Home / Attualità / Le Forze Armate USA e tedesche inviano migliaia di truppe nell’ Europa dell’Est

Le Forze Armate USA e tedesche inviano migliaia di truppe nell’ Europa dell’Est

DI JOHANNES STERN

wsws.org

E’ in corso un massiccio spiegamento di truppe USA e NATO in Polonia e negli Stati Baltici. Secondo un comunicato diffuso il 30 Dicembre dal Centro Stampa ed Informazione del Bundeswehr (Forze Armate) Tedesco “Come parte dell’operazione NATO “Atlantic Resolve” tre navi da trasporto USA sono attese  a Bremerhaven per la prima settimana di Gennaio”.

Il comunicato riporta che ai primi di Novembre “Soldati della 3a brigata della 4a Divisione di fanteria USA hanno iniziato a caricare sulle navi automezzi e container”. In tutto “più di 2500 carichi (autocarri, rimorchi, veicoli da combattimento, container) [sono stati] inviati inizialmente in Germania per essere poi trasportati in Polonia ed in altri paesi dell’Europa Centrale e dell’Est”. Il materiale deve “arrivare nel periodo compreso fra il 6 e l’8 Gennaio a Bremerhaven via mare e quindi essere trasferito in Polonia per via ferroviaria e convogli militari a partire approssimativamente dal 20 Gennaio”.

All’inizio di questo mese il giornale  Kieler Nachrichten ha chiamato questa operazione militare “la più grande operazione di riposizionamento dell’esercito USA in Germania dal 1990”. Più di 2000 carri armati, obici, jeep ed automezzi stanno per essere impiegati nelle esercitazioni NATO nell’Europa dell’Est che dureranno nove mesi.
Sempre secondo comunicati diffusi dall’Esercito Americano in Europa, ulteriori 4.000 militari e 2.000 carri armati “contribuiranno a rafforzare la forza di dissuasione e difesa dell’alleanza”. Il colonnello Todd Bertulis, vice capo della logistica del Comando delle truppe USA in Europa di stanza a Stuttgart (EUCOM) ha affermato che l’operazione assicurerà che “la potenza di fuoco necessaria verrà schierata in Europa nel posto giusto al momento giusto”.

Il tenente Generale Frederick “Ben” Hodges, comandante delle forze USA in Europa ha detto: “Tre anni dopo che gli ultimi carri armati americani hanno lasciato il continente [europeo] dobbiamo riportarli indietro”. Ha fatto questa affermazione durante una visita alla Scuola di Logistica delle Forze Armate tedesche a Garlstedt, nella Bassa Sassonia. Ha detto ai giornalisti che la misura era “una risposta all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ed alla sua illegale annessione della Crimea.”

Il generale ha affermato che la Russia si sta preparando per la guerra. Tutti i ministeri russi, ha dichiarato, “si starebbero preparando di conseguenza – mobilitandosi se preferite” Ed ha continuato: ”Questo non significa che debba esserci necessariamente una guerra, nulla di ciò è inevitabile, ma Mosca si sta preparando per questa evenienza”

Questa rappresentazione si trasforma nella sua testa in realtà. Lo spiegamento delle truppe da combattimento USA fa parte della preparazione della NATO per una guerra contro la Russia, il culmine di una continua espansione della NATO verso est, iniziata a partire dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica 25 anni fa.

