Home / ComeDonChisciotte / LA SCOPERTA DELL'ACQUA CALDA: COME FINIRA' GRILLO
11480-thumb.jpg

LA SCOPERTA DELL'ACQUA CALDA: COME FINIRA' GRILLO

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Grillo ha due destini, e sto parlando con enorme serietà perché io da 14 anni studio i Poteri finanziari e politici transnazionali.

A) Verrà distrutto dai mercati, umiliato assieme a tutti i M5S, paralizzato in qualsiasi azione di governo. Da 3 anni spiego perché i mercati sono oggi il tuo governo e non concedono pietà.B) Dovrà piegarsi ai mercati, che gli concederanno i ‘salva faccia’ necessari, così da non sembrare una cosa troppo sfacciata.

Paolo Barnard
Fonte: http://paolobarnard.info
Link: http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=586
4.03.2013

Pubblicato da Davide

  • nuvolenelcielo

    dov’è la funzione “ignore”?

  • Tao

    1. A quanto pare stanno fioccando petizioni di militanti del M5S per questa o quella soluzione alla crisi di rappresentanza istituzionale uscita dalle ultime elezioni.  Noi non siamo militanti del Movimento ma in quanto suoi elettori vorremmo esprimere alcune preoccupazioni. E le esprimiamo direttamente ai neo deputati e ai neo senatori cinquestelle che abbiamo eletto.  Una delle “soluzioni” che si stanno facendo largo nella confusione generale è questa: associare il M5S in un’operazione di “rinnovamento” che accolga in qualche misura le proposte di ritrutturazione-moralizzazione della politica: riduzione del numero di parlamentari e dei loro emolumenti, finanziamento pubblico ai partiti, legge elettorale e magari anche una qualche forma di “politometro” cioè lo screening patrimoniale all’inizio e alla fine di un mandato (cosa che se ben ricordiamo in Francia si fa da sempre o si faceva). Pur di uscire dall’impasse la “casta” è disposta a provvedimenti in questo senso, ancorché piangendo molte lacrime. 

    Ma la “casta” non è solo una banda di persone attaccate con le unghie e coi denti ai propri privilegi, pronta a corrompere e a farsi corrompere.

    Certamente questa indubbia caratteristica spicca in un Paese in cui vengono richiesti continui “sacrifici”.

    Ma il problema e proprio questo: mentre i signori del prossimo governo o semi-governo attueranno una politica di cosmesi con l’aiuto da loro auspicato del M5S (che poi getteranno sul piatto delle prossime elezioni come una loro “conquista”), la politica di austerity del precedente governo bipartisan continuerà il suo corso coi meccanismi già messi in movimento e con altri che verranno ben nascosti, complici i media, dai fuochi pirotecnici attorno alle misure di moralizzazione politica.

    2. Facciamo solo alcuni esempi.

    Anche quest’anno dovrà essere pagata l’IMU. L’Istat ha già detto alla fine dell’anno scorso che gli Italiani non hanno più soldi per pagare un’altra volta questa tassa. Se non si correrà ai ripari saremo costretti a vedere un Paese di famiglie e di piccolo-medie aziende che si indebitano con le banche (se non addirittura con gli strozzini) per pagare una tassa statale. Una base di debiti forse pronta a trasformarsi in una nuova ondata di derivati, un’incredibile “cartolarizzazione” della vita delle famiglie italiane e del tessuto produttivo capillare del Paese che nemmeno lo Sceriffo di Nottingham avrebbe avuto la fantasia di concepire, degna dei Vicerè inglesi in India.

    Un secondo esempio. Le Fondazioni bancarie sono pronte al colpo di mano per prendere il controllo della Cassa Depositi e Prestiti, cioè di quell’istituto nato per raccogliere il risparmio postale dei cittadini e utilizzarlo per il finanziamento a tassi agevolati degli investimenti degli enti locali.

    Un istituto con grande disponibilità di liquidità (circa quattro volte l’insieme di tutte le nostre banche private) che il buon senso vorrebbe che fosse trasformato in un istituto di interesse pubblico anche con la possibilità di comprare titoli di Stato (cosa già oggi possibile). Ma con un regolamento golpista che consegna grandi poteri decisionali ai soci di minoranza (proprio le Fondazioni bancarie) si è invece deciso di trasformarlo in una vera e propria merchant bank. E il fiduciario delle Fondazioni è, guarda caso, Franco Bassanini, nome di prestigio del PD.

    Così mentre si imbiancheranno i sepolcri, il saccheggio del Paese proseguirà su un binario prestabilito, tirando in ballo come al solito, se necessario, i metafisici “mercati” e gli “accordi europei” sul cui marmo è stata incisa l’Agenda Monti per renderla capace di sfidare ogni intemperie politica.

    Non bisogna poi scordarsi dell’altra cassaforte che viene abitualmente saccheggiata quando c’è da mettere mano ai soldi degli Italiani, cioè l’INPS.

    La cosiddetta “riforma” delle pensioni continuerà nel suo lavoro distruttivo. Anche in questo caso, mentre si moralizzerà la politica, gli esodati rimarranno senza stipendio, senza pensione e senza ammortizzatori sociali, cioè senza un euro. E solo una delle tante conseguenze, notevole perché narra molto bene della cialtroneria del fu “tecnico” e di chi lo ha sostenuto.

