Home / ComeDonChisciotte / MATRIX … E L’APICE DELLA CIVILTA’
16096-thumb.jpg

MATRIX … E L’APICE DELLA CIVILTA’

DI ROSANNA SPADINI

comedonchisciotte.org

Insomma la madre genetica, cioè la donatrice dell’ovulo, sembra essere californiana, l’utero dovrebbe essere di una donna di origine indonesiana residente negli Stati Uniti, il seme è di Eddy Testa, e i capitali di Nichi Vendola … dunque un nuovo prodotto umano … un oggetto del desiderio della nuova frontiera degli OGM … un groviglio di genetica e di nazionalità che permetterà al piccolo Tobia Antonio di avere due papà e due mamme, o tre mamme e un papà, poco importa … è comunque il feticcio stesso di questo universo alienato delle tecnologie biogenetiche, che anticipa la nuova matrix del prossimo, imminente ritorno al futuro.

Ma l’utero in affitto non è l’ultimo stadio della rivoluzione biotecnologica, la prossima battaglia disumanizzante sarà quella di separare definitivamente i bambini dal grembo materno, e formarli in laboratorio, così da creare una sorta di umanità replicante, che strappata dal contatto affettivo dei nove mesi di gestazione, potrà essere intellettualmente ancora meglio manipolata, perché ormai priva di quegli archetipi emotivi che formano un’identità cosciente e sensibile.

A Tokyo infatti le ultime ricerche hanno elaborato una tecnica chiamata EUFI, incubazione fetale extrauterina, creando cosi la vita senza la necessità di usare l’utero di una donna. Operando su feti di capra, dopo aver collegato attraverso dei cateteri il sistema venoso e creato la camera amniotica artificiale, si sono prodotte nascite in laboratorio … forse tra 10 anni avremo la possibilità di far nascere bambini da uteri di animali, o addirittura da uteri completamente artificiali.

E’ il nonsense della condizione postmoderna, dove la sessualità è stata definitivamente sganciata dalla riproduzione, mentre i diritti estetici e civili occupano l’interesse dei parlamenti e invadono l’immaginario collettivo molto più dei diritti sociali. Che importa se non c’è lavoro, welfare, benessere economico … l’emergenza delle minoranze deve occupare l’attività e l’impegno legislativo, molto più di quello delle maggioranze, dato che il parlamento non è più la sede delle istanze pseudo-democratiche, ma la sede delle istanze lobbistiche e mercimonio di interessi privati.

Nel 1997, in un articolo per la rivista LGBT The Advocate, il neuroscienziato gay Simon LeVay scrisse parole molto precise sulla gestazione interspecifica o xenogravidanza: «Certo, vedo la clonazione come un beneficio per i gay (…) e anche la xenogravidanza (il parto di un feto umano da parte di una specie differente) potrebbe essere di enorme beneficio, specialmente per le coppie di maschi gay, che attualmente devono pagare $40.000 o più per avere un bambino da una surrogata umana. L’idea ti rivolta, ma perché? Sceglierei senza problemi l’utero di un sobrio, non-drogato, non-fumatore maiale invece di un normale ambiente naturale». Quindi meglio far partorire bambini dai maiali, che non fumano, non bevono, non si drogano, e sono più “sani” delle gestanti, dopo aver impiantato in essi embrioni di uomo.

E il feticcio stesso di questo universo delle tecnologie biogenetiche, dove non c’è più distinzione tra il reale e l’immaginario, è divenuto l’uomo … un oggetto stravagante, candido e perverso insieme e mercificato a seconda dei diversi possibili budget d’acquisto. L’uomo indiato dà l’immagine di un’onnipotenza ormai monopolistica sulla propria identità, e collabora anche intensamente alla sua rifrazione in chiave alienata, attraverso una proliferazione ormai contaminata e incontrollabile.

E’ proprio questo che rende la nostra età abbastanza irrespirabile, la diffusione del narcisismo di massa, diritti estetici ed eugenetica per le classi agiate, sfruttamento e schiavitù per tutti gli altri. Christopher Lasch ne aveva parlato già quarant’anni fa, con il suo “La cultura del narcisismo” … la cultura Usa degli anni ’70, condizionata da individualismo esasperato, che si diffondeva a livelli di massa e trasformava stili e comportamenti della vita quotidiana …

In Italia, dicono alcuni, troppi miti frenano il progresso (in)civile, quindi è giusto demolirli inesorabilmente, che cosa ci stanno a fare ancora: mamma, famiglia, welfare, pensioni, lavoro, sanità, scuola … meglio sostituirli magari con i miti del nostro tempo, quelli che abbiamo ereditato dal neoliberismo dilagante: narcisismo, estetismo, edonismo, culto della giovinezza, idolatria della violenza, ossessione della crescita economica, tirannia del peso forma, ansia della prestazione, predominio dei simulacri … insomma Pulp Fiction in versione quotidiana …

Il male postmoderno nasce da questa malattia tecnocratica del narcisismo, dell’individualismo esasperato, del predominio del privato sul pubblico, la stessa cultura dominata dall’egemonia del consumismo, dentro cui emerge «la nuova classe dirigente composta di amministratori, burocrati, tecnici e specialisti». Da questa pianta velenosa nasce la nuova élite al potere, quella che si identifica con l’etica della comodità e il culto del successo autoreferenziale. Quella che «ha sostituito alla formazione del carattere la permissività, alla cura delle anime la cura della psiche, alla giustizia anonima la giustizia terapeutica, alla filosofia le scienze sociali, all’autorità individuale l’autorità degli esperti di professione», ma che ha anche «avvolto la gente di una cortina di informazioni simbolicamente mediate e ha surrogato la realtà stessa in immagini della realtà». (Christopher Lasch)

E dunque per soddisfare il proprio narcisismo di padre, per avere un figlio proprio, quando si potrebbe scegliere l’adozione di tanti bambini bisognosi, si affrontano viaggi della speranza verso altri paesi sparsi per il globo. In Inghilterra, Spagna, Grecia, alcuni degli Stati Uniti, California in testa, Canada, l’utero in affitto è consentito, anche se in alcuni casi ne è proibita la commercializzazione. In altri si permettono entrambe le modalità, sia quella altruistica che quella commerciale (India, Russia, Thailandia, Belgio, Georgia, Ucraina).

