Home / ComeDonChisciotte / NON MOLLANO MAI, MAI, MAI, STI MASTINI. E VINCONO: TTIP
13139-thumb.jpg

NON MOLLANO MAI, MAI, MAI, STI MASTINI. E VINCONO: TTIP

DI PAOLO BARNARD

paolobarnard.info

(SINTESI PER LA ZIA IDA PIU’ SOTTO).

E’ un orribile risveglio per me, o forse dovrei dire un orrendo richiamo al passato, che suona così: “Noi non molliamo mai, noi siamo infermabili, non sentiamo fatica, coscienza, rimorso, pietà, e alla fine vinciamo sempre”. Firmato: il Vero Potere.

Di fatto c’è una nuova offensiva del Vero Potere chiamata Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP). E’ micidiale, potenzialmente devastante come mai prima per l’esistenza stessa di democrazia e Interesse Pubblico. Seguitemi.

Era il 1999, da giornalista di Report (RAI 3) fui il primo e unico in Italia ad avvisare il pubblico con un’inchiesta sui pericoli della Globalizzazione, intesa proprio come sistema di accordi segreti e potentissimi creato da una elite di capitalisti per ricacciare indietro decenni di progressi democratici a favore del pubblico, nelle aree dei commerci, della finanza e dei servizi. Allora il ‘mostro’ si muoveva, mastodontico, nella stanze dell’Organizzazione Mondiale del Commercio a Ginevra, cioè il WTO. Col Trattato sovranazionale, cioè più potente delle leggi dei singoli Stati, chiamato di Marrakech, l’ignorante politica del mondo occidentale aveva firmato e ratificato regole micidiali tutte a favore delle mega Corporations e tutte a sfavore di qualsiasi intervento politico nazionale o anche locale per proteggere i lavoratori, le famiglie, le aziende nazionali, le cooperative, i Comuni ecc., nella spietata guerra dei commerci globali. L’Italia ratificò Marrakech con un solo, uno solo!, politico che l’avesse letto fra Camera e Senato.

Non sto a rispiegare qui cosa comportava Marrakech, fatevi un google con I Globalizzatori di Paolo Barnard, e buona visione. Ma ora devo sottolineare alcune cose utili a capire cosa sta accadendo oggi col TTIP:

Il Trattato di Marrakech del WTO in pratica stabiliva regole di potere superiore alle leggi degli Stati aderenti che, ad esempio, avrebbero potuto limitare qualsiasi intervento della politica in campo economico e finanziario se esso avesse rappresentato una barriera al Libero Commercio, al Libero Profitto, ai diritti delle Corporations. Ad esempio: se una multinazionale americana riteneva che le leggi italiane gli impedissero di vendere in Italia un suo prodotto contenente una plastica per noi tossica, poteva chiedere al governo USA di denunciare Roma al tribunale del WTO, per ottenere l’abolizione della legge italiana, ritenuta ‘una barriera’ al Libero Commercio, al Libero Profitto, ai diritti delle Corporations. Ancora: se un Comune italiano indiceva una gara d’appalto per un servizio pubblico, qualsiasi mega-Corporation mondiale dei servizi poteva reclamare lo stesso diritto a partecipare di un’azienda locale, quando magari il Comune avrebbe preferito dar lavoro e reddito a italiani locali. No, quella preferenza rappresentava ‘una barriera’ al Libero Commercio, al Libero Profitto, ai diritti delle Corporations, e di nuovo l’Italia poteva essere trascinata in tribunale. Ok.

Questo sistema ha segretamente, cioè sotto al naso disattento di milioni di cittadini, fatto danni immensi alle economie nazionali ma soprattutto ai distretti piccolo-medi industriali italiani che ci fecero ricchi dopo la II guerra mondiale, con valanghe di fallimenti e licenziati a cascata. Ma danni anche ai diritti dei cittadini alla tutela della salute, per non parlare dell’orrore inflitto al Terzo Mondo.

Ora, qui va ricordato questo passaggio, attenzione!: la multinazionale poteva chiedere al governo USA di denunciare Roma al tribunale del WTO, per ottenere l’abolizione della legge italiana, ritenuta ‘una barriera’ al Libero Commercio, al Libero Profitto, ai diritti delle Corporations. Ok? Cioè, DOVEVA ESSERE IL GOVERNO AMERICANO A FAR CAUSA AL GOVERNO ITALIANO, LA MULTINAZIONALE NON POTEVA FARLO DIRETTAMENTE.

