Home / ComeDonChisciotte / PERCH L’ECUADOR AMA RAFAEL CORREA
11423-thumb.jpg

PERCH L’ECUADOR AMA RAFAEL CORREA

DI MARK WEISBROT

guardian.co.uk

Non è stata la fortuna, ma il buon fiuto per l’economia che ha permesso al presidente di incamminarsi verso la vittoria nelle imminenti elezioni.

Rafael Correa è di gran lunga avanti al suo rivale più diretto nelle elezioni presidenziali che si terranno domenica in Ecuador, e ci si aspetta che vinca facilmente un altro incarico di 4 anni. Non è difficile capire il perché.

La disoccupazione è scesa al 4.1% alla fine dello scorso anno – minimo storico da almeno 25 anni. La povertà è diminuita del 27% dal 2006. La spesa pubblica per l’istruzione è più che raddoppiata, in termini reali (al netto dell’inflazione).

A seguito, ”L’America Latina avanza, goleada di Rafael Correa” (Fulvio Grimaldi);
I maggiori investimenti nella spesa sanitaria hanno ampliato l’accesso alle cure mediche, inoltre la spesa sociale è incrementata notevolmente, includendo una vasta espansione del credito edilizio sovvenzionato dal Governo.

Se tutto questo può sembrare insostenibile, beh, non lo è. I pagamenti degli interessi sul debito pubblico dell’Ecuador sono meno dell’1% del PIL, piuttosto contenuti quindi; il rapporto debito pubblico/PIL è un modesto 25%.

L’Economist, che non si è mai interessato molto a nessuno dei Governi di sinistra che sono ora al potere nella maggior parte del Sud America, attribuisce il successo di Correa ad un “insieme di fortuna, opportunismo e talento”. Ma in effetti è stato proprio quest’ultimo a fare la differenza.

Correa potrebbe essere stato fortunato, ma non è stata una “buona fortuna”: ha assunto l’incarico nel gennaio del 2007 e l’anno seguente l’Ecuador è stato uno dei paesi dell’emisfero maggiormente colpiti dalla crisi finanziaria internazionale e dalla recessione mondiale.

Questo perché il Paese era fortemente dipendente dalle rimesse estere (fornite ad esempio dai cittadini ecuadoriani che lavorano negli Stati Uniti e in Spagna) e dalle esportazioni di petrolio, che costituivano il 62% del guadagno dei proventi da esportazione e il 34% delle entrate del Governo a quei tempi. Il prezzo della benzina è collassato del 79% nel 2008, la stessa sorte hanno subìto le rimesse. L’effetto combinato, parlando dell’economia dell’Ecuador, si può paragonare allo scoppio della bolla immobiliare statunitense, che ha contribuito alla Grande Recessione.

E l’Ecuador aveva anche la sfortuna di non possedere una sua valuta (il Paese aveva adottato il Dollaro USA nel 2000) – il che non gli dava la possibilità di utilizzare il tasso di cambio o gli strumenti di politica monetaria che la US Federal Reserve (la Banca Centrale degli Stati Uniti, ndt) utilizzava per contrastare la recessione. Eppure il Paese è riuscito a mantenere la giusta rotta con una recessione moderata durata tre trimestri, l’anno seguente si è trovato di nuovo al livello di pre-recessione della produzione e sul cammino verso il raggiungimento di quegli obbiettivi che hanno fatto di Correa uno dei Presidenti più popolari dell’emisfero.

Come hanno fatto? Forse il fattore più importante è stato un cospicuo stimolo fiscale nel 2009, all’ incirca il 5% del PIL (se solo lo avessimo proposto anche qui negli Stati Uniti). Una parte importante è stata rappresentata dall’edilizia, con l’espansione del credito immobiliare di 599 milioni di dollari nel 2009 da parte del Governo, ampliando inoltre i crediti durante tutto il 2011.

Ma il governo ha anche dovuto riformare e regolamentare il sistema finanziario. E qui ha intrapreso quella che è forse la più completa riforma finanziaria di un Paese, nel XXI secolo. Il governo ha preso il controllo della Banca Centrale e l’ha costretta a portare in patria circa 2 miliardi di dollari delle riserve detenute all’estero. La cifra è stata poi utilizzata dalle banche pubbliche al fine di elargire prestiti per le infrastrutture, l’edilizia, l’agricoltura ed altri investimenti interni al Paese.

