Home / ComeDonChisciotte / NON CI SALVEREMO PIU' DALLA BOLLA SPECULATIVA
12479-thumb.jpg

NON CI SALVEREMO PIU' DALLA BOLLA SPECULATIVA

DI MASSIMO FINI
ilfattoquotidiano.it

Tradizionalmente le funzioni del denaro sono quattro:

1) Misura del valore,
2) Intermediario nello scambio,
3) Mezzo di pagamento,
4) Deposito di ricchezza.

Poco da dire sulle prime tre. Ma togliamoci dalla testa che il denaro sia ricchezza o che la rappresenti. Preso nel suo complesso il denaro non è nulla, un puro nulla. Se ne accorsero gli spagnoli agli albori del XVII secolo quando, dopo aver rapinato agli indios d’America tutto quanto potevano d’oro e argento (la moneta dei tempi, in Europa) si trovarono più poveri di prima. Nel suo Memorial Gonzalez de Cellorigo scrive con icastica lucidità: “Se la Spagna è povera è perché è ricca”. E Pedro De Valencia nel 1608: “Il male è venuto dall’abbondanza di oro, argento e moneta, che è stato sempre il veleno distruttore delle città e delle repubbliche.

Si pensa che il denaro è quello che assicura la sussistenza e non è così. Le terre lavorate di generazione in generazione, le greggi, la pesca, ecco quello che garantisce la sussistenza…

Ciascuno dovrebbe coltivare la sua porzione di terra e quelli che vivono oggi della rendita e del denaro sono gente inutile e oziosa che mangia quello che gli altri seminano”.

Ecco un buon argomento per la Camusso e anche per la sinistra se, dopo aver accettato tutto, il denaro, il mercato, la globalizzazione (l’industrializzazione, il marcio di tutti i marci, ce l’aveva,
marxianamente, nel sangue) fosse ancora capace di fare qualcosa di sinistra.

Come hanno reagito le leadership mondiali alla crisi dei ‘subprime’ del 2008, che seguiva la bancarotta del Messico del 1996, il crac delle ‘piccole tigri’ del 1997, il default dell’Argentina del 1999 ? Immettendo nel sistema, per usare le parole di Valencia, altro veleno, cioè altro denaro, creando così una gigantesca bolla speculativa che prima o poi ci ricadrà addosso con effetti planetari e devastanti.

Il popolo finché ha avuto la testa, cioè prima di essere influenzato dai giornali, ha sempre avuto in gran sospetto il denaro subodorando nei truffoni. Ma non solo il popolo. Aristotele, che nell’Etica
Nicomachea è stato il primo a occuparsi scientificamente di Economia e sosteneva che il denaro essendo astratto, e quindi, sterile Non poteva figliare altro denaro.

Si sbagliava. Ma fino a un certo punto. È stato anche grazie all’ipse dixit tradotto dalla Scolastica in un argomento più sottile oltre che religioso (il tempo è di Dio, e quindi di tutti, e non può
essere perciò oggetto di mercato) che la Chiesa nel Medioevo è riuscita a condurre una generosa, e spesso vittoriosa, battaglia non solo contro l’usura, come pudicamente sempre si dice, ma contro l’interesse.

Ma alla fine ha prevalso il mercante (oggi chiamato imprenditore) con la logica dell’investimento. È
qui che cambia tutto. Al quieto e circolare presente si sostituisce il dinamico e imperscrutabile futuro che dopo una travolgente cavalcata durata due secoli e mezzo ci ha portati alla situazione attuale,
un teorema insolubile: dobbiamo crescere ma non possiamo più crescere. L’Illuminismo ci ha illuso di essere degli animali intelligenti. Ma Nietzsche, che vedeva lontano, molto lontano, scrive: “In un angolo remoto dell’universo scintillante e diffuso attraverso infiniti sistemi solari c’era una volta un astro, su cui animali intelligenti scoprirono la conoscenza. Fu il minuto più tracotante e menzognero della ‘storia del mondo’. Ma tutto ciò durò soltanto un minuto.
Dopo pochi respiri della natura, la stella si irrigidì e gli ‘animali intelligenti’ dovettero morire… Vi furono eternità in cui l’intelletto umano non esisteva, quando per lui tutto sarà nuovamente finito, non sarà avvenuto nulla di notevole”.

Massimo Fini
Fonte: www.ilfattoquotidiano.it
23.11.2013

Pubblicato da Davide

  • Aironeblu

    cit: dopo una travolgente cavalcata durata due secoli e mezzo

    è stato sostituito il potere nobiliare con il potere monetario, i reami e le monarchie con le banche e la finanza di Sion. Quale dei due tiranni sia il peggiore è sotto i nostri occhi: ci toccherà affilare nuovamente le ghigliottine.

  • ottavino

    Massimo Fini è sempre il migliore perchè è l’unico che ha il coraggio di affermare l’unica verità che trascende ogni politica: l’uomo è un cretino.

  • Nauseato

    È “un cretino” o è “cretino”? C’è una certa differenza, tutto sommato.

  • Primadellesabbie

    Si, ma certo le monarchie dovevano essersi abbassate non poco di livello per farsi sostituire, ed alcune, precisamente quelle sopravvissute in qualche modo, avevano dato l’esempio da seguire, affidandosi per prime alla finanza ed alle banche.

    Non posso fare queste cose, io sono l’Imperatore! Così Francesco Giuseppe rispose, rifiutando, al consuocero Leopoldo II del Belgio che gli offriva una consistente partecipazione alla Chemin de Fer, la finanziaria con cui saccheggiava il Congo, che diverrà poi la Generale de Belgique.

    .
    Sarebbe un vero peccato omettere i puntini sugli i in questi casi.