Home / ComeDonChisciotte / LETTERA APERTA AI CIARLATANI DELLA RIVOLUZIONE SIRIANA

LETTERA APERTA AI CIARLATANI DELLA RIVOLUZIONE SIRIANA

DI BRUNO GUIGUE

arretsurinfo.ch

Ci dicevate nella primavera del 2011, che le rivoluzioni arabe rappresentavano una speranza senza precedenti per popoli che subivano il giogo di despoti sanguinari. In un eccesso di ottimismo, noi vi abbiamo ascoltato, sensibili ai vostri argomenti su questa democrazia che nasceva miracolosamente e a tutti i vostri proclami sui diritti umani. Siete riusciti quasi a persuaderci che questa protesta popolare che si è portata via i dittatori di Tunisia ed Egitto avrebbe spazzato via la tirannia ovunque e in ogni altra parte del mondo arabo, sia in Libia che in Siria, nello Yemen come nel Bahrain, e chi sa dove altro ancora.

Ma questo bello svolazzo lirico ha lasciato apparire rapidamente qualche falla. La prima, tanto grande da rimanere a bocca aperta, è apparsa riguardo la Libia. Quando, adottata dal Consiglio di Sicurezza per soccorrere le popolazioni civili minacciate, una risoluzione ONU si trasformò in un assegno in bianco per la destituzione manu militari di un capo di Stato divenuto ingombrante per i suoi partner occidentali. Degna dei peggiori momenti dell’era neo-conservatrice, questa operazione di “regime change” compiuta per conto degli USA da due potenze europee con mire di affermazione neo-imperiale è sfociata in un disastro di cui la sfortunata Libia continua oggi a pagare il caro prezzo. Infatti il collasso di questo giovane Stato unitario portò il paese alla mercé delle ambizioni sfrenate delle sue tribù, sapientemente incoraggiate alle ostilità dalle bramosie petroliere dei carognoni occidentali.

C’erano anche anime belle comunque, tra di voi, tanto per accordare delle circostanze attenuanti a questa operazione, così come ce n’erano, inoltre, in primo piano per esigere che un trattamento analogo fosse inflitto al regime di Damasco. Questo perché il vento della rivolta che soffiava allora in Siria sembrava convalidare la vostra interpretazione degli eventi e sembrava dare una giustificazione a posteriori al bellicismo umanitario già scatenato contro il potentato di Tripoli.

Eppure, lontano dai media di “mainstream”, alcuni analisti ci fecero osservare che il popolo siriano era lontano dall’essere unanime nella protesta e che le manifestazioni anti-governative avevano luogo soprattutto in alcune città, bastioni tradizionali dell’opposizione islamista, e che quel febbricitante ambito sociale, composto dalle classi impoverite dalla crisi, non avrebbe mai portato masse di persone alla causa per contribuire alla caduta del governo siriano.

Questi ammonimenti nostri sull’utilizzare il buon senso nella comprensione, voi li avete ignorati, così come i fatti che non corrispondevano alla vostra narrazione, voi li avete filtrati come vi è sembrato meglio. Li dove degli osservatori imparziali vedevano una divisione in poli della società siriana, voi avete voluto vedere un tiranno sanguinario che assassinava il suo popolo. Li dove uno sguardo spassionato permetteva di discernere le debolezze, ma anche i punti di forza dello Stato siriano, voi avete abusato di una retorica moralizzante per istruire a carico di un governo, che era molto distante dall’essere l’unico responsabile delle violenze, un processo sommario.

Voi avete visto le numerose manifestazioni contro Bashar Al Assad, ma non avete mai guardato i giganteschi raduni di sostegno al governo e alle riforme, che riempirono le vie di Damasco, di Aleppo e Tartous. Voi avete stilato la contabilità macabra delle vittime del governo, ma avete dimenticato quella delle vittime dell’opposizione armata. Ai vostri occhi c’erano vittime buone e vittime cattive, alcune che si meritavano di essere menzionate ed altre di cui non si vuole sentire neanche parlare. Deliberatamente voi avete visto le prime, bendandovi gli occhi per rendervi ciechi di fronte alle seconde.