    E infine con o senza moralizzazione della politica la “riforma” del mercato del lavoro proseguirà con le sue gambe, indipendentemente, come ben sanno le migliaia e migliaia di nuovi licenziati, i precari a vita, chi non ce la fa più.

    La sonora sconfitta dell’ex magistrato Ingroia, sostenuto dall’ex magistrato De Magistris, in una lista dove spiccava il nome dell’ex magistrato Di Pietro, dovrebbe aver fatto capire che ormai gli Italiani sanno che le “soluzioni” basate sul rigore delle corti di giustizia, sebbene diano alcune soddisfazioni e siano, ovviamente, anche doverose, non risolvono i problemi del Paese. La crisi non si risolve con la lotta conseguente alla mafia. Semmai è la mafia che sguazza nella crisi, nella sua gestione finanziarizzata.

    3. Insomma, i tempi della gestione devastante di questa crisi epocale, sistemica, in cui i ricchi diventano più ricchi e i poveri più poveri, in cui tutto viene rimesso in discussione, non sono gli stessi della politica, sono più veloci.

    Mentre a Montecitorio si cercherà la pietra filosofale del risparmio sui costi della politica, in altri palazzi del potere reale si saccheggerà ricchezza reale.

    Cari neo eletti del Movimento 5 Stelle, gli stipendi dei parlamentari, le loro impunità, i loro privilegi, le loro auto blu, il loro sottobosco di clientes, la loro quasi istintiva amoralità civica sono insopportabili. Lo sono sempre stati e ora solo con una faccia come il culo questi signori hanno preteso e pretendono “sacrifici”. Bisogna spazzare le stalle di Augia, sono troppo maleodoranti. È indubbio. Ma non bisogna scordarci della scia di devastazioni che lascia la loro politica di “sacrifici” e soprattutto delle sue finalità, ci fossero al governo anche le persone più specchiate del mondo.

    E infine, ricordatevi che nel famoso Palazzo non si prendono tutte le decisioni. Anzi.

    A piazza San Giovanni abbiamo tutti fatto “Boom” al presidente Napolitano in visita a Berlino. Ma prima di andare a Berlino, sempre sotto elezioni, era andato a Washington. Per un cordiale incontro con Obama? Ma va là. Era andato a recepire la “linea” imperiale, sicuramente illustrata nel doveroso linguaggio diplomatico, che poi è andato a negoziare in Germania. Perché questa crisi sistemica pone grossi problemi globali da risolvere, mette in moto grandi conflitti, contrappone interessi che devono essere negoziati.

    Noi, in tutto ciò, siamo tra le varie ed eventuali, non certo in cima ai loro pensieri. I nostri soldi sì, ma noi no.

    Si sono chiesti tutti dopo il disastro elettorale del PD, perché questo partito non sia voluto andare alle elezioni quando è caduto il governo Berlusconi. Ma che domanda è? Siamo seri! Lo sanno anche i sassi che non si è votato perché Napolitano aveva già da un pezzo preparato il golpe bianco con Monti e il PD doveva ubbidire.

    Marco Travaglio ha scritto che a D’Alema la soluzione “inciucio” (o “governissimo”) scatta automaticamente come il braccio del Dottor Stranamore. E’ un po’ di più, caro Travaglio. D’Alema ha i riflessi condizionati da un quadro politico imperiale e subimperiale (che ovviamente non vanno sempre d’accordo) e solo in questo schema si muove più o meno in automatico.

    Quindi, attenzione ai poteri decisionali reali, perché da lì provengono i missili più potenti e magari le benedizioni col randello nascosto dietro la schiena.  E quindi, cari neo eletti del Movimento 5 Stelle, non scordatevi del contesto internazionale. E soprattutto di quello europeo, che ci è più prossimo.

    Provate a pensare se non è il caso di riprendere lo slogan “No taxation without representation”: o la UE diventa una struttura federale politica e fiscale con un Parlamento elettivo che decide, e non che si limita a ratificare le decisioni di una Commissione esclusiva ed escludente, o è in grado di ricostruire a livello sovranazionale tutte le istanze democratiche rappresentative che vengono sottratte a livello nazionale e a riequilibrare le politiche economiche e fiscali, oppure è meglio una separazione consensuale.

    Senza dimenticarci, ovviamente, che la vera agorà democratica, come tutti noi sappiamo, è da costruire altrove, cioè nelle comunità.

    Vi salutiamo con cordialità augurandovi battaglie vittoriose.

