Home / ComeDonChisciotte / PERCHE' GLI USA HANNO DECISO DI DISTRUGGERE IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ?
15990-thumb.jpg

PERCHE' GLI USA HANNO DECISO DI DISTRUGGERE IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ?

DI VALENTIN KATASONOV

strategic-culture.org

Come sappiamo, lo scorso Dicembre il Fondo Monetario Internazionale – dietro pressione del suo maggior azionista, gli Stati Uniti, ha messo in atto un cambiamento importante alle regole che governano le sue operazioni. D’ora in poi, il FMI può continuare a lavorare con i paesi che per un motivo o un altro non rispettano i loro impegni verso i membri del fondo (i loro creditori ufficiali). 
Per sette decenni il FMI è servito non solo come un finanziatore internazionale, ma anche, e soprattutto, come garante di ultima istanza dei prestiti che alcuni Stati membri rilasciano ad altri. Nel 1956, i maggiori paesi creditori hanno creato il Club di Parigi, un’organizzazione internazionale informale, che, insieme con il Fondo monetario internazionale, ha il compito di garantire il rimborso di prestiti e crediti emessi dai creditori ufficiali (sovrani). Ma il Fondo monetario internazionale è rimasta l’ultima «linea di difesa»

Se il beneficiario di un prestito sovrano rifiuta di effettuare i pagamenti, il FMI potrebbe porre fine a tutte le relazioni con il beneficiario piantagrane, e quel paese diventerebbe un reietto nel mondo della finanza internazionale. 
Questo meccanismo per proteggere gli interessi dei creditori ufficiali ha funzionato abbastanza agevolmente fino a quando ha fatto comodo agli Stati Uniti e ad altri paesi occidentali – i principali creditori ufficiali nel mercato finanziario globale. E ad oggi sono ancora i principali istituti di credito finanziatori dei paesi in via di sviluppo. Un totale di $ 304.000.000.000 è dovuto da parte dei paesi del mondo per i membri del Club di Parigi (al 31 dicembre 2014, esclusi gli interessi di mora), che comprende 20 stati.

Tuttavia, molti altri Stati sono entrati nell’arena della finanza internazionale come finanziatori ufficiali alla fine del ventesimo secolo. In primo luogo ci sono gli esportatori di materie prime. Dalla fine del secolo scorso, quelle nazioni hanno iniziato a stabilire i cosiddetti fondi sovrani, che ricavano proventi in valuta estera dall’esportazione di petrolio e di altre risorse naturali. Questi fondi sono usati per fare investimenti e prestiti. Ci sono molte decine di fondi sovrani nel mondo. La maggior parte di questi sono i fondi sovrani degli Emirati Arabi Uniti, la Norvegia, l’Arabia Saudita, e Kuwait.

Da stime più prudenti, ci sono attualmente tra i sei e i sette miliardi di dollari di patrimonio in questi fondi sovrani. La seconda è la Cina. La Cina ha le maggiori riserve auree e valutarie, alcune delle quali sono sotto forma di fondi sovrani. I tre principali fondi sovrani cinesi possiedono un totale di quasi $ 1200000000000. Una parte del denaro di questi fondi sovrani cinesi passa attraverso alcune delle più grandi banche della Cina, che offrono prestiti internazionali. I crediti emessi da queste banche sono considerati prestiti ufficiali o sovrani. Il prestito internazionale della Cina ha superato il resto del mondo nel 21° secolo. Improvvisamente, la Cina è diventata il più grande creditore ufficiale nel mondo, e nessuno sembra essersi accorto del superamento di tale soglia.