In Ukraina non è la Russia l’aggressore, ma lo sono USA e NATO. Washington e Berlino, in stretta collaborazione con le forze fasciste, hanno organizzato un colpo di stato contro il presidente filorusso, Viktor Yanukovych, agli inizi del 2014, insediando a Kiev un regime nazionalista, fanaticamente antirusso. Questa mossa ha fatto eslodere la ribellione separatista da parte delle regioni russofone nella parte orientale del paese, che Mosca ha sostenuto e che il governo di Kiev, sorretto dalle armi e dai soldi occidentali, ha tentato senza successo di reprimere con la forza. Quanto successo in Ukraina è stato sfruttato dagli USA, l’Unione Europea e la NATO per imporre sanzioni economiche e diplomatiche alla Russia ed espandere drammaticamente le forze militari della NATO lungo il suo confine occidentale.
Volendo giocare d’anticipo rispetto al 20 Gennaio, inizio del mandato del nuovo presidente eletto USA Donald Trump che ha chiesto di abbassare il livello della tensione con la Russia per focalizzare l’aggressione USA più direttamente sulla Cina, forze contrarie all’interno della dell’intelligence militare USA e dell’establishment politico stanno cercando un’escalation nel confronto con Mosca.

Questa settimana il Senatore Repubblicano John McCain ha visitato gli Stati Baltici per rassicurarli sul fatto che il supporto degli Stati Uniti continuerà. In un’intervista diffusa dalla radio dell’Estonia McCain ha chiesto un ulteriore rafforzamento delle forze NATO contro la Russia ed ha dichiarato che ogni “membro credibile” del congresso USA vede il presidente russo Vladimir Putin “per quello che è: un delinquente e un prepotente e un agente del KGB.”
Nella pericolosa escalation nei confronti della potenza nucleare Russia che pone le premesse per una terza guerra mondiale il Bundeswehr ha un ruolo centrale. “Senza il supporto delle Forze Armate [tedesche] non possiamo andare da nessuna parte” ha affermato il Luogotenente Generale Hodges durante un’apparizione al Joint Support Service del Bundeswehr.

Il Luogotenente Generale  Peter Bohrer, vice capo del Joint Support Service, è d’accordo: “In passato” ha detto “ la Germania era uno stato di frontiera. Oggi siamo una zona di transito ed uno dei compiti chiave è fornire un comune supporto … Siamo aperti a svolgere questo compito insieme ai nostri partner americani”.
Arrivati in Germania, i soldati americani ed il loro equipaggiamento pesante verranno traspostati da Bremerhaven in treno attraverso la Germania del nord sino all’Europa dell’Est. L’ufficio stampa della Bundeswehr ha annunciato: “circa 900 carri con materiale militare saranno trasportati in treno da  Bremerhaven in Polonia. Ci sono altri 600 carichi che verranno trasportati tramite ferrovia in Polonia  dalla base d’addestramento a  Bergen-Hohne. Circa 40 veicoli viaggeranno direttamente su ruota da  Bremerhaven in Polonia.”

La Germania, che avanzò sull’Europa dell’Est nella sua guerra di sterminio 75 anni fa, si prepara a mandare truppe da combattimento nei paesi baltici. Il 26 Gennaio 25 carri armati e 100 altri veicoli insieme a 120 container saranno trasportati in treno in Lituania.

In un’intervista al giornale militare Bundeswehr aktuell il generale Volker Wieker ha confermato che la Germania ha concordato con Stati Uniti, Canada e UK al summit della NATO tenuto a Varsavia “di prendere il comando con chi formasse un gruppo di battaglia”. La Germania invierà il 122o Battaglione di Fanteria. Ha aggiunto che verranno inviati altri approvvigionamenti, “così da acquisire la cosiddetta Capacità Operativa Completa per la metà dell’anno”.

Il significato di “Capacità operativa completa” è stato evidenziato da un’esercitazione pubblica delle Forze Armate tedesche a Grafenwöhr, dove il battaglione tedesco si è preparato per lo spiegamento. In base ad un video riportato dal Frankfurter Allgemeine Zeitung, le manovre hanno riguardato “un attacco nemico al confine russo-lituano.”
Il futuro comandante del Gruppo di Battaglia NATO in Lituania, il Luogotenente Colonnello Christoph Huber, ha spiegato lo “scopo tattico” delle manovre nel modo seguente:  “I commilitoni della Seconda Compagnia hanno condotto con successo la battaglia qui … guadagnando tempo per i loro compagni ed in tal modo le forze nemiche sono state distrutte”.

