Home / ComeDonChisciotte / PERCHE’ UN TERREMOTO ED UNO TSUNAMI HANNO COLPITO IL CILE ? LO SPORCO E MISERABILE UTILIZZO DEI DISASTRI ‘NATURALI’ PER DOMINARE IL MONDO
15279-thumb.jpg

PERCHE’ UN TERREMOTO ED UNO TSUNAMI HANNO COLPITO IL CILE ? LO SPORCO E MISERABILE UTILIZZO DEI DISASTRI ‘NATURALI’ PER DOMINARE IL MONDO

DI KATHERINE FRISK

veteranstoday.com

Una premessa, innanzitutto. Se non sapete niente di Weather Warfare and Geo-engineering [Guerra del Clima e Geo-Ingegneria], allora per favore cliccate su: Weather and Warfare, Geo-Engineering e HAARP..

Non solo il Cile, anche la Cina viene colpita dai terremoti. Comprensibile. Era sorda [alle richieste statunitensi] e voleva portare avanti a prescindere il suo progetto per un ‘nuovo sistema finanziario’ che lasciava il dollaro, sostanzialmente, nella polvere. Leggete l’articolo Where is the world heading? [Dove sta andando il mondo?].

Anche Sochi si era allagata: il prezzo da pagare per aver realizzato delle Olimpiadi Invernali di successo e per aver sostenuto Assad in Siria.

E l’ Uragano Sandy ? Bè, si tratta soltanto dell’ennesimo ‘colpo in banca’. Quando le acque allagarono le ‘camere di sicurezza sotterranee’, distrussero i ‘Titoli al Portatore’ senza garanzia [non asset-backed] che non erano nemmeno stati registrati sui computers. Furono tutti portati via dall’acqua. E che dire a quanti pensavano di poterli incassare? Un bel niente, la loro ‘ricchezza sicura’ è svanita nel nulla. Non lo sapevate, inoltre, che gli eventi del 9/11 furono anch’essi, fra le altre cose, una rapina alla ‘luce del giorno’ (9/11 was daylight robbery)?

Anche Fukushima fu nient’altro che una rappresaglia contro il Giappone, che voleva sia commerciare direttamente con la Cina (escludendo il dollaro) che partecipare alla AIIB [The Asian Infrastructure Investment Bank]. Anche la Goldman Sachs aveva le sue ragioni, voleva fortemente che il Giappone aderisse agli accordi TPP [Trans Pacific Partnership].

Ma il Cile? Qual’è stata la ragione nel caso del Cile? L’oro. Una montagna d’oro e una società che si chiama Barrick [per esteso, Barrick Gold Corporation].

La Barrick, con le sue originali ‘modalità etiche’ (per coloro che non hanno letto l’articolo sul ‘Syrian Rights Observatory’, Russians Hit Israelis on Golan, Drive to Tel Aviv, parlare di ‘modalità etiche’ fa un po’ ridere, vero? L’articolo di Ed Fudd, in effetti, era solo una parodia. Cavolo! Dovete solo ripetere per filo e per segno quello che egli ha scritto) … ma sto divagando, dov’è che eravamo rimasti? Oh sì. Eravamo sulla Barrick.

Questa società, a suo tempo, aveva acquisito i diritti d’estrazione in una località chiamata ‘Pascua Lama’ in Cile. Montagne e montagne d’oro, abbastanza da far ingelosire il Midas [https://en.wikipedia.org/wiki/Midas_(banking_system)]. Ma nella realtà restavano da risolvere delle importanti questioni, come ad esempio quelle sui diritti minerari e sull’inquinamento delle acque e dei ghiacciai, non avendo la Barrick i diritti legali sulla proprietà.

Se il governo cileno avesse avuto un briciolo di cervello avrebbe nazionalizzato tutto. O quanto meno si sarebbe garantito il 51% del capitale!

La Barrick, in ogni caso, aprì un contenzioso durato qualcosa come 15 anni. Ma nel 2013 lo perse. La notizia venne fuori Mercoledì 10 Aprile [2013] e, dal Venerdì successivo, il prezzo dell’oro finì nuovamente in cattive acque. Il Lunedì seguente fu organizzata la solita ‘distrazione di massa’ per indirizzare l’attenzione del mondo lontano da quelli che avrebbero dovuto essere i titoli delle ‘prime pagine’. Titoli come questo, ad esempio: ‘Barrick rips the world blind!’ [La Barrick acceca il mondo].