Per anni un piccolo gruppo di bravi attivisti internazionali (me incluso, ma ricordo in Italia l’eccellente Roberto Meregalli di Retelilliput) ha lottato contro queste mostruosità che i nostri politici, e anche il solito pubblico bue, ignoravano. E qualche piccolo risultato l’avevano ottenuto… Per carità poca roba, come ricordato sopra, ma almeno non il peggio del peggio era accaduto ancora… che arriva adesso. Perché i mastini del Vero Potere non si fermano mai.

La solita lobby d’elite finanziaria e grande industriale si è formata, come le decine da me descritte nel mio Il Più Grande Crimine 2011, e ha fatto quello che doveva fare: vincere. Si chiama S2B, acronimo dell’inglese Seattle to Bruxelles Network. Ci trovate: J.P. Morgan, Chevron, BNP Paribas, Microsoft, Uniliver, Philip Morris, Glaxo, Ford, Shell, Monsanto, Goldman Sachs… devo continuare? Ora hanno messo assieme un patto transatlantico sui commerci assieme alla solita Commissione Europea col gran nome di Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP). Questo accordo vuole armonizzare le regole del commercio e della finanza fra USA e UE, liberalizzare gli scambi, eliminare barriere ecc.

Naturalmente la vendita alle masse di sta ennesima schifezza bastarda viene fatta, come fu con l’euro, con gran promesse di crescita, milioni di posti di lavoro e cazzate del genere –quando poi si vanno a leggere le stime della Commissione UE stessa sull’affare, si vede che non ci credono manco per il piffero, e stimano un impatto ridicolo dello 0,01% del PIL UE, come ha detto Karel de Gught, Commissario al Commercio. Ma rimane il fatto che si tratterebbe di un blocco di Libero Scambio immenso, perché almeno un terzo degli scambi globali avviene fra USA e UE.

E cominciamo con il meno peggio del TTIP, che è sempre una tragica porcheria per l’Interesse Pubblico:

A) La bella parola ‘armonizzazione’ delle regole significa di fatto solo questo: che in Europa verranno imposte le miserrime regole di protezione dell’ambiente e dei consumatori degli USA, e in America verrà imposta la miserrima regolamentazione della finanza che abbiamo noi europei. Quindi una gara al ribasso ovunque.

B) Il TTIP propone la totale liberalizzazione del settore sei servizi, particolarmente quelli pubblici come sanità, asili e scuole, assistenza anziani, trasporti, utilities comunali ecc. E qui ci casca naturalmente l’acqua potabile.

C) I diritti sindacali europei, assai meno forti che in USA, vengono diluiti ovviamente dalla solita ‘armonizzazione’ delle regole, col risultato che ci troveremo coi lavoratori italiani che già oggi con la bastardata dell’euro devono vedersela con una deflazione dei redditi da incubo, e che domani saranno anche in gara a tagliarsi i diritti del lavoro per competere con i lavoratori USA, dove licenziare è più facile che fare un peto. Tutto questo per il solito infame motivo che dipendiamo tutti dagli Investitori per avere economia, e gli Investitori investono QUASI SEMPRE dove i diritti sono minori.

Come se non bastasse, ora invece arriva il peggio del TTIP:

A) Ricordate la prefazione che ho fatto sul 1999, il WTO e le regole del commercio a favore delle Corporations e a sfavore del pubblico? Vi ho detto sopra di badare a questo passaggio: la multinazionale poteva chiedere al governo USA di denunciare Roma al tribunale del WTO, per ottenere l’abolizione della legge italiana, ritenuta ‘una barriera’ al Libero Commercio, al Libero Profitto, ai diritti delle Corporations. Ok? Cioè, DOVEVA ESSERE IL GOVERNO AMERICANO A FAR CAUSA AL GOVERNO ITALIANO, LA MULTINAZIONALE NON POTEVA FARLO DIRETTAMENTE…

… Ora questo è drammaticamente, catastroficamente cambiato nel TTIP. Ora…

… POTRANNO ESSERE LE CORPORATIONS STESSE A FARE CAUSA A INTERE NAZIONI se ritengono che i Parlamenti di quelle nazioni hanno legiferato nell’Interesse Pubblico e non nel loro interesse. Ci si rende conto di cosa significa questo?