E allo stesso tempo, questo governo francese, del quale criticate volentieri la politica interna per mantenere l’illusione della vostra indipendenza intellettuale, vi ha dato ragione su tutta la linea. Curiosamente, la narrazione del dramma siriano che era la vostra, coincideva con la politica estera del signor Laurent Fabius, un capolavoro di servilismo che mescolava l’appoggio incondizionato alla guerra israeliana contro i Palestinesi, l’allineamento pavloviano con la leadership americana e la solita minestra riscaldata di ostilità nei confronti della resistenza araba.

Ma il vostro apparente matrimonio con la Quai d’Orsay non è mai sembrato darvi troppo fastidio. Voi difendevate i Palestinesi nel cortile mentre cenavate con i loro assassini in giardino. Vi capitava anche di accompagnare i dirigenti francesi in visita di Stato a Israele. Eccovi quindi intruppati e complici, assistere allo spettacolo di un presidente che dichiara pubblicamente che a lui “piaceranno sempre i dirigenti israeliani”. Ma ci voleva molto di più per scandalizzarvi e quindi vi siete imbarcati una nuova volta con il Presidente, come tutti d’altronde. Avete a giusto titolo condannato l’intervento militare americano in Iraq nel 2003. La virtù rigenerante dei bombardamenti per la democrazia non vi scalfiva, e dubitavate delle virtù pedagogiche delle operazioni belliche chirurgiche.

Ma la vostra indignazione nei confronti di questa politica della cannoniera in versione “high tech” si dimostrò stranamente selettiva. Poiché reclamavate a tutti i costi contro Damasco, nel 2013, ciò che giudicavate intollerabile dieci anni prima contro Bagdad.

Un solo decennio è bastato per rendervi così malleabili, tanto da vedere ormai la salvezza del popolo siriano in una pioggia incrociata di missili su questo paese che non vi ha fatto nulla di male. Rinnegando le vostre convinzioni anti-imperialiste, voi avete sposato con entusiasmo l’agenda di Washington. Mentre senza vergogna non soltanto applaudivate in anticipo i B 52, ma riprendevate la propaganda più becera e grottesca degli Stati Uniti, da cui il precedente iracheno e le sue menzogne memorabili dell’era Bush avrebbero dovuto immunizzarvi.

Mentre inondavate la Stampa esagonale delle vostre assurdità, fu proprio un giornalista americano d’investigazione d’eccezione, che sbriciolò la patetica “false flag” destinata a rendere Bashar Al Assad il responsabile di un attacco chimico di cui nessun organismo internazionale l’ha accusato, ma che gli esperti del Massachusetts Institute of Technology e l’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche, tuttavia, hanno attribuito alla parte avversa. Ignorando i fatti, travestendovi da qualcos’altro alla bisogna, voi avete recitato in questa occasione la vostra parte miserabile in questo melodramma cacofonico di menzogne.

E quello che è ancora peggio, è che continuate a farlo. Anche quando lo stesso Obama lascia intendere che lui stesso non ci ha creduto, voi vi ostinate a reiterare queste stupidaggini, come dei cani da guardia che continuano ad abbaiare anche dopo il dileguarsi dell’intruso. E per quale motivo? Per giustificare il bombardamento, da parte del vostro governo, di un piccolo Stato sovrano, il cui torto maggiore è il suo rifiutare di sottostare all’ordine imperiale. E per cosa? Per venire in aiuto di una ribellione siriana di cui voi avete sapientemente mascherato il vero volto, accreditando il mito di un’opposizione democratica e laica che esiste soltanto nelle halls dei Grand Hotel di Doha, di Parigi o di Ankara.

