Home / ComeDonChisciotte / PETER GOMEZ FA LA PUBBLICITA’ ALLE VIDEO SLOT DI SILVIO BERLUSCONI. MA NON LO SA. PERCHE’ GOOGLE NON GLIELO HA DETTO. E LA GABANELLI…
11713-thumb.jpg

PETER GOMEZ FA LA PUBBLICITA’ ALLE VIDEO SLOT DI SILVIO BERLUSCONI. MA NON LO SA. PERCHE’ GOOGLE NON GLIELO HA DETTO. E LA GABANELLI…

DI SERGIO DI CORI MODIGLIANI
liberi-pensieri.info/

Passiamo ai dati.

Sia chiaro: è tutto legale.

La pubblicità è l’anima del commercio, è cosa nota. Soprattutto il motore pulsante della e-conomy e spina dorsale dei siti e bloggers on line. Google non ha bisogno di presentazioni, sappiamo tutti chi sia: il più importante provider in rete e gigantesco colosso multinazionale planetario. Attraverso il suo format “Google Adsense”, provvede a fornire la pubblicità alla stragrande maggioranza dei fruitori della rete. Negli ultimi tre mesi ha firmato una convenzione con la Greentube Malta Ltd., proprietaria del marchio Starvegas.it, concessionaria governativa n. 15231, per inondare l’intero web italiano attraverso una gigantesca campagna pubblicitaria, puntando al potenziale mercato (come spiegato dagli analisti finanziari che si occupano della questione) degli adolescenti, degli anziani a basso reddito, e per un 22% minorenni. Il mercato è stato individuato come “un bacino operativo calcolato intorno a 14 milioni di italiani” la cui spesa media quotidiana si aggira intorno ai 15 euro, pari a 22 milioni di euro al giorno, pari a 660 milioni di euro al mese, pari a 8 miliardi di euro all’anno. Se andate a leggere l’edizione on-line de “Il Fatto Quotidiano” e scorrete la colonna sulla sinistra dove c’è l’elenco dei bloggers, vi trovate la pubblicità dei nuovi siti di gioco d’azzardo on-line, molto sofisticati, sui quali stanno puntando. Anche io e i miei soci ci siamo cascati, a nostra totale insaputa, e abbiamo provveduto subito, annullando il contratto con Google. Così va il mondo. Incuriosito da questa nuova sigla e dal massiccio dilagare della pubblicità relativa alle 46 sotto associate, mi sono rivolto a un analista finanziario del Credit Suisse per chiedere ragguagli in merito, un esperto competente del settore che sa tutto della vicenda e del mercato. “E’ il trend emergente del momento” mi spiega “e c’è una grande eccitazione in giro perché si profila un business gigantesco che può smuovere decine e decine di miliardi di euro all’anno”. A questo punto, la reazione di tutti (immagino) è la solita di sempre: intravedere l’ombra della criminalità organizzata, di macchinette taroccate, e il consueto ambaradàn.

Non è così, signori. Questo è big business.