I protagonisti della crisi si misero all’opera con grande impegno. L’indicazione di alcuni capri espiatori [riguardo altre vicende] ed il bombardamento di Boston [Boston Bombing ] occuparono la maggior parte dei mezzi di comunicazione, nelle settimane successive.

Fu così dato inizio alla prova generale per l’instaurazione della ‘Legge Marziale’ e dello ‘Stato Militare’. Humvees [veicoli militari da ricognizione] a bizzeffe che rimbalzavano per le strade di periferia, militari che facevano irruzione nelle case sbattendo fuori i proprietari con le mani sulla testa. Come ai tempi della Gestapo!

E qui sta il trucco. In 15 anni la Barrick non ha mai estratto una sola oncia d’oro … ma ha venduto quell’oro in ogni luogo del mondo. Non solo alle persone, ma anche ai paesi. Quei ‘titolari [dei certificati di possesso] d’oro’, però, non ne hanno mai avuto la ‘consegna fisica’ e si trovano seduti su dei pezzi di carta senza valore. Hmmm. Nessuno si sta divertendo. Nessuna meraviglia che il prezzo dell’oro sia crollato due giorni dopo! Tutta quella carta può essere gettata nel gabinetto, è senza valore.

La Germania voleva indietro il suo oro … e lo rivoleva anche l’Olanda [palese il riferimento ai lingotti d’oro ‘custoditi’ dalla Fed].

Nel 2014, nel bel mezzo della notte, alcuni elicotteri invisibili volarono su Kiev e portarono via le riserve d’oros.dell’Ucraina. Stranamente, però, alla Germania non è stato restituito niente, ma all’Olanda sì.

Le chiacchiere di strada vogliono che gli olandesi abbiano ‘messo una pietra sopra’ sulla storia dello MH17 [il volo dell’Air Malaysia precipitato in Ucraina con molti olandesi a bordo], senza ‘vuotare il sacco’ sul fatto che sia stato un jet militare di Kiev, in realtà, ad abbattere l’aereo – salvo puntare il dito contro Putin ed un ‘Bulk Missile’ russo – per poter raccogliere i frutti dell’ultima rapina d’oro [compiuta ai danni dell’Ucraina].

Anche la Siria si è rivelata una profonda delusione. Assad doveva essere rovesciato nel 2011 e le sue riserve d’oro avrebbero dovuto fare la stessa fine di quelle della Libia. La stessa cosa sarebbe dovuta capitare all’Iran, che avrebbe dovuto essere bombardato nel 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015 … Bibi [Netanyahu] sta ancora aspettando!

Ma torniamo al Cile. La mia ipotesi è che, dietro le quinte, la Barrick stia cercando d’invertire la ‘Sentenza del Tribunale Cileno’ sui giacimenti di ‘Pascua Lama’, ma fino ad ora non ha avuto successo.

Ed allora, un terremoto qui, uno tsunami là [arthquake here, a tsunami there ] … e la Barrick ha fatto ‘un’offerta che non si può rifiutare’. La testa di cavallo non aveva impressionato molto quei ragazzi [palese il riferimento al film ‘Il Padrino’], ed allora …

Gioca veramente sporco, la Barrick. Se vedete che sta tornando in Cile … bè, potrete cominciare a costruirvi un’immagine.

Per chiudere, un ultimo consiglio. Se avete intenzione di investire in oro, fate in modo che il pagamento sia contrassegno e che possiate effettivamente prenderne possesso, prima di separarvi dai vostri soldi

Katherine Frisk – Veterans Today

Fonte: www.veteranstoday.com

Link: http://www.veteranstoday.com/2015/09/20/chile-earthquake-tsunami/

Scelto e tradotto per www.comedonchiciotte.org da FRANCO

Fra parentesi tonda ( … ) le note dell’Autore

Fra parentesi quadra [ … ] le note del Traduttore

Pubblicato da Davide

  • ligius

    Quante boiate, e mi chiedo come ci sia gente che ha pure il tempo di starci dietro.