Questo è addestramento al combattimento di alta intensità.

 

Johannes Stern

Fonte:  www.wsws.org

Link: https://www.wsws.org/en/articles/2016/12/31/nato-d31.html

31.12.2016

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di CLAUDIO SCOTTI

Pubblicato da Davide

  • nicolass

    Piccoli uomini giocano alla guerra come con i soldatini. McCain (alias cane della prateria) non si tira mai indietro quando si tratta di incitare gli animi belligeranti e far risuonare i tamburi di guerra. Tutto ciò è oltremodo avvilente, oltre che patetico.

  • Primadellesabbie

    Qui, per capire il rischio che corriamo, ci vuole un esperto, aggiornato nelle top universities e nelle accademie militari, di bulling anglosassone.

    Poi qualcuno che conosca gli intrecci ed i punti di tensione: esercito/congresso/Wall Street/Obama/Trump/Nato/Putin/partigiani di Clinton…

  • Holodoc

    Putin non reagirà davanti a nessuna provocazione. Aspetterà seduto sulla riva del fiume in attesa di vedere passare il 20 gennaio i cadaveri dei suoi nemici.

    • gianni

      i nemici di putin capiscono solo se vengono ammazzati , finche saranno vivi saranno un problema per il mondo

  • Ronte

    Tranquilli, sistemerà tutto l’astro nascente Trump…

  • il gobbo

    Salve, quello che mi ha colpito nell’articolo non è stato tanto lo spostamento di
    truppe e mezzi, che in fin dei conti rientrano in un normale esercizio di routine
    e di una specie di allenamento per tenere gli uomini impegnati e non a grattarsi
    nelle varie caserme, quello che attira la mia attenzione è il ruolo della Germania
    mi chiedo: è mai possibile che nessuno in quel paese si insorga contro queste
    allarmanti e pericolose decisioni di appoggiare e condividere tutte le provocazioni
    contro un’altro paese,ma non si vergognano a mandare i loro soldati sul terreno
    di Nazioni che hanno tempo addietro ridotto a macerie in una guerra terribile e mai dimenticata da loro stessi voluta? Non ho nessun astio contro la Germania ma
    dati alla mano penso sia il cancro €uropeo, che come una piovra si estende sempre
    di più,di fatto in una guerra in forma diversa, moderna, finanziaria, efficace nelle deboli
    democrazie €uropee, ma inconcludenti verso la Russia, che ci riprovino militarmente,
    le hanno prese di santa ragione qualche decennio fa dall’ orso Russo,le prenderanno ancora nei denti e spero questa volta definitivamente in un prossimo futuro, se la Storia
    non ha insegnato niente a questo caparbio popolo, il futuro se ne occuperà…

    • Giovanni_D

      Condivido. Inoltre non credo proprio che il popolo tedesco sia d’accordo con questa iniziativa “imposta” del governo di Berlino. A mio avviso se questa cosa andrà avanti la Merkel prederà un’altra consistente fetta di consenso elettorale. non credo che le convenga avallare tutto ciò.

    • Manunta di jago stianti

      Più che caparbio ingenuo ,dotato di scarso individualismo ,facilmente manipolabile,
      e ,qui lo dico ,perennemente convinto di essere il modello del perfetto burgerer.
      Forse caparbio in queste ostinate credenze.
      Sono tra gli europei quelli che più hanno sostenuto e fomentato il golpe ucraino
      La Crimea non è stata annessa ,ma ha scelto con un referendum con chi stare.
      Senza il golpe ucraino non si sarebbe creato lo scenario di una nato di nuovo
      Militarmente egemone in Europa.
      Ma ,occhio gente, che con le iniziative della Boldrini questi discorsi saranno passibili di fake e hate speech.
      Prima si devono azzerare le voci dissenzienti per poi passare agli scenari di guerra.
      La guerra e chi la promuove non tollera voci critiche nei paesi coinvolti.
      Una versione europea del patrioct act ,senza bisogno di esplicitarla.

