Home / ComeDonChisciotte / NOAM CHOMSKY: SYRIZA E PODEMOS SONO LA REAZIONE ALL'ASSALTO NEOLIBERISTA CHE SCHIACCIA LA PERIFERIA
14446-thumb.jpg

NOAM CHOMSKY: SYRIZA E PODEMOS SONO LA REAZIONE ALL'ASSALTO NEOLIBERISTA CHE SCHIACCIA LA PERIFERIA

DI MIGUEL MORA

ctxt.es

Intervista a Noam Chomsky

A Boston è caduta la neve del secolo, il termometro segna 15° sotto zero, gli autobus non funzionano e le auto slittano. Alle undici di mattina, il Professore Emerito Noam Chomsky, linguista e filosofo di 86 anni, è già in piena attività, pronto per dare un’intervista a un giornalista francese nel suo ufficio del Dipartimento di Linguistica presso il ‘Massachusetts Institute of Technology’ (MIT).

Ci troviamo nel leggendario Stata Center, costruito in acciaio e mattoni da Frank Gehry. Le facoltà di Scienze dell’informazione, Intelligence e Informatica sono piene di studenti, con una stragrande maggioranza asiatica. All’ottavo piano, accanto a un ascensore, il covo di Chomsky e dei suoi seguaci odora di caffè appena fatto, e trasuda calma e cameratismo.

In un ufficio adiacente a quello di Chomsky c’è il novantenne Morris Halle, un piccolo barbuto dagli occhi vivaci, con la giacca piena di briciole e l’aspetto di uno che ha condiviso vodka e rivoluzioni con Bakunin. Il New Yorker ha paragonato la coppia di linguisti con Dante e Virgilio, con Sherlock Holmes e Watson. Halle, egregio linguista, fu colui che ha guidato Chomsky al MIT nel 1955, quando nessuno osava ingaggiare questo giovane Ebreo, luminoso fresco e appena dottorato ad Harvard. Nel 1968, i due hanno scritto a quattro mani il libro più importante della storia della linguistica, ‘The Sound Pattern of English’, che ha fatto per la fonologia-lo studio del suono di parole- ciò che Chomsky aveva fatto prima -a 29 anni- per la sintassi: gli dette forma e la trasformò una scienza.

Un’altra figura chiave nella vita di Chomsky è la sua segretaria, Bev Stohl, una bella donna che ripresa in disparte scherza sui maestri venerabili: “Guardateli lì, in due fanno più di 200 anni”. L’ufficio di Chomsky, pieno zeppo di libri sull’anarchia, la guerra, la storia e la linguistica, è luminoso e spazioso, ed è presieduto da due grandi foto di Bertrand Russell, idolo e riferimento del pensatore ateo e pacifista. Chomsky esce a ricevere il secondo intervistatore del giorno con gesto affabile e sorridente. Si nota subito che ha perso energia e udito e che ha la voce debole. Ma ascoltarlo è ancora tutta un’esperienza: dopo aver abbracciato tutte le cause giuste e perse, la vecchia piaga dell’imperialismo yankee statunitense continua ad essere un Chisciotte incurabile e un analista implacabile. Conserva una memoria prodigiosa per le date, fatti, libri e discorsi, non perdere il filo in nessun momento e mantiene la testa lucida, agile e potente.

Oltre a impartire lezioni, scrivere articoli e seguire i suoi studenti, Chomsky da conferenze ovunque venga invitato – “Ho l’agenda piena fino al 2016”, dice, e risponde personalmente a decine di messaggi e lettere ricevute ogni giorno. Secondo il suo segretario, “non dice mai no, ma semplicemente non lo so“. La prova arriva alla fine dei 45 minuti di colloquio, quando il giornalista lo invita a diventare presidente onorario del comitato di redazione di CTXT. Chomsky risponde: “Beh, non partecipo ai comitati … ma se è ‘onorario’ potrei!”.

La vedo sorridente. Continua a trovare ragioni per essere ottimista?