Significa che abbiamo centinaia di multinazionali che possono aggredire con cause costosissime il nostro Paese (gli studi legali per questo tipo di affari prendono parcelle da 3.000 euro al giorno per ciascun avvocato e sono in media una quindicina, per tempi biblici, e moltiplicateli per una pioggia di cause infinita) senza limiti di sorta, imponendoci spese di Stato rovinose, e di fronte alle quali un governo finisce quasi sempre per cedere e cambiare la legislazione d’Interesse Pubblico. Questo significa. E il ricatto è micidiale anche perché, si badi bene, con il dogma economico Neoclassico (vedi Eurozona) non è più lo Stato che può intervenire con la sua spesa a dar lavoro, reddito e protezione a cittadini e aziende. Oggi quel ‘pane’ a tutti ce lo danno i MERCATI, cioè quelle Corporations di beni e finanza, per cui esse ci infilano anche la minaccia che se perdono le cause ritireranno gli investimenti (il pane) dalle nostre tavole nazionali e noi siamo fottuti. Già a questo stadio un governo finisce per cedere. Ma c’è di peggio.

B) Il TTIP prevede che le Corporations possano indire queste cause PRESSO TRIBUNALI OFF-SHORE, cioè non europei, dove difendersi è tutto un altro film, capite?

In tutti gli aspetti del vivere governati, o anche solo lambiti, dai commerci di beni e servizi, il TTIP può divenire letale per famiglie, cittadini, piccole medie aziende, democrazia e Stato stesso. Ancora un’altra mazzata catastrofica all’idea di Mondo Migliore che tanti di noi sognavano o sognano per i propri bambini. Noi che sappiamo queste cose, noi che capiamo cosa fa e come si comporta il Vero Potere, noi che Renzi, i tagli Irpef, le europee, Grillo, Confindustria e i sindacati sappiamo essere fuffa, zero, nulla in grado di proteggerci da nulla.

Good luck.

PER ZIA IDA:

Zia, hai presente il governo e quello che leggi sui giornali? Ecco, se pensi che siano quelli a decidere come tu finirai la tua vita e come la vivranno i tuoi nipoti, è come se tu pensassi che è il fumo delle sigarette che sta sciogliendo i Poli Nord e Sud. Ecco zia, fidati. Chi veramente ci comanda ne ha fatta un’altra, ma grossa zia, tanto grossa. Fidati di tuo nipote.

Paolo Barnard

Fonte: http://paolobarnard.info

Link: http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=833

15.04.2014

Per gentile concessione dell’autore

Pubblicato da Davide

  • cariatide

    Questo accade quando si da credito e importanza oltre che quasi temere. Arrivato in qusto posto e dopo fatte rimostranze mi sono sentito dire "ma sai chi è quello?" No, non lo so e non mi interessa saperlo e se lo credete potente è perché siete schiavi volontari!
    E Grillo l’ha detto "schiavi o cittadini?"

    Comincia a prendere a calci nel c**o anche lui quando se lo merita e vedrai come molto cambierà per tutti!

  • massi

    …Ma Barnard non aveva chiesto di non essere più pubblicato su CDC?

  • Gil_Grissom

    Ormai la sovranita’ nazionale degli Stati europei e’ totalmente cancellata: non possono emettere moneta, non possono intervenire per salvare imprese di interesse nazionale o strategico, non possono decidere quanto e cosa produrre, non possono legiferare perché una direttiva di un oscuro funzionario europeo potrebbe vanificare la legge, non possono decidere quali sostanze siano o meno nocive per la propria popolazione. Le elezioni sono ormai divenute totalmente inutili perché qualunque politico voi prendiate, a vostra scelta, e mettiate alla presidenza del consiglio nulla cambia e nulla potrebbe cambiare perché la politica ha perso ogni potere( sembra incredibile) di fronte a finanza ed economia. Il potere oggi di un presidente del consiglio greco, italiano, spagnolo e ora anche francese sono ridotti allo zero piu’ assoluto. Non si tratta piu’ di uomini inadeguati (Prodi, Berlusconi, Monti, Renzi) ma di un sistema che sta trascinando il mondo verso un baratro di poverta’ e miseria senza precedenti, Barnard ha il grande merito di dirlo da tempo e piu’ passa il tempo piu’ ci si accorge che ha ragione.  E l’unico modo per cambiare questo stato di cose sembra essere quello che un uomo di buonsenso non potrebbe mai suggerire.

