Home / ComeDonChisciotte / METROJET A321: E SE FOSSE TUTTA COLPA DI ISRAELE ?
15636-thumb.jpg

METROJET A321: E SE FOSSE TUTTA COLPA DI ISRAELE ?

DI CHRISTOPHER BOLLYN

thetruthseeker.org

Lo sapevate che dei cyberhackers possono dirottare un aereo, entrando nel sistema di computer di bordo e che possono farlo cadere? Sarebbe una una versione modificata de “I sospetti sull’incidente dell’aereo russo” di questo sito, ripreso da un articolo con lo stesso titolo da Christopher Bollyn, QUI , a cui fa seguito una nota di chiusura e un commento di Lasha Darkmoon.

ME

Un funzionario del controllo del traffico aereo egiziano ha riferito alla stampa locale che l’ultima comunicazione con il pilota dell’aereo russo è avvenuta mentre stava volando a 30 mila piedi. Il pilota lamentava di malfunzionamento dei dispositivi wireless e ha chiesto un atterraggio di emergenza presso l’aeroporto più vicino. –

da “Russian plane crash,” The Telegraph (UK), Oct. 31, 2015.

Resta da vedere come risponderanno all’intervento russo gli Stati Uniti e le altre nazioni che sostengono le forze mercenarie che combattono in Siria. A differenza del gioco degli scacchi, questo gioco non ha nessuna regola. bollyn.com/changing-the-game-the-russian-move-in-syria/

L’incidente dell’aereo passeggeri russo Metrojet nel deserto del Sinai, vicino al confine tra Egitto e Israele, solleva fondati sospetti di un gioco sporco nel quale risulterebbe coinvolto l’ abbattimento dell’aereo. Anche se è troppo presto per dire che cosa abbia provocato l’incidente, alcune chiare indicazioni suggeriscono che l’aereo sia stato sabotato con controlli a distanza – per mezzo di connessione Internet.

IL FATTO: L’aereo russo è andato giù a sud di Al Arish, vicino al confine con Israele, molto vicino alla centrale satellitare dell’Intelligence di Israele, Unit 8200, che si trova nel Kibbutz Urim.

LD: Questa postazione di intelligence israeliana, formata da pirati informatici, si trova a 60 miglia a Nord est del luogo in cui l’aereo russo è stato abbattuto. Questi hacker potrebbero facilmente aver avuto l’accesso al computer di bordo e preso in consegna l’aereo senza che né i passeggeri, né la cabina di comando se ne rendesse conto. La pirateria informatica infatti è la funzione principale svolta dagli agenti israeliani di stanza presso l’Unità 8200 del Kibbutz Urim.

Vedi la mappa QUI.

Sappiamo già per certo che le strumentazioni dell’intelligence israeliana, nota come Unit 8200, hanno una “serie di antenne paraboliche che intercettano segretamente telefonate, email e altre comunicazioni.” Questo impianto spia israeliano avrebbe avuto la capacità di monitorare e comunicare direttamente con il sistema di navigazione dell’aereo – senza che l’equipaggio potesse accorgersene. Il fatto che l’ultima comunicazione del pilota, che si trovava a 30.000 piedi, segnalava un malfunzionamento nei dispositivi wireless del velivolo e che chiedeva un atterraggio di emergenza, indica che l’aereo potrebbe essere stato oggetto di una violazione esterna della sua connessione wireless satellitare. In secondo luogo è significativo il fatto che questa sia stata l’ultima comunicazione del pilota. Anche se, come sembra, l’aereo sarebbe rimasto in stallo, prima di scendere da 30.000 piedi e il pilota avrebbe ancora avuto diversi minuti per comunicare con i controllori del traffico aereo del Cairo – a meno che non sia improvvisamente caduta la comunicazione.

LD: Il sito web antisionista smoloko.com non ha esitato a puntare il dito contro l’agenzia di spionaggio israeliana, il Mossad, chiamando l’ ISIS (o ISIL) “Un esercito del terrore che lavora per gli Ebrei”. Aggiunge anche che l’ ISIS non ha mai fatto niente contro Israele. Al contrario, tutti i suoi sforzi di pulizia etnica nella regione degli arabi sono serviti per allargare i confini dello stato ebraico e per rinvigorire nel cuore degli ebrei il loro desiderio del ” Eretz Israel – Il Grande Israele – la “terra promessa” che va dal Nilo all’Eufrate.

