Home / ComeDonChisciotte / MA OBAMA SI RENDE CONTO CHE STA CONDUCENDO GLI STATI UNITI ED I LORO STATI FANTOCCIO VERSO LA GUERRA CON LA RUSSIA E LA CINA ?
13073-thumb.jpg

MA OBAMA SI RENDE CONTO CHE STA CONDUCENDO GLI STATI UNITI ED I LORO STATI FANTOCCIO VERSO LA GUERRA CON LA RUSSIA E LA CINA ?

DI PAUL CRAIG ROBERTS
paulcraigroberts.org

Ma Obama si rende conto che sta conducendo gli Stati Uniti ed i loro stati-fantoccio verso la guerra con la Russia e la Cina? Oppure è Obama stesso manipolato da quelli che hanno scritto il suo discorso neoconservatore e dai funzionari del suo Governo? La Prima e la Seconda Guerra Mondiale sono state il prodotto di ambizioni e di errori di un piccolo numero di persone. Solo un capo di Stato fu effettivamente coinvolto, il Presidente della Francia.

Ne “La Genesi della Guerra Mondiale” Harry Elmer Barnes dimostra che la Prima Guerra Mondiale è stata causata da 4/5 persone. Tre di loro spiccano: Raymond Poincaré, Presidente della Francia, Sergei Sazonov, ministro degli Esteri Russo, Alexander Izvolski, ambasciatore Russo in Francia. Poincaré chiedeva alla Germania l’ Alsazia-Lorena, e i Russi volevano Istanbul e il Bosforo, che collega il Mar Nero al Mediterraneo. Si resero conto che le loro ambizioni richiedevano una guerra generale europea e lavorarono per produrre proprio questa guerra.

Si costituì un’alleanza franco-Russa. Quest’alleanza divenne il veicolo per orchestrare la guerra. Il governo britannico, grazie all’ incompetenza, alla stupidità e alle altre ‘doti’ del suo ministro degli esteri, Sir Edward Grey, si ritrovò nell’Alleanza Franco-Russa. Il via alla guerra fu dato dalla mobilitazione Russa. Il Kaiser tedesco Guglielmo II fu accusato di essere responsabile della guerra, nonostante fece tutto il possibile per evitarla.

Il libro di Barnes fu pubblicato nel 1926. La sua ricompensa per aver affrontato gli storici corrotti di corte fu l’accusa di essere pagato dalla Germania per scrivere quella ‘sua’ storia. Ottantasei anni dopo lo storico Christopher Clark nel suo libro “I Sonnambuli”, arriva alla stessa conclusione di Barnes.

In storia mi è stato insegnato che la colpa della guerra fu della Germania, che sfidò la supremazia navale britannica costruendo un eccessivo numero di navi corazzate. Gli storici di corte che ci hanno propinato questa storia, furono glis tessi che gettarono le basi per la Seconda Guerra Mondiale.

Oggi siamo di nuovo su una strada che conduce ad una Guerra Mondiale. Cento anni fa le basi per dare il via ad una guerra mondiale avvenne con l’inganno. La Germania doveva essere presa alla sprovvista. Gli inglesi dovevano essere manipolati e, naturalmente, le persone di tutti i paesi coinvolti dovevano essere sottoposte a un lavaggio del cervello e a una propaganda aggressiva.

Oggi è più che evidente chi sta lavorando per la guerra. Le bugie dette sono palesi e tutto l’Occidente sta partecipando, con i suoi governi e con i suoi media.

Il burattino americano, il primo ministro canadese Stephen Harper, ha mentito spudoratamente ad una televisione canadese quando ha affermato che il presidente russo Putin ha invaso la Crimea, minacciato l’Ucraina e dato il via ad una nuova guerra fredda. Il conduttore del programma televisivo era lì seduto e annuiva con la testa in accordo con queste chiare menzogne. (Stephen Harper accuses Vladimir Putin of being stuck back in the USSR)

Il copione che Washington ha fornito al suo fantoccio Canadese è lo stesso che è stato dato a tutti i burattini di Washington e ovunque in Occidente il messaggio è lo stesso: “Putin ha invaso e annesso la Crimea, Putin è determinato a ricostruire l’ impero sovietico,, Putin deve essere fermato “.

