Home / ComeDonChisciotte / NUOVO ATTACCO DELLA ISRAEL LOBBY AL MOVIMENTO 5 STELLE A SEGUITO DI UN VIAGGIO STUDIO DI SEI PARLAMENTARI GRILLINI IN PALESTINA, ACCOMPAGNATI DA LUISA MORGANTINI

NUOVO ATTACCO DELLA ISRAEL LOBBY AL MOVIMENTO 5 STELLE A SEGUITO DI UN VIAGGIO STUDIO DI SEI PARLAMENTARI GRILLINI IN PALESTINA, ACCOMPAGNATI DA LUISA MORGANTINI


DI ANTONIO CARACCIOLO
civiumlibertas.blogspot.it

Non poteva che partire da Repubblica, luogo permanente della diffamazione e disinformazione, l’ennesimo attacco al Movimento Cinque Stelle, di cui sei parlamentari si sono recati in Palestina, ripeto: Palestina, non già Israele, “snobbando” il governo di Tel Aviv, e ripeto: Tel Aviv, denominazione che irrita i “sionisti” di «Informazione Corretta», che pretendono il riconoscimento ufficiale di Gerusalemme come capitale di Israele, cosa che ancora non ha fatto nessuna cancelleria. Si ricordi che l’attacco mediatico al Movimento ha una regia che viene da Israele, a seguito di un vecchio video You Tube, dove Beppe faceva vedere un villaggio palestinese come era prima e come divenne dopo la sua distruzione ad opera degli israeliani: era rimasto solo un albero che consentiva di riconoscere lo stesso luogo. L’articolo su “Repubblica” è preceduto da altro dello stesso tenore apparso sul “Corriere della Sera”, a dimostrazione del controllo capillare della stampa e delle televisione italiane da parte della Lobby che non esiste e non si può nominare.Partì da Tel Aviv un giornalista che fece a Beppe una intervista, pubblicata su un giornale israeliano, ma poi ripresa da Battistini sul Corriere della Sera. Quel breve video you tube fu sufficiente a far capire quale sarebbe stata la politica estera del Movimento, come già traspare dai 6 parlamentari Cinque Stelle, di cui uno dice apertamente di essere “antisionista”… A rimbeccarlo è stato subito un noto rappresentante dell’ebraismo italiano, che con sicumera professorale pretende di spiegare lui ad un presunto scolaretto cosa è il sionismo, ossia secondo lui cosa giusta e buona… Se legge questa mia, gli consiglio un testo dove lui stesso si può istruire o per lo meno si dovrebbe confrontare: Gilad Atzmon, L’Errante chi?, disponibile ora anche in traduzione italiana e la cui tesi delinea il sionismo come una gravissima forma di “primatismo razziale” a carattere globale, e non già locale come vorrebbero i teorici del sionismo come mero colonialismo. Infatti, noi abbiamo il sionismo anche in Italia, dove si esercita anche attraverso la comunicazione sionista di… Repubblica! E non solo! Tutti i media italiani, i grandi giornali e le televisioni, sono visibilmente sionistizzati. In questo caso, l’informazione è davvero a senso unico, perché le vittime, i palestinesi, semplicemente non esistono ovvero la loro “sicurezza” è cosa che si può tranquillamente violare.

Nel libro di Atzmon si dà credito all’ex spia del Mossad, Viktor Ostrovsky, che parla dell’esistenza di una fitta rete di sayanim, ossia persone, ebrei, che all’interno dei singoli paesi offrono supporto svariatissimo al Mossad e agli interessi israeliani. Non è difficile immaginare quanti se ne annidino nel sistema dell’informazione. La cosa fu resa pubblicamente nota da un articolo del Guardian, e non solo, dove si apprendeva del reclutamento di migliaia di persone per fare promozione dell’immagine di Israele. Si leggeva pure come nella redazione di un grande quotidiano italiano l’ambasciatore israeliano vi si recasse per tenere… seminari!