Ha imposto tasse sul denaro trasferito all’estero ed ha ordinato alle banche di conservare il 60% della loro liquidità all’interno del paese. Ha abbassato i tassi di interesse reale, mentre le imposte delle banche sono state aumentate. Il Governo ha rinegoziato gli accordi con le compagnie petrolifere straniere, quando i prezzi sono cresciuti. Le entrate del governo sono cresciute dal 27% del PIL nel 2006 fino ad oltre il 40% dello scorso anno.

L’amministrazione Correa ha aumentato i finanziamenti per la parte “popolare e solidale” del settore finanziario, come ad esempio le cooperative, cooperative finanziarie e le altre organizzazioni basate sui soci. Le “Coop” hanno triplicato i prestiti in termini reali.
Il risultato finale di queste ed altre riforme e è stato quello di spostare il settore finanziario verso qualcosa di utile per l’interesse pubblico, invece del contrario (come negli Stati Uniti). A tal fine, il governo ha separato il settore finanziario dai media – le banche possedevano la maggior parte dei mezzi di comunicazione principali prima che Correa fosse eletto – e introdotto riforme anti-trust.

Naturalmente, il pensiero comune è che tale approccio “economico-inusuale” sulla rinegoziazione dei contratti petroliferi, ampliando la portata e l’autorità del Governo, innalzando le tasse e inserendo dei vincoli sui trasferimenti di capitali, è una ricetta sicura per il disastro economico. L’Ecuador ha scoperto, a seguito di una commissione internazionale, che un terzo del suo debito estero è stato contratto illegalmente. E l’“indipendenza” della Banca Centrale che l’Ecuador ha revocato, è considerata sacrosanta dalla maggior parte degli economisti di oggi. Ma Correa, un economista PhD, ha saputo quando ignorare la maggior parte della professione.

Correa ha avuto qualche articolo contro per aver sfidato il pensiero comune e – forse malvisto dalla stampa economica – nonostante questo, ha avuto successo. L’attacco più duro da parte della stampa è avvenuto quando l’Ecuador ha offerto asilo politico al giornalista di WikilLeaks Julian Assange. Ma, come per la politica economica e la riforma finanziaria, Correa aveva ragione. Era ovvio che, soprattutto dopo che il Governo britannico aveva manifestato una minaccia senza precedenti come quella di invadere l’ambasciata dell’Ecuador, si trattava di un caso di persecuzione politica. Cosa rara ed emozionante per un politico mantenere una sua posizione contro i potenti – gli Stati Uniti e i suoi alleati europei, i media internazionali – per una questione di principio. Alla fine la tenacia e il coraggio di Correa hanno servito al meglio il suo Paese.

Mark Weisbrot
Fonte: www.guardian.co.uk

Link: http://www.guardian.co.uk/commentisfree/2013/feb/15/rafael-correa-ecuador-elections?INTCMP=SRCH

15.02.2013

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di FRANCESCA SAVINA

Pubblicato da Truman

  • Tao

    DI FULVIO GRIMALDI
    fulviogrimaldi.blogspot.it

    Quando si dirà in un qualsiasi paese del mondo: i miei poveri sono felici, né ignoranza, né carenze si trovano tra di loro, le mie prigioni sono vuote di detenuti, le mie strade libere da mendicanti, gli anziani non sono deprivati, le tasse non oppressive, il mondo razionale è mio amico perché io sono amico della sua felicità. Quando si possono dire queste cose, allora il mio paese potrà vantersi della sua costituzione e del suo governo. Thomas Paine)