Molti in Occidente si sono abbastanza arrabbiati quando il 17 gennaio 2011 è apparso sul Financial Times un articolo sorprendente dal titolo «il prestito della Cina raggiunge nuove vette» (qui). Il giornale ha calcolato che nel periodo 2009-2010, istituti di credito di proprietà dello Stato cinese – The China Development Bank e la Export-Import Bank of China – hanno emesso almeno $ 110.000.000.000 in prestiti a vari stati e società in via di sviluppo. E questa stima include solo i prestiti che sono stati ufficialmente confermati dai cinesi e / o dai destinatari dei fondi. Il Financial Times ritiene che il totale effettivo dei prestiti ufficiali della Cina potrebbe essere notevolmente più elevata. Come termine di paragone, il quotidiano ha citato un altro dato: tra la metà del 2008 e la metà del 2010, la Banca Mondiale ha fornito solo 100,3 miliardi di $ in altri paesi (approssimativamente gli stessi clienti come la Cina). 
Ma ben presto il Financial Times ha dimenticato questa bomba. L’Occidente non ha nulla da guadagnare nel richiamare l’attenzione su questi fatti – dato che non vuole riconoscere di essere stato battuto nel mercato del credito internazionale.

Né la Cina vuole nessuna pubblicità inutile che potrebbe ostacolare l’espansione dei prestiti, il cui successo è in gran parte dovuto al fatto che la Cina fornisce investimenti e prestiti a condizioni sostanzialmente più favorevoli di quelle offerte dal FMI, la Banca Mondiale, o i membri del Club di Parigi. I prestiti cinesi spesso non maturano nessun interesse. Gli esperti occidentali lo chiamano “credito dumping” cinese. 
I prestiti cinesi sono principalmente destinati a stabilire il controllo sulle fonti di materie prime e di energia nei paesi asiatici, africani, e dell’America latina. Una volta che i progetti di investimento sono terminati, i prestiti sono spesso rimborsati utilizzando le spedizioni di petrolio e di altre risorse naturali. Il sistema di prestito di Pechino si sta espandendo anche attraverso lo sviluppo delle infrastrutture di trasporto necessarie per importare ed esportare merci da e verso la Cina. Ciò include la vasta gamma di progetti di investimento che fanno parte dell’iniziativa Nuova Via della Seta. E in ultima analisi, le banche di sviluppo cinesi stanno amplificando le loro esportazioni di apparecchiature sofisticate (ad esempio, macchine centrali elettriche); e i crediti all’esportazione sono ampiamente utilizzati per questo. 
La Cina è da tempo il principale partner commerciale di molti paesi in via di sviluppo.

Ad esempio, nel 2014 la Cina ha condotto $ 166.000.000.000 negli scambi con i paesi dell’Africa. Solo tra il 2001 e il 2010, la Cina ha rifornito i paesi africani di 62700000000 $ in prestiti tramite la Export-Import Bank. Questo è 12500000000 $ più del totale dei crediti della Banca mondiale concessa a quei paesi. Un quadro simile può essere visto in America Latina. La Export-Import Bank della Cina ha riferito che a partire dal 2016 aveva un portfolio di 520 miliardi di yuan (79 miliardi) in prestiti esteri che aveva approvvigionato come parte del megaprogetto One Belt, One Road. I prestiti sono destinati a finanziare circa 1.000 progetti di infrastrutture in 49 paesi in tutto il mondo. 
Un altro esempio. Durante la due giorni di Forum sulla cooperazione Cina-Africa tenutosi a Johannesburg nel dicembre 2015, il presidente cinese Xi Jinping ha dichiarato che Pechino prevede di fornire $ 60 miliardi di assistenza finanziaria ai paesi dell’Africa. Parte di questa verrà da prestiti zero dei tassi di interesse. 


Ora torniamo al punto di partenza – ai cambiamenti nelle regole del Fondo Monetario Internazionale. Nella maggior parte dei paesi Washington ha perso la sua posizione come creditore principale. La Cina sta prendendo il sopravvento ovunque. Per diversi anni, lo zio Sam è alla ricerca di un modo per combattere l’espansione del credito cinese. Il principale azionista del FMI ha a lungo nutrito il sogno di cambiare le regole per il funzionamento del Fondo monetario internazionale, legittimando i defaults sovrani, e privando il fondo del suo ruolo di garante dei crediti sovrani.

