Home / ComeDonChisciotte / MAASTRICHT EREDE DI AUSCHWITZ
12364-thumb.jpg

MAASTRICHT EREDE DI AUSCHWITZ

FONTE: COMIDAD.ORG

La lugubre pagliacciata allestita attorno al cadavere di Priebke, ha sortito l’effetto di attribuire anche ad un personaggio del genere l’alone di vittima e di martire. Non era però questo l’obiettivo principale dell’operazione, dato che l’isterismo così generato ha fornito il pretesto per reintrodurre in grande stile nella legislazione la criminalizzazione delle opinioni; ciò attraverso il reato di “negazionismo” nei confronti del cosiddetto “Olocausto”. In molti hanno notato che, rispetto allo scopo dichiarato, la legge contro il “negazionismo” appare del tutto incongruente; anzi, essa finisce per attribuire all’opinione che si dice di voler combattere una patente di anticonformismo culturale e persino di eroismo.Sono quindi altre le opinioni che si vogliono effettivamente colpire, perciò si vedranno ben presto una legislazione ed una giurisprudenza ad hoc, che magari dilateranno la categoria di “negazionismo” a ben altri scetticismi, come quello di chi non crede alla versione ufficiale sull’11 settembre, o nega l’esistenza di Bin Laden. Lo scopo non è esclusivamente repressivo, ma soprattutto di discredito nei confronti di opinioni che vedrebbero con imbarazzo il trovarsi accomunate a “quel” negazionismo.

L’aspetto paradossale di questa vicenda sta nel fatto che l’eredità del nazismo storico è stata raccolta proprio dal sistema di dominio vigente oggi in Europa, cioè da quella Unione Europea insignita del premio Nobel per la Pace. Molti storici hanno notato che l’aspetto pionieristico e sperimentale del nazismo è consistito nell’aver applicato all’Europa metodi che erano stati tipici del colonialismo in Africa, in America ed in Australia. Ammiratore incondizionato del colonialismo anglosassone, Hitler teorizzò nel suo “Mein Kampf” l’impiego di pratiche coloniali come la deportazione, la concentrazione e lo sterminio sulle popolazioni dell’Europa dell’Est. Sino ad allora si pensava che queste tecniche fossero possibili solo in società tribali, etniche e frammentate, e fossero invece impraticabili in un’Europa in cui le società erano ben strutturate ed esistevano nazioni dotate di lingue e storie comuni.

A guardar bene, il copyright del colonialismo nazista era ancora una volta di origine anglosassone, poiché il primo a resuscitare ed usare un mito etnico a fini di destabilizzazione interna agli Stati nazionali, era stato nel 1917 il ministro degli Esteri britannico Balfour, allorché aveva inviato al banchiere Rothschild una lettera in cui si concedeva ai sionisti la possibilità di stabilire in Palestina un loro “focolare” nazionale, e ciò in riconoscimento di quanto gli Ebrei stavano facendo per aiutare Gran Bretagna e Francia a vincere la guerra mondiale in corso contro la Germania. La lettera si basava su un falso, dato che in quel periodo la stragrande maggioranza degli Ebrei europei combatteva e moriva tra le file tedesche ed austro-ungariche, ma il falso funzionò al punto che in Germania molti imputarono la sconfitta nella prima guerra mondiale agli Ebrei. Ma nel “Mein Kampf” l’Ebreo diventa qualcosa di più di una razza o etnia perfida e ostile, dato che va a rappresentare un paradigma emergenziale che può essere riapplicato a chiunque ed in ogni situazione.

Il Trattato di Maastricht del 1992 – con la sua appendice del Trattato di Lisbona del 2007 – ha ereditato e continuato questo sperimentalismo nazista, poiché ancora una volta si è trattato di trapiantare in Europa un colonialismo brutale e sbrigativo, identico a quello che il Fondo Monetario Internazionale aveva praticato per decenni in Africa, e che, sino ad allora, si credeva applicabile soltanto a Stati e società fragili, privi di tradizione amministrativa. La redenzione dell’Europa dell’Est dal cancro dello statalismo economico dopo la caduta del Muro di Berlino, ha finito così per coinvolgere anche l’Europa occidentale, che si è dovuta piegare alle stesse forche caudine delle privatizzazioni e della liquidazione del welfare, come se anch’essa fosse parte sconfitta nel dopo-Guerra Fredda. Come l’antisemitismo, anche l’anticomunismo non si indirizzava solo contro un nemico definito, ma si rivelava un paradigma generale ed onnicomprensivo, a cui nessuno poteva sfuggire e che imponeva a tutti un percorso di redenzione. La colonizzazione dell’Europa dell’Est è diventata per il FMI uno strumento per colonizzare anche l’Europa dell’Ovest, ed i modelli di riferimento erano già stati tracciati dalle multinazionali tedesche durante la seconda guerra mondiale.