  • Ercole

    Barnard sei solo un ciarlatano ,ti aspetto domani al Carrefour di Pieve Emanuele (  MI ) per lottare a fianco dei lavoratori licenziati dai capitalisti che dici di combattere  ( a chiacchere ).

  • bstrnt

    I governanti europei non sono inadeguati, sono quisling prezzolati dallo zio Sam, ovvero traditori del popolo!

  • Gil_Grissom

    E’ verissimo quello che dici, ma io intendevo dire che se anche arrivasse un governante illuminato che volesse fare gli interessi del popolo verrebbe immediatamnte messo nelle condizioni di non nuocere o deposto non mediante votazione, ma mediante magari la sfiducia dei mercati o il rialzo dello spread.Solamente un evento di grande portata storica tipo Rivoluzione Francese potrebbe ormai cambiare lo status quo.

  • bstrnt

    TTIP è ben commentato da un video di Monia Benini, tra le prime a sollevare il problema.

    L’Europa è stata infarcita da quisling, per lo più incapaci e corrotti, nella funzione di governanti/garanti dei desiderata di Washington, in certe posizioni, per ora defilate, ma importanti, ci sono veri e propri gauleiter.
    Ergo, il IV Reich con stelle e strisce al posto della svastica, sta prendendo il sopravvento in Europa con le stesse ideologie: invadere l’intero pianeta e mantenere la popolazione mondiale sotto al miliardo di persone, la gran parte ridotta più o meno in schiavitù magari con la creazione di nuove occupazioni, le meglio retribuite come contractor di queste élite psicopatiche.
    Occorre togliere il potere a questi traditori e far pagare loro in solido le malefatte e questo potrebbe già iniziare con le elezioni europee.
    Dichiarazione di neutralità di tutte le nazioni europee uscendo dalla NATO e chiedendo la chiusura di tutte le basi USA e NATO in territorio europeo.
    Creazione di un trattato di mutua assistenza economica,finanziaria e militare in caso di attacchi militari, insurrezioni pilotate (come in Siria), o tentativi di golpe pilotati dall’esterno (come in Ucraina) inclusi quelli finanziari.
    Creazione di una Banca Centrale con potere di emissione di moneta garantita dal popolo e di proprietà popolare (1 azione per ogni cittadino vivente).
    Adozione di normative legali, fiscali e burocratiche coerenti per tutta la comunità e possibilità ai singoli stati di congelare beni e attività di multinazionali con comportamenti asociali e criminogeni.
  • babuskin

    Come teorico non vale la pena di confrontarsi, atti concreti zero, è un chiacchierone pantofolaio.

  • lucamartinelli

    non essere così severo, Ercole. Paolo è uomo di pensiero. Occorrono anche quelli.

  • AlbertoConti

    Se tirano la corda fino ad un punto di rottura sempre più catastrofico, è perchè
    ci sono tanti vulnus sistemici da consentire le azioni più criminali senza
    conseguenze per i loro artefici. E chi mai dovrebbe arginare questa tendenza
    spontanea a delinquere, se non la giurisprudenza che guida il legislatore e la
    magistratura che applica il risultato della norma di Stato?

    Il vulnus è
    quindi anche e soprattutto teorico, dottrinario, culturale, e nella fattispecie
    di una semplicità inaudita, il che lo rende ancora più grave e denunciabile da
    un bambino, non certo dai sacerdoti di questa disciplina, necessariamente
    inseriti e quindi corrotti dal sistema. Se qualcuno del mestiere si sente offeso
    ne sono felice, è proprio questo lo stimolo che intedevo porre
    all’attenzione.