ACCUSE antisemite?
Sì, la maggior parte degli EBREI direbbe di sì:

RussianAirplaneCrashJewisisISILmeme

L’Aviazione Civile egiziana ha riferito che dall’aereo non è mai è stato inviato nessun Mayday e che Le comunicazioni risultavano normali fino alla scomparsa dell’aereo dai radar. Questo suggerisce che i normali canali di comunicazione con l’aeromobile siano state interrotte/tagliate prima che l’aereo fosse dirottato e sabotato con un controllo a distanza. L’ultimo contatto con il volo dal sito di monitoraggio Flightradar24 che mostra il tracciato dell’aereo arriva fino a 30.875 piedi, dopodiché altitudine e velocità non risultano più attendibili.
L’ultima altitudine registrata era ha di 27.925 ad una velocità di soli 62 nodi. Apparentemente l’aereo aveva perso completamente la potenza dei motori. Questi rapporti sembrano indicare che l’aereo potrebbe essere stato dirottato da un controllo a distanza-non autorizzato-da un”pilota da terra”che si è inserito nel sistema di controllo via Internet: di questo argomento ho parlato in “Why Did Crucial Computer Systems Fail?” nel libro Solving 9-11.
LD: Ecco un’altra immagine tratta da smoloko.com. Si noti che nessuna di queste immagini dichiaratamente antisemite appare sull’eccellente Bollyn’s website.
.

IsraelRussianPlaneCrashMeme1

Una replica dell’abbattimento dell’ Egypt Air 990? Alla fine si è detto che quell’aereo si era spaccato in volo. Questa rottura può essersi verificata per effetto di forze estreme a cui l’aereo era stato sottoposto con tutte le vertiginose salite e discese avvenute negli ultimi venti secondi prima di scomparire dal radar. Questo scenario è molto simile , quindi, a quello del disastro del volo Egypt Air 990, avvenuto esattamente 16 anni prima, il 31 ottobre 1999, sull’Oceano Atlantico, 62 miglia a sud dell’isola Nantucket : 217 morti. I relitti dell’aereo suggerirono l’idea che l’aereo si fosse disintegrato ad alta quota.
“Tutto fa pensare che la distruzione della struttura del velivolo si sia verificata ad alta quota” – ha dichiarato il 1° novembre Alexander Neradko, responsabile dell’Agenzia Federale russa per il Trasporto Aereo, aggiungendo che i detriti dall’Airbus A321 erano tutti sparsi in un’area ellittica lunga 3 miglia e larga 2,5.
Un aereo collegato via satellite a Internet può essere dirottato da un hacker esterno che entra da terra nel suo sistema informatico.
DIROTTAMENTO DA REMOTO?

Lo sapevate che un aereo, può essere dirottato da un pirata cibernetico che entra in remoto nel computer di bordo e che può farlo precipitare?

NOTA FINALE DI LASHA DARKMOON

C’è in giro una teoria della cospirazione sulle agenzie di sicurezza israeliane che hanno accesso, e controllo, sulla maggior parte degli aeroporti del mondo – a parte quelli di Iran e Corea del Nord. Ci sono poche prove a suffragio di questa teoria, anche se queste agenzie hanno tentato di infilare i loro tentacoli in tutti i meandri dei paesi che si trovano anche a migliaia di miglia lontani da Israele, inclusi gli aeroporti di Stati Uniti, Canada e Paesi Bassi.

Ovviamente, non sarebbe difficile mettere una bomba su un qualsiasi aereo: (1) se Israele volesse farlo (2) e se una società di sicurezza israeliana avesse scioccamente ottenuto il pieno controllo di un aeroporto di un qualsiasi paese straniero. Qualsiasi paese straniero, che affidi la sua sicurezza a Israele quindi può correre dei gravi rischi. Israele ed Egitto hanno dei legami abbastanza stretti. In teoria, una bomba avrebbe potuto facilmente essere imbarcata su un aereo passeggeri russo della Metrojet all’aeroporto di Sharm el-Sheikh in Egitto, ma solo (1) se presupponiamo che esista una complicità tra Israele ed Egitto, o (2) che i controlli di sicurezza all’aeroporto egiziano siamo tanto distratti da permettere a che un ISIS [o ISIL] imbarchi una bomba a bordo dell’aereo russo.