Questa “rivoluzione siriana”, l’avete dunque esaltata, ma avete pudicamente voltato lo sguardo altrove quando si trattava invece di notare le sue pratiche mafiose, la sua ideologia settaria e i suoi finanziamenti dubbi e carichi di problematiche da porsi. Voi avete accuratamente occultato l’odio interconfessionale che la ispira, questa avversione morbida per gli altri credo direttamente ispirata al wahhabismo che ne è il pilastro ideologico. Voi sapevate bene che il regime baathista, in quanto laico e non settario in senso confessionale, costituiva un’assicurazione a vita per le minoranze religiose, ma non ve ne siete dati pena, arrivando addirittura a classificare come “cretini”, coloro che prendevano la difesa dei cristiani perseguitati. Ma non è tutto purtroppo. Arrivati alla resa dei conti, vi resterà appiccicata addosso anche questa ultima ignominia: Voi avete fatto da garanti alla politica di un Laurent Fabius per il quale Al Nusra, ramo siriano di Al Qaida, “ fa un buon lavoro in Siria”. E chi se ne frega! Tanto peggio per i passanti sbrindellati nelle vie di Homs o per gli alautiti di Zahra assassinati dai i ribelli, tanto, per i vostri occhi questi sono le ultime ruote del carro.

Tra il 2011 e il 2016 le maschere sono cadute. Fate appello al diritto internazionale mentre applaudite alla violazione dello stesso contro uno Stato sovrano. Pretendete di promuovere la democrazia per i Siriani diventando gli araldi del terrorismo che subiscono. Dite di difendere i Palestinesi, ma siete dalla stessa parte della barricata di Israele. Allora state tranquilli, perché quando un missile israeliano si abbatte sulla Siria non sarà mai che colpirà i vostri beniamini. Perché grazie a Israele e alla CIA, ma anche grazie a voi miei cari, questi coraggiosi ribelli continueranno a predisporre il futuro radioso della Siria sotto l’egida del takfirismo. Perché quel missile sionista, che si abbatterà sulla Siria, ucciderà sicuramente e solo uno dei leader di questa resistenza araba di cui cianciate, ma che voi avete tradito.

Bruno Guigue

Fonte: http://arretsurinfo.ch

Link: http://arretsurinfo.ch/lettera-aperta-ai-ciarlatani-della-revoluzione-siriana/

13.05.2016

Pubblicato da Davide

  • clausneghe

    Nessun cambiamento, nessun miglioramento avverrà mai grazie alla violenza e alle armi.

    Solo morte sofferenza e distruzione segue i "ragazzi delle Tecniche".
    Quando ci sono loro agli incroci, non importa con quale divisa, la libertà finisce, e anche il diritto alla vita.
    In Siria come in tantissimi altri posti nel mondo è accaduto.
    Di chi la colpa? Certamente di quel famigerato un per mille, ma anche degli innumerevoli idioti che costituiscono le genti, del mondo.
    E che hanno seguito i "falsi profeti".
  • PietroGE

    Manca la risposta ad una domanda che dopo il fallimento della primavera araba viene posta con sempre più insistenza : la democrazia è compatibile con la cultura islamica? Da quel che si vede, direi di no. Le società islamiche si dividono in due tipi : una teocratica e una autocratica, la seconda nasce per impedire la prima.

    L’occidente fa finta di credere che possa instaurare un regime democratico di tipo occidentale, in realtà ognuno fa i propri interessi nazionali sfruttando proprio questa realtà.

  • AlbertoConti

    "Le società islamiche si dividono in due tipi : una teocratica e una autocratica, la seconda nasce per impedire la prima."

    E la prima viene spinta dall’occidente (di nascosto) per impedire la seconda, che è l’unica in grado di tener testa all’occidente.

  • GioCo

    Bel testo, bell’argomento, ma occasione persa per dire qualcosa di differente ed estremamente più incisivo.
    Se si fa leva sui "non fatti" e i "non detti" (cioè i fatti non in linea con il "mainstream") ci si auto-loda (e imbroda) nella propria "superiore saccenza", cioè si costruisce un artificio retorico che rassicura chi ha coscienza che si sta parlando di dati e di fatti concreti (la minoranza assoluta) e allo stesso tempo rassicura chi crede che siano tutte stron***e (la maggioranza poco attenta).
    Sul piano pratico un articolo così acuisce la profondità di spaccature tra posizioni e opinioni e non aggiunge nessun contributo costruttivo.
    Potrebbe tranquillamente essere stato fatto in buona fede e questo lo rende anche più pericoloso se possibile. Chi l’ha scritto se ne prenda la responsabilità

