dei bisogni sociali di tutti a prescindere dalle nazionalità … finito , questo è il programma monetario  … ma quali cambi cambi flessibili , aree valutarie ottimali , nazionalismi e fasciustume vario … ma basta … e poi dite su ai fascisti … almeno loro sono coerenti ..

  • TonyConcilianti

    Si , così andiamo meglio .. un attimo però , prima apro una parentesi .. a parte menscevici e bolscevichi che non c’entra nulla ..va be , fa lo stesso .. l’ "accogliamoli tutti poverini" non era il mio discorso … il mio discorso parte dal punto di vista del migrante e fa così : "noi ( migranti ) veniamo da voi e ci prendiamo in un modo o nell’altro una fetta della torta che ci avete rubato , schifosi ciccioni ipocriti"
     
    comunque si , dialogare a livello sovranazionale è il primo passo …se poi dici anche che i Salvini e il fascistume vario , che vogliono dividere il lavoro e unire in base a criteri di razza e suolo , sono dei pezzi di merda che vanno combattuti a prescindere … andremo ancora più d’accordo ..

  • Aironeblu

    Evviva, Schweinsteiger a Palazzo Chigi!

  • Aironeblu

    Purtroppo dietro le nomine straniere ai musei c’è molto di più.

    Non è solamente, come può sembrare, un insulto alla nostra dignità culturale, con la declassazione della figura professionale italiana a un livello di seconda scelta, ma è un passo pesante in più verso la sottomissione del nostro paese, colonizzato dalla barbarie finanziaria anche nel campo in cui ha sapito esprimersi ai massimi livelli, quello dell’arte e della cultura.
    E non solo.
    Eike schmidt proprio agli uffizi non è certamente un caso: quanti sono al corrente del fatto che nel 2014 la lunga mano della Troika è arrivata proprio agli Uffizi per stilare un accurato inventario di tutte le opere conservate? Un gesto non precisamente ispirato dall’amore per l’arte italiana, ma dall’amore dei soldi che ne possono derivare dalla sua depredazione: in Iraq si è dovuto fare con la forza, da noi basterà chiedere agli idioti PD di "affidare" un po’ di opere a Berlino, Londra e Parigi, senza il bisogno di farlo sapere ai cittadini italiani. 
    Prepariamoci al saccheggio.
  • tersite
    Scusate se mi intrometto, ma secondo me alla base di qualsiasi teoria economica intrapresa da un paese deve esserci la scelta di una politica energetica. I5stelle ne hanno preso atto e ce l’hanno sul programma dall’inizio del loro cammino, gli altri no!

     Gli altri non ne vogliono proprio sapere, stanno lì(le meloni e i salvini) a rappresentare una parte di popolo che ignora completamente ciò avviene nel mondo reale ma ne subisce  le conseguenze e reagisce con rabbia e rancore. Senza un piano energetico ed una nuova rivoluzione industriale, la macchina non cammina più.

  • cardisem

    Ho già avuto modo anche io di accogermi della antropologia piddina, come tu la chiami… I suoi giovani polli… Il modo in cui parlavano… stereotipato… come la televisione…
    Uno spettacolo deprimente…
    Non ne scrivo perché ne potrebbe venire un pezzo più lungo del tuo… e non ne ho voglia…
    Già mi chiedo: ha senso questo mio intervento? Questo commento al tuo testo?
    È squalificante per me scrivere ora su CDC, attestando di non avere altro da fare? O è sempre un bene la comunicazione entro magari cerchie ristrette, se si ritiene di operare in buona coscienza, buona fede, onestà intellettuale?

    Posso anche sbagliarmi, ma penso che se non si sviluppano forme di comunicazione orizzontale, interattiva, se non si accetta di destinare il proprio tempo a un pubblico anche ristretto rispetto a quello dei talk show, ma un pubblico capace di replicare, ecco che allora siamo tutti destinati a diventare piddini….

  • SanPap

    Hai ragione

    Anni fa mi firmavo con nome e cognome; una volta a qualcuno non è piaciuto quello che avevo scritto, un commento sull’efficacia dei referendum; ha rintracciato il mio numero di telefono e lo ha collegato ad un computer; il computer faceva il mio numero di telefono in continuazione giorno e notte; appena lo riattaccavo squillava. Ha squillato per un paio di mesi, fino a quando non ho disdetto l’abbonamento. Non più un numero di telefono privato; praticamente non uso più il telefono.