    La mostruosa cazzata di cui parlo è questione non certo
    recentissima, ma di assoluta attualità con la minaccia di adozione del TTIP:
    l’equiparazione della persona fisica con la persona giuridica, alla quale
    vengono artatamente attribuiti "diritti" nati e riferiti ESCLUSIVAMENTE alla
    dignità intrinseca della persona umana, peraltro esaltata proprio dalla stessa
    cultura individualistica che partorisce simili mostruosità, cioè aggravate
    dall’autocontraddizione interna.

    Una multinazionale non è la stessa cosa
    del Sig. Brambilla, mentre la comunità è ancora più importante del singolo Sig.
    Brambilla, e quindi, a più forte ragione, deve prevalere sull’organizzazione
    societaria a scopo di lucro privato. Dire che una Corporation può essere
    "ingiustamente" danneggiata da una legge di Stato che protegge la Comunità, è
    dire una bestemmia giuridica, di fronte alla quale un giurista con la schiena
    dritta non può che dar fuori di matto, impedire che passi se non sul proprio
    cadavere!

    Ma stiamo scherzando? Lo Stato da cui proviene una tale
    proposta blasfema si autodefinisce stato canaglia, e come tale dev’essere
    trattato in tutte le sedi diplomatiche e non. Ma che vadano affanculo! E’ sempre
    troppo poco!

  • ericvonmaan

    Forza lePen, forza LePen, forza LePen!!!

  • Simec

    Caro Barnard, l’analisi è, come quasi sempre, ottima, argomentata e fuori dai denti.
    Ma dimentichi che vivi in un paese di schiavi, di vili, di ipocriti. Di telerincoglioniti che sono passati ineffabilmente dallo psiconano all’ebetino di Firenze.
    L’italiano medio capirà in che dittatura sta precipitando solo quando gli toccheranno la tv, l’auto da lustrarsi la domenica e la partita di calcio. Fino ad allora tutto andrà bene, anche se siamo sempre + nella merda.
    Ma perdi tempo a scrivere per questa gente. Noi siamo intrinsecamente servi, della burocrazia, degli sbirri, della religione. All’italiano medio piace servire un potente, in qualunque ambito. Mussolini aveva ragione: "governare gli italiani non è difficile, è inutile". Ai servi si ordina e basta. Tramite ii media. E il popolino obbedisce. Punto. La chiamano democrazia.
    L’unica è andarsene da questa latrina a forma di nazione.

  • roberto4321

    ci sono milioni di persone in Italia che votano PD, il partito che ci ha fatto entrare nell’Euro aprendo la strada alla svalutazione interna (= quella dei salari e dei diritti dei lavoratori), il partito che invocava Monti (il rappresentante della troika e delle banche) come salvatore della patria. Il partito del diritto di asilo agli immigrati e dello jus soli. Un partito che si è messo al soldo di una lobby molto potente che propugna l’annullamento delle identità nazionali, il crogiuolo delle razze, il metticciato e l’asservimento al mondo della finanza extranazionale.

    E io godo amaramente al pensare che gran parte di quelli che hanno votato questo partito dovranno soffrire le maggiori conseguenze, godo a sapere che perderanno ogni diritto al lavoro e alla dignità, che quello alla pensione l’hanno già perso, che nelle graduatorie per una casa popolare, per l’asilo dei figli o per un esame specialistico si troveranno sempre dietro agli immigrati.

  • alexpayne

    Grazie Paolo.

  • Ossimoro

    Il TTIP è un progetto atroce. Se adottato nella UE lo strapotere delle Corporation prenderà il posto degli Stati sovrani. 

    E non si deve dimenticare che tra gli ostacoli al libero commercio per cui le multinazionali troveranno ristoro nei tribunali rientreranno anche le norme degli Stati che rifiutano le colture OGM! E potremo dire addio ai nostri prodotti biologici e alla nostra salute. D’altra parte lo "sfoltimento" di umanità pare proprio debba essere aiutato, altrimenti non si realizzerebbe…
    XIX secolo monarchie costituzionali, XX secolo Stati con sovranità popolare e suffragio universale (colossale errore commesso dai poteri forti), XXI secolo era delle Corporation globali.
    Queste elezioni europee sono determinanti (per quel poco che le istituzioni elettive della UE possano contare…). È l’ultima opportunità per richiedere democraticamente un vero cambiamento nell’interesse collettivo.