Home / ComeDonChisciotte / L'ULTIMA RISORSA DELL'IMPERO: LO STERMINIO DEI MUSULMANI

L'ULTIMA RISORSA DELL'IMPERO: LO STERMINIO DEI MUSULMANI

DI GARY FLOMEMNTHOF

cluborlov.blogspot.it

Nel mese di aprile 2015, il gruppo con sede a Washington DC “Fisici per la Responsabilità Sociale” ha pubblicato uno studio fondamentale concludendo che il bilancio delle vittime di 10 anni di “guerra al terrorismo” in seguito agli attacchi di 9/11 è di almeno 1.3 milioni di persone, ma potrebbe essere anche vicino ai due milioni. Tuttavia, Nafeez Ahmed si permette di dissentire, scrivendo che dal 1990 ad oggi le guerre occidentali hanno ucciso quattro milioni di musulmani o più.

Sembra che l’Impero stia sterminando i musulmani a un tasso superiore rispetto a quelli di altre confessioni. Perché avviene tutto ciò? Sembra che ci siano due filosofie concorrenti al lavoro all’interno del cervello pulsante dell’Impero: quella economica nemica dell’ambiente e orientata alla crescita infinita della popolazione, e quella degli ecologisti: eco-friendly, malthusiana e a favore del controllo della crescita demografica.

Gli economisti neoclassici sono sostenitori della crescita infinita, molti di loro sono “natalisti” (a favore di una forte natalità, ndt) e promuovono con tutto il cuore una sempre più veloce riproduzione in ogni campo. Questi economisti dominano tutti i corsi universitari di economia negli Stati Uniti così come le istituzioni finanziarie di Wall Street che agiscono sul governo degli Stati Uniti come se fosse una società controllata. Così voi potreste concludere che dominino anche l’Impero, e potreste avere ragione. Ma natalismo e controllo della popolazione non sono facce della stessa medaglia! Quindi come conciliare tutto questo?

L’economista dell’abbondanza (letteralmente “cornucopiano”, ndt) Julian Simon ha scritto un libro intitolato “The Ultimate Resource” (La risorsa finale, ndt), in cui ha sostenuto la crescita illimitata della popolazione umana al fine di aumentare il numero delle menti umane, che ha chiamato “la risorsa finale”. Nel libro Simon afferma che la terra potrebbe sostenere la crescita della popolazione per altri 4 miliardi anni, l’età attuale del pianeta. Ma l’Impero non sembra stia seguendo questo programma.

In netto contrasto con tali visioni dell’abbondanza, nel 1960, l’ecologo Paul Ehrlich prevedeva, nel libro “The Population Bomb” (La bomba demografica, ndt) carestie di massa a causa della sovrappopolazione. La sua previsione non si è avverata grazie alla “rivoluzione verde” (l’uso massiccio di fertilizzanti a base di combustibili fossili utilizzati nelle monoculture intensive). In seguito i paesi sviluppati hanno iniziato ad accusare i paesi in via di sviluppo di distruggere il pianeta con il loro alto tasso di natalità. I paesi in via di sviluppo hanno replicato che al contrario sono i paesi sviluppati che stanno distruggendo il pianeta attraverso il loro elevato tasso di consumo delle risorse, che supera di gran lunga quella dei paesi in via di sviluppo sia su base pro capite sia in valore assoluto. I paesi sviluppati non avevano una singola obesa ragione valida cui appoggiarsi e l’argomento della popolazione è sparito. Da allora, il controllo della popolazione è stato un argomento tabù: collegato all’etnocentrismo, all’ipocrisia e forse anche impaurito dal fantasma dell’eugenetica.

Ma poi nel 1970 l’Impero ha colpito ancora. La Commissione trilaterale di Rockefeller, in un piano chiamato il Nuovo Ordine Mondiale (NWO), ha pianificato di ridurre la popolazione mondiale ad appena 1 miliardo di persone dotate di micro-chip come il bestiame e gli animali domestici e controllate da una cricca di banchieri d’elite. Secondo il produttore cinematografico tardi Aaron Russo, essi ammettono apertamente il loro piano. Quindi a quanto pare la Commissione Trilaterale è d’accordo con gli ecologisti, non con gli economisti. Oops!

