Home / ComeDonChisciotte / PAUL KRUGMAN, IL KEINESIANO ANTI-AUSTERITA' SPARA A ZERO SU SALVINI E GRILLO

PAUL KRUGMAN, IL KEINESIANO ANTI-AUSTERITA' SPARA A ZERO SU SALVINI E GRILLO

DI GZ

cobraf.com

Reuters, il New York Times, Paul Krugman e il resto della grande stampa angloamericana “perbene” sparano a zero sulla Lega e Grillo, anche quando sono contro l’austerità, per maggiori deficit e contro i vincoli dell’Euro.

Ad esempio il Paul Krugman parla sempre male della Germania, dell’austerità e dell’Euro (vedi: “Da Krugman a Stiglitz…. sei premi Nobel dell’Economia contro l’euro”, il Sole 24 ore, dicembre 2013).

Non è strano ?

Quando però poi parla in concreto di chi fa qualcosa contro l’austerità descrive la Lega e Grillo come la peste (“Mad as Hellas” di Paul Krugman, New York Times, 11 dic 2014).

L’articolo di Krugman è la solita tirata contro l’ austerità e per maggiori deficit come ne scrive da sempre, ma guarda il giudizio che esprime su Salvini e Grillo che sono quelli che in Italia vogliono rompere con l’austerità. Questo è il passaggio rilevante: ”Look at Italy, where about half of voters support radical parties like the Northern League and the Five-Star Movement. … It would be a terrible thing if any of these groups — with the exception, surprisingly, of Syriza, which seems relatively benign — were to come to power.” Traduzione: ”Guardate l’Italia, dove circa metà degli elettori sostiene partiti radicali come la Lega Nord e il Movimento 5 Stelle. … Sarebbe una cosa terribile se uno di questi gruppi — con l’eccezione, sorprendentemente, di Syriza, che sembra relativamente benigno — giungesse al potere.

Non tanto tempo fa si favoleggiava di un sostegno di Stglitz al M5S e Krugman viene pubblicato ogni tanto nel blog di Grillo. In realtà anche Stiglitz dice al massimo che la Germania dovrebbe uscire lei dall’euro idealmente e Krugman dalle colonne del New York Times scomunica il M5S

Ora, uno può dire: ma a noi che importa di quel che pensa Krugman di Salvini e Grillo? E in effetti a me ad esempio niente. Ma bisogna rendersi contro che hai contro tutta la grande stampa finanziaria, non solo in Italia, anche all’estero quella anti-austerità, pro-deficit e “keynesiana”. La Lega e il M5S sono considerati “a terrible thing” dai luminari keynesiani di Harvard come Krugman, anche se in apparenza non si capisce perchè, visto che Krugman spara contro l’austerità…

C’è questa illusione in Italia che all’estero (parola con la quale si intende sempre “in America”) ci siano tutti questi economisti più illuminati, “keynesiani”, che spiegano come l’Austerità faccia male, sostengono maggiore spesa pubblica e maggiori deficit e ovviamente lodano sempre il “QE” (Alleggerimento Quantitativo”), per cui sarebbero i buoni contro i tedeschi cattivi. Paul Krugman in particolare viene tradotto o citato o intervistato con deferenza spesso a riguardo e anche negli ambienti diciamo “alternativi” sul web viene citato come un campione del bene contro il male perchè è sempre per maggiori deficit pubblici.

Il Paul Krugman è l’economista che viene più citato su Repubblica, Corriere, IlSole24 ore come il super “cheinesiano” che predica sempre maggiori deficit pubblici e contro l’austerità. E viene quindi considerato un “buono”, uno dalla nostra parte, in qualche modo simile a Warren Mosler ad esempio. Errore !

Come mai questa apparente doppiezza ?

Se guardi bene, in realtà questi marpioni sono tutti dei “globalisti”, a cui dei singoli paesi europei non gliene frega niente, per loro conta solo l'”economia globale”, “il mercato globale…”. E temono come la peste ogni vago accenno di difesa di un qualunque interesse “nazionale”. Per loro vanno bene il deficit pubblici e il QE, ma solo come contributo all’economia globale delle multinazionali e del mercato finanziario. Ogni accenno di movimento che difenda gli interessi della popolazione di un singolo paese contro quelli del mercato globale per Krugman, il New York Times, Reuters soci è “…a terrible thing”

Altri esempi dell’ostilità della grande stampa angloamericana finanziaria “perbene” :
“Italy’s Northern League calls for EU to be ‘demolished'” JAMES MACKENZIE ROME Wed Dec 10, 2014)

Io sono per chiunque voglia far uscire l’Italia dalla trappola dell’eurozona, della BCE e dell’euro e quindi per il M5S e per la Lega e, ma i nostri eroi non si rendono bene conto che hanno contro tutti, anche “all’estero”…

Gz

Fonte: www.cobraf.com

Link

20.12.2014

Pubblicato da Davide