Home / ComeDonChisciotte / MILITARI USA: COME INFLUENZARE GLI UTENTI DI TWITTER GRAZIE AD UNA RICERCA FINANZIATA DA DARPA

MILITARI USA: COME INFLUENZARE GLI UTENTI DI TWITTER GRAZIE AD UNA RICERCA FINANZIATA DA DARPA

FONTE: GUARDIAN.COM

Le attività degli utenti di Twitter e altri social media sono state registrate e analizzate come parte di un grande progetto finanziato dai militari USA, all’interno di un programma che copre aspetti simili al controverso esperimento di Facebook sul controllo delle emozioni attraverso la manipolazione del suo feed di news.

La ricerca, finanziata direttamente e indirettamente dal centro di ricerca del Dipartimento di Difesa statunitense , conosciuto come DARPA, ha coinvolto utenti dei più grossi social, inclusi Facebook, Twitter, Pinterest e Kickstarter. Lo studio riguarda le connessioni tra social networks e come i messaggi si diffondono all’interno di essi.

Mentre alcuni degli aspetti della progetto (costato milioni di dollari) possono far sorridere come ad esempio la ricerca ha incluso l’analisi dei tweet di celebrità come Lady Gaga e Justin Bieber, nel tentativo di capire l’influenza che questi hanno su Twitter, altri invece hanno avuto come risultato la creazione di un enorme database di tweet ed altri messaggi di social media.

Alcuni studi sono andati oltre il semplice monitoraggio dei messaggi scambiati: ad ignari partecipanti sono stati presentati messaggi preparati ad-hoc con lo scopo di monitorare le loro risposte.

Prima che scoppiasse la controversia di Facebook, DARPA pubblico’ una lunga lista dei progetti finanziati tramite il programma SMISC (Social Media in Strategic Communication), includendo i collegamenti a tutti i paper e i riassunti delle ricerche.

La lista dei progetti comprendeva tra l’altro uno studio di come gli attivisti di Occupy avevano usato Twitter e altre immagini virali, e una ricerca per capire come azioni del tipo “mi piace”, “retweet” e “seguimi” scaturiscono e si diffondono in piattaforme come Pinterest, Twitter, Kickstarter, Digg e Reddit.

DARPA, creata nel 1958, e’ responsabile per la ricerca tecnologica all’interno della Difesa americana. Tra i suoi successi e’ bene ricordare Arpanet, il precursore dell’odierno Internet, e numerose altre innovazioni, come ad esempio Onion, la tecnologia che permette il collegamento ai server anonimi di Tor. A causa di alcuni progetti di natura più “esoterica”, tipo braccia robot controllate dalla mente, programmi di sorveglianza di intere città e eso-scheletri, l’agenzia e’ diventata il bersaglio di molte teorie complottiste e protagonista di programmi come gli X-Files.

Presentato nel 2011, il programma SMISC era considerato come una scommessa dei militari USA per l’individuazione e creazione a tavolino di campagne di propaganda sui social media.

Sulla webpage dove erano stati pubblicati i link ai paper delle ricerche, DARPA scrive che lo scopo generale del programma SMISC e’ quello di “sviluppare una nuova scienza dei social networks fondata su una base tecnologica emergente. … Attraverso il programma, DARPA cerca di sviluppare strumenti che facilitano il lavoro degli operatori umani per contrastare la disinformazione e la propaganda ingannevole con informazioni veritiere”.

Ad ogni modo, i documenti della NSA (National Security Agency) rivelati da Snowden indicano che gli USA e l’Intelligence inglese hanno lavorato a stretto contatto per pianificare l’utilizzo dei social media a scopo di propaganda e inganno.

Documenti preparati dalla NSA e dall’inglese GCHQ (il corrispettivo del DARPA nel Regno Unito, n.d.t), e precedentemente pubblicati da the Intercept e dalla NBC News hanno rivelato alcuni aspetti di questi programmi. Si menziona un’unita’ impegnata a “screditare” i nemici dell’agenzia con false informazioni diffuse online.

All’inizio di quest’anno, la Associated Press rivelo’ inoltre la creazione da parte dell’USAid della versione cubana di un network simile a Twitter con lo scopo di screditare il governo di Havana. Il network, gestito da societa’ di comodo e finanziato da banche estere, e’ durato per più di due anni e ha attirato decine di migliaia di utenti. Ha cercato in tutti i modi di sottrarsi alle limitazioni all’accesso a internet da parte del governo di Cuba grazie ad una piattaforma molto primitiva.