In Europa a vietare esplicitamente in generale queste pratiche ci sono Bulgaria, Francia, Germania, Italia, Malta, Portogallo, Spagna. In altri stati è proibito il pagamento esplicito (Danimarca, Irlanda, Ungheria, Grecia, Olanda), ma in alcuni, come in Grecia e Olanda, al tempo stesso è facilitata la cosiddetta “gravidanza surrogata altruistica” che consente forme mascherate di pagamento.

Nel Sud est asiatico le condizioni delle donne, i prezzi, le garanzie sanitarie e umanitarie appaiono però insostenibili, e si organizzano anche vere e proprie truffe a danno dei clienti, per cui i committenti rischiano di essere beffati e di non ricevere mai il bambino da loro acquistato. Altre atrocità, nei Paesi più poveri, dove le donne sono costrette a vivere in uno stato di semi-prigionia per salvaguardare al massimo la gravidanza da eventuali rischi. Più il Paese è povero, più il costo del contratto scende e con esso anche le garanzie igienico-sanitarie.

Negli Stati Uniti le gravidanze surrogate sono praticate da circa 30 anni con contratti precisi e costi piuttosto alti. Vi hanno fatto ricorso anche alcune attrici di Hollywood, tra cui Sarah Jessica Parker e Nicole Kidman. In Usa, Inghilterra e Canada siamo nell’ordine dei 140-170mila euro, in Algeria 40.000, in India e Thailandia si scende a 10.000. Si parla di un giro d’affari pazzesco destinato a crescere: più di 2.000 bambini nati ogni anno, il triplo di 10 anni fa, molti dei quali per coppie straniere. La California è la meta più gettonata dai gay italiani, cui la pratica è preclusa nell’Europa dell’Est, per esempio.

E dunque il compagno Nichi, strenuo difensore dei diritti umani, sempre dalla parte degli sfruttati, degli oppressi e dei lavoratori, esponente di quella “estrema” sinistra che si è svenduta alla mercificazione non solo dei corpi, ma anche dei valori, e che spesso interpreta benissimo il ruolo di accessorio del partito di governo PD, non ha avuto alcuno scrupolo morale a scendere a patti con questa pratica abominevole di commercio on demand, in cui la somministrazione di prodotti su misura (con possibili derive eugenetiche) risponde alle richieste di una sorta di übermensch nitzschiano.

Non è una novità che l’utero della donna venga mercificato … del resto la prostituzione è la pratica più antica del mondo, la novità consiste nel fatto che la nuova matrix biogenetica possa farsi creatrice di vita a comando, e decidere della salute, della bellezza, dell’identità del nascituro, allo stesso modo con cui un’azienda sforna un prodotto con la collaborazione di diversi soggetti interessati.

Dunque Tobia Antonio, “figlio” del compagno Nichi, è cresciuto nel grembo di una donna indonesiana, grazie agli ovuli donati da una donna statunitense, con il seme del compagno Eddy italo-canadese e con un esborso consistente per la buona riuscita della gestazione e del parto in una lussuosa clinica californiana: un surrogato di complicità ritenute illegali in Italia. Questa è la giusta atrocità postmoderna, un mondo classista che ammette e giustifica la violenza di classe nei confronti dei più deboli, una donna che ha affittato il proprio utero per necessità e un inedito feticcio della nuova tecnocrazia della biogenetica.

«Ti sei mai fermato un attimo ad osservarla?» dice l’agente Smith in “The Matrix” «Ad ammirare la sua bellezza? La sua genialità? Miliardi di persone che vivono le proprie vite, inconsapevoli. Tu sapevi che la prima Matrix era stata progettata per essere un mondo umano ideale? Dove non si soffriva, e dove erano felici tutti quanti. Fu un disastro. Tra noi ci fu chi pensò a… ad errori nel linguaggio di programmazione, nel descrivere il vostro mondo ideale, ma io ritengo che, in quanto specie, il genere umano riconosca come propria una realtà di miseria e di sofferenza. Quello del mondo ideale era un sogno dal quale il vostro primitivo cervello cercava, si sforzava, di liberarsi. Ecco perché poi Matrix è stata riprogettata così. All’apice della vostra civiltà. Ho detto “vostra civiltà” di proposito, perché non appena noi cominciammo a pensare per voi diventò la “nostra civiltà”, e questa naturalmente è la ragione per cui noi ora siamo qui. Evoluzione, Morpheus. Evoluzione. Come per i dinosauri. Guarda dalla finestra: avete fatto il vostro tempo. Il futuro è il nostro mondo, Morpheus. Il futuro è il nostro tempo.» (The Matrix)

Rosanna Spadini

Fonte: www.comedonchisciotte.org

3.03.2016

Pubblicato da Davide

  • borat
    Anche se nessuno ne parla, ormai siamo entrati in uno scenario da Blade Runner basti pensare alla fecondazione assistita: gli ovuli vengono fecondati da spermatozoi che non solo sono stati conservati per mesi o per anno in appositi congelatori ( azoto liquido ) ma sono scelti  a caso e quindi non sono quelli più performanti.
     