  • makkia

    Ho smesso di leggere quando ho letto che Fukushima era una rappresaglia per aver voluto partecipare alla AIIB, lanciata 4 anni dopo l’incidente.

    l’amerricani so’ fforti, certo… ma non fino al punto di:
    – Hey! Fra quattro anni ‘sti giap del cavolo ci metteranno le corna coi cinesi!
    – What? Mandiamogli uno tsunami e crepiamo le centrali al nostro miglior alleato in Asia, così imparano!
    – Grande idea, Joe! Dopo le guerre preventive, adesso gli tsunami per qualcosa che faranno in futuro!
    – Sì, così la faranno lo stesso perché non sanno cosa hanno fatto di male!
    – Giusto!! … ehm… però… aspetta un momento, Joe…

  • sfruc

    L’articolista dice due cose vere ma il collegamento tra loro è solo – e purtroppo può essere solo – congetturale.

    – E’ vero che l’attuale geo-ingegneria è potenzialmente in grado di condizionare il clima e gli eventi naturali, usando eventualmente tale manipolazione per fini "bellici" in senso lato, ossia di avvertimento o punizione più o meno terroristici nella sostanza;
    – è altrettanto vera la storia della Barrick Gold Corporation – la più grande compagnia mineraria d’oro nel mondo – a Pascua Lama in Cile, così come sono veri gli altri fatti citati.
    Tuttavia la circostanza che le cosiddette "armi geo-ingegneristiche" siano state effettivamente usate in connessione a quei fatti può essere solo immaginata. O intuita per contiguità fattuale (ah, le coincidenze!). Il che non toglie che quella connessione possa magari sussistere davvero, in linea teorica. Ma nessuno potrà mai provarlo a meno che non emerga qualche documentata gola profonda o non passino tanti decenni e le operazioni segrete siano desecretate.
    L’accostamento tra le due citate verità fattuali è molto intrigante. Ma sarebbe sciocco scommettere che esso sia effettivo così come sarebbe sciocco scommettere il contrario.
  • Toussaint

    In aggiunta al sensato
    commento di sfruc, aggiungerei solo che ci sono altri fatti che mi sembrano
    concreti. Mi riferisco all’appropiazione statunitense dell’oro libico ed
    ucraino, perché il fatto che la Fed non sia stata  in grado di restituire l’oro ai paesi che ne
    hanno fatto richiesta mi sembra più che acclarato. Come negare il possibile
    collegamento? 

    Mi sembra palese (quanto meno
    non assurdo) un altro collegamento, quello fra la restituzione dell’oro
    olandese e la passività di quel paese sulla questione dello MH17. Non che sia
    l’unica spiegazione possibile, basti pensare a Ustica, tanto per restare in Italia
    – non c’era in ballo l’oro ma una cosa più importante, la sovranità sul proprio
    paese. 

    Sulla differenza temporale fra
    Fukushima (Marzo 2011) e l’AIIB (Ottobre 2014) – ma l’articolo parla anche
    della volontà giapponese di commerciare con la Cina usando le rispettive valute
    – o si crede che quella Banca sia stata concepita il giorno precedente, ed
    allora sarei d’accordo con chi ha fatto l’osservazione, oppure si accetta che
    abbia avuto un periodo di gestazione 
    pluriennale, ed allora mi sembra che l’obiezione decada.

  • Sigfrido_Mogherini

    Ma almeno lo straccio di una prova non la esibisce la brava Katherine? Teorie davvero basate sul nulla.

  • Fedeledellacroce

    Vabbé, allora anche i recenti nubifragi in Italia sono stati provocati dagli USA per la recente vittoria del GRAND SLAM femminile da parte di una Italiana!
    Ed in piú con l’eliminazione di Serena Williams da parte di un’altra Italiana!
    E’ cosí purtroppo che creano i cosiddetti "cospirazionisti", con affermazioni tanto assurde come diabolicamente possibili.

  • Fedeledellacroce

    Poi ancora, se questi fantomatici ed onnipotenti ammerigani non rivendicano tali azioni, sarebbe tutto inutile, nel senso che il disastro viene interpretato come naturale.
    Al che verrebbe da chiedersi se ne é valsa la pena.