    Pixel
    Fonte: http://www.megachip.info
    Link: http:// http://www.megachip.info/tematiche/beni-comuni/9888-la-trappola-della-casta-per-il-movimento-5-stelle.html
    5.03.2013

     

  • cpaglietti

    Attenzione: il movimento M5S ha il merito di aver salvato l’Italia dal governo Bersani -Monti, mà siamo sicuri che M5S possa rappresentare il nostro futuro? Bhè temo proprio di nó, temo che cadremo “dalla padella alla brace” . Avete mai letto il programma di M5S? L’avete letto? https://s3-eu-west-1.amazonaws.com/materiali-bg/Programma-Movimento-5-Stelle.pdf
    Bene leggetelo ! È un programma senza fondamenta ripieno di errori concettuali, sull’energia completa confusione!
    La soluzione unica a TUTTI, TUTTI , TUTTI i problemi è la SOVRANITÀ MONETARIA, il resto sono bricciole!
    Tra sei mesi /1 anno si tornerà a votare.
    Con Basta Tasse in venti giorni (solo senato Lombardia e Sardegna) abbiamo preso 20.000 voti , Basta Tasse è l’unico movimento politico che di fatto predica la Sovranità Monetaria.
    PREPARIAMOCI : cerchiamo responsabili provinciali e regionali pronti per organizzare il movimento in maniera capillare: dobbiamo avere la potenza mediatica per far conoscere la verità sulla politica “criminale” della BCE .
    Su questo forum ci sono tante menti, usiamole finalmente unite per liberarci dalla schiavitù, dobbiamo agire subito! Barnard unisciti a noi , facciamo il vero movimento libero da tutto, libero da interessi, fatto da gente con il cervello. Bastano 5 punti programmatici seri praticabili , rivoluzionari facciamoli prima di dover lasciare l’Italia come topi in una barca che affonda!
    http://www.basta-tasse.it

  • searcher

    non credo sia cosa semplice prevedere cosa succedera’ dall’ascesa di grillo e del M5S,certo le insidie sono innumerevoli e il potere quello vero,(sciascia ripeteva,non a torto che “il potere e’ sempre altrove”) fara’ di tutto per ri-sistemare le cose,come del resto a me sembra che la storia insegna (perlomeno dovrebbe) in questo senso..
    personalmente la mia paura e’ che il vero pericolo sta proprio all’interno del M5S,di cui una volta entrato nei palazzi che contano e messi sotto pressione a poco a poco vengano travolti,tentati e in ultimo corrotti.
    finora (almeno da quello che sembrerebbe finora) grillo regge l’intera impalcatura,ora pero temo che il peso sulle sue sole spalle sia insostenibile e dovra per forza maggiore cedere anche ad altri la gestione della stessa,con tutte le incognite conseguenti,il pericolo dunque a mio avviso e’ quello della dispersione di forze al loro interno molto poco omogenee.
    nota personale a termine,dico che non siamo nati per auto-gestirci nell’ambito di giganteschi termitai.

  • Tonguessy

    Faccio uno scenario possibile: il partito XY vuole uscire dalla UE. Per farlo bisogna recedere dai trattati. Parte la campagna mediatica che lancia velenosi strali contro chi sta buttando alle ortiche il “buon lavoro” fatto fino ad adesso. Le bocche di fuoco sputano i loro carichi letali contro i teleguidati 24 ore al giorno, sovrastando la voce di XY. La gente ha paura di perdere quel poco che è rimasto, e sono in corso accordi intensi tra gli antagonisti di XY per ridurlo al silenzio.
    Ecco, questo è uno scenario verosimile. E succede perchè la voce di XY non rappresenta un qualche misero percento di elettorato, sia ben chiaro. Se non rappresenti un qualche pericolo la Democrazia ti lascia parlare finchè non hai perso la voce. Tutto cambia quando puoi fare danni (a loro).
    All’interno di questo scenario XY può tentare di giocare la carta della mediazione. Non mi stupisce quindi il comportamento al limite della schizofrenia di Grillo (vedi caso Gallegati). Un conto è essere il ministro-ombra e senza portafoglio del vaffanculo, ben altra cosa è avercelo davvero il ministero.
    Si tratta di capire la differenza tra pensare le cose (molto possibile in Democrazia) e farle (molto meno possibile in Democrazia).
    Grillo è stato bravo a pensarle, quel gioco gliel’hanno lasciato fare. Adesso che le può fare vediamo cosa succede veramente.

  • kenoby

    Paolo, questo è certo, ma sarebbe stato cosi con chiunque avesse vinto le elezioni.

  • ireneo

    Rinvio all’articolo di questo Forum “Grillo, gli Ebrei americani in allarme” che secondo me è molto collegato a questo e dico che Grillo secondo me come vanno le cose lo sa benissimo e si sta dimostrando un grande stratega. Tempo al tempo, LA SOVRANITA’ MONETARIA deve arrivare senza prestare il fianco ad accuse strumentali.

