Home / ComeDonChisciotte / LE ELUCUBRAZIONI DELLA CIA: I TERRORISTI MODERATI
15350-thumb.jpg

LE ELUCUBRAZIONI DELLA CIA: I TERRORISTI MODERATI

DI BASILE TERKIN

lesakerfrancophone.net

E’ moderno, è di moda, è bello, è americano, è un nuovo concetto ideato dalle teste d’uovo del Pentagono: il terrorista moderato.

Tutte le recenti e ufficiali dichiarazioni dei politici occidentali possono essere riassunte con la seguente espressione: «Se ci sono terroristi che non si definiscono dello Stato Islamico, essi possono continuare a dedicarsi al terrorismo e a tagliare teste. Perché si tratta di terroristi moderati.»

Dopo aver letto la posizione ufficiale di Washington, personalmente, mi commossi. Il concetto stesso di terrorista moderato toccò nel profondo il mio cuore innocente. Da una parte, gli Stati Uniti affermano che la Russia bombarda l’opposizione moderata. Dall’altra, c’è sempre un qualcosa che fa rumore e che esplode nelle installazioni di questa pacifica opposizione.

Si tratta senza dubbio dei depositi sotterranei appartenenti alla pacifica opposizione, bombardati dall’aereonautica russa, la quale ha ridotto in frantumi i pacifici e graziosi regali largamente distribuiti dalla CIA alla pacifica opposizione.

Allo stesso tempo, Washington non nasconde che la CIA finanzia, addestra e arma la pacifica opposizione Siriana. Se ho ben compreso le dichiarazioni ufficiali di Washington, allora la pacifica opposizione siriana, grazie all’aiuto della CIA, si trasforma costantemente in terrorismo armato: nei cosiddetti ‘’moderati’’.

Gli USA fanno costantemente riferimento ad una sorta d’opposizione siriana moderata. Un’opposizione moderata è un’opposizione pacifica, e una opposizione pacifica non è un’opposizione armata. ‘’Opposizione’’ è un termine politico.

Un uomo che impugna un’arma non può essere un oppositore. Forse un militante armato che combatte al fianco dell’opposizione. Ma non può essere ‘’opposizione’’, indipendentemente dai suoi punti di vista e dalle sue convinzioni. Egli apparterrà all’opposizione qualora decidesse di deporre le armi e iniziasse a difendere le proprie convinzioni attraverso la politica, e non attraverso metodi paramilitari.

Ma resta il fatto che non si tratta semplicemente di ordinari terroristi, ma di ottimi terroristi, armati e addestrati dalla CIA con il preciso scopo di rovesciare l’autorità legittima di uno Stato Sovrano. E ciò cambia radicalmente le cose!

Cogliendo al volo tutto ciò, c’è mancato poco che scoppiassi a piangere, sapendo che da qualche parte, nella lontana Siria, l’aereonautica russa scarica bombe non su terroristi, come normalmente dovrebbe essere, ma su terroristi moderati creati dalla CIA! Con la convinzione di adempiere al mio dovere civico, ho telefonato immediatamente. E non a casaccio, ma direttamente allo Stato Maggiore generale del mistero della Difesa della Federazione Russa. Mi rispose una giovane ragazza, alla quale chiesi senza giri di parole:

“Perché avete bombardato i terroristi in Siria? Sono dei moderati: la CIA li ha armati e addestrati?!? Essi non decapitano né bruciano i prigionieri vivi per divertimento. Adempiono precisamente ai compiti che sono stati loro assegnati dalla CIA. Essi eseguono coscienziosamente e moderatamente tutti gli ordini che sono stati loro impartiti dalla CIA, col fine di rovesciare la legittima autorità in Siria. E solo per questo voi li bombardate!?”

La ragazza mi trasferì all’ufficio competente che, molto cortesemente, spiegò:

«Esattamente prima dell’operazione militare in Siria, lo Stato Maggiore del ministero della Difesa prese una decisione responsabile. Lo scopo principale di questa operazione si rifà al nostro tradizionale desiderio russo di rispettare rigorosamente i principi di legalità e di giustizia. Così, tutte le nostre munizioni sono ora ripartite in due categorie: normali e moderate. Per i terroristi ordinari, noi impieghiamo unicamente munizione convenzionali. Per i terroristi moderati, adoperiamo solamente munizioni moderate. Quindi, non state in pensiero, noi prendiamo in considerazione la natura moderata dei terroristi e li trattiamo con giustizia.»

Dopo queste parole, mi sentii sollevato. Ma chiesi ancora: «Utilizzate esclusivamente munizioni moderate per i terroristi moderati? Vero? »

La voce rispose: «Parola d’onore!»

Mi sentii meglio. Ma per chiarire definitivamente, chiesi: «Ditemi, in cose le vostre munizioni convenzionali si differiscono da quelle moderate? »

«Le nostre munizioni convenzionali differiscono dalle moderate esattamente come i terroristi normali differiscono da quelli moderati: Esse sono dipinte con un colore diverso, con toni più chiari e più moderati», mi rispose l’ufficiale prima di riattaccare.

Basile Теркин

Fonte: http://lesakerfrancophone.net

Link: http://lesakerfrancophone.net/les-elucubrations-de-la-cia/

6.10.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di CHRIS BARLATI

Pubblicato da Davide

  • andriun

    Direi Ottima spiegazione, campata per aria, ma ottima come barzelletta: traslato nella nostra società italiana, come io uso sempre fare, si potrebbe parafrasare utilizzando il tanto agognato argomento "parità". Telefonando al Ministero delle pari opportunità si potrebbe chiedere loro: cosa ci stanno a fare le "quote rosa", quando siete contro ogni tipo di raccomandazione? 