Beh, qualcuna c’è. Anche se non ne mancano nanche per essere pessimisti. L’umanità dovrà decidere, e non a lungo termine, se si vuole sopravvivere o dimenticare due minacce enormi e imminenti: una è il disastro ambientale, l’altra è la guerra nucleare. Il Bollettino degli scienziati atomici, che è stato il principale monitor in questioni nucleari e strategiche per molti anni, pubblica il famoso “orologio del giudizio”. Determina la distanza che manca alle lancette per la mezzanotte. E l’hanno appena spostato a tre minuti dal termine. E’ il punto più vicino nel quale ci siamo trovati da quando ci fu la crisi dei missili di Cuba. La minaccia nucleare è in aumento; E’ sempre stata notevole, ed è quasi un miracolo che le siamo fuggiti finora. In questo momento, gli USA stanno spendendo un miliardo di dollari per modernizzare ed aggiornare loro arsenale nucleare. Il trattato di non-proliferazione delle armi nucleari ci costringe a impegnarci per eliminare queste armi, e a mostrare segni di volerle eliminare. Niente di che. Russia continua la sua carriera, e anche alcune potenze minori.

Ma quasi nessuno ne parla.

Non se ne parla molto, ad eccezione di alcuni analisti strategici, esperti finanziari e altre persone interessate a questi argomenti. Ma ci sono gravi minacce. Uno è il conflitto in Ucraina. Si spera che le potenze frenino, ma se osserviamo i precedenti non è affatto certo. Solo un esempio: nei primi anni ’80, l’amministrazione Reagan decise di sondare le difese russe. Così simulò attacchi via terra e aria, comprendendo armi nucleari. Non dissero ai russi quello che stavano facendo, perché non voleva essere un simulacro ma creare un vero e proprio allarme. Fu un momento di estrema tensione. Reagan aveva appena annunciato iniziative strategiche di difesa, in stile Star Wars, ma gli analisti di entrambe le parti l’hanno interpretata come un’arma da primo colpo. Non è una difesa missilistica, se mai venga messa in funzione, ma una garanzia per attaccare per primi. Ora, man mano che gli archivi russi si sono resi pubblici, l’intelligence degli Stati Uniti ha riconosciuto che la minaccia era estremamente grave. Di fatto, un recente rapporto afferma che è quasi esplosa la guerra.

Quindi siamo vivi per miracolo.

Tornando alla domanda iniziale… Ottimismo? E ‘sempre la stessa storia, sempre. Non importa come si giudica ciò che sta accadendo nel mondo, si hanno fondamentalmente due opzioni. Si può scegliere di essere pessimista, dicendo che non c’è speranza e abbandonare ogni sforzo, nel qual caso significa contribuire a far sì che il peggio accada. Oppure ci si può afferrare a qualsiasi speranza –ce n’è sempre qualcuna-, e cercare di fare quello che si può -e forse così si è in grado di evitare un disastro, o addirittura di aprire la strada per un mondo migliore.

Lei cambiò la linguistica quando aveva 29 anni, poi ha cercato di cambiare il mondo. E continua a farlo. Immagino che quest’ultimo è stato più duro del primo. Ne è valsa la pena?

Cambiare la Linguistica è stato abbastanza duro! Ha un po’ di scienza, aspetti della filosofia contemporanea… credo di essermi trovato dalla parte giusta, ma sono parte di una piccola minoranza.

Direbbe che il bilancio è stato positivo?

Ci sono stati successi, non solo miei, ma anche di opposizione popolare alla violenza, la guerra, la disuguaglianza. Il movimento per i diritti civili -nel quale non ero una figura di riferimento, ma ero coinvolto, come molti altri-, ottenne obiettivi significativi, anche se non tutti quelli che perseguivo. Se ignoriamo la retorica ufficiale, la lotta di Martin Luther King si conclude nel 1963 con il suo famoso Ho un sogno che ha apportato diritti alla legislazione civile e un significativo miglioramento del voto e gli altri diritti nel sud. Ma King non si fermò a quel punto. Ha continuato a lottare contro il razzismo del Nord, ed ha anche cercato di creare un movimento per i poveri, non solo neri, ma per i poveri in generale. King è stato assassinato a Memphis (Tennessee), mentre partecipava ad uno sciopero dei funzionari. Poi, sua moglie, la sua vedova, ha guidato la marcia per tutto il Sud, in tutte le aree in cui vi era stata una rivolta, quando arrivò a Washington creò un accampamento, il Resurrection City. Quello fu il congresso più liberale della storia: le hanno permesso di rimanere un po’ ma poi inviarono la polizia durante la notte, distrussero il campo e sgomberarono tutti. Questa è stata la fine del movimento per la lotta alla povertà. Oggi sappiamo che gran parte del problema non è stato risolto.