E quindi è legale e gestito da grandi finanzieri. Chiedo chi sia a far la parte del leone in questa vicenda, visto che c’è una così diffusa eccitazione. “Lo sanno tutti” spiega l’analista “si chiama Silvio Berlusconi”. Rimango piuttosto perplesso. Mi sembra strano che in un contesto come quello attuale, Berlusconi si vada a infilare nel business delle video slot attraverso delle società ombra o dei prestanome. Mi spiegano invece che le cose stanno diversamente, hanno subìto “una evoluzione marketing” grazie a un’idea che viene attribuita a Massimo Biagi (ex Fininvest) questa sì davvero superba. “Tutto passa attraverso la Arnoldo Mondadori Editore che sta aprendo la strada, come ariete, verso la conquista del mercato europeo”. Rimango sempre più perplesso. Che cosa c’entrano i libri con le video slot? “E’ iniziato tutto nel 2011, per la precisione il 28 giugno del 2011 quando un’azienda del settore video slot, la Fun Gaming srl. con sede a Roma, concessionaria n.15008, si è fusa con la Arnoldo Mondadori Editore dando vita a un nuovo consorzio che si chiama GLAMING, parola geniale che sintetizza le due anime di questo nuovo business: glamour, cioè gossip e moda con gaming che in inglese vuol dire gioco d’azzardo. I nuovi siti, inventati e distribuiti da questa società, contengono il minicasinò ma hanno anche a disposizione l’intero archivio editoriale della casa editrice e pubblicano tutte le immagini e i testi della produzione gossip sia cartacea che televisiva che fotografica attorno alle immagini della video slot, compresa la propaganda politico-pubblicitaria che viene quindi veicolata da personaggi protagonisti del gossip nostrano, che appaiono in ogni pubblicazione del gruppo Mondadori”. Mi spiegano che quando la società è nata nel 2011 e ha chiesto l’affidamento della concessione, c’è stata una levata di scudi politica, una certa baruffa (perfino all’interno del PDL,  dove la contestazione è stata fortissima) e quindi è stato rimandato. Poi, finalmente, si è sbloccato il tutto. I governo dimissionario ha firmato il decreto. Mario Monti avrebbe potuto dire: “mi dispiace ma essendo io dimissionario non ritengo opportuno avviare l’affidamento di tali licenze d’esercizio a 52 nuove società, non essendo questa una materia di necessaria pratica amministrativa corrente né facente parte di un quadro di emergenza nazionale; è inoltre, in questo specifico caso, mia facoltà personale rimettere la definitiva decisione al prossimo governo rimandando al mio successore, chiunque egli/ella sia la decisione in merito”. Invece, il 21 dicembre 2012, Mario Monti firma il decreto, che viene regolarmente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, essendo un atto formalmente legale della Repubblica Italiana. Eccolo:

 

Procedura per l’affidamento in concessione dell’esercizio dei giochi

pubblici di cui all’articolo 24, comma 11, Lettere dalla A) alla F), della

legge 7 luglio 2009, n. 88 bando pubblicato nella G.U.U.E. del 10

marzo 2011 S-48-079188.

 

Elenco definitivo soggetti aggiudicatari

(aggiornato al 21/12/2012)

1) POSTE MOBILE spa via Aurelia 866 ROMA, conc. n. 15000;

2) INTERWETTEN GAMING LTD Gzira 5 th Floor The Globe Building 120 The Strand

– Malta, conc. n.15009;

3) PERSONAL EXCHANGE INTERNATIONAL LIMITED Marina Business Centre

Abate Rigord Street Ta‟ Xbiex XBX 1120 Malta, conc. 15024;

4) GNUF LIMITED Gzira 9 Empire Stadium GRZ 1300 Malta, conc. n. 15216;

5) NEXIGAMES LIMITED Ta‟ Xbiex Villa Seminia 8 Sir Temi Zammit Avenue XBX 1011

Malta, conc. n. 15001;

6) LEISURE SPIN LIMITED 57/ 63 Line Wall Road Gibilterra, conc. n. 15002;

7) GLAMING srl COSTITUENDA tra Arnoldo Mondadori Editore spa Milano e Fun

Gaming srl Roma, conc. n. 15008;

8) ABATE s.r.l. via Casale dei Greci sn Adrano ( CT ), conc. n. 15003;

9) CONCESSIONARI RIUNITI GIOCHI PUBBLICI scrl via Siria 14/16/18 Roma, conc. n.

15005;

10) AGENZIA IPPICA LUCIANO GIOVE SRL via Appia 238/GR 72100 Brindisi, conc. n.

15006;

11) BETFLAG spa zona industriale Baragiano – Balvano ( PZ ), conc. n. 15007;

12) TOTOCAROVIGNO spa v.le del Campo Boario 56/D Roma, conc. n. 15078;

13) SISAL MATCH POINT spa via Sacco e Vanzetti 89 Roma, conc. n. 15155;

14) SNAI spa via L. Boccherini 39 Porcari (LU ), conc. n. 15215;

15) NEOMOBILE GAMING spa v.le Pasteur 78 Roma, conc. n. 15077;

16) TOMBOLA (INTERNATIONAL) LIMITED Suite 1, 1 st. Floor 7-9 Cornwall „s Lane

Gibilterra, conc. n. 15217;

17) BINGOBET srl via Giuseppe Mazzini 146 Roma, conc. n. 15219;

18) BET-AT HOME. COM INTERNET LIMITED Portomaso, Business Tower, Level 12 St.

