Home / ComeDonChisciotte / MARTIN LUTHER KING: UN EROE AMERICANO, DOV'E' IL SOSTITUTO ?
14396-thumb.jpg

MARTIN LUTHER KING: UN EROE AMERICANO, DOV'E' IL SOSTITUTO ?

DI PAUL CRAIG ROBERTS

globalresearch.ca

Il 19 gennaio è stato il Martin Luther King Day, festa nazionale. King era un leader per la difesa dei diritti civili assassinato il 4 aprile 1968, 47 anni fa, all’età di 39 anni. James Earl Ray fu condannato per l’omicidio. Inizialmente Ray si proclamò colpevole, seguendo, a quanto detto, il consiglio del suo avvocato per evitare la pena di morte, ma Ray ritrattò la sua confessione e richiese inutilmente un processo con giuria.

I documenti ufficiali sulle indagini rimarranno segreti fino al 2027.

Come riporta Wikipedia “la famiglia King non crede che Ray abbia a che fare con l’omicidio di Martin Luther King[…]. La famiglia King e altre persone credono che l’assassinio sia stato portato avanti da una cospirazione da parte del governo americano e che James Earl Ray sia stato un capro espiatorio. Questa conclusione è stata confermata da una giuria in un processo civile del 1999 contro Loyd Jowers e cospiratori anonimi”.

Il dipartimento americano di giustizia concluse che la testimonianza di Jower, che influenzò la giuria civile durante il processo, non era attendibile. Dall’altra parte non vi è alcuna soddisfacente spiegazione del perché alcuni documenti su le investigazioni su Ray furono messe sotto chiave per 59 anni.

Ci sono molti punti oscuri sulla storia dell’assassinio di King, così come ce ne sono per l’assassinio di J.F. Kennedy e di Bobby Kennedy.

Non sono abbastanza i sospetti e le informazioni per cambiare le storie ufficiali. I fatti non contano abbastanza per cambiare le storie ufficiali.

Molti americani continueranno a credere che visto il fallimento del governo nell’averlo etichettato come comunista e donnaiolo, la classe dirigente decise di eliminare un emergente e scomodo leader assassinandolo. Molti neri americani continueranno a credere che il giorno di festa nazionale sia il modo in cui il governo ha voluto coprire il suo crimine e ha incolpato il razzismo per l’omicidio di King.

Di sicuro il governo non avrebbe dovuto fomentare il sospetto accordandosicon un patteggiamento per un omicidio del genere . Ray era un evaso da un penitenziario di Stato ed è stato arrestato all’aereoporto di Londra di Heathrow mentre stava cercando di fuggire in Africa. Sembra improbabile che stesse mettendo a rischio la sua fuga per andare a sparare a King con delle motivazioni razziali.

Dovremmo tenere a mente i numerosi dettagli in sospeso sull’assassinio di Martin Luther King con cui siamo stati bombardati dai media, con quelli che Finian Cunningham definisce “politici emotivamente dinamici che stupiscono il pubblico facendo domande necessariamente dure”, i dettagli sugli omicidi a Charlie Hebdo, e inoltre quelli del bombardamento alla maratona di Boston, e tutti gli altri attentati che sono risultati essere molto convenienti ai governi.

Questi ingenui cittadini che credono che “i nostri governi non ucciderebbero mai la propria gente”, devono informarsi di più su cose come “Operazione Gladio” e “il progetto Northwoods”, argomenti sui quali sono presenti molte informazioni nella rete, investigazioni parlamentari e documenti segreti resi pubblici.

Il Progetto Northwoods fu presentato al presidente J.F.Kennedy dallo Stato Maggiore americano. È stato portato in appello per la sparatoria contro civili per le strade di Washington e Miami, aver abbattuto aerei di linea americani (reali o simulazioni) e aver attaccato navi di rifugiati che arrivavano da Cuba al fine di creare un terribile caso contro Castro che avrebbe assicurato il supporto dell’opinione pubblica per una invasione che avrebbe portato al cambio del regime a Cuba. Il presidente Kennedy non accettò la teoria del complotto e fece rimuovere il capo dello Stato Maggiore, un provvedimento che alcuni ricercatori pensano abbia portato al suo assassinio.