    Troppo civile quello che dici.

  • omega86

    Dividi et impera alla massima potenza

  • SanPap
  • Rosanna

    Infatti, sono convinta anch’io che sia fondamentale fare informazione, anche in una cerchia ristretta di persone, che siano libere di esprimere le loro opinioni e di confrontarle con quelle degli altri …
    credo anche che oggi il web sia uno dei pochi spazi liberi, in cui possano circolare verità diversamente oscurate sui network gestiti dal regime …

    sul problema antropologico dei piddini, io non riesca a capacitarmene, li studio da anni e non sono ancora riuscita a comprendere le cause del loro infantilismo e della loro incapacità di ragionare con autonomia … superficialità, pigrizia, ingenuità, e comunque sempre la presunzione di essere dalla parte del giusto, mai che venga loro un minimo sospetto od una minima curiosità che li spinga a cercare informazioni da altre parti, che non siano sempre le solite autoreferenziali …

  • Rosanna

    Infatti SanPap, la differenza si nota, il video lo avevo appena pubblicato sul forum …

    il movimento è stata l’unica forza politica che ha criticato aspramente l’orco proprio nel suo covo di preti trafficanti … quand’è che la chiesa si deciderà a cacciare i mercanti dal tempio?

    Dice appunto Mattia Fantinati (M5S), proprio al meeting di Comunione e Fatturazione …

  • cardisem

    Anche a me è successo qualcosa di analogo… Addirittura minacce di morte… Ed è sommamente pericoloso una conversazione pubblica fra chi usa il proprio nome e cognome e si lascia identificare e chi invece si nasconde dietro un nome fittizio… Ho scoperto anche l’esistenza di numerosi agenti, anche prezzolati, per fare sulla rete quelle operazioni che i soldati israeliani fanno con i palestinesi, uccidendoli in massa o con omicidi mirati… Non hanno scrupoli e la disonestà intellettuale è qualcosa di ancora più abietto degli omicidi in senso proprio… Più li conosco più mi fanno schifo…

  • cardisem

    Non è facile… ma forse si può andare fissando dei caposaldi ideologici entro cui poi si svolgono ulteriori svolgimento dei pensiero…
    Mi spiego con qualche esempio:
    1°) si parte dal Tribunale di Norimberga, i cui Statuti segnano i fondamenti della verità dalla quale non ci si può allontanare…
    2°) Si fissano poi i canoni dell’«Antifascismo fascista» entro cui soltanto ci si può muovere
    3°) L’America è buona e ci ha liberato…
    4°) Israele ha il suo diritto ad esistere e ad uccidere i palestinesi…

    Si pongono ciò una serie di dogmi a prescindere… I margini che rimangono ancora non occupati, non regolamentati sono soltanto quelli entro cui è concessa una parvenza di libero pensiero…

    Basti pensare cosa è subito successo a Paolo Becchi per avere usato la parola "fucili”…

    Di questo passo non dovrebbe essere troppo difficile come ci si trovi (congiuntivo) a giovani (e non solo giovani) sempre più idioti, uno più idiota dell’altro, ma anche sempre più presuntuosi…

    Povera Italia! Se ancora ne resterà una…

  • cardisem

    PS – Non va dimenticato o tralasciato l’aspetto materiale: esiste anche un ampio strato sociale che con la politica (anche piddina) ci campa e su di essa fonda ogni speranza di sopravvivenza… Persone di questo genere sono naturalmente conformiste ed ogni discorso si faccia (congiuntivo) pecca di ingenuità… deplorevole ingenuità…

