Home / ComeDonChisciotte / PARLIAMO DELLA BANDIERA AMERICANA CHE SVENTOLA DAVANTI ALL'INGRESSO DELLA SEDE DEI SERVIZI SEGRETI UCRAINI A KIEV
14141-thumb.jpg

PARLIAMO DELLA BANDIERA AMERICANA CHE SVENTOLA DAVANTI ALL'INGRESSO DELLA SEDE DEI SERVIZI SEGRETI UCRAINI A KIEV

FONTE: LIBERTICIDA (BLOG)
Le foto, a volte, contano più di mille parole, e ringrazio l’ottimo Saker per averne parlato nel suo blog.
Cosa volete che sia, direte voi, una bandiera straniera su di un palazzo…
Quando il palazzo è quello dei servizi di sicurezza di una certa nazione, quella ucraina, un palazzo dove si dice abbiano sede stabile decine di agenti della CIA, all’ultimo piano, beh, quella bandiera ha una certa importanza.
Per chi fosse interessato ecco anche il video.
Ovviamente la disinformazione è all’opera, e le “piccole vedette ” ucraine stanno cercando di smontare il tutto:

  • Sarebbe una foto dell’ambasciata americana, non quella dei servizi segreti ucraini, l’FSB.

Falso: dal 2013 la sede dei servizi segreti americani è al n. 4 di Via Sikorsky, in un orrendo e blindatissimo palazone in stile neoclassico, molto diverso da questo.
Questo è proprio il palazzo dell’SBU al 33 di via Volodymyrska, in rete sono disponibili parecchie foto d’archivio di quell’ingresso, senza bandiere e striscioni che sono stati aggiunti dopo la rivoluzione di febbraio.

  • Si tratterebbe di un video girato ad Aprile durante la visita di un funzionario USA, bandiera poi rimossa.

Falso: basta poco per accertarsene, in marzo ed in aprile la neve si era già sciolta, in questo sito potrete vedere che la media delle temperature a Kiev lo scorso aprile era sempre oltre i dieci gradi, e nel video la neve e i passanti imbacuccati nei cappotti si vedono benissimo.

La farsa e la tragedia continuano a mescolarsi sempre di più, in un binomio imprescindibile.
Pensare che persone così imbecilli debbano opporsi ai servizi segreti russi, di ben altra stoffa, fa ridere e piangere nello stesso tempo.

Fonte: http://liberticida.blogspot.it

Link: http://liberticida.blogspot.it/2014/12/parliamo-della-bandiera-americana-che.html

12.12.2014

Pubblicato da Davide

  • clausneghe

    Questi nazisti ucraini sono il peggio del peggio. Falsi, violenti, disgraziati. E’ anche per questo che noi dobbiamo uscire dall’Europa, adesso che entrano loro, finanziati con i soldi che i burocrati UE ci hanno rubato. Questi idioti, gli Ukra, fanno a botte per salire a bordo di una nave che affonda.

    E la Cia del serial killer Obama, anche ha i giorni contati.
  • cardisem

    Io lascerei stare il "nazisti" perché quella cosa lì per me finisce nel 1945 ed è morta e non più resuscitabile… Certo, uno si può chiamare ed essere chiamato come si vuole, ma io ho l’impressione che quelli di oggi siano di gran lunga peggiori di quelli che non ci sono più…

  • clausneghe

    Li chiamo nazisti perchè si rifannno a quell’ideologia. Non hai visto la foto anche qui su CDC dei combattenti Ukra che sfoggiano bandiere uncinate e simboli nazi?

  • giannis

    oggi l ucraina e’ di proprietà degli  USA , praticamente un paese USA  ai confini della russia …. finira’ male

  • cardisem

    Si, ho capito… Ma ho appunto detto che si possono avere motivi per richiamarsi a qualcosa del passato: non per questo un movimento “definitivamente trascorso" (Hegel)… ritorna in vita… Può essere interessante capire cosa hanno in testa costoro richiamandosi al passato…

    Una chicca, che vale quel vale, cioè non supportata da prove:

    – Del Signor Al. (almeno ai suoi esordi) mi si raccontava che lui non si definiva un "fascista" perché a suo giudizio i "fascisti" erano del pappamolla; si definiva invece "nazista" perchè liconsiderava più tosti…

    Credo che nulla sapesse o capisce di fascismo e di nazismo…
    Purtroppo, siamo tutti chi più chi meno viime delle "narrative" che ci vengono propinate…
    È nostro oggettivo interesse assumere, riuscire ad assumere, un linguaggio quanto più "scientifico" possibile…

    Comunque, scusami, non volevo farti le pulci… Era una mia riflessione che faccio ogni volta in questi casi e per quello che mi riguarda mi è necessario epurare il mio linguaggio da ogni termine spurio.

  • makkia

    Mi intrometto perché hai fatto delle considerazioni interessanti.

    Ti pongo una questione: diciamo che sono d’accordo con te di chiamare le cose con un nome che non faccia confusione e che effettivamente i naziskin tedeschi, italiani, ecc col nazismo originario non c’entrano gran che.

    Ma qui stiamo parlando di autodefinentisi nazisti che prendono parte alla gestione del potere e mettono in atto almeno gli aspetti esteriori dell’ideologia cui si rifanno e di cui (a differenza dei nazi USA, UK, Italiani, australiani, ecc) sono eredi prossimi: le brigate SS ucraine sono esistite davvero.
    Se il processo di occupazione del potere andasse avanti e avessero ancora più mano libera: nazionalismo, idee di razza (assurde, ma lo erano anche quelle originali), annichilimento delle culture altre, espansionismo aggressivo, militarismo, totalitarismo, ecc. ecc.

    – Non diventerebbe a un certo punto confusionario il NON chiamarli nazisti, a dispetto delle somiglianze?
    – Che scopo avrebbe "lavargli la divisa" con un nome più… innocuo (tipo "nazionalisti", "settoristi", "nostalgici" o altro)? Solo per vocazione classificatoria?
    – Siamo sicuri che nazismo e fascismo siano definitivamente obsoleti? Non è forse, questa faccenda ucraina, un "colpo di coda" della storia, che ha ridato ossigeno a braci di un camino che sembrava spento?
    – Se provi a girarti, ad esempio, il forum di Stormfront (internazionale, quello italiano è fuorilegge) ci trovi cose che spazzi via mentalmente come assurdità. Ma scopriresti anche che la tua idea, e cioé che questi "non sappiano di che parlano" è piuttosto ingenua. Sono piuttosto informati, invece. Non è che gli manca solo l’occasione, che invece in Ucraina hanno avuto?

  • PinoRossi

    Preferivo i nazisti dell’Illinois…

  • lucamartinelli

    alla faccia di quelli che non credono al colpo di stato pagato dalla Cia.