Home / ComeDonChisciotte / NICHI VENDOLA VA IN PENSIONE A 57 ANNI…

NICHI VENDOLA VA IN PENSIONE A 57 ANNI…

Nichi Vendola
DI NATALINO BALASSO
facebook.com

Per lui vitalizio da 5mila euro al mese. L’ex governatore della Puglia ha abolito il privilegio ai suoi consiglieri, ma la legge non è retroattiva. Per sè ha mantenuto anche l’assegno di fine mandato: altri 198.800 euro

Vendola si nasconde dietro il paravento degli attacchi omofobi, ma la realtà è questa: una buonuscita di 198.000 euro lordi + una pensione di 5000 euro lordi al mese. A 57 anni e dopo 10 anni di lavoro!
Di fronte a questo, dire: «se fossi milionario ci rinuncerei» è una solenne presa per il culo (l’ennesima) a tutti i fessi che credono nei guru comunisti.

Chiunque non abbia più il suo lavoro a 57 anni si fa il culo, scarica pacchi, lavora ai magazzini di frutta e verdura o si arrangia con lavoretti saltuari, si fa aiutare dalla famiglia e sa che fino a 66 anni la pensione se la scorda, il mondo della politica è una setta elitaria che non c’entra un cazzo con la realtà.

Lasciate perdere i guru, quando parlano della felicità e della realizzazione personale, non stanno mai parlando della vostra.

Natalino Balasso
Fonte: www.facebook.com
3.10.2015

Pubblicato da Davide

  • clausneghe

    Io ho solo due anni in più di questo repellente personaggio finto buonista che intanto se la fa con i padroni del vapore, anche e meglio se inquinato, vedi Ilva Taranto.

    Un finto alternativo con finto orecchino su giacca e cravatta ridicoli.
    Un parruccone moderno,di alternativo ha solo quel coso che gli penzola e che non ha capito bene a cosa serve.
    Ce l’ha con Grillo che lo sputtana alla grande e giustamente, dimenticandosi che se è lì a cazzeggiare sullo scranno più alto della Puglia è solo grazie ai voti dei grillini, che glie li diedero sulla fiducia, mal riposta, evidentemente.
    Io sono anni che mi arrabatto con i mestieri più umili pur di sopravvivere, essendo disoccupato e senza nessuna protezione dello Stato criminale, di cui il Vendola è un servo sciocco e vaneso.
    Me li scordo i mila e mila eurini che questi personaggi ricevono da mammona…
    Ma non li invidio, semmai li odio.
  • illupodeicieli

    Hai la mia compagnia. Ricordo ancora quando, negli anni 70, pensavo che prendessero un milione al mese: così ci aveva fatto credere un professore (un altro guru?forse, dato che alcuni prof avevano e hanno carisma, ascendente). 

  • mda1

    alla somma andranno aggiunti anche le indennità di parlamentare (13 anni sono circa 3500€) e quella da giornalista.

    chissà se rinuncerà…
  • andriun

    Non se la prenda, io ne ho sette di meno di anni, ma mi ritrovo disoccupato come lei, anche per ever esposto pubblicamente le mie idee(maschiliste/antifemministe: come UOMO non potevo fare altrimenti che essere coerente con me stesso). 

    Quella italiana è purtroppo una società effeminata, governata dalle donne, e la cosa diventa più palese quando vengono alla ribalta personaggi di questa risma che nascondono le proprie malefatte dietro l’accusa di omofobia(come se i froci dovessero essere simpatici a tutti), così come le donne che vogliono mantenere i propri privilegi, celano le proprie dietro quella di misoginia/maschilismo. 
    Ciò che li accomuna è che sia gli uni che gli altri predicano sempre bene, ma poi… e la gente il populino medio(composto per la maggior parte di effeminati) ovviamente non ci pensa neppure ad opporsi…dal momento che ci guadagna anch’esso qualcosa da queste ingiustizie. Il che è tutto dire.
  • Stodler

    Il problema è questo, trovano sempre gente che li vota.

  • temuchindallaCina

    Infatti, andrebbero presi a calci negli zebedei chi l’ha votato questo effeminato

  • temuchindallaCina

    53 anni e nelle stesse condizioni

  • permaflex

    Chiunque critichi Vendola verrà accusato di Omofobia.Questo è un avvertimento del Ministero del Terrore e della Paura(a norma UNI e secondo le disposizioni ECU,ELA’,ESU,EGGIU,EIA-ALALA’)

  • makkia

    Hahahaha!
    (nota: la forma "huahuahua" non è approvata in quanto sguaiata e quella "Bhuaahaahaa" è severamente vietata in quanto fomentatrice d’odio razziale/religioso/genderico)

  • makkia
    "Ma non li invidio, semmai li odio."
    Ti stimo. Da sempre e non solo sulle pagine di CDC. Questa tua frase è una conferma di quello che penso di te.