  • temuchindallaCina

    Che roba è che fuma? Cioè praticamente si giustifica ogni evento catastrofico naturale come prodotto direttamente e volutamente dall’uomo come arma di distruzione. Quindi i terremoti del Friuli e dell’Irpinia? E lo tsunami disastroso di anni orsono? Tutti fatti da oltreoceano? E il terremoto del 1976 qui a Tianjin? E quello di Messina? Ma per favore smettiamola di scrivere cazzate eh?!

  • Neriana

    Non è importante sapere se siano state  usate in Cile o no..ma sapere che esistono e che sono usabili, come da anni allerta il Generale Mini. Che poi il mondo è in balia di una "setta di psicopatici" del PNAC è risputo, e quindi non c’è da escludere nulla

  • SanPap

    O è bianco o è nero, o sono tutti provocati o sono tutti naturali. E le 50 sfumature che fine hanno fatto ?

    Non sono provocati perché non sono rivendicati: si rivendica qualcosa quando si vuole mandare il messaggio "o fai questo oppure noi facciamo quest’altro"; ma se hanno già deciso di fare qualcosa, senza darti alcuna alternativa, a che scopo rivendicare; lo fanno e basta.

    Mica hanno detto riducete le vostre pretese (i salari, le pensioni, l’assistenza sanitari, l’istruzione, ecc) altrimenti creiamo una massa di disperati senza pretese e vi sostituiamo con loro; li hanno creati e ce li hanno scagliati contro; avete sentito qualcuno fare rivendicazioni ? Oppure pensate che le migrazioni siano un fenomeno naturale ?

    Quando saremo ben bene fiaccati, cotti e decotti, il TTIP sarà, non imposto, ma richiesto a gran voce da tutti noi. Potremo così tornare a consumare, monnezza ma consumeremo.

    Ma un terremoto, un’alluvione, un’epidemia a che servono ? A distruggere, per poi ricreare. Si è passati dal produrre i beni necessari per vivere, al vivere per produrre, ed ora al distruggere per produrre.

    E non è necessario arrivare a questi estremi: non so se avete fatto caso che da quando il prezzo del petrolio si è dimezzato, l’estrazione del petrolio mediante il fracking è diventata non competitiva; questa tecnica è stata accantonata e i gli sciami di terremoti, ad es. nella pianura padana e lungo la costa adriatica, ma anche negli USA (ma degli USA non ce ne può fregare di meno, less than zero) sono finiti.

  • Toussaint
    Non sarebbe meglio dare prima un’occhiata alla premessa e ai links contenuti?
    Una premessa, innanzitutto. Se non sapete niente di  Weather Warfare and Geo-engineering [www.globalresearch.ca] [Guerra del Clima e Geo-Ingegneria], allora per favore cliccate su:  Weather and Warfare [www.globalresearch.ca],  Geo-Engineering [www.globalresearch.ca] e  HAARP [www.globalresearch.ca]..

    Poi ben vengano i superscafati. Ci sono sempre.
  • Eshin
  • Eshin

     della grande Rosalie Bertell

  • makkia

    [Sulla differenza temporale fra
    Fukushima (Marzo 2011) e l’AIIB (Ottobre 2014) –
    ma l’articolo parla anche
    della volontà giapponese di commerciare con la Cina usando le rispettive valute
    – o si crede che quella Banca sia stata concepita il giorno precedente, ed
    allora sarei d’accordo con chi ha fatto l’osservazione, oppure si accetta che
    abbia avuto un periodo di gestazione 
    pluriennale, ed allora mi sembra che l’obiezione decada.]

    L’obiezione rimane intatta.
    La AIIB ha avuto una gestazione breve con annuncio nel 2013. Sempre molto dopo Fukushima.
    Fino ad allora la Cina aveva tentato di rivendicare maggiore presenza e potere nelle istituzioni internazionali esistenti (FMI e ADB-Asian Development Bank). Lamentandosi della timidezza di quelle istituzioni rispetto agli investimenti in oriente, nonché della (scarsa) trasparenza delle rispettive governance.
    Finché, stufa, ha gettato la spugna e ha annunciato la AIIB. Cogliendo di sorpresa il mondo. Primi fra tutti proprio USA e Giappone, che sono di fatto i leader e controllori della ADB, pre-esistente e concorrente diretta della AIIB.
    Di fatto, seppur invitato a far parte dei membri fondatori della AIIB, il Giappone ha rifiutato, così come hanno fatto gli USA. E sono gli UNICI paesi avanzati a non aver aderito.
    Il Giappone si è dimostrato il migliore alleato regionale USA, sia politicamente che economicamente. Ed anche militarmente: si sta riarmando e sta togliendo dalla costituzione la proibizione di non mandare truppe fuori dai propri confini. E sta contrastando duramente la Cina sull’uso delle acque cinesi per basi aereonavali.
    Più fidato di così, come alleato…