    Noi qua ci dibattiamo tra i fanghi volanti di un’immonda campagna elettorale, i cui protagonisti sono tutti indistintamente burattini della criminalità finanziaria, religiosa e mafiosa organizzata e si dicono chierichetti del golpista Napolitano, a sua volta lustrascarpe della supermarionetta Obama. L’unico che esce dal coro  e si astiene da riverenze e baciamano, addirittura osa l’inosabile spernacchiando gli Usa e Israele, rifiutando le guerre e gli strumenti di guerra a cui i licantropi imperiali trascinano gli sguatteri spendibili, il “comico”, il “populista”, “l’antipolitico”, cioè l’unico non populista e seriamente politico, viene criminalizzato, sbeffeggiato, insultato, diffamato. Gente che non ha nulla da dire sullo sterminio di un popolo dopo l’altro nel Sud del mondo, sulle strategie di malattia e fame che falciano bambini e donne a milioni, si strappa le vesti per un’uscita infelice di Grillo sugli immigrati. Gente che considera il feldmaresciallo SS Obama, devastatore della costituzione americana, primatista guerrafondaio della storia Usa, creatore del più grande Stato di polizia del mondo, uno che con i droni assassini si è fatto insieme accusa, giudice e boia di chiunque gli faccia saltare la mosca al naso, nasconde il proprio asservimento a questa forma di tecnodittatura postnazista sotto gli alti lai per la sprovveduto apertura del Grillo a Casa Pound.   

    In America Latina invece…

    Dedicando il trionfo elettorale a Hugo Chavez e ai caduti nella difesa del presidente e dell’ordine democratico, al tempo del colpo di Stato del 2010 che doveva culminare con l’uccisionedel Capo di Stato, sequestrato nell’ospedale della Polizia, Rafael Correa, in carica dal 2006, ha detto: “Abbiamo sconfitto i demagoghi e la stampa mercatista e renderemo irreversibile la relazione di potere a vantaggio della maggioranza e a scapito dei poteri di fatto. Qui non comanderanno la bancocrazia, le potenze mediatiche, qui non comanderanno gli Stati egemonici; con questa rivoluzione comanderanno le equatoriane e gli equatoriani. Continueremo con questa rivoluzione e si sappia che non falliremo. Potremo commettere, da esseri umani, molti errori, ma colui che afferma di non commettere errori e colui che non ha mai fatto niente nella vita. Non ipotecheremo la patria per consentire l’ingresso del capitale multinazionale e daremo al debito sociale la priorità su quello estero.  

    Le prime felicitazioni al vincitore sono arrivate da Cuba, Nicaragua, Venezuela, Bolivia, Argentina, dallo schieramento dei paesi dell’ALBA (Alleanza Bolivariana per le Americhe) di cui l’Ecuador di Correa è entrato a far parte (e non gli è andata storta come al presidente honduregno Manuel Zelaya, rovesciato da un golpe Usa), in particolare da Hugo Chavez in fase di convalescenza all’Avana.   

    Alle elezioni presidenziali e parlamentari di domenica, il presidente Rafael Correa ha trionfato con quasi il 60% dei voti di oltre 11 milioni di elettori (secondo gli exitpoll), conseguendo 10 punti in più rispetto al 2009 e distanziando il rivale più accreditato, il banchiere sponsorizzato dagli Usa Guillermo Lasso, di più di 30 punti. A prefisso telefonico l’esito degli altri concorrenti, dal destro Lucio Gutierrez al sinistro Alberto Acosta, uno per il quale l’oramai del tutto normalizzato “manifesto” filo-vendolian-bersaniano ha voluto sbilanciarsi con soffietti elogiativi. In Parlamento il partito di Correa, Alianza Pais, avrà la maggioranza assoluta e potrà finalmente procedere a misure di salvaguardia ambientale e di democratizzazione di un’oligarchia mediatica asservita ai poteri economici e al diktat imperialista.