Nel secondo dopoguerra l’oligarchia industrial-finanziaria della Germania era riuscita a riciclarsi pressoché in blocco, scaricando per intero le responsabilità di quanto accaduto sul “tiranno” Hitler. Il ruolo fondamentale svolto dal lobbying delle multinazionali tedesche – e dei loro partner americani -, per quanto conosciuto e documentato, è rimasto invece in ombra. Come è noto, il campo di concentramento di Auschwitz “ospitò” il più grande stabilimento chimico d’Europa, appartenente alla multinazionale tedesca IG Farben, un cartello di imprese di cui faceva parte anche la Bayer. La IG Farben era a sua volta in partnership con la Standard Oil dei Rockefeller. Al finanziamento del campo di Auschwitz in Polonia partecipò, manco a dirlo, anche la onnipresente Deutsche Bank.
La IG Farben di Auschwitz rappresentò un esempio avveniristico di “relocation” aziendale, in cui lavoravano deportati, ma anche “volontari” fatti arrivare da tutta Europa, compresa la Francia; perciò lo schiavismo palese era integrato con altre forme di reclutamento del lavoro che già anticipavano aspetti del modello attuale. Che ancora oggi la Polonia costituisca una delle mete privilegiate delle relocation aziendali, costituisce una macabra ironia della Storia.

Data la logica aziendale che presiedeva ad Auschwitz, risulta persino irrealistico ritenere che un genocidio non vi sia stato, visto che questo era pienamente conseguente alle premesse. Se, grazie alle deportazioni di massa, la materia prima umana veniva a costare meno del pasto che l’avrebbe dovuta mantenere, ne derivava, per mere ragioni di budget, la sottoalimentazione dei lavoratori e la eliminazione sistematica degli inabili al lavoro.

Si è detto spesso, retoricamente, che Auschwitz ha rappresentato il “Male Assoluto”, “il Male allo stato puro”, e l’uso di un termine magniloquente ed esoterico come “Olocausto” contribuisce a perpetuare questa metafisica. In realtà non esiste il “Male Assoluto”, ma esiste il male, che consiste nell’asimmetria delle relazioni umane. Se nella relazione economica il lavoro costituisce la variabile “flessibile” per eccellenza, certe conseguenze criminali sono ovvie e inevitabili. Al punto in cui sono arrivati attualmente i giochi, non è più necessario nemmeno un Hitler, basta un Marchionne qualsiasi. Erano invece le tanto vituperate “rigidità” a conferire qualche simmetria, e quindi anche quel po’ di equilibrio, ai rapporti aziendali.

Il nazismo viene di solito fatto passare per un nazionalismo estremo; al contrario, il nazismo anticipò i tempi anche nello spezzare le rigidità nazionali, configurando il modello che il Trattato di Maastricht avrebbe poi pienamente realizzato. Tutto deve essere “flessibile” in Europa, tranne i Trattati, perché la loro rigidità esprime gli interessi del lobbying multinazionale. Chiaramente il contesto tecnologico attuale è molto diverso, quindi i parallelismi con il passato non devono prendere la mano. Rimane comunque il fatto che l’avvento di strumentazioni come il denaro elettronico apre nuove possibilità di spezzare le antiche rigidità sociali, nazionali e territoriali. Ciò rende possibile anche il controllo e lo sfruttamento della pseudo-migrazione, cioè la forma moderna di deportazione di massa.

La nuova frontiera del business è il microcredito, di cui una delle forme suscettibili di maggiore sviluppo è il “migrant banking”. Grazie ai cellulari l’inclusione finanziaria può coinvolgere agevolmente persone senza fissa dimora. L’enorme attenzione dedicata al business del migrant banking è testimoniata da un progetto cofinanziato dall’Unione Europea e dal Ministero degli Interni italiano, ed attuato in collaborazione con una delle più grandi aziende di servizi finanziari del mondo, la Deloitte, una società di origine svizzera che però oggi ha le sue principali sedi operative a New York e Londra. Ancora una volta le istituzioni pubbliche si piegano agli interessi del lobbying privato per costruire una nuova Auschwitz, stavolta diffusa sul territorio.