Il Primo Ministro britannico David Cameron, è stato il primo leader internazionale a dire che un ordigno esplosivo è stato messo sull’ aereo russo da un terrorista dell’ISIS in Egitto. Questa affermazione, secondo Christopher Bollyn, non ha nessun valore, visto che non ci sono prove, ma la vera intenzione di questa accusa tende solo a distogliere l’attenzione da Israele, trovando un comodo capro espiatorio nell’ ISIS. Se il Primo Ministro britannico sostiene che l’ISIS sia responsabile per la bomba sull’aereo russo, possiamo essere quasi sicuri che questa sia una bugia: disinformazione pura e semplice.

Si tratta di un’accusa senza prove chiaramente destinata a spostare l’attenzione da Israele e far credere ai russi che sia stata l’ISIS, per vendetta contro l’intervento di Putin in Siria, rendendosi responsabile della morte di 224 russi. Il sospetto che Israele possa essere ritenuto responsabile di questo atto di terrorismo non deve assolutamente passare nemmeno per la mente a nessuno. Se ci facciamo la domanda, Cui prodest? o chi può aver tratto un vantaggio dalla distruzione dell’aereo russo, è chiaro che Israele aveva una forte motivazione per attaccare la Russia. Di nascosto.

Israele è esasperato a causa dell’intervento di Putin che ha interferito in Siria a nome del Presidente Assad. Gli israeliani vogliono che Assad vada via. Vogliono arrivare alle alture del Golan. Vogliono più terra in Siria. Vogliono un burattino sionista flessibile al posto di Assad. Soprattutto, vogliono che la Siria finisca allo stesso modo di Iraq e Libia, per ridurla in macerie con l’aiuto dell’ ISIS e governare con i “loro ribelli moderati” contro di Assad.

E vogliono farlo come atto preliminare alla distruzione dell’Iran. Solo allora gli israeliani si sentiranno al sicuro: quando tutti i paesi del Medio Oriente saranno costretti a mettersi in ginocchio, schiavi della loro egemonia. Quale modo migliore per punire Putin per la sua “ingerenza” in Siria, se non abbattendo un aereo passeggeri russo e scaricandone la colpa sull’ISIS?

Ecco una citazione significativa di un altro importante articolo di Christopher Bollyn- “L’incidente aereo sul Sinai quattro teorie”. Apre una nuova prospettiva su tutta questa faccenda. A mio avviso, si dimostra senza ombra di dubbio che l’aereo passeggeri russo sia stato dirottato da hacker informatici, che hanno trasformato l’aereo in un drone, completamente in balia degli stessi hacker. Il fatto che gli hacker più sofisticati del mondo si trovassero in Israele, a soli 60 miglia a nord-est del sito del disastro aereo, la dice lunga.

La BBC non ne ha parlato affatto“, scrive Bollyn “e nessun altro mezzo di comunicazione ha accennato alla possibilità molto reale che l’aereo avrebbe potuto essere dirottato da lontano e preso in consegna da un pilota esterno provocando così la distruzione dell’aereo stesso. Si tratta di un’omissione palese della teoria più ovvia. E ‘come se la BBC e tutti i media controllati non conoscano la tecnologia dei droni, anche se Stati Uniti e Israele utilizzano, quotidianamente, droni controllati con comandi a distanza in quell’inganno sionista conosciuto come “Guerra al Terrore”. Quando un hacker entra nel sistema di controllo di un volo di linea e prendere il controllo dell’aereo e del personale tecnico di bordo, trasforma un aereo passeggeri in un drone.