    I risultati sulla salute da chi nasce dalla fecondazione assisita non sono mai stati resi noti: c’è da chiedersi perché.
  • Tao

    DI TURI COMITO

    megachip.globalist.it

    Malgrado mi fossi ripromesso con me stesso e con altri amici di non parlarne più, torno sulla questione dell’utero in affitto o, se si preferisce GPA (gestazione per altri), per due motivi. Il primo è che il dibattito in questi giorni ha assunto i toni di una vera guerra di opinioni come non ne vedevo da tempo e siccome io sono schierato con chi è contrario a questa pratica non mi sottraggo alla chiamata alle armi. E il secondo è che mi sento molto urtato nel vedermi accostato a personaggi tipo Adinolfi o a un qualunque retrogrado cardinale di Santa Romana Chiesa. Con questa gente, a parte l’aria che respiro, non ho nulla in comune.

    Quindi esporrò alcune mie considerazioni – che potranno interessare qualcuno, essere liberamente criticate da altri o semplicemente ignorate da tutti – solo per evitare fraintendimenti. Prima di cominciare vorrei però sottrarmi ad una specie di obbligo che pare sia, in questi giorni, necessario da parte di chi parla di queste cose. Non mi interessa nulla della questione di Vendola né mi interessa augurargli tutto il bene possibile a lui e famiglia. Sinceramente non ne sento la necessità altrimenti avrei dovuto pure fare gli auguri alla nipote della regina d’Inghilterra per i figli che ha avuto e a tutta un’altra infinita serie di personaggi pubblici che hanno avuto figli, in una maniera o nell’altra, e di cui non mi è mai fregato assolutamente niente. Non faccio discriminazioni, stesso trattamento per tutti: auguri a nessuno.

    CONTINUA QUI [megachip.globalist.it]

  • FlavioBosio

    Tu sapevi che la prima Matrix era stata progettata per essere un mondo umano idealeDove non si soffriva, e dove erano felici tutti quanti. Fu un disastro. 


    Certo che lo sapevo, noi lo chiamavamo "comunismo".

    E casualmente Nichi Vendola viene proprio da li, ora vogliono "Rifondare" un comunismo internazionalista a loro immagine e somiglianza (il che è tutto un dire..), prendendo un pezzo di qua ed uno di la, al fine di assemblare il "comunista perfetto", col "Monopolio di Stato" ed il chip sotto pelle che gli consentirà di comprare e vendere senza contanti.

    Ma tranquilli, anche questa nuova Matrix sarà un disastro!

     
  • Holodoc

    Certo che l’utero in affitto è eugenetica.
    Vorrei vedere se non permettessero di scegliere la donatrice di ovulo (potrebbe capitarti nera o sudamericana, oppure bassa, oppure con la cellulite o col naso aquilino) quante sarebbero le coppie di gay, che così attenti all’estetica, che userebbero la "sostituzione di maternità".

    Schifo totale.

  • venezia63jr

    Chissa’come sara CDC dopo queste scoperte scientifiche.

  • sotis

    "……. il compagno Nichi, strenuo difensore dei diritti umani, sempre dalla parte degli sfruttati, degli oppressi e dei lavoratori, esponente di quella "estrema" sinistra che si è svenduta alla mercificazione non solo dei corpi, ma anche dei valori, e che spesso interpreta benissimo il ruolo di accessorio del partito di governo PD, non ha avuto alcuno scrupolo morale a scendere a patti con questa pratica abominevole di commercio on demand,………"  e cosa ti aspettavi da un politico coerenza? Onestà intellettuale? Da quando in qua un politico fa quello che dice? Ma dove vivi o meglio dove viviamo. I politici sono una razza a se e se poi sono anche gay…….

    Viviamo in un mondo che se ne è andato. La cosa più schifosa in queste operazioni è che privi un bambino della sua mamma per soddisfare il tuo egoismo. In pratica è come comprare un cane. Inoltre si considera una donna come una cosa  esattamente come i mariti che le picchiano o le uccidono e che gente come Ventola a chiacchere difende per farsi bello. Che mondo di merda!  
  • annibale51

    Questa discussione sull’ utero in affitto non fa altro che fuorviare il problema e favorisce le pretese dei gay. Secondo me è più importante che gay e anche LESBICHE non possano crescere figli. Sono omosessuali? bene accettino la loro condizione e STOP. I figli hanno bisogno di un papà e di una mamma. Argomento molto secondario l’ utero in affitto. Il tema è particolare. Prima di rispondere facciamoci questa domanda: piacerebbe ad ognuno di noi essere cresciuti in un altro grembo? (la madre vera non aveva tempo, doveva girare un film!)…Chi sarebbe nostra madre?…quella che ci ha creato…quella che ci ha cresciuto in grembo…quella che ci manda a scuola e che ci fa fare i compiti?…suggerisco di lasciar perdere. In USA lo fanno da 30 anni? poveri loro!

  • annibale51

    E per favore…quando si parla di certi argomenti togliete la foto di Vendola e del suo compagno…provo una certa repulsione. Vedere Vendola come caso simbolo significa dedicargli prime pagine che Vendola non merita…è solo capace di sottomettersi ai potenti!Vendola? Vendola?  

  • Rosanna

    annibale51, io la vedo diversamente … per me una coppia di gay potrebbe allevarne anche 10 di figli, purché siano quei poveri bambini disgraziati del terzo mondo che hanno bisogno di tutto, casa, famiglia, benessere … invece presi dal loro narcisismo dominante, che è proprio di tutta una civiltà, cercano di soddisfare le loro immediate istanze estetiche … quindi praticano l’eugenetica nel mercinomio on demand dell’utero in affitto, permettendosi di fare violenza di classe sulle donne che sono sottopste ad una gestazione mercificata … talvolta anche private della libertà e tenute per 9 mesi a letto, per salvaguardare il prodotto così prezioso della loro gravidanza …

    quale etica nel tempo postmoderno del mercato? nessuna etica, dice Zygmunt Bauman … e Vendola rispetta perfettamente le regole del mercato, vendendogli l’anima e acquistando un figlio … 

  • natascia

    Assistiamo alla caduta di tutti i comportamenti che rendevano  leggibile una comunità. Il futuro è finito, e Dio è morto. Non esiste caduta dei valori, piuttosto non esistono  nuovi valori a cui agganciarsi. Esiste solo   il nichilismo e  manca lo scopo.  La follia e la perversione, o il sacro, non hanno più gli argini razionali che tradizionalmente la società riusciva a garantire prima con la religione, poi con la razionalità. Nessuna salvezza all’orizzonte per la nostra società malata.