  • albsorio

    Lascio perdere l’invidia che rode Paolo dato che spero non sia l’unica cosa che lo spinge a scrivere queste poche righe. Direi che il/i popolo/i italiano e gli europei dovrebbero fare delle riflessioni sul ruolo della moneta nelle loro vite di tutti i giorni, cioè se una moneta FLAT dei privati di BCE emessa/garantita da DEBITO PUBBLICO possa essere la radice dei loro mali. —– Le teorie monetarie di Paolo sono incomplete, non basta cioè avere la capacita di decidere quanta moneta emettere (sovranita monetaria) bisogna esserne i padroni, emettendola senza debito (pubblico). —– Poi Paolo bisogna impedire la riserva frazionaria, che invece nelle tue teorie non ha nemmeno un limite. —– Tutto adesso ricorderanno i piccoli esperimenti fatti qua e la di moneta simile a quella descritta, diranno che funziona ma solo nelle micro economie locali… la Cina però è li a dimostrare il contrario, la loro moneta del popolo serve a 1,6 miliardi di persone, direi che il modello regge. —– Dobbiamo fare un salto di qualità, anziche sbranarci tra noi in una rivoluzione facciamo una evoluzione civile, riprendiamoci la moneta e i frutti del nostro lavoro, magari usandoli col senso del NOI, poi vedete i mercati sono 4 vecchi stronzi vestiti a festa con le tasche piene di fogli di carta, non facciamoci prendere per il culo, la realta è una cosa diversa, quella fanta finanza.

  • Servus

    La trappola sta già scattando. M5S dice che non appoggerà nessun governo politico? Ecco pronto un nuovo governo tecnico pseudo-Monti per accontentare Grillo: sarà la Cancellieri così benvoluta da UE e Nato a presiederlo? o sarà Amato, quello che già ci ha rubato il denaro e svenduto l’italia? o sarà Visco che farà un nuovo governo-bancario?
    Per noi tutto per la nostra rovina, tutto deja-vu.

  • gianni72

    Spiega meglio cosa sarebbe la SOVRANITA’ MONETARIA, grazie

  • Kazonga

    C) Ti tocchi (copyright Moana/Guzzanti)

  • AlbertoConti

    C) piegherà i mercati alle esigenze umane (quelli fisici, i mercati virtuali fuori dalle palle)

  • Tetris1917

    Situazione troppo complessa, pure per i praticanti indovini alla PB.
    Attualmente Grillo rappresenta l’ultimo baluardo del sistema, prima che crolli tutto. Insomma dopo Grillo, ci sono piazze insanguinate.

  • orckrist

    C) Riuscirà, in qualche modo, a fare qualcosa di buono contro i fantomatici “mercati”, che si spaventeranno e spingeranno per un “soffice” colpo di stato.
    (cosa in cui sono maestri).

  • Lestaat

    Eh…
    “perchè è da 14 anni che studia i Poteri finanziari e politici transnazionali”
    Chi è più esperto di lui?
    Eh.
    Ci vuole essere degli espertoni per dire ste du fregnacce ovvie ma lui lo fa perchè ha capito cose che noi umani non possiamo nemmeno immaginare. Mica cotica.
    Se non ce lo diceva Barnard con la sua supponenza nessuno qui tra noi poveri deficienti avrebbe immaginato che i mercati spingeranno al ribasso per tenere fuori le istanze dell’unico partito che vuole rinegoziare il debito.

    Questo arriva sempre con sto modo da ho capito tutto io e voi non avete capito un cazzo e poi magari ti becchi pure un ban o ti cancellano il post se lo mandi a fare in culo.

  • Maxim

    Ma Barnard che fine ha fatto ?

  • Ale

    Sintetico come “l’articolo” di Barnard! Ti quoto con piacere 🙂

  • Servus

    La trappola sta già scattando. M5S dice che non appoggerà nessun governo politico? Ecco pronto un nuovo governo tecnico pseudo-Monti per accontentare Grillo: sarà la Cancellieri così benvoluta da UE e Nato a presiederlo? o sarà Amato, quello che già ci ha rubato il denaro e svenduto l’italia? o sarà Visco che farà un nuovo governo-bancario? Per noi tutto per la nostra rovina, tutto deja-vu.

  • bysantium

    Non so, come penso tutti quanti, che visione delle cose abbia Grillo, 30° oppure 360°?
    Nemmeno sono in grado di prevedere la tenuta degli eletti, resisteranno alle sirene romane?
    Di fronte a questi tormentosi dubbi mi consolo pensando alla certezza che un diverso risultato elettorale ci avrebbe donato un bel governo Bersani-Monti e la sicurezza di un programma già scritto a Bruxelles (o ancora più su e più in là).
    Conclusione neutra: staremo a vedere; conclusione positiva : una chance l’abbiamo, diamoci tutti da fare; conclusione barnardiana : inutile agitarsi, tanto ci schiacceranno.

  • fabionur

    NON E` POSSIBILE RASSEGNARSI ALL`IMPOTENZA !!

  • Tanita

    Riflessione molto interessante, rilevante ed appropriata.

  • Tanita

    E’ inutile ripulire la prigione con rimborsi elettorali, diminuzioni degli stipendi dei parlamentari, ecc, ecc, ecc. Nessuna politica di vero cambiamento, di trasformazione, si potrá fare rimanendo nell’Euro, che é precisamente la prigione.

    Grillo ha il potere, oggi, di buttare giú le mura: se lui urlasse col suo stile particolare e convincente che bisogna uscire dall’euro, allora pottrebbe concitare i consensi necessari, convocare le piazze (“solo el pueblo salvará al pueblo). Allora non soltanto l’Italia uscirebbe da questo vicolo cieco ma l’M5S e Grillo diventerebbero una forza formidabile. Purtroppo temo che non lo fará. E se non lo fa, tutto durerá molto poco.