    Nel 2015 GB, Germania, Italia, Francia, hanno aderito (ignorando il diktat statunitense di NON partecipare) alla AIIB. La Gran Bretagna fu la prima, con un aspro scambio pubblico di messaggi diplomatici da e per gli USA. Nessuna di queste nazioni è stata colpita da terremoti.
    Nuova Zelanda e Corea del Sud sono state sconsigliate dal partecipare. In seguito gli USA hanno ritirato l’obiezione e le due nazioni hanno sottoscritto. Non sono state colpite da terremoti, né post nè antecedenti alla faccenda.

    Il Giappone rimane fermo nella non partecipazione alla AIIB. E viene Colpito da tsunami 3 anni prima della gestazione, ovvero 3,5 anni prima dell’annuncio e 4 anni prima della costituzione della AIIB.

    Quanto alla presunta volontà di usare le rispettive valute, è semplicemente ridicolo parlare di tradimento del giappone e rivalsa (per giunta antedatata) degli USA.
    Gli scambi in valute diverse dal dollaro esistono da sempre e sempre esisteranno. Agli USA non frega niente, finché il mondo continua a usare i PETROdollari. Anche se Cina e Giappone annunciassero intenti di scambiare idrocarburi (cosa che allo stato attuale non risulta), la cosa sarebbe irrilevante perché, non essendo al momento produttori, scambierebbero beni che hanno già "pagato il pizzo" in petrodollari.

    Per affermare che il Giappone sia stato punito per qualche "scorrettezza" o "sgarbo" agli USA, bisognerebbe quanto meno citare lo sgarbo e le sue tracce.
    Una generica accusa di "infedeltà" basata su fantomatici calci negli stinchi che avrebbe dato agli USA contrasta pesantemente con tutto ciò che è noto.
    Non parliamo delle analisi che l’articolista dovrebbe portare per giustificare una punizione di QUELLA entità.

    Si tratta di fuffa "gombloddisda", di tipo particolarmente pindarico.

  • makkia

    Ma anche "controlling the Weather" di Fabio Mini.
    Rimane che l’uso concreto in una particolare occasione và dimostrato o come minimo solidamente supposto.
    Altrimenti "restituiamo il favore" e ci comportiamo come Powell e la sua polvere magica nell’ampollina.

  • Toussaint

    Sono sicuro che non me ne
    vorrai, ma ci resto un po’ male quando, a fronte di una certa tipologia di
    articolo, si comincia a fare dell’ironia forse un po’ scontata. Sarebbe il caso,
    quanto meno, di dare un’occhiata alla premessa e ai links che l’autrice ha indicato.
    Ma non perché sia vietato fare ironia, ci mancherebbe altro, qui le persone
    dicono quello che vogliono, a prescindere.

    Dopodiché se una persona, su
    questi argomenti, pretende prove nel senso giuridico del termine, allora non ne
    scriverebbe più nessuno. Che siano i governi a dare spiegazioni, allora, ad
    esempio sull’HAARP. In questo modo si taciterebbero tutti i ‘gomblottisti’,
    come li chiami tu, di questo mondo.

    Credo che il commento giusto
    sia quello di ‘sfruc’, poco sopra, che mi sembra decisamente molto sensato. Non
    si può dire che queste cose siano vere, ma non si può nemmeno negarle. Quante
    cose che credevamo impossibili si son poi rivelate veritiere!