Fonte: www.comidad.org
Link: http://www.comidad.org/dblog/articolo.asp?articolo=577
24.10.2013

Pubblicato da Davide

  • Aironeblu

    Complimenti per questo parallelo di certo non azzardato tra la struttura del regime nazista e quella della Troika.

    Ci sarebbe però da aggiungere qualche precisazione a partire da una domanda: perchè mai il grande potere finanziario e industriale delle multinazionali alleate al regime nazista in un primo tempo, abbiano poi abbandonato l’omino coi baffetti per radere letteralmente al suolo le sue città e il suo governo, passando dall’altra sponda dell’Atlantico?

    Forse perchè Hitler è stato usato come un cavallo di conquista dalle lobbies finanziarie, che è stato puntualmente tradito quando i suoi orientamenti politici iniziavano ad essere troppo nazional-socialisti, e quando l’ascesa del suo potere iniziava a diventare incontrollabile. Se ci si chiedesse quale sia stata l’origine del grande conflitto ideologico giudaico-nazista, si potrebbe ricordare come Hitler avesse esplicitamente dichiarato guerra al potere occulto finanziario-massonico (esattamente come Kennedy), che veniva forzosamente identificato come conflitto etnico.

    Chi vinse si sa, come sempre, i buoni….

  • haward

    L’unica, vaghissima, speranza per noi europei (e non solo) consiste nella presa di coscienza della concatenazione di eventi che ha determinato l’attuale drammatica situazione che stiamo vivendo. La versione dell’articolo è, al contrario, infantilmente superficiale ed intrisa di quei luoghi comuni che sono il cardine della pseudo informazione “alternativa” e di “sinistra”. Continuare ad ignorare la Storia (quella vera, non le versioni romanzate ed ideologiche) significa inchiodarsi per sempre al ruolo di vittime e, nello stesso tempo, complici di chi ci sta rubando le nostre vite.

  • Giancarlo54

    Condivido. La situazione attuale è la conseguenza della II GM da cui sappiamo chi siano emersi come vincitori. Dicendo questo mi beccherò del nazista ma io rispondo tranquillamente che nazista non sono, il problema è che si continua a ragionare per schemi precostituiti, ragionando di nazismo e di antinazismo, dimenticandoci due cose fondamentali:
    1) la storia dell’ascesa al potere e i primi passi al potere di Hitler non sono mai stati scritti
    2) i “buoni” non hanno iniziato la guerra contro il “cattivone” perché loro erano buoni.
    Nel presentare l’attuale UE come nazista si confondono le idee della gente, che le ha già confuse per conto suo, si cerca di solleticare la “pancia” della gente con termini altisonanti, si cerca, in fondo, di porre sul piatto l’eterno discorso della “vittoria tradita, della vittoria mutilata”. Si attribuisce ai vincitori della II GM (vero punto di arrivo e di partenza della storia contemporanea) la volontà e l’intento di aver tradito la “crociata anti-nazifascista” adottando gli stessi metodi degli sconfitti. E’ un errore madornale. Quando vedo rappresentata la Merkel come Hitler mi cadono le braccia per terra. Dobbiamo farne di strada, ancora tanta.

  • A-Zero

    Sarebbe veramente interessante e utile poter conoscere “la vera concatenazione degli eventi”. Purtroppo haward non ci vuole aiutare. Così anch’io resto condannato alla superficialità.

  • A-Zero

    Giancarlo ma sei sicuro che hai capito il senso dell’articolo? A me la tua esposizione sembra proprio il solito schematismo. Non mi pare che all’articolo interessi parlare di vittoria mutilata o non mutilata. Se non sbaglio (questo ce lo può dire solo l’estensore dell’articolo) la tesi di fondo è che il nazismo sia solo il prototipo delll’attuale sistema di dominio e che, come sostieni tu, sul nazismo ci sia stata una stumentale mistificazione. Cioè il nazismo come prototipo funzionale e come simbolo di esecrazione serve a nascondere quanto profondamente nazista sia il sistema di dominio atutale, pur volendosi presentare come democratico. Dov’è scritto nell’articolo che il problema è aver tradito la crociata anit-nazista? Il paragone Merkel-Hitler? Ma nell’articolo non è neanche scritto il nome Merkel? Mi sembra che sei proprio tu a esporre un ragionamento schematico trito e ritrito. Secondo la tesi dell’articolo, per come lo capisco io, non è importante il nazismo e la sua complementare mistificazione anti-nazismo. Al contrario mi sembra che voglia dire che c’è una continuità metodologica, anzi un affinamento, dei metodi del dominio nel prototipo nazista e quanto costruito finoad oggi e ancora oggi nelle democrazie. Poi se uno ha simpatie naziste, perchè deve trattenersi dal dire “ho simpatie naziste per questo quello e quell’altro motivo”?