I toni isterici di una “testata storica” dell’ebraismo italiano fanno a gara solo con la sua corposa volgarità, che non ha mai trovato censure di sorta, mentre nel suo ricco archivio di perle se ne potrebbe trovare quante se ne vogliono. Evidentemente, godono di protezione e si aspettavano pure un finanziamento pubblico, lo stesso avuto dal CDEC, ai tempi in cui regnava Fini. Gli insulti che si leggono danno la misura della loro isteria, ma fanno anche ridere…

La protesta dell’ambasciatore che pretende di sindacare la libertà di sei parlamentari italiani la dice lunga sul tipo di mentalità che per questi signori è del tutto naturale: bisogna leggere Gilad Atzmon per capire i loro meccanismi mentali. Confidano non già sulla intrinseca qualità dei loro argomenti, ma sul fatto che un giornale come “Repubblica” appartiene a chi appartiene, o che quell’altro quotidiano sia diretto da un loro uomo, e così via. Molti anni fa, raccontava di sé un giovane inesperto, del fatto che negli Usa erano degli “ebrei” che andavano acquistando tutti i canali televisivi… Alla domanda: “ma cosa ve ne fate di tutte queste reti? La risposta fu: “ragazzo, chi controlla l’informazione ha il potere”.

La domanda nuova è: riusciranno a infiltrare anche il Movimento Cinque Stelle? La domanda non è peregrina e le preoccupazioni nascono dal fatto che al senato i portavoce cinque stelle hanno cofirmato una disegno di legge tanto liberticida quanto sionista: il disegno di legge Amati. Se ne accorgeranno in tempo i portavoce Cinque Stelle?

L’articolo di Repubblica è firmato da un certo Tommaso Ciriaco, che sarà certamente una prima penna ma che a noi riesce del tutto nuovo: mai coperto! Analizzando la sua prosa viene da sorridere, rilevando come Tommaso pensa di riuscire a far vedere le cose con i suoi occhi a chi si disseta alla fonte Repubblica: l’ambasciatore Gilon avrebbe dato uno “schiaffo ai grillini”… espressione metaforica, che di rimbalzo e per reazione metaforica potrebbe suscitare per associazione di idee un “calcio in culo” allo stesso ambasciatore. dopo aver appena sferrato il suo immaginario “schiaffo”… Si rifugia poi questo eccelso signore nell’equidistanza o nell’equivicinanza, pretendendo che i grillini avessero dovuto ascoltare “le posizioni di entrambi le parti”, dove una delle parti è lo “stato ebraico” che nasce nel 1948 sulla base della “pulizia etnica della Palestina”, narrata dall’ebreo israeliano Ilan Pappe, ma la cui verità era già nota ad ogni bambino palestinese. Una “nascita”, fondata sulla “pulizia etnica”, ma di cui si invoca la legittimazione del fatto compiuto: «il diritto all’esistenza dello stato di Israele», invero un diritto assai dubbio sulla base del diritto naturale, ben diverso dal diritto positivo che le Israel lobbies dei vari paesi riescono a influenzare e manovrare come vogliono, giungendo a quella che Noam Chomsky chiama la distruzione del diritto internazionale: non esiste più nessun diritto come conseguenza del «diritto all’esistenza dello stato di Israele».

