Home / ComeDonChisciotte / NESSUNA SCOSSA. TUTTO PREVEDIBILE
15767-thumb.jpg

NESSUNA SCOSSA. TUTTO PREVEDIBILE

DI PEPE ESCOBAR

facebook.com

Nessuna scossa. Prevedibile. Una strategia politica molto intelligente . L’intera campagna di FN si è basata sull’ Alterofobia – la paura dell’Altro. La disoccupazione, l’insicurezza, il terrorismo: è sempre errore dell’Altro.

Nella foto: Marion Le Pen, nipote di Marine, festeggia la sua vittoria in Provenza-Alpi-Costa Azzurra

Ora, il loro mantra è il nazionalismo . “Noi siamo i veri nazionalisti”. e funzionerà . Non c’è da stupirsi, sia a sinistra che a destra sono confusi – usando lo stesso vecchio mantra dei “valori repubblicani” . I valori che essi non sono in grado di rispettare – afflitti come sono da tutto, dall’ossessione neoliberal alla corruzione .

Pepe Escobar

Fonte: www.facebook.com

Link: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10153736844906678&set=a.10150294029661678.381794.775051677&type=3&theater

7.12.2015 (5.00 pm)

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura della REDAZIONE

Pubblicato da Davide

  • PietroGE

    Analisi sbagliata. Il FN fa opposizione da 35 anni ed è in fase positiva dal 2002 ben prima degli attentati terroristici. La situazione economica è poi disastrosa da anni, con una crescita del PIL bassa e una disoccupazione in crescita costante. L’economia è stato un fattore altrettanto importante per la scelta del FN da parte dell’elettorato. Un altro motivo per votare FN è stato il disastro euro e una UE in crisi terminale.

    Il FN al potere sarebbe un disastro per il tipo di Europa, un regime votato agli interessi finanziari e alle lobby, che le élite hanno costruito in questi ultimi decenni.

  • vic

    Vero, tutto prevedibile. Pure i soliti commenti da sinistra.

    Qui in Ticino la rivoluzione stile FN e’ gia’ avvenuta da  anni, grazie ad un trascinatore anarcoide ma intelligentissimo come il compianto Nano Bignasca, uno molto sui generis, dal fiuto politico incredibile.
    La Lega dei Ticinesi venne osteggiata proprio da considerazioni simili a quelle di Escobar. Anzi la sinistra ancor oggi tira fuori i soliti triti epiteti di xenofobi, ecc. per contrastarla. Fa finta di non vedere che chi e’ entrato in governo con la casacca leghista ha svolto e svolge un ottimo lavoro. Giammai riconoscere il buon lavoro altrui! E fa finta di ignorare l’anima sociale leghsta.
    C’e’ qualcosa di patologico nel modo di ragionare della sinistra caviar. Talvolta e’ patologia dell’apparire, come nel caso un po’ pietoso dell’avv. Bernasconi. Ma spesso e’ ostinazione idiota nel rimanere attaccati a principi (l’internazionalismo) scambiati di ruolo (globalizzazione confusa con l’internazionalismo).
    I movimenti nazionalisti sono sacrosanti, perche’ difendono l’idea che qualcuno deve pur preoccuparsi di difendere le radici e specificita’ locali.
    L’altro aspetto che si tende a dimenticare della sinistra caviar, e’ quello di essere sostanzialmente per l’indebolimento del concetto di nazione: sono i primi a voler abolire l’esercito, ad essere contro l’inno patrio, anche se magari si rizzano in piedi cme burattini nel parlamento cantonale quando vien suonato l’inno UE. La sinistra e’ sempre e comunque una strenua sostenitrice di questa UE. E’ arduo capire perche’ sia cosi’, loro che dovrebbero difendere gli interessi degli individui lavoratori. I sindacati di sinistra, qui in Svizzera, sulla faccenda UE sono molto piu’ critici del PS, tant’e’ che arrivano a sostenere un candidato UDC/leghista al Consiglio Federale "perche’ difende gli interessi dei lavoratori". Altro che xenofobi.
    D’altronde come si fa ad essere xenofobi in un territorio di 350mila anime, dove giornalmente arrivano 65mila frontalieri e dove il 40% dei residenti e’ straniero.
    Eppure la remenano sempre ed ancora questa minestra stantia degli xenofobi.
    Sembrano un giradischi rotto, ovvero un meccanismo senza cervello, questi sinistri caviar.
    Questo visto da una collinetta fuori mano.
    Tutt ul mund l’e’ paes. N’est-ce pas.
  • Xeno

    "Nessuna scossa.Prevedibile"

    Certo sempre il giorno dopo si scrivono le cose.Mai che questi geni profetici anticipatamente ti dicono gli accadimenti.
    A Escobar…ma vedi d’anna’…….
  • MartinV

    In Francia uno sfondamento da parte del FN era atteso ben prima del massacro di Parigi… per cui è vero che era prevedibile… anzi gli attentati possono al limite aver dato una mano all’inguardabile Hollande che ha recuperato tanta popolarità nelle sue pose da presidente vero…

  • Toussaint

    Da un articolo di Sergio Cesaratto – Fra Marx e List – Sinistra, nazione e
    solidarietà internazionale:

    "Rifacendoci a uno spunto di
    Massimo Pivetti sosteniamo che lo Stato nazionale sia lo spazio più prossimo in
    cui una classe lavoratrice nazionale può legittimamente sperare di modificare a
    proprio vantaggio i rapporti di forza.

