Home / ComeDonChisciotte / MA NON VEDETE QUELLO CHE STA ARRIVANDO ?

MA NON VEDETE QUELLO CHE STA ARRIVANDO ?

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

DI TYLER DURDEN
zerohedge.com

Troppi segnali per i “prepper” che non sono prep…

Sembra che la stragrande maggioranza degli americani sia accecata e non veda quello che sta arrivando.

Non capisce come funziona il nostro sistema finanziario, non capisce quanto sia vulnerabile, e la maggior parte ha una fiducia cieca, come se i nostri leader sapessero esattamente cosa stanno facendo e se fossero in grado di risolvere i nostri problemi. Come risultato, la maggior parte degli americani non sono assolutamente preparati per affrontare la terribile tempesta che ci sta per colpire.

La maggior parte delle famiglie americane sta vivendo alla giornata, spendendo tutto il proprio stipendio, la maggior parte non sta facendo scorte di emergenza e solo una piccola percentuale sta comprando oro e argento come investimento.

Sembra che tutti abbiano già dimenticato quello che è successo nel 2008.

Allora, quando si schiantò il mercato finanziario, milioni di americani persero il lavoro e dato che la maggior parte di loro viveva spendendo tutto quello che guadagnava, in milioni persero anche le loro case. Purtroppo, la maggior parte degli americani sembra convinta che questo non succederà più. In questo momento ci sembra di vivere in una “bolla di speranza” e la gente è diventata molto tollerante. Per un certo periodo andava molto di moda mostrarsi “prepper”, ma ora la preoccupazione per l’arrivo di un’altra crisi economica sembra essersi placata.
Tragico errore.

Come ho già detto, tutto il nostro sistema finanziario è un gigantesco”Ponzi-scheme” , e ci sono già segnali che i mercati finanziari siano in procinto di implodere un’altra volta.

Tutti quelli che non ha se saranno preparati ad affrontare quello che succederà se ne pentiranno amaramente. Ecco 17 segnali che fanno prevedere che la maggior parte degli americani saranno spazzati via si dovesse arrivare un crollo dell’economia:

1. Secondo un recente sondaggio, il 76% di tutti gli americani
sta vivendo solo dello stipendio
. Ma la maggior parte degli americani si comporta come se il loro posto di lavoro fosse eterno. La verità è che i licenziamenti di massa possono verificarsi in qualsiasi momento. E’ appena successo a uno dei più importanti studi legali di New York City.

2. Il 27% di tutti gli americani non ha un centesimo di risparmi.

3. Il 46% di tutti gli americani dispone di risparmi inferiori a US$ 800.

4. Meno di uno su ogni quattro americani ha abbastanza soldi per coprire sei mesi di spese.

5. I salari continuano a scendere anche se il costo della vita continua a salire. Oggi, il reddito medio del 90% di chi ha un reddito in America è di
solo $ 31.244
e sempre più famiglie americane stanno cercando come arrivare a fine mese.

6. Il 62% di tutti gli americani della classe media dice che ha dovuto ridurre le spese della famiglia nel corso dell’anno passato.

7. Le piccole imprese stanno diventando una specie in via di estinzione in America. In realtà, ormai solo il 7% di tutti i lavoratori non agricoli negli Stati Uniti sono lavoratori autonomi. Questo significa che la stragrande maggioranza degli americani dipende da qualcun altro per procurarsi un reddito. Ma che succederà quando quei posti di lavoro scompariranno ?

8. Nel 1989, il rapporto tra debito e reddito della famiglia media americana era di circa il 58%, oggi arriva al 154%.

9. Oggi, si è arrivati alla più alta percentuale di americani che vive con i sussidi del governo. In effetti, secondo l’US Census Bureau il 49% di tutti gli americani vive in una casa che gode di benefici monetari diretti concessi dal governo federale. E allora che succederà quando il treno del governo, che passando tira caramelle a tutti, arriverà in stazione?

10. Negli anni ‘70 , un americano ogni 50 chiedeva dei buoni pasto. Oggi, circa un americano su 6,5 .

11. Si stima che meno del 10% della popolazione degli Stati Uniti abbia investito in oro o argento.

12. Si stima che ci siano 3 milioni di “preppers” negli Stati Uniti. Ma questo significa che quasi tutti gli altri non sono preparati.