    Sul concepimento dell’AIIB,
    comunque, insisterei. Si cominciò a presentare quella Banca ad inizio del 2013
    (da parte dei cinesi, mi pare). Ma il suo ‘concepimento’, a mio pare, può
    essere fatto risalire alla nascita ufficiale dei BRICS (metà 2008), di cui era
    parte fondante, seppur non ancora messa a punto, come possibile reazione dei
    BRICS al mancato adeguamento delle “Istituzioni di Bretton Woods” alle loro istanze.
    Che non era un qualcosa di imprevedibile. Anzi!

    Sosterrei quanto sopra sulla
    base di alcuni studi ed analisi che furono a suo tempo presentati da Europe
    2020 (editrice dei Geab). Il limite di quanto sto dicendo, però, è che non
    riesco a risalire ai links degli articoli. Pazienza, ma non mi arrendo, se li
    ritrovo li posterò in coda ad un tuo qualche commento.

    Che il commercio Cina/Giappone
    potesse allora (come oggi) prescindere dal dollaro, nonostante la chiara volontà
    delle parti (paragrafo precedente), era un fatto impossibile perché contrastato
    dagli US. E tale si è poi rivelato, come hai giustamente fatto notare.

    Questo fatto, però, va a
    favore dell’articolo. Se i giapponesi volevano queste due cose (commercio diretto
    e adesione alla costituenda Banca di Sviluppo), e poi non ce l’hanno fatta,
    significa che le pressioni statunitensi sono andate in porto. Giusto? Senza
    ammettere le supposizioni dell’articolo ‘incriminato’.

    Ti risento volentieri al
    prossimo commento. Tanto ognuno resterà della propria idea.

  • makkia

    se una persona, su
    questi argomenti, pretende prove nel senso giuridico del termine
    Fallacia del Piano inclinato. O più banalmente mettere in bocca altrui ciò che tira acqua a noi. Mai preteso prove giuridiche, infatti ho parlato di "portare analisi" e non "generiche accuse di infedeltà". Soprattutto su esternazioni di questa portata.

    Quante
    cose che credevamo impossibili si son poi rivelate veritiere!
    Già. Ma dopo fior di analisi, studi e/o rivelazioni.
    Esempio? 9/11, Mazzucco.
    Se dobbiamo credere a qualsiasi volo pindarico (tipo collegare Fukushima ai Giap alleati infidi degli USA) solo perché "tutto è possibile" allora va bene anche Nostradamus.

    Sul concepimento dell’AIIB,
    comunque, insisterei. Si cominciò a presentare quella Banca ad inizio del 2013
    (da parte dei cinesi, mi pare).

    Stai ripetendo quelo che ho scritto io 😉
    E non "i cinesi" come se fosse uno a caso dei BRICS. E’ un’idea cinese. L’hanno presentata con la forza dei loro yuan e hanno detto "spenderemo miliardi in tutto il mondo, chi è interessato?"

    Ma il suo ‘concepimento’, a mio pare, può
    essere fatto risalire alla nascita ufficiale dei BRICS (metà 2008),

    No. Alla "via della seta". Molto dopo il 2008.

    era
    parte fondante, seppur non ancora messa a punto, come possibile reazione dei
    BRICS al mancato adeguamento delle “Istituzioni di Bretton Woods” alle loro istanze

    No, stai facendo confusione con la NDB/New Developement Bank che è effettivamente un progetto BRICS, ed era "ventilata come minaccia", tutt’altro che nascosta, da subito, e realizzata nel 2012 (sede a Shangai e al momento presidenza russa).
    Non inaspettata ma non ha preoccupato nessuno, visto che si tratta di "soli" 100 miliardi di $. Niente a che vedere con l’AIIB, neanche come capitalizzazione. L’AIIB 100 miliardi li spenderà solo in Pakistan.

    Che il commercio Cina/Giappone
    potesse allora (come oggi) prescindere dal dollaro, nonostante la chiara volontà
    delle parti
    (paragrafo precedente), era un fatto impossibile perché contrastato
    dagli US. E tale si è poi rivelato, come hai giustamente fatto notare.

    Io ho fatto notare cosa? Che non ci sono rapporti di affari fra Cina e Giappone? Ma quando mai! O che li facessero senza il dollaro? Ho detto il contrario esatto: che (al di fuori del mercato energetico dove se eviti i petrodollari ti bombardano) tutto si può fare, in qualsiasi valuta.

