Home / ComeDonChisciotte / LO SHOCK GRECO: TSIPRAS VOLEVA PERDERE, MA ORA E’ OSTAGGIO DEL SUCCESSO
14995-thumb.jpg

LO SHOCK GRECO: TSIPRAS VOLEVA PERDERE, MA ORA E’ OSTAGGIO DEL SUCCESSO

FONTE: ZEROHEDGE

Chiamatela la teoria dei giochi o anche, più prosaicamente, teoria del caos.

Tutto è iniziato con una relazione da parte del giornalista del Telegraph, Ambrose Evans-Pritchard, che aveva catturato dei frammenti-audio (fatto di suo già sorprendente) in cui Varoufakis sosteneva che la Grecia stava contemplando una moneta parallela e valutava l’opzione di nazionalizzare le banche greche durante il fine settimana.

Queste dichiarazioni presumibilmente sono state il vero motivo della cacciata dell’ex ministro delle Finanze. Come promemoria, questo è ciò che ha detto Varoufakis nella notte di Domenica: “In caso di necessità … dobbiamo emettere liquidità parallela e in stile californiano di IOU, in formato elettronico Avremmo dovuto farlo una settimana fa.”

E questo è ciò che il WSJ ha detto il Lunedi mattina:

… Il premier ha deciso di agire dopo che il signor Varoufakis aveva detto a un giornale britannico che la Grecia potrebbe introdurre una moneta parallela e pagherò elettronici simili a quelli rilasciati in precedenza in California. Mr. Varoufakis ha rapidamente fatto marcia indietro sulle sue osservazioni al Daily Telegraph, ma il suo primo ministro ne ha avuto abbastanza.

Questa è stata la prima indicazione che le cose stavano sfuggendo di mano all’esecutivo greco.

Poche ore fa, abbiamo avuto la conferma che, in un altro sorprendente scoop firmato Evans Pritchard sempre sul Telegraph, il primo ministro greco – che pure apparentemente aveva supportato con decisione l’intenzione di tenere il referendum – in realtà “mai si sarebbe aspettato di vincere il referendum di domenica, e mai avrebbe desiderato di presiedere una rivolta nazionale contro il controllo straniero. “

Ha ottenuto proprio questo, e in un voto plebiscitario, anche se “ha chiamato il voto in poche ore con l’aspettativa di perderlo”.

Sempre secondo il Telegraph, “il piano era quello di mettere su una finta lotta, accettare la sconfitta onorevole, e consegnare le chiavi del Maximos Mansion, lasciando ad altri per l’attuazione del memorandum del 25 giugno.

Aveva una buona ragione: secondo un’altra citazione di Varoufakis, fornita da AEP, “[la Troika] semplicemente non voleva farci firmare. Avevano già deciso di spingerci fuori.”. In altre parole, come si è ipotizzato a metà giugno, l’unico problema era a chi dare la colpa, e quando Tsipras ha chiamato al referendum, ha reso molto facile per l’Europa l’individuazione del capro espiatorio; è stato ancora più facile quando la Grecia collettivamente votato “Oxi” per un referendum interpretato come una scelta secca tra Eurozona e dracma.

Vi è di più: l’Europa emise un ultimatum in stile “dopo di noi, il diluvio”.

Questo ultimatum venne totalmente inaspettato. Pensavano di essere sul punto di un accordo, per quanto fosse un accordo brutto. Il Signor Tsipras aveva già preso la decisione di acconsentire alle richieste di austerità, riconoscendo che Syriza non era riuscita a portare cartello dei membri meridionali dell’Uem alle sue posizioni e aveva giudicato male l’umore tutta la zona euro.

Ma è quello che è successo dopo che ha preso tutti di sorpresa: “Syriza ha chiamato il referendum e, con loro costernazione, hanno vinto, accendendo la grande rivolta greca del 2015, il momento in cui il popolo finalmente emette un urlo primordiale e forma la falange oplita, preparandosi al combattimento “.

Improvvisamente la posta in gioco è ancora più alta per Tsipras, che è “ormai intrappolato dal suo successo.” Secondo Costas Lapavitsas, un deputato Syriza, “il referendum ha una sua dinamica. La gente si ribellerà se torna da Bruxelles con un compromesso scadente.”

Ironia della sorte, è proprio per questo il mercato è salito oggi dopo essere caduto nelle prime ore del mattino, perché sembrava che il MinFin greco fosse sul punto di accettare un compromesso scadente. Certo, non sarebbe la prima volta: i greci erano tornati varie volte da Bruxelles con dei compromessi poi disfatti dal partito. E questa volta la posta in gioco è più alta, non solo per Tsipras ma l’intero partito, che si rende conto che si affaccia su un ammutinamento da parte delle persone, soprattutto i giovani, quelli con poco da perdere, se circa il 60% di loro ha votato contro un accordo, facendo capire al governo che la gioventù non ha mai alcuna speranza nell’Euro.