    Ho avuto il privilegio, a metà del decennio, di vivere e filmare quanto stava rovesciando nel suo contrario il paradigma di un America Latina “cortile di casa degli Usa”. Ho visto come si possono fare rivoluzioni vincenti nell’era della dittatura neoliberista e dell’offensiva imperialista finalizzate a succhiare quanto di plusvalore resta nei paesi già saccheggiati dal colonialismo. In Ecuador, alla rivolta degli indigeni nelle zone devastate dalla Chevron e da altri cannibali petroliferi, rispondevano a Quito i forajidos, l’equivalente dell’argentino que se vayano todos, con una mobilitazione di mesi e una risposta adeguata alla violenza del corruttissimo fantoccio Usa, Lucio Gutierrez. La rivolta culminò con l’occupazione del parlamento e la paralisi dello Stato. Aveva trionfato quella revolucion ciudadana che Correa, poco dopo, avrebbe istituzionalizzato con la nuova costituzione democratica, ecologica, partecipativa. Ancora una volta, come prima in Argentina, Venezuela, e poi in Bolivia e Nicaragua, sono state le masse, non a prendere il Palazzo d’Inverno, ma ad assediarlo, soffocarlo, disintegrarlo e, democraticamente, attraverso il processo elettorale sostenuto dalla mobilitazione rivoluzionaria, processo elettorale che fin lì era sembrato essere solo lo strumento della paradittatura del capitale e delle potenze coloniali, conquistare il potere.

    Per la prima volta nella storia del pianeta un presidente ha fatto iscrivere nella Costituzione la personalità giuridica della Natura, ha cacciato su due piedi la base yankee di Manta, la più grande nell’America Latina, ha rivendicato al petrolio il diritto di essere pagato dagli Stati per essere lasciato sotto terra. Ai peggiori distruttori degli ecosistemi nell’Amazzonia dei giacimenti petroliferi è stato dato il benservito e, per via legale, se ne reclamano gli indennizzi. Al diavolo sono mandati gli avvoltoi del FMI e della BM, è stata ridotto il debito, con Chavez è stato respinto l’ALCA, il trattato di libro scambio con cui gli Usa intendevano spolpare l’America Latina.

    Cento erano gli obiettivi della Revolucion ciudadana, in massima parte realizzati durante i due mandati di Correa. Nel 2006 per ogni dollari investito nella spesa sociale, se ne investiva 1,8 nel debito estero. Nel 2011 di quel dollaro solo 33 centesimi andavano a pagare il debito. Puntando verso la piena occupazione, si é grandemente ridotta la disoccupazione, nell’ambito di una spesa per la sanità decuplicata si è ridotto di cinque volte il paludismo, malattia endemica. Di 8 volte si è aumentata la spesa per l’istruzione e la ricerca, l’investimento per lo Stato sociale per cittadino passava in cinque anni da 90 dollari a 446 e la povertà veniva ridotta di 12 punti. Sono aumentate le case popolari, è in corso un grande piano infrastrutturale per agevolare la comunicazione tra comunità e aree produttive, nel massimo rispetto dell’ambiente e dei popoli nativi. Presso la base di questi popoli Correa, come rivelano sondaggi e manifestazioni, gode di un vastissimo consenso. Non così nella loro massima organizzazione, la CONAIE.

    Correa, infatti, non ha dovuto soltanto affrontare la solita panoplia della guerra medatica, con i grandi giornali e le emittenti in mano all’oligarchia e le cannoniere occidentali, dalla BBC alla CNN e al Pais, impegnati alla morte con diffamazioni, annunci di brogli, le solite accuse di caudillismo autoritario e le manovre di destabilizzazione con tentativi di golpe e sabotaggi di varie corporazioni e Ong. Tra i più accaniti avversari di Correa e della rivoluzione sono stati dall’inizio i dirigenti della CONAIE. Un’opposizione che, ammantata di integralismo ecologico, assumeva antistorici  caratteri di etnicismo separatista. Avevo intervistato Luis Macas, all’epoca presidente della CONAIE, per sentirmi illustrare, sotto l’etichetta di Stato Multinazionale, il fantasioso e anacronistico progetto di una riunificazione dei popoli indigeni in entità autonoma, dal Perù alla Bolivia e all’Ecuador e a quali altri indios ci stessero. Il modello, dichiarò Macas, era l’impero Inca. Un riordinamento su base monoetnica che avrebbe comportato la dissoluzione degli Stati presenti e della loro sovranità. Con grandissima soddisfazione di un imperialismo in ritirata, ma non rassegnato.