Julians STJ 4011 Malta, conc. n. 15218;

19) SOCIETA’ ITALIANA BETTING srl in sigla “SIBET s.r.l” via G. D‟Annunzio 160 Pescara,

conc. n. 15223;

20) ITALTRONIC SRL via A. Tommaso 26 Quarto d‟Altino (VE ), conc. n. 15226;

21) CIRSACOM SRL Centro Direzionale Milanofiori Strada 2 Palazzo D4 Assago (MI ), conc. n.

15227;

22) UNIBET ITALIA LTD Malta Fawwara Bldg Msida Road, Gzira GZR 1405 Malta, conc. n.

15228;

23) BETSSON Malta Ltd G.B. Building Watar Street, Ta‟ X biex XBX 1301 Malta, conc. n.

15230;

24) GREENTUBE Malta Ltd Vincenti Buildings Suite 328, 14/19 Strait Street – Valletta VLT

1432 Malta, conc. n. 15231;

25) MULTIGIOCO SRL via dei frassini 84 Roma, conc. n. 15133;

26) LA MULTIPLA SRL via Alioli e Sassi 30 Gavirate ( VA ), conc. n. 15224;

27) NG COMMUNICATIONS LIMITED 135 High Street Sliema Malta, conc. n. 15220;

28) SYW ITALY LIMITED Birkirkara BKR 9080, 35 Mannarino Road Malta, conc. n. 15232;

29) PGS ITALIA SRL via Caracciolo 14 Napoli, conc. n. 15229;

30) APOLLO ENTERTAINMENT LTD 8 Villa Seminia Vjal Sir T

31) HBG ON LINE GAMING SRL via Cesare Pascarella 59 00153 Roma conc. n. 15221;

32) MEGAPIXEL ENTERTAINMENT LIMITED 8, Villa Seminia Vjal Sir Temi Zammit Ta‟

Xbiex XBX 1011 Malta, conc. n. 15238;

33) GM GAMING LTD Ta‟ Xbiex Villa Seminia 8 Sir Temi Zammit Avenue XBX 1011 Malta,

conc. n. 15243;

34) BALDO LINE srl via Torricella 11 Cortemaggiore (PC) conc. n. 15237;

35) PACE srl via S. Nicola de Cesarini 3 Roma conc. n. 15233;3

36) TEBARAL TRADING LIMITED 66 Old Bakery Street V

36) TEBARAL TRADING LIMITED 66 Old Bakery Street Valletta Malta conc. n .15234;

37) POWER LEISURE BOOKMAKERS LIMITED 5th Floor Crowne House 56-58 Southwark

Street Londra SE1 1UN Gran Bretagna conc. N. 15236;

38) 32 Red Plc Gibilterra Suite 942 Europort Stato Gibilterra conc. N. 15241;

39) STANLEYBET MALTA LIMITED Palazzo Pietro Stiges, 90 Strait Street Valletta VLT

1436 Malta conc. n. 15247;

40 ) GAMENET SCOMMESSE spa via Santa Croce in Gerusalemme 63 Roma conc. n. 15248;

41) TIPICO Co Ltd St. Julians STJ 4011 Portomaso Tower Malta conc. n. 15242;

42) TUKE srl via Brescia S.G. Bosco snc Palazzolo sull‟Oglio ( BS ) conc. n. 15251;

43) ELLMOUNT GAMING LTD Sliema 68 Waterfront Place, Flat 41, The Strand Malta conc. n.

15240.