  • glab

    ma sti qua si provvederanno anche di una balia (nutrice) per accudire il neonato e provvedere al suo allattamento? 🙂

  • natascia

    Infatti, concludo che la situazione femminile sia precipitata e che  la specie umana stia perdendo l’unico essere in grado di tutelarla e dare la sua vita per essa.. 

  • ROE

    È schizofrenia da capitalismo. Volere sempre di più. Volere tutto. Questa è la realtà fondata sul denaro. Il resto è finzione. Non può durare.

  • olmo

    E’ proprio perchè qualcuno pensa "che una coppia gay possa adottere 10 orfani del terzo mondo" che si è messo in moto un meccanismo così delirante. O si ha la saggezza di vedere tutto questo con distacco o questi pensieri da "zecchino d’oro " non fermeranno questo tipo di violenza (possono solo legalizzarla!)
    Ci vuole ben altro per le ingiustizie umane!

  • alsalto

    Sempre sul pezzo la Spadini, accipicchia.

    E se domani dovesse scarseggiare la notiziona mainstream sul quale sversare la bile ritiriamo fuori, chesso’, gli orsi della luna.
    Che fine hanno fatto ‘sti orsi?
    Mha’.
    Si batte tanto ribadendo che pur essendo argomento ristretto ad una sparuta minoranza sappia monopolizzare e il lavoro parlamentare (lavoro?) e l’attenzione pubblica esercitando nel frattempo, udite udite!, il proprio sforzo di critica (critica?giammai) ops di demonizzazione sfornando un apposito post sul tanto minoritario argomento. Roba di lana caprina mi si dira’.
    Matrics e Bauman poi non posson mai mancare, hohohoh.
    L’oracolo bignami in pdf che e’ nell’alto dei cieli sapra’ tramutare l’acqua in idrolitina nei secoli dei secoli.
    Che nei luoghi ove Vendola ed il suo compagno hanno coaugulato il loro desiderio di genitorialita’ vi sia una normativa ben definita a tutela della "donatrice" e’ sicuramente argomento che puo’ passare in secondo piano, anzi DEVE esser sottaciuto, pena il depotenziamento se non annullamento dei propri sofismi.
    Le citazioni e le fonti le si usano come armi quando si e’ in guerra, ed a molti qui pare proprio piacere assai battagliare di polpastrelli sulle vite altrui.
    Si, le VITE ALTRUI che un ego ipertrofico considera anche proprie.
    Chi vive nel terrore vede pericolo ovunque tranne che in ove ha origine, in se stesso.
    Ed e’ quindi sempre colpa dell’altro, l’altro la minaccia, la causa, la peste.
    Di fatto pruriginoso in pruriginoso scavero’ nelle vostre mutande alla ricerca delle mie mancanze.
    Mai usati anticoncezionali la Spadini? EUGENETISTA!!!!!!!!!!
    C’e’ sempre uno piu’ puro che ti epura, attenta nostra sacerdotessa di verita’.
    E quindi accade che la detta mercificazione del corpo femminile divenga stereofonico,
    son botte che arrivano da destra e manca: quella troia s’e’ venduta il figlio!
    Ed i "ricchi ricchioni" se lo sono accattato.
    Meglio il termine finocchio? Si dai ci riporta ai bei tempi in cui era d’uso arderli in piazza i pederasti, cospargendone il rogo di semi proprio di finocchio al fine che l’onta fosse d’identificazione quantomai olfattiva.
    -Che profumino! Bruciano il culacchione!
    A-Eccoti i soldi della pelliccia!
    R-Eccoti l’utero!
    Cantavano gli Elii, e’ c’e’ davvero di che sganasciarsi.
    Attendo ansioso un post grondante odio nei confronti del governo Olandese, ad esempio, che consente, governandola, la prostituzione. Sempre che non sopraggiunga, nottetempo, il rinnovato abuso degli orsi della luna.
  • ROE

    Mai arrendersi. Nemmeno all’evidenza. Si può cambiare. Se davvero si vuole.

  • alsalto

    Poi mi spieghi la differenza tra una coppia etero che ricorre all’eterologa anziche’ optare per l’adozione del negretto di turno.

    O i negretti li riserviamo alle sole coppie gay?
    Scarti con scarti?
  • rocha

    E inutile continuare a prendersi in giro, il mondo per come lo conosciamo sta per finire, punto.

    Se siete religiosi (qualsiasi religione) allora pregate per la vostra anima, se non lo siete allora meditate o distraetevi e fuggite la realtà in qualunque modo. Meglio pazzi che post-moderni.
    Vita in compravendita come cosa normale, capacità di creare figli "su misura" (il premio nobel di quest’anno parla chiaro- modifiche del DNA nei feti, il sogno di Menghel…) Uteri artificiali, nuove armi batteriologiche in grado di attaccare determinati DNA, quindi specifici popoli, stirpi, famiglie etc intelligenza artificiale a un passo dalla consapevolezza di se, economia che invece di essere costruita attorno all’umano e costruita attorno allo scambio ad alta frequenza di dati informatici che sono in realtà senza alcun valore reale, sorveglianza globale e conseguente fine del libero arbitrio, futura programmata eliminazione del contante e conseguente schiavitu 2.0, cultura popolare degenerata e dedita all’esaltazione dei peggiori vizzi morali (lussuria, sodomia, violenza, ingordigia, narcisismo, egoismo) cultura delle elite ancora più degenerata e dedita alla auto-proclamazione di se stessi come divinita onnipotenti, manipolazione del cibo tramite tecniche e prodotti che mirano al profitto e non alla salute, manipolazione del pianeta e del clima… devo continuare?!? 
     "Il futuro è il nostro mondo, Morpheus. Il futuro è il nostro tempo" ed è vero, una nuova "razza" abiterà questo pianeta tra qualche decennio. Pensateci 50 anni fa eravamo stupiti di vedere la prima auto, i figli della di quella generazione di "stupiti" (che oggi non sanno usare il cellulare)  sono oggi quegli egoisti e diversamente-umani che concepiscono la vita come una competizione per il danaro da spendere in un cellulare più grande. Come pensate che saranno i figli di questa generazione?? cresciuti in un mondo totalmente mercificato e alienato, senza valori ne morale, dove tutto e possibile se ti fa felice! Abbiamo sostituito gli archetipi ancestrali con tecnologia e perversioni egoiche… e ne pagheremo il prezzo.
  • rocha