    La CONAIE e la sua espressione partitica, il Pachakuti, avevano, a suo tempo, sostenuto e difeso fino all’ultimo il peggiore dei tiranelli neoliberisti e filo-Usa della parte finale del secolo scorso. Lucio Gutierrez, indio rinnegato e anche un po’ folle, primatista di corruzione e protagonista di uscite bislacche alla Berlusconi, uno che aveva steso il paese a zerbino sotto gli anfibi militari ed economici Usa, era poi stato defenestrato dai forajidos, eminentemente studenti, lavoratori e ceto medio urbano, mentre le organizzazioni indigeni erano rimaste alla finestra, o accanto a Gutierrez. Quando la revolucion ciudadana  cambiava paradigma sociale e costituzionale, aprendo a inediti riconoscimenti della particolarità indigena ed evidenziando, al confronto, il disastro sociale e i delitti personali di Gutierrez, i dirigenti Indios dettero segno di ravvedimento e di riconoscimento di quanto veniva messo in opera.

    Ma è durata poco. Al colpo di Stato di un gruppo di questurini, teleguidati dall’ambasciata Usa, ebbero la faccia di esprimere il proprio appoggio, per quanto smentiti dalla loro base. Con rivendicazioni di integralismo ambientalista, si opponevano a qualsiasi, pur prudente, opera che il governo attuava sul piano infrastrutturale per impedire che il paese sprofondasse nel limbo degli importatori totali. Ricordo la battaglia per l’acqua, che Correa voleva pubblica, ma organizzata da un ente di Stato per garantirne l’equa distribuzione tra chi ne aveva tanta e chi non ne aveva punta, a cui i dirigenti indigeni risposero con la pretesa di sapore leghista: “l’acqua a chi ce l’ha”.

    Il “manifesto” ha voluto commentare la campagna elettorale in Ecuador, dando ampio spazio a tale Alberto Acosta, leader di un “movimento di sinistra”, formato da maoisti, trotzkisti, radicali vari, alcuni accademici, che, da sinistra, contestava i provvedimenti del governo, qualsiasi settore riguardassero. Al progetto di Acosta hanno subito aderito i vertici delle organizzazioni indigene, la cui forza elettorale non era stata sufficiente a guadagnarsi spazi all’interno delle istituzioni rivoluzionarie. Visto che, a ben guardare, le differenze ideologiche tra questi gruppi e il partito di governo sono di scarsa rilevanza, è fondato il sospetto che si tratti di motivazioni personalistiche, da una parte, e di rivendicazioni etniciste dall’altra. Ed è un vero peccato che, in un processo di cambiamento drastico, con il conseguente passaggio di potere e di ricchezza da una minoranza di parassiti alla maggioranza della popolazione, vi siano queste divisioni.

    Che poi si possono vedere anche in altri paesi a indirizzo progressista, dove spesso le organizzazioni indigene sono impegnate, per effettivi  interessi corporativi, ma sotto il manto dell’assolutismo  ecologico-separatista, a destabilizzare governi invisi all’imperialismo e ai suoi fiduciari locali. Organizzazioni alle quali, del resto, non mancano il plauso e il fattivo impegno di numerose Ong del Nord del mondo, un po’, come USAIDS, autentici tentacoli del servizi segreti imperiali, un po’ soggetti dall’ispirazione caritatevole, la cui visione della questione indigena latinoamericana è adulterata da un romanticismo ascientifico e, soprattutto, interclassista ed etnicista. Alla Marcos, per intenderci. Episodio significativo di questo attrito visto con grande benevolenza dalle centrali neoliberiste fu la famosa questione della strada che avrebbe dovuto unire la Bolivia dal Brasile alla costa pacifica, attraversando una riserva naturale, Tipnis, abitata da alcune migliaia di indigeni. Opera indispensabile per la crescita del ruolo commerciale di una Bolivia  chiusa nel suo isolamento territoriale. Evo Morales aveva ripetutamente invitato tutte le parti al dialogo su eventuali correzioni di percorso, senza che l’invito venisse accolto. Continuavano invece le barricate. Ora il progetto è stato sospeso in attesa che i portatori della protesta si acconcino a discuterne con il governo e con le altre componenti sociali che della mancanza di comunicazioni soffrono gli effetti.

    Sia detto con assoluto rispetto e solidarietà per le realtà native che, con più matura coscienza politica, si battono nelle società neoliberiste, come nel  Cile i Mapuche o in Honduras gli indios e gli afrodiscendenti, insieme a tutti gli “sfruttati e oppressi” del loro paese.