    Sono pressappoco nelle tue condizioni (il mio settore, l’informatica, per adesso tira ancora, ma le finte partite IVA si sprecano e comunque non durerà, si vede).
    E vivo immerso nei "garantiti" perché il pubblico e parastatale, nel quale lavoriamo quasi sempre, è ancora tutto così.
    E, per quanto mi sembrino ridicoli i loro "problemi" (turni, prepensionamenti, spending reviews e furibonde incazzature su mezz’ora di straordinario non pagata), non penso mai "dovreste provare sei mesi di interinalato, vedi come cambiereste registro" o robe simili.
    Perché loro stanno ancora nella dimensione del lavoro dignitoso, che deve dare la tranquillità del tempo libero e della famiglia, le garanzie per un futuro modesto ma certo, i freni al datore di lavoro nel commettere soprusi, le ferie, le malattie, ecc

    Sono un memento di com’era e dovrebbe essere, il lavoro. E non li invidio anche se vorrebbero farmeli odiare, nella guerra fra poveracci che viene sempre fomentata.

    Perché non è il denaro, il problema: sono i diritti negati e i privilegi ingiusti.

  • mago
    Ragazzi sono con voi…questo oltre che il logopedista da piccolo, da grande doveva cambiare parrucchiere e shampoo…capisco la vostra rabbia in quanto ci sono passato anche io..ma di incazzati ne vedo pochi e questo mi preoccupa…un augurio a tutti di cuore per risolvere al meglio le  situazioni personali..
  • Toussaint

    Detesto il ‘politicamente corretto’ e il buonismo insincero fine a se stesso. Ma quando è troppo è troppo. Le accuse decadrebbero se Vendola fosse un morigerato eterosessuale oppure un puttaniere incallito?

    E allora, pur nella comprensibile rabbia di chi sta soffrendo, che c’entra il ‘frocio di merda gli metterei un tappo di cemento nel culo’? Suvvia … 
  • andriun

    Toussaint, lei ha detto una cosa giusta. Le accuse non sarebbero differenti, se fosse eterosessuale, ma va anche detto che la distinzione oggi, sono loro i primi a farla tanto che sembra che la condizione naturale di qualsiasi essere non sia eterosessualità, ma l’omosessualità. In sè non c’è nulla di male essere froci, per quel che mi riguarda, ma non devono farlo passare come un fatto di cui essere orgogliosi, esiste e basta. Non sono meglio degli altri come loro stessi vogliono far credere.


    Ricordo che la Barilla per evitare ritorsioni nonchè boicotaggi ai loro prodotti, da parte del mercato americano ha dovuto ritrattare delle semplici affermazioni dove si diceva che la famiglia per Barilla era ancora quella tradizionale, ovvero composta da uomo e donna. Sacrilegio! Magari poi quegli stessi personaggi che hanno minacciato di boicottare i prodotti Barilla non li compravano nemmeno prima, ma questa è la potenza dell’apparenza e del mercato.

    Ovviamente quando il presidente della camera(una certa Boldrini), si perde su questioni di primaria importanza per lo sviluppo del Paese, dove si afferma che la pubblicità per par-condicio dovrebbe rappresentare l’uomo che serve a tavola in quanto la figura della donna appare maschilista o ancora dove il sindaco donna di un paesetto sale alla ribalta delle cronache locali/nazionali per aver affermato che sarebbe arrivato il momento di sentirsi chiamare sindachessa e non sindaco che appare alquanto maschilista, non c’è molto da stupirsene se poi alla fine ottengono sempre ciò che vogliono.

    Lo sfogo se mi permette di dare un’interpretazione, deriva proprio dal fatto che oggi qualsiasi accusa nei confronti di negro passa per razzismo, nei confronti di una donna, per misoginia e nei confronti di un frocio per omofobia. Forse è il momento di mettere un po’ di ordine in questa confusione e far notare che il razzismo nasce proprio quando si vuol negare ogni differenza che resta comunque palese a prescindere dagli sforzi che vengono compiuti per nasconderla. 
  • spadaccinonero

    un vero sostenitore del socialismo reale…

    il proprio
    XD
  • chiaro_davvero

    pienamente d’accordo, e ha dimenticato la gogna a cui sono andati incontro Dolce & Gabbana, notoriamente gay, per essersi dichiarati contrari all’adozione da parte di coppie gay. per molti l’omosessualità non è un fatto privato, personale, ma un’ideologia, se non una bandiera, e questo ormai vale per gli etero più che per i gay perchè fa parte del pensiero dominante.

