Home / ComeDonChisciotte / NERONE E I CRISTIANI: LA MILLENARIA FROTTOLA DELLA PERSECUZIONE
11618-thumb.jpg

NERONE E I CRISTIANI: LA MILLENARIA FROTTOLA DELLA PERSECUZIONE

DI MASSIMO FINI
gazzettino.it

In margine alla visita del Papa alle grotte di San Pietro per pregare sulla tomba che conterrebbe le ossa dell’apostolo è rispuntata fuori la millenaria fandonia di Nerone «primo persecutore dei cristiani». Nerone non perseguitò mai i cristiani in quanto tali, per la loro fede. In materia religiosa era, nel solco della migliore tradizione romana, estremamente tollerante. La questione è un’altra.

Tutto nasce dal devastante incendio che nella notte fra il 18 e il 19 luglio del 64 colpì Roma e vi infuriò per alcuni giorni. Non era certo il primo. Ce ne erano stati nel 6, nel 27, nel 36, nel 54. Ma quello del 64 fu il più disastroso.La Roma di allora era stretta fra vicoli tortuosi, dove il popolino faceva un uso disinvolto e spesso irresponsabile di bracieri, di fornelli, di torce fra catapecchie di legno che aspettavano solo di prender fuoco (e Nerone ricostruirà Roma in pietra ignifuga).

L’incendio fu casuale. Che Nerone ne sia stato l’autore nessuno storico serio, né antico né, tantomeno, moderno l’ha mai sostenuto. Saranno il pettegoliere Svetonio, sett’anni dopo i fatti, e Dione Cassio un secolo dopo Svetonio a costruire l’immagine di un imperatore che «dall’alto del Palatino», munito di cetra osserva la distruzione della capitale per ispirare la sua musa. Ma Nerone sul Palatino non ci poteva essere per la semplice ragione che era in fiamme.

Quella notte Nerone si trovava ad Anzio e, a cavallo, si precipitò a Roma per dirigere le operazioni dei soccorsi con una serie di misure degne, seguendo il racconto di Tacito che pur gli era ostilissimo, di una moderna protezione civile.

L’incendio fu casuale. Ma non è escluso che, alcune frange di estremisti cristiani, che vedevano la Roma baccante di Nerone come una nuova Sodoma e ne sognavano la distruzione, ci abbiano messo una manina per alimentarlo (lo stesso Paolo, nella ‘Lettera ai romani’ si mostra preoccupato per l’estremismo di alcuni suoi compagni di fede). In ogni caso la comunità cristiana ebbe l’imprudenza di manifestare la propria gioia per quella immane catastrofe. Per questo gli uomini di Tigellino diressero la loro attenzione verso quelle parti. Alcuni confessarono prima ancora di essere arrestati: per la gloria del martirio, come i moderni terroristi islamici, anche se probabilmente non avevano fatto niente. In tutto ne furono arrestati 300. Alcuni vennero assolti, altri condannati a pene minori, 200 a morte. I processi furono accurati, durarono due mesi, tanti per la veloce e pragmatica giustizia romana. Le pene terribili: arsi vivi, crocefissi, dati in pasto ai cani. Tutto si svolse secondo le leggi e i costumi dell’epoca. Niente di più. Ma anche niente di meno. In quella occasione Nerone, «per quanto forte fosse la sua avversione per le pene capitali» (Grant) usò il massimo rigore. Ma se le autorità romane credevano, a torto o a ragione, che frange di estremisti cristiani fossero responsabili di un atto terroristico così grave, di fronte al quale quello dell’11 settembre impallidisce, la reazione non fu sproporzionata: 200 esecuzioni su una comunità che contava 3000 persone e che, in quanto tale, non fu toccata. Lo stesso Paolo, il leader dei cristiani a Roma, poté continuare la sua predicazione e nessuna conseguenza ci fu per i cristiani delle province. E in seguito, durante il principato di Nerone, non fu varata nessuna legge che proibisse ai cristiani di professare la propria fede. Le persecuzioni cominciarono dopo con Domiziano (81-96), e proseguirono con Adriano, Antonino Pio, Marco Aurelio, Settimio Severo, Massimino, per assumere, con Diocleziano, le forme del genocidio. Ma con tutto questo Lucio Domizio Enobarbo, alias Nerone, non c’entra nulla.