    Fulvio Grimaldi
    Fonte: http://fulviogrimaldi.blogspot.it
    Link: http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2013/02/lamerica-latina-avanza-goleada-di.html#more
    18.02.2013

  • AlbertoConti

    Qui da noi c’è di tutto e di più, ma è mai possibile che tra 60 milioni d’individui non venga fuori un Correa anche da noi? Cos’è, la maledizione della pietra verde? O siamo tutti e 60 milioni rincoglioniti? Ragazzi, sveglia! Trovate il Correa che è in voi!

  • mincuo

    Correa è il migliore di tutti, sotto il profilo della competenza. Meno demagogo, non c’è paragone. Poi qui fanno il solito quadretto idilliaco.
    Compreso che l’Ecuador non ha una moneta sua per “sfortuna” dice l’articolista. Non è “sfortuna”, è dollarizzato. Prima era a 25.000 Sucre per un USD. Hanno dollarizzato nel 2000 o 2001 non ricordo. E non possono ancora permettersi di fare diversamente, nè credo che Correa voglia per ora, e per me ha ragione. Hanno ampliato ultimamente le loans Cinesi, (iniziate dal 2008) per finanziare il budget. Ha dei rischi, ma è sostanzialmente coerente, con l’ipotesi di spesa/crescita. La spesa quindi poggia abbastanza lì e naturalmente sul petrolio.
    I problemi sono: diseguaglianza, ancora 1/3 sotto linea di povertà, ma in decrescita, GDP/pro capite basso, poca ancora diversificazione dal petrolio (44% delle entrate, e quindi dipendente molto dal prezzo), debito esterno di 20bl USD. (Su quello estero oggetto del ripudio parziale del 2008 invece sono messi molto bene, hanno già riacquistato il 91% a 30 cent mi pare). E infine ancora troppo dipendente da USA.
    Di buono: si alzano continuamente i fixed investments (a differenza di altri Paesi, e li si vede che Correa capisce, che è di un’altra levatura) crescita ancora discreta, inflazione bassa, a differenza di altri (anche lì si vede meno demagogia sulla spesa e sulla base monetaria), crescita dei servizi (e anche lì si vede la mano di Correa rispetto ad altri) e un buon consenso politico.

  • mincuo

    Fortuna che c’è Correa in Ecuador, e non delle teste vuote riempite di paglia e propaganda anni 50 come questo Grimaldi.

  • Tanita

    Ah, le scimmiette. Testarde.

    http://www.youtube.com/watch?v=DkFJE8ZdeG8


    Soy,

    Soy lo que dejaron,

    soy toda la sobra de lo que se robaron.

    Un pueblo escondido en la cima,

    mi piel es de cuero por eso aguanta cualquier clima.

    Soy una fábrica de humo,

    mano de obra campesina para tu consumo

    Frente de frio en el medio del verano,

    el amor en los tiempos del cólera, mi hermano.

    El sol que nace y el día que muere,

    con los mejores atardeceres.

    Soy el desarrollo en carne viva,

    un discurso político sin saliva.

    Las caras más bonitas que he conocido,

    soy la fotografía de un desaparecido.

    Soy la sangre dentro de tus venas,

    soy un pedazo de tierra que vale la pena.

    soy una canasta con frijoles ,

    soy Maradona contra Inglaterra anotándote dos goles.

    Soy lo que sostiene mi bandera,

    la espina dorsal del planeta es mi cordillera.

    Soy lo que me enseño mi padre,

    el que no quiere a su patria no quiere a su madre.

    Soy América latina,

    un pueblo sin piernas pero que camina.

    Tú no puedes comprar al viento.

    Tú no puedes comprar al sol.

    Tú no puedes comprar la lluvia.

    Tú no puedes comprar el calor.

    Tú no puedes comprar las nubes.

    Tú no puedes comprar los colores.

    Tú no puedes comprar mi alegría.

    Tú no puedes comprar mis dolores.

    Tengo los lagos, tengo los ríos.

    Tengo mis dientes pa` cuando me sonrío.

    La nieve que maquilla mis montañas.

    Tengo el sol que me seca y la lluvia que me baña.