  • Ercole

    Scusa Balasso ma perchè lo definisci  "comunista " ? Gli unici comunisti sono gli internazionalisti vale a dire coloro che lottano contro lo stato borghese e le sue istituzioni  ,e non quelli che giurano fedeltà alla costituzione parlamentare chiamiamoli con il vero nome : opportunisti e viscidi  servi dei padroni.

  • marcoferro

    e bravo dopo 10 anni di onorato lavora va in pensione alla faccia nostra con una pensione da nababbo sto stronzo parassita. mio padre a 70 anni col diabete e non vede più bene lavora ancora e gli danno una pensione di 480 euro, paese di merda che è il nostro.

  • Nathan

    Scusate se vado controcorrente, ma secondo me se gli spettano sti soldi soli deve prendere. Il concetto è che se ha lavorato per il bene del paese , si è sacrificato oltre ogni ragionevole limite per il bene dei suoi cittadini e ha posto i bisogni dei propri elettori sopra i suoi personale sti soldi se li è guadagnati. La domanda vera ha fatto tutto ciò? Inutile dire è troppo o troppo poco se uno lavora deve essere pagato, qui il problema è che sappiamo tutti che di lavoro questi ne vedono ben poco e dei bisogni dei loro cittadini men che meno. Io li pagherei il triplo se però mi risolvessero i problemi della sanità dell’istruzione delle pensioni! Invece purtroppo pensano solo a loro e quello che fa pensare è che i sinistri sopratutto dicono di lottare e lavorare per il popolo……

    Voglio vedere se alle prossime elezioni ci sono ancora milioni di xxxxxxxxx che votano sta gente.
  • egenna

    Grazie permaflex, non ero a conoscenza di tutti gli acronimi che hai postato,grazie ancora e cordiali saluti.

    egenna
  • egenna

    Comunque,forse non c’entra molto,ma consiglio a tutti i migranti e ai rifugiati,di presentarsi nella regione del suddetto elemento che vi vuole "abbracciare tutti" e ricevere il conforto che sbandiera a piene mani.

    Oppure all’ingresso, nelle marche mi sembra, della tenuta della seconda o terza carica dello stato,mi sembra( sono ignorante in materia), e ricevere lo stesso conforto che vorrebbe noi dessimo a tutti i migranti(per imparare il loro stile di vita),e che declama nelle sue esternazioni.
    Cordiali saluti
  • Georgejefferson

    E’ una questione di empatia verso gli oppressi Makkia, che fomenta un rancore che ha un fondamento di principio, non l’odio dettato dall’invidia. Di fronte all’operaio turnista da posto fisso a 1700 euro con 1 mese e mezzo di ferie, malattia ecc, quello che paga 1 euro e trenta il pasto mensa e si lamenta della cottura non sempre ottimale, il rancore legittimo e’ verso una larga fetta di popolazione a cui viene negato sistematicamente anche una piccola frazione di quella "civiltà", che spesso quello sopra che lagna in assemblea del pasto finge di non conoscere, finge che non esista. Senza i diritti per tutti abbastanza perequativi quelli rimanenti particolari sono illusioni di un mondo sotto attacco che può venire solo con la solidarietà di tutti. Quei residui di diritti sacrosanti servono al potere per cooptare quella parte di cortigiani del sistema (operai compresi) e illuderli di essere "classe differente", "classe superiore". Non per niente gli eroi moderni delle masse instupidite sono i "ricchi" che c’e’ l’hanno fatta, calciatori, cantanti ecc..

    Morrison, nella sua schifosa vita di eccessi, senza ipocrisia gli vomitava addosso ai fans chiamandoli schiavi.
  • andriun

    Nathan, sono d’accordo con lei se gli spettano vanno dati. Oltre però a ricordare come ha fatto lei che non gli spetterebbero in funzione di ciò che ha fatto o meglio non ha fatto a parte giocare sull’apparenza, come la società italiana effeminata è abituata a fare, va aggiunto anche che lui sti compensi gli ha negati ai suoi successori, votando un provvedimento che non poteva essere retroattivo: come viene riportato nell’articolo. 