    Certo, potrebbero rispondere, "le quote rosa" non sono vere raccomandazioni, in quanto le raccomandazioni hanno come riferimento un soggetto alla volta qui si parla invece di un genere alla volta e quindi non possono essere intese come tali. Inoltre puntano alla parità come viene sempre ricordato, mentre le raccomandazioni sono un semplice metodo per avvantaggiarsi di una struttura gerarchica falsandole le regole di selezione. 
    Quindi la maggior parte delle persone risponderebbe: a beh se è così allora va bene, non IO però! 
  • AlbertoConti

    Come sempre il genio italico anticipa le tendenze: da anni abbiamo inventato "il politico moderato", es. berlusconi, casini, e perfino monti. Il più moderato di tutti è però napolitano, così moderato da fare il bis alla presidenza della …. Res Privata.

    Di fatto le porcherie di costoro superano di gran lunga (vedi renzi) l’immaginario degli "estremisti" classici, pur collocandosi sempre "al centro". La giustizia nostrana li ha sempre trattati con il riguardo dovuto all’audience di cui godono impunemente. Ci vorrebbe un giudice ci cassazione russo!

  • Simec

    non avendo in casa il cesso degli occhi (la TV) ascolto ogni tanto la radio. e qualche settimana fa, sentendo casualmente la trasmissione propagandistica "Prima pagina" di Radio Rai 3, sentii per la prima volta, con mio immenso stupore,il commissario politico di turno, comandato dal regime a leggerne le sue Pravde, che, udite udite, faceva uscire dal suo orifizio orale le parole "TERRORISTI MODERATI" (o forse insorti moderati, non ricordo bene, ma non fa differenza).  Ricordo che, indignato, telefonai in redazione in radio per domandare cosa intendessero per terroristi moderati (parlavano degli insorti siriani anti Assad), ma la mia domanda venne censurata, come sempre accade con le domande scomode.  Del resto se il regime di nazismo finanziario attuale regala svariati milioni alle pravde di regime, da corriere della serVa a repubblica al vomitevole foglio di quel Pallongonfius, ebbene ci sarà pure un motivo.  E ci vuole gente che abbia studiato per poter fottere in modo cosi vergognoso il popolo bue. Studiano come fottere la gente con le parole poi il regime li fa diventare giornalisti e i più invasati estremisti ideologici diventano direttori. E coi loro elzevire ci educano a pensare nel modo giusto e pretendono di dirci chi è terrorista e chi no.  Ma in fondo non c’è contraddizione: se i golpisti della CIA non li chiamiamo terroristi  –   se i macellai giudei che massacrano palestinesi inermi nei territori non li chiamiamo terroristi  –  se gli psicopatici della Troika che distruggono continenti non li chiamiamo terroristi  –   se i nostri ("nostri" si fa per dire) militari torturatori e assassini (dentro e fuori casa) non li chiamiamo terroristi  –  allora gli insorti contro il legittimo governo siriano devono per forza essere i soli NON  terroristi perchè combattono uccidendo, come tutti gli altri "terroristi".  Ma mai come oggi è evidente che TERRORISTA è solo chi lotta per la libertà contro i regimi neo-liberali.  Quei regimi che nascono da genocidi, vivono di schiavitù e sfruttamento planetari, come gli USA e la UE, lanciano bombe atomiche sui civili, tengono i popoli sottomessi all’usura bankaria internazionale, mandano gli sbirri a massacrare il popolo che protesta .  Dovrebbe essere chiaro che le sedicenti democrazie occidentali altro non sono divenute che sistemi totalitari,  peggiori di quelli del secolo breve: oggi ci ammazzano coi tassi.  Oggi i veri terroristi sono le banke, le borse, le università neoliberali, ma questo non si può dire. Anche perchè noi che non siamo terroristi, noi facciamo i processi politici agli scrittori dissidenti.  A dimostrazione che la civiltà occidentale, dopo 25 secoli, è culturalmente morta e sepolta. La democrazia, la civiltà, il futuro di questo pianeta sarà pensato e fatto da altri popoli, ma certo non più dall’occidente, un occidente strozzatosi a forza di bere il sangue dei popoli di 3 continenti e ultimamente, con l’orrore dell’EURO, a bere il sangue dei suoi stessi popoli. E come sempre, ieri come oggi, saranno i cosiddetti "terroristi" a liberarci. Del resto anche i partigiani erano terroristi. Tutti gli stati e le rivoluzioni, tutti i cambiamenti sono fatti da "terroristi".  La RIVOLUZIONE, disse qualcuno che se ne intendeva, non è un pranzo di gala.

  • MartinV

    senza dimenticare che le donne son tutte pu… disoneste…

  • andriun

    MartinV lo sa che le donne potrebbero nominarla loro paladino: appare così ingenuo. Ha qualche conflitto di interesse in corso immagino, altrimenti non si spiegherebbe tutto ciò. Comunque questo non contraddice certo la regola, semmai potrebbe essere la conferma. 

    Si è mai chiesto perchè in Italia non viene punita la prostituzione, ma "solo" lo sfruttamento? Perchè se venisse punita la prostituzione non avrebbero abbastanza posto per metterle tutte.
    Questa era una barzelletta ovviamente, ma come tutte le barzellette ha anch’essa un fondo di realtà(sempre e solo per chi la vuol vedere però). Detto ciò, non mi aspetto cambiamenti da parte sua o modifiche del suo pensiero che lo renderebbero solo più onesto con se stesso: anche se va detto in sua difesa, che se le donne riescono a vivere bene senza essere intellettualmente oneste e senza soffrirne più di tanto, certo può viverci bene anche lei, che le sta difendendo o almeno ci sta provando.