DARPA ha destinato 8.9 milioni di dollari alla IBM attraverso una serie di ricercatori accademici . Altri 9.6 milioni di dollari sono stati destinati a centri di ricerca quali il Georgia Tech dell’Università’ dell’Indiana.

Facebook, il primo network al mondo, si e’ scusato per lo studio da lui promosso nel 2012, che ha coinvolto test psicologici su quasi 700,000 utenti senza il loro consenso. Il fatto provoco’ una marea di proteste sia dagli utenti che dagli esperti, essendo stato “comunicato in maniera poco chiara” al pubblico.

L’esperimento, i cui risultati sono stati pubblicati nel numero di Marzo del Proceedings of the National Academy od Sciences, si realizzo’ nascondendo una “piccola percentuale” di parole di natura emotiva dai loro feed, senza che lo sapessero, per testare l’effetto che si ha sul loro “status” o “likes”, come reazione.

Sembra comunque che Facebook fosse coinvolta in almeno un altro progetto di ricerca finanziato dai militari, secondo i dati pubblicati da DARPA recentemente.

La ricerca e’ stata portata avanti da Xuanhuai Wang, un ingegnere di Facebook, e Yi Chang, lo scienziato di punta di Yahoo Labs insieme ad altri ricercatori presso l’Università’ del Michigan e California del Sud.

Il progetto, che si occupa di studiare in che modo gli utenti comprendono e consumano le informazioni su twitter, ad un certo punto ha analizzato i tweet e retweet e altre interazioni generate da Lady Gaga (descritta come “la più popolare utente di elite su Twitter) e Justin Bieber (“che e’ estremamente popolare tra i teenagers”).

Altri studi si sono spinti oltre. Uno, in particolare, sullo “Studio delle interazioni sociali su Twitter”, che e’ stato pubblicato dall’Università’ della California del Sud, ha collezionato messaggi di 2400 utenti di twitter che hanno indicato risiedere nel Medio Oriente. Si e’ vista la frequenza di interazione con altri utenti e come questi sono geograficamente diffusi.

E’ possibile trovare molti studi circa la possibilità di automatizzare la capacita’ di determinare quanto bene differenti persone si conoscano attraverso l’analisi della frequenza, del tono e del tipo di interazione dei loro messaggi. Tali ricerche potranno avere applicazioni nell’analisi automatizzata dei metadata degli strumenti di sorveglianza, inclusi i metadata delle telefonate gia’ in possesso del governo americano, come rivelato da Snowden.

Studi che hanno ricevuto finanziamenti militari sono anche quelli della IBM. Uno di loro si intitola “Realizzazione di un modello dell’attitudine dell’utente verso argomenti controversi nei social media”, che ha analizzato le opinioni degli utenti su Twitter sul fracking.

Nel discutere le applicazioni pratiche di questa ricerca, gli autori dichiarano: “Ad esempio, una campagna governativa su Twitter in supporto delle vacci
nazioni può essere fatta con il coinvolgimento degli utenti che sono più propensi a questo tipo di azioni (diffondere messaggi di campagne governative) in base alle loro opinioni favorevoli.

“Quando messaggi anti-governativi vengono diffusi sui socia media, il governo può decidere di diffondere contro-messaggi per bilanciare quell’azione e quindi identificare utenti che sono più propensi a diffondere tali contro-messaggi, in base all’analisi delle loro opinioni”.

Un paper dal titolo simile (“Il ruolo dei social media nella discussione di argomenti controversi”) prodotto dall’Università della California del Sud, studia il comportamento degli utenti di Twitter in base ai loro messaggi del 2012 su argomenti come l’aumento delle tasse, organismi geneticamente modificati e la pena di morte.

“I nostri risultati suggeriscono che Twitter viene principalmente utilizzato per diffondere informazioni tra persone con simili opinioni, piuttosto che dibattere problemi”, gli autori scrivono.

In uno studio della Georgia Tech, “Indizi di inganno nella comunicazione all’interno dei social media”, si e’ messo su un esperimento in laboratorio usando un social media sperimentale, FaceFriend, e 61 partecipanti remunerati. Mentre le ricerche passate si erano interessate di “inganno malevole per iscritto” in forme di comunicazione quali email, questo studio ha allargato il campo di interesse ai social media , e i ricercatori hanno concluso: “Le notizie dell’ultima ora e dal mondo -per esempio la Primavera Araba- fanno la parte del leone sui social media, rendendole facilmente suscettibili di tentativi di inganno”.

Molti di questi studi sono andati oltre le semplici osservazioni; al contrario, sono intervenuti direttamente con gli utenti dei social media e ne hanno analizzato le reazioni.