Ora, se si assume che i Trilateralisti sono la classe dirigente attuale, segreto dell’Impero (perché no?), Allora questo potrebbe contribuire a spiegare la logica alla base del programma di sterminio dei musulmani (MEP) ad opera dell’Impero. Infatti, secondo i nuovi dati della Fondazione Pew Research sulla popolazione, su base percentuale solo i musulmani stanno aumentando la loro quota della popolazione totale dei credenti. Entro il 2050 i musulmani aumenteranno dal 23,2 al 29,7% della popolazione mondiale. Il numero di cristiani, indù e altri credenti rimarranno costanti o caleranno. Sembra che i musulmani abbiano il più alto tasso di fertilità: 3,1 figli per donna. Inoltre, alcune propaggini dell’Islam, come il cosiddetto Stato Islamico, hanno l’abitudine di uccidere “infedeli”, rendendo potenzialmente i numeri ancora peggiori. Quindi i non musulmani sembrano essere in svantaggio nella corsa all’aumento della popolazione.

Qui è dove si inseriscono gli psicopatici neoconservatori che controllano la politica estera degli Stati Uniti. Sembrerebbe che il residuo miliardo di persone del NWO possano essere composte per lo più da musulmani, a meno che l’Impero non intervenga. I “padri fondatori” degli Stati Uniti erano perlopiù Deisti (https://it.wikipedia.org/wiki/Deismo) ed erano irremovibili riguardo al muro di separazione tra Stato e Chiesa, ma sono morti da tempo. Ora i cristiani fondamentalisti che dominano il partito repubblicano hanno avuto un discreto successo nell’abbattere questo muro. Essendo non per niente esperti in gran parte del nulla, essi sostengono che i fondatori intendevano ovviamente fondare un governo cristiano. Pertanto conviene ai neoconservatori, che sono sionisti cristiani ed ebrei, lavorare sodo anche nel campo di gioco tra le religioni del mondo, in modo da essere nella lista dell’ultimo miliardo di persone previsto dall’implementazione del NWO.

I neocon devono quindi avere i seguenti pensieri per la testa. Chi ha la popolazione più grande in partenza rischia di vincere la partita. Lo scopo del governo è di creare condizioni di parità per il libero mercato delle idee, preferibilmente, le loro idee. Pertanto, il governo degli Stati Uniti, come poliziotto del mondo e arbitro definitivo del fair play, ha deciso che l’Islam ha un vantaggio sleale nella gara della popolazione a causa del loro alto tasso di natalità; per non parlare poi di quella loro brutta abitudine di macellare gli infedeli. Nelle loro menti questo ha reso “giusto” il massacro di quattro milioni di musulmani dal 1990 ad oggi.

Tuttavia questo discorso non suona per niente giusto nella mente degli 1.6 miliardi di musulmani che vivono nel mondo, molti dei quali hanno giurato di vendicare i loro morti. La spinta psicopatica a sterminare i musulmani è destinata a tradursi in significativi ritorni di fiamma. E ‘possibile elaborare modalità di convivenza pacifica dove musulmani, cristiani ed atei, tutti politicamente e socialmente moderati, coesistano pacificamente all’interno dello stesso Stato. Per esempio guardiamo alle odierne repubbliche musulmane del Tatarstan, della Baschiria e delle altre repubbliche musulmane all’interno della Federazione Russa. Ma gli US dominati dai neocon e i loro complici in Europa hanno minato le loro possibilità di diventare membri di questo club pacifico e prospero. Hanno invece intrapreso un percorso di intolleranza, estremismo e vendetta. Questa strategia è controproducente, criminale e, per dirla in termini più semplici possibili, addirittura stupida.

Gary Flomenhoft

Fonte: http://cluborlov.blogspot.it

Link: http://cluborlov.blogspot.it/2015/08/leveling-playing-field-of-death.html

11.08.2015

Tradotto per www,comdonchisciotte.org da CACHORRO QUENTE

Pubblicato da Davide