44) CASINO’ MUNICIPALE DI CAMPIONE D’ ITALIA s.p.a. piazzale Milano 2 Campione

d‟Italia (CO ) conc. n. 15244

45) STREET WEB srl Via Granarolo 153/5 Faenza (RA ) conc. n. 15245

46) FENPLAY LIMITED Malta Sliema, Level 4, Suite 1, The Plaza Complex, Bisazza Street

conc. n. 15239

47) LOTUS CHERRY LIMITED via dei Rabatta 2/a Gorizia conc. n. 15252

48) HESTVIEW LIMITED con sede in Grant Way, Isleworth, Middlesex TW7 5QD Gran

Bretagna conc. n. 15246

49) PUNTOMATCH srl via Galletti 58 Domodossola ( VB ) conc. n. 15253

50) KURSAAL srl Via E. Amari 168 Palermo conc. n. 15254

51) XBET srl viale Tunisi 29 Siracusa conc. n. 15249

52) BETSKY sas via Cinthia 29 Napoli conc. n. 15250

Qualche settimana fa, davanti a un esterrefatto Andrea Scanzi che lo osservava a bocca aperta non credendo alle proprie orecchie, intervistato da Lilly Gruber, Mario Monti ha definito Silvio Berlusconi il miglior politico esistente, il più bravo di tutti. Ripresosi dallo sgomento, Scanzi aveva replicato: “Mi scusi, ma lei fino a un mese fa, andava in giro a sostenere che Berlusconi fosse un cialtrone, così l’ha definito diverse volte in diretta televisiva, e sosteneva che Berlusconi aveva provocato e determinato la crisi economica essendo un incompetente”. Monti era rimasto infastidito da questo Scanzi e aveva risposto: “Ma che cosa c’entra! Quella era campagna elettorale e i linguaggi sono diversi”.

Che cosa dobbiamo pensare, che è tutto teatro?

E così siamo venuti a sapere che stanno lanciando una campagna di massa “editoriale” per diffondere il gioco d’azzardo legato a un format (che immagino sapientemente studiato da un pool di psicologi comportamentali) che spinge il ludòpata a beccarsi tutta la pubblicistica gossip di propaganda berlusconiana, a sua insaputa. Perché viene prima agganciato attraverso Starvegas e poi dirottato sulla nuova società. La Mondadori sta investendo una enorme quantità di risorse in questo “settore marketing” per dar vita a quella che –nella loro mente- dovrebbe essere la nuova funzione culturale della più importante casa editrice italiana: propaganda politica quotidiana h24 mescolata a gossip e gioco d’azzardo per poveracci; i quali, mi sembra ovvio, con il cervello spappolato dalla loro ipnosi, con il crollo della propria autostima, si ingozzeranno di immagini e parole chiave a loro insaputa.