    Un altra cosa invece è passare dalle accuse a persone ai dati sulle persone che però sono del "mainstream". Cioè rileggere i dati già in possesso della massa. Per esempio in apertura alla bella frase: "Ci dicevate nella primavera del 2011, che le
    rivoluzioni arabe rappresentavano una speranza senza precedenti per
    popoli che subivano il giogo di despoti sanguinari. In un eccesso di
    ottimismo, noi vi abbiamo ascoltato …
    ", proseguendo con "così Osama come Saddam e Gheddafi sono morti, tuttavia pare che ciò sia accaduto nei fatto solo per poter coprire di onoreficenze e stringere alleanze compiacenti più forti con le monarchie assolute come quella saudita di Salmān bin ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd, dell’Oman Qābūs bin Saʿīd Āl Saʿīd, del Quatar Hamad bin Khalifa Al Thani e tante altre che di certo non hanno molto a che spartire con la "esportazione della democrazia" vera o finta che sia. Senza nulla togliere a questi e a quelli, senza per forza condannare i sultanati o le dittature, mi viene da credere che forse le attuali "guide politiche" americane aspirino a diventare monarchie assolute importando il modello dei un sultanati mentre esportano quello democratico, in una perfetta legge di mercato, per ciò stanno aiutando fattivamente a spazzare via la "feccia concorrente dei dittatori provenienti dal popolo", che intralciano "governi amici".

    Ecco questo è un esempio scemo di come si può girare addosso alla retorica "mainstream" la sua propria fallacia, evidenziandone le pecche che si tentano di nascondere, più che portando nuovi dati a suggerire che quelli propinati siano fasulli.
    La falsità chiama falsità e dentro la retorica delle cretinate abbondano sempre le ciarlatanerie, quindi non sfruttarle a vantaggio di chi si spezza per far emergere un minimo di realtà, non è oggi solo un problema, rischia di diventare proprio un atto criminale. Anche se in larga misura (assieme a molti altri comportamenti quotidiani) rimangono incoscienti per la maggioranza.

  • oriundo2006

    Mi pare che dimentichiate che i regimi di Afghanistan, Irak, Libia, in parte lo Yemen e adesso la Siria erano tutti socialisti di stato e sono stati ‘killed’ proprio perciò. 

    Gli USA odiano tutto ciò che ha a che vedere con il ‘socialismo’ MA di certo non odiano i fondamentalisti, quali che siano le motivazioni o le loro tendenze religiose: sono loro amici proprio in nome di questa ostilità di principio verso il ‘comunismo/socialismo’.
    Questo tanto per far capire che la modernizzazione di quei paesi si è interrotta non per tendenze interne alla ‘regressione’ ma per impulso estero occidentale volto a demolire quel poco o tanto che avevano fatto per promuovere lo sviluppo sociale delle masse, spesso poverissime.
    In loro sostituzione viene adottato il vangelo liberista in salsa multinazionale: la povertà non diminuisce, le risorse del paese vengono confiscate a vantaggio di imprese estere, lo sfruttamento umano diviene parossistico insieme a larghe fette di popolazione perennemente sotto la soglia della sopravvivenza.
    Non vi dice nulla tutto cio’ ?
  • PinoRossi

    Diciamo chi è il destinatario della presente: LA SINISTRA.

    La fottuta sinistra di culone ipnotizzate da rai 3 e dal gruppo espresso. Di Squallidi uomini non-uomini devirilizzati e non in grado di assumersi la responsabilità di ragionare, poichè masturbarsi il cuore agli ordini delle suddette culone è più facile.
    La sinistra di vecchi giornalisti e intellettuali, intimamente poco convinti del proprio valore, in quanto il PCI era la più grande agenzia di collocamento d’Italia, e quindi istericamente attaccati a una verità fittizia e allucinatoria.
    La sinistra di cui mi sentivo parte, fino a una decina di anni fa, e che ora disprezzo con tutte le mie forze.