La deputata di Syriza Lapavitsas ha ragione quando dice che “Tsipras non vuole prendere la strada della Grexit, ma penso che si renda conto che questo è ora quello che sta dritto davanti a lui.”

In un certo senso Tsipras ha cercato di fare marcia indietro: “Il primo ministro è stato riferito, ha detto che era giunto il momento di scegliere, o si dovrebbe cogliere sul momento del voto-frana al 61pc, e portare la lotta per l’Eurogruppo, o cedere alle richieste dei creditori – e rinunciare alla volatilità del sig Varoufakis nel processo come un segno di buona fede”.

Che cosa accadrebbe se Tsipras decidesse di attaccarlo in Europa, lanciando una moneta parallela, saccheggiando l’eredità banchiere centrale e nazionalizzando le banche insolventi? Abbiamo già disposto i punti chiave in precedenza, ma è il caso di riprenderli:

Avrebbero requisito la Banca di Grecia e licenziato il governatore causa legislazioni nazionali di emergenza. La stima di € 17 miliardi di riserve ancora nascoste in vari rami della banca centrale sarebbero stati sequestrati.

Avrebbero emesso liquidità in stile californiano: cambiali parallele in euro per mantenere il sistema bancario a galla, sostenuto da un appello alla Corte di giustizia delle Comunità europee per tutto il tempo affermando i pieni diritti legali della Grecia come membro della la zona euro. Se i creditori avessero forzato la Grexit, essi – non la Grecia – avrebbero agito illegalmente, con implicazioni per i contratti di responsabilità civile a Londra, New York, e anche Francoforte.

Avrebbero imposto un taglio di capelli (haircut) di € 27 miliardi di titoli greci detenuti dalla BCE, e ritenuti ‘debito odioso’ da alcuni in quanto gli acquisti originali sono stati intrapresi dalla BCE per salvare le banche francesi e tedesche, prevenendo una ristrutturazione del debito di mercato che altrimenti sarebbe accaduta.

Niente di ciò è accaduto e la Grecia è nel pieno caos.

Gli eventi sono ormai fuori controllo. Le banche restano chiuse. La BCE ha mantenuto il suo congelamento della liquidità, e attraverso la sua inazione sta asfissiando il sistema bancario.

Le fabbriche stanno chiudendo in tutto il paese, come le scorte di materie prime si esauriscono e container pieni delle importazioni di vitale necessaria intasano i porti greci. Le aziende non possono pagare i loro fornitori perché i trasferimenti esterni sono bloccati. Valute improvvisate private stanno iniziando a comparire in quanto le imprese si ritirano a semi-baratto fuori del sistema bancario.

Tuttavia, non è solo la Grecia che si scivolando nel caos totale – così è l’Europa stessa, in cui le divisioni sono così evidenti che niente meno che il capo dell’Istituto tedesco per la ricerca economica ha detto: “Quello che sta accadendo ora è una sconfitta per la Germania. “

L’intera leadership della zona euro ha avvertito prima del referendum che un voto ‘No’ avrebbe comportato l’espulsione dall’euro, non supponendo che essi avrebbero potuto dover affrontare esattamente questo. Jean-Claude Juncker, capo della Commissione europea, ha avuto l’intelligenza di rendere chiara la sua disfatta. “Dobbiamo mettere via i nostri piccoli egoismi, nel mio caso un grande ego, e affrontare la situazione che abbiamo di fronte”, ha detto.

Il primo ministro francese Manuel Valls ha detto che Grexit e la rottura dell’unione monetaria devono essere evitati come il più alto imperativo strategico. “Non possiamo lasciare la Grecia lasci la zona euro. Nessuno può dire oggi quali sono le conseguenze politiche , quale sarebbe la reazione del popolo greco”, ha detto.

Leader francesi stanno lavorando di concerto con la Casa Bianca. Washington sta portando il suo immenso potere diplomatico per sostenere, chiedendo apertamente che l’Unione europea metta “la Grecia su un percorso verso la sostenibilità del debito” e risolvendo il problema dell’accumulazione del debito una volta per tutte

La spinta franco-americana è sostenuta dall’ Italia di Matteo Renzi, che ha detto che la zona euro deve tornare al tavolo di discussione e ripensare tutta la sua dottrina di austerità dopo la rivolta democratica in Grecia. Anche lui ora appoggia la riduzione del debito per la Grecia.

Tuttavia, come se fosse ignara di questi sviluppi terminali entro la propria unione, la Merkel si sta già spingendo in avanti per discutere i piani per gli aiuti umanitari e la bilancia dei pagamenti di sostegno alla dracma: se non ci fosse alcuna indicazione più chiara che la zona euro è stata un misero fallimento, esso sarebbe il trattamento di uno dei suoi Stati membri, ridotto come una repubblica delle banane del terzo mondo prima ancora di essere formalmente buttato fuori dalla gabbia-euro.

