Home / ComeDonChisciotte / MA RENZI NON PIACE AGLI AMERICANI ?
13399-thumb.jpg

MA RENZI NON PIACE AGLI AMERICANI ?

DI ALDO GIANNULI

aldogiannuli.it

Matteo Renzi non piace agli americani, che non perdono occasione per farlo notare: Obama, nell’incontro, fu freddissimo, limitandosi ad apprezzamenti sull’ “energia” del nostro Presidente del Consiglio (ben più calorosi erano stati i giudizi su Enrico Letta), poi, nel momento peggiore della crisi di Crimea le note del Dipartimento di Stato evitavano ostentatamente di citare l’Italia a differenza di Francia e Germania, poi è venuto lo schiaffo del D-Day e del G7. Insomma, l’ometto non suscita entusiasmi sul Potomac. Capita, ma perché?

In fondo, con il suo inconfondibile stile alla Fonzie, tanto po’ dinoccolato ed un po’ tamarro, non dovrebbe dispiacergli. Ha anche fatto il boy scout! Eppure…

Forse sarà perché gli americani badano anche ad altre cose oltre che il look. Certo, a Renzi non mancano gli amici americani come Michael Ledeen, ma il guaio è che sono della destra repubblicana, colore opposto a quello dell’attuale Amministrazione. Poi, sicuramente gli americani si capivano molto meglio con Enrico Letta e, probabilmente, non gli è piaciuto il modo con cui è stato buttato giù di sella: allo zio Sam non piace che i suoi amici vengano trattati in quel modo.

Ma i motivi più “Pesanti” probabilmente sono altri. Il primo si chiama Eni. Gli americani avrebbero tanto gradito la nomina ad Ad di Leonardo Maugeri, già rappresentante dell’Eni a New York, grande esperto di petrolio, soprattutto loro grande amico e sicuro avversario della politica pro-Mosca di Scaroni. Con lui alla guida dell’ente, l’operazione Southstream sarebbe cosa morta e sepolta. Finalmente! E invece no: Renzi nomina De Scalzi. Insomma, lo zio Sam sogna da anni di togliersi dai piedi il duo Berlusconi-Scaroni, fa quello che può per ammazzare il primo (quelle di Geithner sono lacrime di coccodrillo), aspetta con pazienza la fine del mandato dell’aborrito Scaroni e tu che fai? Nomini al suo posto il suo vice? Vero è che, in queste settimane, l’Eni ha ridotto la sua partecipazione in Southstream dal 50 al 15% in favore di tedeschi e francesi, vero è che il nuovo percorso del gasdotto passa tutto per i Balcani e non fa neppure più il passaggio per il Tarvisio ed è anche vero che Renzi non sa neppure dove stanno i Balcani ed il Tarvisio; ma sa dove sta l’Eni e ci nomina De Scalzi che, per ora, lascia al suo posto Marco Alverà (che è stato quello che ha ordito la trama con i russi) ed accetta che sia comunque la Snam a fare la posa dei tubi del gasdotto. Qui non ci siamo capiti: il problema non è cambiare il percorso di Southstream, ma proprio la cancellazione del progetto. E lo zio Sam si arrabbia.

C’è poi la questione Finmeccanica. C’è chi dice che per far confermare l’amico De Gennaro al suo posto, gli americani abbiano dovuto smuovere Re Giorgio dal Colle, cosa poi smentita dallo stesso Re. E va bene, ma Re Giorgio o non Re Giorgio, resta che l’ometto di Palazzo Chigi ha provato a togliere di mezzo De Gennaro ed anche questo non sta bene.

Poi, come amministratore delegato, ci piazza Moretti, con il quale aveva vecchi legami personali per questioni fiorentine. Il fatto è che Moretti conosceva le ferrovie traversina per traversina, e quindi si dedicherà al ramo trasporti di Finmeccanica (come già sta facendo) ma di armi capisce quanto di dialetto algonkino e questo è un momento in cui gli americani, nel settore armi, hanno bisogno di interlocutori sì obbedienti, ma che capiscano di che si sta parlando. Insomma, anche qui, buca!