  • Mario Poillucci

    Ciò che risulta più scandaloso è che esistano e possano esistere decerebrati vestiti tutti allo stesso modo che eseguono alla lettera il delirio devastante di generali, politici, guerrafondai senza insorgere ed abbatterli uno dopo l’altro! Homo sapiens! Guardate quella foto: cosa c’è di ”sapiens” in quella misera, malata, servile, decerebrata umanità???
    Intanto Vladimiro ha avuto una colica a causa del gran ridere! A proposito i ”nostri” non ci sono? La fine triste e tragica dell’ARMIR non ha insegnato loro nulla???

    • gianni

      Appunto, l’ umanità in occidente oggi fa nuovamente schifo come in passato , è ha bisogno nuovamente di essere punita, anzi oggi e’ peggio perché abbiamo la tecnologia che ci ha fregato il cervello

    • Toussaint

      “”A proposito, i nostri non ci sono?””

      Per quanto ricordi, dovrei aver letto tempo fa che i nostri ci saranno. Dovrebbero essere dispiegati su uno dei paesi baltici, celebri soprattutto per la straordinaria bellezza delle loro ragazze. Scommetto per un boom di volontari … rischio guerra zero, libere uscite da sballo. Ah, avessi vent’anni!

      P.S. Non prendiamo troppo sul serio questo spiegamento di truppe della NATO. L’avranno messe lì per frenare l’ondata migratoria ucraina verso l’occidente. Aspettiamo che la situazione si chiarisca (miseria alle stelle ed aiuti a quota zero), e poi ne vedremo delle belle.

      • Mario Poillucci

        E concordo con Lei, i ns dovrebbero essere presenti in base alle notizie disponibili ma confido si preoccupino ed occupino più delle belle ragazze che di provocazioni! Il problema è che Vladimiro sta ”analizzando” (capito mi hai???) USA, NATO e Certa Europetta con accortezza, attenzione e sapienza scacchistica e, tutto ciò, potrebbe far saltare i nervi a qualche stolto stoltenberg che riveste un incarico per cui non è attrezzato ed occupa una poltrona che non gli compete poichè degna di migliori persone! Un pericoloso Stranamore! Buon anno, comunque, a tutti i frequentatori del glog C.D.C.!

  • Adriano Pilotto

    Ottimo articolo per una discussione sulle fake news.
    A chi si rivolge? Quali scopi persegue? Qual’è il suo tornaconto? Chi sono i suoi partner, quelli con cui fa gioco di sponda?

  • Adriano Pilotto

    Ottimo articolo per una disccusione sulle fake news.

  • orazio

    Sinceramente, tutto rientra nei piani per tentare una guerra….
    Da parte dei NEO-CON, e dei democratici, ivi inclusi molti repubblicani americani, stanno tentando di riprendere il controllo mondiale.

    Ma dubito che oramai ci riescano. Primo perché è bene ricordare che Russia, Cina, Iran e India stanno in un qualche modo convergendo per difendersi.
    Sanno molto bene che divisi potrebbero essere schiacciati e, come si dice, l’unione fa la forza. Poi anche perché ci troviamo che il sistema orientale, con la nuova banca Cinese, che opera ad amplio raggio, fa si che il dollaro verrà sempre meno usato. E questo per un paese che vive a scrocco del mondo è una gran brutto presagio.

  • alessandroparenti

    Ci saranno altre ragioni per procedere con queste operazioni, magari molto più terra terra,o propagandistiche o utili agli interessi personali di chi comanda. Pensare che si voglia invadere la Russia dai paesi baltici mi sembra demenziale in quanto impossibile. Diecimila o anche centomila soldati dove vanno se si alza l’aviazione dei Russi sulle pianure lungo il confine? Si nascondono in trincee e aspettano la notte per uscire,magari! Agli ordini del generale Cadorna?

  • enricodiba

    Se scoppia la guerra con la Russia, i popoli europei e americani stanno con Putin.