E così via. Esilarante la presunta “mancanza delle minime nozioni di storia” imputata al deputato Bernini. Per chi ama l’oggettività dei numeri e delle statistiche basterebbe leggere le tabelle della immigrazione sionista dal 1882 in poi per avere un quadro di evidenza matematica del processo di pulizia etnica in Palestina, risalente a ben prima del 1948. Naturalmente, conosciamo le chiacchiere sulla dichiarazione Balfour che contemporaneamente prometteva ad arabi ed ebrei cose opposte e contraddittorie, gli intrallazzi di Sanremo, e quanto altro. Tutto che fa a pugni contro la chiara e spontanea evidenza dei principi del diritto naturale. Un bello spirito che siede in parlamento e sempre partecipa agli show sionisti a sostegno di Israele, pretende che il sionismo sia la stessa cosa che il nostro Risorgimento, dove tuttavia non è mai successo che i piemontesi abbiano fatto “pulizia etnica” di siciliani, calabresi e napoletani… Un piccola differenza che non disturba la propaganda sionista, che si basa non sulla ragione e il buon senso ma sulla proprietà di chi controlla i mezzi di comunicazione. Cossiga, lettore interprete e correttore di Machiavelli, così si esprime in un recente libro di Ferdinando Imposimato: «governare equivale non a dire la verità, ma a fare credere, a convincere gli altri a pensare quel che si vuole» (p 47). Non condividiamo questa forzatura cossighiana del pensiero di Machiavelli, ma invece pensiamo che esso ben si adatti alla prassi sionista.

Difficile leggere idiozie in un solo articolo di giornale. Ad evidenziarle una per una non basterebbe un solo libro. E noi qui non abbiamo molto tempo a disposizione, anche se assai facile ci riesce la confutazione di Tommaso e del suo Ambasciatore…

Antonio Caracciolo
Fonte: http://civiumlibertas.blogspot.it
Link:
http://civiumlibertas.blogspot.it/2013/07/nuovo-attacco-della-israel-lobby-al.html
30.07.2013

Pubblicato da Davide

  • kefos93

    Chiedilo a Fini ( ebreo, nascosto ).

  • GRATIS

    “il nostro Risorgimento, dove tuttavia non è mai successo che i piemontesi abbiano fatto “pulizia etnica” di siciliani, calabresi e napoletani… ”
    ?????????????????????????
    BEH, INSOMMA

  • Slobbysta

    Gentil Caracciolo, Le piace l’inizio? C’era un gran pilota col suo Cognome…anche nel mondo FIAT..mi suona famigliare, lo si ritrova in qualche nobile romano…eh l’identità, quante fittizie certezze può creare e quanti problemi “inutili” imbastisce se puntato adeguatamente contro…questo è un articolo “strano”…mi ricordano quelli di Fait su versounnuovomondo che letti di sfuggita mugolano, ma se analizzati stridono. Ci sono intellettuali che parlano malissimo del sionismo come Garaudy, Shahak, Finkelstein, ma spiegano, a modo loro, ma l’intento è quello, non certo quello di schierarsi in fazioni, mentre nel suo caso l’odore acre è, della divisione…Se lei osserva la vita queste cose non esistono…è solo quando ci si “deve” riassumere in una sola identità cominciano i problemi. La verità è una combinazione di gusti, interpretazioni ed esclusività e con questa ROBA ci si ama o ci si odia…non è onesto amarci perché ad es. siamo juventini, antisionisti o abbiamo la Guzzi, sarebbe MISERABILE! L’uomo è decisamente più ricco di questo schifo..Caracciolo, Lei non è costruttivo neppure criticando Repubblica..insegni a leggerla tra le righe..al posto di soffiare come un micio che ha ricevuto troppe carezze….con Stima Ryky Della Santa

  • Slobbysta

    Dimenticavo..il nocciolo: il movimento 5* …dice tante cose giuste, ci mancherebbe, ma certi personaggi che lo appoggiano non amano di certo la causa palestinese…è una babele di ambiguità …a cominciare dal famoso video della Casaleggio eccetera eccetera…per me scegliere un partito/movimento è come mettere il carro davanti i buoi…o semplicemente delegare la tua vita ad altri…non fa per me!

  • Aironeblu

    Quindi il contenuto di questo articolo per te è che Caracciolo ha “scelto” il M5S?

  • Aironeblu

    La forza del sionismo è sempre stata la sua invisibilità, il suo agire nell’ombra con l’inganno e la menzogna. Basterà un po’ di luce per stanarli dall’oscurità, per dargli un volto e un’identità: alla luce del sole non potranno nuocere.

    Diamoci da fare.