    La chiara volontà delle parti di escludere il dollaro non è necessaria: il dollaro è solo più comodo, di massima. Ma tranqui che se vogliono pagare in yen, o comprare euro/franchi svizzeri e pagare con quelli, o in rubli o in yuan, nessuno fa una piega. Ripeto: gli USA stanno attenti solo ai petrodollari, non contrastano qualsiasi scambio di valuta, meno che meno "rendono impossibile" a tutti quelli che fanno affari con la Cina (cioé TUTTI) di regolarsi come gli pare.

    Se i giapponesi volevano queste due cose (commercio diretto
    e adesione alla costituenda Banca di Sviluppo), e poi non ce l’hanno fatta,
    significa che le pressioni statunitensi sono andate in porto. Giusto?

    Sbagliato.
    Stai di nuovo confondendo la NDB e l’AIIB. All’NDB non hanno MAI chiesto al Giappone di aderire. L’ADB ha come unici soci i BRICS. Punto. Non chiede adesioni.
    L’AIIB è un progetto CINESE, aperto a tutti e tutti i paesi avanzati e "neoavanzati" hanno aderito. Tutti tranne Giappone e USA.
    Dove hai preso la new che il Giappone voleva aderire all’AIIB? L’unico giapponese che abbia mai ventilato l’adesione è l’ambasciatore in Cina, al momento dell’annuncio. ISTANTANEAMENTE smentito dal suo stesso governo.
    Si può fare affari con la Cina anche senza aderire all’AIIB, sai?
    Si può, si è fatto prima del 2015, si continuerà a farlo. Infatti gli USA continuano a farlo, come il Giappone. Che non ha MAI annunciato l’intenzione di aderire all’AIIB. Anzi l’ha smentita recisamente.
    Quando la Cina glie l’ha offerta, ha "chiesto maggiori informazioni" e poi ha sepolto la risposta cinese in un silenzio assordante.

    E’ come se io (Giappone) dicessi che non ho mai avuto intenzione
    di comprare una nuova automobile e siccome mia madre (USA) è completamente d’accordo con me, allora tu salti su e dici che ho
    subìto le tremende pressioni di mia madre…

    E poi, perché ‘ste tremende pressioni solo sul Giappone e non sugli altri partner degli USA? Perché con gli altri gli USA hanno solo mugugnato e al Giappone hanno fatto "tremende pressioni"?

  • Toussaint

    Grazie per la risposta. Vista
    la sua complessità, avrai impiegato del tempo. L’unica cosa che son riuscito a capire
    è che hai voglia di giocare a chi è più bravo. Sappi, allora, di aver vinto
    prima ancora d’iniziare.

    Io, però, resterei della mia
    idea, per ragioni che ho già esposto e sulle quali non vorrei tornare. Non
    volermene … credo che, a questo punto, finiremmo solo con il parlarci addosso. A
    chi mai interesserebbe? Adios.

  • makkia

    Non sono "più bravo". Solo apparentemente più informato di te.
    Se "l’unica cosa che hai capito" è quella che dici, sigifica che sono anche meno pigro: io LEGGO cosa scrive il mio interlocutore 😉

    Resta pure della tua idea: un buon soldato non si arrende mai, nemmeno davanti all’evidenza.

    ‘Voir

  • Toussaint

    OK imbecille. Offendi tu, offendo anch’io. D’accordo, oltre a essere più bravo sei anche più informato. Contento? E adesso lasciami in pace. Grazie. 

     
  • makkia

    "Apparentemente più informato" e "meno pigro" sarebbero offese?
    Impara a dialogare, cantastorie, invece di inventare scuse per tirare fuori la tua vera natura di cafoncello.
    Bye

  • Toussaint

    No, imbecille. L’offesa è questa: "un buon soldato non si arrende mai, nemmeno davanti all’evidenza". Non mi conosci nemmeno, come ti permetti? Che ne sai di me?  

    Cafoncello, naturalmente, sarai tu e le gentildonne (o i gentiluomini) che ti circondano. Pertini diceva: ‘a brigante, brigante e mezzo’.
    Non replicherò più. Ma se continui a infastidire e a offendere, bisogna che il gestore del sito si occupi seriamente della questione. 
  • ilsanto

    giusto ma prima c’era stato un avvicinamento con la Cina se non ricordo male.