  • crochet

    Trovo bellissimo questo post e rispecchia il mio pensiero.
    Grazie!
    Un cordiale e sentito saluto all’autore: Sig. Tao.

    Giancarlo

  • Tanita

    E’ stato spiegato e straspiegato e discusso in questo forum e in tanti altri.
    Ti raccomando il sito del Prof. Bagnai, goofynomics.blogspot.com, dove con un paio d’ore di lettura ti renderai perfettamente conto del significato, degli attori, le forze in campo, le possibilitá, le soluzioni e tante altre cose.

    Perché l’unica vera possibilitá di uscire da questo vicolo cieco é uscire dall’Euro. Non é che lo dica io che lo so’ non solo per formazione ma anche per sperienza empirica. Lo dicono e provano innumerevoli prestigiosi esperti in economia che ovviamente non hanno spazio nei media.

  • Tanita

    fiat, moneta fiat.

  • lkst76

    Barnard dice una marea di cazzate!Il suo sbandierare teorie economiche lo rende ancora più ridicolo,omette una marea di cose sull’uscita dall’euro,è un buon personaggio da talkshow televisivo all’ultima parola ma per il resto nn vale una sega.

  • Giancarlo54

    Barnard ha perfettamente ragione, ho votato il M5S unicamente per fermare il governo Bersani-Monti e ci sono risucito. E’ stato un modo per guadagnare un po’ di tempo, sta a “noi” sovranisti cercare di non perderne altro anche perchè il M5S sarà spazzato via nel medio periodo. Barnard ha un brutto carattere? E’ geloso di Grillo? Vive in “splendida” solitudine e nella torre d’avorio? E allora? Se uno ha ragione, ha ragione. Punto.

  • Mondart

    Amen. Speriamo in modo definitivo.

  • Mondart

    Linux vs. Microsoft: nel momento in cui Linux comincia a soppiantare il vecchio sistema operativo, nemmeno Bill Gates può più campare su di esso ( e chi è normodotato colga la metafora ).

    E poco importa quale sia il troyan utilizzato: quel che conta è il risultato finale. Quel che conta è la “volontà” che guida il troyan … Volontà che va capita con una lettura più “olistica” delle cose, e non basandosi su singoli “sottoinsiemi” ( anche se oggi erroneamente individuati come “il tutto” ).

  • Kevin

    Scusate, ma ci voleva il signor Paolo Barnard per arrivare a questa conclusione così imprevedibile, tanto che poteva farla il gelataio sotto casa mia? Ma boh.

  • Firenze137

    Ieri ho visto in streaming la riunione del M5S “gestita” dai “capogruppo” Vito Crimi e Roberta Lombardo.

    Era a tutti gli effetti nè più e nè meno una riunione di uno dei tanti meetup. Vito Crimi sa come cavalcare l’onda delle domande e come “sistemare” le questioni anche un po’ spinose.

    E’ chiaro che ci sono dubbi, ci possono essere contestazioni ad alcune regole col quale viene impostato questo gruppo di lavoro – anzi questi 2 gruppi di lavoro, camera e senato – ma dal mio punto di vista E’ NORMALE che i 2 gruppi si uniformino ad un modo di lavorare e di operare.

    L’aspetto fondamentale dell’impostazione del “gruppo” è che questi vanno al seggio per LAVORARE e non per farsi le vacanze a ROMA pagati e spesati. Il Lavoro sarà quello di premere i bottoni giusti al momento giusto, con umilità e direi “subordinazione” anche se è un termine un po’ forte. E in questa impostazione vedo – grazia a Dio – scarsi spazi per i soliti “frondisti” che mossi dell’ego sempre pronto a colpire, spesso lavorano sotto sotto per distruggere invece che costruire.

    Riguardo alle questioni fondamentali come l’economia e la moneta, dalle mie ricerche sono convinto che le risposte lo “staff grillo” ce l’ha già, ma le tirerà fuori al momento opportuno. I mercati agiscono spesso in base al tempismo di sapere cosa sta per fare il nemico e non è bene quindi diffondere le notizie prima del previsto.

    In generale il fenomeno Grillo è visto con una certa preoccupazione dagli ebrei americani sionisti da quando lui – anche a motivo della familiarità con suo suocero scomparso ieri – addita nelle nefandezze delle banche occidentali le ragioni della decadenza del nord del mondo

    http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/muore-il-suocero-iraniano-di-grillo-un-sospiro-di-sollievo-per-gli-ebrei-americani-51878.htm

    Per cui credo che il m5s non solo si farà “sentire” in Italia, ma la contaminazione supererà i confini nazionali. L’esempio del gruppo compatto, una sorta di testuggine romana che pensa solo ad eseguire
    è stata una innovazione non da poco. E Beppe ed il buon Casaleggio dimostrano di conoscere molto bene le angolature dell’animo umano. Molto Interessante anche l’idea del “non-statuto”. Ma a chi poteva venire in mente una figata come un non-statuto ?. Avrà sicuramente molti difetti di rispecchiare poco le regole della “democrazia” intesa come purezza assoluta e lindore dei sentimenti. Ma si converrà che i tempi non sono molto adatti alle anime belle. Rischiamo che i “cittadini” del M5S poi ci prendano la mano, come spesso è accaduto nella storia. Però così non potevamo andare avanti. E quindi per il momento, credo che vada proprio bene così..