    Nell’aver sostenuto lo svuotamento
    della sovranità nazionale in nome di un europeismo tanto ingenuo quanto
    superficiale, la sinistra ha contribuito a far mancare a sé stessa e ai propri
    ceti di riferimento il terreno su cui espletare efficacemente l’azione politica
    contribuendo in tal modo allo sbandamento democratico del paese".

    Leggiamo anche cos’è che scriveva Gramsci:

    Gli intellettuali italiani non si sono
    mai sentiti organici, hanno sempre rifiutato, in nome di un loro astratto
    cosmopolitismo, ogni legame con il popolo, del quale non hanno mai voluto
    riconoscere le esigenze né interpretare i bisogni culturali.

    In molte lingue – in russo, in
    tedesco, in francese – il significato dei termini «nazionale» e «popolare»
    coincidono: «in Italia, il termine nazionale ha un significato molto ristretto
    ideologicamente e in ogni caso non coincide con popolare, perché in Italia gli
    intellettuali sono lontani dal popolo, cioè dalla nazione e sono invece legati
    a una tradizione di casta, che non è mai stata rotta da un forte movimento
    popolare o nazionale dal basso: la tradizione è libresca e astratta e
    l’intellettuale tipico moderno si sente più legato ad Annibal Caro o a Ippolito
    Pindemonte che a un contadino pugliese o siciliano».

    Ciao Pepe. 

  • sotis

    La le Pen non ce la può fare perchè:

    1) i due partiti sconfitti si metteranno d’accordo e la isoleranno
    2) i voti qualsiasi sia software anche se protetto da Oracle possono esser truccati in favore della "democrazia..ragion di stato o cazzate varie…
    3) i media prezzolati anche in Francia si scateneranno per cui molti faranno marcia indietro.
    E’ la stessa cosa che succederà al movimento 5S … il divario sarà tra loro e gli altri partiti che comandano il Titanic sarà tale da far gioire chi vota ma sarà reso nullo dalle alleanze. E gli italiani come al solito lo prederanno nel c…. nel loro interesse. O gli italiani in massa decideranno di votarlo con percentuali almeno del 60% oppure niente da fare… purtroppo l’italiano è interessato e soffre solo per il calcio di cui sa tutto e di cui fa l’allenatore quindi Renzi può star tranquillo. Non succederà nulla.  
  • mda1

    il movimento cinque stalle è stato inventato da enrico sasson uno che querela quando qualcuno gli sbatte in faccia la verità. vedi udienza 15 dicembre 2015.

    il movimento cinque stalle oggi è portato avanti da enrico casaloggia un ex dipendente di debenedetti.
    penso non ci sia nulla da aggiungere se non che beppe grullo farebbe meglio a levare le tende e a smettere di mettere il cappello su questa operazione di regime.
    paragonare il movimento cinque stalle con un movimento che da anni lavora per il bene dei connazionali come il FN è ingeneroso. per non dire altro.
  • MarioG

    Qui il caro Pepe sembra proprio inciampato: la riduzione del FN "all’Alterofobia" uno se l’aspetta dai giornali da Repubblica in giu’.

  • Hamelin

    Alterofobia un par de ciufoli …
    I Francesi si stanno rendendo conto che essere dominati da una Elitè che non si cura della volontà popolare e del suo benessere non è un progresso ma un passo verso un ritorno all"Ancien Regime .

    Essendo stati i Francesi i primi a ribellarsi contro il predominio di un Elitè Oligarchica con la Rivoluzione Francese il loro voto sembra una logica conseguenza .

  • Vocenellanotte

    ?¿???

    Sei fuori . . . e I! 15 dicembre non è ancora arrivato!
  • venezia63jr

    mda1,
    vedo che siamo in sintonia, noi abbiamo capito come funziona altri preferiscono
    ancora i dialoghi da bar o da finti intellettuali, li’ dove la verita’ e’ evidente, hanno mandato
    i ragazzi dei 5s al macello, li hanno smembrati, quando si riprenderanno saranno
    uguali ai partiti extraparlamentari, i pochi che hanno resistito alla cooptazione nei partiti
    maggiori. Agnelli fra i lupi.E luoi travestiti da agnelli.

  • venezia63jr

    Scusa ma la le pen secondo te viene dalle banlieu parigine?

  • venezia63jr

    Guarda che i francesi non volevano la morte del loro re, e neanche volevano la liberta’ tanto decantata dai libri di storia, non sapevano e non sanno ancora cosa significa liberta’.