    Ora un UOMO per coerenza rinuncerebbe allo stesso modo di come ha votato, ne un soldo di più ne uno di meno: tanto più che tale provvedimento deve avergli fruttato l’immagine pubblica di paladino degli italiani quasi fosse un ROBIN HOOD casareccio, quando è stato votato. Cosa, che da un effeminato con l’attenuante di frocio(almeno per lui è chiara  dalla parte in cui sta), non possiamo certo aspettarci che avvenga spontaneamente: se dovesse avvenire stia certo che avverrebbe solo perchè per lui non potrebbe esserci soluzione migliore. 
    Per quanto riguarda il voto, non ci giurerei, perchè il problema non è in superficie, ma come spiegato da me altre volte ben radicato nelle sue profondità. La mentalità da effeminato(che non significa necessariamente frocio) per l’italiano medio è difficile da sradicare troppi conflitti di interesse da combattere. Quindi "si tranquillizzi" questo resta solo un’ incidente di percorso a cui ne seguiranno altri.
  • makkia

    Beh, Claus dice "non li invidio, al massimo li odio".
    Condivido.

    Odiare si può: chi ti fa del male. Odiare per motivi economici è (oltreché meschino) il perfetto grimaldello del Divide et Impera.

    Il "rancore con un fondamento di principio" mi sta dunque bene. Purché non sia diretto contro il mio simile. E un operaio/impiegato, solo un po’ più fortunato di me, è un mio simile.
    Il "fondamento" del diritto a provare odio sta nel rivogerlo contro i bersagli giusti: i PROTAGONISTI della escalation di diseguaglianza sociale. E contro quelli indirizzo il mio rancore.
    Disapprovo completamente "il rancore legittimo" verso i garantiti. E’ guerra tra poveri.

    Quanto al cooptare i garantiti, si è sempre fatto. Al momento sono la massa di manovra che sostituisce (poco efficacemente) la defunta classe media, la famosa maggioranza silenziosa.
    Non sono conniventi, sono al massimo colpevoli di omissione di intervento. Però sanno benissimo di essere sotto assedio, anche se (è nell’umana natura) cercano di rimuovere il pensiero del momento in cui arriverà la mannaia anche per loro.
    Però sanno che fine hanno fatto i garantiti e pensionati greci. E sono capaci di rendersi conto che "la festa finirà". Mentre i politici sono sfacciati, fingono di non capire e, in un momento di sofferenza per tutta la popolazione, continuano imperterriti il loro percorso da "specie protetta".

    Mio fratello è uno dei garantiti (più verso i 1300 che i 1700, ma è lo stesso).
    All’inizio si sentiva in colpa e diceva "a me però questa crisi non mi sta toccando". Poi ha cominciati a sentire i morsi, ma sta ancora tirando la carretta come può. E non è cieco, semplicemente non sa cosa fare.
    Ieri a cena ho tirato fuori Vendola: mia madre l’ha difeso, anche con una certa violenza, coinvolgendo mia cognata. Pensionata e moglie di garantito, felicemente cooptati, inconsciamente temono il rancore contro Vendola perché "un domani" potrebbe rivolgersi contro di loro.
    Mio fratello no, prova disgusto e parla di schiaffo alla miseria.

    I miei colleghi (un precario e un garantito sono colleghi finché lavorano fianco a fianco) sono uguali: alcuni beceri, altri consapevoli.
    Sono miei simili.

    [Jim Morrison era un artista. L’arte deve disvelare porzioni di realtà, punti di vista, che non ci sono evidenti/familiari. Non fa testo, in questo discorso. L’arte è per le persone, non contro di loro. Discorso lungo]

  • Georgejefferson

    Si comprendo benissimo non ti do torto, ma e’ una eterna contraddizione a cui bisogna convivere. E’ il falso moralismo di chi ti accusa di NON far parte dei "protestatori" in fabbrica che si lamentano del pasto non sempre ben cotto ad 1 euro e trenta perchè sei contro I PRINCIPI E I DIRITTI, gli stessi che se ne sbattono le palle dei PRINCIPI E DIRITTI degli altri e te lo dicono anche riconoscendo l’interesse individualista come l’unico legittimo su questa terra (lo stesso principio alla radice della credenza che la concorrenza sia sempre un bene a priori). E ‘ mero egoismo, non solidarietà di classe. Poi certo, sono miei simili inconsapevoli e non li odio, almeno io personalmente

  • AcidBoy

    Hai tutta la mia solidarietà. Per il momento anche a me va bene, con
    l’informatica, ma fra un ingaggio e l’altro passano anche dei mesi, e il
    sussidio di disoccupazione? L’ultima volta ce l’ho fatta per il rotto della
    cuffia: ad un mio amico è stato negato perché "i fondi erano finiti"

  • AcidBoy

    di solito non sono troppo d’accordo con te, Andriun, mi sembri un pò "fissato",
    ma nel caso specifico ti quoto in toto (rima voluta)

  • AcidBoy

    "un effeminato con l’attenuante di frocio"

    AHAHAHAHAH
    GRANDISSIMA

    Comunque per me semmai è un aggravante…ma son punti di
    vista..