Per la BBC e per i media sotto il controllo sionista omettere qualsiasi accenno alla teoria che l’aereo sia stato dirottato in remoto utilizzando la tecnologia drone rivela il ruolo chiave che i media giocano nell’inganno che i bankster-sionisti stanno rifilando al popolo americano e al mondo intero. Questa omissione dei media sulla teoria di un dirottamento a distanza dimostra che è possibile nascondere qualsiasi teoria, il che suggerisce che – in teoria – questo è un modo in cui l’aereo russo potrebbe benissimo essere stato abbattuto “. –

Vedi QUI …. Per quanto ne so io – Suspect Number One: Israel.

Fonte: thetruthseeker
Link: http://www.thetruthseeker.co.uk/?p=124186
6.11.2915
Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario.

Pubblicato da Bosque Primario

  • lopinot

    Elementare Watson.
    In effetti sono stati tirati in ballo americani e altri come i sauditi. Ma nessuno aveva neppure bisbigliato della possibilità che Israele che da decenni pasticcia nel Sinai potesse avere un ruolo.
    La realtà è che tutti hanno paura di quello Stato psicotico che ha fatto della guerra il suo stile di vita e della violenza il suo sistema nervoso, che prospera nella violenza e nella sopraffazione altrui contro ogni regola e controllo.
    Il suo "diritto" sono le cinquecento armi nucleari e nei sottomarini atomici con cui intimidisce e ricatta tutto il mondo.
    Anche alla Russia converrà abbozzare, come abbozza tutto il mondo da sessanta anni, dopo tutto da quelle parti c’è la piana di Megiddo. 

  • freddolupo

    Sui velivoli all’inizio i comandi di volo erano azionati da cavi, poi aste rigide, poi attraverso impianti idraulici e meccanici insieme, poi da comandi puramente elettrici (FBW – fly by wire ).
    Semplificando molto, diciamo che il pilota muove un joystick che comunica ad una "centralina" (questa definizione trae meno in inganno che il termine computer" ) le intenzioni del pilota, questa le confronta con i parametri di volo e con i parametri da non superare mai con l’esecuzione di una manovra.Se tutto va bene, i comandi , correttamente dosati, passano e muovono le superfici di comando. vi assicuro che il linguaggio che parla questa "centralina" non è così semplice ( per quanto riguarda l’A321 ) ed ha la spiacevole caratteristica di dover passare attraverso un apposito traduttore per parlare anche con il programmatore più esperto (leggasi software di programmazione" piuttosto costoso e introvabile.C’è poi un altro piccolo problema : per comunicare con la centralina è necessario un collegamento fisico ( allego foto a titolo di esempio per capirci http://italian.alibaba.com/product-gs/simatic-s7-plc-programming-cable-adapter-6es7972-0cb20-0xa0-programmable-logic-controller-595772569.html).
    Semplifichiamo però ulteriormente la questione : dall’aereo si possono inviare dati verso terra ….
    sì è vero, ma da questo tipo di velivolo con la sua anzianità di servizio, nessun dato che riguardi i parametri di volo e tantomeno i comandi. Ecco spiegato il mistero per cui anche sui velivoli di ultima generazione le scatole nere sono ancora a bordo e non in un comodo ufficio da qualche parte ….

    Per chiudere:
    da terra posso tirare giù un aereo attraverso internet  solo se il velivolo passa vicino ad un’antenna con una notevole emissione tale da creare disturbi a bordo ( esempio due Tornado che 20 anni fa sono precipitati in germania durante un volo in bbq bassa-bassissima-quota )

    Nella speranza di essere stato utile

     

  • oriundo2006

    E’ senz’altro possibile ma tuttavia sono stati reperiti dei frammenti che non appartengono all’aereo. La notizia è stata data da fonti russe e dopo null’altro è stato detto. La prudenza russa nell’attribuire la caduta dell’aereo a cause quali he siano, comprese una bomba o missile fa intravedere uno scenario alquanto differente da quanto propugnato nell’articolo, tenuto conto dell’individuazione e dell’instradamento in Russia di ‘residenti’ CIA  in Yemen coinvolti in una oscura storia vendita di missili terra-aria a formazioni islamiste via Arabia Saudita. L’inviato di Putin negli Usa per trattare le modalità di detenzione o di rilascio di questi soggetti è stato lui stesso vittima di una strana forma di malore ed è morto negli States appena arrivato, si puo’ dire. Comunque le diverse ipotesi possono sostenersi a vicenda – nel senso che faccio abbassare l’aereo ad una quota tale che un missile possa raggiungerlo facilmente – ed è oramai evidente ( la recente visita di Nethaniau ad Obama lo conferma ) l’imbarazzo e l’ostilità verso la Russia di tutto quanto lo schieramento occidentale: sciacalli cui è stata levata dai denti una preda che non poteva difendersi. 