Così stanno le cose. Presumo che l’intera classe politica italiana, presente in parlamento alla data 21 dicembre 2012, fosse pienamente informata sui fatti. Leggendo su vari siti dedicati al gioco d’azzardo ecco che spunta sempre il nome di quella che è considerata la spina nel fianco del nuovo marketing: Milena Gabanelli, la quale prima nel 2010 e poi nel 2011 (quando Berlusconi lanciò in parlamento la proposta dell’affidamento di nuove concessioni d’esercizio) aveva scelto di allertare la popolazione italiana su ciò che stavano combinando. Ecco come viene descritta la poderosa nascita di “Glaming” -la nuova frontiera culturale d’Italia a firma Mondadori- sul sito www.pokeronline.italia.comandiamo a vedere come si presenta questa nuova poker room. A dir la verita’, si vede che dietro la sua elaborazione e concetto si nascondono le stesse persone che hanno dato vita ai programmi Fininvest basati su colori sgargianti, allegria, lustrini, lusso esagerato ed anche tanto, tanto gossip. Glaming, infatti, a differenza degli altri siti di giochi casino e poker offre una sezione molto curata dedicata al gossip. Davvero un’idea molto originale, questa. La lobby di Glaming da’ l’impressione di essere una protuberanza di uno di quei programmi di spettegolezzo in onda su Canale 5 come “Verissimo”, oppure una pagina di una rivista di gossip come “Chi”. Insomma, la mano dei creativi di quelli delle televisioni private Fininvest c’e’ e si vede. Glaming rappresenta certamente una novita’ nel settore del  poker on line. Il concetto e l’impostazione sono unici. Ora occorre vedere come reagiranno gli appassionati di Texas Holdem e casino on line: apprezzeranno il connubio gioco e gossip? Sinceramente, quando giochiamo a poker non c’interessa molto leggere la notizia di Corona che ha messo incinta Belen…Parte Glaming.it, il sito online di gioco del gruppo Mondadori. Glaming è una delle nuove concessionarie dello Stato italiano per il gioco a distanza. Controllata dal Gruppo Mondadori, il più grande polo editoriale italiano, Glaming S.r.l si impegna “ad offrirti un’ esperienza di gioco e intrattenimento online emozionante, completa e unica. Infatti, Glaming non solo è un portale con una vasta offerta di giochi tra i quali Poker, Casinò Live e Bingo, ma anche il luogo ideale per divertirti e informarti con contenuti editoriali originali e curiosità dal mondo del gossip. La nostra offerta è in continua evoluzione e per regalarti un’ esperienza di gioco sempre più ricca saranno presto online anche i Casinò e gli Skill Games”, si legge nella pagina del sito di gioco. Massimo Biagi, direttore generale di Glaming aveva detto: “La nostra mission è fornire un’offerta di gioco e di intrattenimento evoluta e particolarmente curata sulla user experience e rivolta ai diversi target e community che fanno riferimento al portafoglio editoriale di Mondadori”. Ricordiamo che l’ingresso del Gruppo Mondadori nel settore del gioco aveva interessato un’inchiesta del programma televisivo Report, scatenando una serie di polemiche, soprattutto riguardanti l’allora presidente del Consiglio Brelusconi e il possibile conflitto di interesse nella concessione statale per il gioco online.

ed ecco come la stessa Mondadori spiega ai propri azionisti (esultanti ed estasiati) la nascita della nuova utopia finanziaria trovate altri dettagli anche sul sito www.giocaigiochi.it/2011/06 e in un’altra decina di siti analoghi. Non credo sia facile coinvolgere l’attuale governo, la stampa e la società politica (gli stessi di sempre) intorno a questa gigantesca operazione di perversione finanziaria, davvero diabolica. Con la novità del fatto che a gestire la grancassa di un “nuovo modello evoluto di marketing” è la Arnoldo Mondadori Editore, quella che un tempo pubblicava le immortali liriche di Salvatore Quasimodo.

E’ possibile, per noi tutti, per l’intera società civile, rimanere indifferenti dinanzi a un evento come questo?

Non riguarda soltanto gli schieramenti in campo o la propria collocazione partitica, ha a che vedere con la salute pubblica, con le esistenze collettive, con l’idea di doversi salvaguardare tutti da questo morbo pestilenziale il cui fine dichiarato consiste nella trasformazione di noi tutti in robot passivi che, a propria totale insaputa, finiscono per finanziare le azioni in borsa di Mediaset accelerando contemporaneamente la disgregazione psico-spirituale dell’intera nazione.

Tette, culetti e video slot insieme, in un unico format targato Mondadori, mi sembra davvero lo scalino di degrado più basso che una nazione possa raggiungere.

Dobbiamo fare qualcosa.

La nuova frontiera del business si chiama Glaming.

Si pronuncia Mondadori.

Sergio Di Cori Modigliani
Fonte: http://www.liberi-pensieri.info
Link: http://www.liberi-pensieri.info/2013/05/peter-gomez-fa-la-pubblicita-alle-video-slot-di-silvio-berlusconi-ma-non-lo-sa-perche-google-non-glielo-ha-detto-e-la-gabanelli/
4.05.2013

Pubblicato da Davide

  • Saysana

    E’ ufficiale, l’articolo 1 della nostra costituzione e’ stato modificato come segue:

    L’Italia e’ una repubblica (delle banane) fondata su chi e’ piu’ furbo e’ la mette nel culo del prossimo (il quale anche ringrazia).