Come si sa, Renzi ha importanti legami con Israele e, se non li ha lui, li ha il suo consigliere economico Yoram Gutgeld; questo sarebbe stato un ottimo viatico in altri tempi, ma, negli ultimi anni, Tel Aviv ha dato più dispiaceri che altro all’amico americano: loro sono ostilissimi al Quatar e gli americani hanno bisogno del suo gas per fare un gasdotto alternativo a quello russo (come aveva ben capito Enrico Letta), hanno urgenza di chiudere la partita palestinese e gli israeliani fanno le bizze, ora hanno bisogno di capirsi con l’Iran per mettere un freno all’offensiva di Al Quaeda in Irak senza andare ad impantanarsi di nuovo lì e gli israeliani non apprezzano…

Insomma, neanche da questo versante c’è modo di capirsi con il nuovo Capo del Governo italiano.

Intendiamoci: noi abbiamo sempre apprezzato chi sa dire no agli americani e far valere l’interesse nazionale, ma è una cosa che occorre saper fare e non per fare un favore a terzi. Tutte cose che richiedono cervello lucido e spalle larghe, molto larghe.

Il guaio è che Palazzo Chigi va largo a Renzi, troppo largo.
Comincio a pensare che questo non durerà molto su quella poltrona.

Aldo Giannuli

Fonte: www.aldogiannuli.it

Link: http://www.aldogiannuli.it/2014/06/renzi-non-piace-agli-americani/

20.06..2014

Pubblicato da Davide

  • Marcusdardi

    Gli americani sono un cancro!!!!

  • Gil_Grissom

    Il problema di  Renzi e’ che non piace agli americani, non piace ai tedeschi, non piace ai sindacati, non piace alla pubblica amministrazione e non piace nemmeno a molti del suo stesso partito: quando sara’ il momento di varare la finanziaria lacrime e sangue che sara’ costretto a varare a fine anno non piacera’ nemmeno piu’ agli sciagurati che l’hanno votato e allora saremo davvero al game over. Tuttavia l’ometto sembra aver capito la situazione e si sta apprestando a varare delle riforme  che renderanno quasi impossibile la suca cacciata da Palazzo Chigi, ci avviamo insomma verso la dittatura. 

  • Cataldo

    Giannulli vuole credere che vi sia negli USA una diversità di vedute sulla politica estera tra Obama e gente come Ledeen, ma queste sfumature esistono solo nelle sue interpretazioni.
    Basterebbe solo scorrere la storia recente, cose tipo l’operato di  Clinton nei 90,  per capire come sia priva di contenuti questa visione, per non parlare della svolta totale seguita all’11 settembre e le guerre impostate negli ultimi anni.
     
    Renzi è un caso di scuola di cooptato, sul piano tecnico del termine, oltre che politico,  in quanto non abbiamo mai avuto il piacere di votarlo.
    Solo i Fiorentini per il posto di sindaco lo hanno potuto votare, titolo che mai nella storia della città è stato posto nelle mani di un figuro di tale infimo livello morale e culturale.

    La storia di Renzi nasce dall’estero, dagli ambienti del FT, da li rimbalza da noi, subito pompato da una eterogena, all’apparenza, congrega di centri di potere; il suo pregio più importante è proprio la sua nullità, trasmessa ai ministri e sopratutto alle ministre, un vuoto riempibile a piacere, sono la squadra perfetta per eliminare dall’Europa quell’anomalia che è la Costituzione repubblicana.

    Giannuli dice bene solo nella chiusura, ma non comprende che è proprio la nullita di Renzi a renderlo perfetto per gli USA, come potrebbe un Letta andare in tv a convincerci di cose tipo " la Russia ha invaso l’Ucraina " ?? Gli verrebbe da ridere, o avrebbe imbarazzi ad incrociare gli sguardi di chi sa che lui sa, ma a un Renzi non capiterebbe mai 😉

  • Earth

    I fiorentini per l’ europee, hanno votato piu’ del 60% il PD… a quanto pare e’ stato piaciuto pure come sindaco…

  • Cataldo

    Si,  ma non è che se prende anche l’80% si trasforma in qualcosa di diverso 🙂

  • mazzam

    Ahahah… Forte! Bravo!