  • Eshin

    PILOTI PILOTATI

    E’ solo fiction? Non lo è!

    I passeggeri dei voli di linea non lo sanno, MA

    ….esiste un dispositivo di bordo noto come Boeing Uninterruptible Autopilot (BUAP), già presente sui velivoli Boeing dal 1995. Questa informazione è stata divulgata, a quanto pare, solo nel marzo 2007, a seguito di una causa. La modifica fu segnalata a FAA, NTSB e ALPA (Associazione dei piloti di linea). … Boeing avrebbe dichiarato che entro il 2009 tutti i suoi aerei avrebbero avuto i BUAP, rendendo impossibile dirottare manualmente dall’interno l’aeroplano, ma rendendone possibile il controllo teleguidato dai militari (2).

    Di conseguenza: la possibilità di comando remoto non è un’opzione futuristica, ma realtà sui jet della Boeing.

  • helios

    Finalmente che qualcuno se ne è accorto!
    Dopo che non si voleva dire in che ocalità è caduto l’aereo (perch troppo vicino a Israele) dopo che tutti parlavano di un aereo caduto nel sinai centrale, dopo che non si voleva che fosse che l’aereo era diretto all’aereporto di Al Arish perchè aveva dei problemi finalmente si arriva alla sola conclusione possibile.

    Aggiungiamo che bibi è andato in fretta e furia da  Obama ufficialmente per elemosinare le armi anche se non occorre nemmeno che le elemosini.

  • passante

    Questo articolo sa di bufala. Intanto non è chiaro se è
    possibile entrare da terra nel software di un aereo, che mi sembra
    sia simile al PLC di un impianto elettrico o meccanico, quindi
    parliamo di sistemi chiusi senza accessi dall’esterno. Se poi l’aereo
    è in volo a 10000m e alla velocità di 800Kmh, mi sembra che le
    difficoltà aumentano. Occorrerebbe il parere di un ingegnere
    aeronautico o di un esperto del settore.

    Comunque non è possibile guidare un aereo da terra, come fanno
    sui treni in Giappone, non perché non ne esista la tecnologia, ma
    probabilmente perché non è economico utilizzarla. In caso
    contrario, non si capisce perché pagare 3 piloti ulteriori in volo.
    Quindi riguardo alla possibilità di un controllo militare da
    terra….non diciamo stronzate.

    Israele è uno stato canaglia, non ci sono dubbi, ma accusarlo di
    tutti gli attentati che succedono nel mondo, oltretutto senza prove
    certe, ma solo su ipotesi campate in aria, mi sembra davvero
    eccessivo.

    La Russia non deve abbozzare proprio un bel niente con Israele,
    perché Israele campa sui soldi americani, che però sono sempre
    meno. Quindi stiamo trattando di uno stato debole, non forte come ci
    si vorrebbe far credere, che ha decisamente altri problemi per
    occuparsi di abbattere aerei di nazioni potenzialmente utili alla
    propria sopravvivenza.

  • freddolupo

    Il sistema esiste da parecchio prima e altro non è che un ils associato ad un gps.
    L’ils permette l’"atterraggio automatico" del velivolo nella parte finale del volo; associato ad un gps
    permette la prosecuzione di un volo fino all’atterraggio da qualunque punto il sistema venga attivato da entrambi i piloti. Piccolo problema il gps non è l’unico sistema al mondo di quel tipo e gli aeroporti e gli aerei viaggiano dappertutto, ergo come mettiamo tutti d’accordo ? su questo stanno lavorando i costruttori delle elettroniche montate a bordo dei velivoli fossero Boeing , Airbus, Antonov , Bombardier , ecc. come fece Bosch per labs di Fiat,Vw, Renault ….
    https://it.wikipedia.org/wiki/Instrument_landing_system
    https://en.wikipedia.org/wiki/Autoland#Autoland_for_civil_aviation

    un esempio di motivo per cui questi impianti ancora non sono così diffusi è il seguente incidente
    https://it.wikipedia.org/wiki/Volo_Turkish_Airlines_1951

    p.s. 
    per favore , prima di vendere teorie come verità informatevi meglio e trattenetevi se non siete sicuri in prima persona di ciò che dite altrimenti non fate altro che il gioco del sistema …. si chiama    caos

  • Servus

    "L’ultima altitudine registrata era ha di 27.925  ad una velocità di soli 62 nodi. "


    Non so come e dove abbiano presa questa notizia.