Alcuni all’interno Syriza si rendono conto che tutto sta per finire, non importa se il barattolo è calciato ancora una volta in avanti (ciò potrebbe essere nonostante il voto-marea del referendum):

Mr Lapavitsas afferma che la sopravvivenza dell’Europa come forza di civiltà nel mondo è ciò che è veramente in gioco. “L’Europa non ha mostrato molta saggezza nel corso dell’ultimo secolo. Ha combattuto due guerre mondiali ed è stata soccorsa dagli americani”, ha detto

“Ora, con la creazione dell’Unione monetaria ha agito con tanta stoltezza, e ha creato un tale disastro, che sta mettendo l’Unione molto in dubbio, e questa volta non ci sarà salvezza. E ‘l’ultimo tiro di dadi per l’Europa”, ha detto.

… Eppure, alla fine, il primo ministro greco che bluffato e inaspettatamente ha vinto, ora sembra disposto a concedere di tutto alla Merkel. Perché anche se tutto l’articolo del Telegraph è puramente basato sulla speculazione, non spiega la facilità con cui Tsipras sembra essersi piegato non solo nell’attuazione delle riforme come parte del memorandum più duro proposta da Merkel, ma addirittura ha ammesso che un’ulteriore riduzione del debito ora appare improbabile:

Tsipras: le riforme faranno parte di qualsiasi piano d’aiuto

Tsipras: oggi sottoporremo le nostre proposte

Tsipras: la richiesta di ristrutturazione (del debito) sarà di entità modesta

E dal presidente del Consiglio europeo Tusk ecco altre parole:

twitter

Perché nei colloqui finali si parla di soldi, in questo caso € 120 miliardi di passività non protette dirottate nei noti “depositi” parlano da sole. Per quanto riguarda quei milioni di greci che hanno rivolto all’Europa il “dito medio” simbolico domenica scorsa, la loro reazione – quando apprenderanno di essere stati ancora una volta venduti – sarà la solita amarezza di sempre.

Ma alla fine, la linea Varoufakis è ancora la cosa da tenere in mente: “Avevano già deciso di spingerci fuori.” Se fosse vero, allora, come Juncker ha minacciato in precedenza, lunedì prossimo non solo sarà l’ultimo giorno per il governo greco, ma anche per l’Europa intera.

Fonte: www.zerohedge.com

Link: http://www.zerohedge.com/news/2015-07-07/greferendum-shocker-tsipras-intended-lose-and-now-trapped-his-success

8.07.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura del BUCANIERE

Pubblicato da Davide

  • Wil-Wallace

    Come si può capire se si legge il libro del Gran Maestro Magaldi (Massoni) ,visto che Putin e Merkel fanno parte della stessa Ur Lodge, potrebbe essere un piano della Germania per avvicinare la Russia alla Grecia e tenere un piede in due scarpe….

  • PietroGE

    La spinta franco-americana è sostenuta dall’ Italia di Matteo Renzi, che ha detto che la zona euro deve tornare al tavolo di discussione e ripensare tutta la sua dottrina di austerità dopo la rivolta democratica in Grecia. Anche lui ora appoggia la riduzione del debito per la Grecia.

    Renzi non ha ancora trovato i miliardi per impedire che scattino gli aumenti delle tasse e dell’IVA il prossimo anno. Con la crescita da prefisso telefonico che abbiamo un aumento dell’IVA al 25% ci riporterebbe in recessione e questa volta al default ci andiamo noi…per evitare quello della Grecia.

  • iVi

    Se la Grecia esce l’ €uro crolla.

    c’ é solo da festeggiare

  • roberto4321

    ho il fondato sospetto che in questa vicenda ad essere in ballo sia l’uscita dall’Euro della Germania anzichè quella della Grecia.
    Alcuni fatti: la corte costituzionale tedesca di Karlsruhe ha messo dei paletti bel precisi riguardo alla partecipazione della Germania al fondo salvastati MES (ESM), in caso di ristrutturazione del debito greco (haircut) renderebbero incostituzionale l’operazione per la Germania.
    La Grecia dal canto suo esige che i suoi tagli alle pensioni e maggiori tasse vengano accompagnate da una ristrutturazione del debito.
    L’asse franco tedesco in questa vicenda sembra vacillare, con la Francia adagiata su una linea più morbida (che includa la ristrutturazione) richiesta dagli USA, e la Germania ferma su quella dell’intransigenza.
    Tsipras non potrà comunque accettare un accordo che non preveda una ristrutturazione del suo debito, lo va ripetendo da mesi.

    Quindi se l’Eurogruppo accetterà a maggioranza (con la Francia) la ristrutturazione del debito greco alla Germania non resterà che uscire dall’Euro, la qual cosa allenterebbe tutte le tensioni sull’Euro…

    http://www.quieuropa.it/il-si-condizionato-della-corte-tedesca-allesm-porte-quasi-aperte-alla-dittatura-europea/