Anche l’Europa sta vivendo il periodo più oscuro degli ultimi 50 anni.

Ci sono stati miglioramenti significativi, ma hanno incontrato una barriera. E quella barriera è peggiorata con l’assalto neoliberista sulla popolazione mondiale, che ha avuto inizio alla fine degli anni ’70 ed è decollato con Reagan e la Thatcher. L’Europa è oggi una delle più grandi vittime di queste folli politiche economiche, che sommano all’austerità la recessione. Anche il Fondo Monetario Internazionale dice che non hanno più senso. Ma ha senso da un altro punto di vista: stanno smantellando lo stato sociale e indebolendo i lavoratori per aumentare il potere dei ricchi e i privilegiati. Visto in questo modo, è stato un successo; il risultato è quello di distruggere le società, ma questo è una specie di piè di pagina al quale non fai caso se sei seduto negli uffici della Bundesbank.

La Società hanno iniziato a muoversi. Pensi che cambieranno le cose?

C’è una resistenza molto significativa contro l’assalto neoliberista. La più importante si verifica in Sud America, è spettacolare. Per 500 anni, l’America del Sud subì la dominazione di potenze imperiali occidentali, più di recente, USA. Ma negli ultimi 10 o 15 anni è iniziata una rottura. Questo è molto rilevante. L’ America Latina è stato uno dei soci più fedeli del consenso di Washington, e delle politiche di governo.

Il giardino sul retro …

-Ma ha cessato di esserlo; non del tutto, ma per la prima volta in mezzo millennio, questi paesi si stanno muovendo verso l’integrazione, che è un requisito per l’indipendenza. Erano divisi in passato, ma stanno iniziando a venire insieme. Il simbolo di questo è che l’America ha perso le sue basi militari in America Latina, l’ultima è stata chiusa in Ecuador. E un altro esempio lampante è quello che sta accadendo nelle conferenze continentali. Nell’ultima, tenutasi in Colombia, non riuscirono fare una dichiarazione congiunta. Il motivo è che ci furono due paesi che si opposero: Stati Uniti e Canada. Questo era impensabile in passato.

Guantánamo Ancora lì. Pensi che Cuba cercherà di recuperare la base nei colloqui a L’Avana?

Sono sicuro che ci proveranno, ma dubito che gli USA accetteranno.

Ho letto un suo recente articolo dove diceva che Obama è un liberale conservatore, un repubblicano moderato, e che quella di Nixon fu l’amministrazione più di sinistra della storia.

Nixon era un bravo ragazzo …; Oggi gli standard sono cambiati. Ora Nixon sembra uno di sinistra, e Eisenhower un radicale incendiario. Eisenhower, in fin dei conti, disse che colui che ritenga una follia la legislazione del New Deal non poteva far parte del sistema politico americano. Ora tutto ciò è sparito.

Obama non è di sinistra?

Il Termine sinistra negli Stati Uniti è ora utilizzato per il centro moderato, perché lo spettro si è spostato. Una vecchia battuta dice che l’America è un paese di un solo partito (il Partito degli affari) con due fazioni (democratici e repubblicani). Era abbastanza azzeccato ma ora non serve più. Rimane un paese di un solo partito, ma con solo una fazione: i repubblicani moderati. Questo è l’unico partito operativo. Si definiscono Democratici, ma sono simili a quello che dovrebbero essere i repubblicani moderati. L’altro partito, i repubblicani, sono usciti da quella definizione. Hanno abbandonato ogni pretesa di essere un partito parlamentare. E l’hanno riconosciuto. Uno dei leader più rispettati dall’opinione conservatrice, Norman Ornstein, descrisse i repubblicani come un insorgenza radicale che ha abbandonato il desiderio di partecipare alla politica parlamentare.