  • Servus

    Visto che D.C.Modigliani è così bravo a spiegarci che è l’aggiudicatario N. 7 del decreto in questione, perchè non ci spiega chi sono anche gli altri 51 aggiudicatari? Magari ci troviamo anche D’Alema, che ha introdotto in Italia con suo decreto le sale Bingo e di ci si dice è compartecipe, o Bersani, che gioca al finanziere con MPS usando i nostri soldi, o la mafia, o De Benedetti o qualcun altro che comunque partecipa al grande gioco di spolpamento dei poveri gonzi che vogliono giocare online i loro soldi.

    Perchè invece non denunciare in toto lo stato italiano per gioco d’azzardo?

    Perchè non reiterare lo scandaloso fatto che le concessionarie di videopoker, oltre a manipolare i cittadini, sono debitrici allo stato di di quasi 100 miliardi di tasse evase? Tanti quanti sono i debiti dello stato verso le imprese che muoiono per i crediti non riscossi?

  • tersite

    Perché sono tutti in un partito solo, unico. Che sta al governo. Si abbracciano, si baciano, votano insieme e criminalizzano gli altri. La cosa impressionante è che c’è chi ancora non se n’è accorto.

  • valis

    Giusto per puntualizzare, Google adsense è un po’ più complicato di come lo spiega l’autore dell’articolo.
    Infatti si basa sulle ricerche effettuate dall’utente e sulla eventuale cronologia delle pagine visitate, ma non è legato al sito. Quindi se il Modigliani ha passato il tempo a scovare le informazioni sui siti di scommesse e via dicendo, è automatico che, su qualunque sito vada, si ritroverà la pubblicità delle scommesse, così come io che sto cercando casa vengo rimpinzato di pubblicità di siti immobiliari.
    Quindi annullare il contratto con Google non ha senso. Quella pubblicità si basa su quelli che si presume siano i gusti degli utenti che visitano il sito.

  • lucamartinelli

    sante parole amico mio. se l’amico Servus avesse letto il libro “il sottobosco” non avrebbe scritto il commento. Il libro infatti, molto documentato, racconta gli affari tra D’Alema e Berlusconi. Ricordo che, stando alla rivelazione di Leo Zagami, D’Alema era iscritto alla P2. Che peccato, però! Mi sono illuso che almeno tra complottisti non ci fosse nessuno schierato…invece non è così. Buona domenica.

  • ericvonmaan

    Peccato, ogni volta inizio a leggere le prime righe di SCM ma poi faccio scorrere la pagina e vedendo quanto è lungo l’articolo getto la spugna… quanto parla…

  • nuvolenelcielo

    una su 54 è di Mondadori, e allora???!!! è meno del 2%, è come dire che l’UDC governa l’Italia. Questo logorroico autore dovrebbe pensare un po’ di più e scrivere e scandalizzarsi di meno.

  • Chigi

    Ce ne sono 15 con sede a Malta o Gibilterra.
    Chissà chi c’è dietro.

  • paolodegregorio

    il titolo e il riferimento a Gomez mi sembrano “inadeguati” al problema che è il cuore dell’articolo.

    Comunque il vecchio “manteneteli ignoranti e poveri” adesso va integrato con giocatori d’azzardo e rimbambiti da gossip.

    Provo una forte repulsione, veramente schifo, verso chi studia tutti i metodi possibili per fregare i deficienti, in particolare mi fa impressione vedere una conoscente vedova pensionata che arrotonda anche con piccoli lavoretti di cucito per poi andare a giocare alle slot machine del vicino bar ristorante per il quale stira le tovaglie.

    Mondadori rappresenta una parte, magari anche minima come sostiene un altro commenti ed è in compagnia dello lo Stato, della mafia e chissà di quanti altri soggetti misteriosi, nell’interesse all’incremento dei ludodipendenti, ma la sua presidente è già incandidabile al parlamento per questa concessione.