  • Rosanna

    Tutta la storia della civiltà occidentale ha subito questa serie di rigidità ideologiche da parte del potere che man mano ne ha gestito l’interpretazione …

    perché di questo non se ne avvede un intellettuale, un docente, una persona che avrebbe dovuto acquisire capacità analitiche più efficaci rispetto ad altri che svolgono altre professioni … teniamo presente che buona parte dei piddini è composta da insegnanti, che pensano di avere il loro tornaconto, ma in realtà saranno anch’essi travolti dalla violenza del neoliberismo cha sta spezzando le reni ad un sistema sociale che ha retto bene dal dopoguerra …

    e invece magari se ne sono rese conto persone che svolgono anche lavori più umili, forse perché più abituate ad essere raggirate, quindi sono diventate più scaltre e diffidenti … poi posso capire i primi anni della crisi, quando le coordinate socio economiche deflattive non erano ancora ben delineate, ma oggi dopo 8 anni di crisi c’è gente che non sa ancora che cosa rappresenta il cambio fisso, non ha capito i danni provocati dall’euro e non crede ad altre analisi che non siano quelle del PD.

  • SanPap

    Mai.

    Dopo 2000 anni è inutile sperarci. Mi accontenterei di mercanti onesti. (Comunque erano cambiavalute, ossia i banchieri dell’epoca; e quindi l’esortazione di Cristo è quanto mai attuale)

  • SanPap

    il problema antropologico è presto risolto; le S sono come le ciliegie, una tira l’altra; sono Saccenti, Supponenti, Strafottenti e quindi, in definitiva, Stronzi. 

  • robotcoppola

    Ottimo articolo sulla mente dei PDioti 🙂

    Categoria che è riuscita pure ad apprezzare e difendere il jobs-act, sbattendo in faccia i dati ufficiali a chiunque non fosse così IDIOTA a crederci.

    Ora che anche a livello ufficiale si parla di DATI FALSI (naturamente edulcorati con il termine "errore umano", dove appunto solo un perfetto IDIOTA può credere che si possa sbagliare di circa il 100% dal valore reale senza accorgersene in tempo…) immagino questi PDioti farsi in 4 per mantenere ferma la rotta e difendere il loro mondo immaginario 🙂

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08/27/jobs-act-i-conti-sono-sbagliati-i-nuovi-occupati-sono-solo-327mila-e-non-630mila/1986989/

  • alvise

    Gli 80€ renziani non è populissmo? I tagli a Imu Tasi ecc, non è forse populismo con l’aggiunta di "ipocrita"? Perchè ipocrita? Come la chiameresti la legge che sta per varare renzi, sui tagli alla sanità? Dà da una mano per prendere dall’altra. Cosa faresti se l’incotrassi, gli batteresti la mano sulla spalla dicendogli "va beh prendiamola per una bambinata".

    Populismo per populismo, preferisco il populismo che non fa male, che non incide sulle esigenze minime per una esistenza dignitosa.

  • Teopratico

    Mi ero preso una pausa anche dal web, ma gli articoli di Rosanna li leggo sempre volentieri. Brava.

  • andriun

    Già, ma al populismo come all’apparenza ho sviluppato una certa idiosincrasia, e sa perchè? Perchè il populismo nasconde sempre qualcosa di poco piacevole. Vuol forse dirmi che il governo non aveva 130 mila euro da stanziare per sistemare una strada, senza bisogno di far intervenire l’M5S con relativa stomachevole pubblicità(ammesso che fosse la scelta più oculata da fare). Perchè in tal caso siamo già al default del Paese o in in altri termini al fallimento. 

  • andriun

    concordo, brava è stata brava…la prende molto alla larga, ma certo riesce a convincere…più di quanto riesca a fare io. Quindi onore al merito. 

  • Nat

    “cioè , questo è Milton Friedman , ci siamo no ?” No! Ma perché …

    “Bagnai prende pari pari Milton Friedman ( Essays on Positive Economics ) quando esalta i cambi flessibili”
    “per di più se leggi il Manifesto di solidarietà europea, ti accorgi che Bagnai non chiede per niente l’uscita dall’euro, ma più Europa ed una forma di Sme, sperando che sia la Germania ad andarsene …”
    “queste mi sembrano idee sensate, logiche ed espressione anche della carta costituzionale, che ha messo al primo articolo la difesa del lavoro … non mi sembrano idee fasciste, anzi direi decisamente di sinistra …”
    “E’ stato sostenuto da Milton Friedman, ma anche da Paul Krugman, e comunque è una teoria economica critica nei confronti dell’Eurozona, che appunto non è un AVO …”

    Che menti raga, “io speriamo che me la cavo”. https://it.wikipedia.org/wiki/Analfabetismo_funzionale

    P.s.: Sì sì, “L’AVO è una teoria economica” ma anche la legge degli “sbocchi” lo è (una legge intendo…).