    NICHIVENDOLISMO… 

  • glab

    però ha avviato un bel dibattito!

  • annibale51

    Secondo me se persone gay sentono il bisogno genitoriale possono comunque aiutare dei bimbi…per i bimbi in difficoltà ben vengano tutti gli aiuti possibili, ci mancherebbe, però lo possono fare a distanza. Io non vedo una società sana con bimbi allevati direttamente dai gay. Ci sono tanti modi di aiutare bimbi se gli si vuole bene.

  • natascia

    Chiamiamola pure eugenetica. In realtà la situazione è molto più  simile a quella paventata nel libro di Curzio Malaparte "La pelle".Dove il popolo vendeva i bambini per sopravvivere. Dove le vergini erano verificate a pagamento. Dove nei blasfemi banchetti dei vincitori ci si ingozzava con le sacre sirene . Una volta preso il sopravvento sui "liberatori" lo schifo cessava. L’impotenza rende consenzienti e osceni, da questa dobbiamo veramente liberarci.

  • Simulacres

    Sottoscrivo!…

  • Simulacres

    cit. "NICHIVENDOLISMO… "

    No Rocha! permettimi… ma forse sarebbe più appropriato dire: Nichi-lismo vendoliano!

  • lanzo

    Da adottato, sia pure da gente in buona fede ma che  – vabbe’ lasciamo perdere,  il bimbo ad un certo punto chiedera’ a vendola e compagno: voglio conoscere mia madre, perche’ il legame e’ biologico ed affettivo insieme.

    Che gli risponderanno ?  
    Meglio che non proseguo, prevedo una persona infelice, snobbato e schizzato dai compagni di scuola – non per sua colpa – e la tua mamma  dov’e’ ? E magari preso a botte in classe.
  • lanzo

    Tra le migliaia di immigrate, di balie ne troveranno a iosa.

  • Primadellesabbie

    E accontentarsi di una bella bicicletta, magari rossa, con uno squillante campanello…qualche gita per la campagna…un pezzo di formaggio in tasca…?

    No eh?
  • rocha

    @Simulacres si insomma… l’importante è capirsi. Mi piacerebbe un sacco che il "compagno" Nichi leggesse questa pagina ahahah penso ci definirebbe picchiatori-squadristi-fascisti!! perché l’essere di sinistra oggigiorno vuol dire lottare per i diritti LGBT, ma non fare domande sulla Grecia… dopotutto Marx mentre scriveva il Capitale aveva in mente l’utero in affitto mica la rivoluzione!

    Saluti
  • rocha

    Beh ovviamente se alla vigilia di una possibile 3 guerra mondiale si vuole parlare di uteri in affitto ha decisamente fatto un buon lavoro 🙂

  • alsalto

    Quindi il problema e’ avere per genitori due uomini e non quello d’averci potenzialmente e per pura ipotesi (perche’ ‘sta cazzata la stai sostenendo tu) una massa di stronzi come compagni di classe. Parlare di bullismo no he? 

    E con le madri vedove come la mettiamo? 
    Dov’e’ tuo padre? Hahahahahah
    E se uno ci ha il figlio cieco che viene sfottuto che fa? Lo sacrifica sull’altare della dea bendata?
    Omologamente: quella coppia africana che ha deciso di procreare ha regalato come destino al proprio figlio insulti razzisti e vessazioni. Se son negri han solo da non far figli avendoci la consapevolezza che usciranno negri. E non siamo noi razzisti, son loro che son negri. Echeccazzo.
    Ma da ‘ste parti fate colazione a pane e merda?
    Ma la Spadini che fa tanto la figa ma li legge i commenti qua sopra?
    Ma non ti vergogni di averci ad appoggiartela gente con un QI da far impallidire silvester stallone?
  • mago

    Il bambino lo capisco…magari un domani se cresce diritto magari si salvera`..ma per quelli che votano Vendola non li capisco..ripugnante solo a vedersi e i fatti

  • Hamelin
    Viviamo nel Kali Yuga è normale .
    La salvezza ci sarà sempre , ce la portiamo appresso con noi sempre .
    Ci sono cose che non si possono cancellare .

    Puoi tranquillamente uccidere Dio ma non è detto che lui muoia .

  • Hamelin
    Bellissimo commento .

  • andriun

    concordo con lei olmo. Lasciare all’emotività questi argomenti, quindi alle donne e agli effeminati, si "cade" ovviamente dalla parte sbagliata, rispetto una scelta naturale/di principio che andrebbe fatta.

    Una ragione in più per liberarsi delle donne in politica. 
  • RicardoDenner

    Se c’è un padre(uomo)..e una madre (femmina)..e il bimbo viene allevato da una figura maschile e femminile..tutto il resto ha scarsa importanza..