Massimo Fini
Fonte: http://www.gazzettino.it/
5.04.2013

Pubblicato da Davide

  • Behemot

    …… WOJTYLA SOFFERENTE NON TI PIACEVA …. BERGOLIO ALLE GROTTE …. NEANCHE …. NON TI PARE, CHE TI STAI FISSANDO ??? …

  • qasiqasi

    questi primi cristiani,poverini,sono stati così perseguitati che ad un certo punto il loro credo è diventato la sola religione dell’impero.con diritto di sequestro dell’oro dei templi pagani e successiva spartizione dello stesso oro con le autorità imperiali.il sistema “chiagne e fotte”(trad.piangere e fottere contemporaneamente)funziona sempre.basti pensare a quante “minoranze” lo adottano ancora ai giorni nostri.

  • Stopgun

    Il dichiarare di aver subito una persecuzione suscita una “pietas” nel chi ascolta e può dare origine ad due aggregazione di persone che altrimenti non coalizzerebbero per nessun altro motivo (vittime e carnefici)

    E’ il fenomeno del vittimismo oppure del nonnismo.

    Chi pensa male, immagina che un’organizzazione superiore possa sfruttare a suo uso questo tipo di vittimismo, vero o falso che sia.

  • consulfin

    ma dove lo leggi che bergoglio non gli piace?! A me sembra solo una ricostruzione storica.

  • Terence

    Nerone era un pazzo testa di cazzo, fece uccidere la sua prima moglie e la sua stessa madre, poi una sera diede un calcio alla sua seconda moglie incinta, Poppea. Dopo poco anche lei morì. Lui ne fu così dispiaciuto che quando trovò un giovinetto che le assomigliava, lo fece castrare e lo sposò.
    Nerone da molto tempo aveva il desiderio di ricostruire Roma, per questo la fece bruciare.
    Non furono incolpati i cristiani, a quel tempo non se li cagava nessuno. Furono incolpati gli schiavi, con cui tutti se la prendevano quando bisognava ammazzare qualcuno.
    La storia della persecuzione dei cristiani ai tempi di Nerone, venne aggiunta poi nei libri di storia per accreditare l’esistenza di un Gesù in carne e ossa con tanto di apostoli che giravano per l’impero a propagandare il verbo. In realtà a quei tempi a Roma erano inesistenti.

  • iVi

    ebrei cristiani mussulmani….stesso dio stessa cultura terroristica di base, stessa predisposizione patologica per la falsificazione della storia……roma pagana ritornerà sovrana. Mi vengono in mente gl idioti che parlano di origini giudaico-cristiane dell europa: in realtà l europa unita era la sola europa pagana creata dai romani…..mentre i monoteismi giudaico-cristiano sono religioni africane e il cristianesimo (volgarizzazione del ebraismo razzista) si è diffuso prevalentemente attraverso genocidi, guerre e conversioni forzate…..i monotesisti terroristi hanno sempre e solo diviso, ucciso, rubato in nome del loro piccolo meschino, arrogante dio.

  • Caleb367

    Mi sa che è uno di “quelli” che partono in quarta appena sentono una delle parole magiche.
    Se avessi letto tutto l’articolo invece di fermarti alla prima metà della prima riga, caro il mio fanatico, ti saresti accorto che si tratta, come dice consulfin qui, di un articolo di ricostruzione storica.
    E tra le altre cose, le maiuscole e le minuscole non sono la stessa cosa. E i puntini sospensivi non vanno in sciami.

  • Caleb367

    E tutte queste belle cose vengono da fonti ovviamente attendibilissime, come quelle che certificavano la donazione di Costantino.

    Una cosa sono le cronache storiche (anche e soprattutto quelle di Roma, le versioni cambiavano e anche molto a seconda delle simpatie o protezioni politiche dello storico di turno) un’altra i pamphlet di propaganda.