13. Il 44% di tutti gli americani non hanno kit di pronto soccorso in casa.

14. Il 48% di tutti gli americani non ha scorte di emergenza

15. Il 53% di tutti gli americani non ha in casa approvvigionamenti di acqua e cibo non deperibile per tre giorni.

16. Un sondaggio ha chiesto agli americani quanto tempo quanto pensavano di sopravvivere se se mancasse la corrente elettrica per un lungo periodo di tempo. Incredibilmente, il 21% ha detto che sopravviverebbe per meno di una settimana, il 28% per meno di due settimane, ma quasi il 75% ha risposto che morirebbe entro due mesi.

17. Secondo un sondaggio condotto dalla Adelphi University Center for Health Innovation, il 55% degli americani crede che sarà il governo a soccorrerli quando arriverà il disastro.

Solo perché oggi esiste una classe media che ha un comodo stile di vita questo non significa che sarà sempre così.

Se dubitate di questa affermazione, dovreste dare un’occhiata a quanto che sta accadendo in Grecia. Molti genitori che appartenevano alla classe media oggi sono diventati tanto poveri da dover abbandonare i figli in un orfanotrofio per non farli morire di fame …

Decine di bambini sono stati messi in orfanotrofi e case di cura per motivi economici; una organizzazione di carità ha detto che l’80% dei bambini che vivono nei suoi centri residenziali erano lì solo perché le loro famiglie non potevano più provvedere a loro.

Il 10 % dei bambini greci rischiano di morire di fame. Gli insegnanti pensano di annullare le lezioni di educazione fisica, perché i bambini sono denutriti e vedono i loro alunni raccogliere cibo dai cassonetti.

Se crollerà l’economia americana e perderai il tuo lavoro, come farai a sopravvivere, tu e la tua famiglia?

Tu nella tua famiglia resterete senza casa e dovrete aspettare i sussidi del governo per mangiare ?

Bisogna prepararsi finché c’è ancora tempo. Se non sapete come per prepararvi, il mio articolo intitolato “25 cose che si dovrebbero fare per prepararsi al prossimo collasso economico” dà qualche suggerimento di base, indica decine di ottimi siti web che insegnano gratis tecniche avanzate per prepararsi.

Quindi non ci sono scuse. Voi vi potete fidare che Ben Bernanke e Barack Obama abbiano tutto sotto controllo, ma per quanto riguarda me e la mia famiglia ci stiamo preparando per affrontare la gigantesca tempesta economica che sta arrivando.

Spero che vi prepariate anche voi

Tyler Durden

Fonte : http://www.zerohedge.com

Link : http://www.zerohedge.com/node/475692

27.06.2013

Traduzione per ComeDonChisciotte a cura di BOSQUE PRIMARO

Pubblicato da Bosque Primario

  • Black_Jack

    Che dicono Mincuo e Istwine?

  • albsorio

    Finichè il mondo crederá che il dollaro vale qualcosa gli americani vivranno, quando questa illusione finirá forse vedremo la III guerra mondiale, soluzione standard alle grandi crisi economiche. —– Spero non succeda, l’umanitá deve imparare che le monete private garantite da debito pubblico sono una fregatura di pochi ai danni dei molti, cosí come la riserva frazionaria, troppo comodo prestare oltre la raccolta dei risparmi, quindi soldi che le banche non hanno, ottenendo però in cambio interessi reali, per le borse da segnalare l’uso di programmi ad altra frequenza… diremo che una piccola parte di umanitá depreda sistematicamente gli altri, non solo nei Paesi poveri.

  • ROE

    Assolutamente d’accordo. Ed il cambiamento non dipende dal 10% che ha di più ma dal 90% che ha di meno.