    Un desierto embriagado con bellos de un trago de pulque.

    Para cantar con los coyotes, todo lo que necesito.

    Tengo mis pulmones respirando azul clarito.

    La altura que sofoca.

    Soy las muelas de mi boca mascando coca.

    El otoño con sus hojas desmalladas.

    Los versos escritos bajo la noche estrellada.

    Una viña repleta de uvas.

    Un cañaveral bajo el sol en cuba.

    Soy el mar Caribe que vigila las casitas,

    Haciendo rituales de agua bendita.

    El viento que peina mi cabello.

    Soy todos los santos que cuelgan de mi cuello.

    El jugo de mi lucha no es artificial,

    Porque el abono de mi tierra es natural.

    Tú no puedes comprar al viento.

    Tú no puedes comprar al sol.

    Tú no puedes comprar la lluvia.

    Tú no puedes comprar el calor.

    Tú no puedes comprar las nubes.

    Tú no puedes comprar los colores.

    Tú no puedes comprar mi alegría.

    Tú no puedes comprar mis dolores.

    Você não pode comprar o vento

    Você não pode comprar o sol

    Você não pode comprar chuva

    Você não pode comprar o calor

    Você não pode comprar as nuvens

    Você não pode comprar as cores

    Você não pode comprar minha felicidade

    Você não pode comprar minha tristeza

    Tú no puedes comprar al sol.

    Tú no puedes comprar la lluvia.

    (Vamos dibujando el camino,

    vamos caminando)

    No puedes comprar mi vida.

    MI TIERRA NO SE VENDE.

    Trabajo en bruto pero con orgullo,

    Aquí se comparte, lo mío es tuyo.

    Este pueblo no se ahoga con marullos,

    Y si se derrumba yo lo reconstruyo.

    Tampoco pestañeo cuando te miro,

    Para q te acuerdes de mi apellido.

    La operación cóndor invadiendo mi nido,

    ¡Perdono pero nunca olvido!

    (Vamos caminando)

    Aquí se respira lucha.

    (Vamos caminando)

    Yo canto porque se escucha.

    Aquí estamos de pie

    ¡Que viva Latinoamérica!

    No puedes comprar mi vida.

    Fuente: musica.com

    Calle 13

    Certo, Mincuo si soffermerá in Maradona piuttosto che “Sono ció che é rimasto, io sono gli avanzi di quanto hanno derubato” oppure “Tu non puoi acquistare il sole, tu non puoi acquistar la pioggia, qui si respira lotta, avanziamo scrivendo il cammino, io canto perché si ascolta”, nemmeno “Lavoro pesante ma con orgoglio, qui si condivide, ció che é mio é tuo. Questo popolo non affoga nei rumori e se lo distruggono io lo ricostruisco…”

    Viva Latinoamérica!

  • sankara

    Scusa Mincuo, potresti spiegare la differenza tra “debito esterno” e “debito estero oggetto del ripudio parziale del 2008”? Sono due cose diverse? “Inflazione bassa” la leghi alla “spesa e base monetaria” (così quantomeno mi sembra a leggere il passaggio)?

  • Jor-el

    “Trabajo en bruto pero con orgullo” Stimo i Calle 13, ma questo passaggio mi suona inquietante. Il culto del duro lavoro ha finito per spazzar via dall’Italia sinistra di classe e sindacati.

  • mincuo

    Non so. Però so che di Correa ho stima, invece di quella manica di banditi, ladri, furfanti, con Cristina Kirchner in testa non tanto.

  • mincuo

    Nessuna differenza. Ma loro avevano un forte debito estero. (Alle volte dico esterno, ma è una caxxata involontaria mia, è per via di external debt in Inglese). Correa l’ha tagliato (debito detestabile) e l’ha riacquistato poi per circa il 91% a 30 centesimi su 100 nominale.
    Poi c’è dell’altro debito estero che hanno fatto, nuovo diciamo, e forse qualcosa rimasto di vecchio, sono 20,3 mld USD.
    Più che base, la crescita della quantità di moneta e quasi moneta.

  • RicBo

    Grimaldi è un bimbominkia, per lui Correa, Chavez e Morales stanno tutti nello stesso calderone