    Tanto per esercizio mentale: secondo voi come sarebbe stato visto Giulio Cesare, se l’avessero spuntata i pompeiani? Che idea avremmo oggi di Ottaviano, se avesse vinto Marc’Antonio?
    O in tempi più recenti: cosa direbbero i libri di storia di Garibaldi e Cavour, se avessero vinto i borbonici… o gli austroungarici?

  • Terence

    Per quanto riguarda Nerone, la mia fonte è Will Durant: Storia della civiltà classica. Volume II: I Secoli dell’Impero. Per quanto riguarda i cristiani: La Cospirazione Di Cristo di Acharya e molti altri. Quindi dimmi, quali sono le affermazioni che trovi errate?
    Aspetto.

  • qasiqasi

    è vero. le religioni abramitiche hanno lasciato una scia di sangue, lungo i secoli, in tutto il mondo.e purtroppo , a causa della madre degli imbecilli che è semre incinta,stanno continuando.

  • Zret

    Lo storico Carlo Pascal ritiene che fu una setta di Messianisti ebrei (i cristiani alias paolini non esistevano ancora, non a Roma) ad appiccare l’incendio.

  • remox

    Ma per favore….estremisti cristiani nella Roma del 64 DC? E’ una tesi che fa ridere i polli e per citare Fini nessuno storico degno di questo nome e attento al proprio onore si sognerebbe di accreditare una simile scemenza. Visto che ha citato l’11 settembre, una palese false flag, non gli sorge il dubbio che le manie neroniane da imperatore orientale che portarono al suicidio lo stesso Seneca fossero alla base del progetto di ricostruire una Roma più “Grande”? E quale metodo migliore di appiccarle un bell’incendio? In fin dei conti venne distrutta in particolar modo la Roma povera. E i cristiani erano il capro espiatorio da utilizzare per deviare la colpa verso una comunità nuova e considerata sospetta. Due piccioni con una fava.
    Proprio quello che hanno fatto “the amerikans” con i musulmani con l’11 settembre.
    Il fatto che sia una storia antica non significa che debba essere storpiata in modo così vergognoso…per ottenere cosa poi, la riabilitazione di Nerone come immagine del Principe? Il Caro Leader Kim? Ma per favore…

  • affossala

    Si da il caso che una di queste religioni, abramitiche afferma che tutto il creato è opera ed appartiene ad un essere personale Creatore di tutte le cose , quelle visibili e quelle invisibili .
    Come si fa a trascurare questo ? In nome di quale freddura darwiniana o altro ? Che la materia e l’ universo contenga tanta intelligenza , molto di più di quanto ne contegano tutti gli esseri umani messi insieme dall inizio della loro esisienza ad oggi ,è oramai certo, lo afferma la scienza , qiuindi come si fa a trascurare l’ esistenza di questo essere personale che poi è quello che guida la storia dei popoli secondo suoi fini reconditi e sconosiuti ai più ?
    Quella che vediamo nel mondo è la giustizia che sanno fare le sue creature , poi vedremo una giustizia che sa fare LUI . Sarà un paragone tremendo e troppo tardivo per i piu .

  • affossala

    “L’incendio fu casuale. Che Nerone ne sia stato l’autore nessuno storico serio, né antico né, tantomeno, moderno l’ha mai sostenuto.
    L’incendio non fu casuale , Fini lo ha scoperto è ha le prove ……..quindi può fare la sua morale a noi e raccontare le sue ca**ate agli ignoranti .

  • FreeDo

    Immagina non ci sia il Paradiso
    prova, è facile
    Nessun inferno sotto i piedi
    Sopra di noi solo il Cielo
    Immagina che la gente
    viva al presente…

    Immagina non ci siano paesi
    non è difficile
    Niente per cui uccidere e morire
    e nessuna religione
    Immagina che tutti
    vivano la loro vita in pace…

    Puoi dire che sono un sognatore
    ma non sono il solo
    Spero che ti unirai anche tu un giorno
    e che il mondo diventi uno

    Immagina un mondo senza possessi
    mi chiedo se ci riesci
    senza necessità di avidità o fame
    La fratellanza tra gli uomini
    Immagina tutta le gente
    condividere il mondo intero…

    Puoi dire che sono un sognatore
    ma non sono il solo
    Spero che ti unirai anche tu un giorno
    e che il mondo diventi uno