  • Rosanna

    Non credo sia del tutto vero, olmo, perché lo sviluppo della tecnologia nel mondo contemporaneo ha intrapreso una propria via autonoma e indipendente da criteri di utilizzo settoriale … infatti la postmodernità ha bisogno della tecnologia come un pesce dell’acqua, e sostenere in qualche modo questo processo è direttamente funzionale al capitale … quindi non è l’esigenza genitoriale dei gay che produce nuova eugenetica biotecnologica, quanto l’esigenza del capitale di segnare una netta cortina estetico culturale tra la classe dominante e quella dominata … tra il mondo della virtualità neoliberista dei padroni e quello della virtualità sottomessa dei servi … non solo i gay infatti ricorrono a queste pratiche artificiali di riproduzione della prole, ma anche attrici e donne che non vogliono accusare le ripercussioni negative di una gravidanza sul loro aspetto fisico.

  • Rosanna

    Ti ripropongo una frase di Pasolini che risponde perfettamente al tuo commento, natascia:

    "Nulla è più anarchico del potere,
    il potere fa praticamente ciò che vuole. E ciò che il potere vuole è
    completamente arbitrario o dettato da sua necessità di carattere
    economico, che sfugge alle logiche razionali. Io detesto soprattutto il
    potere di oggi. Ognuno odia il potere che subisce, quindi odio con
    particolare veemenza il potere di questi giorni. È un potere che
    manipola i corpi in un modo orribile, che non ha niente da invidiare
    alla manipolazione fatta da Himmler o da Hitler.
    Li manipola trasformandone la coscienza, cioè nel modo peggiore,
    istituendo dei nuovi valori che sono dei valori alienanti e falsi, i
    valori del consumo, che compiono quello che Marx chiama un genocidio
    delle culture viventi, reali, precedenti. Sono caduti dei valori, e sono
    stati sostituiti con altri valori. Sono caduti dei modelli di
    comportamento e sono stati sostituiti da altri modelli di comportamento.
    Questa sostituzione non è stata voluta dalla gente, dal basso, ma sono
    stati imposti dal nuovo potere consumistico, cioè la nostra industria
    italiana pluri-nazionale e anche quella nazionale degli industrialotti,
    voleva che gli italiani consumassero in un certo modo, un certo tipo di
    merce, e per consumarlo dovevano realizzare un nuovo modello umano."

  • Rosanna

    alsalto, cosa ti sei bevuto? … se vuoi chiarire forse anche la mia modesta capacità intellettiva  potrebbe comprendere e di conseguenza rispondere secondo coerenza e logica (?)

  • natascia

    Poeta e precursore di fatti e tendenze all’epoca   non ancora conclamate. Struggente suonatore delle corde più dolorose del consumismo degli  esordi con le sue lacerazioni profonde e inguaribili. Le sue pur   terribili visioni hanno cercato di dare delle risposte umane a ciò che già umano non era più.  Adesso siamo alla fase successiva, ancora più inquietante. La sostituzione dei valori contadini è cosa passata, i valori consumistici  non più imposti perché non  sostenibili,  comunque bottino  preso ben e ben vigilato come solo i bravi pusher sanno fare. La nuova frontiera del consumismo dei corpi umani, sfondata anche quella, come ben qui si comprende. Resta da capire se questa vacanza di di disvalori sia un segno dello scoppio  dei pusher stessi o se preluda a qualcosa di ancora più terribile.

  • makkia

    Quindi il problema e’ avere per genitori due
    uomini e non quello d’averci una massa di stronzi come compagni
    di classe.

    Quindi un accidente. Hai estrapolato la frase più debole del commento di lanzo per trasformarla nel "nocciolo".
    Tecnica dialettica micidiale (quando riesce) ma anche riconoscibile per quello che è: una fallacia logica (del tipo "piano inclinato").
    Oltre alla carenza logica, c’è il problema di onestà intellettuale se lo si fa consapevolmente.
    Lui parla d’altro e tu concentri tutta l’argomentazione su una frase collaterale, irrilevante ed eventuale (infatti ci premetteva un "e magari").

    E comunque toppi anche fattualmente: quella sarebbe una classe normalissima come è sempre stato. Che i bambini sappiano essere crudeli è talmente noto che solo un vendoliano politically correct ne rifiuta l’ammissibilità.

    Parlare di bullismo no he?
    Telo chi el puliticaly corètt.
    Per i piddini (o SELlati, o tsiprioti, che dir si voglia) qualsiasi manifestazione, che non sia conforme a una stucchevole e pastorale Arcadia, diventa una "inaccettabile" violenza e va etichettata come bullismo (e nessuno è più bravo a etichettare di quel bamboccio, con la maturità emotiva di un tossico e l’etica di Cersey Lannister, che è il "sinistro" politically correct).

    E sono stronzate.
    I bambini sono bellissimi, ma si menano pure, si rubano le cose, si dicono cattiverie incredibili, per lo stesso motivo per cui sono bellissimi: perché sono innocenti. Non hanno una percezione definita del bene e del male e quindi (a differenza di noi adulti) non lo fanno con la coscienza, volontà e deliberazione a fare il bene o il male.

    Solo che un bambino così "controverso" da essere angelico e diabolico allo stesso tempo non è il bambino di plastica del Politically Correct.

    Il bambino politicamente corretto non fa niente che disturbi l’ordinata aspettativa dell’adulto politicamente corretto.
    Non sfotte il compagnetto di classe. Non soffre la mancanza della madre. Non rompe i coglioni al Progetto Gender di Scalfari, Vendola & co. (e alsalto). Non risente delle stranote e strastudiate problematiche dell’età evolutiva.

    No.
    Il bambino in provetta si comporta come un Pulcino Tamagochi: segui il libretto di istruzioni e vivrà felice e contento come desidera il padroncino viziato e immaturo.

    Ma da ‘ste parti fate colazione a pane e merda?
    Ma la Spadini che fa tanto la figa ma li legge i commenti qua sopra?
    Ma non ti vergogni di averci ad appoggiartela gente con un QI da far impallidire silvester stallone?