Questo sarebbe davvero mettere un dito nell’occhio di Pechino, come rappresaglia per la spremitura degli Americani di molti paesi in via di sviluppo. 
Una volta che il modello è stato impostato in Ucraina (dopo il mancato rimborso del suo credito sovrano dalla Russia), ciò può incoraggiare i paesi in via di sviluppo verso il loro severo creditore cinese. E dopo ci si può aspettare che esplodano conflitti tra la Cina e i debitori paesi in via di sviluppo. 
Con questo tipo di “riforma” del FMI è come giocare con il fuoco. Non solo è compromessa l’esistenza del fondo, ma lo è anche l’intero sistema finanziario internazionale, che, dopo aver perso il suo «garante di ultima istanza», potrebbe improvvisamente implodere.

Il comportamento degli Stati Uniti ricorda quello di Erostrato che bruciò il celebre Tempio di Artemide nella sua città, al fine di dimostrare il suo «eccezionalismo». Per settant’anni il Fondo Monetario Internazionale ha conservato lo stesso significato per lo zio Sam come il Tempio di Artemide lo ha conservato per i residenti di Efeso nella Grecia antica.


Il 20 gennaio il FMI ha abolito quello che era conosciuto come «esenzione sistemica», un principio che era stato adottato nel 2010 e ha permesso al fondo di fare prestiti ai paesi con debiti insostenibili, nel caso di una vera e propria minaccia di contagio della crisi per le economie limitrofe. Questa decisione ha reso la politica del FMI ancora più confusa. Gli esperti non sono d’accordo su come l’abolizione dell’ «esenzione sistemica» influenzerà il proseguimento della collaborazione del FMI con l’Ucraina.

Valetin Katasonov

Fonte: www.strategic-culture.org

Link: http://www.strategic-culture.org/news/2016/01/26/why-has-us-decided-to-destroy-imf.html

28.01.2016

Traduzione a cura di Cinzia Palmacci

Pubblicato da Davide

  • AcidBoy

    Voi guardate la foto della Lagarde e ditemi se non vi sembra una rettiliana…io
    avrei paura a stare nella stessa stanza insieme a lei

  • GioCo

    Pinocchio era un bambino di legno dispettoso. Ma anche con uno strano nome. Qui non facciamo molta fatica a capire che la signora a capo di questo fondo abbia dato fondo alla legnosa fantasia dei "Maestri dell’Universo" finito. Quello economico made in U.S.A.

    Il motivo è semplice: perché l’FMI non ha in tutto questo tempo escogitato "tecniche" copiandole dai cinesi? Se funzionano, l’economia ci dice che vale la pena seguirle.
    Invece no. Come si vede la retorica dell’economia che si auto-regola per tramite della concorrenza è una stron…. stupidaggine. 🙂
    Persino nel suo fondamento fondamentale delle "ragioni più ragionevoli", cioé poi le solite idiozie dei dotti.

    Come sempre l’economia nei grandi numeri (ma anche nei piccoli spesso e volentieri, non è il maschio che porta a casa la pagnotta ad aver per tanto tempo condizionato l’economia delle famiglie dalle nostre parti?) è un arma politica, ma siccome la politica vive di principi, di ideologismi, non di teorie, è evidente che se cancello le idee in testa a chiunque non sia in linea con un "pensiero unico", mi ritrovo dei modelli economici incrostati nei meccaismi del "pensiero oramai marcio, non più rinnovabile". Il mondo va avanti, l’America ha deciso che no, deve stare fermo dove dice lei.

    Ma poi, lato B di questo vinile di poco conto, davvero ha senso che l’economia guidi la politica? Davvero ha senso che le scelte del futuro siano condizionate dall’economia? Io non vedo che l’econocentrismo abbia il merito di averci portato in un mondo desiderabile, che conservi un passato desiderabile o che ci prometta un futuro desiderabile. E’ solo imposto come obbligatorio.

    Quindi la domanda è: quant’è obbligatoria una scelta economica?

  • giannis

    Bisogna osservargli bene la pupilla

  • sfruc

    Più che una rettiliana, una rettile tout court.

    Meglio con un machete in una fossa di tigri che in una camera da solo con lei, seppur armato di un kalashnikov