Home / ComeDonChisciotte / LE VOGLIE DEL TROIKO
11953-thumb.jpg

LE VOGLIE DEL TROIKO

FONTE: ROSSLAND (BLOG)

In attesa di sapere se la troika concederà il nuovo prestito alla Grecia al prezzo richiesto di ulteriori licenziamenti e una diminuzione a 350€ del salario minimo (v.al post precedente)(1), un membro della troika soddisfa i suoi infantili capricci estivi a spese della nazione.
Da il Fatto Quotidiano: “…ieri per una mezz’ora il centro di Atene è stato bloccato al traffico. Improvvisamente un cordone di 300 metri è stato allestito a protezione di un membro della troika, il danese Thomsen, che è stato preso improvvisamente da una voglia di albicocche. Le vie adiacenti al ministero delle finanze della capitale quindi sono state chiuse per consentire a lui e ai suoi uomini di fare l’acquisto in un alimentare. Con cittadini indignati e turisti perplessi.”(2)

Quanto sono costate alla Grecia, quelle albicocche difese dal cordone di protezione dalle pedate che avrebbe meritato il troiko incontinente?
Non hanno vergogna né rispetto: infanti sbavosi privi di virile maturità riproduttiva.
Voglio, pretendo, esigo, comando.
Forse gli è mancata qualche educativa sberla da piccoli.

Fonte: http://rossland.blogspot.it
Link: http://rossland.blogspot.it/2013/07/le-voglie-del-troiko.html
8.07.2013

1) http://rossland.blogspot.it/2013/07/la-grecia-e-un-comune-destino.html

2) http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/07/07/grecia-al-via-trivellazioni-petrolifere-business-milionario-nello-ionio-e-a-creta/647451/

Pubblicato da Davide

  • glab

    che troiko!

  • glab

    ps in aggiunta:

    …. c’è del marcio in danimarca! ….

    è proprio un soggetto (danese) sfacciato, vergogna alla danimarca della troika.

  • Shivadas

    Secondo voi cosa sarebbe successo se anzichè un troiko fosse stato un politico, probabilmente l’indignazione avrebbe portato a lancio di monete, articoli sui giornali, ecc., ecc.. Il popolo non ha veramente coscienza dei propri più grandi nemici. Meglio morire in piedi che vivere in ginocchio

  • nigel

    Vivono isolati, separati dagli “altri” dall’auto blindata, dalla scorta armata, dal percorso obbligato che li scodellerà dall’aeroporto all’interno del cortile di un palazzo guardato a vista. E anche un semplce acquisto di albicocche, intraviste scivolando davanti al negozio di frutta e verdura, richiede cautele che sconfinano nel ridicolo. Che razza di società è quella in cui i suoi amministratori sono costretti a blindarsi? Che razza di individui sono costoro, che, tenuti al riparo dai propri simili, come delle cavie germ-free, sorridono compiaciuti?

  • Behemot

    …. che schifoooooooooooooooo !!!!!!!!!!!!!

  • Aironeblu

    Invece di languorini e “voglie di qualcosa di buono” a mio avviso è un palese gesto dimostrativo per mandare al popolo greco un tracotante messaggio su chi li comanda. Che inizino a prendersela con i loro poliziotti complici, prima di tutto.

  • karson

    Ma come è possibile che i popoli accettino di farsi umiliare in questo modo senza fare niente?

  • orckrist

    Non capisco cosa ci sia da stupirsi di tale comportamento.

    Già lo fece sua grazia Lacrimafacile Fornero, marchesa del lavoro, allorchè ebbe da comperarsi un paio di nuove scarpe.

    http://www.lospiffero.com/cantina/shopping-blindato-per-la-fornero-3448.html

    E nessuno si indignò

  • Georgios

    E’ proprio cosi. Il gesto e’ altamente simbolico. Tipico delle colonie.

    Per quel che riguarda i poliziotti ci abbiamo provato parecchie volte. Ma abbiamo tutto e tutti contro (partiti, sindacati, autorità varie). Quello che e’ successo in Turchia ultimamente, succedeva regolarmente qui dal Maggio 2010 fino al Febbraio 2012.

    Poi una calma strana, da incubo. Il coperchio tiene ancora. Ma salterà. Se non lo si vive e’ difficile comprenderlo. Speriamo che salti nella direzione giusta.

    Ultima cosa. Le responsabilità di SYRIZA (sinistra, 2o partito) sono enormi. Non unisce la gente (che vive lo stesso inferno indipendentemente dalle sue vecchie preferenze politiche) e continua a fare discorsi tipo “e’ arrivato il momento della sinistra”, continua a imbrogliare le carte con la favola della “moneta forte” (l’euro) – “unica via di salvezza”, continua a partecipare alla commedia parlamentare quando la Costituzione e’ ormai carta straccia legittimando tutte le criminali decisioni che distruggono i greci e l’economia.

    Tutto questo la gente lo capisce perché lo vive sulla propria pelle e quando li sente parlare del pericolo di Alba Dorata ci sono quelli tra i più disperati che vengono spinti verso i neonazisti. Certamente, secondo me, non per sbaglio.

  • Aironeblu

    Georgios,
    Sono certo che da te come in Italia e in tutti i paesi “occidentali”, il giochino di “destra e sinistra” sia solo una efficace messa in scena per il controllo della popolazione attraverso la grande illusione democratica. Una tecnica vecchia come il Mondo, che da noi i romani chiamavano “divide et impera”, con la quale si mettono i cittadini in antagonismo tra di loro, piuttosto che lasciare che si uniscano contro i loro veri nemici. Poi, alla fine, destra e sinistra mettono in atto le stesse identiche politiche, con piccole sfumature insignificanti sulle quale il popolo può litigare, ma le decisioni che contano sono tutte impartite dall’alto, e i partiti eseguono.

    Le frange più “estreme”, come Alba Dorata, possono invece essere fuori da questo gioco, almeno finchè non diventano troppo popolari, come Syriza.
    Il primo passo per uscirne è svelare l’inganno, altrimenti il coperchio sarà sempre sotto controllo.

  • Georgios

    Alba Dorata non e’ fuori dal gioco. E’ dentro fino al collo. Puoi farti un idea, qui

    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=11848

  • Aironeblu

    Grazie per l’interessante delucidazione sulle origini luciferine dell’Alba Dorata, che non presagiscono giornate molto serene…