  • snypex

    Ho letto con curiosita’ questo articolo che dimostra solo l’idiozia GOVERNANTE in italia.

    Io concordo che sia un’idiozia, perche’ loro hanno una fede interminabile a PRESCINDERE da cio’ che in realta’ sta succedendo, e’ un po’ come per un TOSSICO, si fa’ a prescindere dal danno che produce a se e agli altri.

    Della nomina dei germanici in posizioni tali, nulla da dire, per me conta la competenza.

    Ma il mio cervello ha pensato: E’ possibile che in italia non ci sono uomini di appropriata cultura e competenza, che possano occupare quei posti SENZA ALCUNA RACCOMANDAZIONE?

    Mah, siamo alle solite:

    La RACCOMANDAZIONE, anche se di origine germanica, e’ sempre  e solo PREVARICAZIONE.

    Io, onestamente, se fossi stato al posto del nominato avrei rifiutato la nomina, perche’ avrei avuto il dubbio che questa fosse stata fatta ai danni di un italiano che quanto meno avesse avuto le mie stesse competenze.

    Ma il problema serio e che i nostri governanti parassiti la germania non li vorrebbe neanche se fosse pagata per prenderseli.

    Purtroppo dobbiamo tenerceli a qualunque costo, anche a costo di distruggere il paese.

    Se solo li potessimo ROTTAMARE, ci vorrebbe un "izner" … si un renzi al contrario.

    Io consiglierei di adottare un neologismo per questi comportamenti:

    e’ nato il PIDDISMO o meglio PIDDITIOTISMO.

    Perche’? – E’ piu’ semplice far capire di che cosa si sta parlando, senza dover  spiegare ogni volta cos’e’ il PIDDIOTISMO.

  • TonyConcilianti

    Aaah già .. è vero…  "Essays on Positive Economics" non è Friedman … no .. sarà Vujadin Boskov..

  • TonyConcilianti
    Bè si … non so la meloni e salvini , ma sulla riqualificazione energetica delle abitazioni e degli edifici industriali credo che siamo tutti d’accordo con i 5stelle … anche quasi tutto il parlamento europeo è d’accordo con i 5stelle..

  • Rosanna

    Hai ragione snypex,
    infatti anch’io ho smesso di discutere con loro, non riesco proprio a reggerli, perché non hanno la minima umiltà di ascoltare le ragioni degli altri, che forse sono più giuste delle loro … e la condizione di umiltà è una premessa imprescindibile per la comprensione della realtà …

    Quanto alla superiorità della Germania nei nostri confronti avrei qualche dubbio, non dimentichiamo che le competenze professionali e culturali le abbiamo anche noi, semmai la Germania è stata abile nel fare protezionismo, e favorire la propria bilancia commerciale, sempre grazie all’euro … moneta unica a cambio fisso, che è stata per noi una vera e propria disgrazia …

  • Rosanna

    Sai che cosa mi ha risposto un piddiota?

    Beh … meglio poco che nulla … prima del Jobs Act non c’erano nemmeno quelli …
    sono irrecuperabili !!

  • Rosanna

    Nat,
    visto che sei tu l’esperto economico in questo caso, IO NON MI SONO MAI DICHIARATA TALE , ma tu sì, spesso e volentieri, allora invece di fare le solite critiche ASTIOSE, RABBIOSE e prive di motivazioni, spiegaci allora con chiarezza cosa vorresti dire, perché di linciaggi mediatici ci siamo già stancati …

    ti ricordo anche che siamo in home … quindi non so se potrai usare i soliti TONI OFFENSIVI E INGIURIOSI …

    GRAZIE

  • Rosanna
  • TonyConcilianti

    Lo so Rosanna che non hai detto quello…. infatti non stavo rispondendo a te … stavo rispondendo a Nat..