    Ma crescere un po’, me lo escludi proprio?
    Su, Ciccio, asciugati la bava alla bocca e argomenta qualcosa di sensato.
    Dai, che i tuoi bravi 20-30 anni ce li avrai, sei quasi un ometto, e ad andar di insulti come un quindicenne che gioca a chi ce l’ha più grosso (il sarcasmo, e solo quello) non ti fa mica prendere sul serio dagli altri adulti.

  • olmo

    Comunque guardandoli insieme è evidente che vendola rappresenta il "padre"
    per il compagno ( orfano?, abbandonato?, non ci è dato saperlo), cosi niki diventa nonno e 2 volte padre insieme!
    Comicità dei tempi moderni!

  • glab

    già… sembra proprio che i media si diano un gran da fare per tenere l’attenzione delle masse ancorata su cose "non pericolose"

  • uomospeciale

    "La
    cosa più schifosa in queste operazioni è che privi un bambino della sua
    mamma per soddisfare il tuo egoismo"

    beh…..
    e quando sono le mogli a separarsi
    "fregando" i figli al marito?

    so di uomini che non vedono più i propri figli da anni….
    e di moltissimi altri,
    ridotti ad elemosinare qualche minuto con loro
    contrattandone la concessione con l’ex moglie,a suon di soldi
    e umiliazioni.

    quello non è egoismo?

    eppure è largamente accettato,dalle donne….
    e perfino dalla legge che anzi
    fa di tutto per aiutarle,visto che entrambi tendono tutt’ora
    a considerare i figli di quasi esclusiva "proprietà" femminile.

    è evidente che con la maternità surrogata….
    e più ancora con il futuro utero artificiale,accadrà la medesima cosa:

    diritti riproduttivi,si chiamano….

    troppo comodo volerli solo per sè,
    e pretendere di negarli agli altri.

  • Truman

    Non so. Mi ritorna in mente un bambino di nome Bruto e suo padre Cesare. Diamo tempo al tempo.

  • Truman

    PS: Sembra che anche Cesare fosse frocio.

  • yago

    Quando il mondo sarà quello di Alice nel paese delle meraviglie e scompariranno bulli, razzisti, brutti e cattivi, allora un figlio di una coppia omosessuale non avrà alcun problema. Diamo quindi un pò di tempo a questo governo per far si che ciò si verifichi e poi riparliamone. 

  • PinoRossi

    Ignorante e arrogante

  • PinoRossi

    D’altronde nessuno vuole morire solo. Il patetico vecchio gay col cagnolino lasciamolo fare ai gay poveri. Noi gay ricchi vogliamo un figlio laureato che ci accompagni dal dottore da vecchi.

  • Don-Kisciotte

    Ottima considerazione!

  • Don-Kisciotte

    Non si capisce la tua obiezione e dove vuoi andare a parare.
    Hai postato un commento piuttosto sconclusionato. E quindi? Invece per non offendere i finocchi dobbiamo accettare che un bimbo sia orfano di padre o di madre?
    Su quali vite intendi che stiamo a battagliare qui? Secondo te me ne frega un cazzo della vita -altrui- di Vendola? A me interessa la vita altrui dell’indifeso. Cioè del povero bambino. Molto molto meno mi importa della prestatrice di utero, in quanto ai limiti della teoria dovrebbe trattarsi di una persona libera e pensante che ha fatto una scelta sulla propria pelle. Ancor meno della vita altrui di Ventolo

  • alsalto

    e mi puzzano anche i piedi.

    pensa te che sfiga.
  • alsalto

    Ma sai il bambino in questione potrebbe anche ritenere opportuno che non si occupi dei fatti suoi troppa gente.

    Chi poi investa chi del dovere-diritto di occuparsene a me risulta difficile comprenderlo.
    Se dall’esterno qualcuno rivendicasse il suo diritto nell’interferire nel modo in cui tu intendi crescere tuo figlio?
    Ad esempio come alimentarlo.
    Immagina il vegano radicale che ti insulta perche’ dai il manzo al bimbo….
    Intuisci?
    Se al bimbo e’ garantito affetto, salute e protezione chi puo’ immolarsi a giudice delle faccende di ordine pseudo-morali?
    Io ci vedo solo un’invasione della liberta’ personale.
    Opinioni? Ok, solo che voler impedire qualcosa a qualcuno va ben oltre le opinioni.
    Saluti.
  • alsalto

    Trai troppe conclusioni.

    D’esser preso sul serio non mi interessa minimamente, ancor meno cazzeggiando su di un forum. 
    Ti sei sparato un pippottone in parte anche condivisibile per dire che?
    Che ci hai ragione tu.
    Bene, hai vinto il galeone dei playmobil.
    Molto semplicemente:
    E’ gia’ accaduto ed accadra’ ancora, che a te piaccia o meno.
    Da qui due possibilita’:
    -metter la testa sotto la sabbia convincendosi che essendo proibito avete vinto
    -normare al fine di tutelare
    Non ti piace la pratica in questione?
    Non praticarla.
    Saluti.
  • alsalto

    Vabbe’ Rosanna, lasciamo perdere, ancor piu’ che vedo che stai in ottima compagnia vista camerata.

    Che poi la cosa ridicola e’ che potete pure sommergere di bile il mondo ma chi intende farlo lo fa e lo fara’.
    Alla faccia vostra, aggiungo.
    La bella che e’ progioniera
    lalala’, lalala’, lalala’
    ha un nome che fa paura
    liberta’ liberta’ liberta’.
  • Don-Kisciotte

    e impedire a un bambino di avere e conoscere i suoi genitori biologici, non va ben oltre le opinioni? E’ vero che queste nuove situazioni sono un dato di fatto, perchè la tecnologia te lo permette, ma non per questo non sono qualcosa che non si possa giudicare e mettere sotto la lente di ingrandimento.

    "Se al bimbo e’ garantito affetto, salute e protezione chi puo’ immolarsi a giudice delle faccende di ordine pseudo-morali?"….