Ho sentito dire da molti canadesi piuttosto indignati nel vedere che il loro governo rappresenti Washington e non i canadesi, che nonostante Harper sia quello che è, Fox News e Obama sono molto, molto peggio.
Il 26 marzo ho ascoltato qualche notizia “Fox”. L’organo di propaganda di Murdoch riportava che Putin ha di fatto ripristinato la pratica sovietica dell’esercizio della forza bruta. Fox “news” considera questo un gesto minaccioso e pericoloso verso l’Occidente. Fox ha presentato un “esperto”, il cui nome mi pare fosse Eric Steckelbeck o qualcosa di simile. L ‘”esperto” ha dichiarato che Putin incarna una specie di “giovane Hitler” con mire di ricostituzione dell’ impero sovietico.

La clamorosa bugia che la Russia ha inviato un esercito in Ucraina e annesso la Crimea è ormai un fatto acquisito ovunque in Occidente, anche tra i critici della politica Statunitense verso la Russia. Obama , il cui governo ha rovesciato il governo democraticamente eletto in Ucraina insediandone uno fantoccio che minaccia le province Russe di Ucraina, accusa falsamente Putin di ” invadere e annettere ” Crimea”.

La totale ignoranza storica dell’Occidente dà credito ad Obama, o ai suoi “gestori” o ‘programmatori’. L’ignoranza e la credulità dei popoli Occidentali consente ai neoconservatori Americani di modellare le “news” controllando le loro menti.
Obama ha recentemente dichiarato che la distruzione dell’Iraq da parte di Washington, che ha causato la morte di un milione di persone, lo sfollamento di quattro milioni d’individui, la distruzione delle infrastrutture, l’esplosione della violenza settaria e la totale rovina di un paese, non viene considerata grave tanto quanto l’accettazione da parte della Russia dell’autodeterminazione della Crimea. Il Segretario di Stato Americano Kerry ha praticamente ordinato a Putin di impedire il referendum e di vietare alla gente in Crimea di esercitare il suo diritto di autodeterminazione attraverso il voto.

Il discorso di Obama del 26 marzo presso il Palazzo delle Belle Arti di Bruxelles è a dir poco surreale . Va molto al di là della mera ipocrisia. Obama dice che con l’autodeterminazione della Crimea si sfidano gli ideali Occidentali. La Russia, dice Obama, deve essere punita dall’Occidente per aver permesso alla Crimea di autodeterminarsi. Il ritorno per propria volontà di una provincia Russa alla sua madre patria dopo 200 anni, viene considerato da Obama come un’azione dittatoriale, tirannica e anti-democratica (http://on.rt.com/sbzj4o)

Eccolo lì, Obama, il cui esecutivo ha appena rovesciato il governo democraticamente eletto dell’Ucraina sostituendolo con dei tirapiedi scelti da Washington, che parla di “sacro ideale che le genti di tutte le nazioni siano liberi di prendere le proprie decisioni sul loro futuro”. Ebbene, questo è esattamente ciò che ha fatto la Crimea, e questo è esattamente ciò che il colpo di stato degli Stati Uniti a Kiev ha violato. Nella mente contorta di Obama, l’autodeterminazione equivale a governi imposti da Washington.

Eccolo lì, Obama, che fa a pezzi la Costituzione degli Stati Uniti, parlando di “diritti individuali e di stato di diritto”. Dov’è questo Stato di diritto? Certamente non a Kiev, dove un governo eletto è stato rovesciato con la forza. Non è certamente negli Stati Uniti, dove l’esecutivo ha finora trascorso il 21° secolo istituendo qua e là governi di suo gradimento. L’ Habeas corpus, il giusto processo, il diritto di istituire un processo e di determinare la colpa prima dell’arresto o dell’esecuzione e il diritto alla privacy, sono stati tutti calpestati dal regimi Bush e Obama. Gli Stati Uniti e il diritto internazionale sono contrari alla tortura: eppure Washington ha istituito in tutto il mondo prigioni che praticano la tortura.

Come è possibile che il rappresentante del governo degli Stati Uniti, di fatto criminale di guerra, possa stare davanti ad un pubblico europeo e parlare di “stato di diritto”, “diritti individuali”, “dignità umana”, “autodeterminazione”, “libertà”, senza che il pubblico scoppi a ridere?

Washington è il governo che ha invaso e distrutto l’Afghanistan e l’Iraq basandosi su bugie. Washington è il governo che ha finanziato e organizzato il rovesciamento dei governi libico e honduregno e che sta tentando di fare la stessa cosa in Siria e i Venezuela. Washington è il governo che attacca con droni e bombe popolazioni dei paesi sovrani del Pakistan e dello Yemen. Washington è il governo che ha truppe in tutta l’Africa. Washington è il governo che ha circondato la Russia, la Cina, l’Iran con basi militari. Ed è proprio questo gruppo di guerrafondai che ha l’ardire di continuare ad affermare che sta difendendo gli ideali internazionali contro la Russia.