  • haward

    Senza alcuna pretesa di possedere la verità assoluta: il cartello finanziario dei banchieri anglo americani, grazie alle due guerre mondiali, è riuscita a disintegrare completamente il vecchio assetto geo politico esistente che vedeva la centralità delle nazioni europee, opportunamente indotte a scannarsi tra loro, in favore di un altro “ordine” in cui USA e Dollaro risultassero dominanti. Il nazismo è stato diligentemente aiutato ad affermarsi in quanto funzionale a tale disegno, senza dimenticare la sua decisiva alleanza di convenienza con il sionismo in vista della nascita dello Stato di Israele. Una volta creato, il “mostro” stava prendendo una piega imprevista con la nazionalizzazione della Reichsbank ed il sistema degli scambi di prodotti finiti ad alta tecnologia contro materie prime messo in essere con un numero sempre crescente di nazioni (fatto che tagliava fuori le intermediazioni degli usurai bancari). Per questo è divenuto il “Male Assoluto”. L’Unione Europea è stata programmata e realizzata dal cartello come un’amorfo e servile conglomerato di ex nazioni che deve, docilmente, rinunciare a qualunque idea di autonomia e sovranità in favore dello strapotere del sistema di Wall Street e della City che, nell’attuale palinsesto, prevede la totale subalternità dell’Europa agli Stati Uniti. Quindi, continuare a paragonare l’attuale gestione politica dell’Unione Europea (fatta di meri prestanome di banchieri) al nazismo ed ai suoi metodi significa disinformare ad arte o mostrare una conoscenza della Storia quanto mai lacunosa ed inesatta.

  • A-Zero

    Ti ringrazio della risposta. Mi permetto ulteriormente di precisare, sperando di non scadere nello stupido ruolo di difensore in conto terzi di Comidad. Sarebbe anzi interessante che loro potessero rispondere alle tue obiezioni. Mi sembra che anche tu insisti in una interpretazione superficiale dell’articolo in questione, riducendolo al semplicismo UE=III Reich. Mi sembra che questa superficiale, semplicistica e strumentale similitudine sia cavalcata negli ultimi tempi, come tu denunci però additando il soggetto secondo me sbagliato. Mi permetto di rimarcare che, secondo me, il senso dell’articolo sta nel porre l’attenzione sulla metodologia del dominio, sui metodi del dominio, in particolare del dominio capitalistico. Questi metodi non sono “esclusivi” di una nazione, di un clan, di una loggia, ma sono metodi diciamo “universali” delel classi dominanti. E l’articolo indica il nazismo come prototipo metodologico, e non semplicemente come strumento di un disegno strategico, come mi sembra tu sostieni. Tra l’altro non conosci bene Comidad, che mi sembra esprima proprio la tua stessa tesi sul predominio coloniale anglo-americano sull’europa e indica la UE come il prodotto specifico del patto atlantico. Ti invito a dare un occhiata al loro sito, dove tramite il cerca parole puoi scorrere i vari articoli a riguardo. In particolare su questi due articoli che mi sembra indicano proprio la tesi da te sostenuuta:
    – COLONIALISMO COSTITUZIONALE, http://www.comidad.org/dblog/articolo.asp?articolo=152. – L’EUROPEISMO, VEICOLO DELLA COLONIZZAZIONE USA, http://www.comidad.org/dblog/articolo.asp?articolo=138. Caro Haward, ti faccio notare che questi articoli sono stati scritti gia nel 2007!! Spero di avere notizie dai tuoi riscontri e spero che tu voglia girare direttamente le tue obiezioni a Comidad, anche se purtroppo non potrò conoscere il risultato del vostro eventuale confronto. Saluti.