    Però , visto che adesso riprendi Mundell … ti ripeto che l’AVO è aria fritta … Bagnai fa il gioco delle tre carte su Mundell … Bagnai non spiega ai suoi lettori che Mundell analizza le AVO in un contesto relativamente statico che non c’entra una mazza con oggi .. (Mundell scriveva ai primi degli anni ’60 e usava modelli keynesiani classici )

    Riepilogando : 1) sopra non stava rispondendo a te , ma a Nat . 2) per quanto invece riguarda te , Rosanna , mi permetto di dirti di non criticare Bagnai solo perchè invita a votare per Salvini .. guarda anche la sostanza … cioè non prendere per oro colato ogni "lezione tecnica" di Bagnai … perchè Bagnai dice anche delle gran boiate..

  • Nat

    Io non sono “l’esperto economico” e quindi non mi risulta di essermi mai definito come tale.
    Anzi, se leggi bene ti ho detto di essere “uno che ha delle competenze minime.”  http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=222852&highlight=lops#222852
     
    Naturalmente tutto è relativo … Ad esempio, in cucina, rispetto a mio fratello, sono il Ducasse di casa mentre rispetto a mia madre sono un mediocre lavapiatti.
    Inoltre ho provato e riprovato a dialogare con te ma quando ciò che dico non è conforme ad almeno uno dei tuoi mantra allora nel migliore dei casi passi oltre e abbandoni la conversazione. Siccome io i miei esami li ho già superati, non ci tengo più di tanto ad intrattenermi con chi si rifiuta di superare i propri schemi. Cioè, chi me lo fa fare? Ma non avevi detto che non te ne fregava niente di capire “l’economia”? Perché continui a scriverne, a commentare o ad elargire spiegazioni a destra e a manca? Senza polemica, è solo curiosità. E’ diventata un’ossessione o hai scoperto di avere il sacro fuoco “dell’economista”?

    “Ti ricordo..” Circa i toni e l’atteggiamento sei sempre senza vergogna.

    Comunque, di sciocchezze ne hai dette tante. Esattamente a cosa dovrei replicare? Se vuoi sul forum posso cercare di rispondere a tutte le tue domande, però ci vuole calma e gesso, mente aperta e voglia di approfondire.
    Visto che ricorre spesso nei tuoi commenti, una cosa te la posso dire fin da subito : la “teoria” delle AVO è una cag*** pazzesca! E dire che tu vivi in Italia … Possibile che non te ne sia accorta?

    P.s.: E’ solo uno dei tanti modellini che si incontrano durante un percorso di studi. Chi potrebbe basare le proprie analisi su di un’astrazione che non regge nemmeno sulla carta? Uno studente del secondo anno forse. Ma forse .. Di certo il WEB rende tutti più riflessivi ed umili. Un pezzetto qui, una fettina là e … Voilà, il PhD è fatto.

  • Rosanna

    Arridajè …

    ll grande Nat come al solito fa un collage delle cose
    dette, tratte da un contesto, in modo tale che non si capisca nulla di
    quello che volevo dire, non è una novità, poi accusa aspramente,
    rimprovera, insinua … senza per altro dare alcuna spiegazione,

    che bontà, che
    generosa larghezza di vedute, che nobiltà d’animo mostra il nostro Nat …

    dunque ricapitolando e premettendo che nel forum a sentire le tue ingiurie non vengo proprio, quelle che hai detto (circa una ventina) le ho raccolte e le conservo in uno scrignetto con la serratura:

    1) tu non saresti l’esperto economico, però non ti risparmi in bile e prosopopea, riversata sulla tastiera non appeno apro bocca

    2) se ho sbagliato qualcosa, ti chiedo di chiarire, e tu come al solito trovi scappatoie

    3) perché non si può spiegare in home? occorrono grafici? occorre molto spazio? puoi sintetizzare, hai acquisito almeno la dote della sintesi?

    4) Se di sciocchezze ne ho dette tante, spiega quali e dove, perché tu insinui e fai illazioni, ma non spieghi proprio mai

    5) per di più io ho espresso la mia opinione, derivata da letture fatte, tu ne hai un’altra, TonyConcilianti un’altra ancora, ma che l’economia sia una scienza esatta lo dice Bagnai e qualcun altro, invece c’è anche chi dice che sarebbe una "sorta di religione", e comunque si divide in correnti e analisi in perfetta opposizione tra di loro, tipo keynesiani e neoliberisti, quindi non c’è che l’imbarazzo della scelta …

    6) quanto al web, tu dove ti trovi scusa, dov’è che fai linciaggi verbali quotidiani, la tua specialità, forse alla Bocconi, nel tempio privato del turbo-capitalismo, o forse anche tu sul web, come noi comuni mortali ??