Nessuno ha applaudito il discorso senza senso di Obama. Ma il fatto che l’Europa accetti tali menzogne senza protestare equivale ad un benestare a Washington per scatenare una guerra.

Obama chiede più truppe Nato di stanza in Europa orientale allo scopo di “contenere la Russia”.(http://news.antiwar.com/2014/03/26/obama-wants-more-nato-troops-in-eastern-europe)

Obama ha detto che un accumulo di forze militari ai confini della Russia tranquillizzerebbe la Polonia e gli Stati baltici che, come membri della NATO, sarebbero protetti da un’eventuale aggressione della Russia. E’ Obama che ci propina questa assurdità, nonostante il fatto che nessuno si aspetta che la Russia invada la Polonia o i paesi baltici.

Obama non dice quale effetto avranno sulla Russia l’escalation militare USA / NATO e gli altri giochi di guerra sul confine Russo. Sarà il governo russo a dedurre di essere sul procinto di venire attaccato e colpirà per primo? La sconsiderata disattenzione di Obama è proprio quello che di solito provoca le guerra.

Dichiarando che “la libertà non è libera”, Obama sta facendo pressione sull’Europa occidentale per far stanziare più denaro per una maggiore spesa militare per far fronte ad un attacco russo. (US Presses EU Nations to Hike Military Spending to ‘Confront Russia’)

La posizione del governo di Washington e dei suoi Stati-fantoccio (Europa orientale e occidentale, Gran Bretagna, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Georgia , Giappone) ed altri alleati “comprati”, è che pur violando il diritto internazionale con la tortura, l’invasone di paesi sovrani con falsi pretesti e il ripetuto rovesciamento di governi democraticamente eletti che non seguono la linea di Washington, Washington resta in ogni caso “il grande ed eccezionale paese che porta la libertà e la democrazia nel mondo”. Invece, “l’accettazione da parte della Russia dell’autodeterminazione della Crimea”per ritornare alla sua patria madre “è una violazione del diritto internazionale”.

Ma perchè, esiste per caso una legge del diritto internazionale che Washington ed i suoi stati-fantoccio finora non hanno ancora violato?

Obama, il cui governo negli ultimi anni si è comportato da prepotente con Afghanistan, Iraq, Siria, Libia, Pakistan, Yemen, Somalia, Libano, Iran, Honduras, Ecuador, Bolivia e Venezuela e sta ora cercando di fare lo stesso con la Russia, ha dichiarato: “…i paesi più grandi non possono di certo comportarsi da prepotenti con i paesi più piccoli”. Cosa pensano Obama e quelli che gli scrivono i discorsi che abbia fatto Washington per tutto il 21° secolo?

Chi potrebbe mai credere che Obama, il cui governo è responsabile ogni giorno della morte di persone in Afghanistan, Iraq, Pakistan, Yemen, Libia e Siria, si curi davvero di un briciolo di democrazia in Ucraina? Obama ha rovesciato il governo Ucraino allo scopo di poter annettere il paese nella NATO, allontanare la Russia dalla sua base navale del Mar Nero e porre basi missilistiche Americane in Ucraina sul confine russo. Obama è arrabbiato che il suo piano non stia andando come previsto e sfoga questa sua rabbia e frustrazione contro la Russia.

Mentre Washington è in preda al delirio che gli Stati Uniti sostengono dei fermi e sani ideali contrari all’aggressione da parte della Russia, un delirio alimentato dai media di regime, dal voto dell’Assemblea Generale dell’ONU e dal tutta la sequela di stati-fantoccio, cresce nel suo petto l’ipocrisia e la presunzione.

E come crescono presunzione e ipocrisia, cresceranno anche le pretese di punire la Russia e Putin, di demonizzarli ulteriormente, e cresceranno anche le false notizie diffuse dai canali d’informazione di regime e nei paesi-fantoccio. La violenza Ucraina contro i residenti Russi rischia di intensificarsi con la propaganda anti-russa. Putin si troverebbe costretto ad inviare delle truppe per difendere i russi.