In quale direzione stanno andando i neocons?

Il partito si è mobilitato per raggiungere due obiettivi: primo, distruggere il paese e che sembri colpa dei democratici, in modo che loro possano tornare a governare. L’altro suo obiettivo è semplicemente quello di servire i ricchi e i potenti. Ma siccome non si può mettere in un programma politico, hanno fatto una cosa ragionevole: hanno mobilitato ampi settori della popolazione che era sempre stata lì, ma non era organizzata come forza politica. Uno di questi gruppi sono i cristiani evangelici, che formano una gran parte della popolazione. Ed ecco il nuovo capo del Commissione Ambientale del Senato James Inhofe, che dice: “E’ arrogante dire che gli esseri umani possono fare qualsiasi cosa anche contro la volontà di Dio, come il cambiamento climatico.” Questo è antidiluviano … Non si può neanche chiamare Età della Pietra, le tribù primitive avevano più criterio. Ma questa è l’essenza della base repubblicana, base estremista e cristiana evangelica. L’altro settore mobilitato è la gente terrorizzata. La società statunitense è ormai molto mista, ma la popolazione bianca sta diventando minoranza. In modo che ci sia un ampio segmento della popolazione, e un gruppo di politici che dice: “Ci stanno rubando il paese”. E’ un modo di dire che ci sono troppi volti scuri. Ispanici, per lo più.

-E i musulmani?

Anche, Ma gli ispanici sono oggi la principale fonte di paura.

Il Mito nazionale ha sempre agito contro l’invasione dei popoli “inferiori”.

E continua a farlo. Magari non ha una base storica o biologica, ma è nella coscienza collettiva. E ora siamo al punto in cui non solo il nostro patrimonio genetico anglosassone si vede minacciato, ma sopraffatto da questi stranieri che si stanno prendendo il nostro paese. Tutto questo è parte di ciò che l’ex partito repubblicano – devo chiamarlo ex- ha mobilitato come base per una politica che sfiora il delirio …

L’Europa ha preso un percorso simile…

E’ pazzesco come la Troika stia prendendo le decisioni in Europa. Può essere definito delirante se si tiene conto delle conseguenze umanitarie, ma dal punto di vista di quelli che la politica la disegnano non è delirante, gli sta andando splendidamente. Essi sono più ricchi e più potenti che mai, e stanno distruggendo il nemico, che è la popolazione in generale.

Aki Kaurismäki, il regista finlandese, lo chiama capitalismo sadico.

E’ che il capitalismo è intrinsecamente sadico; infatti, Adam Smith ha riconosciuto che quando gli si da libero sfogo e viene liberata da vincoli esterni, la sua natura sadica si manifesta perché è intrinsecamente selvaggio. Che cosa è il capitalismo? Massimizzare i profitti a spese del resto del mondo. Un famoso, James M. Buchanan, economista e premio Nobel ha detto una volta che l’ideale di ogni essere umano è quello di essere il padrone ed il resto del mondo sia il suo schiavo. Dal punto di vista dell’economia neoclassica, perché no, è questo l’ideale.

Un Mondo senza diritti nè responsabilità?

Un mondo senza regole dove i forti fanno ciò che vogliono. E dove, miracolosamente, tutto va alla perfezione. E ‘interessante vedere come Adam Smith lo descrisse nella famosa frase “mano invisibile” che viene utilizzato oggi. (…) Ora vediamo che, quando il capitale non ha restrizioni, ed in particolare i mercati finanziari, tutto esplode. Questo è ciò che l’Europa si trova ad affrontare oggi.

Sorprendentemente, 25 anni dopo la caduta del muro di Berlino, Syriza, un partito di sinistra, ha vinto in Europa. È come se le politiche della troika avessero resuscitato il nemico …

Io non la penso così … Per il semplice motivo che ci sono molti miti sul nemico. La Russia era più lontana dal socialismo di quanto lo siano oggi gli Stati Uniti; la rivoluzione bolscevica è stata un grande fallimento per il socialismo, ha causato un tirannia autocratica in cui i lavoratori erano ciò che Lenin chiamava un esercito proletario sotto il controllo di un leader che non aveva nulla a che fare con il socialismo.