  • oriundo2006

    L’arma sua piu’ potente è segreta ed è la Kabbalah, non quella ‘volgare’ ma una forma raffinatissima che riesce a ‘pilotare’ gli avvenimenti ( sulla base di stringhe alfanumeriche disposte secondo sequenze particolari, oggi con i computer ) in modo ‘gradito’ ai rabbini: ogni paese ha i suoi ‘controllori occulti’, anche e sopratutto l’Italia e la Germania, i quali ‘scelgono’ i propri ‘cavalli’ e indirizzano pesantemente l’attività politica ed economica. Nulla sfugge. Chi ostacola i loro disegni e si ‘mette in mezzo’ ne subisce le conseguenze sin nell’intimo: psiche ( sono le ‘voci’ ) e corpo ( eliminazione diretta ). So che puo’ apparire folle quanto ho detto ma è la realtà. Una forma ‘inferiore’ di Kabbalah è in possesso della Chiesa Cattolica. Quello che cercavano nelle carte di Ratzinger erano i ‘codici’ per attivarla.

  • MassimoContini

    articolo chiaro ed essenziale.

  • Slobbysta

    O il sionismo come ombra piuttosto….l’interesse morboso crea la superficie, ma è nel profondo che si trovano le evidenze e le soluzioni…se legge “l’articolo” tra l’altro mal scritto depista dalle verità storiche…per es. se qualcuno vuole infiltrare cellule proprie l’avrebbe già fatto all’inizio, il movimento 5* mi ricorda il vecchio partito radicale…più attualizzato..faccia un po’ Lei..le conclusioni….

  • mago

    Non sarà facile…hanno infiltrazioni ovunque..guarda in usa e la storia del 11.09…la finanza parla arabo e loro ma nel perseguire i loro sporchi interessi non si daranno mai fastidio..

  • mago

    Semmai oggi è al contrario..

  • GRATIS

    scegliere machiavelli e cossiga come modelli accettabili per presentare una analisi storica è come voler validare la propria coscienza partendo dalla scelta della cravatta

  • roz

    si sono scatenati… sui social network…
    mi aspetto a breve l’articolo del solito marcopasqua su repubblica e/o HP

  • Malpelo

    Ma si dibatte ancora su Palestina ed Israele??

    la Palestina e’ la vittima dello stupro

    Israele e’ lo stupratore

    e l’America fa la parte dell’amica buona che vuole riconciliare le due “entita’ ” incomprese… di notte pero’ la troia scopa con Israele..

    e’ chiaro il quadro??

    si dibatte ancora?? M5S.. l’ambasciatore che dice due palle… ci sono talmente tanti episodi e prove dello stupro che ormai viene il vomito commentarlo…

  • antsr

    Un risorgimento non pulizia etnica. (sic) Si ebbe: Un esercito piemontese di 100.000 uomini x 10 anni al sud che bruciò, rase al suolo + di 50 piccole citta anche x rappresaglia, che con la legge Pica poteva esecuzioni sommarie come e peggio deitedeschi nella II° , con intrallazzi e rapine enormi alle casse di comuni, di tutto il regno delle 2 sicilie, specie del banco di Napoli pieno d’oro, la confisca di industrie, l’aumento di tasse (quella sul macinato) l’aumento del numero di anni della leva obbligatoria e infine la violenza x morte di fame susseguente alla non protezione commerciale del sud rispetto al nord. Ma cosa doveva fare uno del sud si diceva= o brigante o emigrante e così milioni di persone andate via. Più pulizia etnica di così. Ed ancora oggi la storia ufficiale non riapre questo tragedia x non dire che non c’è stato ne risorgimento ne una volontà tutta intera di unire l’italia solo espressione geografica. Agli studenti si deve ancora far credere alla favola di un garibaldi che con 1.000 uomini male equipagiati, mal addestrati, avanzò su tutto il sud sconfiggendo un esercito addrestrato ed equipaggiato di 100.000 borbonici con l’esultazione della popolazione (vedi i fatti di Bronte). E questa persona si vanta a + ripresa di sapere di storia???