  • Kevin

    Lestaat hai ragione da vendere.

  • tonnofabio

    In Islanda o in Argentina stanno assecondando i mercati senza perdere di vista però il lato umano delle cose………quindi è possibile, non so se M5s ne avrà la capacità o la forza ma si può fare, altra cosa è affrontarli muro contro muro….. li non c’è speranza.

  • Caleb367

    Se questo fosse vero, tutti gli altri paesi che si sono opposti all’IMF avrebbero dovuto essere ridotti in macerie o “convinti” a farsi ridurre in macerie dall’IMF. E invece guarda un po’ in Islanda, in Venezuela, in Russia…

  • Mondart

    Oplà, è grossomodo quanto intende il sottoscritto quando parla di “modello simil-Trentino”: un’ autonomia amministrativa locale conseguibile in un pur superiore organismo politico. Dove il punto di reciproco equilibrio sta proprio nel fatto che nessuna delle due strutture può esercitare un vero potere sull’ altra, che non coincida con l’ interesse stesso dell’ altra.

    E’ il treno di Vasco che alla fine del lungo percorso finisce in figa nel contesto della “città disegnata”; è l’ ipotesi di società sana teorizzata da Fromm; è più semplicemente l’ equilibrio ideale di ogni rapporto di coppia fondato sull’ amore ( inteso come reciproco rispetto in reciproco sviluppo )

    E’ il finale principio “cristico” a unificazione degli opposti; è al contempo l’ universalità “estetica” della Legge di Fibonacci ( che dice che FORMA = SOSTANZA ); è il dantesco e kubrickiano scoprire alla fine della commedia-odissea che “Dio ha la mia stessa faccia”.

  • Mondart

    E’ quanto intende il sottoscritto quando parla di “modello simil-Trentino”: un’ autonomia amministrativa locale conseguibile in un pur superiore organismo politico. Dove il punto di reciproco equilibrio sta proprio nel fatto che nessuna delle due strutture può esercitare un vero potere sull’ altra, che non coincida con l’ interesse stesso dell’ altra.

    E’ il treno di Vasco che alla fine del lungo percorso finisce in figa nel contesto della “città disegnata”; è l’ ipotesi di società sana teorizzata da Fromm; è più semplicemente l’ equilibrio ideale di ogni rapporto di coppia fondato sull’ amore ( inteso come reciproco rispetto in reciproco sviluppo )div>

    E’ il finale principio “cristico” a unificazione degli opposti; è al contempo l’ universalità “estetica” della Legge di Fibonacci ( che dice che FORMA = SOSTANZA ); è il dantesco e kubrickiano scoprire alla fine della commedia-odissea che “Dio ha la mia stessa faccia”.

  • stimiato

    È come la fiat panda. Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo…

  • stimiato

    Mi permetto di correggerti: la conclusione barnardiana sarebbe più come “massa di pecoroni, dovete studiare, comunque è inutile agitarsi, tanto ci schiacceranno”

  • Santamonica

    Non c’era Paolo Barnard sulla scheda elettorale, quindi per non piegarsi ai mercati chi bisognava votare PD, PDL o nessuno?

  • Santos-Dumont

    Tanita, credo che invece di “concitare” volessi dire “radunare” o “raccogliere” (a volte mi confondo pure io tra portoghese e italiano coi “false friends”).

  • Santos-Dumont

    LOL hai vinto il primo premio del festival non competitivo di poesia contemporanea.

  • Mondart

    Visto che mi rivolgo a un musicista: la musica ( disciplina dove più semplicemente che altrove si può veder agire allo scoperto la grande verità del principio di Fibonacci ) è UNA SOLA ( pur se, come una bella donna, può essere diversamente valorizzata dai diversi abiti con cui la si riveste ).

    Ma le cervellotiche cacofonie di Schoenberg, proprio perchè non rispondenti alla legge di Fibonacci, restano appunto quel che sono: inascoltabili, cervellotiche cacofonie.

    E questo vale su ogni piano dello scibile.