Guardando indietro quindi Syriza non è dopotutto il pendolo della storia?

Per i modelli attuali, Syriza è un partito di sinistra, ma non lo è per il suo programma. Si tratta di un partito anti-neoliberista. Non esige che i lavoratori controllino l’industria …

No, ovviamente, non sono rivoluzionari.

Né socialisti tradizionali … E questa non è una critica, credo che sia positivo. E lo stesso vale per Podemos: sono partiti che si ergono contro l’assalto neoliberista che sta strangolando e distruggendo i paesi periferici.

Parliamo della stampa. Lei ha criticato aspramente il ‘New York Times’ e ‘The New Yorker’ in due recenti articoli. Il declino dei giornali tradizionali ha a che fare con la sua vicinanza al potere o, come dicono gli editori, è a causa di Internet?

Scrivo riguardo il ‘New York Times’ e ‘The New Yorker’, perché quello che mi interessa è quel tipo di limite liberale. Preferisco quelli che denunciano la Fox, che è uno scherzo. Ciò che è interessante sono le riviste intellettuali, in quanto stabiliscono i limiti esterni della critica accettabile. Essi sono una sorta di guardiano. Dicono: “Si può arrivare qui, ma non oltre”. Lo fanno per un particolare interesse. Da un punto di vista dottrinale io non credo che siano cambiati, proteggono strutture statali da tempo. Il rovesciamento della democrazia in Guatemala ha ricevuto un forte sostegno da parte dei media; il sistema parlamentare iraniano nel 1953 è stato molto sostenuto; la guerra del Vietnam, altrettanto grande sostegno per tutto il tempo. In realtà, l’unica critica che è stato fatta alla guerra del Vietnam finora è che è stata un fallimento. Quando Obama è stato considerato un grande eroe morale, perché si oppose all’invasione dell’Iraq, cosa disse la stampa? Disse che la guerra era un errore, certo, perchè l’hanno persa. Se fosse andata bene, sarebbe stato perfetto…

Guardiani del potere, ma non della democrazia?

La stampa sta vivendo un grave declino, ma credo che questo sia a causa del funzionamento dei mercati pubblicitari. I media mainstream sono grandi business, e vivono principalmente dalla pubblicità; Ora le loro fonti di capitale si stanno offuscando, e sono in declino. Se prendiamo, ad esempio, The Boston Globe, è stato un buon giornale, uno dei migliori del paese, ma ora non ha assolutamente notizie indipendenti, collabora con agenzie, ha appena corrispondenti. Lo stesso sta accadendo nel resto del paese. C’è un atteggiamento dottrinale, penso che è legato al funzionamento della società di mercato: se non si spendono abbastanza soldi, si cade.

E non le sembra strano che i media continuino a difendere il modello che li ha portati alla rovina?

Dal punto di vista dottrinale semplicemente in modo travolgente, non solo negli Stati Uniti, i media difendono il potere. Negli USA questo potere è il business e lo stato. Anche se ci sono delle eccezioni. Il Wall Street Journal, giornale leader quando si parla di business, ha pubblicato grandi storie di reati societari. Per fortuna, non siamo in uno stato fascista.

Miguel Mora

Fonte: http://ctxt.es/

Link

8.02.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di TORITO

Pubblicato da Davide

  • gimo

    Posso scriverlo?

    Ma si, dico sempre cio che penso, almeno quando commento…
    Che intervista di mer…da! 
    Se questi sono gli intellettuali di oggi, senza falsa modestia il mio benzinaio ed io siamo pronti per il nobel.  Mah!
  • rebel69

    "Per fortuna non siamo in uno stato fascista"…si, e per fortuna che noi siamo nel euro altrimenti con la Lira chissà come saremmo stati messi.

  • AcidBoy

    Posso dirtelo? che commento di m..!
    Se hai la fortuna di avere un benzianaio
    al livello di Chomsky, buon per te, sono convinto che fra un pieno e l’altro ci
    farai delle lunghe chiacchierate! La mia benzianaia invece è buona giusto
    per maneggiare la pompa…in ogni senso

  • gimo

    Capisco che è difficile comprende…..  