    Se è vera, sicuramente l’aereo è stato hackerato, visto che nessuna bomba o missile può fermare la velocità di un aereo portandola da 800km/h a 62 nodi (1 nodo = 1,8km/h, quindi circa 100km(h).

  • lopinot

    E’ chiaro che a meno che qualcuno dei "postatori" di questo sito non sia un agente segreto in servizio facciamo commenti ipotetici e quindi possiamo anche allargarci un po’ nelle ipostesi stesse.
    Analizzando la questione possiamo dire che per distruggere un aereo in volo, ci vuole assoluto disprezzo per la vita, cosa comune alla gran parte dei governi, di tutti i governi. Anche l’Italia per assurde speculazioni politiche non ha disdegnato il tritolo per scoraggiare gli avversari politici, facendogli capire di levarsi dalla testa una vittoria elettorale.
    Ma per tirare giù un aereo ci vogliono i mezzi e le disponibilità, e la motivazione, cose che hanno sia gli americani che gli isreliani.
    Fra l’altro Israele non è nuovo ad intimidazioni di questo genere: ricordiamo l’aereo Argo 12 abbattuto da un commando che ha messo una bomba a bordo e per motivazioni anche meno incisive che sostenere al governo Assad detestato da israele proprio nel momento in cui sembrava definivamente messo fuori gioco.
    Inoltre la Russia ha pestato i piedi agli americani sia in Siria che in Ucraina scompigliando il gioco e sopratutto mettendo in piedi una cultura dell’arrivano i nostri in versione russa, cosa che irrita ancora di più i servizi occidentali.
    La simpatia più o meno motivata, e più o meno meritata per Putin sono per l’occidente più pericolose delle armi stesse, dal momento che rompono il monopolio dei buoni finosa apannaggio dei Nostri Eroi.
    Per quanto riguarda l’economia dello Stato Ebraico, essa è da decenni in crisi per quanto la propaganda soffi sui campi irrigati e fertile e sulla ricerca medicale ed elettronica. E’ per questo che la maggior materia prima di israele è mantenere incandescente l’area per ricevere aiuti, appoggi, sovvenzioni da coloro che di guerra vivono.
    Ed è proprio questo il maggior pericolo costituito da Israele: vale a dire che senza guerra non ci sarebbe Israele e quindi con Israele non ci sarà mai la pace. 

  • Truman

    Il dato mi appare incoerente, indipendentemente dalla fonte. Un aereo a 9000 m (i 27mila piedi dichiarati) si regge solo con velocità di alcune centinaia di nodi. Ma se era in stallo stava precipitando, e la velocità di catuta libera è ben superiore a 62 nodi.

    Insomma non riesco a trovare alcuna sequenza di avvenimenti che possono portare ad un A321 alla velocità di 62 nodi a 9000 m.