Uno dei tanti studi che si occupa di vedere come le notizie si diffondono sui networks si intitola “Chi ha ri-twittato questo? Metodi di identificazione automatica e interazione con sconosciuti su Twitter allo scopo di diffondere informazioni”

Il ricercatore spiega “Dato che ogni singolo e’ potenzialmente un elemento di influenza all’interno dei social media ed ha la capacita’ di diffondere informazioni, il nostro lavoro ha lo scopo di identificare e interagire con le persone giuste al momento giusto, per aiutarli a propagare informazioni utili quando e’ necessario”.

Nel paper, che include dati raccolti interagendo attivamente con un campione di 3761 utenti di Twitter su argomenti tipo sicurezza pubblica e influenza aviaria, il ricercatore aggiunge: “Al contrario di lavori già pubblicati che spesso usano solo per proprietà dei social network, la nostra ricerca prende in considerazione tratti della personalità che possono influenzare la tendenza di ciascuno a ri-twittare”.

In un comunicato ufficiale, DARPA difende il finanziamento di queste ricerche come parte degli interessi della difesa americana.

“I social media stanno cambiando il modo in cui la gente si informa, condivide idee, e si organizza in gruppi di interesse, alcuni dei quali potrebbero danneggiare gli Stati Uniti”, ha detto il portavoce. “DARPA supporta ricerche accademiche che cercano di capire alcune di queste dinamiche attraverso l’analisi di discussioni pubblicamente disponibili sui social media”.

Il Guardian ha contattato alcuni dei ricercatori coinvolti, domandando lor sul perché’ la difesa USA dovrebbe essere in qualche modo interessata a finanziare ricerche di questo tipo, e sul consenso che e’ stato richiesto alle persone i messaggi dei quali sono stati presi in analisi.

Tra coloro che hanno risposto, Emilio Ferrara, che e’ stato coinvolto nella ricerca il cui paper si intitola “La rivoluzione digitale di Occupy Wall Street”, ha detto: “Secondo la regolamentazione federale sugli esperimenti umani, per studi che non influenzano l’ambiente degli utenti online e per i quali le informazioni sono pubblicamente accessibili (per esempio dal feed di Twitter), non e’ necessario richiedere il consenso. Questo e’ il modello utilizzato per gli studi su Twitter. Inoltre tutti i nostri studi si basano su dati aggregati e non individuali”.

Un suo collega, Dott. Filippo Menczer ha aggiunto: “Nel nostro laboratorio studiamo tutti gli aspetti della diffusione nei social media. Questo lavoro ha applicazioni vaste nel momento in cui cerchiamo di capire i meccanismi fondamentali della comunicazione sociale, ad esempio come idee e immagini/video virali competono per la nostra attenzione, e come esattamente si diffondono in maniera virale”.

Fonte: www.theguardian.com

Link: https://www.theguardian.com/world/2014/jul/08/darpa-social-networks-research-twitter-influence-studies

8.07.2016

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da COLOSSEUM

Pubblicato da Davide

  • mavin

    Allora questo articolo e un botto…cioè’ lancia un problema già noto da tutti i Radiostesisti e Rabdomanti e anche studiosi di scienze oltre confine… perché tutti ormai hanno capito che al mondo non vi e’ nulla di gratis e quindi sti social network che sono fallimentari senza una copertura dietro le quinti fungono da aggregante e catalizzatore per dirigere il subconscio collettivo. Ormai tutti sanno che vi e’ un notissimo motore di ricerca che tutte le info le stocca nello spazio casomai ci fosse una guerra mondiale … nel prossimo futuro cosiche’ potrebbero ripartire con le info stoccate. oltre a questo ci sono sicuramente agenzie che usano le frequenze del monitor per leggere le interazioni celebrali dell’utente che vi e di fronte in altre parole gli leggono il pensiero. queste sono cose vecchie conosciute ormai da almeno 20 anni o meglio da quando un certo signore le ha messe sul mercato ma che vengono usate anche dalle agenzie. quindi sto articolo non dice nulla di nuovo se non quello che già si sa da 20 anni ancora prima che venisse messo su strada Arpanet. Certo che non sono gli unici c sono anche altri Cloud service che fanno lo stesso lavoro ormai ogni nazione che si rispetta ha un suo centro dedicato a questo lavoro. Uno allora si chiede come difendersi da sto lavorio bhe la risposta la possono dare i Radiostesisti alla PIcchi o Personaggi di spessore come il Zampa.. pero vabbe meglio che cerchiate in Rete.. se volete cercare una soluzione cercate nella rete un Pinguino lui puo’ darvi una mano