  • mda1

    2 buoni su 180 che han portato in ragliamento.

    roba da prendere a calci in culo il grullo e il lennon brutto.
    ah già era tutto pianificato. gli basta portare i fessi al voto che così il M5S fa il RMG. Si come no.
  • Tao

    Vado ancora una volta controcorrente. Molti editorialisti spiegano il trionfo di Marine Le Pen evocando le solite argomentazioni: parlano di una destra ovviamente populista, di risposta agli attacchi terroristici dell’Isis, di errori della destra gollista e della sinistra socialista. Pochi arrivano al punto.

    Mi spiego: il Fronte Nazionale di Marine Le Pen non può essere liquidato come “populista” e tanto meno razzista per la semplice ragione che non è più il Fronte nazionale del padre, ma un partito diverso, che nei toni non si pone più all’estremità dello schieramento politico, ma si propone come erede del gollismo e dei valori più autentici della République. E’ diventato – o sta diventando – una grande formazione di centrodestra, capace di parlare a un elettorato trasversale, che parte dalla base più sciovinista, passa per la piccola e media borghesia e giunge persino a sedurre alcune fasce della sinistra moderata, oltre che – come accade già da tempo – le periferie delle grandi città che hanno subito per primi l’impatto con l’onda migratoria. Occupa uno spazio che sia il centrodestra sia il centrosinistra tradizionali hanno abbandonato o meglio hanno presidiato solo verbalmente, perdendo credibilità per l’evidente contraddizione tra la retorica ufficiale e il comportamento dei loro politici, che hanno guidato la Francia negli ultimi anni e che hanno fatto sovente il contrario di quel che avevano promesso, generando smarrimento e alla fine sfiducia.

    Il fattore Isis non è stato decisivo, anzi poterebbe aver limitato la corsa della Le Pen per la semplice ragione che in ogni Paese di fronte ad attacchi terroristici gli elettori tendono a unirsi attorno alle istituzioni. E’ avvenuto negli Stati Uniti dopo l’11 settembre, più recentemente ad Ankara dopo l’attentato ai manifestanti pacifisti che ha spalancato le porte alla vittoria di Erdogan. Se domenica i francesi avessero votato per le politiche, il Fronte Nazionale avrebbe ottenuto meno consensi, il fatto che si siano recati alle urne per le regionali ha attenuato questo effetto. Di certo la vittoria del Fronte Nazionale non è attribuibile al terrorismo.

    Marine Le Pen ha vinto perché è stata l’unica ad aver interpretato correttamente il profondo disagio che attraversa la società francese, un malessere al contempo economico, sociale, identitario e per averne chiaramente indicato la fonte: è l’Unione Europea che con le sue norme astruse paralizza l’economia, è il rigore imposto in difesa dell’euro che carica di tasse i cittadini, smantella lo stato sociale e scoraggia le imprese, è l’arroganza della Germania che anziché adoperarsi per correggere gli squilibri industriali e commerciali di cui è l’unica beneficiaria fa di tutto per protrarli all’infinito. E’ lo smarrimento per il comportamento di un Occidente, guidato dalla Casa Bianca, che non difende più la stabilità ma promuove inutili e pericolosissime tensioni alle porte dell’Europa, con la Russia di Putin e nel Vicino Oriente e che genera fenomeni destabilizzanti come la migrazione di massa, diventando ostaggio di un partner irresponsabile ed estremista come la Turchia di Erdogan.
    E’ la continua erosione della sovranità di un Paese che non ha più la facoltà di essere padrone del proprio destino ed è costretto a subire il continuo depauperamento del proprio sistema economico e sociale.

    Gli altri partiti non possono affrontare di petto queste tematiche poiché sono legati esplicitamente o implicitamente all’establishment internazionale che governa male, anzi malissimo, l’Europa. Marine Le Pen, invece, rifiuta l’abbraccio con quelle élite, parla chiaro, rassicura l’elettorato distanziandosi dal vecchio Fronte Nazionale e oggi, benché il processo di conversione del suo partito non sia ancora concluso, vince.

    Marcello Foa
    Fonte: http://blog.ilgiornale.it
    Link: http://blog.ilgiornale.it/foa/2015/12/07/marine-le-pen-vince-perche-non-e-piu-populista/
    7.1.2015

  • mixmux

    sempre che non trovino una scusa tipo "sicurezza nazionale" e rimandino di nuovo le elezioni.

  • Earth

    Il m5s e’ l’unico a dire che la palestina e’ un paese che va riconosciuto e israele fermato per crimini di guerra.

    Vuole levare le sanzioni alla Russia.
    Inserire il reddito minimo garantito a 780E.
    Vuole eliminare le vendite di armi italiane agli stati in guerra.
    Sta lottando contro la restrizione dei diritti civili e l’allargamento ai diritti sulle armi.
    ma voi 2 siete per caso affiliati a forza nuova o casapound?
  • Fedeledellacroce

    Ma tu invece che pensi, che il "socialista"Hollande o il nanetto Sarkoza’ vengono dalle banlieu?