Home / ComeDonChisciotte / NESSUNO E' STATO
13961-thumb.jpg

NESSUNO E' STATO

Non è affatto vero che non c’è nessun colpevole per l’assassinio di Stefano Cucchi: è lì, in primo piano, è lo Stato che si rivela ormai come nemico a tutto campo dei cittadini, sua controparte storica. Uno stato con le travi marce sorretto a mala pena dalla pavidità e dall’arroganza insieme, dalle corporazioni, dai clan, dal bizantinismo leguleio, dall’irresponsabilità dei responsabili. E’ uno Stato dove i difensori dei cittadini si rivelano canaglie in proprio, i medici spergiuri di Ippocrate, l’insieme dalla macchina della giustizia elefantiaca e ottusa, che sfoggia il ghigno ebete e trionfante del suo premier forse scelto per rassomiglianza metaforica.

L’insieme di mala giustizia, mala polizia, mala sanità, malevole istituzioni costituisce il mal stato nel quale molti sguazzano fino a che pensano che sarà clemente e benevolo con loro, fino a quando si sentiranno protetti dalla corporazione, fino a quando potranno contare sul garantismo a senso unico. Chi ha garantito Stefano Cucchi? Perché è evidente che se le persone messe sul banco degli imputati non c’entrano, allora vuol dire che le indagini sono state fallimentari o che vi sono state coperture sulle quali dovrebbe indagare una nuova inchiesta. Così giusto per un minimo di dignità della quale lo stato nel suo complesso non presenta più alcuna traccia.

E mi chiedo se sia possibile che un funzionario di polizia, tale Gianni Tonelli, capo del sindacato Sap possa ancora indossare una divisa quando dichiara: “In questo Paese bisogna finirla di scaricare sui servitori dello Stato le responsabilità dei singoli, di chi abusa di alcol e droghe, di chi vive al limite della legalità. Se uno ha disprezzo per la propria condizione di salute, se uno conduce una vita dissoluta, ne paga le conseguenze. Senza che siano altri, medici, infermieri o poliziotti in questo caso, ad essere puniti per colpe non proprie”. Che insomma fa capire che se ti beccano con 20 grammi di marjuana – tra l’altro in via di diventare legale – chiunque ha diritto ad ammazzarti di botte? Sarebbe questo il tutore della legge, quello che dovrebbe difendere i cittadini? E’ tollerabile che lo stato annoveri tra i suoi sedicenti “servitori” chi si pone al di fuori e al di sopra della legge, implicitamente introducendo un’area di impunità sostanziale per i tanti casi Cucchi di cui è costellata la storia recente, ormai 150? Liberissimo di esprimere le sue idee primordiali, ma non con lo stipendio pagato dai cittadini. Sarebbero medici quelli che non si accorgono dello stato terminale di una vita, che non hanno il coraggio di opporsi e di denunciare, facendosi complici per pura vigliaccheria? Ma lo stato marcio avrà bisogno in futuro non di rappresentanti della legge, ma di bravi del potere pronti a reprimere, di pavidi cortigiani e di una giustizia sempre più immersa in questo solco. Dovrà fare sempre più affidamento sul primitivismo intellettuale e sul vuoto etico. Si farà ridente un selfie con la feccia.

Fonte: http://ilsimplicissimus2.wordpress.com

Link: http://ilsimplicissimus2.wordpress.com/2014/11/01/lassassinio-di-cucchi-il-killer-e-lo-stato/

1.11.2014

Pubblicato da Davide

  • lucamartinelli

    Ho già detto la mia nel Forum. Riporto qui solo l’essenziale. Non dobbiamo essere ingenui bensì pragmatici. La polizia, cane da guardia dei padroni, fa quello che le dicono di fare. Quindi lo stato (i padroni) non possono avere un comportamento schizofrenico: pima ti dico di fare una cosa eppoi, quando l’hai fatta, ti punisco. Chiaro? Lo stesso dicasi per le verità nascoste a proposito delle stragi. Se uscisse la verità su Piazza Fontana avremmo la verità su tutte le altre. Quindi mettiamoci l’animo in pace:  dobbiamo tenerci gli assassini e i sadici in divisa e anche uomini dei servizi che ammazzano a suon di bombe decine di persone. Infine una magistratura collusa col potere e profondamente corrotta, come dice l’avv. Franceschetti. Buona domenica.

  • dancingjulien

    ACAB 

  • tersite
    Forti coi deboli, deboli coi forti. E omertosi. Pessima figura, peccato per i tanti  poliziotti che svolgono il proprio lavoro con passione ed onestà.

  • rebel69

    Qualcuno si aspettava una fine diversa? Avrebbe cambiato qualcosa una condanna che poi non avrebbero scontato come nel caso Rasman?Provo un profondo dispiacere per la famiglia Cucchi e non mi rimane che prendere atto della situazione in cui versa il nostro paese. 

  • Ercole

    La storia ce lo ha insegnato la giustizia esisterà solo se si abbatte lo stato ( borghese ).

  • Gil_Grissom

    Uno stato che nella costituzione ha scritto a chiare lettere che si basa sull’antifascismo e poi usa metodi fascisti e’ chiaramente schizofrenico.

  • lanzo

    Di sicuro i camorristi (ben in carne, muscolosi e con agganci) arrestati nessuno oserebbe menargli.

    Detto questo, ma perche’ avrebbero voluto menare a sto’povero cristo ?
    Ossia, sei un tossico, pesi 40 chili, allora te meno ?
  • Jor-el

    Ogni tanto la polizia ammazza qualcuno. Fanno apposta o gli scappa? Secondo me è la prima.Vogliono dimostrare qualcosa: inculcare nella testa dei cittadini il concetto che la polizia ha in qualsiasi momento il potere di prelevarti e di giustiziarti. Che costituzione, leggi, avvocati, giornali e tutte quelle menate non possono proteggerti quando sei nelle loro mani.

  • rbk

    Non uno Stato ma lo Stato in genere  diventa psicopatico quando si tratta di difendere o acquisire potere.E’ la storia.

  • d_a_d_o

    NON SIETE STATO VOI – CAPARE£ZZA [www.youtube.com]

    Non siete Stato voi uomini boia con la divisa


    Che ammazzate di percosse i detenuti


    Non siete Stato voi con gli anfibi


    sulle facce disarmate prese a calci


    come sacchi di rifiuti

    Dal maxi processo NO TAV ancora in corso:

    Esiste, nei vostri codici di legge, una violenza legale ed
    una illegale
    .


    Noi siamo accusati della seconda, voi vi fate forza della prima ed
    essa è fondamento della legge a cui vi appellate.


    La vostra legale violenza è quella che rende possibile lo
    sfruttamento di milioni di persone, che uccide con le sue guerre
    “umanitarie”, che butta in strada chi non riesce a pagarsi un
    affitto, che devasta i territori in cui viviamo che ingabbia vite
    umane dentro CIE E GALERE.”

    Ciao
    Dario

  • Stevenson

    Presenza di neuroni nella testa di Gianni Tonelli?

    Rilevata un presenza molto scarsa.