L’Operazione Gladio fu invece rivelata dal primo ministro italiano nel 1990. Si trattava di un’operazione segreta coordinata dalla NATO in cooperazione con la CIA e i servizi segreti britannici.

Investigazioni parlamentari in Italia, Svizzera e Belgio e testimoni dei servizi segreti, hanno stabilito che Gladio, originariamente costituita come un esercito segreto per resistere all’invasione sovietica, era utilizzata per portare a termine bombardamenti sulle popolazioni europee, in particolare contro donne e bambini, con il fine di incolpare i comunisti ed evitare che questi ultimiottenessero maggiorepotere politico in Europa durante il periodo della Guerra Fredda.

Rispondendo all’interrogatorio dei giudici a proposito della strage alla stazione centrale di Bologna del 1980, dove vi furono 85 morti, Vincenzo Vinciguerra disse: “In Italia è presente una forza armata parallela a quella dell’esercito, composta da civili e uomini militari […] una grande organizzazione con un grande rete di comunicazione, armi ed esplosivi che portano a termine azioni omicide in nome della NATO e prevengono una caduta a sinistra nell’equilibrio politico del Paese. Questo è quello che hanno fatto, con l’appoggio dei servizi segreti, della classe politica e delle forze armate”. Vinciguerra in un’intervista al Guardian, disse che “ogni singolo attentato avvenuto dopo il 1969, rientra in un unico grande contesto, mobilitato per una battaglia contro la strategia comunista, non creata con organizzazioni devianti dalle istituzioni del potere, ma dall’interno degli Stati stessi, in particolar modo all’interno degli ambiti delle relazioni tra gli Stati dell’Alleanza Atlantica”.

Non vi è alcun dubbio sull’esistenza dell’operazione Gladio. La BBC nel 1992 ha realizzato un documentario di due ore e mezza sull’organizzazione terroristica della NATO. Oltre alle investigazioni parlamentari e testimonianze dei partecipanti, ci sono molti libri, articoli e resoconti sul tema. C’è ragione di credere che, sebbene siano stati scoperti, Gladio è ancora in attività e sia dietro ad attacchi terroristici in Europa, come quello a Charlie Hebdo. Ovviamente oggigiorno Washington ha il totale controllo sull’Europa, quindi non vi saranno investigazioni parlamentari analoghe a quelle che vi sono state per l’operazione Gladio.

Con la documentata ed ufficiale ammissione dell’esistenza delle tante cospirazioni governative contro le proprie popolazioni, con la conseguente morte di molte persone, solo agenti governativi consapevoli e inconsapevoli rispondono alle osservazioni sui sedicenti attacchi terroristici, cercando di mettere a tacere coloro che ricercano la verità. L’obbiettivo di mettere a tacere i sospetti sulle storie ufficiali, è stato portato a termine in maniera egregia dai principali mezzi di comunicazione del mondo occidentale: la stampa e la tv. Alla prostituzione dei mezzi di comunicazione si è unita quella dei tabloid del web, come “Salon” ad esempio, e altri siti web che in questa maniera ottengono guadagni e vantaggi. I soldi arrivano a chi appoggia la classe dirigente.

Molti siti internet contribuiscono involontariamente al potere di quel 1% che controlla le spiegazioni e screditano coloro che ricercano la verità. Questa è la principale funzione della sezione dei commenti sui siti internet, creati appositamente da persone pagate per trollare.

Alcuni studi hanno portato alla conclusione che la maggior parte della popolazione si sente troppo insicura per prendere una posizione diversa dai propri simili. La maggior parte degli americani non ha sufficienti informazioni per sentirsi sicura per prendere un’opinione autonoma. Seguono la massa e si fidano dei loro simili che dicono loro cosa è meglio pensare. Chi crea i trolls è assunto con lo scopo di denigrare e formulare degli attacchi personali a chi non è d’accordo con l’opinione comune. Per esempio nella sezione dei commenti del mio sito, vengo continuamente attaccato in termini personali da persone che si nascondo dietro un nome o un nickname. Altri assumono persone che odiano Ronald Reagan e gli ideali di sinistra per screditarmi su un piano che solo persone deboli e perfide possono fare e che sono inaffidabili in quanto servono l’amministrazione Reagan. Molte delle persone che mi screditano, baciano il pavimento dove cammina Hillary Clinton.