  • stefanodandrea

    Una analisi importante mentre non saprei valutare la previsione.
    L’analisi è importante perché si sofferma sul risparmio, sui debiti, sul lavoro autonomo.
    Se il problema è cominciare a riaccumulare risparmio, ovvero ridurre i debiti, ovvero limitare le grandi imprese e i grandi studi professionali e ricreare lo spazio per i piccoli (investimenti e le piccole organizzazioni), COME SI CONCILIA TUTTO CIO’ CON LA TESI DI COLORO CHE VORREBBERO AUMENTARE I CONSUMI?
    Se ciò che moltissimi dovrebbero guadagnare in più dovrebbe andare ad eliminare debiti privati o ad accantonare un po’ di risparmio e se è necessario “colpire politicamente, fiscalmente, tributariamente e perfino ponendo chiari vincoli e limiti i “grandi” in modo che si crei lo “spazi”o per i piccoli lavoratori autonomi e dunque è necessario generare una forma di disoccupazione per poi promuovere il lavoro autonomo (senza colpire i grandi e quindi generare una certa disoccupazione, i piccoli non possono resistere o risorgere), come si può pensare semplicisticamente che per risolvere la crisi si debba promuovere la domanda di beni di consumo?

  • lucamartinelli

    Gli yankee non possono avere altro comportamento. Sono stati i primi a sperimentare tecniche di condizionamento mentale e sempre per primi hanno subito la martellante pubblicità televisiva. Voi siete giovani e non potete saperlo ma io ricordo i funerali di Kennedy trasmessi in Tv e la pubblicità delle saponette che li interrompeva: scandalo!!!! non riuscivano a capire ma ora abbiamo capito. Anche da noi è così. I gringos sono il popolo meno istruito del mondo, il meno informato, il più ingannato da una dittatura molto abilmente mascherata da democrazia. Purtroppo non sanno nemmeno cos’è! Metà di loro è tenuta lontana dal voro. Hanno solo due partiti fotocopie. Sono tiranneggiati dalle lobby e dai potentati economici. Non votano direttamente nemmeno per il presidente, che è eletto dai grandi elettori e una volta anche dalla Corte Suprema. Buona domenica anche a loro.

  • nigel

    “….come si può pensare semplicisticamente che per risolvere la crisi si debba promuovere la domanda di beni di consumo?”
    Credo sia giusto. Una malattia va curata eliminando le cause etiologiche (quelle cioè che hanno determinato la malattia). Qualunque altra terapia può ridurre i sintomi, senza peraltro avere effetti sul male, che si ripresenterà più virulento di prima. Perciò: quali sono le cause più significative della crisi?

  • Aironeblu

    That’s America!

  • Primadellesabbie

    Caro mister Tyler Durden, hai letto altro dopo Biancaneve e i Sette Nani? Sei sicuro di saper immaginare cosa potrebbe succedere, tanto da dare consigli così “intelligenti”?

    Se le cose dovessero mettersi come tu prevedi, le ciliegie e le carote del tuo orticello se le mangeranno certe bande che non mancheranno di prendere a fucilate te e chiunque cerchi di fermarle.

    In quanto ai lingotti che hai acquistato e nascosto così bene, sappi che l’impiegato da cui le hai comprate ha il tuo indirizzo e le bande di cui sopra sanno come farselo dare.

    Sveglia Tyler, tu e il resto dell’America !!!

  • nigel

    Si, e’ strano che in un Paese così armato come l’America il nostro Tyler non sappia certe cose..

  • mincuo

    Che è un guazzabuglio. Solito. Con lo studio di NY che licenzia (ma che vuol dire) mescolato a cose buttate là, mezze vere, mezze false. Con dentro la Grecia, come fosse la stessa cosa. Il contesto è assente come sempre. Quello è faticoso.
    Si fanno 20 flash. Come si vuole. Ma io te ne faccio 20 opposti e do altrettanto un quadro falso. Non c’è niente da fare, questa è l’informazione. Tra l’altro gli Americani non hanno mai avuto risparmi, ma consumi elevati e credito facile. Sempre. Anche quando andavano bene le cose. E’ un altro sistema di vita. Il reddito medio USA (PIL pro capite) non è il più alto. Ma se guardi i consumi è ancora al primo posto credo. E quelli li ricavi quando sommi il PIL pro capite al deficit commerciale. Poi devi vedere le disuguaglianze ovviamente, c’è chi sta male o malissimo, e lì si può e si deve dirlo ma è un altro argomento, non si può sempre mescolare tutto. Se togli l’ultimo e il primo percentile hai un quadro mediano. Gli USA non vanno bene ma mettetevi in testa una cosa: se c’è una catastrofe in USA allora significa che gli altri sono già morti stecchiti da anni. E se era per evitarla agli USA magari ne hanno ammazzati loro un po’, proprio nel peggiore dei casi.