Home / ComeDonChisciotte / MILITARI AMERICANI VISITANO KIEV PER DISCUTERE SU UN POSSIBILE AIUTO MILITARE
14327-thumb.jpg

MILITARI AMERICANI VISITANO KIEV PER DISCUTERE SU UN POSSIBILE AIUTO MILITARE

FONTE: RT.COM

Kiev mantiene consultazioni militari con alti rappresentanti delle Forze Armate degli Stati Uniti. Una delegazione guidata dal comandante della US Army d’Europa arriva a Kiev per discutere su una possibile riorganizzazione delle forze ucraine.

Secondo l’ambasciatore degli Stati Uniti, i punti essenziali della riunione sono il possibile aiuto economico e strategico all’Ucraina e la formazione di soldati in una base nel paese. Si discuterà anche di cooperazione tra Ucraina e NATO e della sua possibile entrata nell’alleanza atlantica.

Nel frattempo, USA Ha già promesso 2000 milioni di dollari in aiuti per quest’anno, per non parlare dei quasi 120 milioni che nel 2014 sono stati stanziati per l’esercito ucraino e sulla cui spesa non si è saputo più nulla. Lo stesso giorno, nella città di Vinnitsa si terrà un’altra riunione tra alte cariche delle forze aeree dei due paesi.

Verranno esposte tattiche di protezione dello spazio aereoo e strategie di combattimento in aria, come annunciato dal portavoce dello Stato Maggiore Generale dell’Ucraina. Secondo l’analista politico Yusuf Fernandez, gli Stati Uniti d’America hanno lo scopo di aiutare Kiev monitorando le tattiche di un’offensiva imminente che sono state annunciate nella parte orientale della regione.

“In questo momento, gli Stati Uniti stanno cooperando con il governo ucraino in vari modi dal punto di vista militare”, ha detto. “Nei giorni scorsi, una delegazione degli Stati Uniti è venuta a Kiev, quasi sicuramente, per monitorare i piani del governo ucraino sulla prossima offensiva queannunciata nella regione dell’est. Bisogna evidenziare che Kiev ha deciso di ignorare gli accordi raggiunti a Minsk, “ha sottolineato.

Fonte: http://actualidad.rt.com

Link: http://actualidad.rt.com/actualidad/164043-militares-estados-unidos-visitan-kiev

21.01.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di TORITO

Pubblicato da Davide

  • Eshin
  • Marian

    L’aiuto militare americano in Ucraina contro il Donbass è già in atto. Kiev ha ripetutamente violato la tregua di Minsk bombardando scuole e autobus per il trasporto di civili. E’ di poche ore fa la notizia che, dopo i violenti attacchi dell’esercito ucraino all’aeroporto di Donetsk, sono stati trovati cadaveri con uniformi e armamenti in dotazione alla Nato. I ribelli del Donbas, che hanno riconquistato l’aeroporto e scavano fra le macerie, stanno così raccogliendo le prove della presenza americana nell’esercito ucraino. Però i ‘media’ di mezzo mondo finanziati dallo zio Sam gridano all’invasione della Russia, quando in realtà è proprio quest’ultima ad essere nel mirino della Nato su istigazione Usa. Qui sotto il video dei ritrovamenti fra le macerie dell’aeroporto.

  • Cataldo

    Inizia sempre cosi, i consiglieri, le mappe satellitari, etc etc. Rispetto il passato ci sono pero due elementi che rendono questo intervento USA potenziamente esiziale

    1) La faccenda si svolge adesso a ridosso delle frrontiere russe, non ci sono più estensioni geografiche a limitare escalation
    2) La capacità di gestione dello spazio delle frequenze USA è a livelli sempre più elevati, e questo rende l’"aiutino" di per se più rilevante e pagante, rispetto quello che poteva essere un intervento dei "berretti verdi" solo di 5 o sei anni addietro.

    Questa è una combinazione di circostanze che incorpora una dialettica di autoamplificazione, non c’è bisogno di catalizzatori particolari.

  • AlbertoConti

    Ma perchè dobbiamo sempre collaborare con lo "Stato canaglia per
    eccellenza"?

    Forse che non sappiamo più distinguere il bene dal male, gli
    aggressori dagli aggrediti, i nazifascisti da chi vuol solo vivere e lasciar
    vivere?

    Si sta finanziando e tecnologizzando una pulizia etnica di stampo
    nazista tra Europa e Russia e noi stiamo qui in pantofole a guardare
    annoiati?

    Come potremo meravigliarci poi se qualcosa di tremendo ci
    calerà addosso all’improvviso?