    Ma perche ad un bambino a cui hai sottratto la presenza di un padre(maschio) o di una madre(femmina) non hai già tolto una possibilità di un affetto?

    Anche fosse solo una possibilità (di affetto e di una bella e positiva relazione) e non una certezza, chi ti da il diritto di interferire con questo legame naturale, togliendolo a priori?

  • alsalto

    Chi ti da il diritto di interferire con questo legame naturale, togliendolo a priori?


    Il libero arbitrio in primo luogo ed il fatto che la definizione stessa di legame naturale e’ assai controversa oltre a non dire molto se non che chi la brandisce si e’ investito del potere d’esercitare censura sulle scelte altrui in maniera del tutto autoreferenziale.

    E’ solo una questione culturale. In molte culture quello che tu chiami legame naturale e’ confinato alla sola figura materna ed esclude quella maschile che fa gaudente uccel di bosco.
    E’ sotto l’occhio di tutti cosa ha portato nella storia questo atteggiamento suprematista.
    Pensa ad esempio all’opera di evangelizzazione obbligata portata nelle americhe dai missionari. Da un lato i selvaggi dall’altro i detentori della parola divina.
    Ieri si ardeva l’eretico, oggi si rivendica la liberta’ di poterlo perpetuare.
    Ti sembra assurdo che impalassero ed ardessero donne tacciate di stregoneria ieri,
    domani parra’ assurdo quanto accade oggi, o almeno me lo auguro.
  • natascia

    C. Baudelaire; O. Wilde; M. Proust; P. Pasolini. Nessuno li ha accompagnati in alcun luogo . Le loro grandezze sono derivate prima dalla maledizione poi dal riconoscimento postumo  da parte della società.  Riconoscimenti eccezionali in deroga ai comportamenti conservativi utili  alla salute sociale, sensati in un’ottica in cui alla genialità viene riconosciuta una libertà di azione e pensiero  più ampia. Insensati oggi in cui di genialità  vedo  poche traccie.

  • rocha

    Parole sante! ti dirò, secondo me la cosa inquietante non sono però tanto i media venduti (non che la cosa vada bene sia chiaro) ma la popolazione che non si pone domande e  assorbe in maniera acritica tutto quanto… oggi è tutto così "scientifico" e "tecnologico" che non si può più mettere in discussione niente! 

  • Don-Kisciotte

    definizioni controverse?

    Allora tutto puo essere controverso e opinabile. Il fatto è che è difficile spiegarlo tanto è -appunto- naturale… Invece i giudizi, a un certo punto, bisogna darli. Ma non per una volontà di suprematismo, ma perchè ad un certo punto bisogna operare una scelta di responsabilità. E chi ha paura di giudicare e solo perchè non vuole essere giudicato

    Perchè dovrei interferire nella scelta libera di un assassino di ammazzare la sua vittima? Perchè intromettermi nella sua libertà… boh
    Perchè intromettermi nella libertà di praticare l’aborto… boh in fondo è un diritto della madre. Forse il mio allora è un atteggiamento suprematista, quello di voler difendere il piu indifeso

    Che ti devo dire?

  • rocha

    @Simulacres e @Hamelin. Mi fa piacere sapere che qualcuno la pensa come me! Se posso permettermi vorrei farvi una domanda. Inserendo tutto quello che c’è nel commento (e tutti i vari argomenti affini che mancano) in una cornice più ampia… Voi come vedete il quadro che si viene a creare? cioè, è chiaro che si tratta di un quadro che rappresenta la fine del mondo (per lo meno del nostro mondo), ma secondo voi il "pittore" è la sola cinica razionalità umana oppure siamo davanti a qualcosa di più esoterico e "religioso"? ammetto che sono spesso combattuto su questo punto. 

  • neroscuro2014

    Dopo la risibile "reductio ad Hitlerum", già smontata altrove, il sig. Bosio  pratica una sua variante: "la reductio ad comunismum". Un’invenzione fiacca che ha come unica trovata quella di sostituire Hitler con il comunismo, mantenendo inalterati la decontestualizzazione, la mancanza di riflessione e qualificandosi come un attacco ad un oggetto ormai morto e fittizio, che non può difendersi né replicare.

  • makkia
    per dire che? Che ci hai ragione tu.
    Casomai che ci ha raggggione lanzo 😉

    E’ gia’ accaduto ed accadra’ ancora, che a te piaccia o meno.

    Cosa?!? Rispetto a quello che segue mi sembra che metti l’adozione gay al pari del divorzio o dell’aborto o al limite delle droghe leggere. Non c’entra molto, per vari motivi.

    due possibilità:

    -metter la testa sotto la sabbia convincendosi che essendo proibito avete vinto
    -normare al fine di tutelare

    Ti sfugge che proibire è normare. Non c’è nessuna "testa sotto la sabbia" nel proibire il furto, l’appropriazione indebita o il pisciare nei tram. Si sceglie di dire che quelle cose non vanno fatte. Le tue "due possibilità" in realtà sono la stessa cosa: decidere se sia o no etico e socialmente accettabile.
    Il porre due alternative in quel modo è un’altra fallacia logica (ma questa volta involontaria): dare per acquisito il secondo risultato poiché la prima alternativa viene posta come indesiderabile.
    Invece normare la compra-vendita di uteri al fine di garantire la soddisfazione emotiva delle persone gay non è esattamante una inevitabile conclusione alla quale una civiltà dovrà arrivare, prima o poi. E’ una scelta, che interessa una minoranza vocale ma ristretta. Ed è discutibile e opinabile.

    Quanto alla tutela: c’è appunto il problema del bambino che, a differenza del Tamagochi, tende a soffrire nella vita reale (e non a simulare la sofferenza per mezzo di un listato di programmazione).
    Singolare come sia considerato importante e scontato tutelare gli animali da compagnia e come invece la tutela dei neonati/bambini sia un momento irrilevante di questo "civilissimo" dibattito, no?