  • lopinot

    E’ chiaro che a meno che qualcuno dei "postatori" di questo sito non sia un agente segreto in servizio facciamo commenti ipotetici e quindi possiamo anche allargarci un po’ nelle ipostesi stesse.
    Analizzando la questione possiamo dire che per distruggere un aereo in volo, ci vuole assoluto disprezzo per la vita, cosa comune alla gran parte dei governi, di tutti i governi. Anche l’Italia per assurde speculazioni politiche non ha disdegnato il tritolo per scoraggiare gli avversari politici, facendogli capire di levarsi dalla testa una vittoria elettorale.
    Ma per tirare giù un aereo ci vogliono i mezzi e le disponibilità, e la motivazione, cose che hanno sia gli americani che gli isreliani.
    Fra l’altro Israele non è nuovo ad intimidazioni di questo genere: ricordiamo l’aereo Argo 12 abbattuto da un commando che ha messo una bomba a bordo e per motivazioni anche meno incisive che sostenere al governo Assad detestato da israele proprio nel momento in cui sembrava definivamente messo fuori gioco.
    Inoltre la Russia ha pestato i piedi agli americani sia in Siria che in Ucraina scompigliando il gioco e sopratutto mettendo in piedi una cultura dell’arrivano i nostri in versione russa, cosa che irrita ancora di più i servizi occidentali.
    La simpatia più o meno motivata, e più o meno meritata per Putin sono per l’occidente più pericolose delle armi stesse, dal momento che rompono il monopolio dei buoni finosa apannaggio dei Nostri Eroi.
    Per quanto riguarda l’economia dello Stato Ebraico, essa è da decenni in crisi per quanto la propaganda soffi sui campi irrigati e fertile e sulla ricerca medicale ed elettronica. E’ per questo che la maggior materia prima di israele è mantenere incandescente l’area per ricevere aiuti, appoggi, sovvenzioni da coloro che di guerra vivono.
    Ed è proprio questo il maggior pericolo costituito da Israele: vale a dire che senza guerra non ci sarebbe Israele e quindi con Israele non ci sarà mai la pace. 

  • freddolupo

    caduta in vite piatta

  • trigone

    L’aereo sarebbe stato hackerato dallo Yemen, non da Israele.

    Gli hanno fatto abbassare la quota per essere a tiro di un missile terra-aria in dotazione a una costola dell’ISIS in Egitto. Il missile, di costruzione britannica, è a disposizione dei sauditi che lo avrebbero "prestato" all’ISIS.
    L’hacking sarebbe avvenuto da una base segreta della CIA in Yemen, da due agenti segreti statunitensi entrati nello Yemen come colombiani.
    I due agenti CIA sarebbero adesso stati catturati dai russi, i quali hanno poi mandato un loro emissario ad Obama per chiedere chiarimenti sulla loro presenza in Yemen.
    L’emissario russo in USA è adesso morto per infarto.
    I dettagli qui:
  • helios

    Non credo che i servizi russi avessero lasciato fare senza intervenire.E’ piu veritiero pensare che il tutto sia avvenuto nel sinai settentrionale.
    Non è da escludersi che potrebbe essere stato un incidente causa esercitazioni in corso.
    E le esercitazioni blue flag non le faceva solo Israele,ma nessuno ha parlato. La Germania ad esempio era un osservatore,e vedi caso la Lufthansa sta facendo sciopero da settimane. Coincidenze?

  • Truman

    Aprendo una cartina della zona, lo Yemen non è tanto vicino, quindi già la cosa puzza.

    Comunque l’articolo citato non è credibile, la fonte è whatdoesitmean, firmato Sorcha Faal, che ha diffuso quantità industriali di notizie inventate.

  • trigone

    Notizie inventate… 

    Non mi sembrano totalmente inventate, la morte di Mikhail Lesin è vera ed è strana, come riportato da giornali più ufficiali, credo anche che ci siano altri riscontri sull’arresto dei 2 agenti CIA in Yemen, quindi ci andrei cauto con il chiudere rapidamente la cosa con la frase semplicistica "quantità industriali di notizie inventate".
    E poi noi non ne sappiamo nulla dei sistemi di hacking perchè non ce li hanno purtroppo ancora spiegati, quindi non puoi usare la distanza dall’aereo dallo Yemen per chiudere rapidamente la notizia come falsa… a meno che tu non sappia di più su come si fa l’hacking di un aereo di linea…
  • Cataldo

    Questa fonte è inattendibile, cosi come la fonte che sta utilizzando Lattanzio su Aurora, tale Sorchaa Faal, che nel tempo ha propalato solo bufale, mi sorprende che sia ancora su aurora, dove si trovano tante informazioni interessanti, ma questa roba è monnezza, cosi come una bella parte di quelle raccolte da Truthseeker.
    E’ difficile orientarsi, lo so, ma se non si eliminano dal contesto almeno le fonti storicamente farlocche come queste diventa impossibile ogni discussione.