  • arno

    Ogni volta che Paolo Barnard grida che c’è un incendio in corso, anzichè ricercarne le cause e proporre delle soluzioni per spegnerlo , si grida contro la persona che ha dato l’allarme.
    Davanti a un incendio di immane proporzioni in termini di vite umane, di tessuto sociale e produttivo lacerato (ed è solo l’inizio se non si attua una immediata inversione di tendenza) le proposte che si sentono da altre parti sono di spegnerlo con dei bicchierini d’acqua.
    Non bastano più le proposte micro, servono ormai le analisi e le proposte macroeconomiche.
    Molti di noi hanno dato fiducia al M5S, ma credendo più che altro in una rivoluzione culturale. Forse questa in parte c’è stata, ma senza uno strumento di risposta macroeconomica, si rischia di affrontare l’incendio mettendosi sul viso uno straccio bagnato. Ciò ritarda il soffocamento , ma non lo si scongiura.
    Paolo B. non ha la presunzione di avere inventato un nuovo pensiero economico, e chi ha letto i suoi scritti lo sà. E’ un Giornalista (ce ne sono altri ??) che ha avuto il coraggio di approfondire, viaggiare, contattare degli esperti in materia economica, studiare i testi in inglese, sacrificarsi (a sue spese e con costi economici e personali elevatissimi) e riportare sul tavolo delle ricette economiche che hanno le basi in due secoli di pensiero economico . Per citarne solo alcuni: Michal Kalecki ; Abba Lerner, Wynne Godley (i suoi consigli hanno evitato che l’inghilterra entrasse nell’Euro) ; John Maynard Keynes, Warren Mosler, Mathew Forstater, Alain Parguez e insomma la scuola economica della MMT.
    Ecco dove sono gli anni di studio e cosa ha portato in Italia Paolo B. Per molti di Voi questi economisti sono sconosciuti , ma non potete non conoscere Keynes, la ricostruzione del dopo guerra è frutto del pensiero Keynesiano e non certo di questa follia criminale Neoliberista tecnocratica.
    La sintesi di questo immenso lavoro di ricerca e ricostruzione di una memoria storica, odierna quanto mai oggi, è l’analisi e la PROPOSTA riassunta nel programma ME-MMT di salvezza economica per il paese http://memmt.info/site/programma/ . Per i dettagli e gli approfondimenti si rimanda al sito.
    Quindi, non è con supponenza che lo diciamo , è con triste e amara constatazione che non si vedono programmi organici e completi a parte il nostro. Contestatelo pure, dopo averlo letto e presentate un programma strutturato, organico e poi ci si può confrontare. Diversamente, stiamo lì a spingerci l’un l’altro mentre facciamo la fila per spegnere l’incendio che stà bruciando la casa ( con noi dentro) trasportando dell’acqua nelle tazzine da cafè.

  • Kiddo

    @ganni72

    Voglio credere alla tua buona fede e mi auguro che tu segua i consigli di Tanita. Prima leggi un po’ e poi commenta. Questo non è il forum di Repubblica o del Corriere, quì siamo mediamente un po’ piu’ informati.

    Se invece sei solo un trollino…. allora vale sempre il motto di CDC, ma non ti aspettare che la gente ti segua piu’ di tanto.

  • andyconti

    Sono d’accordo.

  • Tanita

    Si, sorry! Infatti, radunare, convocare…

    Grazie!

  • Tanita

    Si, d’altra parte vecchie strategie come “uccidere il messaggero”.

  • epicblack

    Donald arrenditi! Non hai più argomenti, sei esaurito!
    I mercati sono sorretti dalle BC e le BC possono essere catturate. Il cerchio è destinato a chiudersi, e se i popoli si ribelleranno si chiuderà.
    Non sarà la MMT a cambiare il mondo, ma la gente in carne ed ossa con la voglia di vivere!

  • RicBo

    Mi sembra che ci sia una contraddizione nel discorso di PB. Fino a poco tempo fa diceva che l’unica cosa che interessa i “mercati” è la prospettiva di “crescita” di un paese, non importa chi attua queste politiche di “crescita” o come fa, basta che sia garantita la restituzione del debito attraverso l’aumento del Pil.
    Quindi, se putacaso il M5S finisse al governo ed attuasse politiche di “crescita”, non vedo perchè i “mercati” dovrebbero distruggere il M5S.
    Quindi manca un terzo punto in quella lista.
    Sto forse sbagliando ragionamento?

  • Tanita

    RicBo, mi é sembrato di capire che M5S propone una politica di “decrescita” e non di “crescita”. Ho capito male?

  • Milite

    Non vi è bisogno di dare credito a qualcosa se quel qualcosa proviene dalla coscienza preclude l’io..e sopratutto lo studio.
    Non ci vuole nessun mago per comprendere cosa da sempre è scritto,il cuore e l’amore sono le uniche forze in grado di “vedere” il futuro..e queste due ipotesi sono banali e indicano la premessa che un potere vi sia.Ebbene quel potere è l’ego.
    Quindi..l’unica cosa che viene fuori..da tutto..e che ognuno cerca in altri il vero o sbagliato..il futuro..ma non sa vedere ed ascoltare in se cosa il mondo sta dicendo..e non c’è bisogno di guardare lontano..basta che ognuno aprà gli occhi..ed avrà la risposta.
    Solo allora sarà relativo cosa o chi ci comanda..perchè non vi sarà nessuna paura.
    Questo gioco è infinito
    Non esiste nulla altro che smettere di fare cosa dobbiamo..ma fare cosa sentiamo.
    Nessuno sente di uccidere,di fare guerre,di vedere ingiustizie ecc ecc..La stessa idea di polizia preclude soggetti che possano uccidere o delinquere.Ma nessuno nasce assassino o uccide per natura..è il sistema che porta a cio.Quel sistema si chiama ego.Ed è in ognuno..Le paure di perdere “stabilità” o soldi non sono altro che energia che genera le determinate cose che fanno si che ci sian crisi o guerre..
    Quindi..il punto non è Grillo..ma il punto è indicato dietro i propri occhi..Infatti peccare..è non toccare il punto..Risvegliarsi..permette di smettere di avere titoli o status..ma semplicemente essere se stessi.