    Il mio benzinaio non è al livello di  Chomschi(?)
    È Chomsky che è al livello del mio benzinaio.
    Considerasioni da bar
    Leggére
    Superficiali
    Inuntili
    Dellw serie Non esistono piu le mezze stagioni.
    Cosa ha detto in questa intervist che non sapevi?
  • gimo

    Ps:  il lpieno???  Qua si va avanti  a 10,oo€  a colpo…….

  • GioCo

    Spesso si cerca nel Guru, che nella accezione moderna scientifica diventa lo studioso, il ricercatore, la voce autorevole a cui rifarsi. Voce che non ha di certo tutte le risposte ma a cui si rivolgono di contro tutte le domande e ci si aspetta, in quanto autorevole e "super-partes", risposte "sacre".

    Il benzinaio di certo ha una sua carica educativa e non ha meno "sentenze", ha solo una vita che lo rende diverso. Se non fossimo nella "società delle etichette necessarie", quella volatile, volubile, che compie di fretta valutazioni nell’ansia dell’emergenza, per la costante necessità di "rimanere in corsa", al passo dietro i propri impegni, forse ci accorgeremmo di quanto può o non può essere utile un benzinaio, anche per i consigli preziosi che ci restituisce, anche slegati dal suo mestiere, e quelli che può darci un ricercatore che fa dell’argomento che tratta, il suo mestiere. Non andremo molto lontano se dicessimo "se i medici fossero tutti come …" nel momento in cui ci porge la diagnosi, oppure "se gli insegnanti fossero tutti come …" nel momento in cui ci porge la pagella, nell’intento esplicito di denigrare la persona, tramite il giudizio sul suo mestiere, per svalutare il suo prodotto.

    Non va molto distante dal dimostrare che:
    a) viviamo di strutture mentali rigide che chiamiamo "libertà di giudizio"
    b) siamo costretti a svalutare la persona, obbligati a correre nelle piste del cervello costruite da altri
    c) vige il diritto dell’autodifesa che non può essere altro se non arroganza + ignoranza (grezza)

    Se sapessimo chi è Chomsky e perché dice quel che dice, entreremmo nel merito e potremmo anche avere una sana critica del suo pensiero. Non è di certo poco criticato, ma chi lo critica saggiamente non si sogna di svilire la persona, il suo lavoro e il suo impegno.
    Dobbiamo deciderci se vogliamo un futuro di guerra e giustizia benzinaia, o di dialogo che impone di stare nello squilibrio critico della nostra identità. Ci impone di misurarci nel merito dell’argomento, oppure di ascoltare senza sapere necessariamente "sacro" quel che viene offerto, ma solo una tra le tante possibili visioni del cosmo. Sintesi, necessariamente false perchè sintesi, di un pensiero che ha richiesto una vita intera per prodursi. Come per il benzinaio, chiaramente. Pari dignità e rispetto.

  • AcidBoy

    Ah ah in effetti era una frase fatta, quella del pieno, oppure speravo solo che
    fossi messo meglio di me! Per Chomsky ho comunque una sana ammirazione per tutto
    ciò che ha fatto nella sua lunga carriera, quindi anche se dicesse semplicemente
    "il sole è caldo", beh, non me la sentirei proprio di crocefiggerlo.

  • gimo

    No ma io nn lo crocifiggo. Per cqritae

    L’ho lettoo anche io e certamente ha contribuito molto soprattutto in usa a fare la voce fuori dal coro propagandista.
    Putroppo notavo cne l’intervista, le domande e le risposte sono piuttosto superficiali,
    Forse perche vorrei sentir intellettuali che fanno un’analisi, come si dice, di ampio respiro,  toccando argomenti tipo la violenta svolta antidemocratica del periodo storico, il potere degli oligarchi internazionali, il regime di fondo che va dalla scuola ai media….
    C’è tanta carne da poter mettere al fuoco
    Invece c’è Barnard che parla solo di stampare soldi per fre lal piena occupazione senza  minimamente porsi il problema dello svilppo, dell’evoluzione abominevole di questa societa neocapitalista ultra consumista e con lui appunto tutti quelli che si potrebbero definire intellettuali non vanno piu in la di queste dichiaraziohni banalotte gia sentite.