Perché la gente è così cieca da non vedere che Obama sta conducendo il mondo verso una guerra definitiva?
Proprio come Obama sfoga ora la sua aggressività nei confronti della Russia con il pretestuoso ideale di resistere ad egoiste ambizioni territoriali, così gli Inglesi, i Francesi e gli Americani hanno considerato la loro “vittoria” nella 1° Guerra Mondiale come il trionfo del loro idealismo contro le ambizioni territoriali tedesche e austriache. Ma alla Conferenza di Versailles i bolscevichi (il governo dello zar non riuscì a guadagnare lo Stretto e cedette il paese a Lenin) “rivelarono l’esistenza dei famigerati Trattati Segreti, prova di quali sordidi programmi riescano a celarsi nella storia tra le pieghe della diplomazia. Sembra che i veri motivi principali dell’Intesa nella Guerra Mondiale siano stati il ​​sequestro di Costantinopoli e degli Stretti dalla Russia; non solo la restituzione dell’Alsazia-Lorena alla Francia, ma anche la messa in sicurezza della sponda occidentale del Reno, che avrebbe coinvolto il sequestro di territori legati storicamente più a lungo alla Germania di quanto lo fossero state l’Alsazia e Lorena alla Francia; la ricompensa all’Italia per essere entrata in guerra con un vasto territorio strappato all’Austria e alla Yugoslavia; il sequestro di possedimenti imperiali tedeschi, l’acquisizione della marina mercantile tedesca e la distruzione della Marina tedesca allo scopo di aumentare la forza dell’Impero Britannico ” (Barnes , pp 691-692 ). La parte americana del bottino di guerra per gli Americani fu il sequestro di investimenti tedeschi e austriaci negli Stati Uniti.

Gli scopi segreti britannici, Russi e Francesi della guerra erano sconosciuti alla gente, fustigata da una battente propaganda creata appositamente per sostenere una guerra i cui esiti furono ben diversi dalle intenzioni di coloro che la provocarono. Le persone sembrano incapaci di imparare dalla storia. Ora, ancora una volta, vediamo il mondo trascinato lungo un sentiero che attraversa un bosco di menzogne ​​e di propaganda, questa volta a favore dell’egemonia mondiale da parte dell’America.

Paul Craig Roberts

Fonte: www.paulcraigroberts.org

Link: http://www.paulcraigroberts.org/2014/03/28/pushing-toward-final-war-paul-craig-roberts/

28.03.2014

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SKONCERTATA63

Pubblicato da Davide

  • OlausWormius

    La terza guerra mondiale ci sarà sicuramente.
    Resta solo da capire quando, sempre che non sia già iniziata sottotraccia.

  • Hamelin

    E’ Già Iniziata .
    Solo che molti non se ne sono accorti perchè fin’ora l’hanno combattuta solo in ambito Finanziario ed Economico .

  • Petrus

    Si, la guerra è iniziata e no, Obama non se ne rende conto. 

    Come potrebbe un burattino essere partecipe?
  • bstrnt

    "Obama dice che con l’autodeterminazione della Crimea si sfidano gli ideali Occidentali" e l’autodeterminazione del Kossovo dopo aver purgato i serbi dal territorio quali ideali hanno sfidato?

    L’Europa non protesta contro le mascalzonate degli USA verso la Russia e almeno un’altra decina di altre nazioni sovrane perché è governata da quisling degli Stati Uniti, la popolazione, almeno quella più colta, percepisce chiaramente le menzogne e le criminali manovre del Ministero della Verità Occidentale e reagisce semplicemente considerando Putin, che santo non è, un baluardo alla dittatura strisciante imposta col "libero" mercato e la menzogna compulsiva.
    Le psicotiche e convulse manovre del burattino pomposamente chiamato presidente degli USA (anche se chiaramente non è lui a orchestrare le danze), denotano una certa fretta di precipitare gli eventi stante la decadenza sempre più marcata del così detto Occidente e la crescita vorticosa di paesi come Russia, Cina e India
  • Marcobr

    Obama non si rende conto … è l’ennesimo uomo immagine messo lì per fare quello che vogliono quelli che contano davvero.
    Chissà quale realtà riescono a rappresentargli, per condizionarlo, i suoi ‘consulenti’!
    Fino ad ora le sue esternazioni non mi hanno mai dato l’impressione che dietro ci fosse un uomo colto, particolarmente intelligente e che sa prendere in autonomia decisioni importanti.

  • glo

    Segnalo che la traduzione esatta non è "la libertà non è libera", bensì "la libertà non è gratis". 
    In inglese "Freedom is not free".

  • Keope

    La guerra per gli USA è lunico escamotage che consentirà loro di bruciare i libri contabili dai quali si evincerebbe che sono "tecnicamente falliti".

  • Primadellesabbie

    Mi sentirei di escludere che il popolo americano, nel suo insieme, sia in grado di reggere un confronto bellico della portata ventilata. É impossibile che i suoi capi non lo sappiano e non ne tengano conto.

    Alcuni commentatori sottolineano come gli US non siano i difensori della libertà e della giustizia che si professano con la complicità dei media. Anche solo scoprire la verità su questo argomento sarebbe per la maggior parte degli americani una prova difficile da superare.