  • FreeDo

    Nell’attesa quella che provo e’ una sensazione strana, e’ come andare fiduciosamente verso l’ignoto. Ma propabilmente sara’ una vana attesa, credo anch’io che quell’urlo non verra’.

  • walterkurtz

    infatti va proprio così

  • Tanita

    HASTA SIEMPRE COMANDANTE CHAVEZ.

  • alvise

    Ma PB lo saprà che c’è differenza tra inflazione e svalutazione? Se uscissimo dall’euro avremmo svalutazione non inflazione, quindi il potere d’acquisto scenderebbe pochissimo

  • vetusordoseclorum

    la finite di pubblicare PB ogni volta che fa uno starnuto o una scoreggia?

  • mincuo

    A me quello che fa ridere è “sono 14 anni che studio i poteri finanziarI” Non sa ancora adesso proprio di sicuro sicuro cosa sia un conto corrente. E due o tre anni fa gli devono avere detto per la prima volta che il denaro non esce dalle piante. Ma pensa un po’….14 anni….che studia….che cosa?

  • saurowsky

    Il grosso studioso Barnard, dopo anni di dure e faticose ricerche, finalmente nel nel 2013 SCOPRE L’ACQUA CALDA!

    Ha la stessa e unica possibilta che hai avuto anche tu servo, la B!

    L’ opzione A e’ percorribile solo da uomini con schiena dritta e amor PATRIO, (MATTEI, MORO, FALCONE, BORSELLINO), voi SERVI FATE SOLO FINTA!

  • daveross

    Forse è stato detto già nei commenti. Mi scuso in caso.
    Facile questa uscita di Barnard… La logica è semplice. Se il M5S fallirà, la colpa sarà dei mercati. Se continuerà ad esistere, allora sarà facile trovare un capello fuori posto per affermare la sua connivenza col sistema. Facile…

    La buona fede di Barnard e l’impegno sono indiscutibili. Tuttavia, Barnard ha commesso un grave errore politico ed intellettuale. Politico perché ha voluto fare ‘il grillo’ senza i mezzi. Intellettuale, perché non vuole correggere le sue posizioni in economia, imparando dagli altri. Ormai s’è capito che sta MMT è un neo-Keynesimo radicalista. Nulla più, ed è pure sempliciotto.

  • makkia

    Non è il momento ancora. Adesso il format è di lasciar scatenare gli sciacalli contro di lui, in modo che tutti vedano quanta paura hanno di lui.
    Lui risponderà con gli occhioni addolorati e stanchi: “ma se sono così buonino e ghandiano, i miei eletti sono gentili e onesti, io non ho niente contro l’euro e l’europa, chiedo solo di parlare serenamente delle soluzioni possibili, senza cassare alcuna opzione a priori… siamo così nuovi, ingenui ma seri, vogliamo solo capire bene E NON TIRATECI LA GIACCHETTA, se no m’incazzo DI NUOVO!”

    E loro non capiranno una sega e continueranno a ringhiare, a spalare merda, a lusingare ma con arroganza, a (tentare di) ricattare.
    Senza accorgersi che la gente guarda, in silenzio, un po’ impaurita e un po’ speranzosa. Guarda e riflette.

    Ieri in un negozio:
    N: Ecco il suo stendino
    C: Tedesco, eh? Quasi mi dispiace dargli i soldi a ‘sti bastardi
    N: Eh, la capisco, ma se vuoi una roba robusta…
    C: … la fanno loro, lo so.
    N: già, noi non fabbrichiamo più niente
    Io: Si ricorda una marca “Moplen”?
    N: Dio, sì! Era la plastica per eccellenza, la migliore
    Io: era italiana
    C: Ah, si?
    N: sì, sì. Noi ce l’avevamo l’industria
    Io: già, e ci hanno chiesto di smantellarcela da soli
    C: ma perché? Che convenienza avevano?

    Siamo stati mezz’ora a chiaccherare… un anno fa non sarebbe neanche cominciata la discussione. N (negoziante) avrebbe avuto paura di far “la figura” di chi s’interessa di politica davanti ai clienti, C (cliente) avrebbe guardato come molesto uno che attacca bottone sulla “sporca politica”.
    Guardano, ascoltano. Un po’ impauriti, un po’ speranzosi.

    … e giudicano

    E Beppe Grillo ci conta. Il referendum “inutile” sull’Euro serve solo a discutere delle cose, davanti a questa gente, agli italiani. E proprio perché Essi credono che sia inutile, innocuo, glie lo faranno fare (non il referendum, il discutere).
    Secondo me lui ha una progressione abbastanza delineata, in testa.

  • fefochip

    o quale profondità di ragionamenti .
    ma chi è che pubblica questi “articoli” ?

    bah

  • Kevin

    Ma dopo “Poteri Finanziari 1” c’è l’esame di “Poteri Finanziari 2”?

  • Josta

    Barnard dovrebbe smetterla con la ketamina.

  • aNOnymo

    Barnard minchia se ti rode di brutto!!! Direi che Ti biucia u culo!!!