    Certo che il tono è leggermente cambiato da quello che ti ritrovi quando spargi bile e discredito sugli altri nel forum …  se poi c’è qualcuno che deve vergognarsi quello sei tu e se non ci credi ti posto quelle paginette di insulti che mi hai rivolto pubblicamente, proprio senza alcuna vergogna.

     

  • Nat

    1.Transeat
    2.Io non trovo scappatoie, zuzzurellona, sei tu che scappi di fronte alle repliche (cortesi). Ed il perché lo fai mi è chiarissimo, ma transeat.
    3.Sì, in home non c’è spazio, non si possono modificare i commenti, ecc ecc.  Credo che in home sia preferibile scrivere commenti brevi, per questioni di leggibilità, di reperibilità dei contenuti, ecc. Credo. Tu fai la furba ma non lo sei, nemmeno un po’. Se il mio interlocutore fosse ad esempio Mincuo, basterebbero tre parole per spiegarsi ma, visto che l’interlocutore sei tu meglio usare il forum. Secondo me con te “le sintesi” non bastano, sei troppo “esigente”. Però, se mi dici che posso parlare liberamente va bene, vada per le sintesi, sul forum …
    4.Sì sì, di sciocchezze ne hai dette tante. Il fatto è che sono talmente intrecciate l’una all’altra che sbrogliare la matassa è impensabile per un essere umano dotato di amor proprio. Tu apri un thread, fissa un (uno – 1) tema e fai una domanda precisa (circoscritta, chiusa) e vedrai che ti risponderò. Oppure, per semplicità, puoi riprendere uno dei tanti thread che hai abbandonato senza concedere repliche. Hai l’imbarazzo della scelta, dipende da te, sei tu che ti sottrai al confronto/dialogo, non io. Ovviamente non commenterò domande tipo “qual è la differenza fra capitale e capitalismo?”. Se il post dovesse sfuggirmi mandami un pm come promemoria, hai tutta la mia disponibilità.
    5.La tua “opinione” e quella di Fernest mi fanno fresco, specie se spacciate come insegnamenti e non come opinioni, zuzzurellona. Entrambi sparate a salve … e lo sapete. O almeno lo spero. Ad esempio, tu continui a sproloquiare di Keynes. Keynes qua, Keynes là, ma hai mai letto Keynes in proposito? Cioè, ad esempio, se si parla di moneta a quale testo di Keynes pensi? Se si parla di welfare state a chi ti riferisci? E se si parla di mercato del lavoro? Neoliberisti idem. Neo-liberisti idem. Ordo-liberisti idem. Liberismo idem. Tutte parole, concetti ed autori che non conosci  e che in realtà non ti dicono niente. Le tue letture? Ma dai! Hai letto qualche articoletto ed usi le citazioni di qualcun altro (scegli sempre i migliori riferimenti! Non ne sbagli uno, bisogna dartene atto) solo per far rumore. “L’imbarazzo della scelta” lo può avere chi conosce almeno un po’ la materia. Per quelli come te, senza offesa, tolta la scelta resta solo l’imbarazzo. Per altri invece può esserci la curiosità e quella è sempre apprezzata.
    6.“forse alla Bocconi, nel tempio privato del turbo-capitalismo,”. Proprio questo intendevo, parole prive di significato ma che possono suggestionare un lettore poco attento ed un po’ superficiale (in cerca di gossip, non di informazione). Quello che mi chiedo è come sia possibile che i polpastrelli siano sempre più veloci del cervello (roba da Giacobbo/Voyager). Sempre no, non è possibile per un individuo in buonafede. Che cazzo ne sai poi tu della Bocconi non si sa ma d’altronde è proprio questo atteggiamento di fondo che contesto.
    7.“Piddini” non saprei, forse si nasce, ma “Rosanna” sicuramente si diventa.