Oggigiorno nelle cosiddette “democrazie occidentali” è permesso essere politicamente scorretti nei confronti dei mussulmani ed evocare parole di disprezzo e denigrazione nei loro confronti. Ma non è permesso criticare il governo di Israele per gli attacchi omicidi indiscriminati contro i cittadini palestinesi. La posizione della lobby israeliana e la sua obbediente e minacciata “stampa della prostituzione”, è quella che qualsiasi critica ad Israele sia un sintomo di antisemitismo e il segnale che l’opinione pubblica voglia un nuovo olocausto. Questo sforzo di mettere a tacere tutte le critiche sulle politiche di Israele, viene applicato anche sugli israeliani e sugli stessi ebrei. Gli israeliani e gli ebrei che leggitimamente criticano le politiche israeliane con la speranza di far cambiare direzione allo Stato sionista, di portarlo lontano dall’autodistruzione, vengono etichettati dalla lobby israeliana come persone che odiano gli stessi ebrei. La lobby ha dimostrato il suo potere distruggendo la libertà accademica, arrivando all’interno delle università cattoliche private e quelle statali, bloccando e ritirando le nomine di ruolo dei candidati, di ebrei e non, che non avevano ottenuto l’approvazione della lobby israeliana.

Vedo Martin Luther King come un eroe. Qualsiasi siano stati i suoi fallimenti familiari, se ce ne sono stati, ha sempre combattuto per la giustizia e per la sicurezza di ogni razza e genere nel rispetto della legge. King credeva veramente nel sogno americano e voleva che si realizzasse per il bene di tutti. Sento di aver esaminato la vita di King con occhio critico; avrebbe preso in considerazione il mio caso e avrebbe risposto onestamente a prescindere dal potere che poteva avere su di me.

Non posso aspettarmi la stessa considerazione da nessun governo occidentale o dalle persone che trollano i miei commenti, con la speranza di fomentare i propri lettori. I creduloni e gli ingenui sono incapaci di difendere la propria libertà. Sfortunatamente queste sono le caratteristiche principali delle popolazioni occidentali. La libertà occidentale sta crollando davanti ai nostri occhi, e ciò rende assurdo il desiderio degli opponenti russi di Vladimir Putin di integrarsi al collasso degli Stati occidentali.

Il Dott. Paul Craig Roberts è stato Assistente del Segretario del Tesoro per le Politiche Economiche e caporedattore associato per il “Wall Strett Journal”. È stato editorialista per il “Business Week”, il “Scripps Howard News Service” e per il “Creators Syndicate”. Ha avuto molte cariche universitarie. La sua rubrica su Internet ha attratto lettori da tutto il mondo. L’ultimo libro di Roberts si intitola “The Failure of Laissez Faire Capitalism and Economic Dissolution of the West and How America Was Lost”.

Fonte: www.globalresearch.ca

Link: http://www.globalresearch.ca/martin-luther-king-an-american-hero-where-is-his-replacement/5425780?print=1

20.01.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org acura di LEONORA FACCIO

Pubblicato da Davide

  • Ercole

    M.l. king è stato un idealista e non ha compreso il fatto che il mondo non si divide in bianchi o neri ma in ricchi e poveri,poi parlare di diritti ,giustizia ,rispetto della legge ,è utopia allo stato puro se non si combatte e non cancelliamo dal globo il vigente sistema economico  (capitalista )non abbiamo bisogno ne di eroi e neppure di sostituti il futuro dipende dal proletariato internazionale una giovane classe di fatto rivoluzionaria se avrà la capacità di organizzarsi e lottare per  mettere la parola fine alla barbarie del capitale .